Lanciano. Proseguono le iniziative del Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano in occasione del suo cinquantesimo anniversario. Mercoledì 16 gennaio 2019 è in programma una giornata dal titolo “Le Pietre di inciampo e la famiglia Grauer”, inserita nell’ambito delle manifestazioni per il Giorno della Memoria.

L’iniziativa è in ricordo della Famiglia Grauer, arrestata a Lanciano e deportata ad Auschwitz. Nel 1943, Samuel Grauer con la moglie Rosa, il primogenito Marco, 3 anni, e Tito, di appena un anno, furono arrestati a Lanciano. Cominciò il loro calvario con la detenzione a Chieti, L’Aquila, Firenze e Milano. Il 30 gennaio 1944 furono messi su un convoglio ferroviario e il 6 febbraio giunsero ad Auschwitz.

Studenti e docenti si ritroveranno in due distinti momenti, entrambi aperti a tutta la cittadinanza.

Alla 11, presso la Sala consiliare del Comune di Lanciano i ragazzi dello Scientifico narreranno e discuteranno di internamento, dei bambini Tito e Marco Grauer, di Memoria e di pietre di Inciampo. Lo faranno con Leo Marongiu, presidente del Consiglio comunale di Lanciano e con Giacinto Verna, assessore all’Istruzione.

L’incontro sarà preceduto dai saluti del sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, e della dirigente dello Scientifico, Eliana De Berardinis.

Alle 14, invece, presso largo San Giovanni (considerata la ‘porta di ingresso’ al Ghetto), ci sarà la messa in opera delle Pietre di inciampo da parte dell’artista tedesco Gunter Demnig, in ricordo della famiglia Grauer. Ai ragazzi dello Scientifico il compito di raccontare la storia e il significato delle Pietre di inciampo, oltre ad esibirsi in un intervento musicale con le chitarre di Pietro Bonanni, Alessandro Muscente e Davide Marcaccini e il violino di Angelo Ciavarelli.

Le Pietre d'inciampo (in tedesco Stolpersteine) sono una iniziativa dell'artista tedesco Gunter Demnig per depositare, nel tessuto urbanistico e sociale delle città europee, una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti. L'iniziativa, attuata in diversi paesi europei, consiste nell'incorporare, nel selciato stradale delle città, davanti alle ultime abitazioni delle vittime di deportazioni, dei blocchi in pietra ricoperti da una piastra di ottone posta sulla faccia superiore.

“Il Liceo Scientifico di Lanciano – sottolinea il Dirigente Eliana De Berardinis – è la prima scuola in Abruzzo a realizzare questo progetto di ricordo e memoria di una delle pagine più tristi della nostra storia. Si tratta di un’altra testimonianza di sensibilità, dopo quella dell’intitolazione dei corridoi della scuola ai Martiri lancianesi. Data l’importanza dell’iniziativa – conclude il dirigente – invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare”.

 

Lanciano. Nel video una breve clip le immagini più belle della corsa podistica che si è svolta a Lanciano nel tardo pomeriggio del 26 dicembre. In tanti hanno corso vestiti da Babbo Natale!

Lanciano. “E' stato un augurio particolare, che in tantissimi hanno apprezzato”. E' stata un successo l'iniziativa che il 23 dicembre scorso si è svolta a Lanciano, a margine della tradizionale Squilla, campanella della pace che suona per un'ora e che viene preceduta da una processione con fiaccolata. Terminati il corteo religioso e gli auguri della autorità, in piazza Plebiscito, due aziende di Lanciano hanno offerto prodotti d'eccellenza. La società Agrumato, di Francesco Ricci, ha portato i propri Pan’Agrumato, tra cui l'apprezzatissimo Pan’Agrumato al Montepulciano, prelibatezza dolciaria esportata in tutto il mondo; mentre la cantina “Eredi Legonziano” ha scelto di presentare spumanti prodotti col metodo classico. Ed è stato un autentico assalto da parte dei cittadini che hanno ben accolto la proposta e degustato specialità del territorio. “Dal canto nostro – spiega Ricci – abbiamo tagliato 5 Pan'Agrumato... giganti, da cinque chili, realizzati per l'occasione, e poi 25 di quelli più piccoli, per un totale di 50 chili di Pan'Agrumato consumati. Siamo davvero contenti della riuscita di un'iniziativa che di sicuro andremo a proporre anche nei prossimi anni”. A... ruba anche le bollicine, con decine e decine di bottiglie stappate e una miriade di brindisi. Eredi Legonziano ha voluto chiudere così i festeggiamenti dei 50 anni dalla fondazione della cantina. “Ringraziamo – conclude Ricci – anche l'amministrazione comunale, molti esponenti dei quali, di maggioranza e di opposizione, sono stati presenti. E in particolar modo ringraziamo il sindaco Mario Pupillo, che si è anche prestato, con goliardia e nel piacere della compagnia, al taglio di uno dei Pan'Agrumato”.

 

Lanciano. Si è tenuta ieri sera a Lanciano (Ch) l’inaugurazione ufficiale del primo punto franchising Gramburger, il nuovo concept di fast food all’italiana.Il taglio del nastro del progetto che si espanderà in tutta Italia è avvenuto in Abruzzo, regione che per prima ha sposato l’idea di avviare l’iniziativa che si propone di promuovere le eccellenze gastronomiche locali rivisitate in chiave moderna.
Carni di qualità tutte rigorosamente di origine italiana si sposano con un design del menu, del locale e dei particolari che non lascia nulla al caso; tutto curato nei minimi dettagli con esclusività ed eleganza.
“L’emozione di tagliare il nastro del primo punto Gramburger è stata tanta – ha commentato l’imprenditore abruzzese Rocco Finardi, ideatore del progetto – dopo due anni di meticoloso lavoro durante il quale sono stato affiancato da uno staff di professionisti, l’idea diventa realtà”.
“Come già annunciato più volte – aggiunge – la nostra priorità è la qualità, useremo solo prodotti certificati. Da questo momento in poi si lavorerà inoltre sulla valutazione delle proposte, che già sono numerose, provenienti da tutta Italia per l’apertura di nuovi punti”.
La ricerca delle materie prime e di qualità è il fiore all’occhiello del progetto internazionale di fast foodGramburger che promuove costantemente il territorio attraverso le sue eccellenze gastronomiche.
Sono tante le proposte gastronomiche che richiamano la territorialità: l’”Abruzzese” ad esempio, l’hamburger “forte e gentile” fatto di carne di arrosticini con pecorino abruzzese e ventricina; oppure il “Toscanaccio” con carne chianina, salsa al pepe nero e lardo di Colonnata; “Uagliò” che è il binomio perfetto tra friarelli e hamburger di salsiccia affumicata con qualche goccia di tabasco affumicato; la “Fassona Piemontese” con carne di Fassona e tomino piemontese DOC; il “Trevigiano” con hamburger di manzo, noci e radicchio; il “Marchigiano” con hamburger di carne marchigiana, peperoncini rossi e salsa bbq; “Ventricina” con hamburger di ventricina abruzzese e provola arrostita filante. Oltre ai piatti principali, sono altrettanto numerose le stuzzicherie che richiamano il territorio come ad esempio le “patatine all’abruzzese” ovvero patatine fritte al cono con crema di formaggio pecorino e bocconcini di arrosticino.
E’ proprio questa l’idea di Gramburger: partire dalla qualità dei prodotti e nello specifico delle carni, che sono tutte rigorosamente registrate,e comporre in chiave moderna, prendendo spunto dall’idea di fast food, proposte che parlino delle regioni italiane, che facciano toccare con mano il gusto dei prodotti che identificano i singoli territori.
Un progetto sicuramente ambizioso che rappresenta un’innovazione assoluta nel mondo della gastronomia italiana e che ha tutte le carte in regola per andare oltre i confini nazionali.

Lanciano. Si terrà sabato 22 dicembre alle ore 18.00 a Lanciano (Ch), in via Ferro di Cavallo, l’inaugurazione ufficiale di Gramburger, il primo fast food all’italiana. Sarà l’Abruzzo la regione pilota con il primo punto franchising della catena che premia i prodotti di qualità della gastronomia italiana.
L’intuizione di creare ilprogetto, che ha la finalità di promuovere un nuovo concept di fast food all’italiana e che mette insieme un’ampia scelta di carni di origine italiana, l’attenzione alla qualità, menu e design personalizzati, è stata proprio dell’imprenditore abruzzese Rocco Finardi, conosciuto e apprezzato nel panorama della gastronomia locale.
Gramburger è una iniziativa che da un lato premia la tradizione con l’utilizzo dei prodotti tipici del territorio e dall’altro si pone come idea estremamente innovativacon un progetto internazionale di fast food che utilizza le eccellenze locali.
In effetti Gramburgerlavorerà solo con carni regionali e con prodotti registrati. Alcune delle carni pregiate che si potranno degustare a Lanciano saranno la piemontese fassona, la chianina e la marchigiana. Invece tra i panini, che faranno parte del menu e che peraltro godono già di un marchio registrato, ci saranno l’Abruzzese, fiore all’occhiello delle proposte,il Tradizionale, il Toscanaccio, Uaglió e tanti altri ancora.
L’appuntamento è per sabato 22 dicembre con brindisi di benvenuto e buffet.

Lanciano. Sempre più lavoratori, cittadini, attività economiche, aziende, ma anche enti, hanno difficoltà ad effettuare pagamenti, finendo così in spiacevoli situazioni di sovraindebitamento. In questi casi capita che si subiscano aggressioni economiche, psicologiche e sociali, con esecuzioni, pignoramenti, perfino ricatti e pressioni da parte dei creditori. Con conseguenti problemi che recano crollo psicologico, disagio familiare, perdita di autostima, la svendita inutile del proprio patrimonio in asta. Per combattere tutto questo a Lanciano è nato lo “Sportello del sovraindebitamento”, in cui operano da tempo professionisti “esperti nelle nuove e definitive soluzioni di difesa, nelle quali lo Stato garantisce il sovraindebitato”. “Negli ultimi anni – viene fatto presente dagli operatori dello Sportello - abbiamo assistito ad un aumento esponenziale delle procedure esecutive, coattive, sfratti, tutte nate dal'affannoso recupero di crediti. L'impatto sociale è stato talvolta devastante, motivo che ha perfino spinto il legislatore ad introdurre frettolosamente la normativa "antisuicidi”, importata da ordinamenti stranieri. Presso questo Sportello si trova una sicura e qualificata e personalizzata assistenza – viene fatto presente – e la crisi da sovraindebitamento può essere affrontata con screening, impostazione accordo, e possono essere trovati accordi e soluzioni, sotto l'egida del Tribunale di circoscrizione. Il tutto nella massima riservatezza. Si può così salvare il patrimonio residuo; evitare pignoramenti ed altre aggressioni dai creditori; ritrovare sicurezza e serenità in famiglia, con rispetto e fiducia. Insomma ritrovare la serenità. Fino al 16 gennaio prossimo lo screening iniziale e le informazioni sulla procedura sono gratuite”.
Lo sportello si trova a Lanciano in via Fauro 1, ma anche a Luco dei Marsi in via Padova 1. Info 0872 713980 – 388 0728241 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lanciano. Sarà una Squilla più... dolce e frizzante quella del prossimo 23 dicembre a Lanciano. Nella città frentana da più di 400 anni si celebra la Squilla, ricorrenza che risale al 1607, quando monsignor Paolo Tasso, arcivescovo di Lanciano, all'antivigilia di Natale, iniziò a recarsi in pellegrinaggio alla chiesetta di contrada Iconicella, per rievocare il cammino di Giuseppe e Maria verso Betlemme.

Cammino accompagnato dal rintocco della “Squilla”, la campanella della torre civica. Da allora, ogni anno, si rinnova la processione, con le fiaccole, fino alla chiesa dell'Iconicella e, al rientro del corteo, religioso, ecco il suono della “Squilla”, dalle 18 alle 19. Poi ad essa si uniscono tutte le campane della città. Con il seguente rituale scambio di augurio di pace.

Quest'anno, a conclusione della processione e al termine degli auguri da parte delle autorità, piazza Plebiscito si animerà con una degustazione di prodotti d'eccellenza, proposti da due aziende del territorio. La società Agrumato, di Francesco Ricci, porterà i propri Pan’Agrumato, tra cui il famoso Pan’Agrumato al Montepulciano, prelibatezza dolciaria esportata in tutto il mondo e che, la scorsa estate, è stata insignita a New York del prestigioso Sofi Awards, l’Oscar del food.

Il Pan’Agrumato, che prende spunto dalla ricetta del classico panettone, in realtà rappresenta l’evoluzione creativa e salutista del più classico dei dolci natalizi italiani. Infatti viene realizzato solo con gli Oli Agrumati dell’azienda lancianese, che per prima in assoluto ha creato un’intera gamma di questi preziosi condimenti, che sostituiscono il burro, trasformando così un prodotto altamente calorico, in uno a bassissimo contenuto di grassi, di colesterolo, privo di lattosio e derivati del latte, e quindi con molte meno calorie, ma che mantiene inalterate, anzi esalta morbidezza e fragranza. Come afferma Ricci...: “Il Pan’Agrumato non è un panettone , è molto di più. Da quando, come azienda siamo nati, nel 1989 – aggiunge - , il nostro obiettivo è quello di riscoprire e valorizzare prodotti “desueti” e di crearne e valorizzarne di nuovi in chiave salutista ovvero nutraceutica”. Per l'occasione saranno realizzati Pan'Angrumato... giganti, da 5 chili l'uno.

La cantina Eredi Legonziano, invece, farà assaggiare le proprie... bollicine. Spumanti prodotti con metodo classico, di cui è stata pioniera in regione. Valentino Di Campli, presidente di Eredi Legonziano: “Quest'anno – dice - ricorrono i 50 anni dalla fondazione della cantina Eredi Legonziano, allora Madonna del Carmine, e per tutto il 2018 siamo stati impegnati in una serie di iniziative volte a celebrare questo traguardo, non ultima la bellissima degustazione di annate storiche dei nostri spumanti che si è tenuta il 30 novembre scorso al Polo museale Santo Spirito. Non c'è modo migliore di chiudere i festeggiamenti che con un brindisi a base dei nostri spumanti abruzzesi durante la Squilla, una delle più sentite e partecipate feste della tradizione di Lanciano”.

“Un'idea quella della Squilla 2018 – spiega Ricci – che ci è venuta, parlando anche con il sindaco Mario Pupillo, sempre attento a valorizzare le aziende del territorio e che ha voluto che tale iniziativa si concretizzasse. Questo vuole essere un modo per stare più vicino, ed insieme, alla città in cui lavoriamo e operiamo da sempre. Vogliamo augurare delle buone feste, con le nostre specialità”.

Lanciano. Sarà un venerdì di musica, agricoltura e solidarietà, questo 14 dicembre, che vedrà protagoniste la Cia Abruzzo (Confederazione italiana agricoltori), l’Ases, la Progetto Etiopia Onlus - Lanciano e il Comune.

Tutti insieme per tre attività principali: il mercatino di Natale delle tipicità regionali, il convengo Agricoltura & Solidarietà, e il concerto di beneficenza con il gruppo RinoMinati, unofficial Rino Gaetano tribute band. Prevista la partecipazione straordinaria di Marco Morandi (voce, chitarra acustica e violino), figlio d’arte del noto cantante italiano. Sul palco anche Federico D’Angeli alla voce e chitarra acustica, Andrea Ravoni alla chitarra elettrica, Giorgio Amendolara alle tastiere, pianoforte e voce, Menotti Minervini al basso e Yuri Carapacchi alla batteria.

Questi luoghi ed orari degli appuntamenti in programma:
- il mercatino, con le aziende aderenti all circuito La spesa in campagna, si terrà in piazza Plebiscito, dalle 10 alle 19;
- il convegno è invece organizzato presso il Palazzo degli Studi (al civico 72 di corso Trento e Trieste) alle 15.30;
- il concerto di beneficenza è in arrivo al teatro Fenaroli di via dei Frentani alle 20.30.

I biglietti per la serata costano 10 euro e possono essere prenotati presso le sedi Cia su tutto il territorio regionale. Ad esempio: a Lanciano in via Milano 26, a Guardiagrele in via Tripio 94/1, a Pescara in via Milano 19, a Chieti in viale Maiella 87, a Vasto in via Maddalena 91, a Teramo in Via P. Gammelli 8, a L’Aquila in via Montorio 2. Le numerose sedi sono segnalate sul sito www.ciaabruzzo.it. Per ulteriori info: 345/3183708 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Il ricavato sarà devoluto all'acquisto di buoi e sementi per la popolazione dei Gumuz, tribù originaria del Nord Sudan presente in Etiopia dalla fine dell'800.


L’intera iniziativa è promossa al fine di favorire la collaborazione tra le comunità rurali locali e i paesi in via di sviluppo. L’Ases, con sede centrale a Roma, è attiva dagli anni ’70, è riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri e opera come organizzazione no profit di riferimento della Cia. Coinvolge numerosi imprenditori agricoli italiani che mettono a disposizione - anche in prima persona - le loro competenze e conoscenze per la crescita di intere comunità di coltivatori e agricoltori nel paesi del Sud del mondo.

Non pochi, in quest’ottica, i punti in comune con la Progetto Etiopa Onlus - Lanciano, presieduta da Angelo Rosato, presente nel Corno d’Africa da oltre 10 anni, responsabile della costruzione di pozzi per l’acqua potabile, scuole in muratura e campagne di sensibilizzazione per la difesa dei diritti umani fondamentali.

Lanciano. L’Officina Storica Sangritana di Lanciano torna ad essere teatro di laboratori, performance ed esibizioni dell’innovazione didattico-pedagogica con “OFFICINA DIGITALE 2018” - «ABRUZZO CODING» tra pensiero computazionale e didattica laboratoriale, in programma venerdì 23 novembre 2018 a partire dalle 15.45.

L’idea di tornare nella grande Officina storica della Sangritana è nata e condivisa tra l’Associazione (Rete di Abruzzesi per il Talento e l’innovazione) e ben 18 Scuole dell’Ambito scolastico 7 del Sangro Aventino resa possibile dalla reiterata ospitalità dell’omonima Azienda trasporti.

Come per le gloriose edizioni delle “Notti dei ricercatori” si torna in un luogo suggestivo ed evocativo che ben si presta ad ospitare eventi dai robusti e coraggiosi contenuti innovativi

Questa volta sono gli alunni e gli inseganti delle Scuole di ogni ordine e grado a presentare alla Comunità locale di appartenenza le attività derivanti dalla innovazione didattico-pedagogica realizzata in questo ultimo triennio; è questo il senso dell’evento organizzato dai Dirigenti scolastici insieme ai Soci dell’associazione RATI, in programma venerdì 23 novembre dalle 15.45 presso l’Officina storica della Sangritana, con ingresso dalla vecchia Stazione (Piazzale Dellarciprete).

Per l’occasione, l’Officina, ospiterà tanti box quanti sono gli Istituti partecipanti, sul concetto del Make Faire. In essi si svilupperanno performance, laboratori, proiezioni, iniziative live delle singole scuole che ‘animeranno’ il pomeriggio all’insegna dei nuovi ‘linguaggi’ e sistemi educativi e didattici: il Pensiero computazionale, il Coding, la Robotica educativa rappresentano infatti strumenti preziosi per sviluppare una scuola all’altezza dei tempi, capace di creare negli alunni una attitudine all’apprendimento per tutta la vita. I visitatori potranno fare il giro, soffermarsi ed interagire con il personale scolastico presente.

A questa prima fase, intervallata con un passaggio musicale reso dalla Orchestra giovanile dell’Istituto comprensivo di Castelfrentano, seguirà una tavola rotonda animata dalla Dirigente Responsabile di Ambito, Costanza Cavaliere e partecipata da due esperti di livello nazionale, la prof.ssa Anna Mancuso e l’ing. Ireneo Germani che tratteranno tematiche di grande impatto innovativo.

L’evento collegiale si colloca tra la «Settimana europea del Coding 2018» e la «Settimana europea della Robotica educativa 2018» grandi manifestazioni che annualmente si svolgono in contemporanea in moltissime scuole dei 27 Paesi dell’Unione europea. L’Associazione RATI ne è referente per l’Abruzzo e le scuole del Sangro Aventino ne sono protagoniste di rilievo sin dal 2015.

“Si tratta – sottolineano all’unisono i Dirigenti Scolastici e la presidenza della Associazione RATI – di un grande evento nel quale la «scuola presenta se stessa alla sua comunità» con spirito festoso e con il protagonismo proprio degli alunni e degli insegnanti. Si vuole cogliere, con questo evento collegiale, la magnifica occasione fornita dalla Unione Europea per coinvolgere anche le famiglie, le istituzioni, le organizzazioni sociali e culturali in una riflessione collettiva, per elevare la percezione dell valore strategico della scuola e sugli sforzi che in essa si compiono proprio sul terreno della innovazione didattica”. Difatti, la manifestazione è aperta ed è rivolta al mondo scolastico, alle famiglie, ai rappresentanti delle istituzioni, delle organizzazioni sociali e culturali ed è sostenuta dalla VALAGRO, dalla BPER.

La conclusione prevede un “aperitivo a km zero” offerto dal consorzio Citra, dal Gal Maiella verde e l’Istituto alberghiero di Villa Santa Maria.

Lanciano. Ascom Abruzzo chiede al Comune di Lanciano la sospensione dei parcometri e quindi del pagamento dei parcheggi per il periodo delle feste.

“La sospensione temporanea dei parcometri , e quindi dei parcheggi a pagamento, per il periodo festivo che va dal 7 dicembre 2018 all'8 gennaio 2019 per dare un po’ di ossigeno alle aziende commerciali del centro e della periferia, almeno per il periodo di Natale vista la grave crisi del settore nella nostra città, a causa anche della Ztl e dei lunghi lavori in corso che di fatto rendolo impraticabile il cuore di Lanciano, scoraggiando i consumatori”. E' quanto chiede Angelo Allegrino, presidente di Ascom Abruzzo, in una lettera, inviata al sindaco del Comune di Lanciano, Mio Pupillo. “E' necessario – aggiunge Allegrino – anche che si organizzino manifestazioni ed eventi tali riuscire a portare a Lanciano, che ha sempre meno attrattiva sul territorio, visitatori ed ospiti”. Inoltre si chiede che al momento della attivazione dei nuovi parcometri “si adotti la sosta di cortesia, ovvero la sosta della prima ora GRATIS, affinché la salvaguardia delle impese commerciali sia una priorità per questa amministrazione”.

Pagina 1 di 33

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione