Articoli filtrati per data: Gennaio 2019

Milano. Turkish Airlines, la compagnia aerea che vola verso più destinazioni internazionali, è il vettore ufficiale della finale del Bocuse d’Or che vedrà i 24 finalisti sfidarsi nella 17esima edizione in programma il 29 e il 30 gennaio nella città francese di Lione. Pluripremiata per il suo servizio di catering a bordo, Turkish Airlines celebra l’eccellenza e la diversità del patrimonio culinario di tutto il mondo affiancandosi alla più prestigiosa delle competizioni del settore food. La sponsorizzazione di questa importante sfida gastronomica, che riunirà i migliori chef al mondo, incluso l’italiano Martino Ruggieri, e i principali media internazionali, è in linea con il grande impegno di Turkish Airlines nell’offrire ai propri clienti la più alta esperienza culinaria sia a bordo che nelle sue lounge, proponendo loro la miglior cucina e servizio di catering rispetto a qualsiasi altra compagnia aerea al mondo.

Turkish Airlines, che vola verso 306 destinazioni in 124 Paesi, è da sempre impegnata a offrire ai suoi passeggeri “squisiti” momenti in volo. Il suo servizio di ristorazione combina l’ospitalità turca ai sapori unici delle destinazioni internazionali servite dalla compagnia. Gli esperti chef di Turkish Airlines preparano speciali menu con gli ingredienti più freschi e di stagione per garantire la massima qualità anche a 10.000 metri di quota, pietanze che sono poi servite a bordo dai Flying Chef.

Cenk Acikgoz, General Manager di Turkish Airlines a Lione, ha dichiarato: “Il cibo, la sua preparazione e il suo servizio hanno un ruolo importante nella tradizione culinaria turca e la Turchia, che connette così tante culture e destinazioni internazionali, è una terra ricca di sapori. Siamo fieri di condividere questa ineguagliabile ricchezza con i nostri clienti durante i loro viaggi verso oltre 300 destinazioni. Per questo motivo, siamo lieti di sponsorizzare questa competizione che mette in mostra il meglio della gastronomia a livello internazionale.”

Turkish Airlines pone molta attenzione alle esigenze alimentari dei suoi passeggeri offrendo loro numerose opzioni: da quelle vegane e senza glutine a quelle crudiste fino ai menu per bambini, tutte ordinabili prima del volo. La compagnia aerea ha recentemente lanciato anche due nuovi progetti per migliorare il servizio di ristorazione dei passeggeri intercontinentali in Business Class, che possono selezionare il menu preferito prima della partenza. A partire da una settimana dalla partenza del volo e fino a 48 ore prima, e per alcune rotte, i passeggeri potranno visualizzare dettagli e immagini dei pasti ed effettuare la scelta direttamente dal sito web o dall’applicazione per smartphone. Inoltre, Turkish Airlines consente ai suoi ospiti di Business Class, su selezionate rotte intercontinentali, di decidere l’orario in cui farsi servire il pasto (maggiori dettagli disponibili sul sito internet), un servizio esclusivo, raramente proposto dalle compagnie aeree, per assicurare ai propri clienti un’esperienza ancor più su misura.
Turkish Airlines, Inc. - Media Relations / AIGO
Alessandra Rischio - tel: 02 669927 240 - mob: 344 0990468
Monica Velardita - tel: 02 669927 208 - mob: 344 0995367
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Turkish Airlines
Fondata nel 1933 con una flotta di cinque aerei, e membro di Star Alliance, Turkish Airlines dispone oggi di una flotta di 332 aeromobili (passeggeri e cargo) che volano verso 306 destinazioni di cui 257 internazionali e 49 nazionali in 124 Paesi. Per ulteriori informazioni su Turkish Airlines visita il sito www.turkishairlines.com e i profili social ufficiali su Facebook, Twitter, Youtube, Linkedin, e Instagram.

Star Alliance
Il network Star Alliance è stato fondato nel 1997 come la più grande alleanza globale di compagnie aeree per una offerta di voli a livello mondiale, identificabile e di servizio continuo al viaggiatore internazionale. Ha ricevuto numerosi premi, tra cui l'Air Transport World Market Leadership Award e la Best Airline Alliance da parte di Business Traveller Magazine. Le compagnie aeree membri sono: Adria Airways, Aegean Airlines, Air Canada, Air China, Air India, Air New Zealand, ANA, Asiana Airlines, Austrian, Avianca, Avianca Brasil, Brussels Airlines, Copa Airlines, Croatia Airlines, EGYPTAIR, Ethiopian Airlines, EVA Air, LOT Polish Airlines, Lufthansa, Scandinavian Airlines, Shenzhen Airlines, Singapore Airlines, South African Airways, SWISS, TAP Air Portugal, THAI, Turkish Airlines, and United. Complessivamente, il network Star Alliance offre attualmente più di 18.800 voli giornalieri per 1.317 aeroporti in 193 paesi. Ulteriori voli in coincidenza sono offerti da Star Alliance Connecting Partner, Juneyao Airlines.

Pubblicato in Cronaca

Fossacesia. Si sono conclusi i lavori per la nuova illuminazione dell’esterno dell’Abbazia di San Giovanni in Venere. Gli interventi, approvati con deliberazione della Giunta Comunale n. 135 del 24.8.2018, rientrano nel progetto denominato “Efficientamento luminoso e valorizzazione artistica dell’area monumentale di San Giovanni in Venere” per un importo complessivo di € 50.000,00 completamente finanziato nell’ambito del programma “Giubileo della Luce” ed è stato redatto dall’ing. Silvano Sgariglia, responsabile Lavori Pubblici del Comune di Fossacesia, con il supporto e coordinamento dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) a cura della task force appositamente istituita e coordinata dal prof. Ing. Marco Frascarolo, dell’Università RomaTre, che ha anche progettato l’illuminazione della Cappella Sistina. I lavori sono stati realizzati dalla ditta Ceie Power SpA di Guardiagrele e sono stati diretti dall’ing. Paolo Rinaldi. “Attorno all’Abbazia sono stati sistemati nuovi corpi led di diversa tecnologia ed ottiche in modo da omogeneizzare l’illuminazione del monumento e correggere le zone d’ombra e i diversi effetti cromatici preesistenti – spiega il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio -. Lo scopo è stato quello di valorizzare l’Abbazia nel contesto paesaggistico in cui è inserito. Abbiamo potuto procedere con gli interventi grazie all’accordo di programma del 22 febbraio 2016, tra il Ministero dell’Ambiente e l’Anci, che prevedeva appunto il progetto ‘Giubileo della Luce’, per il quale ci siamo classificati tra i primi in Italia è risultato . Ora si potrà meglio ammirare e apprezzare il valore dell’Abbazia anche nelle ore notturne”. Nei prossimi mesi con l’ Anci, l’Università ed il Ministero dell’Ambiente è prevista una cerimonia per la promozione della nuova illuminazione.

Pubblicato in Cronaca

Roma. L’inserimento delle caserme tra i luoghi sensibili sottoposti a “distanziometro” per l’apertura di sale da gioco arriva all’esame della Corte Costituzionale. Si è tenuta stamattina, come riporta Agipronews, l’udienza sul caso sollevato dal Tar Abruzzo nel 2017: il tribunale amministrativo aveva chiesto l’intervento della Consulta in seguito al ricorso presentato dalla titolare di una sala di Lanciano (PE) contro la legge regionale adottata nel 2013. Comune e Questura avevano negato la licenza all’esercente sulla base della norma che vieta l’apertura di sale da gioco a una distanza inferiore a 300 metri da luoghi definiti "sensibili", tra cui scuole, strutture sanitarie, impianti sportivi e, appunto, caserme. La legittimità costituzionale della norma abruzzese sarà esaminata dalla Consulta esclusivamente nella parte in cui include queste ultime tra i luoghi sensibili.

Secondo gli avvocati dell’esercente, l’inclusione delle caserme tra i luoghi "off limits" travalica la tutela della salute, prerogativa grazie alla quale le Regioni possono intervenire nella limitazione del gioco autorizzato dallo Stato, e finisce per rendere irragionevole la norma. "I militari in servizio non rientrano nelle fasce sensibili, non sono a particolare rischio di ludopatia - hanno spiegato - La sensazione è che con questa legge la regione voglia tenere lontane le sale da qualunque centro di aggregazione, ma è del tutto irragionevole includere tra i punti sensibili luoghi con persone che svolgono un lavoro che richiede fermezza. In questo modo si dà alla legge un indirizzo politico espulsivo del gioco".

Secondo l’avvocatura della Regione, invece, la disposizione sulle caserme "non è irragionevole, vista la pressione psicologica a cui è sottoposto chi vi lavora". Inoltre "le caserme sono spesso frequentate da soggetti di passaggio, come le persone in stato di fermo o le vittime di un reato, psicologicamente più esposte, senza contare quelle che ospitano scuole militari e quindi sono frequentate da giovani". La decisione della Consulta è attesa entro un mese.

LL/Agipro

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Venerdì 25 gennaio 2019, la stagione musicale della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” prosegue al Teatro Massimo con il concerto dell'Ensemble Accademici Italiani, formazione composta da Gabriele Betti, flauto, Luciano Franca, oboe, Roberto Marchionne, clarinetto, Alfonso Patriarca, fagotto, Massimo Mondaini, corno, e Mari Batilashvili, pianoforte. Il programma prevede musiche di Mozart, Agostini e Poulenc.

Il concerto si terrà al Teatro Massimo di Pescara e avrà inizio alle 21. Il biglietto di ingresso costa 20€ (ridotto a 15€ per i soci della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara") e si può acquistare sui circuiti online e a Pescara, presso la sede di Via Liguria.

L'Ensemble Accademici Italiani, diretta emanazione della omonima Associazione, è formato esclusivamente da strumentisti di chiara fama e docenti di Conservatorio.

Come da statuto della Associazione, che si occupa prevalentemente della riscoperta del patrimonio musicale italiano meno frequentato, l'ensemble accanto a brani di compositori più noti inserisce nelle proprie programmazioni musiche di uno o più autori italiani meno eseguiti.

Il prossimo appuntamento con la Stagione Musicale della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" è per venerdì primo febbraio 2019 con il concerto del Quintetto Elise, formazione composta da Judith Hamza, violino, Stefania Franchini, violino, Silvio Di Rocco, viola, Stefano Morgione, viola, e Massimo Magri, violoncello. Il programma si concentra su musiche di Donizetti, Beethoven e Brahms.


Scheda del Concerto

Ensemble Accademici Italiani
Gabriele Betti, flauto
Luciano Franca, oboe
Roberto Marchionne, clarinetto
Alfonso Patriarca, fagotto
Massimo Mondaini, corno
Mari Batilashvili, pianoforte

W.A. Mozart
Quintetto per pianoforte, oboe, clarinetto, corno, fagotto
M. Agostini
Sestetto per pianoforte, flauto, oboe, clarinetto, corno, fagotto
F. Poulenc
Sestetto per pianoforte, flauto, oboe, clarinetto, corno, fagotto

Venerdì 25 gennaio. ore 21

Teatro Massimo
Pescara. Via Caduti del Forte

Biglietto di ingresso. 20€ (Soci STM Luigi Barbara: 15€)

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. “La Asl di Pescara non ha fondi per assumere nuovi medici e infermieri, per finanziare progetti di produttività utili a tagliare le liste d’attesa, per effettuare interventi vitali per risanare gli spazi ospedalieri. Ma poi tira fuori dal cilindro le somme necessarie per costituire dal nulla nuove Unità Operative dipartimentali e nominare nuovi Dirigenti prim’ancora che gli stessi abbiano i requisiti necessari per il ruolo individuato. È quanto sta accadendo nell’Azienda sanitaria pescarese che pure si ritrova con l’Atto Aziendale impugnato dalla stessa giunta regionale, ma non disdegna di distribuire incarichi last minute, alla vigilia del ritorno alle urne per il nuovo Governo regionale, spendendo anche somme che, a questo punto, il manager Mancini dovrebbe prudentemente congelare in attesa di capire le sorti del suo Piano finanziario. Ovviamente andremo sino in fondo alla vicenda che, nel frattempo, chiediamo ufficialmente di fermare revocando gli atti sin qui assunti”. Lo ha ufficializzato il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri.
“La punta dell’iceberg della vicenda è una delibera adottata dal Direttore Generale della Asl di Pescara Armando Mancini lo scorso 13 dicembre 2018, solo oggi venuta alla luce, con cui si sono assunti ‘Provvedimenti attuativi dell’Atto Aziendale’ inerenti lo staff della Direzione generale. Ovvero – ha spiegato il Capogruppo Sospiri - con la delibera 1397 il Manager ha attivato una nuova Unità Operativa, ovvero la ‘Struttura semplice a valenza dipartimentale, denominata UOSD UPPSI’, afferente l’area di Staff, che, come si legge nel documento, dovrà sostanzialmente occuparsi di tutto ciò che ruota attorno al tema della sicurezza sul posto di lavoro e valutazione rischi, struttura semplice peraltro soppressa nel vigente Atto Aziendale di cui all’improvviso si è sentita di nuovo la necessità, a fronte di un nuovo Atto aziendale adottato dalla Usl di Pescara il 2 marzo 2018, quasi un anno fa. Il tempismo, piuttosto sfortunato, con cui si passa all’attuazione del provvedimento ha già aperto una riflessione che diventa stupore quando, sempre nel provvedimento del 18 dicembre scorso, il manager Mancini ha conferito al dottor Franco Caracciolo l’incarico di Dirigente responsabile della nuova Unità Operativa semplice a valenza dipartimentale ‘nelle more del conseguimento, da parte del medesimo professionista, dell’attestato di formazione specifico per RSPP’. Cioè il dottor Caracciolo al momento del conferimento dell’incarico di Dirigente responsabile della nuova struttura non aveva ancora i requisiti necessari, ma nel frattempo gli è stato già attribuito l’incarico di guidare un’Unità Operativa che, per sua natura, avrà piena autonomia finanziaria e gestionale. Non solo: per dare al dottor Caracciolo tutto il tempo necessario per divenire ‘idoneo’ al ruolo da svolgere, le sue mansioni saranno svolte da un altro dirigente, il dottor Busich, già Direttore della Unità Operativa Complessa Servizi Tecnici Manutentivi. Penso che tale delibera rappresenti un atto amministrativo di assoluta imprudenza da parte del manager della Asl, un atto che merita un approfondimento sotto ogni profilo – ha sottolineato il Capogruppo Sospiri -. Per tale ragione chiediamo che la delibera stessa venga revocata o comunque congelata nelle more dell’arrivo di opportune giustificazioni da parte del manager Mancini cui, nel frattempo, chiediamo e suggeriamo maggiore morigeratezza nelle spese di una Asl il cui atto aziendale risulta a oggi impugnato dalla stessa Regione Abruzzo”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Sarà il vincitore di Sanremo, il maestro Piero Mazzocchetti il Presidente della giuria d’eccezione della prima edizione del Concorso di Canto e Cucina di Sala promosso dall’Istituto Alberghiero Ipssar ‘De Cecco’ di Pescara e che si svolgerà domani, mercoledì 23 gennaio, all’interno dell’Officina del Gusto, nella sede di via dei Sabini. L’evento, nato da un progetto della dirigente scolastica Alessandra Di Pietro e della Crossover Academy dell’artista Mazzocchetti, vedrà protagonisti gli studenti che si sfideranno a colpi di belcanto e cucina flambè per decretare i migliori chef e le voci più talentuose della scuola.
“L’iniziativa nasce dalla continua voglia di sperimentare che da sempre caratterizza il nostro Istituto – ha sottolineato la dirigente Di Pietro –, dal desiderio di proporre sempre nuovi abbinamenti, e non solo in cucina, e di attuare sempre nuove collaborazioni con il mondo del lavoro, all’esterno delle mura scolastiche. Una collaborazione che questa volta ci ha fatto incontrare alcuni dei simboli del nostro ‘belcanto’ offrendo ai nostri studenti una nuova occasione per mettersi in gioco. E quando cucina e canto si incontrano, una musica virtuosa impreziosisce la nostra scuola, creando un’armonia che riesce con semplicità a entusiasmare e a emozionare studenti, docenti, ospiti e a lasciare il segno. Non solo: la musica ha ampie assonanze con un Istituto Alberghiero, perché c’è una dichiarata affinità tra musica e cibo, entrambi nascono dalla capacità di mixare e armonizzare note e ingredienti per dare vita a una sinfonia di suoni e di sapori”.
La giornata, domani, mercoledì 23 gennaio, prenderà il via alle 9.30 con la visita del maestro Piero Mazzocchetti ai laboratori dell’Officina del Gusto per ‘Canticchiando in cucina’. Alle 11 partiranno le esibizioni canore degli studenti e la presentazione dei piatti alla fiamma abbinati alle performance musicali. Gli studenti che parteciperanno al Concorso della Sezione canora sono: Lorenzo Di Giovani, Amy Lanesi, Alexia Lanesi, Yuri Bronico, Sofia Leardi, Anna Pelaccia, Simone Forcella, Benedetta Cosentino ed Evelina Moraru. Gli studenti che parteciperanno al concorso culinario sono Saverio Del Vacchio, Marika Di Michele, Federica Mosca, Stefano D’Orazio, Martina Mancini, Simone Pompa, Luca Capobianco, Angela Nuredini e Alessio Sciavilla. A fine gara verranno premiati i primi tre classificati in entrambe le sezioni di gara. La giuria sarà composta da Piero Mazzocchetti, in qualità di Presidente, la dirigente Alessandra Di Pietro, Antonio Di Giosafat, il maestro Gianfranco Onesti, il medico e baritono per passione Mariusz Szimanski, il chirurgo pediatra e cantante Antonello Persico, Alvaro Fantini e Yuri Naccarella. L’evento è aperto al pubblico.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Mercoledì 23 gennaio al Campus dell'Università "Gabriele d'Annunzio" a Chieti si terrà la presentazione del libro "Clima: basta catastrofismi. Riflessioni scientifiche su passato e futuro".

Incredibilmente l'Ateneo abruzzese offre ospitalità ai negazionisti del clima con tanto di saluti iniziali da parte del Magnifico Rettore. Senza prevedere alcun contraddittorio, una frangia talmente minoritaria da essere fuori da qualsiasi discussione scientifica mondiale, potrà così illustrare in una sede universitaria dati che sono stati confutati migliaia di volte.

I cambiamenti climatici sono una realtà ormai acclarata, così come è acclarato il ruolo delle attività antropiche in questi cambiamenti. Non passa giorno senza che i più autorevoli istituti di ricerca a livello mondiale richiamino l'attenzione di cittadini, imprese e istituzioni sulla necessità di operare subito per impedire l'innalzamento della temperatura. Il cambiamento climatico è un pericolo costante già oggi. I suoi effetti li stiamo già vivendo con la morte di migliaia e migliaia di persone, la distruzione dell'ambiente e anche con danni economici rilevanti.

L'Università dovrebbe essere un luogo di ricerca e studio, di crescita culturale e confronto tra ricercatori e scienziati. Questa volta la “Gabriele d'Annunzio” ha preferito dare spazio ai negazionisti del cambiamento climatico. Ci aspettiamo nelle prossime settimane un convegno promosso dai terrapiattisti e poi un seminario sugli unicorni!

Pubblicato in Cronaca

«Studiate e non fatevi prendere in giro». Ai più piccoli, Gino Strada, medico fondatore di Emergency, ha voluto dedicare uno dei passaggi più significativi della sua visita, nel week-end, nella Valcesano e ad Arcevia per ricevere nell’ambito di Animavì Festival, il Premio Pettirosso. Parole forti come macigni, cariche di significato, che toccano il cuore e fanno riflettere. Un messaggio chiaro, un consiglio che Strada ha dispensato ai bambini della scuola elementare di Pergola, durante un incontro emozionante che tanto ha coinvolto gli alunni. Un maestro particolare che ha raccontato loro la guerra e il suo lavoro in modo insolito: una lezione che ha lasciato il segno, come sempre Strada ha fatto nella sua vita. L’inizio di una giornata intensa, tra incontri e visite, conclusasi al teatro di Arcevia. Il fondatore di Emergency accompagnato dalla staff di Animavì è stato al monastero di Fonte Avellana, dove ha parlato a lungo con il priore Dom Gianni Giacomelli, quindi alla cantina Terracruda di Fratte Rosa.

In serata al teatro Misa di Arcevia, stracolmo, Strada ha ricevuto il Premio Pettirosso, novità assoluta del festival, realizzato dall’artista Pergolese Walter Valentini, riconoscimento dedicato alla persona.

“Questa sera noi vogliamo premiare l’uomo Gino Strada colui che non si è limitato a sognare nella vita ma che ha reso vivi i propri sogni ne ha fatto ragione di sopravvivenza e realtà di speranza per milioni di persone. Il significato della parola “premio” in origine aveva a che fare con le prede di guerra, con il prendere. Ma anche le parole vanno liberate, salvate, ricucite e l’uomo che premiamo stasera ha certamente donato più che prendere e ha sottratto prede alla guerra e alla morte. Lo premiamo in nome di un animale apparentemente fragile. Che non scappa dall’inverno, e che col suo canto segue il lavoro di chi zappa e semina la terra per la primavera che verrà. Un animale generoso che la credenza popolare dice essersi tinto il petto di rosso nel tentativo di rimuovere le spine dalla corona di Cristo. Noi vogliamo premiare in Gino Strada un uomo normale che ha levato le spine e le schegge della sofferenza a tutti gli ultimi della terra, senza badare a sesso, razza o religione. Noi premiamo l’uomo con un’opera d’arte simbolica che richiama una creatura che col suo canto unisce il cielo e la terra. Persino Chopin ha imitato la sua melodia e il grande De Andrè nella Domenica delle Salme lo ha cantato come quel “pettirosso da combattimento” ben più resistente dei ministri dei temporali, e delle domeniche come tante fatte di una pace terrificante. Si perché anche la pace può essere terrificante, la pace che è molto più che l’assenza di guerra. Noi premiamo Gino Strada con le sue stesse parole: “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”.

Questa la motivazione del premio, raccontata da Andrea Melis, giovane “parolaio” e poeta sardo. A consegnarli la ceramica realizzata da Valentini, alcuni bambini che Strada aveva incontrato a scuola. Durante l’incontro moderato dall’attrice Valentina Carnelutti, già madrina di Animavì nell’edizione di lancio del 2016, il fondatore di Emergency ha raccontato la sua storia, si è soffermato sulla sua attività e su alcuni temi d’attualità, lanciando messaggi forti e chiari. Ogni due minuti Emergency cura una persona: «Lo facciamo perché siamo dalla parte degli esseri umani». E ancora: «Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra».

La famiglia Santelli nell'occasione ha consegnato a Strada un assegno di 3.000 euro per Emergency, raccolti durante la festa del 50esimo della ditta Santelli Casa.

L’incontro ha chiuso nel migliore dei modi la terza edizione del Festival.

“Animavì – spiega il direttore artistico Simone Massi - è un festival anomalo: è dedicato alle arti poetiche ma ancor prima dell'opera mette al centro la persona e l'umanità della stessa. Ed è per questo che abbiamo sentito il bisogno di assegnare il "premio pettirosso" a Gino Strada, una persona che ha passato gran parte della sua vita ad aiutare il prossimo e a salvare vite innocenti. Decine di migliaia di vite, come ha raccontato il fondatore di Emergency nello straordinario incontro con i bambini delle scuole elementari di Pergola. Strada è stato premiato per questo, per un motivo che i bambini hanno capito meglio degli adulti. In conclusione mi si consenta un ringraziamento speciale a Silvia Carbone, Sabrina Santelli, Simonetta Gola e Valentina Carnelutti, quattro donne che hanno reso possibile questo evento”.

“Vorrei ringraziare in primis – sottolinea il direttore organizzativo Mattia Priori - tutti coloro che ci sostengono ed in particolare i tanti volontari che dedicano il proprio tempo libero agli eventi di Animavì rendendoli possibili. Animavì 2018 è finito a gennaio 2019, questo la dice lunga sulla quantità di energie ed impegno necessari da parte di tutti. Ciò significa anche che non possiamo sederci ma che è già tempo di pensare al futuro e all’edizione 2019 che si svolgerà questa estate e che coinvolgerà sempre più il territorio”.

 

Foto Silvano Bacciardi (crediti)

Pubblicato in Cultura e eventi

Latina. Il 9 e il 10 Febbraio, al Palazzo M di Latina, si terrà “EXPO: Salone dell’Olio, delle Olive e dei Sapori Pontini”, vetrina promozionale delle eccellenze enogastronomiche, olivicole ed olearie, a cura della XIII Comunità Montana Lepini e Ausoni, che ospiterà anche il XIV Concorso “L’Olio delle Colline” organizzato dal CAPOL in collaborazione con l’ASPOL. L’evento è patrocinato da: Regione Lazio, ARSIAL, Provincia Latina, Comune Latina, Camera Commercio Latina, XXII Comunità Montana Aurunci e Ausoni, UNAPROL, LILT Latina, Fondazione Bio Campus, Slow Food Latina; con la partecipazione di: IIS Alberghiero “San Benedetto” Latina, Liceo Artistico Statale Latina, Associazione “Chi dice donna”.

Le aziende food locali e di altre zone del Lazio avranno a disposizione uno stand espositivo gratuito. Si punterà sulla informazione, attraverso gli show coocking dimostrativi degli chef; le degustazioni guidate dagli assaggiatori professionisti; i concorsi aperti al pubblico, i workshop pratici e i convegni di approfondimento sulle principali tematiche tecniche e di attualità, insieme ad esperti ed operatori del settore. Il tutto al fine di fornire agli addetti ai lavori conoscenze utili a creare una coscienza della qualità tra produttori e consumatori, che si sostanzia in un costante miglioramento del prodotto finale e un più attento e responsabile acquisto per la tavola.

La location, lo storico Palazzo Emme, al centro della città di Latina, è stata scelta per avvicinare il più possibile tutte le persone all’agroalimentare di pregio. Al termine dell’iniziativa partirà una campagna di follow-up che ne porterà all’attenzione delle imprese interessate i risultati più significativi, anche per lo svolgimento della propria attività, incoraggiando al contempo percorsi degustativi qualificati idonei ad allargare la platea dei visitatori, in modo da valorizzare la produzione e il territorio e farne apprezzare ancor più le tipicità. Diversi gli appuntamenti in programma nella due giorni.

Sabato 9 Febbraio. 9:45 - Apertura stand aziende partecipanti al Salone. 10:00 - Convegno e premiazioni: “L'Olio delle Colline, Paesaggi dell'Extravergine e buona pratica agricola dei Lepini, Ausoni e Aurunci”. Svolgimento laboratori artistici. 13:30 - Area Show Cooking: dimostrazioni e degustazioni. Invito all’assaggio oli classificati e degustazione prodotti tipici pontini. 14:30 - Tavola rotonda “Prospettive della filiera olivicola pontina: azioni di sviluppo e tutela”. 16:00 – Apertura dei banchi del Salone. 17:00 - Concorso Premio “EVO: Extra Vergine Olio Pontino”. 18:00 - Area Show Cooking e invito all’assaggio.

Domenica 10 Febbraio 9:30 - Apertura Salone. 11:00 - Convegno DE.CO. (Denominazione Comunale di Origine dei prodotti) “Tra Cultura, Storia e Natura”. 12:30 - Happy Hour con prodotti del territorio. 16:00 - Concorso Premio “Assaggiatore per un giorno…”. 17:00 - Concorso Premio Regionale “L’Olio delle Colline Pontine assaggiatori a confronto”. 18:00 - Laboratorio Manimpasta. 18:30 - Premiazione vincitori concorsi “EVO: Extra Vergine Olio: Pontino”, “Assaggiatore per un giorno”, “L’olio delle Colline Pontine, Assaggiatori a confronto”. 19:00 - Degustazione e Show Cooking. 21:00 - Saluti istituzionali e chiusura evento.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Hanno sfilato come modelli professionisti, indossando abiti originali, da giorno e da sera, realizzati artigianalmente dagli studenti dell’indirizzo moda, strappando gli applausi delle centinaia di persone presenti per l’occasione, per poi dedicarsi alle consulenze gratuite sul look, fornite dagli stessi studenti affiancati dalle operatrici aderenti a Confartigianato. È stato un successo il secondo Open Day promosso ieri dall’Istituto Professionale di Stato Ipsias ‘Di Marzio – Michetti’, in via Arapietra, a Pescara.
“L’evento ha riscosso un apprezzamento oltre ogni più rosea aspettativa – ha commentato la dirigente scolastica Maria Antonella Ascani –: già alle 9.30 c’erano famiglie che aspettavano di entrare a scuola per assistere alla sfilata di moda e toccare da vicino la maestria e l’arte prodotta dai nostri talenti, i nostri studenti, che hanno accolto i genitori e i ragazzi che, giunti al terzo anno della scuola media, devono decidere dove e come proseguire il proprio percorso scolastico, scegliendo il proprio indirizzo di studi. All’Ipsias ‘Di Marzio – Michetti’ abbiamo allestito sette postazioni-.front office dove dalle 10 alle 13 sono stati presenti i nostri studenti e docenti per illustrare agli intervenuti i sette diversi indirizzi-piani di studio della nostra scuola, ovvero l’ampia offerta formativa che possiamo assicurare ai ragazzi offrendo una preparazione completa, sia sotto il profilo didattico che professionale: Manutenzione e assistenza tecnica, per la formazione di Operatori alla riparazione dei veicoli, Operatori meccanici e Operatori elettrici-elettronici; Industria e artigianato per il made in Italy, per la formazione di Operatori dell’abbigliamento-indirizzo moda; Servizi Commerciali, per Operatori amministrativo-segretariale; Pesca commerciale e produzioni ittiche per Operatori del Mare; quindi le Arti ausiliarie professioni sanitarie per la formazione di Ottici, Odontotecnici, e assistenza sociale per la formazione di OSS, Operatori socio-assistenziali e, da quest’anno, Operatori del Benessere Acconciatori ed Estetisti. Due settimane fa abbiamo dedicato il primo Open Day all’evento del Dental Meeting, ieri abbiamo voluto valorizzare, in modo specifico, il profilo professionale degli Operatori della Moda e del Benessere, ovvero abbiamo acceso i riflettori sulle professionalità che già sono maturate nel nostro Istituto, presentando pubblicamente il frutto di un anno di lavoro dei nostri ragazzi, peraltro in un clima di grande collaborazione tra studenti dei diversi indirizzi”.
Alle 10.30 in punto dalla scalinata centrale dell’Ipsias ‘Di Marzio-Michetti’ sono scesi i modelli originali realizzati dagli studenti dell’Ipsias per una sfilata che è stata presentata dallo studente della classe quinta indirizzo Odontotenico Alessandro Briga; ad accompagnare le modelle d’eccezione sono stati gli studenti degli indirizzi Moda e Meccanica. “Al pubblico presente, alle famiglie che hanno visitato il nostro Istituto – ha aggiunto la dirigente Ascani – abbiamo mostrato i talenti che crescono nella nostra scuola, quegli artigiani della moda che alla preparazione manuale, laboratoriale, affiancano la formazione culturale”. Il defilée, lungo la scalinata centrale dell’Istituto, è partito con gli abiti da giorno, quindi da aperitivo, seguiti dai modelli da sera con la conclusione affidata al ‘modello di punta’, uno splendido abito di sera bordeaux che ha strappato gli applausi a scena aperta dei presenti. Al termine della sfilata, all’ingresso dell’Anfiteatro della scuola, si è aperto il front office per le mamme per una consulenza gratuita e completa sul cambio look, dall’acconciatura-taglio di capelli al trucco curate dagli studenti e dai referenti della Confartigianato. “E questa è stata l’occasione ulteriore per presentare l’istituzione in regime sussidiario con la Regione Abruzzo del nuovo indirizzo di Studio in Operatore del Benessere Acconciatore ed Estetista, una valida alternativa ai corsi privati i cui costi gravavano, sino a oggi sulle famiglie, e che offre agli studenti anche la possibilità di conseguire un vero diploma statale oltre che la semplice abilitazione professionale”.

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 53

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione