Chieti. L’Assessore alla Cultura e Manifestazioni, Antonio Viola, nella giornata di ieri ha ricevuto in città la responsabile culturale dell’Ambasciata giapponese in Italia, Kanae Seino. Chieti è, infatti, tra le 11 città italiane, tra le quali Roma, Firenze e Napoli, con le quali l’ambasciata giapponese in Italia cura degli interscambi a seguito dei rapporti di amicizia e collaborazione siglati con alcune municipalità nipponiche. Nel caso di Chieti con la città di Minamishimabara, prefettura di Nagasaki, nel segno di Alessandro Valignano, il gesuita teatino che per primo, cinquecento anni fa, gettò un ponte tra l’Europa e l’Asia.

«L’incontro con la responsabile per la cultura dell’Ambasciata giapponese in Italia si delinea molto proficuo per la promozione della nostra città – ha commentato l’Assessore Viola - e ha riaffermato la volontà di implementare i rapporti già avviati tra Chieti e Minamishimabara. La visita è stata l’occasione per rimarcare la volontà di coinvolgere nei rapporti interculturali le eccellenze della nostra città e, fra queste, il Teatro Marrucino nel suo bicentenario».

Dopo l’incontro in Municipio, l’Assessore Viola ha accompagnato la funzionaria dell’ambasciata presso il Convitto Nazionale G.B. Vico dove è stata ricevuta dalla dirigente scolastica Paola Di Renzo e dal presidente dell’Associazione “Noi del G.B. Vico” Stefano Marchionno. La visita è proseguita al Teatro Marrucino dove Kanae Seino è stata accolta dal presidente del Cda, Cristiano Sicari, dal direttore amministrativo Cesare Di Martino, e dal direttore artistico, Ettore Pellegrino.

«Nel corso della visita – ha proseguito l’Assessore Viola – è stato ricordato il Patto di Amicizia con la città di Minamishimabara grazie al quale le due città, legate dalla figura di Padre Alessandro Valignano, Chieti ha avviato importanti scambi culturali ma anche di natura commerciale. In virtù di tali rapporti, Chieti ospita, ogni anno, una delegazione di studenti selezionati in tutto il Giappone in base al curriculum scolastico. A tale proposito, stiamo valutando la possibilità di accogliere, anche per lunghi periodi, sfruttando la ricettività del Convitto G.B. Vico, studenti giapponesi che volessero specializzarsi in lingua italiana».

Quest’anno, intanto, nell’ambito degli scambi culturali, per la prima volta quattro studenti del Liceo Classico G.B. Vico si recheranno in Giappone. A tale scopo, l’Associazione “Noi del G.B. Vico” ha inteso donare una borsa di studio per finanziare il viaggio di un alunno.

«E’ per noi motivo di grande orgoglio – ha concluso l’Assessore Viola – mantenere vivi i rapporti con la città di Minamishimabara nel segno di una tradizione che rivive grazie al grande visitatore Padre Alessandro Valignano. Per quanto riguarda gli scambi di natura culturale, l’Ambasciata giapponese ha espressamente chiesto di poter avviare con il Teatro Marrucino una collaborazione con l’intento di promuovere in Italia le tradizioni musicali giapponesi. In tal senso, i vertici del Marrucino si sono detti disponibili affinché possa esibirsi a Chieti il famoso musicista Hidehiro Honjoh, virtuoso di shamisen».

Chieti. “Due nuovi mezzi che serviranno al potenziamento del servizio di pattugliamento stradale del Corpo di Polizia Locale del Comune di Chieti entreranno in funzione questa mattina sul territorio. Le auto, dotate di moderni sistemi tecnologici, di telecamere intelligenti e di attrezzature necessarie per la rilevazione dei sinistri e per i controlli stradali sono due nuove Fiat Grande Punto Street 1.3 multijet 95 cv euro 6. Le vetture, equipaggiate con sistemi acustico/luminosi - barra multifunzione con lampeggianti e sirena - ed allestite graficamente con i colori della Regione Abruzzo e i distintivi del Comune di Chieti, si aggiungono a quelle già in uso dal Corpo di Polizia Municipale e vanno a rafforzare la dotazione di mezzi tecnici di servizio”. Lo rende noto il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio.

«L’amministrazione comunale – spiega il Sindaco – sta investendo molto nella sicurezza a vantaggio dei cittadini garantendo, al contempo, la qualità del servizio degli agenti che, in questo modo, sono in grado di operare sul territorio con dei mezzi più moderni ed efficienti. Entro l’anno contiamo di aggiungere al parco mezzi della Polizia Municipale nuovi motocicli che andranno a rimpiazzare le vecchie moto Guzzi V75 e un nuovo veicolo da adibire a Ufficio Mobile. Le due nuove autovetture, costate circa 26 mila euro, sono equipaggiate con strumenti utili agli agenti: barra monoblocco multifunzione ad alta intensità luminosa, luci da crociera, fari di profondità anteriori, nuova strumentazione, segnaletica e modulistica occorrente ad operare sul territorio con efficienza e tempestività».

«Fiore all’occhiello dei nuovi mezzi è l’installazione a bordo del dispositivo Targa System, di cui l’Ente è proprietario avendolo acquistato a seguito di contratto di noleggio con riscatto finale ormai concluso – fanno sapere la Comandante Di Giovanni e il Vice Primiterra -. Telecamere intelligenti di ultima generazione, grazie alle quali, tramite un software di gestione collegato alle banche dati, è possibile verificare e controllare auto in sosta o in transito, veicoli non abilitati alla circolazione perché non assicurati e non in regola con la revisione o rubati. Attraverso un segnale sonoro e visivo, gli agenti vengono avvisati sulla tipologia di anomalia riscontrata, consentendo loro di procedere al fermo del veicolo per il controllo diretto».

Chieti. Continua la lotta della Polizia Stradale di Chieti a quella che oramai rappresenta la principale causa di incidenti stradali: la guida in stato di ebbrezza alcolica.
Diverse le pattuglie schierate durante il fine settimana dal Comando Polizia Stradale di Chieti che hanno attuato mirati e specifici controlli lungo le maggiori arterie della città.
Al termine dei controlli 4 sono state le patenti di guida ritirate, immediatamente sul posto, ad altrettanti automobilisti risultati positivi alla prova con l’etilometro, due dei quali con un tasso alcolico ben oltre sopra il limite di legge rispettivamente di 0.70 e 0.82.
Intorno alle ore 1.20, durante l’effettuazione di uno specifico posto di controllo a Chieti Scalo, giunge presso la Sala Operativa, la chiamata di un incidente stradale nelle immediate vicinanze.
Giunti immediatamente sul posto dell’incidente ecco la sorpresa: alla conducente, una ragazza di 23 anni, studentessa a Chieti, è stata rilevato un tasso alcolico di ben quattro volte superiore a limite consentito, ben 2.27 g/l (limite consentito dalla legge 0.50 g/l). A causa pertanto dell’alcol e dell’eccessiva velocità, la ragazza, nell’affrontare una curva, ha perso completamente il controllo dell’autovettura finendo fuori strada e abbattendo dei pali della pubblica illuminazione. Per fortuna l’incidente si è risolto senza gravi conseguenze per gli occupanti dell’autovettura.
Controlli ancora più serrati saranno disposti nei prossimi fine settimana con l’obiettivo di garantire livelli più elevati di sicurezza stradale.

Chieti. ACS Abruzzo Circuito Spettacolo comunica che, per motivi organizzativi, la Rassegna di Teatro Emergente del Teatro Marrucino Chieti è stata rimandata e che le nuove date verranno comunicate appena disponibili.

Gli spettacoli in questione sono:

- D.N.A. Bulling Play martedì 20 febbraio
- Hallo! I’m Jacket! martedì 06 marzo
- Questa è casa mia martedì 10 aprile

Chieti. “Il Comune di Chieti, in questi anni, non ha aumentato le proprie spese, anzi, ha ridotto tutti i costi superflui. Il vero problema è tutto nella scarsa disponibilità di cassa per coprire il costo dei servizi e il funzionamento della macchina comunale e nei mancati trasferimenti erariali”. È quanto evidenzia il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, in merito alle annotazioni rilevate dal Collegio dei Revisori dei Conti sulle criticità di gestione dell’Ente.

«Il timore di una mancata tenuta dei conti è stato evidenziato dalla mia stessa amministrazione già durante il mese di maggio 2015 – spiega il Sindaco -, non a caso uno dei primi punti trattati durante la campagna elettorale era proprio quello della migliore gestione dei conti comunali con l’accertamento straordinario del disavanzo.
Ad oggi è stato fatto tutto il possibile per ridurre le spese ma i tagli fatti non sono comunque sufficienti a garantire, in toto, il costo dei servizi essenziali. Certamente – evidenzia il Sindaco – una delle questioni da risolvere, dopo aver subito i mancati trasferimenti statali, è la riscossione, per non parlare, purtroppo, della eccessiva evasione delle tasse e dei tributi comunali da parte dei cittadini. Troppe migliaia di euro mancano alle casse comunali a causa dei mancati versamenti per Tari, Tosap e Imu – stigmatizza il Sindaco – e purtroppo il discorso non cambia quando parliamo del pagamento per i servizi erogati: scuolabus, mense scolastiche, servizio idrico, etc. In questo non esente da responsabilità è anche la Teateservizi dalla quale ci aspettiamo una maggiore e qualitativamente più alta attività di recupero della evasione e della elusione. Al fine di fronteggiare il disallineamento temporale tra la riscossione e il successivo versamento nelle casse comunali da parte di Teateservizi preciso che si è già intervenuti sulla riscossione della Tari che, a partire dal mese corrente, verrà accreditata direttamente sul conto di tesoreria dell’Ente.

È vero – rileva il Sindaco - che al 31 dicembre avevamo 15 milioni di euro di anticipazione di Tesoreria, non nuovi debiti come scrive qualche giornale, ma è altrettanto vero che ciò è determinato dai mancati incassi e dalla necessità di garantire i servizi ed onorare gli impegni economici assunti. Tale situazione a dicembre dello scorso anno è stata determinata anche dal fatto che altri Enti non ci hanno trasferito quanto dovuto. Il Comune - rimarca il Sindaco - aspetta ancora che il Ministero della Giustizia restituisca 4.300.000 euro anticipati fino a settembre 2017 per le spese del tribunale, mentre ha dovuto aspettare, e ciò ha inciso sull’anticipazione, il pagamento da parte del Governo dei 3.300.000 euro di Imu. In ogni caso, visto che gli incassi derivanti dalle locazioni di immobili comunali residenziali e commerciali non è soddisfacente - ricordo che la riscossione dei fitti è affidata a Teateservizi - si sta valutando di affidare tale attività all’Agenzia delle Entrate e Riscossione. Con quest’ultima hanno già interloquito l’Assessore alle Finanze Valentina Luise e l’ufficio ragioneria del Comune.

Per quanto riguarda il predissesto – precisa il Sindaco - il collegio Revisori dei Conti, il 30 novembre 2017, chiamato a rispondere sulla questione in una commissione consiliare convocata ad hoc, ha affermato non esservi i presupposti di legge perché si potesse dichiarare. Certamente nulla può essere sottovalutato ed ogni soluzione, purché vada nel senso della tutela dei cittadini ed a favore della città deve essere correttamente presa in considerazione. Ricordo, però, che in caso di dichiarazione di predissesto, ipotesi al momento inesistente, il Comune otterrebbe dallo Stato un fondo di rotazione di 15 milioni di euro (300€/abit.) che servirebbero ad azzerare l’anticipazione ma non certo a risolvere il problema che, invece, vede nel solo aumento delle entrate la soluzione delle criticità di cassa. Di contro – chiosa il Sindaco - il predissesto porterebbe una serie di vincoli che finirebbero per ingessare e stringere mortalmente la vita amministrativa e conseguentemente le attività per la città: niente più assunzioni, niente investimenti, tasse al massimo, etc. Quella del predissesto, oggi, sarebbe una scelta da vigliacchi, che non mi appartiene – conclude il Sindaco -. Io e la mia amministrazione non scarichiamo sui cittadini le altrui inefficienze. Continueremo la politica dei tagli delle spese non necessarie, continueremo nell’azione di razionalizzazione ed efficientamento dei servizi, continueremo soprattutto nella revisione delle politiche e degli strumenti di riscossione. Per essere più chiari o Teateservizi si mostra all’altezza della situazione o saremo costretti a fare scelte diverse».

Chieti. Il Coro Selecchy si è esibito domenica 18 febbraio alle 18.00 nella Chiesa del Sacro Cuore di Chieti con un incantevole Concerto dedicato alla di solidarietà davanti ad un folto pubblico attento e coinvolto.

I Coristi, diretti in modo encomiabile dal soprano Mariarita D’Orazio, con lo splendido accompagnamento musicale del M.Mimmo Speranza e M.Pierpaolo Zenni e del percussionista Luciano Serraiocco hanno eseguito brani di celebri autori come Mozart, Rossini, Chilcott, Althouse, Offenbach, Coleman, Lauridsen. Di rilievo è stato l'intervento di Luca Fortunato, promotore dell'iniziativa di beneficienza, che ha spiegato le finalità dei volontari, che operano nella Capanna di Betlemme: aiutare e sostenere le persone in difficoltà. Presente anche l'Ass.alle Politiche Sociali, la Dott.ssa Emilia De Matteo, che ha elogiato tale manifestazione e ha ribadito la collaborazione del Comune nei confronti dei più bisognosi.

E' stata una meravigliosa serata all'insegna della generosità e della musica corale a servizio degli altri. E' un momento musicale rivolto alla cittadinanza, dedicato ai p e iù bisognosi. L'ingresso è libero.

Chieti. Approvato in Consiglio Comunale l’Ordine del giorno del Capogruppo di Fratelli d’Italia, Marco Di Paolo, per l’identificazione del personale dell’Amministrazione Comunale a contatto con il pubblico.

“Desidero ringraziare i Consiglieri Comunali che, questa mattina, hanno votato l’approvazione del mio Ordine del Giorno con il quale ho chiesto che anche presso gli uffici comunali venga adottata la disposizione prevista dall’art. 55 novies del decreto legislativo 165 del 2001”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Comunale, Marco Di Paolo.

“Tale disposizione prevede che i dipendenti delle pubbliche amministrazioni, i quali svolgano attività a contatto con il pubblico, siano tenuti a rendere riconoscibile il proprio nominativo mediante l’uso di cartellini identificativi o di targhe da apporre presso la postazione dilavoro.

La norma persegue l’obiettivo di attuare la trasparenza nell’organizzazione e nelle attività delle pubbliche amministrazioni inserendosi nell’ampio contesto delle misure introdotte con il fine di rendere trasparente l’azione amministrativa e di agevolare i rapporti con l’utenza responsabilizzando, al contempo, i dipendenti”.

Chieti. Stamane a margine dei lavori di Consiglio comunale, il Sindaco di Chieti Umberto Di Primio avrebbe dichiarato che la responsabilità per la situazione di crisi economico-finanziaria in cui versa l'ente sarebbe da attribuire ai cittadini che evadono le tasse.

Secondo i Consiglieri comunali del MoVimento 5 Stelle Ottavio Argenio e Manuela D'Arcangelo si tratta dell'ennesimo goffo tentativo del Sindaco di esonerarsi da responsabilità che ormai nessuno può più nascondere.

Secondo Argenio, “Siamo di fronte all'ennesima sciocchezza di un Sindaco che in una sorta di delirio onirico cerca di convincere sé stesso ed i pochi che ancora gli danno credito, che lui non ha nessuna responsabilità per quello che sta avvenendo nel nostro disgraziato Comune”.

“La verità – prosegue il Capogruppo del M5S - è ben altra e le responsabilità di Di Primio che amministra Chieti da ormai 8 anni, sono tali e tante da essere ormai ingombranti.”

“Alcuni esempi possono far comprendere meglio di cosa stiamo parlando: questo Sindaco ha sottoscritto un accordo milionario con la società Formula Ambiente relativamente alla raccolta differenziata che di fatto, ha comportato un sensibile aumento della TARI a carico dei cittadini con un contestuale aumento delle difficoltà di pagamento. A nostro avviso il Comune non doveva riconoscere alcunché a Formula Ambiente poiché il Capitolato d'appalto ed il successivo contratto non prevedevano oneri ulteriori a carico dell'ente. Quindi o il contratto era stato redatto da persone poco capaci o è stata poco avveduta l'Amministrazione”.

“Ma abbiamo anche altri esempi – continua la D'Arcangelo - come la cronica incapacità di attrarre finanziamenti e di programmare interventi mirati. Basti pensare ai 700.000 Euro che il Comune non è riuscito a farsi accreditare per il lavori di manutenzione degli asili nido. Situazioni come questa sono il preludio al riconoscimento dei debiti fuori bilancio. Per non parlare dei premi che vengono pagati ai Dirigenti degli uffici senza che sia stata mai fatta una corretta operazione di valutazione delle performance cioè dei risultati realmente conseguiti ai quali sono parametrati i c ompensi.”

“Noi abbiamo provato a chiarire la situazione – precisa Ottavio Argenio – nel mese di settembre, quando abbiamo presentato una richiesta all'Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale affinché venisse istituita una speciale Commissione d'inchiesta così come previsto dal Regolamento. Abbiamo pensato a questo particolar strumento proprio perché riteniamo che sia necessario, da parte del Consiglio comunale, fare estrema chiarezza anziché continuare a dar credito alle sirene di una amministrazione ormai allo sbando, il cui vertice pensa solo ed esclusivamente al suo futuro politico. Riteniamo che sia inconcepibile attribuire la responsabilità della tensione economico-finanziaria ai cittadini senza sapere a quanto realmente ammonta l'evasione e quale peso ha sulla situazione deficitaria complessiva del Comune. Abbiamo appreso che la nostra proposta ha ricevuto tutti i visti di regolarità da parte degli Uffici ma ciò nonostante, è ancora ferma in qualche cassetto e non viene presentata all'Assise civica che la dovrebbe discutere e votare. Proprio questa mattina, durante la seduta di Consiglio comunale che ha visto approvare il nostro ordine del giorno relativo al Poliambulatorio di via De Litio, sono stato costretto ad intervenire al fine di ammonire l'Ufficio di Presidenza affinché quella proposta sia messa tra i punti all'ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale. Siamo stanchi dell'incompetenza di questo Sindaco e delle persone delle quali si è circondato e riteniamo che nessuno possa più accontentarsi di proclami e chiacchiere. Chieti ha assoluto bisogno di fatti!".

Chieti. L’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Chieti, Giuseppe Giampietro, rende noto che, nella seduta odierna il Consiglio Comunale ha provveduto a designare i Consiglieri Comunali che faranno parte della Commissione Comunale per il servizio di refezione scolastica, composta, quali membri di diritto, dal Sindaco, dal responsabile del Settore Pubblica Istruzione, dal rappresentante della ditta aggiudicataria del servizio, dai Dirigenti scolastici dei quattro Istituti Comprensivi cittadini.

Della Commissione faranno parte i Consiglieri Comunali di maggioranza Marco Di Paolo e Clara Ricciardi (supplenti i Consiglieri Graziano Marino e Diego Costantini); la Consigliera Comunale di minoranza Teresa Giammarino (supplente Manuela D’Arcangelo).

Il Regolamento della Commissione Mensa è stato approvato dal Consiglio Comunale il 9 agosto 2017. Tale Regolamento, su input del Consigliere Comunale Marco Di Paolo, ha istituito delle Sub Commissioni presso ogni plesso scolastico, composte ciascuna da rappresentanti dei genitori e da un docente designato dal Dirigente scolastico. L’organismo avrà il compito di monitorare e verificare, nel rispetto della normativa vigente, il servizio e il rispetto del capitolato.

«Grazie al lavoro svolto in sinergia con i genitori, con le scuole e con il fondamentale contributo delle Commissioni Consiliari – ha commentato il Consigliere Comunale, Marco Di Paolo - abbiamo voluto che il servizio fosse improntato alla massima trasparenza facendo partecipare i genitori direttamente alla verifica periodica del servizio per effettuare controlli che, naturalmente, l’Ufficio comunale preposto continuerà a svolgere».

«La Commissione per il servizio di refezione scolastica – ha aggiunto la Consigliera Comunale Clara Ricciardi - nasce con la precipua finalità di raccogliere tutte le istanze dei genitori perché la tutela della salute dei bambini è una nostra priorità. Da parte mia vi è la volontà a dare tutto il mio contributo e la piena disponibilità per ascoltare le istanze di ciascuno».

Chieti. La Trattoria Di Renzo di Chieti e la THE MAC LIVE sono lieti di presentare una serata da brivido....Diventa investigatore per una sera e grazie agli indizi veri o falsi scopri chi è l'assassino...Chieti si tinge di giallo. Un illustre docente universitario, storico famoso e appassionato astrofilo, precipita dalla torre della sua lussuosa residenza.Chi poteva volere la sua morte? E perché? Interrogativi a cui è difficile rispondere: la sera del delitto,nella sua casa c’erano cinque persone. Il destino di ognuna si incrociava, per qualche ragione,con quello del professore. Ma chi,materialmente, ha ideato e portato a termine l’omicidio? Il difficile compito di scoprirlo sta a voi. Una serata particolare,insolita ed avvincente nella quale tutti potranno cimentarsi col proprio intuito investigativo per tentare di risolvere l’intricato caso del “Delitto al Castello”, ultimo format teatrale della Compagnia Delizie e Delitti composta da tutti attori professionisti. Indizi,depistaggi, interrogatori metteranno a dura prova i partecipanti alla cena ognuno dei quali,come in ogni cena con delitto,si trasformerà in” Detective per una sera” affiancando il Commissario con domande ed osservazioni in un intrigante gioco di ruolo. Gli attori protagonisti sono Angelo Del Romano ,Simona Berardocco, Fabio Fusco,Martina D’Addazio, Piero Campilii,Enrico Dani ,service Umberto De Palma,gli attori tutti professionisti teatrali,televisivi e cinematografici ed anche doppiatori.
Tra i recenti lavori degli attori sopra citati spiccano quelli di Angelo Del Romano: Il film di Claudio Amendola in “ Il Permesso 48h fuori” ,la serie televisiva di Rai Gulp nella III stagione di “Maggie & Bianca Fashion Friends “e il film Maccio Capatonda “Omicidio all’italiana “ e di Piero Campilii che ha lavorato nella commedia teatrale “ Separati “ di Alessandro Capone.
Una serata avvincente, divertente e insolita, da trascorrere con amici all'insegna del giallo. Venedi 23 Febbraio 2018 ore 20.30 presso la Trattoria Di Renzo a Chieti. Cena + spettacolo €. 25,00. Prenotazione obbligatoria. Info e prenotazioni 340 2203950.

Pagina 1 di 120

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione