Ortona. Nonostante la vittoria sono tanti rimpianti per questa SIECO, capace di dominare i primi due set per poi cedere al ritorno degli avversari. Peccato perché dopo la débâcle del terzo set, la squadra guidata da Nunzio Lanci sembrava aver ritrovato la strada giusta nel quarto e invece niente da fare i fari si sono spenti e la Conad, ripresasi da un secondo parziale decisamente sotto tono ha svolto con diligenza il proprio compito e, senza neanche strafare troppo, riesce nella rimonta. Bencz gioca bene, i suoi colpi si fanno sempre più potenti ma con la partita che va per le lunghe comincia ad accusare un po’ di fatica dovuta al suo lungo stop. Problemi per Ogurčák uscito alla fine del quarto set per un problema alla schiena. Sembrerebbe nulla di grave per lui ma bisognerà attendere i risultati degli accertamenti della prossima settimana per avere informazioni in più. Finisce dunque 3-2 questo anticipo della terza giornata di Pool B con la SIECO che sale a 14 punti e stacca di 4 proprio Reggio Emilia. Altra gara importantissima quella di domenica prossima contro il Potenza Picena, che potrebbe tracciare in maniera molto più marcata la linea di confine tra la “zona rossa” e quella di relativa tranquillità nella quale, ad oggi, orbita la Sieco Service Impavida Ortona.

PRIMO SET: Nunzio Lanci riesce finalmente a dare continuità al suo sestetto affidandosi al palleggiatore Andrea Lanci e a Milan Bencz opposto. La coppia dei centrali è composta da Simoni e Menicali mentre gli schiacciatori sono Ogurčák e Ottaviani. Libero Giancarlo Pesare. Reggio Emilia schiera Inglesias al palleggio e Koraimann opposto, Bortolozzo e Sesto centrali, Ippolito e Bellini schiacciatore, libero Morgese. Prima palla agli ospiti che servono con Koraimann che trova subito l’ace 1-0. Subito il break di Reggio Emilia che sfrutta l’impossibilità dei locali a ricostruire 2-0. L’errore di Ippolito regala il pareggio all’Ortona 3-3. Anche Bortolozzo fa ace 3-5. Un ace anche per gli adriatici, ci pensa Ottaviani 6-5 che ci prende gusto ne ne fa due di seguito 7-5. Time Out per Mister Held. Il muro di Menicali porta la SIECO a tentare la fuga 10-6. Ogurčák intercetta a muro una palla di ritorno, segna il 12-7 e costringe Held a chiamare il suo secondo time out. Due Aces di fila per l’ex Sesto e Reggio Emilia si avvicina 13-10. Ace anche per Cester 14-12. Ancora un muro per Menicali 16-12. Ancora un muro, ma questa volta di Ottaviani porta fieno in cascina 18-12. Spettacolare Andrea Lanci nel punto del 19-14, prima recupera una palla dall’altra parte della rete e subito dopo riesce a tenerne un’altra in gioco con una bella scivolata a mano aperta. Out di pochissimo il servizio di Ippolito 22-17. Il muro di Bencz porta la SIECO ad avere la tranquillità di sei punti set. 24-17. Lo stesso opposto slovacco chiude la pratica: 25-18

SECONDO SET che parte con formazioni e trend invariati. La SIECO cerca subito la fuga mettendo a segno un parziale di 4-0. Dopo un periodo di smarrimento la Conad Reggio Emilia ritrova gioco e punti, annullato il vantaggio che ora è solo di un punto 6-5. La SIECO non ci sta e recupera subito i quattro punti di vantaggio 9-5. Ace per i reggiani con il numero 10 Bellini 10-8. Ancora un pesante parziale messo a segno dalla SIECO Ortona costringe Mr. Held a chiamare il suo primo time out: 14-9. Il muro di Menicali fa aumentare ancora il divario tra le due compagini 17-9. Continua ad infierire la SIECO in questo parziale su una Conad disorientata. La prima di molte palle SET è nelle mani di Milan Bencz: 24-12. Bellini poi la spedisce fuori, il punteggio è 25-12.

TERZO SET senza variazioni nelle variazioni ma la CONAD rientra in campo più concentrata ed agguerrita: 4-4. Torna in vantaggio la formazione reggina che mette a segno un break di due punti 4-6. Reggio Emilia non rallenta, anzi, aumenta il suo vantaggio costringendo Nunzio Lanci a chiamare tempo sul 5-8. Il muro di Nicola Sesto fa segnare le tre lunghezze di vantaggio 7-10. Gioca meglio la squadra emiliana, adesso è la SIECO ad essere in evidente difficoltà 9-14 il punteggio. Cominciano ad essere troppe gli errori al servizio. Sbaglia anche Bencz 10-15. Aumenta la forbice nel punteggio, ora sembra di assistere al precedente parziale ma a parti invertite 12-18. Bencz pizzica la linea di fondo: 15-21. Ace di Menicali 17-21 e primo time out in questo parziale anche per gli ospiti. Il video check diche che non c’è tocco ed il punto è ancora bianco-azzurro 18-21. Attacco senza muro per Koraimann che segna il punto del 19-22. Ottaviani fa invasione, confermata anche da video check 19-23 e Time Out per Lanci. Palla spinta fischiata a Bencz che si era improvvisato palleggiatore: 20-24 e CONAD vicinissima alla conquista del set. Ottaviani la spedisce fuori direttamente dagli undici metri: 21-25 e tutto ancora aperto.

QUARTO SET con sestetti invariati. Primo punto per la SIECO annullato subito dal muro fuori di Ogurčák 1-1. Ottaviani stampa un muro nei tre metri 3-1. Fischiata una doppia al libero ospite, così che Mister Held ne approfitta per riorganizzare le idee con un time-out 5-1. Buona la solita intesa al centro tra Andrea Lanci e Simoni 7-3. Con un parziale di due punti a zero Reggio Emilia si rifà sotto 7-5. Ottaviani cerca e trova buon gioco con le mani del muro avverso e trova il 12-8 con una palla che rimbalza fuori. Out il servizio di Bellini 14-9. Il VideoCheck chiamato dalla squadra regina è corretto, Ippolito ha servito un ACE che permette ai suoi di tornare ben visibili nei retrovisori della SIECO 16-14. L’errore di Bencz che forza troppo segna il pareggio della CONAD 16-16. Sorpasso ospite 17-18. Arriva l’ace di Ogurčák in un momento delicato dell’incontro 19-18. Murato Bencz e reggiani ancora avanti 19-20. Sul 20-21 Ogurčák esce per un contraccolpo alla schiena al suo posto entra in campo Simmaco Tartaglione. La SIECO è scoperta, facile per la CONAD segnare il punto del 21-23, poi Bencz non la tiene in campo e ospiti ad un passo dal tie-break. 21-24. Ancora un muro subito da Bencz e la rimonta è compiuta, si va al tie-break: 22-25

QUINTO SET con Tartaglione in campo, Ogurčák non recupera. Subito gli impavidi in vantaggio 3-0 con il muro che torna a fare il suo lavoro. Conad che inganna il muro di Simoni grazie ad un pallonetto che vale il 6-4. L’attacco di Inglesias colpisce l’asticella e si cambia campo sul punteggio do 8-4. Troppo potente l’attacco di Ottaviani, il muro ospite non può contenerlo 9-5. Doppia fischiata a Pesare, si avvicinano quelli della Conad, 11-9 e Nunzio Lanci chiama tempo. Held butta fuori il servizio in un momento delicatissimo 12-9 per i padroni di casa. La palla del match è nelle mani di Tartaglione al servizio, ma nulla di fatto, gli ospiti segnano il 14-11. L’incredulo Koraimann fa doppia ed il set si chiude 15-11chiudendo una partita che l’Impavida avrebbe potuto far sua molto prima.

Nunzio Lanci: «Bene i primi due set, poi siamo scesi, in particolare nel terzo quando invece avremmo dovuto chiudere i conti, abbiamo mollato. Non siamo stati mai in grado di metterli in difficoltà permettendo loro di tornare in gioco. L’importante era vincere, e per come si stava mettendo la gara, siamo stati anche bravi a non lasciarci andare del tutto, a non abbatterci e a reagire.»

Giuseppe Ottaviani «Sono due punti guadagnati contro una buona squadra capace di liquidare Cantù in 3 set a zero nel turno precedente. Bravi loro senza dubbio per questa rimonta ma c’è da sottolineare un nostro evidente calo fisico. Sono abbastanza contento della mia prestazione e dell’apporto che ho dato ai miei compagni. Sono partito un po’ contratto ma con il tempo mi sono sciolto»


Sieco Impavida Ortona: Simoni 4, Pesare (L), Zanettin n.e, Bencz 27, Tartaglione 1, Ottaviani 20, Sitti, Provvisiero (L) n.e., A. Lanci 1, Zanini n.e, Ogurčák 9, Menicali 9. Allenatore: N. Lanci

Conad Reggio Emilia: Raffaele (L) n.e., Held 1, Inglesias 1, Sesto 13, Arienti n.e., Bortolozzo 9, Bellini 16, Bonante, Ferrari n.e., Ippolito 10, Cester 3, Morgese (L), Koraimann 15, Allenatore: Held Hank Jan

 

NOTE:

Sieco Service Impavida Ortona – Conad Reggio Emilia (25-18 / 25-12 / 21-25 / 22-25 / 15-11)

Durata Set: I (27’), II (24’), III (26’), IV (’32), V (’17)


Durata incontro: 2.06


Muri Punto: Ortona 13; Reggio Emilia 8


Aces: Ortona 5; Reggio Emilia 8


Errori Al Servizio: Ortona 15; Reggio Emilia 14


Arbitri: Di Blasi (Roma) e Merli (Tr)


Foto: Michela Musciani

Ortona. Sarà una gara fondamentale, per la SIECO, quella che si giocherà domenica alle ore 16.00 presso il palasport comunale di Ortona. Sebbene non sia una partita da “dentro o fuori”, quella contro la CONAD Reggio Emilia potrebbe donare agli ortonesi una maggiore serenità in caso di vittoria, o al contrario farla piombare nel polverone di una lotta molto pericolosa per evitare gli ultimi due posti.

Reggio Emilia ha concluso il Girone Bianco all’ottavo posto (nel Girone Bianco, solo le ultime tre erano relegate alla Pool C) con 24 punti e vede tra le sue fila il centrale ex Impavido Nicola Sesto.
Differente è lo stato d’animo delle due formazioni. La SIECO ha voglia di riscattare la prestazione non brillantissima contro Alessano mentre Reggio Emilia sulle ali dell’entusiasmo, dopo la vittoria tonda tonda, per tre set a zero contro Cantù, vorrebbe risalire la classifica e tirarsi fuori dagli impicci il prima possibile.

Per gli amanti delle statistiche, il bilancio è in pareggio. Dal 2012, anno del primo “scontro” fino al 2015 le due squadre si sono affrontate 8 volte, con 4 vittorie a testa. Incredibile anche la distribuzione di set e punti. La SIECO contro Reggio ha vinto 16 set e persi 17, realizzando 733 punti contro i 732 subiti.

L’assistente allenatore, nonché preparatore atletico della SIECO Mariano Costa vede il bicchiere mezzo pieno: «Non possiamo nasconderci dietro un dito. Nonostante la strapazzata rimediata contro Alessano stiamo vivendo un buon momento sia dal punto di vista tecnico che da quello fisico. Finalmente siamo usciti dalla cronica, perenne emergenza infortuni e quindi non ci rimane altro da fare che concentrarci sui nostri automatismi e a mettere in pratica quanto studiato prima della gara. Sarà una partita dura, forse lunga e per questo dobbiamo approfittare del turno in casa, dove possiamo godere della spinta del pubblico amico. Fare risultato sarebbe fantastico per mettersi più al riparo da brutte sorprese, ma nel frattempo, ci darebbe modo di guardare ancora in alto, perché finché la matematica ce lo permette, noi vogliamo essere ottimisti.»

Arbitreranno i signori Di Blasi Giuseppe Maria (Roma) e Merli Maurizio (Terni).

Queste le altre gare della Pool B

Sabato 17 febbraio, ore 20.30:
VBC Mondovì – Aurispa Alessano

Domenica 18 febbraio, ore 16.00:
Gioiella MicroMilk Gioia del Colle – Sigma Aversa

Domenica 18 febbraio, ore 18.00:
Pool Libertas Cantù – Goldenplast Potenza Picena

Alessano. Esce sconfitta la SIECO da questa trasferta contro un Alessano che è stato in pratica perfetto in ogni fondamentale. Sorretti e trascinati dalla grande prestazione delle sue punte di diamante Lipinski e Culafic, i salentini si sono resi autori di una gara sostanzialmente impeccabile.

La SIECO riesce a rimanere agganciata agli avversari solo nel primo set e nella parte finale della gara, quando rimontano uno svantaggio di cinque punti arrivando addirittura al sorpasso sul 20-21. Padroni di casa, molto attenti nella fase difensiva, potenti e precisi in quella offensiva, non hanno lasciato spazio ai bianco-azzurri che, nonostante la buona prestazione di un volenteroso Tartaglione e di un Ogurčák in crescendo, non sono riusciti a ripetere il gioco convincente della gara interna contro Aversa. Adesso testa alla prossima gara interna di domenica 18 febbraio contro Reggio Emilia per riprendere il cammino verso la salvezza.

Si parte in ritardo tra l’Aurispa Alessano e la SIECO Service Ortona. Neanche il tempo di scendere in campo per il riscaldamento pre-gara che salta la corrente al palazzetto e si piomba al buio. Una volta riportata la situazione alla normalità, gli arbitri, in comune accordo con le due società, decidono che la gara comincerà con 15 minuti di ritardo, proprio per permettere agli atleti di prepararsi adeguatamente all’incontro. PRIMO SET: Padroni di casa in campo con Alberini e Culafic opposto. Centrali Usai e Tomassetti, mentre gli schiacciatori sono Lipinski e Lazzaretto. Libero Bisci. Nunzio Lanci schiera invece Capitan Andrea Lanci al palleggio con Milan Bencz opposto. La coppia dei centrali è la solita: Simoni e Menicali mentre gli schiacciatori sono Ogurčák e Ottaviani. Libero Giancarlo Pesare. È la squadra di casa ad aprire le danze e a mentre il primo punto 1-0. Il primo vantaggio ortonese lo segna Bencz, il muro tocca il suo attacco 2-3. Out il servizio di Culafic ma subito dopo Ottaviani restituisce il favore 5-4. Ace di Lazzaretto e Alessano tenta l’allungo 6-4. Il Video-Check da ragione a Mister Paolo Tofoli, nessuno ha toccato l’attacco di Ogurčák e Alessano segna il 9 – 7. Ed è grazie all’inarrestabile Culafic che l’Alessano scappa avanti 12 – 8 e Mister Lanci ricorre al suo primo Time-Out. Ottaviani murato da Tomassetti ed è 16-12. Buono il servizio di Ottaviani che mette in difficoltà la ricezione dei padroni di casa, Ogurčák ne approfitta 16-14. Alberini forza troppo la battuta che finisce Out ma Alessano conserva un certo margine di vantaggio 19-17. Un parziale di 2 a 0 per i padroni di casa fa decidere a Mister Lanci di chiedere il suo secondo Time-Out 21-17. Entra Tartaglione a sostituire Ottaviani e alla sua seconda occasione trova il punto del 22-19. Quando Bencz mette a terra il punto del 22-20 arriva “la prima volta” anche per Mister Tofoli di chiamare time-out. Out di pochissimo la battuta di Menicali 23-21. Bencz attacca fuori ed il set si chiude a favore dei padroni di casa 25-22.

Novità per la SIECO nel secondo parziale. Tartaglione resta in campo al posto di Ottaviani e fa subito punto 1-1. Anche stavolta il video-check da ragione all’arbitro, nessuno ha toccato l’attacco di Bencz 3-2. Ace di Lipinksi 5-3. Bella l’intesa tra Simoni e Lanci 7-5. Errore al servizio del montenegrino Culafic 8-6. Ancora una chiamata al video-check richiesta da Nunzio Lanci che anche questa volta non va a buon fine. Punto ad Alessano 10-6, Ogurčák aveva attaccato fuori. Alessano non si ferma 11-6 e allora ci pensa Nunzio Lanci a fermare tutto: time-out. Lazzaretto mette il servizio sulla rete 12-7. Ancora muro di Lipinski e Alessano vola via 15-7 e secondo time-out per Lanci. Di nuovo Simoni con il suo primo tempo mette a segno il punto del 16-11. Out l’attacco di Bencz e il divario si allarga 19-12. Si ostacolano Tomassetti e Lipinski ma nulla di grave per Alessano che conduce con un divario che sembra insormontabile 21-14. Ogurčák forza sul muro esterno da posizione scomoda ma i punti di distacco sono sei 23-17. Sono sei i set point a favore dei padroni di casa: 24-18. Murato Ottaviani e pugliesi che si aggiudicano anche il secondo parziale 25-18

Parte subito forte Alessano nel terzo set che con l’ace del solio Lipinski è in vantaggio 3-0. Murato Ottaviani da Tomassetti: il punteggio è ora 5-1. Ace di Culafic 7-2. Prosegue il personalissimo show di Culafic 10-3. Errore di Alberini che serve sulla rete 12-7. Nunzio Lanci ne approfitta per sostituire Ottaviani con Tartaglione. Da uno dei pochi errori di Culafic arriva il punto N-13 della Sieco che piano piano si avvicina agli avversari 16-13. Tira out il servizio Alberini e la SIECO è più vicina 18-17. Ace di Ogurčák 18-18. Torna il doppio vantaggio per i pugliesi 20-18 così Mister Lanci chiama Tempo. Out il servizio di Lipinski, ci aveva visto giusto Mister Lanci che grazie al Video-Check conquista il 20-19. Muro di Tartaglione e la SIECO completa il sorpasso 20-21. Lazzaretto riporta i suoi in vantaggio: Pesare non riesce a tenere bene il suo attacco: 23-22. L’ace di Culafic porta i padroni di casa ad un soffio dal match 24-22. Ancora Culafic ed ancora ace per lui. Si conclude quindi il set e con questo anche l’incontro a favore dell’Aurispa Alessano: 25-22.

Amareggiato Nunzio Lanci a fine gara: «Di sicuro non abbiamo giocato la nostra migliore pallavolo. Non siamo stati abbastanza lucidi nei momenti topici della partita, si pensi ad esempio alle due battute sbagliate nella parte finale del primo set. Merito agli avversari che oggi sono stati superiori. Bisogna riconoscere che la loro è stata una prestazione davvero eccezionale. Adesso testa alla partita di domenica prossima contro Reggio Emilia. Una vittoria ci permetterebbe di guardare con maggiore fiducia a quello che è il nostro obiettivo principale, ossia la salvezza».

Simmaco Tartaglione, forse ispirato dalla sua prestazione, è invece positivo: «Spiace molto per come sono andate le cose. Avevamo studiato bene la partita ma la loro è stata una partita quasi perfetta in ogni fondamentale. Adesso non dobbiamo abbandonarci allo sconforto. Dobbiamo pensare giocare bene perché nonostante questa sconfitta sono sicuro che l’Impavida abbia ancora molto da dare e da dire in questa Pool. Io ci credo ancora e sono sicuro che anche i miei compagni di squadra la pensano come me»

TABELLINI:

Aurispa Alessano: Peluso n.e., Morciano (L), Alberini 1, Loglisci, Cordano, Tomassetti 6, Lipinski 18, Lugli n.e., Bisci (L), Usai 8, Lazzaretto 8, Culafic 19. Allenatore: P.Tofoli

Sieco Impavida Ortona: Simoni 6, Pesare (L), Zanettin n.e, Bencz 11, Tartaglione 8, Ottaviani 3, Sitti, Provvisiero (L), A. Lanci 1, Zanini n.e., Ogurčák 12, Menicali 2. Allenatore: N. Lanci

NOTE:
Aurispa Alessano - Sieco Service Impavida Ortona (25-22 / 25-18 / 25-22)
Durata Set: I (27’), II (26’), III (27’)
Durata incontro: 1h 20’
Muri Punto: Alessano 10; Ortona 7
Aces: Alessano 6; Ortona 2
Errori Al Servizio: Alessano 11; Ortona 5
Arbitri: Verrascina Antonella di Roma e Di Bari Pierpaolo di Brindisi.

Foto: Marco Melcarne

Ortona. Anticipo a sabato sera, 10 febbraio alle 20.30, per la Sieco Impavida Ortona che giocherà la seconda gara di “Pool B” a Tricase contro l’Aurispa Alessano reduce dalla vittoria per tre set ad uno, in trasferta ai danni del Cantù. Nel frattempo, mercoledì si è disputato l’anticipo tra la Sigma Aversa e Mondovì. La gara è finita al tie-break con le squadre a dividersi la posta in palio: due punti ad Aversa ed uno a Mondovì. Alla luce di questo risultato, tornare a casa con qualche punto, sarebbe davvero importante per i ragazzi di Mr. Nunzio Lanci.

Ma “tra il dire ed il fare”, si sa, “c’è di mezzo il mare” ed il mare, in questo caso, è rappresentato dall’Aurispa Alessano. Sarà un mare in tempesta deciso ad affondare la SIECO perché la squadra pugliese è forte ed in piena corsa per la lotta ai primi due posti che garantiscono la possibilità di giocarsi la promozione in SuperLega. I leccesi, che sono attualmente terzi in “Pool B” con 14 punti, hanno terminato la prima fase al quinto posto ed hanno mancato la “Pool A” solo per aver vinto una partita in meno rispetto alla Videx Grottazzolina. Diverse le insidie che si nascondono in questa trasferta. Le maggiori portano il nome di Lipinski e Culafic, che insieme formano una delle migliori coppie d’attacco di questa Serie A2 UnipolSai.

Mister Nunzio Lanci. «La nostra priorità rimane la salvezza. Cercheremo mettere in campo la miglior pallavolo possibile da qui al 25 marzo e poi si vedrà, anche se qualche indicazione in più già la potremmo avere alla fine del girone di andata. La nostra è una squadra che, una volta trovata continuità e consapevolezza delle proprie capacità, può giocarsela con tutti. Aversa ha sia giocatori di grande esperienza e bravura, Culafic è un esempio calzante, ma anche giovani di grandi capacità e di sicuro avvenire come il palleggiatore Alberini».

CURIOSITÀ: Sono sei i precedenti tra le due squadre ed il bilancio è nettamente a favore degli abruzzesi che, vincendo tutte le sfide, si rivelano di fatto una bestia nera per Alessano. Tre sono le vittorie al tie-break ed altrettante quelle da tre punti.

Dopo la prima giornata del girone di andata, il Girone Blu conduce sul Girone Bianco per 3 vittorie contro 1. La classifica è quindi 9 punti per “i Blu” e 3 per “i Bianchi”.

A dirigere l’incontro saranno Verrascina Antonella di Roma e Di Bari Pierpaolo di Brindisi.

Queste invece le altre gare della “Pool B”:

Mercoledì 7 febbraio
Ore 20.30 Sigma Aversa – VBC Mondovì 3-2
Domenica 11 febbraio:
Ore 16.00 Conad Reggio Emilia – Pool Libertas Cantù
Ore 18.00 GoldenPlast Potenza Picena – Gioiella Micromilk Gioia del Colle

Ortona. Arriva anche il secondo 3-0 di questa stagione impavida, contro una Sigma Aversa orfana dell’opposto Libraro. Si rivede finalmente in campo Milan Bencz ed il suo apporto è evidente. Positivo il muro degli abruzzesi che finalmente si rivela efficace. Grande la prestazione dei due slovacchi “ortonesi” che hanno preso per mano la squadra nei momenti di difficoltà facendola uscire dalle insidiose sabbie mobili che puntualmente diventa ogni set allo scoccare del ventesimo punto. Partita in sostanziale equilibrio, tranne con ogni evidenza nell’ultimo set. Le due squadre giocano una gara fatta di sorpassi e di contro sorpassi, il più clamoroso è quello degli ospiti proprio sul finire del primo set, quando da un vantaggio di 20-18, i ragazzi di Mister Lanci si sono trovati sotto 21-23. Bravi questa volta a tenere duro e a non cedere allo sconforto, i biancoazzurri pareggiano i conti e allungano il set ai vantaggi fino a vincerlo 29-27. Grazie a questa vittoria la SIECO scavalca Cantù in classifica e si porta al quinto posto con 12 punti. Sabato prossimo si va ad Alessano, attualmente seconda in classifica con 14 punti alla caccia della capolista Gioia Del Colle.

PRIMO SET con la SIECO che parte con il capitano Andrea Lanci in cabina di regia ed opposto Bencz. Al centro prendono posto Menicali e Simoni, schiacciatori Ogurčák e Ottaviani. Libero Pesare. Dall’altra parte della rete, Aversa schiera invece Pinelli al palleggio e Santangelo opposto. Vigil Gonzales e Giacobelli al centro. Simeonov e Baldari schiacciatori. Libero Marra.
Il match comincia con gli ospiti al servizio, se ne occupa Giacobelli. Il primo punto è invece della SIECO grazie ad un pallonetto di Ottaviani che scavalca il muro a tre. Primo break per la SIECO 4-2. Errore di Bencz che schiaccia sulla rete ed ospiti che agguantano il pareggio 4-4. Bencz si fa perdonare e con un muro recupera i due punti di vantaggio 8-6. Si gioca punto a punto. Le squadre cercano l’allungo ma nessuna delle due riesce a dare la zampata decisiva 13-13. Ci prova Ottaviani che con un muro trova il nuovo doppio vantaggio 16-14 e Mister Bosco chiama tempo. Si entra nell’ultima fase del set con il punteggio di 20-18 per la SIECO che però subisce subito la rimonta avversaria. 20-20 e Nunzio Lanci chiama time-out. Arriva il doppio vantaggio per gli ospiti. Ancora una volta la SIECO svanisce proprio nel momento decisivo del parziale 21-23. Lanci chiama il suo secondo time-out. Muro a tre della SIECO che sbarra la strada a Santangelo si torna in parità 23-23. Il VideoCheck decreta che il punto è dell’Aversa, ma la SIECO riesce a mandare il set ai vantaggi 24-24. Menicali fa muro 25-24 ma il video-check sovverte la decisione e sono proprio gli ospiti ad avere in mano la palla del set 24-25. Bencz però dice di no: 25-25. Non riesce il muro a Menicali, la palla rimbalza fuori 26-27. Anche Ottaviani non è d’accordo a che il set si concluda 27-27. Ogurčák fa muro ed ora la palla del set è nelle mani di Ottaviani. Aversa attacca fuori, ma c’è da attendere il parere dell’elettronica. Decisione confermata, la palla è fuori, 29-27 ed il primo set è Biancoazzurro.
SECONDO SET a formazioni invariate, ma Ogurčák prima sbaglia il servizio e Menicali manda fuori un primo tempo tanto che gli ospiti sono subito in vantaggio 0-2. Fischiato un fallo di doppia a Lanci, che non ci sta, ma le sue proteste gli valgono un cartellino giallo 1-4. Il servizio di Ottaviani è potente e mette in difficoltà la ricezione ospite. Sulla ricostruzione Ogurčák mette a terra la palla del 4-5. Il sorpasso è confezionato da Menicali con un muro sui tre metri 7-6. Guizzo dell’Aversa che riesce a ribaltare il punteggio 8-10. Arriva il cartellino giallo anche per Aversa, stessa storia ma a parti invertite: proteste per un presunto fallo di doppia. Murato Ogurčák ed Aversa allunga 9-12. Nunzio Lanci dal canto suo chiede tempo. Ace di Fero Ogurčák ed è 11-12. Bencz fa valere la sua altezza a muro e parità ristabilita 12-12. Ancora un ace di Fero che permette ai suoi di tornare in vantaggio 13-12 e Mister Bosco costretto dal pesante parziale di 4-0 a richiamare i suoi in panchina. Si rifanno sotto gli ospiti, ora la SIECO ha un solo punto di vantaggio 18-17. Arriva il pareggio proprio nella solita “zona Sieco”: 20-20. Milan Bencz ristabilisce le distanze 22-20. Invasione al centro per gli ospiti e la SIECO ha ora la concreta possibilità di aggiudicarsi anche questo parziale 24-21. Nuovo errore di Santangelo che la spara fuori invocando un tocco che però non c’è 25-21.
Parte anche il TERZO SET e dalle prime battute anche questo parziale sembra ricalcare le orme dei precedenti 2-2 e squadre a rincorrersi fino all’errore di Simeonov che manda in doppio vantaggio gli abruzzesi 4-2. Pallonetto di Ogurčák 8-4. Bencz sfrutta il muro avversario 12-8 e per l’occasione Mister Bosco chiama tempo per riorganizzare le idee ai suoi. Il muro ortonese è in serata, i punti diventano 14 per i padroni di casa, 9 per gli ospiti che tornano subito in panchina richiamati ancora dall’allenatore campano. Montò sbaglia il servizio ed inguaia i suoi 17-12, subito dopo Ogurčák, invece su servizio fa punto 18-12. Ancora un muro ortonese: 20-13. Aversa è sfiduciata anche Santangelo sbaglia il servizio ed il punteggio va su 21-14. Simoni mette a segno il ventiquattresimo punto per la SIECO, ma poi sbaglia il servizio 24-17. Il punto decisivo tocca quindi a Fero Ogurčák che cerca e trova il mani e fuori. 25-17.

Nunzio Lanci: «Dobbiamo pensare a salvarci il prima possibile. Si, continuo a guardare in basso più che in alto, ma la classifica s’è fatta davvero corta anche li sopra e di certo non ci tiriamo indietro. Milan è un giocatore che fa la differenza. Chissà cosa sarebbe successo se non fosse stato assente per 15 gare. Senza nulla togliere a Zanettin che l’ha sostituito, stiamo parlando di un giocatore di grande esperienza, di un nazionale che da tranquillità anche ai compagni di squadra. Contro Alessano sarà dura, ce la giocheremo anche se sarà fondamentale, invece, non sbagliare contro Reggio Emilia tra quindici giorni.».
Entusiasta della sua partita lo stesso Milan Bencz: «Sono soddisfatto della mia prestazione. La spalla non mi fa male ma comunque cerco di fare le cose con calma. Non voglio ancora caricarla di un peso eccessivo, è molto importante non avere fretta e stare bene per la squadra»

TABELLINI:
Sieco Impavida Ortona: Simoni 9, Pesare (L), Zanettin n.e, Bencz 18, Tartaglione n.e, Ottaviani 4, Sitti, Provvisiero (L) n.e., A. Lanci, Zanini n.e, Ogurčák 14, Menicali 4, S.Lanci, Rustignoli. Allenatore: N. Lanci
Sigma Aversa: Pinelli 2, Santangelo 16, Grassi, Vigil Gonzales 6, Libraro n.e., Simeonov 10, Catena, Montò 4, Baldari 2, Marra (L), Giacobelli 5. Allenatore: P. Bosco

NOTE:
Sieco Service Impavida Ortona – SIGMA Aversa 3-0 (29-27 / 25-21 / 25-18)
Durata Set: I (38’), II (31’), III (22’)
Durata incontro: 1h 31’
Muri Punto: Ortona 11; Aversa 3;
Aces: Ortona 3; Aversa 1
Errori Al Servizio: Ortona 8; Aversa 17
Arbitri: Laghi Marco (RA) e Bellini Andrea (PG)

Foto: Francesca Verbena

Ortona. Dopo la sosta per la Coppa Italia la SIECO Service Impavida Ortona è pronta a darci dentro nella Pool B. Si torna a giocare nel palasport ortonese domenica alle 19.30 contro la SIGMA Aversa, squadra Campana che ha terminato la prima parte della stagione al sesto posto del “Girone Bianco” mancando la “Pool A” per un solo punto.

Aversa è squadra temibile e bene attrezzata che partiva a settembre con tutte le carte in regola per giocare un campionato di vertice. Le sue armi più temibili sono il centrale Vigil Gonzales, lo schiacciatore Libraro ed il giovane palleggiatore Pinelli.

Sebbene sia la prima volta che le due formazioni si incontrano quest’anno, ci sono dei precedenti. Il bilancio è in perfetto equilibrio, due incontri ed una vittoria ciascuno, anche se, la SIECO è avanti per punti conquistati, avendo vinto per tre set a zero in casa e perso al tie-break nel girone di ritorno.

Ansioso di ricominciare il tecnico della SIECO Nunzio Lanci: «Partiamo in questa seconda fase con tanto entusiasmo e spirito rinnovato. L’eredità della prima parte di campionato ci farà partire da metà classifica e l’obiettivo principale rimane quello di conservare la Serie A2. Tuttavia la classifica è corta e sognare non costa nulla. Il nostro impegno per tentare di raggiungere le prime due posizioni è garantito. Bencz si sta allenando bene e sarà della partita. Per noi è un valore aggiunto che sicuramente sarà in grado di dare alla squadra quel quid in più che magari ci è mancato in alcune circostanze nella prima fase». E ancora sugli avversari «Aversa ha sfiorato la Pool A e sicuramente non vorrà fallire questa seconda occasione per centrare i Playoff. Ha un organico di tutto rispetto e quindi tutte le carte in regola per poterci riuscire».

La seconda fase, che avrà inizio domenica prossima, 4 febbraio, terminerà con l’incontro casalingo di domenica 25 marzo (salvo variazioni decise dalla Lega) contro la GoldenPlast Potenza Picena.

Queste le altre gare della Pool B:

Pool Libertas Cantù - Aurispa Alessano

VBC Mondovì - GoldenPlast Potenza Picena

Gioiella Micromilk Gioia Del Colle - Conad Reggio Emilia

Ortona. Con il campionato fermo per la Coppa Italia, la SIECO ne approfitta per prepararsi in vista della prima giornata di Pool B contro la SIGMA Aversa (proveniente dal girone Bianco), in programma per domenica 4 febbraio alle ore 19.30.

Proseguono quindi gli allenamenti, finalmente a ranghi completi con Milan Bencz che sta approfittando della pausa per recuperare quegli automatismi che aveva dovuto tenere a freno per lungo tempo. L’opposto slovacco è si allena con il gruppo aumentando progressivamente il carico sulla spalla che tanti problemi gli ha dato.

Tutti i possessori di tessera abbonamento potranno assistere a questa seconda fase, mentre saranno esclusi eventuali ulteriori incontri preliminari e di playoff/playout.

Mr. Nunzio Lanci: «Questa seconda fase ci permette di ricominciare quasi da zero. Adesso abbiamo nuovi obiettivi. Siamo fiduciosi di potercela giocare con tutti, sempre che la sfortuna la smetta di perseguitarci. La voglia di dimostrare il nostro valore è veramente tanta, abbiamo già dimostrato di essere in grado di poter mettere in difficoltà anche le grandi. Ci impegneremo al massimo».

Brescia. Tante le novità in campo nella partita di questa sera che ha visto la SIECO SERVICE Impavida Ortona, trovare in casa del Brescia la sua prima vittoria per tre set a zero. Con entrambe le formazioni già certe del proprio destino (Brescia giocherà la Pool A, Ortona la Pool B) i rispettivi allenatori decidono di tenere a riposo i giocatori che più hanno speso in questa prima parte di campionato e far giocare chi invece aveva trovato, fino ad ora, meno spazio. Esperimento nell’esperimento per Nunzio Lanci che schiera come capitano in campo Ogurčák nell’insolito ruolo di opposto, concedendo riposo a Zanettin. Alla fine, esame superato per la SIECO. Una buona prestazione generale quella del sestetto ortonese con un buon Alessio Sitti a prediligere il gioco al centro ma comunque capace di mandare a segno i suoi bilanciando con precisione il gioco tra gli attaccanti. Bravo Zanini autore di cinque punti, uno dei quali su ace e bravo anche Tartaglione, tredici punti messi a segno e un 40% in ricezione. Niente male per un giocatore che predilige di netto la fase d’attacco avere la seconda migliore percentuale di questa sera in casa Sieco. Il punteggio però non deve ingannare. Brescia ha giocato una buonissima gara con l’opposto Tasholli in costante crescita durante l’incontro. SIECO sempre avanti per tutto il match costretta a rincorrere solo nell’ultimo parziale quando è stata capace di recuperare tre punti di svantaggio fino a prendere il largo e vincere set ed incontro. In via di guarigione anche la concentrazione dei bianco-azzurri. Nel secondo parziale i padroni di casa hanno avuto un colpo di coda e dal 21-24 per gli abruzzesi, quasi compiono la rimonta portandosi 23-24. L’Impavida di poco tempo fa non avrebbe retto e invece i ragazzi fanno quadrato e con Menicali si tolgono di dosso ogni preoccupazione vincendo anche la seconda frazione di gioco.


PRIMO SET: Brescia decide che è una buona occasione per far riposare i titolari e dare spazio alle riserve. Giocano dunque Statuto palleggiatore e Tasholli opposto. Al centro c’è la coppia formata da Riccardi e Codarin mentre schiacciatori Sorlini e Margutti. Sestetto rivoluzionato anche per la SIECO che schiera Sitti in cabina di regia e Ogurčák opposto. Al centro c’è Menicali con la novità Zanini. Libero Provvisiero. La prima palla dell’incontro è nelle mani del Brescia, con Margutti ma il primo punto è della SIECO con Zanini. Tasciolli la spara fuori ed è subito break per la SIECO: 0-2. Il primo time-out del match lo chiama Mister Zambonardi, perché la SIECO va subito avanti 0-4. Scambio lunghissimo tra le due squadre che offrono uno spettacolo degno di nota agli avventori. È Tartaglione però che finalizza 0-5. Brescia tenta il recupero e piazza un parziale di quattro punti a zero. Il punteggio è 4-7. Murato Ogurčák ma la SIECO è sempre avanti: 7-11. Bello il pallonetto dell’ex bresciano Simmaco Tartaglione 10-14. Buona l’intesa al centro tra Sitti e Zanini che di potenza segna il punto che vale il 15-18. Lungolinea vincente per Fero Ogurčák, 16-21. Il muro di Menicali regala il set-point agli ortonesi 19-24. Invasione di Alessio Sitti e la Sieco Subisce un 2-0 che preoccupa Nunzio Lanci. Time-Out per tirare un po’ il fiato: 21-24. Ogurčák azzecca l’attacco dalla seconda linea, seppur con l’aiuto della rete. La SIECO vince il primo set 22-25.

Nessuna variazione per il SECONDO SET che comincia con Ottaviani al servizio. Inizio di parziale giocato punto su punto con le due squadre a rincorrersi. Quando Ogurčák, oggi schiarato opposto, piazza un lungolinea dalla seconda il punteggio è 3-4. Alessio Sitti mette in difficoltà la ricezione ospite, la palla torna giocabile e Ottaviani fa punto 6-7. Zanini approfitta di una palla alta di ritorno e la SIECO scappa avanti di tre punti 7-10. Ace per Ottaviani che costringe coach Zambonardi a chiamare tempo: 7-12. Tutto liscio per la SIECO che riesce a ricostruire con precisione: pallonetto di Tartaglione e 9-15. Fa male il muro del Brescia che colpisce due volte di seguito, il punteggio si accorcia 12-15. Buon momento per i bresciani che approfittano dell’intesa tra Tasholli e Statuto: 14-16. Si entra ufficialmente nell’ultima parte del Set con la SIECO in vantaggio 17-20. Muro di Codarin e la rimonta bresciana è quasi completa. Campanello d’allarme sulla panchina ortonese e Nunzio Lanci chiama Time-Out 21-22. Sorlini sbaglia il servizio e la SIECO allenta la tensione, almeno per il momento 21-23. Fase un po’ confusa di gioco ma poi Ottaviani guadagna il primo set point 21-24. Ace di Codarin che vale il 23-24 e ancora avversari con il fiato sul collo. Arriva infatti subito il secondo time-out di Coach Lanci. Idee riordinate e Menicali chiude al centro 23-25

Via al TERZO SET, nessuna novità in campo. Non c’è tocco del muro ortonese ed il punteggio è 2-2. Bello il punto di Sorlini che con millimetrica precisione centra la linea 3-2. Punto di Sitti che capitalizza una errata ricezione dei padroni di casa: 5-6. Doppio vantaggio bresciano con Margutti che trova un “mani e fuori” che vale l’9-7. Tartaglione murato da un Tasholli in crescita. Brescia trova il massimo vantaggio 10-7 e Nunzio Lanci stoppa il gioco. Prova a tirarla forte Margutti, ma trova solo la rete 11-8. Ace di Zanini 11-9. L’attacco di Sorlini è fermato dal muro degli ospiti. Il punteggio si accorcia 11-10 e questa volta è la panchina Lombarda a chiedere il tempo. C’è ancora un muro, ma questa volta di tartaglione ed il punteggio è in parità 11-11. Ottaviani sfrutta le mani del muro e la SIECO torna avanti: 13-14. Attacco fuori di Margutti e la SIECO può allungare con un mini-break 14-16. Muro di Ottaviani e Zambonardi chiama a sé i suoi: 15-18. A segno anche il pallonetto dello stesso Ottaviani e la SIECO si avvia verso la fine del match con un vantaggio ampio 15-20. Out l’attacco di Tasholli, la SIECO ormai sembra irraggiungibile 15-23. Ci pensa Tartaglione a chiudere il match. Arriva anche il primo 3-0 per i ragazzi impavidi. Il set che chiude anche la partita finisce 18-25

Alessio Sitti: «Anche se ai fini della classifica, nessuna delle due squadre doveva vincerla per forza, c’è da dire che comunque chi scende in campo ci tiene a far bella figura. Noi abbiamo affrontato l’impegno come sempre, ossia con il desiderio di far bene e questa volta ci siamo riusciti in pieno. Un buon risultato»

Dello stesso parere anche Matteo Zanini: «È stata un’ottima occasione per dar spazio a chi fino ad oggi ha giocato meno. È un aspetto da non sottovalutare perché nella seconda fase avremo bisogno dell’aiuto di tutti e mantenere un ritmo partita è fondamentale. Buona prestazione la nostra. Siamo partiti bene, poi ci siamo fatti un po’ riprendere ma contro una formazione fatta di giovani di alto livello come sono quelli di Brescia ci può stare. C’è da dire che non avendo avuto molto tempo per provare questo nuovo assetto, non si può non essere soddisfatti della prestazione della squadra»

TABELLINI:
Centrale Del Latte McDonald’s Brescia: Riccardi 4, Codarin 9, Margutti 13, Tiberti n.e., Fusco (L), Sommavilla (L), Tasholli 11, Sorlini 7, Statuto 2, Bellei ne., Esposito n.e., Cisolla n.e., Mazzon n.e. Allenatore: R.Zambonardi

Sieco Impavida Ortona: Simoni n.e., Pesare (L) n.e., Zanettin n.e., Bencz n.e., Tartaglione 13, Ottaviani 14, Sitti 1, Provvisiero (L), A. Lanci n.e., Zanini 5, Ogurčák 12, Menicali 7. Allenatore: N. Lanci
NOTE:
Centrale Del Latte McDonald’s Brescia - Sieco Service Impavida Ortona 0-3 (22-25; 23-25; 18-25)
Durata Set: I (27’), II (25’), III (24’)
Durata incontro: 1.16
Muri Punto: Brescia 9; Ortona 6
Aces: Brescia 2; Ortona 2;
Errori Al Servizio: Brescia 8; Ortona 6
Arbitri: Spinnicchia Giorgia (CT) e Prati Davide (PV).

Foto: Silvestro Paletti

Ortona. Ci siamo. Sabato sera alle 20.30 la SIECO sarà impegnata nell’ultima gara della fase a Gironi. Si respirerà un clima più disteso contro il Brescia. I Ragazzi di Mister Nunzio Lanci si sono tolti dallo stomaco un bel peso con l’ultima vittoria che è valsa la matematica certezza di far parte della “Poule B”.

Quella maturata dopo la gara contro Bolzano è la buona notizia che si somma a quella di Bencz e del suo infortunio ormai recuperato. L’opposto slovacco si sta allenando per tornare in forma in tempo per la prima giornata di “Fase Poule”. Tranquilla anche la posizione degli avversari capitanati dall’Ex impavido Alberto Cisolla. La squadra bresciana, a quota 43 punti, è certa di partecipare alla “Pool A” essendo ben al riparo da eventuali insidie dal basso.

«La gara contro Brescia non sarà fondamentale per nessuna delle due formazioni. Sarà quindi un buon test in preparazione della prossima fase e magari per dar spazio a chi fino ad ora non è stato molto utilizzato».

A dirigere l’incontro saranno Spinnicchia Giorgia (CT) e Prati Davide (PV).

Questi gli altri incontri dell’ultima gara di questo girone Blu:

Sabato 20 Gennaio Ore 20.30

Pool Libertas Cantù – Caloni Agnelli Bergamo
Monini Spoleto – VBC Mondovì
Gioiella Micromilk Gioia del Colle – Geosat Geovertical Lagonegro
Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – Club Italia CRAI Roma
Mosca Bruno Bolzano – Pag Taviano

Ortona. La SIECO regala ai propri tifosi una vittoria proprio nell’ultima gara casalinga prima della “Fase Pool”. Poteva meglio, per come si stavano mettendo le cose in campo, ma giocare contro un Bolzano in straordinario stato di forma, non è stato per nulla semplice, soprattutto per la pressione dall’inseguitrice Club Italia che vincendo alle 16 contro Gioia Del Colle, è ormai a ridosso del quinto posto. Sbagliare sarebbe fatale. La partenza degli ospiti è stata impressionante. La SIECO letteralmente sorpresa dall’intensità di gioco avversario non riesce a lasciare la sua impronta al set. Impronta che poi rimane e come in quelli successivi. Finalmente gli impavidi si dimostrano tali giocando una buona pallavolo, riuscendo a staccare gli ospiti addirittura di undici punti nel terzo set. Peccato che nel quarto parziale il famoso (ed infausto) “Bug del diciannovesimo punto” abbia colpito ancora. Dopo un set giocato punto a punto la Sieco si blocca a 19. Prima raggiunti, poi superati e dopo staccati 19-22, gli impavidi perdono il set 22-25. Il quinto set, però, piuttosto che smorzare gli entusiasmi, infiammano invece la voglia di riscatto dei ragazzi di Nunzio Lanci. Con questa vittoria, anche se da due punti, la SIECO ha garantito l’accesso alla “Poule B”, in quanto ha maturato più vittorie rispetto al Club Italia, l’unica che potrebbe di fatto ancora raggiungerla in classifica. Secondo regolamento, infatti, a parità di punti, ha la meglio la squadra che ha conquistato più vittorie. Oggi la SIECO ne ha messe a segno nove, Club Italia sei. Anche in caso di malaugurata sconfitta contro Brescia, quindi, i campioncini non riuscirebbero a colmare il GAP che li separa dai Biancoazzurri.

Il PRIMO SET da il via alla gara con in campo Capitan Nunzio Lanci al palleggio e l’opposto Zanettin in zona due. In posto due si schierano Menicali e Simoni. La banda degli schiacciatori è occupata dal recuperato Ottaviani e Ogurčák mentre per il ruolo di Libero, c’è Pesare. Una rinnovata Mosca Bruno Bolzano, risponde con Quartarone in palleggio e Giannotti opposto, Bleggi al centro con Paoli e Ristic e Galabinov schiacciatori. Bruno Libero. A dare il via a questa gara è Ristic per la Mosca Bruno Bolzano ed è subito Ace. Il muro di Giannotti porta immediatamente gli ospiti al break 0-2. Bello il fraseggio al centro tra Andrea Lanci e Michele Simoni 4-6. Il primo Time-Out dell’incontro lo chiama Nunzio Lanci quando gli ospiti guadagnano ancora un punto di vantaggio 4-8. L’arbitro ravvisa un tocco del muro su schiacciata di Zanettin ma la panchina ospite non è d’accordo e chiama l’intervento del video-check. La sentenza: la palla non è toccata, punto a Bolzano: 6-12. Ancora ACE per Ristic 6-13. Fischiata un’invasione a Zanettin e anche Mister Nunzio Lanci chiama l’aiuto dell’elettronica. Suo malgrado, l’invasione è confermata 7-15. La SIECO non riesce a trovare la quadra del set. Il punteggio si fa pesante 9-18 e Nunzio Lanci chiama il suo secondo Time-Out. Arriva anche il fallo di rotazione per una SIECO in grave sofferenza 10-20. La piccola rimonta della SIECO fa accendere qualche lucina d’allarme sulla panchina di Bergamo. Seppur il divario rimanga ampio, Mister Burattini chiama il suo primo time out sul 14-21. L’ace di Ogurčák, fa accendere altri allarmi sulla panchina degli ospiti; ora il punteggio è 17-21 e Coach Burattini chiama anche il suo secondo time out. Terzo Ace per Ristic: 17-23. Sono tanti i Set point per Bolzano che ne approfitta subito mettendo a segno l’ennesimo Ace del parziale, questa volta con Paoli: 18-25

Nessuna variazione in campo per il SECONDO SET. Al servizio per gli ortonesi c’è Ogurčák. Il muro di Menicali regala il primo punto agli Impavidi. L’ace di Menicali è contestato ma il video-check da ragione all’arbitro: il punto è valido 3-1. Si allunga il vantaggio dei bianco-azzurri grazie a Zanettin 5-2. Tocca l’asticella l’attacco di Zanettin e Bolzano torna a due punti 8-6. Bella l’azione che porta la SIECO sull’11-7. Ottaviani finalizza una ricostruzione che aveva portato Andrea Lanci, lontano dal campo a servire in bagher Ottaviani che spara la bomba del 11-8. Out il servizio di Simoni 14-11. A ristabilire le distanze ci pensa Andrea Lanci che la mette dentro di prima intenzione 15-11. Ace di Menicali che, anche se con l’aiuto del nastro porta sul 18-13 il punteggio. Questa volta è la SIECO a tentare la fuga. Mister Burattini se ne accorge e chiama tempo. Errore di Ogurčák che si fa scivolare la palla tra le mani. Nunzio Lanci vuole fermare per qualche secondo il gioco tanto da permettere ai suoi di respirare: 19-16. Continua la rimonta ospite che fa altri due punti 19-16. In un momento molto delicato arriva anche l’ace di Galabino ed ora la parità è raggiunta 19-19. Sul 21-20 doppio cambio in casa Impavida: Lanci/Tartaglione e Sitti/Zanettin. Mossa infruttuosa 21-21 ed il cambio si chiude. Out l’attacco di Giannotti e la SIECO rifiata 23-21. Passa poco e Ogurčák è magistrale nel suo muro ad uno 24-21. Giannotti la spara abbondantemente fuori e dalla clamorosa rimonta che stava nascendo, Bolzano finisce per perdere il set 25-21

Il TERZO SET comincia con il pericoloso RISTIC al servizio ma è subito disinnescato da Ottaviani che segna il primo punto del parziale. Ace di Ottaviani che accontenta i tifosi che gli chiedevano di “picchiare”: 4-2. Ogurčák è attento sotto rete e non si fa ingannare dal pallonetto ospite, lui non si scompone e la appoggia di là 6-2 con Burattini costretto a chiamare tempo. Ace di Quartarone ed il punteggio arriva sull’8-6. Ace del sempre pericolosissimo Rustic, gli ospiti sono ormai vicini 10-8. Il video-check non è d’aiuto per la squadra di Nunzio Lanci: l’attacco è fuori ed il punteggio è 10-10. Buona la pipe di “Fero” Ogurčák e la SIECO recupera il doppio vantaggio 12-10. Simoni stampa ancora un muro e questo vale il 15-12. Errore di Giannotti che trovatosi troppo attaccato alla rete non riesce a scavalcarla in palleggio 16-12 e bolzanini costretti al Time-Out. Il divario si allarga, quando Ogurčák finalizza al meglio una free-ball offerta da Galabinov 18-13. Out l’attacco di Paoli, gli impavidi sentono profumo di punti 20-13. Zanettin in diagonale segna il punto del 22-14: ora la SIECO gioca in scioltezza mentre Bolzano è letteralmente in bambola. Fischiata anche l’invasione a Ristic 24-14. Zanini chiude la pratica 25-14 e SIECO in vantaggio per due set ad uno. Finalmente si torna a punti.

QUARTO SET che si apre con l’errore al servizio di Ogurčák ma Ottaviani ci mette subito una pezza: 1-1. Scappa avanti la formazione biancorossa che in poco tempo si ritrova avanti 3-7. Nunzio Lanci chiama già i suoi a raccolta. Ristic fa invasione e la SIECO torna sotto 6-7. Il pareggio è opera di Ottaviani che d’astuzia gioca il mani e fuori sul muro avversario 10-10. Un parziale di due punti a zero serve a Bolzano per riacquistare un piccolo margine di sicurezza 11-13. Il muro tocca l’attacco di Ottaviani, il pareggio è servito 14-14. L’errore al servizio di Simoni costa il doppio vantaggio ospite 16-17. Ace di Andrea Lanci 17-17. Il sorpasso porta ancora una volta la firma di Ogurčák 18-17 con ospiti costretti al time-out. Ace di Candeago e parità ristabilita 19-19. Ancora ace di Candeago ed è sorpasso bolzanino porta Nunzio Lanci a fermare il gioco. Nulla da fare, fischiata una invasione ai biancoazzurri e gli ospiti sono avanti 19-22. Perfetto il dialogo tra Lanci e Menicali 21-23. 22-24, le speranze di tenere vivo il set sono risicate ed infatti il parziale si chiude 22-25.

QUINTO SET con Menicali subito a punto 1-0. Errore di Ristic e SIECO avanti di due punti. Bella la Pipe di Ogurčák 4-1. Ancora un Black-Out in casa SIECO porta gli ospiti ad avere un parziale favorevole di 4 punti a zero. Ora Bolzano conduce 4-5 e Nunzio Lanci chiama tempo. Ogurčák sbarra la strada a Giannotti 7-6. Il Punteggio al cambio campo è di 8-7. Muro di Menicali, il divario tra i due sestetti aumenta 10-7. Il muro di Michele Simoni vale il 14-9 e la partita è in ghiaccio. La bottiglia la stappa l’opposto Zanettin. La sua schiacciata è murata fuori e l’impavida, torna a vincere dopo cinque sconfitte consecutive. 15-9.

Nunzio Lanci: «È stata una gara tosta, ma questo lo sapevamo. Dopo un primo set disastroso siamo riusciti a mettere le cose a posto. Peccato per il quarto set che non abbiamo concretizzato, ma questa vittoria, anche se da due punti ci da la sicurezza di poter rientrare nella “Poule B”, quella che io chiamo “purgatorio”. In questo girone, arrivando tra le prime due, ci sarebbe la possibilità di giocarsi un posto nei Play-off promozione ma il rischio di finire nei Play-Out non è del tutto svanito. Bisogna fare attenzione a non terminare questa seconda fase tra le ultime due»

Top Scorer dell’incontro Fero Ogurčák

 

 


TABELLINI:

Sieco Impavida Ortona: Simoni 9, Pesare (L), Zanettin 15, Bencz n.e., Tartaglione, Ottaviani 12, Provvisiero (L) n.e., A. Lanci 2, Zanini n.e., Ogurčák 24, Menicali 12, S.Lanci n.e., Rustignoli n.e. Allenatore: Nunzio Lanci

MOSCA BRUNO BOLZANO: Canedago 3, Bressan 3, Spagnuolo, Bleggi 4, Ristic 16, Ingrosso n.e, Baldazzi n.e, Quartarone 1, Paoli 5, Giannotti 22, Galabinov 10, Bruno (L), Villotti n.e. Allenatore: Andrea Burattini

NOTE:

Sieco Service Impavida Ortona – Mosca Bruno Bolzano 3-2 (18-25; 25-21; 25-14; 22-25; 15-9)

Durata Set: I (24’), II (30’), III (22’), IV (30’), V (15‘)
Durata incontro: 2.01
Muri Punto: Ortona 11; Bolzano 8
Aces: Ortona 5; Bolzano 10
Errori Al Servizio: Ortona 14; Bolzano 15
Arbitri: TONI Fabio (Terni) e CARETTI Stefano (Roma).

Prossima Gara:
Sabato 20 Ore 20.30
Centrale Del Latte McDonald’s Brescia – SIECO Service Impavida Ortona

Pagina 1 di 12

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione