Articoli filtrati per data: Mercoledì, 16 Novembre 2016
Mercoledì, 16 Novembre 2016 00:00

Aiac, elezione presidente provinciale di Pescara

Pescara. Lunedì 21 novembre, alle ore 16.30, nel Grand Hotel Adriatico di Montesilvano (Pe), si svolgerà l'Assemblea Ordinaria Elettiva per il rinnovo delle cariche sociali dell'Associazione Italiana Allenatori Calcio Gruppo Provinciale di Pescara. Hanno diritto di voto tutti gli allenatori associati nell’anno in corso 2016 e gli allenatori che provvederanno ad associarsi durante la riunione.
I seggi elettorali saranno aperti per le operazioni di voto dalle ore 17,30 alle ore 20,30 nella sala convegni Grand Hotel Adriatico Via Carlo Maresca 10 Montesilvano(Pe).

Pubblicato in Sport

Torino di Sangro. Il Doogle vince ancora una volta in “Zona Cesarini”: il 6-5 a Torino di Sangro arriva grazie ad un gol di Marco De Sanctis su punizione nell’ultimo minuto di una partita tiratissima.
Crederci fino alla fine è stata l’arma in più: è venuto fuori tutto il carattere di un gruppo che ha avuto la forza e la voglia di non demordere anche nei momenti di difficoltà di un match che si è mostrato duro sin dai primi minuti.
Tre gol di Pinti, due di De Sanctis e uno del capitano e portiere Andrea D’Onofrio addirittura con un rinvio lungo dalla sua porta hanno fruttato tre punti preziosissimi che consentono al Doogle di rimanere in testa alla classifica a punteggio pieno dopo tre giornate insieme all’Eurogames Cupello.
Ancora una vittoria in extremis che, se da un lato ha mostrato aspetti ancora deboli per il Doogle, ha rafforzato il gruppo sempre più consapevole della sua forza e carattere: ha dimostrato infatti la voglia di vincere e l'abilità nel mantenere il ritmo alto fino all'ultimo secondo.

Inizio subito difficile tanto che dopo sei minuti il Doogle si trova in svantaggio e nei momenti successivi alla rete della squadra di casa subisce ancora il gioco e soffre.
La reazione dei ragazzi dei mister Zuccarini e Pinti è però forte ed in due minuti, intorno al quarto d’ora del primo tempo, ribaltano il risultato.
Il Torino di Sangro è ancora dentro il match e vende cara la pelle mettendo ancora in difficoltà il Doogle: intorno al ventesimo la squadra di casa è infatti di nuovo avanti.
Il primo tempo si conclude però in parità sul 3-3 e questo lascia presagire una seconda frazione di gioco di fuoco.
Ad inizio ripresa le condizioni meteo peggiorano e così anche le condizioni del campo che va ad inficiare le qualità tecniche dei giocatori del Doogle, ma a sopperire a questo ci sarà di nuovo il grande carattere dei ragazzi che riusciranno poi alla fine a portare a casa il risultato.
Si mette subito bene per il Doogle che intorno al quarto d’ora va avanti di due reti: dopo un palo a porta vuoto di Buccione, eurogol dalla sua porta di Andrea D’Onofrio e poi Pinti e risultato che si assesta sul 5-3.
Sembra fatta, ma il Torino di Sangro ha sette vite e riesce prima ad accorciare le distanze e poi a tre minuti dalla fine a cogliere il pareggio.
Finale di partita incandescente fino a che al 30' è Marco De Sanctis a risolvere il match con un’autentica gemma su punizione che regala al Doogle un successo prezioso in chiave classifica e per il morale della squadra.


Questo il parere post partita di Mister Gabriele Zuccarini.

“Credo che ci sia bisogno ancora di tanto lavoro, soprattutto per limitare errori che possono regalare occasioni e gol agli avversari. Abbiamo un grande gruppo sia dentro che fuori dal campo: spero per me, per la società, per i tifosi, ma soprattutto per ciascuno dei ragazzi che l'entusiasmo rimanga alto fino a fine maggio perché in questa maniera ci potremo togliere delle belle soddisfazioni”.

Pubblicato in Sport

Pescara. Giovedi 17 novembre alle ore 17, presso la Sala dei Marmi della Provincia di Pescara in Piazza Italia n.30, si terrà il convegno Acli sul tema referendario dal titolo "Le ragioni del SI e le ragioni del NO, per un voto più consapevole". Interverrà a favore del SI il Sottosegretario alla Giustizia, Senatrice Federica Chiavaroli; a favore del NO si pronuncerà l'Onorevole Gianni Melilla.

L'evento, organizzato dalle Acli Pescara con la compartecipazione della Federazione Anziani Acli e l'adesione delle Acli Nazionali, è coordinato dalla Presidente provinciale Acli Pescara Roberta Cinelli e sarà moderato dalla Responsabile nazionale donne Acli, Agnese Ranghelli. L'intervento del Presidente nazionale Acli, Roberto Rossini, chiuderà la giornata.

L'inizio del convegno vedrà il saluto istituzionale del Presidente della provincia di Pescara, Antonio Di Marco, cui seguirà la relazione introduttiva di Giampiero Di Plinio, docente ordinario di Diritto pubblico presso l'università d'Annunzio Chieti-Pescara.

Lo sforzo organizzativo e l'impegno profusi dall'associazione, rappresentano l'occasione per tornare a riscoprire la funzione pedagogica di formazione sociale e popolare, uno dei valori fondanti del movimento Acli che da oltre 70 anni contribuisce allo sviluppo civile e sociale di uomini e donne del nostro Paese.

L'associazione Acli e la Fap-Acli invitano caldamente tutti i cittadini alla partecipazione.

Pubblicato in Politica

L'Aquilla. Apprendiamo dalla stampa che nella seduta di ieri, mentre in Consiglio regionale il M5S era impegnato contro la legge denominata "marketta" e contro il nuovo PRP, la Giunta regionale, ha approvato una delibera, dal contenuto ancora sconosciuto, che prevede la costruzione in Project Financing di nuovi 5 ospedali a Vasto, Avezzano, Lanciano, Sulmona e, la ristrutturazione del plesso di Penne.
Un atto d’imperio che metterà in serio rischio i già precari conti del bilancio della nostra regione, infatti, come già denunciato dagli studi del M5S sulla proposta di project financing dell’ospedale di Chieti, i canoni che la Asl dovrà al privato costruttore schizzano alle stelle dal sesto/settimo anno in poi, quando i lavori sono ultimati e come spesso accade, i responsabili dell’approvazione del progetto non saranno più al loro posto e i futuri amministratori regionali ne dovranno pagare le conseguenze, come accade oggi in Veneto.
“Sia chiaro, non è un no alla costruzione di nuovi ospedali, è un no al ricorso alla procedura di Project Financing. La costruzione di ospedali in project financing è la peggiore abberazione di uno Stato che ha perso la capacità di amministrare. Una follia se si guarda alle esperienze disastrose di altre regioni, Veneto prima tra tutte, che a causa dei PF hanno dilapidato le risorse regionali per decenni!” commenta Sara Marcozzi “Regione Abruzzo ha nelle proprie disponibilità oltre 400 milioni di euro per l’edilizia sanitaria, provvedesse in autonomia alla costruzione degli ospedali di cui necessità”.
Non meno di una decina di giorni fa, la riunione convocata dal Presidente D’Alfonso, in cui chiedeva ai 4 Direttori ASL, al Capo Dipartimento della Sanità, uno screening del patrimonio immobiliare delle ASL.
“L’impressione è che questa Giunta stia costruendo una casa senza fondamenta” aggiunge Sara Marcozzi “le ASL hanno prodotto i rispettivi dossier? I direttori delle ASL, che sottoscriveranno i contratti di project financing hanno visionato le rispettive offerte? Quali saranno i servizi che verranno concessi alle società di progetto? A quali costi?” sono questi gli interrogativi che pone il Capogruppo M5S.
La concessione dei servizi come la radiologia e la medicina nucleare al privato, mette a serio rischio la qualità degli esami e la possibilità di eventuali risparmi futuri dovuti alle scoperte tecnologiche. Stesso concetto vale per le forniture medicali, la manutenzione degli apparecchi medici e la gestione dei laboratori, la fornitura di attrezzature medicali e degli arredi.
“Il M5S chiede che vengano analizzati con appropriatezza la contrattualistica, le ricadute economiche-finanziarie trentennali, il livello di qualità dei servizi offerti e i livelli occupazionali e contrattuali che la società di progetto si impegnerà ad attivare” conclude Marcozzi “è incomprensibile il silenzio delle categorie su cui impatterà fortemente questa delibera, dai medici agli infermieri, agli OSS alle associazioni."

Pubblicato in Politica

Ortona. Ascom attacca il Comune: 'Basta con le solite fiere. Si organizzino manifestazioni di interesse'.
“Maggiore attenzione per i settori del commercio e del turismo, con manifestazioni che fungano da attrattiva e che siano programmate ed organizzate insieme alle associazioni di categoria presenti sul territorio”. Ascom Abruzzo torna a sollecitare il Comune di Ortona e a darle la sveglia. Commercianti e operatori Ascom si sono riuniti in assemblea ad Ortona e hanno preso in esame una situazione ritenuta di stallo per il comparto e che, al momento, non trova alcun aiuto dall'amministrazione comunale. Gli imprenditori presenti all'incontro hanno ribadito la necessità, per Ortona, che si promuovano manifestazioni di qualità, che portino visitatori in città, che siano di richiamo per i consumatori, anche dell'hinterland. “Già nei mesi scorsi – afferma la presidente AscomAbruzzo di Ortona, Annamaria Tumbiolo – abbiamo ribadito al Comune la necessità di cambiamenti nell'ambito del commercio. Ma, nonostante tutto, sono stati emessi i bandi per le solite fiere ,con un sistema con cui l’amministrazione si lega totalmente al privato tanto da rendere difficoltoso anche per la stessa amministrazione poter organizzare manifestazioni. Nelle fiere organizzate fino ad oggi generalmente si trovavano prodotti di scarsa qualità e di alcun interesse. Questo tipo di politica – viene aggiunto – sta rovinando letteralmente le attività e sta allontanando i consumatori. Nonostante i nostril interventi e le nostre sollecitazioni l’assessorato al ramo fa orecchie da mercante disattendendo le richteste della categoria”, conclude la presidente Tumbiolo.

Pubblicato in Politica

Scafa. Liberi dal fumo in 5 giorni, oggi è possibile grazie ad un corso organizzato dall'Associazione di volontariato "Lega Vita e Salute".

Si chiama "Respira libero, liberarsi dal fumo in 5 giorni" il corso organizzato dall'Associazione Lega Vita & Salute.
Il corso si svolgerà da lunedì 28 novembre a venerdì 2 dicembre 2016 dalle ore 20.30 alle ore 22.30 circa, presso la sala Conferenze dell'UTAP di Scafa in via Castellari n. 23 (sopra Ufficio Postale).

Serata informativa: mercoledì 23 dicembre 2016 ore 20.30.

Il corso per smettere di fumare, il primo in Italia, viene svolto dal 1973 in contemporanea alla nascita della Lega Vita e Salute.
Durata di 5 giorni, più altri incontri di richiamo, supera il 90% di successo.
All'estero è particolarmente diffuso in Europa, Stati Uniti e Canada.
In Italia hanno preso parte ai corsi più di cinquantamila persone.
I risultati di questo metodo sono stati verificati dal Centro Oncologico di Aviano, in provincia di Pordenone.

L'iniziativa che viene portata avanti a Pescara dal 1996, è coordinata dalla dott.ssa Sandra Di Fabio e dal dott. Paolo Todaro, coadiuvati dal dott. Mario Lizza e dal team di volontari dell'Associazione.

In questi oltre 20 anni sono migliaia i fumatori che hanno beneficiato di questo servizio, smettendo di fumare e adottando un nuovo stile di vita.
Sicuramente il guadagno in termini di salute collettiva non è poco, visto che in questi anni sono passati in questo corso per l'esattezza 2mila persone di Pescara e dintorni e alla luce del dato che il 50-60% dei partecipanti non ha mai più fumato.

Numero massimo di partecipanti: 40 persone.

Conduttori: Dott.ssa Sandra Di Fabio / Past. Paolo Todaro

Pubblicato in Cronaca

Chieti. I volontari dell'associazione AIDO Chieti sezione "F.Gattone" nei giorni 26/27 Novembre c.m. dalle ore 10.00 alle ore 20.00 saranno presenti presso la galleria del Centro Commerciale di Megalò -zona Santa Filomena Chieti Scalo . Con la seguente presentazione "Diventa Donatore, Un donatore Moltiplica la vita" con un gesto di consapevolezza e generosità da parte di un donatore post-mortem si concede la possibilità di salvare 7 vite, organi salva vita come cuore, fegato ,polmone,restituiscono la rinascita nel vero senso della parola a chi è appeso ad un "filo" in lista d'attesa per trapianto.

L'associazione AIDO, propone due giornate all'insegna della prevenzione delle malattie renali, e informazione sulla donazione di organi e trapianto,in collaborazione con la ASL2 Chieti dell'Ospedale Clinicizzato "SS.Annunziata" reparto clinica nefrologica-Dialisi diretta dal Prof. M. Bonomini, il cui team segue pazienti trapianti di reni, con il Dottore Lorenzo Di Liberato.

In queste giornate,attraverso moduli di iscrizione dell'associazione AIDO, viene data la possibilità al cittadino di esprimere la propria volontà alla donazione di organi, per essere inseriti al S.I.T. (sistema informativo Trapianti) invitiamo a decidere in vita del proprio patrimonio biologico, per alleggerire la decisione ai nostri cari, qualora si trovassero dinanzi a decidere,in casi di improvvisa e prematura scomparsa, alla "proposta" di un medico rianimatore: "il vostro caro è un potenziale donatore,e può aiutare altre vite,se acconsentite, si procede con il protocollo di accertamento di condizioni alla donazione"

una domanda a cui nessuno vorrebbe rispondere,assumersi questa responsabilità, purtroppo a volte capita, che la vita ci pone dinanzi a situazioni come questa.

In qualità di presidente del gruppo Aido Chieti, trapiantata di organi fegato-reni dal 2009, mi sento di invitare tutti ad avvicinarsi al nostra postazione a Megalò per prendere materiale informativo, gadget, e soprattutto consapevolezza che con un gesto si possono salvare altre vite, la donazione va oltre la morte, e con questo gesto di iscrizione si sostiene il Diritto alla salute,alla vita.

Pubblicato in Cronaca

Ortona. I finanzieri dellaTenenza dellaGuardia di Finanza di Ortona, al Comando del Luogotenente Virgilio Cornacchio, nell’ambito di specifiche attività informative volte al contrasto dell’evasione fiscale e degli illeciti che provocano nocumento alla spesa pubblica nazionale, hanno portato a compimento una vasta ed articolata indagine di polizia tributaria con l’esecuzione di una verifica fiscale nei confronti di un’associazione senza fini di lucro operante nel campo della Pubblica Istruzione. L’attività ispettiva ha permesso di appurare e dimostrare l’uso distorto della qualifica di associazione quale schermo giuridico per celare una vera e propria attività commerciale.
Invero, le scuole - paritarie e accreditate - gestite dall’associazione svolgevano una mera attività commerciale con fini di lucro attraverso l’occultamento all’erario di una massa imponibile pari a circa 250.000,00 euro, recuperata a tassazione.
Le attività investigative hanno permesso, altresì, di riscontrare l’impiego irregolare del personale scolastico docente e ausiliario che ha lavorato nelle strutture scolastiche, senza regolare assunzione. Sono state segnalate le relative posizioni alla competente Direzione territoriale del lavoro per il giusto inquadramento normativo. Nel passato, la scuola era stata già condannata per utilizzo di personale “in nero”.
Gli ulteriori approfondimenti indagativi hanno evidenziato la quasi totale mancanza dei requisiti previsti dalla normativa per il riconoscimento della parità scolastica, nonché dell’accreditamento delle strutture, riconoscimenti che danno diritto ad accedere ai contributi pubblici erogati dal MIUR e dalla Regione Abruzzo per la gestione delle scuole ed il miglioramento dell’offerta formativa.
La trasversalità delle investigazioni, nel settore della spesa pubblica, ha permesso, inoltre, di individuare comportamenti illeciti più complessi mediante ottenimento di contributi pubblici indebiti per circa 185.000 euro.
Dell’accaduto sono stati informati sia la Procura Regionale della Corte dei Conti nonché gli Enti erogatori dei contributi al fine di procedere al recupero di quanto illecitamente percepito dalle strutture e, contestualmente, alla revoca dei riconoscimenti concessi.
In conseguenza di quanto sopra sono state deferite all’Autorità Giudiziaria, a vario titolo, 13 persone, tra le quali i gestori dell’associazione e i Funzionari Pubblici preposti alla vigilanza in merito alla regolarità della gestione delle scuole.
Il risultato di servizio conferma l’elevato livello di attenzione della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Chieti,diretto dal Colonnello Serafino Fiore,a tutela delle Entrate e della Spesa Pubblica ove si persegue l’obiettivo di salvaguardare il corretto impiego dei fondi pubblici.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Operazione interforze stamane presso lo stabile della Tiburtina interessato dalla procedura fallimentare e rifugio di senza fissa dimora e tossici. La Polizia Municipale, con il supporto di Carabinieri e Polizia di Stato stamane ha agito nell'edificio meta di disperati e tossicodipendenti, effettuando controlli, sgomberi e bonifica dei luoghi dove stamane sono state trovate due persone accampate in una tenda, oltre a un gran quantitativo di rifiuti e materiali accatastati.
Sul posto erano presenti anche operatori e mezzi di Attiva per la bonifica dell’area da rifiuti e materiale di risulta. All’operazione ha assistito anche il curatore fallimentare della Mediterranea Life, Luca Cosentino per le procedure di competenza della proprietà. Una volta liberato da persone e cose l’edificio potrà essere messo in sicurezza in modo da non essere più violato.

“Voglio ringraziare il comparto sicurezza a cominciare dalla Polizia Municipale, che ha risposto alla nostra richiesta di intervento a tutela dell’ordine e incolumità pubblica – così il sindaco Marco Alessandrini – Una risposta anche alla comunità, che più volte ci ha segnalato la situazione su cui siamo riusciti ad intervenire grazie alla sinergia con Prefettura e Questura. Oltre lo sgombero, abbiamo chiesto alla proprietà di mettere in sicurezza l’area perché le presenze che occupavano alcuni luoghi dell’edificio con tende e traffici di cui le forze dell’ordine stanno accertando la natura, non lo violino di nuovo.
Non solo repressione, diverse sono le situazioni simili segnalate in città. Con la Polizia Municipale le stiamo monitorando, insieme al Settore Sociale del Comune vogliamo concepire un intervento che non sia solo repressivo, per arrivare al cuore del fenomeno e per cercare di dare un tetto possibile e opportunità inclusive anche a chi vive per strada. Sicuramente non sarà facile, ma è uno scatto necessario per conoscere meglio questa realtà e affrontarla senza subirla: accanto alle pattuglie della Municipale che opereranno sgomberi vogliamo far agire le unità di strada, composte da personale comunale del sociale e proveniente dalle associazioni che conoscono e lavorano su questa dimensione.
Lo abbiamo già fatto quest’estate per le aree di risulta, preso stileremo un programma a cui sta già lavorando l’assessore alle Politiche Sociali Antonella Allegrino che ha potuto fare una prima mappatura delle situazioni registrate e concepire un’azione integrata”.

Pubblicato in Cronaca
Mercoledì, 16 Novembre 2016 00:00

Sanità e robotica, convegno a Bruxelles

Bruxelles. Robotica, bioingegneria, economia delle reti e informatica al servizio dell'innovazione nei sistemi sanitari. Di questo si è parlato ieri a Bruxelles presso il Parlamento europeo durante una conferenza internazionale alla quale hanno partecipato esperti, ricercatori, medici, informatici e operatori che hanno presentato i propri studi e le proprio sperimentazioni.
"La quarta rivoluzione industriale è iniziata e sta già cambiando la nostra società - ha detto l'eurodeputato dell'Efdd-M5s Piernicola Pedicini che ha promosso e coordinato l'evento.
Ho voluto organizzare questo incontro - ha aggiunto - perché nei prossimi anni l'applicazione di queste nuove tecnologie cambieranno drasticamente la nostra vita. Toccherà a tutti noi essere capaci di non subire questi processi, ma piuttosto essere in grado di coglierne gli aspetti positivi per indirizzare la ricerca a vantaggio della salute e della qualità della vita dei cittadini. La conferenza di oggi - ha spiegato l'esponente del M5S - ha parlato della sanità del futuro sviluppando un confronto a più voci non solo sulla ricerca, le tecnologie, l´intelligenza artificiale e la robotica, ma anche sulle idee, sulle regole, sull'etica e sulle scelte politiche che dovranno governare questa evoluzione. Proprio per questo il Movimento 5 Stelle si sta occupando con molta attenzione di questo fenomeno e come coordinatore della commissione ambiente e sanità mi impegnerò affinché il Parlamento europeo avvii uno studio che si occupi di queste tematiche".
Alla conferenza è intervenuto anche il co-presidente del gruppo Efdd-M5s David Borrelli, in qualità di co-presidente e membro fondatore del gruppo di interesse sui 'Diritti dei pazienti e sanità transfrontaliera', nonché componente della commissione industria e ricerca del Parlamento europeo.
Per quanto riguarda gli altri relatori, sono intervenuti Gérald Cultot, rappresentante della Commissione europea, che ha presentato le opportunità di finanziamento nel settore sanitario e del programma per la ricerca dell'Unione europea Horizon 2020; la dottoressa Lidia Strigari, che dirige il laboratorio di fisica medica dell'Istituto Regina Elena di Roma e insegna all'Università Tor Vergata di Roma, che ha parlato di big data in sanità, di digitalizzazione di dati e di analisi dell'informazione; il dottor Paolo Rotelli, presidente del Gruppo Ospedaliero San Donato, fra i primi gruppi ospedalieri europei e il primo in Italia, con 18 ospedali di cui 3 oncologici; il professor Giuseppe Banfi, direttore scientifico dell´ospedale ortopedico Galeazzi di Milano e il dottor Pedro Berjano, direttore della Chirurgia vertebrale, che hanno presentato un sistema di stampa 3D, come perfetto esempio di interazione tra tecnologia e sanità; l'ingegner Fabrizio Renzi, esperto nel settore dell´ingegneria biomedica che oggi dirige le attività tecniche di IBM in Italia nel settore della tecnologia e dell´innovazione nel settore medico; il dottor Carlo Nitsch, professore associato presso il Dipartimento di matematica e applicazioni Caccioppoli dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.
Inoltre, in una specifica sessione della conferenza, è stato dimostrato che l´innovazione nei sistemi sanitari può arrivare anche dagli animali e non solo dalla tecnologia. Infatti, è stato presentato uno straordinario progetto di ricerca che utilizza dei cani, opportunamente addestrati, che sono in grado di identificare la presenza di cancro alla prostata, annusando le urine del paziente, con un margine di errore vicino allo zero.
Il progetto è stato spiegato dal Maggior Generale Mario Alberto Germani, che dirige il servizio di Sanità e Veterinaria dell´Esercito italiano; il dottor Alessandro Liguori, amministratore delegato dell´istituto clinico Humanitas di Castellanza-Varese, un punto di riferimento mondiale per la ricerca sulle malattie legate al sistema immunitario; il dottor Gianluigi Taverna, responsabile dell´Unità operativa di Urologia di Humanitas, uno dei pionieri del trattamento della calcolosi reno-ureterale e della chirurgia robotica e il Tenente Colonnello Lorenzo Tidu, ufficiale veterinario dell'Esercito italiano che dal 2012 partecipa alla progettazione dello studio sull'impiego dei cani nella diagnostica clinica, in particolare del cancro prostatico attraverso le urine. In sala era anche presente Liu, uno dei due cani pastore addestrati per questa innovativa sperimentazione.
Alla conferenza hanno partecipato circa cento professionisti del settore, ricercatori, giovani medici e ingegneri che hanno raggiunto Bruxelles dall'Italia e dalla Romania, inoltre il convegno è stato diffuso in streaming in diretta video.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione