Montesilvano. C'è tempo fino al 21 giugno per effettuare l'iscrizione agli asili nido comunali. 50 i posti a disposizione per i bimbi dai 3 mesi ai 3 anni, per l'anno scolastico 2018/2019. Gli asili nido sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17. L’entrata è prevista dalle 8 alle 9:30.

Oltre alle domande dovranno essere allegati il certificato di vaccinazione e l’attestazione ISEE in corso di validità. Possono presentare le domande le famiglie di bambini residenti nel Comune di Montesilvano. Per i non residenti le domande verranno prese in esame solo una volta esaurite quelle presentate dai residenti e verrà applicata la retta massima maggiorata del 30%. L’Azienda Speciale stilerà una graduatoria sulla base di uno specifico punteggio: 5 punti per i bambini i cui genitori lavorano entrambi; 3 per i bambini con un genitore studente; 3 per quelli con un genitore disabile; 2 per bambini nel cui nucleo familiare sia presente un disabile diverso dal genitore; 2 per gemelli o fratelli da inserire nei nidi comunali. A parità di punteggio il criterio di precedenza è determinato dal minor reddito del nucleo familiare, risultante dalla certificazione ISEE presentata all’atto della domanda di ammissione. La graduatoria sarà pubblicata entro il 13 luglio. Le domande dovranno essere presentate utilizzando i moduli a disposizione presso gli uffici dell’Azienda Speciale tutti i giorni dalle ore 9:30 alle 12:30.

Intanto proseguono i lavori di adeguamento sismico dell’asilo nido “Lo Scoiattolo” di via Chiarini, dove sono stati effettuati interventi di rinforzo strutturale, mediante il consolidamento di travi e pilastri con rete in fibra di carbonio, la realizzazione di intonaco deumidificante, la demolizione e il rifacimento della pavimentazione, la tinteggiatura interna ed esterna, l’impermeabilizzazione e la coibentazione, il rifacimento della copertura, gli impianti elettrico e meccanico, la riorganizzazione degli spazi, in linea con le prescrizioni della Asl e dei Vigili del Fuoco e la realizzazione di servizi igienici accessibili, nonché lavori nelle aree esterne.

«I bambini della nostra città - sottolinea l’assessore Parlione - inizieranno il loro nuovo anno scolastico, in una struttura moderna, accogliente ma soprattutto sicura. Teniamo particolarmente al patrimonio scolastico del territorio. Abbiamo avviato il completamento del piano superiore della scuola dell’infanzia Gen. Giuseppe Dezio in via Adda e affidato gli interventi per la realizzazione di una nuova scuola in via Sospiri. L’ambiente esterno incide anche sulla qualità della formazione».

Montesilvano. "In merito alla nota diramata dall'assessore Paolo Cilli sull'abbandono indiscriminato dei rifiuti, noto con soddisfazione che è stato superato l'iniziale scetticismo verso lo strumento delle fototrappole, introdotto grazie ad una mozione del M5S, e che anzi viene espressa la volontà di potenziarne l'utilizzo".
Così in una nota Cristhian Di Carlo, consigliere comunale del M5S Montesilvano, che aggiunge: "Nell'ottica di assicurare un miglior servizio a beneficio della cittadinanza, mi permetto ancora di intervenire: suggerisco di dare massima diffusione alle foto scattate ai contravventori, poiché sono un magnifico deterrente, e di dare maggior risalto al numero verde per il ritiro gratuito per i rifiuti ingombranti. Ho infatti osservato con sgomento che sui manifesti 6x3 affissi recentemente per la campagna contro l'abbandono dei rifiuti, il numero verde, da scrivere con caratteri cubitali, era invece totalmente assente!".

Montesilvano. A seguito dei sopralluoghi effettuati dal sindaco Francesco Maragno e dall’assessore Paolo Cilli sono stati individuati diversi punti in cui sono stati abbandonati rifiuti ingombranti, prontamente rimossi da Formula Ambiente, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti sul territorio comunale. «Via Livenza, via San Gottardo, via Aterno, via Rimini, via Venezia, via Torrente Piomba, via Crati e via Saline. E’ questo il lungo elenco delle vie che questa mattina Formula Ambiente ha dovuto ripulire dagli abbandoni selvaggi da parte di cittadini incivili che imbratta senza ritegno la nostra città» - ha affermato l’assessore all’igiene urbana, Paolo Cilli -. Anche oggi, molte strade di Montesilvano sono state trasformate in discariche a cielo aperto, da parte di persone che hanno abbandonato divani, sanitari, reti, materassi e mobilia varia. E’ veramente inaccettabile - prosegue Cilli - che ci sia questa totale assenza di rispetto per le regole, ma soprattutto per se stessi. Molte di queste strade, giusto sabato scorso, erano state ripulite sempre a causa di abbandoni selvaggi e stamani erano già invase da rifiuti di ogni genere. Questi atti causano interventi extra da parte della ditta che quindi viene distolta dalle operazioni di pulizia ordinaria della città. Non comprendiamo perché i cittadini non utilizzino il servizio di prenotazione, gratuito, per il ritiro degli ingombranti e continuino a lasciarli sulle strade. Intensificheremo i controlli, sia potenziando il numero delle foto trappole che attraverso un’attività da parte della polizia locale, inasprendo anche le sanzioni per tutti i trasgressori. L’auspicio è che una volta ultimati i lavori per la realizzazione del centro di raccolta di via Inn, i cittadini utilizzino questo luogo per conferire i loro rifiuti ingombranti. Per vivere in un ambiente pulito è fondamentale che tutti facciano la loro parte, rispettando le regole del buon senso. Ad oggi purtroppo constatiamo che non è così».

Per programmare la raccolta di rifiuti ingombranti è possibile prendere un appuntamento, telefonando al numero verde 800195315.

Montesilvano. Da oggi la scuola dell’infanzia e primaria di via Campo Imperatore della Direzione Didattica di Montesilvano porta il nome di Maurizio Berardinucci, il vigile del fuoco, morto ad ottobre 2013 in seguito alle gravissime ferite riportate in occasione dell’intervento di soccorso per l’esplosione della fabbrica di fuochi pirotecnici “Di Giacomo” di Villa Cipressi a Città Sant’Angelo. Berardinucci è stato insignito della Medaglia d’oro al Valore Civile, postuma, conferita dal Capo dello Stato il 14 ottobre 2014.

Questa mattina si è svolta la cerimonia di intitolazione, alla presenza dei familiari, degli alunni della scuola, dei tanti colleghi di Maurizio Berardinucci e dei rappresentanti delle autorità militari e delle associazioni combattentistiche e d’Arma.

«Questa città dove Maurizio Berardinucci viveva - afferma il sindaco Francesco Maragno - ha voluto tributargli questo omaggio. Berardinucci è un eroe del nostro tempo, un uomo che con spirito di sacrificio, abnegazione e dedizione ha fatto il suo lavoro andando oltre la sua vita. Così come è stato un esempio per i suoi colleghi, vogliamo che lo sia quotidianamente per i bambini che tutti i giorni frequentano questa scuola».

«Voglio ringraziare il sindaco Maragno - ha aggiunto Vincenzo Palano, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Pescara - per aver voluto questa intitolazione. Maurizio è morto per svolgere qualcosa in più del proprio dovere. Forse Maurizio è stato un eroe, se essere eroi significa morire nello svolgimento del proprio dovere. Berardinucci è stato non solo un grande vigile del fuoco, ma un marito e padre esemplare per i suoi tre figli, Veronica, Moreno e Federica. Anche i nostri figli hanno bisogno di questi esempi per cui la decisione del sindaco di Montesilvano di intitolare una scuola primaria e dell’infanzia a Maurizio Berardinucci mi ha trovato immediatamente favorevole. Sono sicuro che ogni volta che qualcuno leggerà il suo nome sulla targa terrà vivo il ricordo del suo sacrificio e sono anche sicuro che gli insegnanti di questa scuola si faranno promotori di tramandare per il futuro il suo ricordo».

E proprio una dei figli di Berardinucci, Veronica ha letto un suo toccante messaggio nel quale ha sottolineato come questa intitolazione sia «il modo più bello per ricordare quanto sia stato forte e coraggioso nostro padre. Chiedo spesso al cielo perché sia dovuto andare via all’improvviso e perché mi abbia lasciata sola in balia degli eventi e di questa vita, che adesso mi pesa senza la sua stretta e i suoi sorrisi rassicuranti. Nonostante tu non sia più con noi - ha detto rivolgendosi al padre - , ti sento sempre vicino a me. Il giorno in cui potrò riabbracciarti, potrò dire di aver vissuto per sempre. Tu grazie a questo gesto vivrai per sempre nei ricordi dei tuoi concittadini».

«Siamo onorati - ha dichiarato Roberto Chiavaroli, dirigente scolastico - che l’Amministrazione abbia proposto questa intitolazione che conferisce alla nostra scuola una identità forte e precisa. Nella fantasia dei bambini, i vigili del fuoco sono dei veri eroi. Non appena saputa questa notizia, gli alunni hanno voluto dedicare a Berardinucci tanti disegni e pensieri».

Berardinucci entrò nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nel 1987, partecipando alle operazioni di soccorso tecnico urgente ed interne del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Pescara e poi di Montesilvano fino al luglio del 2007, data in cui, a seguito della vincita di un concorso pubblico, entrò nel ruolo permanente dei Vigili del Fuoco. Inviato in 1^ assegnazione al Comando Provinciale VV.F. di Modena, venne poi trasferito al Comando Provinciale VV.F. di Pescara nell'Aprile 2011. Nel primo periodo dell'emergenza Abruzzo ha fatto parte delle squadre operative di Colonna Mobile inviate in soccorso alla popolazione delle zone dell'aquilano interessate dal tragico sisma del 6 aprile del 2009, ricevendo per tale attività “Attestato di Pubblica Benemerenza”. In seguito ha avuto altri riconoscimenti da parte dell'Amministrazione per lodevole partecipazione ad interventi di soccorso tecnico urgente.

Nel corso dell’intervento a causa dell’esplosione della fabbrica di fuochi pirotecnici di Città Sant’Angelo, venne travolto da una violenta onda d’urto che lo ferì gravemente. Ha lottato per sopravvivere per tre mesi, fino al 26 ottobre 2013, ma le ferite riportate erano molto gravi e lo hanno condotto alla morte.

La targa, apposta all’ingresso della scuola, ha ricevuto la benedizione di don Giampietro Pittarello della Chiesa di San Giovanni Bosco. La cerimonia è stata allietata dalle note del baritono Claudio Roncone e dagli alunni della scuola.

Montesilvano. Si chiama “Coesione” l'opera che PixelPancho, street artist internazionale in 6 giorni ha realizzato su due grandi pareti delle case popolari di via Rimini. Questa mattina il sindaco Francesco Maragno, il presidente della commissione Cultura Alessandro Pompei, l'artista di origini torinesi e Gianluca Castellano, presidente dell'associazione Enfants Terribles hanno presentato l'opera proprio nell'area delle case popolari.

«Questo progetto - ha ricordato Pompei - è iniziato due anni fa, quando in Consiglio Comunale, abbiamo approvato il primo regolamento della street art d'Abruzzo, convinti che questa arte non solo può rendere bella la nostra città, ma soprattutto riqualificare. L'accoglienza che i residenti di via Rimini hanno riservato a PixelPancho è la evidenza di come spesso ci creiamo dei pregiudizi che le circostanze poi dimostrano possano essere abbattuti. Si è creato un clima di collaborazione e integrazione sorprendente tanto che i bambini hanno aiutato l'artista e le persone hanno aperto le porte delle loro case. Con questo progetto volgiamo far capire a questa comunità che non è sola e abbandonata. Vogliamo continuare con un progetto più ampio, che possa far diventare Montesilvano un punto di riferimento internazionale per la Street Art, con tutti i benefici economici e turistici che questo indotto comporterebbe. Un ringraziamento va ai membri della Commissione Cultura che hanno appoggiato questo progetto sin dall'inizio e uno ancora più particolare a PixelPancho, artista internazionale eccezionale che a livello umano ha dimostrato di essere ancora più straordinario».

«L'arte - ha affermato il sindaco Francesco Maragno - è un elemento di aggregazione e di riflessione. Tutte le polemiche che si sono alimentate in questi giorni sono l'esempio lampante di come l'arte faccia discutere e sia veramente capace di accendere i riflettori. Oggi li abbiamo accesi su via Rimini su cui svilupperemo un progetto di riqualificazione più articolato. Vogliamo continuare ad alimentare questo sogno, ma è importante che questa riqualificazione coinvolga anche le anime e la testa delle persone».

«Sono molto contento - ha detto Castellano, che con la sua associazione ha dato supporto logistico per la realizzazione del progetto – per la bellezza dell'opera e per il valore dell'artista e soprattutto della persona che è PixelPancho. Il quartiere lo ha accolto nel modo migliore possibile, a dimostrazione che quando i cittadini si sentono valorizzati rispondono positivamente. Spero che possa continuare questo percorso di riqualificazione, che abbiamo cominciato con il festival delle arti di strada “La Notte del Birillo” ed è proseguito con il murale. L'Amministrazione sta dimostrando sensibilità e attenzione per queste aree».

«Il titolo dell'opera “Coesione” - ha spiegato PixelPancho - deriva da ciò che ho visto in questi giorni, in questo quartiere. L'opera raffigura un uomo e una donna robot, perché il robot è per me la metafora dell'uomo. Culturalmente Dio ha creato l'uomo ma l'uomo nella storia ha sempre cercato di essere Dio, creando e cercando di controllare le cose che aveva intorno. Il ferro arrugginisce come la pelle invecchia. Gli ingranaggi si consumano e le piante sono le emozioni che crescono nell'uomo». Tra i due personaggi sono raffigurate anche un gallo e una gallina, perché dice PixelPancho: «Quando sono arrivato qui ho visto alcune galline razzolare nel quartiere. Parlando con i residenti abbiamo pensato quanto potrebbe essere utile creare un pollaio e un piccolo orto urbano per tutto il quartiere e ho voluto inserire questo elemento nell'opera. Faccio questo lavoro da circa 20 anni ed ho dipinto muri praticamente in tutto il mondo, da New York a Miami, da Honk Hong all'Australia, e anche in luoghi pericolosi e dimenticati, dove la street art ha rappresentato una risorsa economica per alcuni comuni, grazie ai tour tra le opere di street art, come ad esempio a Tampa, Heroica Ciudad Juarez, Bogotà o Brasilia e Città del Carmen».

Montesilvano. Verificare lo stato del Parco della Libertà a due settimane dal suo affidamento all’associazione Dog Village. Questo lo scopo di un sopralluogo effettuato dal sindaco Francesco Maragno, l’assessore al verde Ernesto De Vincentiis e l’assessore ai lavori Pubblici Valter Cozzi.

Accompagnati da Gabriele Bettoschi dell’associazione a cui è stata affidata la gestione del parco, il primo cittadino e i due membri dell’esecutivo hanno visionato gli interventi già effettuati.

«Il presidente dell’associazione - spiega De Vincentiis - ci ha illustrato gli interventi che sta effettuando nel parco, inseriti nella proposta presentata nell’ambito della partecipazione al bando. E’ già evidente la piena operatività e il massimo impegno che l’associazione sta mettendo in atto e che ha già dato i suoi frutti».

«Constatiamo favorevolmente - aggiunge il sindaco - come quest’area verde, in poche settimane, abbia già cambiato volto. Nel cuore della città abbiamo una piccola oasi, che sicuramente potrà diventare un punto di riferimento e di aggregazione per la città. L’area è già quotidianamente frequentata da mamme, bambini, appassionati sportivi, che godono degli ampi spazi di questo bellissimo parco. Ancora una volta la strada giusta è quella della partecipazione da parte dei cittadini e delle associazioni che mettono a disposizione le loro professionalità per il bene pubblico».

Montesilvano. «Entro un mese inaugureremo ufficialmente il primo centro di raccolta di Montesilvano». Lo annuncia il sindaco Francesco Maragno, questa mattina in sopralluogo insieme all’assessore all’igiene urbana Paolo Cilli, nell’area di via Inn dove la ditta è già al lavoro per realizzare l’opera.

«Il centro di raccolta - spiega ancora il sindaco - è un ulteriore tassello nell’importante percorso, condotto insieme a Formula Ambiente, che abbiamo avviato per rendere Montesilvano una città attenta all’ambiente e alle buone pratiche in materia di rifiuti. Il centro di raccolta permetterà agli utenti di conferire ingombranti e altri rifiuti, portandoli direttamente sul posto. Vogliamo dare ai nostri cittadini tutti gli strumenti utili per fare una raccolta differenziata scrupolosa e rendere insieme a noi la città sempre più bella e sostenibile».

«Nell'area di via Inn - spiega l’assessore Cilli - verranno collocati un box accettazione, quattro cassoni per il conferimento di potature, ingombranti, inerti e vetro e due box raee e pericolosi. Questo sarà solo il primo dei centri di raccolta che intendiamo realizzare sul territorio. Entro la fine dell’anno vogliamo collocare un centro del riuso e poi successivamente realizzare un ulteriore centro di raccolta. Con questi centri di raccolta, insieme all’isola ecologica go –go stazionario che abbiamo già posizionato su via Aldo Moro, i cittadini possono conferire i rifiuti quando più ritengono opportuno».

Intanto prosegue anche il percorso di estensione della raccolta porta a porta nella zona di via Livenza. Sono quindi tre le aree della città servite con la raccolta spinta. Montesilvano Colle anche a maggio ha confermato l’eccellente percentuale di differenziata che supera il 75%. Le zone del PP1 e di via Livenza hanno raggiunto il 64,68%.

«Voglio ricordare - conclude Cilli - l’appuntamento per i bambini con Scombussolo, il ludo bus dedicato a laboratori di educazione ambientale che sarà aperto a bambini e adulti lunedì pomeriggio dalle 15 alle 18 e martedì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. Il ludo bus sarà in piazza Diaz, e non nell’area antistante il Pala Dean Martin, come avevamo precedentemente comunicato».

Montesilvano. Hanno preso ufficialmente il via i lavori anti allagamento che l’Amministrazione guidata da Francesco Maragno ha affidato sia su via Piemonte che su via Maremma. Il sindaco, l’assessore ai lavori pubblici Valter Cozzi e l’assessore alla mobilità Ernesto De Vincentiis hanno effettuato un sopralluogo sulle aree di cantiere.

«Questo progetto - afferma il sindaco Francesco Maragno - dà una risposta reale e concreta ai residenti che da anni vivono importanti disagi, a causa degli allagamenti. Confidiamo che i tre interventi nella loro complessità potranno risolvere l’annosa problematica di cui soffre la zona delle traverse del lungomare. L’obiettivo è evitare il ripetersi di situazioni che rappresentano veramente una piaga per i residenti di tutta quella zona».

«Siamo l’unica Amministrazione – ricorda l’assessore ai lavori pubblici Valter Cozzi - che ha guardato in faccia il problema con pragmaticità. Abbiamo stanziato una somma di 400.000 euro, destinata a tre grandi interventi lungo via Piemonte e via Maremma iniziati in questi giorni e poi sulle traverse di via Emilia, che sono stati già affidati e inizieranno a breve. Nelle zone di cantiere, lungo via Maremma - avvisa Cozzi - potrebbero verificarsi alcuni disservizi inerenti la pubblica illuminazione».

Le opere di adeguamento idraulico di via Piemonte, per un importo di 120.000 euro, vengono eseguite dall’impresa di costruzione Ruggero; la ditta Cocciante Tullio si occupa delle opere su via Maremma, per le quali è stata destinata una somma di 125.000 euro; quelle sulle traverse di via Emilia, per un importo di 150.000 euro, verranno effettuate dalla Facciolini srl.

Montesilvano. «Errare è umano. Perseverare è diabolico. La prima volta che il giovane e inesperto senatore Giuseppe Bellachioma ha esternato i suoi pensieri, prendendo una cantonata, abbiamo evitato di commentare. Ora siamo costretti a puntualizzare ed evidenziare quanto l’ignoranza in materia di SPRAR del senatore sia conclamata. La progettualità dello SPRAR è sostenuta per il 95% da contributi ministeriali. Quali sarebbero quindi le spese inutili sostenute da questa Giunta?». E’ la risposta del vicesindaco Ottavio De Martinis alle affermazioni di Aurelio Cilli e Giuseppe Bellachioma. «Giova ricordare, o proprio informare Bellachioma e Cilli, che peraltro si è autoproclamato consigliere comunale della Lega, dal momento che non esiste alcun gruppo consiliare in Comune che rappresenta il partito di Salvini, che la progettualità SPRAR venne introdotta con la legge n.189/2002 , ovvero la Legge Bossi-Fini. Umberto Bossi, se Cilli e Bellachioma hanno la memoria corta, è stato il fondatore del partito a cui entrambi appartengono. Ancora una volta siamo di fronte a una figura barbina, che non meriterebbe nemmeno una replica, ma il rapporto di fiducia che questa Amministrazione sta costruendo con la cittadinanza ci impone di fare chiarezza. Lo SPRAR, che ripetiamo è finanziato quasi nella totalità con contributi ministeriali e non con i soldi dei montesilvanesi, ci ha permesso di ridurre il numero dei migranti sul territorio da oltre 500 migranti a 79 persone. Non ammettere che questo è un risultato eccezionale è veramente disonesto intellettualmente. Il bonus gratitudine generato proprio per mezzo dello SPRAR, inoltre, ci consente di creare una progettualità di supporto a favore delle famiglie di montesilvanesi in difficoltà, creando un alloggio condiviso».

«In merito all’opera di street art - aggiunge De Martinis - anche qui, Cilli e Bellachioma dimostrano di parlare senza cognizione di causa. Dalle città italiane alle capitali del mondo, la street art è una tipologia d’arte che nasce proprio nei contesti più degradati, come forma di protesta, ma oggi diventata uno strumento proprio per recuperare le aree più periferiche e accendere i riflettori, incentivando le Amministrazioni a occuparsi attivamente delle problematiche di queste zone stesse. Consigliamo a Cilli e Bellachioma di parlare un po’ di meno e studiare un po’ di più, onde evitare magre figure. Invitiamo comunque il senatore Bellachioma a farci visita a Montesilvano, per constatare di persona gli indiscussi vantaggi della progettualità SPRAR».

Montesilvano. L'Associazione Culturale Artisti Abruzzesi Lejo, organizza una mostra d'Arte Contemporanea dal titolo "Arte in prospettiva 2 – L’arte, la mia vita”, presso la Galleria Serafini in C.so Umberto I, n. 43 Montesilvano (PE). La presentazione si terrà domenica 20 maggio alle ore 17.30. La mostra vedrà la presenza di oltre settanta lavori realizzati dagli studenti dei Licei Artistici di Pescara (Misticoni e Bellisario), di Vasto (Pantini- Pudente), Teramo (G. Montauti) e Sulmona (G. Mazara), nelle diverse sezioni artistiche di pittura-incisione, scultura-ceramica e fotografia. Sarà presentata dal Presidente dell’Associazione, Roberto Di Giampaolo e vedrà gli interventi del Presidente della Provincia dott. Antonio Di Marco, del Vicepresidente della Fondazione Pescarabruzzo dott.ssa Nicoletta Di Gregorio e dei Dirigenti Scolastici dei licei coinvolti o dei loro delegati. La manifestazione può essere considerata quale ideale prosecuzione di “Arte in prospettiva” realizzato nel corso dello scorso anno, che tanto apprezzamento ha ricevuto per i sui importanti contenuti culturali. A conclusione della presentazione verranno premiati i giovani più meritevoli per ogni disciplina artistica, che entreranno a far parte del catalogo che conterrà le opere di tutti gli artisti dell’Associazione (oltre cinquanta) e che verrà presentato presso l’Aurum di Pescara in occasione della manifestazione conclusiva, prevista per settembre prossimo.

Pagina 1 di 79

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione