Articoli filtrati per data: Lunedì, 04 Dicembre 2017

Milano. A distanza di poco tempo dal loro primo singolo in assoluto (Tides), i THE JULIUS PEPPERMINT BAND fanno nuovamente notizia con WHITE CADILLAC, nuovo accattivante singolo anch’esso estrapolato della tracklist dell’e.p. di prossima uscita intitolato Tides.

Rock, Punk vecchia scuola e psichedelica anni ’60, questo il sound della giovane formazione lombarda, formata però da quattro musicisti rodati, che si sta distinguendo come una delle realtà emergenti più interessanti in Italia.

Il gruppo è attualmente in tour e nei prossimi mesi tornerà in studio di registrazione per iniziare a buttare giù le basi di un secondo lavoro discografico… solo buone vibrazioni!


THE JULIUS PEPPERMINT BAND
http://www.facebook.com/juliuspeppermint

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. "Voglio fare chiarezza su una vicenda che è nata e si è sviluppata dieci anni fa, al di fuori dell’arco temporale di questa amministrazione: la Regione Abruzzo ha effettuato tutti i versamenti ai quali era tenuta nei confronti del Comitato organizzatore dei Campionati europei di basket femminile 2007 svoltisi a Chieti, nonché del Comune di Chieti. Va altresì precisato che l’ente non ha intrattenuto alcun rapporto giuridico con i fornitori interpellati dal Comitato e dal Comune e, pertanto, non è in possesso della documentazione attestante i pagamenti".
Così in una nota Silvio Paolucci, assessore regionale al Bilancio e allo Sport, che aggiunge: "I fornitori dell’evento che non hanno ottenuto quanto richiesto per le loro prestazioni hanno citato in giudizio – oltre al Comitato e al Comune – anche la Regione, in qualità di ente membro del Comitato stesso. La posizione giuridica dell’amministrazione regionale ha di fatto impedito all’ente di difendersi contro i decreti ingiuntivi richiesti dai fornitori, non avendo a disposizione la documentazione relativa ai pagamenti che avrebbero dovuto essere effettuati dal Comitato e dal Comune.
Va sottolineato che i creditori del Comitato organizzatore e del Comune hanno agito per escutere coattivamente il solo patrimonio della Regione e non anche quello degli altri membri del Comitato, responsabili in solido. In tal modo si è verificata una duplicazione dei pagamenti effettuati dall’ente per la stessa causa: una volta in favore del Comitato e del Comune, e un’altra volta in favore dei fornitori non compensati dal Comitato.
Sarà cura dell’amministrazione regionale esaminare la rendicontazione del Comitato e del Comune allo scopo di verificare se c’è qualcuno che ha indebitamente percepito – al posto dei fornitori – il pagamento delle somme versate dall’ente per l’evento, ponendo successivamente in essere opportune azioni di indebito arricchimento nei confronti di chi avesse percepito somme senza averne titolo. Ove ciò non fosse possibile, la Regione dovrà agire in rivalsa verso gli altri soggetti solidalmente obbligati (Comitato e Comune).
Dal punto di vista giudiziario, l’amministrazione regionale ha presentato opposizione laddove era in possesso della documentazione fornita dal Comitato, ottenendo la revoca del decreto ingiuntivo presentato dallo studio Ghiretti e associati (315.941,04 euro) mentre resta da definire l’esito della causa con la Bertelè srl (393.296,50 euro). Non è stato possibile opporsi ad altri 5 decreti ingiuntivi (3 di Bertelè srl, uno di Cavazzoni & C. e uno di Floor Service srl) per complessivi 1.177.171 euro a causa della mancanza di documentazione".

Pubblicato in Politica

Chieti. Da oggi anche presso l’ufficio di piazza del Popolo a Casoli i cittadini potranno prenotare il proprio turno allo sportello acquisendo da remoto un ticket elettronico direttamente tramite l’app “Ufficio Postale”, disponibile gratuitamente su GooglePlay e AppleStore.

Ottenere il ticket elettronico è semplice: installata l’applicazione, che permette di accedere in mobilità a numerosi altri servizi come il pagamento dei bollettini, è sufficiente individuare sulla mappa l’ufficio postale di riferimento e, dopo aver selezionato la sede, cliccare su “prenota ticket”. A questo punto si aprirà una finestra con i servizi disponibili in ufficio con gli orari disponibili per la prenotazione. Una volta scelto il giorno e l’orario di prenotazione, sullo schermo apparirà un ticket virtuale che indicherà il servizio prenotato, la data e l’ora dell’appuntamento.

Arrivati in ufficio sarà sufficiente avvicinare lo smartphone all’erogatore dei ticket per confermare la propria presenza e mostrare il biglietto elettronico all’operatore. Con l’app “Ufficio Postale” è possibile programmare le operazioni a sportello presso l’ufficio postale anche per il giorno successivo a quello della prenotazione.

Nell’ufficio postale di piazza del Popolo a Casoli è disponibile anche il servizio wi-fi gratuito.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Prestigioso evento per la piattaforma Rousseau che sbarca in Brasile, dove sarà presentata all'interno del convegno internazionale in programma fra il 5 e il 7 dicembre a San Paolo sull'attivismo digitale. L'evento dal titolo "Attivismo digitale: piattaforme e sistemi di interazione e cittadinanza digitale" è in programma al centro studi Sesc e vedrà la partecipazione del fondatore di Rousseau Davide Casaleggio e della coordinatrice degli Open Day Enrica Sabatini.
L'oggetto dell'intervento di Casaleggio e Sabatini sarà proprio la presentazione della piattaforma Rousseau utilizzata dal MoVimento 5 Stelle.

Pubblicato in Politica

Pescara. Mercoledì 6 dicembre, dalle ore 10,30 nell’Aula Magna Caffè dell’Università d’Annunzio di Pescara si terrà l’incontro “Milloland e dintorni", Rigenerazione urbana attraverso la StreetArt, a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara, del Collettivo Pepe, del Dipartimento di Architettura dell’Ateneo e con la partecipazione di Anas.

Questo il programma dell’evento a ingresso libero:

10,30 - SALUTI ISTITUZIONALI:
Prof. Paolo Fusero (Direttore Dd'A - Dipartimento di Architettura Pescara)
Marco Alessandrini (Sindaco di Pescara)
Giovanni Di Iacovo (Assessore alla Cultura di Pescara)

10,45 - APERTURA DEI LAVORI:
moderaJenny Pacini (Direttore Abruzzo Economia)
Proiezione Video: “Dream” Millo a Fontanelle
- "Millo" Francesco Giorgino “Contributo dell'Artista”

11,20 - INTERVENTI PROGRAMMATI:
Prof. Enzo Calabrese (Dipartimento Architettura di Pescara)
StreetArt e rigenerazione urbana
Dott. Claudio Arcovito (Resp.Marketing e Servizio Clienti Anas SpA): GRAArt, Riqualificazione urbana sul Grande Raccordo Anulare - Roma
Pepe Collettivo: Da Behance a Milloland

12,30 - DIBATTITO: Interventi del pubblico

13,00 - Performance dei VM Acoustic Quartet
18,30 - Inaugurazione Mostra Fotografica*
19,00 - Concerto dei WoodWorms SoftJazz
*La mostra fotografica sarà aperta dal 6/12/17 al 6/1/18 presso gli spazi al primo livello del Dipartimento di Architettura (scala azzurra) Università degli Studi “G.d’Annunzio”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Nelle giornate del 5 e 6 dicembre 2017 delegazioni provenienti da Grecia, Romania, Lettonia e Turchia saranno ospiti dell’Istituto Comprensivo 1 che, nell’ambito degli scambi Erasmus, si è visto approvare ben due progetti.
Nella giornata di domani, dopo un incontro con i docenti presso la Scuola secondaria di primo grado “Chiarini – De Lollis”, i rappresentanti dei Paesi partner del progetto visiteranno il Museo archeologico de La Civitella, il Museo d’Arte “Costantino Barbella” e il Teatro Marrucino.

«Sono lieto dell’ottimo risultato conseguito dalla Scuola Chiarini che è risultata essere capofila nel progetto denominato “Analysing moral values in films and acting out” – commenta l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro - e partner nel progetto “Stories all over Europe”. In comune i due progetti hanno la durata biennale 2017-2019, la mobilità di docenti ed alunni, il tema dell’inclusione, l’uso delle nuove tecnologie, la possibilità di comunicare in inglese e di mettere in gioco le competenze sociali e lo scambio di buone prassi. I percorsi si articolano su tematiche differenti, coinvolgendo alunni di ordini di scuole diversi. In “Analysing moral values in films and acting out” i ragazzi delle seconde classi della Scuola Secondaria “Chiarini” e “De Lollis” saranno impegnati nell’inventare storie sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione da trasformare in un cortometraggio. In “Stories all over Europe” il fil rouge sarà l’integrazione attraverso la conoscenza di culture diverse da quelle di appartenenza».

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Con la giornata formativa di mercoledì 6 dicembre, già prevista a settembre ma rinviata per motivi organizzativi, si chiude la prima edizione degli Stati Generali della mobilità urbana, il cui report verrà presentato nella conferenza di chiusura che si terrà lunedì 11 dicembre in Sala Giunta. Il seminario formativo di mercoledì prossimo, che si svolgerà nella sede del Museo Colonna, sarà dedicata al Mobility Management e sarà rivolta ai mobility manager aziendali e scolastici, coordinati dal mobility manager comunale Piergiorgio Pardi.

“I mobility manager aziendali, che si incontreranno la mattina in rappresentanza di 5 aziende, e in particolare: ASL, TUA, Poste Italiane, Fater e Casa di cura Pierangeli – illustra l’assessore alla Mobilità Stefano Civitarese Matteucci - rappresentano, insieme al Comune di Pescara, migliaia di dipendenti. L’incontro vedrà comunicazioni della polizia municipale e dell’ufficio manutenzione del comune nonché il contributo di Trenitalia, nella persona di Marco Trotta, Direttore della Direzione Regionale Abruzzo, e della Regione Abruzzo, nella persona di Tobia Monaco, Dirigente del Servizio Pianificazione e Programmazione dei Trasporti. L’incontro sarà importante al fine di assumere possibili decisioni congiunte circa la redazione dei singoli Piani spostamenti casa-lavoro.
Il pomeriggio sarà completamente dedicato al Mobility Management scolastico. Circa 30 le figure coinvolte, che hanno già seguito una sessione formativa in primavera. All’incontro sarà presente Paola Stolfa, architetto e con una grande esperienza nel settore del mobility management nei comuni di Pesaro e Fano ed in generale nel mondo della scuola, nonché Stefania Catalano, referente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Pescara che curerà l’Insediamento di uno specifico Tavolo Tecnico di lavoro tra Comune e Scuole.
In entrambe le occasioni sarà presentato un software dedicato alla predisposizione dei piani spostamenti casa-scuola e casa-lavoro”.

I lavori saranno presieduti dell’Assessore alla Mobilità Stefano Civitarese, e coordinati dai consulenti del CMGSS, Giancarlo Odoardi e Alessandro Tursi.

Tutte le informazioni su: www.statigeneralimobilitaurbanapescara.it

Pubblicato in Cronaca

L’Aquila. "Un progetto di grande rilievo politico, di cui ringrazio l'avvocato Paola Di Salvatore, autorità di gestione del Programma Ipa Adriatic Cbc, per il lavoro non facile che ha svolto, ma ora dobbiamo guardare al di là dei contenuti individuali. Come Europei abbiamo il dovere di capire come possiamo allargare i confini della nostra Unione, guardando in modo particolare a una regione complessa come quella dei Balcani". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo On. Antonio Tajani intervenendo questa mattina all’evento finale del Programma IPA Adriatic Cross-Border Cooperation 2007-2013, che si è tenuto all'auditorium della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza all'Aquila.

IPA Adriatic Cross-Border Cooperation 2007-2013 è il più importante Programma di Cooperazione Territoriale Europea dell’area Adriatica, con uno stanziamento di circa € 244.000.000, punto di partenza per un dialogo condiviso sul futuro della politica di coesione europea nell’area Adriatico-Ionica, nell’ambito del quale ha avuto un ruolo centrale la Regione Abruzzo.

"Progetti come questi - ha aggiunto Tajani - servono a far capire ai Balcani che noi abbiamo a cuore il loro destino e vogliamo che siano parte integrante dell'Europa di domani, perché anch'essi sono europei e certamente vivono una situazione di grande instabilità. Devono fare dei progressi per raggiungere tutti i criteri indispensabili per esserne parte, ma devono anche essere messi fuori dalla tentazione dei rischi che corrono nel momento in cui non soltanto i flussi migratori ma interessi extra europei cercano di mettere le mani sui Balcani. Non è un segreto che molto foreign fighters si stiano insediando in Kosovo e negli altri Paesi dei Balcani". Per il presidente dell’Europarlamento “occorre aumentare la lotta alla corruzione, contro le frodi e i flussi finanziari del terrorismo, ecco perché occorre moltiplicare gli sforzi per favorire sviluppo e integrazione europea di quei Paesi”. L'azione che svolge la Guardia di Finanza nella realizzazione di questo progetto è fondamentale secondo Tajani: "La Guardia di Finanza darà un contributo fondamentale anche per combattere la corruzione in quei Paesi". Al termine del suo intervento Tajani ha anche ricordato l'impegno dell'Europa per le terre colpite dal sisma nel 2009 e poi nel 2016 e nel 2017, con particolare riferimento all'Abruzzo: "L’Europa è stata vicina a questa terra, ha erogato mezzo miliardo di euro dopo il terremoto del 2009. Cercheremo di fare in modo che l’Europa possa essere sempre amica di una terra così profondamente ferita". Infine un appello agli allievi della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza: "Da padre di famiglia non posso non dire a chi rappresenta il futuro della nostra società, che l'uniforme che indossano è un pezzo di responsabilità. Avrete tanti rischi e tentazioni da affrontare, anche missioni all'estero: dovete essere fieri. Dietro l'uniforme e le stellette voi rappresentate una parte della migliore gioventù".

Soddisfatta delle parole del presidente del Parlamento europeo l'autorità di gestione del Programma Ipa Adriatic Cbc, Paola Di Salvatore: "Il presidente ha avuto parole straordinarie di grande fiducia e di speranza – ha detto Di Salvatore - oggi non è un addio ma un arrivederci, non possiamo lasciare che il patrimonio del programma di Ipa Adriatic termini a marzo 2018, ma dobbiamo lavorare per un futuro Ipa 2021-2027 perché l'area balcanica è un'area di grande convergenza con la politica europea”. Così ha commentato Di Salvatore riferendosi al Programma Ipa, che è stato “non solo un lavoro di dati finanziari e di progetti, ma soprattutto un difficile lavoro di cooperazione che oggi ha avuto un grande riconoscimento istituzionale. Il Programma Ipa Adriatic Cbc ha rappresentato un’azione di prolifero lavoro, intensificato ancor più di fronte a sfide consapevoli nella politica di coesione europea, come la “New target Call EUSAIR”, che ha visto l’approvazione dei primi progetti attuativi del Piano di Azione Tecnico della Strategia Adriatico-Ionica. Questo è il programma più complesso dell'Unione europea, perché ha 4 Stati in pre-adesione che sono stati scenario di una drammatica guerra. L'obiettivo di oggi è proprio questo: metterci insieme: qui all’auditorium della Guardia di Finanza erano seduti, ad esempio, la Repubblica Srpska con il Montenegro e la Bosnia Herzegovina e con l'Albania. Stati che insieme devono costruire un sentimento comune: la cooperazione territoriale europea".

Di Salvatore, che ha ringraziato il comandante generale della Guardia di Finanza, il generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi, per aver accolto l'evento finale di Ipa Adriatic cross border cooperation nella sede della Finanza all'Aquila, ha ricordato le "linee di scommessa" affrontate da Ipa Adriatic. Nell’ambito di tale programma sono stati finanziati e portati a termine centinaia di progetti che hanno implicato la collaborazione stretta di oltre 750 partner appartenenti ai seguenti paesi: Albania, Bosnia, Croazia, Grecia, Italia, Montenegro, Serbia e Slovenia. Progetti che hanno avuto il fine ultimo di armonizzare i rapporti tra questi Paesi, concentrandosi svariate tematiche: dallo sviluppo delle infrastrutture e delle attività turistiche alla tutela delle coste; dalla salvaguardia dell’ambiente, alla gestione delle risorse naturali; dalla valorizzazione delle tradizioni e della cultura locale alla ricerca.

"A cosa serve l’evento finale, quindi? A far comprendere all’Europa che questo patrimonio di conoscenze e di esperienze, con il quale affrontare le nuove sfide dell’area adriatica e del mediterraneo, dovrebbe essere rifinanziato", ha concluso Di Salvatore. A rafforzare l'appello è anche il vicepresidente del Parlamento europeo David Sassoli: "Ipa Adriatic ha permesso di costruire integrazione culturale, geografica, politica, economica - ha detto - ora dobbiamo fare in modo che non si concluda la collaborazione fra 8 Paesi che hanno un mare in comune. Ci dev'essere l'impegno del sistema italiano a fare in modo che ci sia subito l'investimento a un altro progetto, per dare senso alla regione adriatico-ionico. Ipa Adriatic finirà nel marzo 2018 ma noi vogliamo scommettere che subito ne partirà un altro, in quanto ha rappresentato un momento fondamentale anche per quanto riguarda i temi della sicurezza, del mantenimento della pace e della gestione dei migranti. Permettere una nuova programmazione Ipa, significherebbe far sì che i fondi europei vengano utilizzati per costruire progetti condivisi di inclusione sociale e valorizzazione delle diversità".

Nel corso dell’evento si è fatto il bilancio dei risultati e prospettive nelle regioni adriatiche coinvolte: Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Puglia e Veneto e alcuni territori dall’altra parte dell’adriatico in Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Montenegro, Serbia e Slovenia. Oltre a Tajani e al vice presidente del Parlamento Europeo Sassoli, hanno preso parte all’evento anche la sottosegretaria alla Giustizia Federica Chiavaroli, il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, le delegazioni degli altri Stati partecipanti al programma: il ministro per gli Affari Europei della Repubblica di Montenegro Aleksandar Andrija Pejovic, il ministro dell’Interno della Regione Herzegovina-Neretva in Bosnia Erzegovina Sladan Bevanda, il primo ministro della Repubblica serba di Bosnia Erzegovina, Zeljka Cvijanovic, il presidente del Consiglio regionale di Tirana e vice presidente dell’Euro-regione Adriatico-Ionica Aldrin Dalipi, il sindaco di Tirana Erion Veliaj.

A fare gli onori di casa il generale di divisione Gianluigi Miglioli, nuovo comandante della Scuola sottufficiali, e il generale di corpo d’armata Giorgio Toschi, comandante generale del corpo. "Vorrei ribadire l’impegno di tutte le fiamme gialle per un rafforzamento della cooperazione tra i Paesi coinvolti per migliorare la sicurezza economico-finanziaria in un quadrante decisivo per il futuro del mediterraneo - ha detto Toschi - in tale contesto, i risultati progettuali e giuridico-economici del programma Ipa Adriatic si sommano al successo delle iniziative finalizzate a conferire efficacia, efficienza ed economicità all’azione investigativa a contrasto delle frodi e delle irregolarità a danno del bilancio dell’unione europea e degli stati partecipanti. Il corpo sta investendo molto nel proprio ruolo di polizia comunitaria. Del resto, le responsabilità di polizia economico-finanziaria, che la legislazione italiana demanda alla Guardia di Finanza, rendono la tutela dell’integrità del bilancio dell’Unione europea un obiettivo prioritario della complessiva missione istituzionale". Il primo consigliere del Decano-Camera V, Corte dei Conti europea Gabriele Cipriani ha fatto un richiamo alla qualità amministrativa, mentre per il ministro per gli Affari europei della Repubblica di Montenegro Aleksandar Andrija Pejovic “il Montenegro sarà partner affidabile nel processo per l’integrazione europea”. Infine, il vicepresidente dell’Euroregione Adriatico-Ionica Aldrin Dalipi ha sostenuto che “come Euroregione sosteniamo la ripresa del Programma per continuare a lavorare insieme su questo ponte di comunicazione e collaborazione”.

Nel corso dell’evento sono intervenuti anche il giudice Ezio Perillo, componente italiano del Tribunale dell’Unione Europea presso la Corte di Giustizia Europea, il Segretario Generale del Comitato delle Regioni Periferiche Marittime (CRPM) Eleni Marianou, il Membro della Sezione di Controllo Affari Comunitari e Internazionali della Corte dei Conti Italiana Carlo Mancinelli, ed il Generale di Divisione Comandante del Nucleo della Guardia di Finanza per la repressione delle frodi nei confronti della UE presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Francesco Attardi.

Ha moderato l’evento Marco Panara, giornalista del quotidiano La Repubblica.



Sintesi del Programma


IPA ADRIATIC CBC 2007-2013

IPA (Instrument for Pre-Accession Assistance) CBC (Cross-Border Cooperation), strumento di assistenza per i Paesi candidati o potenziali candidati all’adesione alla UE, è un Programma di Cooperazione Territoriale Europea (CTE) transfrontaliero della Commissione Europea - DG Regio, rivolto al conseguimento dell’acquis communitaire nell’area adriatica per permettere l’adesione all’UE, degli Stati dell’area balcanica, scenario della drammatica e violenta guerra dei Balcani. Programma diretto a creare e costituire un dialogo tra ben 8 Stati che, sebbene affacciati sullo stesso mare Adriatico hanno diversità ordinamentali, politiche e socio-economiche ancor oggi molto profonde.

Al Programma IPA Adriatic CBC partecipano otto Stati di cui quattro in UE (Italia, Grecia, Slovenia, la Croazia dal 2013) e i Paesi candidati o potenziali candidati (Albania, Bosnia-Herzegovina, Montenegro). La Serbia partecipa al Programma in phasing-out.

Dal 13 marzo 2013 l’incarico di Autorità di Gestione del Programma IPA Adriatic CBC è stato affidato all’Avv. Paola Di Salvatore, Dirigente nel ruolo della Regione Abruzzo, titolare del Servizio della Cooperazione territoriale IPA e dal 2017 del Servizio Europrogettazione, superando la gravissima situazione creatasi a seguito delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto il Programma nel gennaio 2012.

Il Programma IPA Adriatic ha subito una dolorosa sospensione con Decisione della Commissione Europea, revocata grazie al complesso, difficile e tenace lavoro dell’Autorità di Gestione Avv. Paola Di Salvatore, neo insediata, che, con un Action Plan trasmesso alla Commissione Europea, in rafforzamento del principio di affidabilità tra gli Stati membri e le Istituzioni europee, rilevando gravi irregolarità imputabili in via diretta alle annualità 2009-2010-2011-2012, è riuscita a far revocare la sospensione. Questo complesso lavoro tecnico-amministrativo ha ricevuto una nota formale di apprezzamento dalla stessa Commissaria Europea Corina Cretu, con la successiva Decisione del febbraio 2016 di sblocco dei fondi. Ma ancor più ha contribuito a creare un clima di dialogo per lo sviluppo progettuale innovativo con i territori dei Balcani, monitorando in una complessa analisi finanziaria, l’intera attuazione progettuale di circa 244.000.000,00 €. A corollario delle attività, nella fase finale del Programma, ben tre Protocolli di intesa a titolo gratuito, sono stati siglati nell’area balcanica a Mostar ed a Tirana, creando il primo polo di formazione sulla Politica di coesione Europea.

Il Programma IPA Adriatic CBC è il più importante strumento di Cooperazione Territoriale dell'area Adriatico-Ionica, con un budget di circa 244 milioni di euro, ha finanziato ben 104 progetti con il coinvolgimento del rilevante numero di 893 beneficiari e 191 associati aventi sede legale nei territori di eleggibilità degli 8 Stati partecipanti.

Tra i 104 progetti, rivestono particolare rilevanza gli 11 nuovi progetti finanziati nel 2016 con l’innovativa “Targeted call on Eusair”, fortemente voluta dall’Autorità di Gestione quale prima concreta attuazione del Piano di azione tecnica dell’EUSAIR, che rappresenta la Strategia adottata dalla Commissione Europea per l’area Adriatico-Ionica. Il rilevante valore aggiunto apportato dal bando riguarda la capitalizzazione dei risultati di ben 38 progetti precedentemente finanziati dal Programma IPA Adriatic, attraverso la condivisione, l'ottimizzazione e il trasferimento degli output realizzati, con l’obiettivo di rafforzare la Cooperazione Transfrontaliera coniugando, attraverso studi di fattibilità e la condivisione delle best practices, le priorità del Programma IPA Adriatic con i quattro pilastri dell’EUSAIR.

Il Programma Adriatic IPA CBC, su iniziativa dell’Autorità di Gestione ed in stretta collaborazione con il Nucleo antifrode della Guardia di Finanza presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Politiche europee, si è fatto promotore di un ciclo seminariale dal titolo “La prevenzione e il contrasto delle irregolarità e delle frodi nei Programmi di Cooperazione Territoriale Europea”, che ha consentito di valorizzare e capitalizzare l’esperienza del Programma IPA Adriatic in Italia e nei Paesi partecipanti al Programma al fine della creazione di una metodologia condivisa, conforme ai Regolamenti ed alle fonti tecniche dell’Unione Europea, in materia di gestione dei fondi e nelle opportune azioni e misure amministrative e finanziarie. L’azione è stata finalizzata al rafforzamento delle funzioni di controllo di primo livello, da capitalizzare in tutti i Programmi di CTE, sia nell’arco temporale di programmazione 2014-2020, ma ancor più per la futura programmazione 2021-2027, sia negli Stati in UE che negli Stati in pre-adesione, a tutela del bilanci europeo e nazionali.

Il Programma IPA Adriatic, così come da Regolamento attuativo CE n. 718/2007, termina tutte le sue funzioni al 31.3.2018, con l’obbligo per l’Autorità di Gestione di inviare alla Commissione Europea tutti i documenti di chiusura, completando in questi giorni le fasi finanziarie, di monitoraggio sui progetti e di verifica del conseguimento degli output attesi. In tal modo sarà possibile procedere al pagamento delle fasi di spesa finale a favore di tutti i Partners, svolgendo un’ulteriore analisi amministrativa su ogni Ufficio di controllo di primo livello, nonché sulle performance amministrative e finanziarie anche in relazione al percorso di preadesione.

www.ipadriaticbc.eu

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cronaca

L'Aquila. Prosegue la visita del sindaco di Tirana, Erion Veliaj, che sarà in Abruzzo fino a domani, martedì 5 dicembre, accompagnato dal Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso.

Dopo aver partecipato a L'Aquila alla cerimonia conclusiva del programma IPA Adriatic Cross-Border Cooperation 2007-2013, alla presenza del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, Veliaj ha visitato il Gran Sasso Science Institute, e si è poi spostato a Pescara, nella sede della Regione Abruzzo in viale Bovio, per un incontro dedicato alle modalità innovative di acquisto in tema di beni, servizi e forniture della PA.

Domani, dalle 8.30 alle 11.30, a Pescara, Veliaj interverrà nell’aula 'F. Caffè' dell'Università degli Studi 'Gabriele d'Annunzio' per il seminario di studio 'Albania, Laboratorio Tirana' e discussione pubblica attorno ai temi e alla sfide del governo urbano di una città capitale, in un paese ad un passo dall'ingresso in Europa. Nel corso dell'incontro si terranno focus tematici su: 'La vicenda urbana e urbanistica' a cura di Piero Rovigatti, Dipartimento di Architettura, e di Stefano Trinchese, dipartimento di Lettere, arti e scienze sociali. 'Gli aspetti socio economici e giuridici dello sviluppo' saranno a cura di Fabrizio Fornari del dipartimento di Scienze giuridiche e sociali e di Mario Eboli, del dipartimento di Economia aziendale. Infine, 'Dimensioni interculturali' a cura di Carlo Martinez e Carmela Perta del dipartimento di Lingue, letterature e culture moderne, con le conclusioni del Presidente Luciano D'Alfonso.

Dalle 12,00 alle 13,30, a Villa Badessa di Rosciano, Piazza Scanderbeg, incontro con la comunità arbëreshë di Villa Badessa e con la comunità albanese in Abruzzo.
Dalle 16.30 alle 18.30, a Pescara, nella sala giunta del Comune, incontro con il primo cittadino, con il presidente della Provincia di Pescara e gli amministratori locali. A latere dell'incontro verranno illustrate alla delegazione albanese le principali e più recenti regole di contabilità pubblica con interventi di Luciano D'Amico, Ebron D'Aristotile e Guido Dezio.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. «I contribuenti possono presentare entro il 31 gennaio 2018 la domanda, corredata di dichiarazione ISEE, per accedere alle agevolazioni per la TARI 2017, utilizzando i moduli ritirabili presso gli Uffici Tributi». L’annuncio arriva dall’assessore al Bilancio Deborah Comardi che ricorda: «In sede di approvazione delle tariffe TARI in Consiglio Comunale sono state introdotte anche le agevolazioni per l’annualità 2017. Queste verranno assegnate sulla base di una graduatoria formulata tenendo conto del valore ISEE. La dichiarazione presentata per le annualità precedenti ha effetto anche per il 2017, qualora non ci siano state modifiche».

Nove le categorie di agevolazioni individuate:

a) esenzione totale limitatamente alle abitazioni principali e alle relative pertinenze occupate da persone (soggetti passivi della tassa o suoi familiari conviventi) assistite in modo permanente dal Comune o in disagiate condizioni socioeconomiche, sulla base di apposita certificazione rilasciata dal responsabile del servizio dell'Azienda Speciale per i Servizi Sociali attestante le circostanze sopra indicate con riferimento all'annualità precedente da allegare alla richiesta di esenzione, purché nell'anno 2017 mantengono lo status di inoccupati, disoccupati, che versano nelle condizioni di cui sopra, nonché alla data di presentazione della richiesta di esenzione e, dunque, con riferimento all'annualità 2017;

b) esenzione totale limitatamente alle abitazioni principali e alle relative pertinenze occupate da persone (soggetti passivi della tassa o suoi familiari conviventi) invalide al 100% che usufruiscono del servizio di accompagnamento al momento della presentazione della domanda, riconosciuto dagli enti a ciò preposti, a condizione che il valore ISEE non sia superiore ad € 8.000,00;

c) esenzione totale limitatamente agli stabili (e le relative aree) adibiti ad uffici comunali e a tutti gli altri in cui hanno sede uffici o servizi pubblici alle cui spese di funzionamento per disposizione di legge è tenuto a provvedere il Comune;

d) esenzione parziale al 75% limitatamente agli edifici destinati ed aperti al culto, con esclusione dei locali annessi adibiti ad abitazione e ad usi diversi da quelli del culto in senso stretto;

e) riduzione tariffaria nella misura del 75% per il singolo anziano con più di 65 anni (al 1° gennaio dell'anno di imposizione), unico occupante di un'abitazione, in proprietà o usufrutto o locazione, adibita ad abitazione principale, che non sia proprietario di altri immobili su tutto il territorio nazionale, a condizione che il valore ISEE non superi il limite di € 8.000,00;

f) riduzione tariffaria nella misura del 50% per il nucleo familiare composto da due anziani di cui uno con più di 65 anni e uno con più di 75 anni (al 1° gennaio dell'anno di imposizione), unici occupanti di un'abitazione, in proprietà o usufrutto o locazione, adibita ad abitazione principale, che non siano proprietari di altri immobili su tutto il territorio nazionale, a condizione che il valore ISEE non superi il limite di € 8.000,00;

g) riduzione tariffaria, per due anni, nella misura del 50% per il nucleo familiare composto da giovani coppie che abbiano contratto matrimonio nell'anno precedente a quello per il quale si richiede l'agevolazione, con età uguale o inferiore ad anni 35, unici occupanti di un'abitazione, in proprietà o usufrutto o locazione, adibita ad abitazione principale, che non siano proprietari di altri immobili su tutto il territorio nazionale, a condizione che il valore ISEE non superi il limite di € 8.000,00; è inoltre richiesta la presentazione del certificato di matrimonio;

h) esenzione totale dalla tariffa per nuove attività imprenditoriali e di lavoro autonomo (artigianali e piccola media impresa, commerciali, turistiche e di servizi) per l'anno in corso, costituite dal 1/1/2017 come da iscrizione alla C.C.I.A.A. o da attribuzione della Partita IVA, relativamente agli immobili occupati in forza di un rapporto contrattuale di locazione a titolo oneroso, direttamente e interamente utilizzati, per lo svolgimento dell'attività e limitatamente a quelle selezionate sulla base di criteri stabiliti in apposito avviso pubblico predisposto dal settore amministrativo, con esclusione di sale giochi, agenzie di scommesse, locali con giochi d'azzardo, video lotterie e “slot machine”;

i) esenzione totale limitatamente alle abitazioni principali e alle relative pertinenze occupate da famiglie (soggetti passivi della tassa o suoi conviventi) nel cui nucleo vi sono almeno due componenti – persone diversamente abili, sulla base di certificazione che attesti altresì il diritto all'accompagnamento.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione