Articoli filtrati per data: Sabato, 02 Dicembre 2017

Pescara. Parte da oggi la navetta gratuita per lo shopping di Natale e raddoppia il percorso, con l’attivazione di una linea anche per il centro commerciale di Pescara Porta Nuova. Al via con l’accensione delle Luci d’Artista anche gli eventi di Natale nel centro commerciale naturale e in altre zone della città. Oggi la presentazione del primo calendario da parte dell’assessore al Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi, con il Mobility Manager del Comune Piergiorgio Pardi e Massimiliano Gaspari responsabile di servizio di TUA.

“L’esperienza della navetta gratuita dello shopping l’anno scorso ha funzionato alla grande e abbiamo deciso di riproporla ed estenderla – così l’assessore a Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi - Pescara Shopping Christmas oltre a collegare il centro commerciale naturale transiterà anche a Porta Nuova sulle vie commerciali più frequentate. Lo abbiamo fatto, d’intesa con l’assessore alla Mobilità Stefano Civitarese Matteucci, per scoraggiare il più possibile l’uso della macchina, specie nei fine settimana di Natale, che sono quelli in cui il traffico aumenta sensibilmente. Il servizio sarà operativo nel weekend(sabato e domenica) più l’8 dicembre e il 6 gennaio compresi. Gli autobus saranno riconoscibili e vestiti e le fermate saranno individuabili attraverso le grafiche. E’ un esperimento importante che l’anno scorso ha avuto un grande successo, anche perché le linee passano nei pressi dei parcheggi dove le persone possono lasciare le auto in sosta e spostarsi ora su tutto il perimetro commerciale della città, comodamente in autobus, decidendo di prendere l’una o l’altra linea.
Per quanto riguarda gli eventi, con l’accensione delle Luci d’Artista si accendono anche tantissime manifestazioni a Pescara. Cori Gospel e dj set per le luminarie, domani il D’Annunzio Street Festival con Olivieri e ‘Nduccio, ma da lunedì a creare l’atmosfera ci sarà anche la musica in filodiffusione e i mercatini di Natale che dall’area di risulta si spostano a piazza Sacro Cuore, abbiamo voluto renderli più caratteristici, rinunciando alla tensostruttura. A Piazza Salotto c’è la pista per il pattinaggio sul ghiaccio e dall’8 dicembre la casa di Babbo Natale e all’Urban Box ci saranno i laboratori per i bambini oggi, il 3 8, 9 e 10 dicembre e dal 16 al 24 tutti i giorni, questo è un altro modo per fare sì che i genitori possano lasciare i bambini (la mattina dalle 10-13 e il pomeriggio dalle 16 alle 20).
Sempre fissi in centro ogni fine settimana ci sono cori gospel il 2, 10, 17, 23 dicembre e il 6 gennaio, mascotte per bambini e il Pescara Christmas Festival con una band di 40 elementi che sfileranno in centro suonando e coinvolgendo il pubblico il 3, 9 e 16 dicembre, mentre il 22 si sposteranno su viale Bovio e Piazza Duca e il 23 dicembre su viale Marconi. Il 15 e l’8 dicembre inoltre il Gruppo storico di Popoli si esibirà a Porta Nuova in occasione dei mercatini di Natale di via Pepe.
Al Mercato di Piazza Muzii l’8 dicembre e il 6 gennaio ci sono iniziative dedicate alla moda e il 23 dicembre il coro gospel si esibirà all’interno del mercato. Nel fine settimana Stefano D’Alberto animerà le vie del centro commerciale naturale, dove il 9 dicembre girerà anche il pianoforte itinerante di Lea & Flo con un gruppo di ballerini.
Questa la partenza, il calendario si arricchirà giorno per giorno fino a Capodanno che quest’anno porterà un grandissimo concerto a piazza della Rinascita, con Vinicio Capossela e a cui si aggiungerà anche la nuova edizione del video mapping di cui stiamo definendo il programma in questi giorni, insieme ad una altro grosso evento per l’inizio del 2018. Non ci saranno solo le Luci d’Artista, in città stiamo collocando anche 25 alberi di Natale, 20 alberi da 3 metri e 5 da 5 metri che addobberemo insieme ai quartieri e alle scuole per alimentare lo spirito e le iniziative di Natale”.

“Collaborazione piena fra assessorato a Mobilità e a Grandi eventi – sottolinea il mobility Manager del Comune Piergiorgio Pardi – con l’invito a utilizzare gratis il servizio pubblico e a lasciare le auto, per cercare di portare nel modo più fluido possibile i cittadini in centro, senza la preoccupazione di lasciare le auto. La navetta serve a questo, l’anno scorso è stata fatta una sola linea a titolo sperimentale, che attraversa anche quest’anno il centro commerciale naturale, con l’aumento di due fermate su via De Gasperi e Lungofiume. La seconda navetta gira lungo il perimetro commerciale di Porta Nuova, per consentire il migliore flusso sulle vie dello shopping a sud e anche al centro, visto che i due bus si incrociano in tre fermate di interscambio fra le linee. La seconda linea entra da via De Gasperi su via Marconi, e rientra da viale Pindaro e viale d’Annunzio. Il servizio è operativo tutti i fine settimana a partire da oggi, compreso Capodanno”.

“Non è la prima volta che collaboriamo con l’assessorato – conclude Massimiliano Gaspari responsabile di servizio di Tua - La navetta estiva ha avuto un ottimo risultato di utilizzo e ci ha portato a replicare l’esperimento anche d’inverno. Verranno utilizzati autobus a metano, di 80 posti e saranno gratuiti grazie proprio alla collaborazione con il Comune che ha deciso di puntare sul trasporto pubblico per incentivare gli automobilisti a lasciare le vetture a casa”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Teramo. Il Teatro Comunale di Teramo è pronto ad accogliere domani, domenica 3 dicembre alle 18,30 l’intenso concerto-spettacolo “Forse non sarà domani… vita e canzoni di Luigi Tenco” con Rocco Papaleo in programma nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”. Lo spostamento dello spettacolo per mancanza di strutture idonee ad ospitarlo nella città de L’Aquila ha trovato accoglienza da parte di ACS che ha potuto inserire l’appuntamento in armonia con la propria programmazione.

A 50 anni di distanza dai tragici e misteriosi eventi legati alla scomparsa di Luigi Tenco in quel di Sanremo, il noto attore italiano Rocco Papaleo racconta il cantautore genovese svelando il legame fra malinconia e ironia, fra l’anima jazz e quella più pop. Perfettamente a proprio agio in una dimensione a cavallo tra la prosa e la musica Rocco Papaleo ripercorre un pezzo della nostra storia musicale, svelando il legame sincero tra lo spirito di Tenco ed il suo straordinario messaggio d’autore.

Le musiche di Luigi Tenco sono rielaborate da Roberto Molinelli per la band formata da Arturo Valiante al pianoforte, Guerino Rondolone al contrabbasso, Marco Sannini alla tromba e Davide Savarese alle percussioni.

Attraverso brani più e meno celebri, lo spettacolo, che già nel titolo ripropone il senso dell’omaggio alla canzone di Tenco, racconterà al pubblico di oggi l’esperienza di un artista fuori dagli schemi, intelligente, impegnato, moderno, ricordandone il coraggio ma anche la capacità di sorridere e di amare con forza coinvolgente.

Lo spettacolo è stato presentato all’inizio di quest’anno al Napoli Teatro Festival e sta riscuotendo consensi in tutta Italia, facendo conoscere al pubblico Rocco Papaleo non solo attore, ma anche cantante, performer e showman.

Intero € 20.00
Ridotto € 15.00 (over 65, under 26 e possessori degli abbonamenti delle Stagioni di Prosa, Musica e Danza o Domenica a Teatro con mamma e papà dell’ACS).
I biglietti sono disponibili sia a L’Aquila 0862.24262 che a Teramo 0861.246773.
Tutte le informazioni sul sito www.barattelli.it

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Grande partita del Pescara Pallanuoto, capace di soffrire, reagire e poi vincere e convincere. Era la prima partita stagionale in casa, seconda giornata della serie A2 maschile girone Sud. E' finita 11-7, di fronte una squadra coriacea quale si è dimostrata la Roma 2007 Arvalia, che ci ha provato in tutti i modi e a un certo punto ha avuto anche un vantaggio importante. I capitolini sono arrivati a condurre 6-3 sul finire del secondo tempo, ma da quel momento in poi è venuto fuori il Pescara. La grinta ma anche la tecnica, i ragazzi allenati da Francesco Mammarella si sono lasciati anche sospingere dal pubblico del Pala-Pallanuoto. Numerosissimo, circa cinquecento o seicento spettatori, con una coreografia degna di una partita di calcio importante (non a caso il coordinamento è stato affidato a un tifoso esperto della materia, Emiliano Clivio). E, a proposito, sugli spalti sono arrivati anche il presidente del Pescara calcio Daniele Sebastiani e lo storico dirigente Vincenzo Marinelli (papà di Cristiana, presidente del Pescara Pallanuoto). Ma anche il vice-allenatore della nazionale di pallanuoto Amedeo Pomilio e altre personalità, segno che questo sport a Pescara tira ancora, eccome.
Il grande merito va comunque alla squadra, giunta alla seconda vittoria su due gare giocate in una categoria in cui ricopre il ruolo della neopromossa. Parziali di 3-2, 1-4, 2-0, 5-1, un finale devastante quindi come si può evincere.
A segno sono andati in tanti, da Di Nardo (2) a Di Fulvio (4), da Giordano (2), fino a De Ioris, Provenzano, Delas (1 a testa), ma la bravura è la stessa per chi ha difeso e per chi comunque non ha mollato mai.
Successo di vitale importanza per avvicinarsi alla salvezza, che resta l'obiettivo stagionale, poi giornata dopo giornata si vedrà.
Coach Francesco Mammarella: "All'inizio eravamo un po' contratti, magari sarà stata l'emozione della prima in casa. Però abbiamo dimostrato una ottima condizione atletica e anche mentale. Sono contento, siamo contenti, comunque non dobbiamo fare voli pindarici anche se oggi mi sento di fare i complimenti a tutti i ragazzi. Giocare davanti a questo pubblico è un'emozione bellissima da raccontare".
Prossima match: trasferta siciliana contro i Muri Antichi Catania sabato ore 15.

Pubblicato in Sport

Pineto. La partenza dei neroverdi è come sempre molto lenta, Pineto sorretto dalla buona vena di Pira e Timperi e da una buona fase difensiva prende il largo sino ad arrivare a +15 (22-7). Per fortuna nel finale del primo quarto Povilaitis innesca una serie di triple che assommano un parziale di 11-0. e Chieti resta così in scia Ci si attende nel secondo quarto che la squadra di Patricelli metta la freccia del sorpasso ma le percentuali dal perimetro dei neroverdi, dopo le realizzazioni di due triple da parte di Pelliccione e Italiano, si azzerano. Pineto serra le fila non permettendo ai teatini alcuna penetrazione e negli ultimi 7’ di gioco della seconda frazione la Magic mette insieme la miseria di 6 punti. I padroni di casa, pertanto, senza strafare, prendono il largo, andando al riposo lungo avanti di 13 (43-30). Al rientro la situazione sembra volgere al peggio con Pira sempre più dominante e Chieti sempre più in disarmo. Pineto raggiunge un vantaggio di diciassette lunghezze (49-32) ma Di Falco e Mennilli hanno il merito di inventarsi un paio di canestri senza ritmo, permettendo alla Magic di continuare ad aggrapparsi alla gara. È soprattutto Mennilli ad offrire il salvagente ai suoi compagni, traducendo in punti due prodezze personali che limano lo svantaggio a chiusura di terzo quarto a soli, si fa per dire, 10 punti (56-46). Nell’ultima frazione, il clima si surriscalda ed entra in scena il miglior Pelliccione della stagione che guida i teatini ad una rimonta fino ad allora insperata. Quando mancano ancora 5’45” alla fine è sempre lui con uno scivolamento a canestro a riportare i neroverdi a -1 (58-57) e poi a permettere a Povilaitis una transizione chiusa con i due punti del sorpasso. Pineto reagisce, approfittando soprattutto delle tante incertezze dei due arbitri, apparsi ondivaghi e inadatti ad una gara di così alta tensione. Neanche un inesistente fallo di sfondamento, che costringe Povilaitis alla panchina, però, può fermare i magici, l’inerzia della gara è ormai dalla loro parte. Spenta la vena offensiva di Pira e bucata a più riprese la zona ordinata da coach Torrieri, Chieti intasca così due preziosissimi punti. Finisce in gloria, infatti, la rincorsa dei teatini che approfittando della sconfitta di Vasto riprendono la testa del campionato a chiusura del girone d’andata.

NUOVO PINETO BASKET vs MAGIC CHIETI (22-18, 19-12, 13-16, 8-24) 66-70

Nuovo Pineto Basket: Leonzi 2, Pallini 5., Pira 21, Pavone 12, Di Francesco 6, Timperi 15, Blasioletti, Sacchini, Gigliotti, Manco 3. All Torrieri

ASD Magic Chieti: Alba, Di Falco 8, Mennilli 20, Italiano 10, Povilaitis 17, Fusella, Gallo, Pelliccione 15, Masciulli, Sassano, Pardi, Razzi. All. Patricelli.

Pubblicato in Sport

Pescara. Ciò che resta dell’antica Lokri, una delle città più ricche e potenti della Magna Grecia, oggi dista tre chilometri dall’odierno centro abitato. L’imponente cinta muraria, ancora in gran parte visibile, era lunga ben 7 Km, e conteneva templi tanto imponenti da essere ben visibili anche ai natanti che si approssimavano a circumnavigare capo Bruzzano. Entro la cinta muraria sorgeva il santuario dedicato ad Atena olimpica, il cui culto incentivò nei locresi la pratica sportiva, visti i tanti grandi campioni che poterono annoverare come vincitori nelle Olimpiadi dell’antichità. È singolare, a tale riguardo, come Locri insieme a Sparta fosse una delle pochissime città greche in cui alle donne era permesso di partecipare alle gare atletiche. Conquistata dai romani nel III sec. a.C. Locri decadde e il suo nome si perse tra le pieghe della storia per tornare alla ribalta un paio di anni fa, quando tutte le principali istituzioni sportive italiane si schierarono a difesa della locale squadra femminile di futsal, minacciata da presunte lettere anonime che invitavano i dirigenti della società a chiudere l’attività agonistica. La magistratura aprì un fascicolo istruttorio che chiuse in tre mesi, giungendo a verificare come infondate quelle minacce e comunque non collegabili ad alcuna organizzazione criminale.
Da allora ad oggi la società del Locri ha cambiato proprietà e denominazione. Lo Sporting Locri è diventato prima Sporting Lokri e oggi Sporting Lokrians nella volontà di dare un più ampio respiro alla localizzazione geografica della squadra, che ha l’ambizione di rappresentare l’intera regione della Calabria. Il nuovo presidente Vittorio Zadotti ha affidato la società a due donne, Valentina Lamanna, direttore generale, e Valentina De Leo, direttore sportivo, che oggi governano la squadra e che nel corso di due anni hanno via via consolidato le basi di una società che vuole crescere e progressivamente scalare i vertici del ranking nazionale. Ampia è nel Locri la partecipazione e la presenza di giocatrici calabresi, dell’intera rosa che compone la squadra, infatti, ben sei sono le ragazze nate e cresciute in Calabria, alle quali si aggiungono la palermitana Roberta Giuliano, la marchigiana Sara Boutimah e le spagnole, Lio Bazan e Maria Soto.
Quattro vittorie e due pareggi, sulle dodici gare disputate, hanno prodotto i 14 punti che pongono in dodicesima posizione di classifica le ragazze guidate dal tecnico Gianluigi Mardente, partite con l’obiettivo di salvarsi e coerentemente, oggi, in lotta con altre tre o quattro squadre nel tentativo di cogliere la salvezza diretta, senza dover affrontare la lotteria dei playout. Nell’analisi del roster, si evidenzia una rosa di ragazze giovani ma non per questo inesperte. La giocatrice tecnicamente più forte è l’ispanica Lioba Bazan, tornata a Locri, dopo aver militato una stagione nel Real Statte. Lio ha finora fatto molto bene, mostrando sia il suo talento di laterale offensiva che la sua buona vena realizzativa. In porta la squadra amaranto può contare su un’ottima giocatrice come Martina Cacciola, ex Lazio e nel giro della Nazionale Azzurra allenata da Menichelli. Fanno parte del club Italia anche Marcella Violi, fortissimo centrale difensivo prelevato in estate dallo Statte, e la pivot palermitana, ex Portos, Roberta Giuliano. Altro acquisto estivo è stato quello del pivot Sara Boutimah, proveniente dal Bellator di Ferentino dove si è segnalata grazie ad un bottino di 14 reti. L’ex Cadige Maria Vela Soto è, invece, una dei punti di forza difensivi del Locri, con i suoi 164 cm di altezza e i 70 Kg di peso, che le permettono di alternarsi duttilmente sia nel ruolo di laterale che in quello di centrale. Chiudono il roster la catanzarese Federica Marino, laterale offensivo che Mardente annovera sempre nello starting five, il portiere Alessia Modestia, la centrale difensiva Sara Borello, Sara Sgrò e la giovanissima e talentuosa Carmen Nasso.
Per il Pescara “good news” dall’Uruguay, dove le tre canarinhas si sono laureate campionesse del Sud America. Tati, in permesso per motivi familiari, si ricongiungerà alla squadra solo nel corso della prossima settimana, mentre Vanessa e Tampa sono già rientrate a Pescara per mettersi subito a disposizione di mister Segundo. Da segnalare che a Locri mancherà anche Jenny, impegnata nella fase di preparazione della nazionale portoghese che parteciperà con Italia, Russia e Spagna al torneo delle 4 Nazioni. Solo dalla prossima settimana, dunque, il gruppo delle “galattiche” tornerà a compattarsi integralmente ma questo, di certo, non può rappresentare un’alibi per una compagine ambiziosa e con un organico ampio come quello del Pescara. Dopo il pareggio interno con il Real Statte le biancazzurra vogliono tornare a vincere, quello di Locri non sarà un impegno facile ma in tutte le ragazze si avverte la fiducia necessaria per affrontare al meglio la gara e restare in vetta alla classifica.
È tutto, per il momento, l’appuntamento è fissato al PalaDiVittorio di Terni per le ore 15.00 di domenica 3 dicembre, quando Giusppe Aumenta (Sala Consilina) eGiampiero Cafaro (Sala Consilina)coadiuvati al cronometro da DanieleScaramuzzino (Locri) daranno inizio alla sfida. Attendiamo fiduciosi.

Pubblicato in Sport

Teramo. Si è tenuto a Giulianova il Coordinamento provinciale dell’UDC di Teramo, presieduto dal Segretario regionale Enrico Di Giuseppantonio, per un’analisi della situazione politica e per mettere a punto le azioni da intraprendere in un territorio importante e strategico per l’Abruzzo. Nel corso dei lavori, l’avvocato Berardo De Simplicio è stato nominato alla carica di nuovo Coordinatore Provinciale del Teramo. “Con la nomina dell’amico Berardo, abbiamo completato l’organizzazione del partito in tutte le province abruzzesi, ha affermato Di Giuseppantonio.L’Udc è una forza che è sempre stata un punto di riferimento in Abruzzo per le sue radici, per la sua cultura riformista, cattolica e liberale. Il nostro è un partito che è sempre stato connesso con la gente, in difesa della famiglia, della solidarietà, fatto di concretezza, di proposte, della nostra capacità di ascoltare e tramutare in azione le problematiche e le esigenze della nostra comunità”. Berardo De Simplicio, avvocato, di Sant’Egidio alla Vibrata, ha militato sin da giovane nella Democrazia Cristiana e successivamente nell’Udc nel quale, fino alla nomina al nuovo incarico, è stato membro del Comitato Provinciale. Oltre a svolgere la professione forense, è da sempre impegnato nel volontariato sociale. “Ritengo la mia nomina un punto di partenza per ricreare in tutti i centri della provincia teramana vicinanza e partecipazione all’Udc, soprattutto dei giovani. Il lavoro da fare è tanto ma solo con responsabilità, generosità,  unità d’intenti e di prospettive potremo essere all’altezza delle sfide a cui siamo chiamati. È tempo, per il nostro territorio, di fare un salto di qualità  guardando avanti con spirito di coesione ma sempre rimanendo fortemente ancorati al nostro bagaglio etico e culturale di matrice cattolica”. Il coordinamento provinciale di Teramo è composto attualmente da: Berardo De Simplicio, Antonio Lupi, Pierluigi Marziale, Abramo Micozzi, Primo Rosati, Vittorio Beltramba, Peppino Mancini, Filippo D’Agostino e Antonino Legato.

Pubblicato in Politica

Orsogna. Il sindaco di Orsogna (Chieti), Fabrizio Montepara, è stato coinvolto l’altra sera in un incidente causato da un cinghiale, del peso di circa un quintale, che è improvvisamente sbucato dal lato destro, ha attraversato la carreggiata e si è schiantato contro l’automobile di servizio del Comune guidata dal primo cittadino. L’incidente è avvenuto all’uscita del paese, lungo la strada che conduce a Lanciano, dove Montepara si stava recando per un impegno istituzionale. Per fortuna il rispetto del limite di velocità e i riflessi del conducente hanno evitato gravi conseguenze: Montepara è uscito praticamente illeso, solo con qualche ammaccatura, nonostante l’autovettura sia stata danneggiata. Dopo lo schianto il cinghiale è rimasto fermo per oltre mezz’ora e, prima che arrivassero i Carabinieri forestali e i veterinari della Asl, ha ripreso i sensi ed è fuggito.
«Sono stato fortunato - spiega il sindaco -. A una velocità più sostenuta non so se sarei ancora qui a raccontare cosa è avvenuto e vorrei cogliere l’occasione per ricordare a tutti i cittadini che rispettare il limite di velocità non serve solo a non pagare le multe, ma a salvare la propria e le altre vite. Tra l’altro, sia detto per inciso, la situazione della strada provinciale Orsogna-Lanciano è talmente disastrosa da non consentire velocità sostenute. Detto questo - prosegue Montepara -, a me è andata bene, ma non possiamo aspettare che capiti qualcosa di più grave per prendere coscienza di quale pericolo corriamo tutti, tutti i giorni. I nostri territori sono infestati da branchi di cinghiali che raggiungono spesso i centri abitati. Faccio nuovamente appello alla Regione Abruzzo e alle altre istituzioni competenti a intervenire per contenere la proliferazione dei cinghiali: è vero che nell’ultimo periodo, grazie all’azione dell’Ambito territoriale di caccia Chietino-Lancianese, nel territorio di Orsogna sono stati abbattuti circa 300 animali e di questo dobbiamo dare atto e li ringraziamo per l’opera che svolgono, ma, come dimostra quello che mi è accaduto, il problema è molto più ampio e gli interventi adottati finora sono ampiamente insufficienti. Bisogna fare di più, investire in risorse e personale per tutelare la sicurezza e le vite dei cittadini».

Pubblicato in Cronaca

Chieti. "I lavori della commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche dedicati allo scandalo della Carichieti confermano le ripetute denunce che ho fatto in questi anni attraverso quattro interrogazioni rivolte al Ministro dell'Economia e Finanze".

Così in una nota Gianni Melilla, deputato di Art. 1 Mdp e capogruppo della Commissione Bilancio Camera, che aggiunge: "Il ruolo dei commissari nominati della Banca d’Italia, così come la mancanza di trasparenza nella governance sono giustamente oggetto di indagini della magistratura sulla bancarotta di Carichieti, che mi auguro accerti rapidamente la verità con la giusta punizione dei responsabili della “morte” di una Banca storica che tanto ha dato allo sviluppo della Regione. I risparmiatori ingiustamente truffati hanno diritto ad essere risarciti. La criminalità finanziaria, che ha provocato tante sofferenze ai risparmiatori e alle imprese, va stroncata col massimo rigore".

"Lo Stato (cioè i cittadini) - conclude Melilla - ha dovuto impiegare decine di miliardi di euro per limitare i danni enormi del crollo di una parte del sistema bancario italiano. Sono risorse sottratte alle politiche di sviluppo, alla sanità, alla scuola, alla sicurezza e alle pensioni. Non lo dobbiamo dimenticare mai. Sono fiero di aver dato con le mie interrogazioni un piccolo contributo all’accertamento della verità su una vicenda vergognosa in cui chi doveva tutelare i risparmiatori ha coltivato i propri interessi favorendo speculatori senza scrupoli".

Pubblicato in Politica
Sabato, 02 Dicembre 2017 00:00

Calcio a 5, Pescara - Acqua e Sapone 4-7

Pescara. Al Palarigopiano, l’ultima volta in cui si giocò la sfida, i nerazzurri con Fuentes in panchina subirono una pesante debacle per 7 a 1, il risultato più netto mai venuto fuori nelle sfide regionali vissute in serie A. Questa volta è il Pescara ad uscire sconfitto, al termine di una sfida ad alta intensità, con molte emozioni e due espulsioni, una per parte (De Oliveira nel primo tempo, Borruto nel secondo). E’ finita 7-4 per gli ospiti, un punteggio sin troppo severo per un Pescara che paga daziosia all’avvio choc sia al finale al cardiopalma che premia l’AcquaeSapone.

Nel primo tempo, conclusosi sul punteggio di 1-4, il Pescara va sotto di 3 reti e trova solo al 15’ la prima rete di serata, ad opera di Mati Rosa. Nella ripresa, una doppietta di Cuzzolino ed il sigillo di Rescia avevano reso gli ultimi 2’ di partita incredibilmente emozionanti, ma invece del pareggio dei padroni di casa, che si trovavano sotto di un gol, arriva la doppia rete degli ospiti con Murilo e Lukaian a mettere il punto esclamativo sulla sfida.

Per i biancazzurri si trattava della quinta partita in dieci giorni, dopo l’intenso ciclo della scorsa settimana in Uefa Futsal Cup (3 partite in 4 giorni) e l’appuntamento di Cassano per la Coppa della Divisione.

Tra Pescara ed AcquaeSapone si trattava dello scontro numero 22 nella storia. Nei 21 precedenti in gare ufficiali (19 di serie A, play-off compresi, 2 di Winter Cup), tra ricchi di colpi di scena e grandi emozioni, il bilancio era quasi in perfetta parità: 8 vittorie nerazzurre, 7 pareggi e 6 acuti della squadra biancazzurra.

Pubblicato in Sport

Pescara. La THE MAC LIVE E LA EVENTI E CONCERTI LIVE sono lieti di portare il grande spettacolo “ Arteteca Cirque du Shatush “ il 23 Marzo 2018 ore 21.00 all’Auditorium Unità d’Italia a Isernia e il 24 Marzo 2018 ore 21.00 al TEATRO MASSIMO di Pescara.
Per info: 328.3712302 – 360913394
Biglietti disponibili sui circuiti Ticketone e Ciaotickets:
https://www.youtube.com/watch?v=L90B2buATns

"Cirque du Shatush"
Lo spettacolo "Cirque du Shatush", è uno show comico scritto a quattro mani da:
Monica Lima , Enzo Iuppariello , Nando Mormone , Ciro Ceruti che ha firmato anche la regia.
Monica Silvia Lima ed Enzo Iuppariello,componenti del duo ARTETECA ne sono gli interpreti principali.
Il teatro è allestito come se fosse un tendone da circo,il pubblico è circondato da artisti circensi già prima dell'inizio
dello spettacolo, all'esterno, nel foyer, nella biglietteria, in sala ecc....Lo Spettacolo inizia con Enzo che in proscenio a sipario chiuso parla
di uno spettacolo essenziale e minimalista, ma viene immediatamente smentito dall'ingresso estremamente trionfale di Monica a seguito
di tutta la compagnia di circensi.A ciò seguiranno una serie di atti unici, anticipati tematicamente dagli artisti
circensi, che interagiranno con il duo comico.Gli Arteteca interpretano alcuni dei loro personaggi televisivi più noti
ed altri inediti. Il testo è leggero, le tematiche sono moderne, il ritmo è altissimo ed ha come scopo principale il divertimento del pubblico, non
disdegnando continue sorprese per tenere alto il coinvolgimento del pubblico, in particolare dei bambini, e lasciando il pubblico con una reflessione sociale!

"Biografia"
Questa è la nostra biografia ed è molto importante che voi la leggiate, non perché sia essenziale per voi,
ma perché noi abbiamo perso tempo a scriverla; grazie! … bastardo chi non legge!!!
Enzo Iuppariello, appuntatevi bene in mente il cognome: “Iuppariello” e non come dicono tutti:
zuppariello, chiappariello, tuppariello, fornariello, iammariello, ecc… ecc… no no no!Il cognome è: “Iuppariello!
Vincenzo Iuppariello, cioè io, sono nato il 7/7/1978 a Napoli, più precisamente nel centro storico di Napoli,
in via Spaccanapoli, proprio lì dove ogni anno viene fatta la fiera dei presepi,
ecco io sono nato e cresciuto tra i re magi e l’asinello.
Monica Lima, io non ho problemi con il cognome: Lima è facile, ma con il nome si!
Perché in realtà il mio nome è Monica staccato Silvia, cioè, non è che “Staccato”
è il mio secondo nome, il nome è Monica, Silvia.
Sono nata il 30/08/1985 a Napoli, ma poi subito i miei si trasferirono a Cardito, poi ad Afragola, poi a Crispano,
poi a Latina ed ora vivo a Napoli, sono un po' gitana, un po' zingara, un po' rom Io, Enzo, avrei voluto fare il presidente della repubblica,
ma siccome non andavo bene a scuola ho presto cambiato direzione, quando in classe mi interrogavano i professori spesso mi ridevano in faccia,
allora capii che avrei potuto fare il comico. Io, Monica, avrei tanto voluto fare la regina, ma siccome mia mamma mi disse che non era fattibile,
allora capii che l’unico modo per fare la regina era per finta e mi iscrissi ad un corso di teatro,
sfortunatamente non ho realizzato ancora il mio sogno!
Dopo aver seguito vari corsi di formazione ed avere avuto varie esperienze lavorative,
nel 2001 per uno sfortunato caso di un beffardo destino ci siamo incontrati. Con due altre amici decidemmo
di istituire una compagnia teatrale dal nome: “lazzari felici” portando in scena commedie inedite scritte da noi!
Ma da quattro passammo presto di nuovo a due, in quanto gli altri di gran lunga più intelligenti di noi,
capirono presto che non era il caso di continuare
per qualche anno lavorammo come attori in compagnie di professionisti,
per poi decidere di passare al cabaret. Ora di regola dovremmo dirvi che scegliemmo
di fare cabaret per una scelta artistica,o a gran richiesta del pubblico, o per volere del destino, ma la verità è soltanto una: noi abbiamo lasciato il teatro perché
non si guadagnava un euro! Ma questo, vi prego, non ditelo in giro! P.s.: e poi diciamoci la verità,
ma noi in mezzo ai professionisti che ci facevamo?!?Da duo di cabaret emergente poi, abbiamo iniziato a frequentare
il laboratorio “sipariando” al teatro tam di Napoli diretto da Nando Mormone, oggi nostro agente.
Eravamo un piccolo gruppetto di folli con un grande sogno. Poi da un idea di Nando, direttore del manicomio,
nacque “Made in sud”, da lì la storia è visibile a tutti in tv ogni martedì, in prima serata,
su rai 2 A made in sud abbiamo interpretato: due cuori solitari che cercano l’amore in chat; due sposini
nel giorno delle nozze; due facebook addiction in terapia di gruppo per disintossicarsi; due coloriti,
ma teneri ragazzi di provincia e una coppia di personaggi televisivi formatasi ad “Uomini e donne”.
Il 17 marzo 2016 è arrivato nelle “peggiori” sale il nostro primo film dal titolo:
Vita,Cuore,Battito! IL 15 dicembre 2017, se dio vuole uscirà nelle sale “Natale a Londra”,
film targato filmauro! Nel frattempo stiamo lavorando ad altri progetti….
Noi i lavori li abbiamo iniziati … speriamo che non ci mettano i sigilli!

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione