Articoli filtrati per data: Martedì, 29 Novembre 2016

Bucchianico. Il Doogle perde 5-2 a Casoli e fallisce l’aggancio alla vetta occupata sempre dall’Eurogames Cupello. Arriva dunque la prima sconfitta in campionato, ma rimane una prestazione d’orgoglio che lascia ben sperare per i prossimi difficili impegni in calendario, in primis lo scontro casalingo sabato prossimo con il forte San Pietro Tollo.

Partita subito in salita per il Doogle che, pur tenendo bene il campo, subisce il gioco d’attacco della squadra di casa che passa in vantaggio dopo dieci minuti.
Il pareggio è quasi immediato: punizione di Camillo D’Onofrio, palla a Pinti che trafigge il portiere.
Il Doogle riprende a giocare bene, ma è sfortunato in più di un’occasione fra legni colpiti ed occasioni da rete non sfruttate al meglio.
Quando non si segna purtroppo puntualmente si viene puniti ed il Casoli sul finale di primo tempo riesce a segnare la rete che manda le due squadre al riposo sul 2-1.

Il Doogle inizia la seconda di gioco un po’ sottotono riuscendo comunque a contenere bene l’impeto avversario.
Puntuale ecco l’ennesima prodezza stagionale del bomber Marco De Sanctis che colpisce ancora e porta i suoi al pareggio al quarto d’ora.
Poi però il Casoli coglie il nuovo vantaggio e il Doogle gioca la carta del portiere di movimento, ma la mossa non sortisce l’effetto sperato visto che la squadra di casa opera l’allungo decisivo segnando altre due reti e chiudendo definitivamente il match che si conclude sul 5-2.
Per la cronaca i gol sono stati messi a segno per il Casoli da Finamore, Del Prete, Porreca, Forlano e Consalvo, per il Doogle da Pinti e De Sanctis.

Questo il parere post partita di Mister Gabriele Zuccarini.

“Abbiamo disputato una buona partita contro un avversario che ci ha pressato sin dal primo minuto, ci siamo comunque imposti nel gioco arrivando pericolosamente in molte occasioni dalle parti del portiere avversario e colpendo più di una volta il palo. Non è fondamentale vincere sempre, ma affrontare bene e con entusiasmo ogni partita e questo lo abbiamo fatto: spero ci possa servire da motivazione per affrontare al meglio la prossima impegnativa ed importante partita contro la corazzata San Pietro Tollo”.


Così commenta la partita il Vice Presidente Benito Zappacosta:

“È stata una partita molto nervosa, combattuta: i ragazzi hanno dato tutto, ma ci sono anche stati errori di troppo che ci sono costati delle reti. Rimane comunque la bella prestazione della squadra nonostante la sconfitta finale che mi lascia ben sperare per il futuro”.

Pubblicato in Sport
Martedì, 29 Novembre 2016 00:00

Volley, ad Ortona arriva Samuel Holt

Ortona. La società e lo staff tecnico cercavano un jolly e oggi è ufficiale l'arrivo, in quel di Ortona, dello schiacciatore Samuel Holt.
Nato il 20 giugno del 1993, il gigante americano (200cm) nasce a Cincinnati. Cresciuto nella California State University di Los Angeles, dove ha militato dal 2010 al 2015, Holt ha fatto la sua prima esperienza in un campionato europeo con la maglia di Perugia nella passata stagione.Inizia questo anno sportivo con la maglia della Calzedonia Verona, e da oggi vestirà i colori biancazzurri della Sieco Service Ortona.

C'è grande soddisfazione in casa Impavida e soprattutto la consapevolezza di aggiungere un valore positivo ad una formazione che può ancora stupire.

“Siamo convinti che è un giocatore di grande qualità.- ha commentato il Direttore Sportivo Massimo D'Onofrio – E' sicuramente un valore aggiunto per noi e credo che per lui sia una grande opportunità di dimostrare il suo talento.E' un giovane dotato di talento, forza e grinta ed è un grande attaccante. La società è contenta di aver raggiunto questo accordo anche perché bisognava coprire il vuoto lasciato da Janis Peda, pedina importante per noi. Siamo felici di accoglierlo ad Ortona e non vediamo l'ora di vederlo in campo”.

 

CARRIERA:
2016-2017 A1 Calzedonia Perugia
2015-2016 A1 Sir Safety Perugia
2010-2015 A California State Univesity (USA)

Pubblicato in Sport

Chieti. “Finalmente viene reso pubblico solo oggi, dopo mia sollecitazione, il Decreto di proroga a Rodolfo Mastrangelo quale Commissario del Consorzio di Bonifica Sud dopo il pasticcio e relativo subbuglio creato nel vastese con l’indicazione politica di sostituirlo con la persona di Franco Amicone”. Questo il commento del presidente della commissione Vigilanza Mauro Febbo dopo aver preso contezza del Decreto n.95 a firma del Presidente D’Alfonso. “L’ennesimo atto di proroga – commenta Febbo –  firmato dal Presidente il 23 novembre e pubblicato solo oggi 28 novembre dopo mie due sollecitazione attraverso richiesta scritta. Una proroga che arriva anche in ritardo lasciando di fatto l’ente senza guida per una settimana. Continua, da parte della Regione, un atteggiamento poco trasparente sul futuro del Consorzio di Bonifica Sud. Infatti è inspiegabile che il Commissario venga prorogato per la sesta volta (decreti n.117 del 22 dicembre 2015, n.31 del 30 marzo 2016, n.76 del 4 agosto 2016, n.85 del 4 ottobre 2016, n.91 del 4 novembre) solo fino al 31 dicembre 2016, dopo l’ultima mini proroga di 10 giorni. Un comportamento che la dice lunga sulla programmazione e sulla pianificazione che la Regione intende dare all’ente vastese. Non si riesce proprio a capire il senso di queste mini proroghe che di fatto non lasciano sicuramente lavorare serenamente l’attuale commissario. Oggi è indispensabile che il Consorzio – commenta il presidente di vigilanza -  torni ad avere un proprio governo scelto tra i consorziati e le Organizzazioni Professionali. Infatti è necessario che venga eletto al più presto un CdA ed una deputazione riconosciuta affinché si possa tornare a decidere sulle strategie e politiche da attuare per il rilancio del Consorzio. Ormai è un dato insindacabile che la fase commissariale ha prodotto solo più debiti, più tasse, più prebende, più assunzioni e nessuna strategia di rilancio dell’Ente. Pertanto – conclude Febbo – si convochino le Organizzazioni Professionali e si proceda ad all’elezione di un governo riconosciuto che possa dare più prospettive certe al consorzio vastese”.

Pubblicato in Politica

Firenze. Ha partecipato anche l’Abruzzo al RestitutionDay di tutti i portavoce del M5S tenutosi questa mattina a Firenze. “C’erano tutti i colleghi delle Regioni dove è presente il M5S” ha raccontato Sara Marcozzi, capogruppo in regione presente all’evento “è l'emozione di chi fa quello che dice! Semplici cittadini entrati nelle istituzioni che, ad oggi, hanno restituito oltre 80Milioni di euro. Di questi 8,5 sono i milioni restituiti da tutti i consiglieri regionali d'Italia impiegati in varie iniziative sui territori. Noi abruzzesi abbiamo contribuito con oltre 400mila euro, restituiti da 5 portavoce in soli 2 anni con una parte dei quali abbiamo dato vita a un Fondo di Garanzia per le PMI che, fino ad oggi, ha finanziato oltre 30 imprese abruzzesi".
"Non c'è nessuna legge che ce lo imponga, tantomeno una riforma (in)costituzionale. Abbiamo una visione di Paese diversa da quella di chi per risparmiare sui costi della politica abolisce il diritto di voto dei cittadini, sacrifica la democrazia, mette a rischio i territori e porta il Paese a una pericolosa deriva oligarchica utilizzando disinformazione, ricattini e minaccette! Oggi a Firenze, tutti insieme, abbiamo dato un'altra prova della necessità di un forte #NO al referendum del 4 dicembre”.

Pubblicato in Politica

Teramo. Martedì 29 novembre alle ore 21.00, presso il circolo ARCI Officine Indipendenti in Via Vezzola 7/8 a Teramo, si terrà una cena sociale per ribadire le ragioni del No al referendum costituzionale del 4 Dicembre insieme ai Deputati di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni (Coordinatore nazionale e membro dell’esecutivo di SI) e Gianni Melilla (componente Commissione Bilancio, Giunta del Regolamento e Ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati).

Interverranno Tommaso Di Febo (Coord. Regionale Sel-SI Abruzzo), Stefano Ciccantelli (Coord. Provinciale Sel-SI Teramo) e Luigi D’Ettorre (Coord. Circolo Sel-SI Città di Teramo Città).

Info e prenotazioni al numero: 338 8738318

Pubblicato in Politica

Pescara. “Non serve uno studio per capire che la città di Pescara è in emergenza criminalità” Afferma con convinzione Domenico Pettinari, consigliere regionale M5S “ Non serve una classifica. Non serve un sondaggio, che non può mai essere completamente attendibile. Basta guardarla la città e andare nei quartieri dove la criminalità trova la sua genesi, trasformandosi in bomba sociale che esplode anche nei quartieri del centro. Abbiamo più volte messo l’amministrazione davanti alla realtà dei fatti proponendo una serie di iniziative volte a contenere il fenomeno in una città in continua espansione. Pertanto, a chi sobbalza dalla sedia leggendo qualche classifica rispondiamo che il M5S non ha bisogno di nessun dato fornito da studi esterni, vivendo il territorio sappiamo bene di cosa si sta parlando e da tanto tempo. Chi invece sembra sordo è il governo di regione, come anche quello di città, che nonostante le nostre numerose segnalazioni continua nell’indifferenza ad amministrare il territorio come se nulla fosse”.

“Vanno ampliati” spiega Pettinari “i servizi sociali per prevenire stati di disagio che poi sfociano in criminalità. Maggiormente nei quartieri a rischio. Invece siamo davanti ad amministratori che continuano in tagli trasversali senza pensare alle conseguenze che pagheranno anche i cittadini che non sono diretti fruitori del servizio. Ampliare l’assistenza sciale, il controllo sulla tutela dei minori, come spesso abbiamo chiesto anche a gran voce, è l’unica strada possibile per ristabilire un’equità sociale che limiti i fenomeni di criminalità. Come è necessario, anche questo aspetto più volte sottolineato dal m5s, ampliare il contenimento per quelle realtà che si versano sul territorio volte a delinquere. Aumentando i controlli e, nei quartieri più a rischio istituendo un posto fisso di polizia. E’ importante dare ai cittadini onesti che vivono n quartieri difficili un chiaro segnale di tutela da parte dello Stato, invece la regione opera in modo nettamente antistante addirittura legalizzando le occupazioni senza titolo all’interno delle case popolari con una sanatoria per chi ha preso ciò che toccava ad altri di diritto. Noi non ci arrenderemo, porteremo avanti le nostre proposte per sanare le situazioni a rischio. Non serve il titolone sul giornale per farci puntare l’obiettivo” conclude Pettinari “è una politica del buon senso che ce lo impone”.

“Il degrado della città è purtroppo sotto gli occhi dei pescaresi, che quotidianamente assistono all'agonia neanche troppo lenta della principale città abruzzese” rincara la dose Gianluca Vacca deputato M5S “ Strade, sporcizia, rifiuti, qualità dell'aria e delle acque: i fallimenti della disastrosa e incompetente giunta Alessandrini, e di anni di amministrazione in mano ai partiti, sono purtroppo così evidenti da diventare troppo spesso notizie di cronaca nazionale”. Conclude Vacca.

Pubblicato in Politica

Pescara. In mattinata l’assessore alla Tutela del Mondo Animale Giuliano Diodati ha preso parte alla Commissione Politiche Sociali che si occupava del nuovo regolamento “tutela e benessere degli animali e della loro convivenza con i cittadini”, la cui discussione è ricompresa per la seduta del Consiglio Comunale di domani.

“Abbiamo incontrato le associazioni perché il regolamento potesse recepire le loro istanze – così l’assessore Giuliano Diodati – A causa del mancato accordo fra le diverse realtà e dunque all’impossibilità di avere un intervento omogeneo subito, abbiamo dato a tutte le voci presenti all’incontro una settimana di tempo per approntare un’integrazione condivisa, che verrà riportata in Commissione e inserita nel Regolamento probabilmente nella formula dell’emendamento di Commissione, perché venga recepita la settimana prossima e si possa procedere all’approvazione dell’atteso documento che fisserà regole chiare per promuovere e tutelare diritti e cura degli animali e anche i doveri di chi accoglie li accoglie nella propria dimensione”.

Pubblicato in Politica
Martedì, 29 Novembre 2016 00:00

Scuole in autogestione a Pescara e L'Aquila

Pescara. Dopo la manifestazione del 17 novembre, alla quale hanno partecipato 4000 studentesse e studenti, le scuole di Pescara e dintorni hanno iniziato una settimana di mobilitazione dal 28 novembre al 3 dicembre con autogestioni, assemblee, discussioni e momenti collettivi, per parlare di come migliorare ed aggiornare la legge regionale sul diritto allo studio.

Oggi varie scuole hanno iniziato a mobilitarsi:

- Misticoni/Bellisario: oggi Assemblea straordinaria e da domani autogestione concordata con il Dirigente nelle due scuole

-Mathonè: autogestione da oggi

-Galilei: oggi assemblea straordinaria

-Alessandrini, Itis ed Itc: autogestione da oggi

-Oggi assemblea di comitato straordinaria all'Itis Volta e domani co-gestione

Nei prossimi giorni molte altre scuole si mobiliteranno per ribaltare le politiche Regionali.
In questa occasione elaboreremo una documento con le rivendicazioni degli studenti per il diritto allo studio.
I dettagli della proposta verranno presentati venerdì 2 dicembre alle ore 17.00, alla libreria Primo Moroni (via quarto dei mille 27/29).
I politici, i partiti, le associazioni, i sindacati, i cittadini e la stampa sono invitati a partecipare.

IN ALLEGATO FOTO:
1) Volta
2) Manthonè
3)Galieli
4)Misticoni

Pubblicato in Politica

L'Aquila. La IV commissione "Politiche Europee", oggi convocata per le 10:00 per audire, tra gli altri, gli assessori Sclocco e Gerosolimo oltre che il Presidente D'Alfonso ha visto l'assenza di tutti e tre i componenti del Governo. "C'è di più, il Presidente Monticelli, stante l'assenza di tutti i commissari del PD e di FI ha dovuto ritardare l'apertura della commissione oltre i 30 minuti consentiti e, nonostante la nostra eccezione di tardività e, dunque, illegittimità dell'apertura, ha ritenuto di procedere ugualmente".
Dubbi sono stati sollevati anche sul conteggio del numero legale e sulla attribuzione delle deleghe. "Siamo oramai abituati alle interpretazioni del regolamento ad uso e consumo del Partito Democratico che, evidentemente è troppo impegnato nella propaganda referendaria volta al compiacimento del presidente Renzi per garantire almeno il numero legale nelle commissioni e i lavori nella nostra regione".

Pubblicato in Politica

Chieti. “Nella prima seduta utile convocherò il Direttore sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti, dottor Orsatti, per chiedere spiegazioni e conoscere le motivazioni per cui ancora non viene preso in carica presso la struttura riabilitativa indicata,  il paziente M. Virgil Gabriel, affetto dal disturbo dello spettro autistico”. Questa la proposta avanzata dal Presidente della commissione Vigilanza Mauro Febbo affinché venga “fatta chiarezza su una situazione, inspiegabile quanto incresciosa, venutasi a creare presso la Asl. Un caso  - spiega Febbo – che non può essere nascosto ma denunciato e risolto visto l’argomento sensibile e le diverse sollecitazioni ricevute. Nello specifico Virgil Gabriel è un bambino di 3 anni con un autismo molto marcato e più volte valutato con diagnosi di autismo grave. Infatti  il 10 agosto 2016 il bambino è stato visitato e valutato dalla Unità di Valutazione Multimediale (UVM) del distretto di San Salvo dove veniva prescritta e autorizzata l’attività riabilitativa semi-residenziale intensiva da effettuare presso la struttura specifica di San Salvo. Successivamente, il 22 agosto 2016, Virgil Gabriel è stato valutato ancora una volta dal Centro Regionale di riferimento per l'Autismo (ASL AQ) che riscontrava un peggioramento marcato e la necessità di un intervento immediato per la tutela della salute del bimbo e dei familiari. La stessa famiglia – commenta Febbo -  ha provveduto immediatamente a recapitare presso la struttura territoriale di San Salvo la certificazione rilasciata dal CRRA ma purtroppo senza esito e, nonostante il decorrere dei 30 giorni per la presa in carico, Virgil Gabriel resta senza alcuna attività specifica per garantire la sua salute. Sono a conoscenza che lo scorso 3 ottobre 2016,  il legale  della associazione Autismo Abruzzo, ha inviato formale diffida alla ASL di Chieti e alla Regione Abruzzo affinché si giungesse ad un rapido avvio delle terapie garantire dalla legge 134/2015 e dai nuovi LEA che includono l'autismo tra le tipologie di disabilità garantite a carico del sistema pubblico. A questa specifica diffida la ASL di Chieti risponde con una nota a firma del Direttore Sanitario Dott. Orsatti che relaziona sull'accaduto riportando in effetti problemi e ritardi circa la presa in carico del bambino ma non espone alcuna proposta e tempi di sulla "presa in carico" del bambino. Il servizio ispettivo della Regione torna a chiedere una pronta attuazione della legislazione vigente e della nota commissariale del 13 settembre 2016 ma a tutt'oggi nessuna azione è stata garantita sia al bambino sia alla sua famiglia. Questa è un storia incresciosa e triste poiché, nonostante la condizione di gravità del piccolo paziente, nonostante  una legge nazionale specifica, nonostante i nuovi LEA che includono l'autismo, nonostante una nota del Commissario per la sanità, nonostante un certificato del CRRA, nonostante una prescrizione dell'UVM e due note di sollecito del Servizio Ispettivo della Regione, non si riesce a garantire il diritto alla cura a un bambino con tale condizione di gravità. Una pagina vergognosa ed inspiegabile della nostra Asl. Pertanto – conclude Febbo – nei prossimi giorni convocherò la Direzione sanitaria della ASL Chieti-Lanciano-Vasto affinché si possa chiudere al più presto questa triste vicenda altrimenti sarò costretto a sollecitare l’intervento della Magistratura come paventato dai familiari del piccolo Virgil Gabriel”.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione