Vasto. Apertura questo pomeriggio a Vasto, in Corso Mazzini n. 125, della sede elettorale di Tiziana Magnacca, candidata per la quota proporzionale alla Camera dei deputati per Forza Italia. Al suo fianco il presidente della Commissione vigilanza del Consiglio regionale Mauro Febbo, i candidati alla Camera dei deputati per la coalizione di centrodestra Enrico Di Giuseppantonio e sulla quota proporzionale Incoronata Ronzitti. A dare il benvenuto di saluto Antonio Monteodorisio, dirigente vastese di Forza Italia, che nel presentare Tiziana Magnacca l’ha definita “una donna forte e responsabile che ama la sua città, Vasto e il suo territorio. Mai come in questo momento abbiamo bisogno di un centrodestra forte e coeso”. Guido Giangiacomo, capogruppo in Consiglio comunale di Forza Italia, ha evidenziato l’impegno del partito nel sostenere in questo territorio la Magnacca che ha grinta e determinazione “ma in particolare sa fare squadra tra gli amministratori locali per il bene comune in questa parte d’Abruzzo che in questi anni è stata abbandonata inesorabilmente al suo destino”.
“Il tricolore per noi conta più dell’appartenenza politica e solo per il tricolore stiamo facendo tutto questo –ha detto salutando i numerosi presenti Tiziana Magnacca – e vorrei che questo luogo diventi la casa di tutto il centrodestra che unito sia in grado di dare una speranza nuova all’Italia e anche a Vasto. I vastesi sono delusi dal risultato del voto amministrativo del 2016. E’ ora di dire basta alle lamentele, adesso di deve passare ai fatti dando un segnale concreto di cambiamento rispetto a un centrosinistra incapace e non in grado di portare risultati in questa città oltre a togliervi ciò che avete: è il tempo della riscossa per Vasto”.
Mauro Febbo ha spiegato che questa competizione elettorale è molto importante “in un territorio come il Vastese evidenzia in maniera evidente i risultati del mal governo regionale che andrà a casa dopo il voto del 4 marzo. Dal Vastese partirà la spinta per far scattare il secondo deputato nella lista proporzionale per Forza Italia con l’elezione di Tiziana Magnacca a parlamentare perché lei come Di Giuseppantonio conoscono le esigenze dei cittadini per essere degli amministratori locali”.
“Anch’io sono convinto che ce la faremo a fare eleggere Tiziana al Parlamento – ha sottolineato Enrico Di Giuseppantonio – perché se saremo più deputati abruzzesi del centrodestra a essere eletti faremo squadra per il bene dell’Abruzzo e in particolare di questo territorio in difficoltà. E per farlo ci vuole esperienza e sensibilità che abbiamo affinato come amministratori locali, perché siamo in grado di ascoltare le voci di questo territorio dimenticato dalla Regione”.

Vasto. Nel pomeriggio di oggi prima assise civica guidata dal nuovo Presidente del Consiglio comunale Mauro Del Piano. L’ex consigliere di Patto per Vasto è stato eletto con 14 voti alla seconda votazione e ricopre il ruolo che è stato svolto per oltre undici anni dal neo vice sindaco e assessore Giuseppe Forte. Del Piano, 55 anni operaio della Pilkingtonsposato con Grazia e padre di Michela e Martina, è alla sua seconda esperienza politica. Nel 2011 è stato Consigliere Comunale nell’Amministrazione guidata dal sindaco Luciano Lapenna.

Torna sui banchi della Sala “Vennitti” Simone Lembo, 42 anni direttore provinciale di Confesercenti e responsabile regionale di Confesercenti turismo. Lembo, primo dei non eletti, è subentrato a Giuseppe Forte. Si tratta della sua terza esperienza in Consiglio dopo che aveva ricoperto lo stesso ruolo durante i mandati di Luciano Lapenna dal 2006 al 2016.

Vasto. La Commissione Tributaria Provinciale di Chieti ha depositato, in data 06/02/2018, le otto sentenze sugli altrettanti ricorsi promossi dalla EDISON S.p.Aavverso avvisi di accertamento ICI, IMU e TASI del Comune di Vasto.
Con tali provvedimenti, la Commissione Tributaria ha rigettato i ricorsi della società, accogliendo la tesi del Comune di Vasto sulla legittimità degli accertamenti tributari notificati e relativi alla Piattaforma in mare denominata “Rospo Mare C”.
La somma complessiva degli accertamenti impugnati è pari ad Euro2.470.723
La società è stata altresì condannata al pagamento delle spese di giudizio.
L’Amministrazione comunale ringrazia particolarmente l’Ufficio Tributi e l’Avvocatura Comunale che con un notevole impegno comune hanno “combattuto” in tutte le sedi per veder confermato il principio della legittimità dei Comuni nel richiedere il pagamento dell’ICI, dell’IMU e della TASI anche alle piattaforme petrolifere presenti lungo le coste dei nostri mari.

Vasto. Questa mattina il sindaco di Vasto, Francesco Menna, ha assegnato le deleghe alla Giunta dopo che lo scorso 13 febbraio aveva provveduto ad integrarla con la nomina dell’ultimo assessore, nonché vice sindaco Giuseppe Forte.
“Un rimpasto necessario - ha detto questa mattina il sindaco Menna- nel momento in cui Antonio Del Casale si è trasferito nel Veneto per lavoro. Una casella quella di Giunta importante, che andava riempita. Ho chiesto a Giuseppe Forte di aiutarci entrando a far parte della squadra di giunta contribuendo positivamente con la sua tenacia e la sua esperienza.

SINDACO FRANCESCO MENNA
Pianificazione finanziaria – Bilancio - Società Partecipate
Igiene e Sanità – Protezione Civile

VICE SINDACO GIUSEPPE FORTE
Assessore all’Urbanistica, ai Lavori Pubblici e alla Cultura
Delega alla Pianificazione Urbanistica – Edilizia – Lavori Pubblici
Grandi Opere- Beni e Attività Culturali

LUIGI MARCELLO
Assessore allo Sviluppo Economico, ai Servizi Civici e al Patrimonio
Delega a: Attività Produttive- Commercio- Artigianato – Mercati- Porto
Servizi Civici: Stato Civile, Servizi Demografici, Servizi Elettorali, Toponomastica- Patrimonio Comunale- Gestione Impianti Sportivi, Politiche per le realtà Periferiche- Gemellaggi Istituzionali


LINA MARCHESANI
Assessore alle Politiche Sociali, dei Diritti e delle Risorse Umane
Delega a: Politiche Sociali-Politiche dell’Integrazione, Politiche del Lavoro- Politiche per il Terzo Settore
Pari Opportunità- Personale

GABRIELE BARISANO
Assessore alla Cura della città e alla Sicurezza
Delega a: Servizi Manutentivi – Decoro e Arredo Urbano – Verde Pubblico, Politiche Energetiche Cimitero Comunale- Tributi Locali- Politiche per la Sicurezza- Polizia Locale- Viabilità e Manutenzione Stradale, Statuto e Regolamenti – Rapporti con il Consiglio Comunale

PAOLA CIANCI
Assessore alle Politiche Ambientali e del Territorio e alle Politiche Giovanili
Delega a : Smart City – Ambiente – Aree Protette e Demanio Infrastrutture per l’Ambiente- Via Verde della Costa dei Trabocchi- Trasporti e Mobilità Sostenibile- Ecologia- Politiche Abitative- Politiche Giovanili – Avvocatura Comunale

CARLO DELLA PENNA
Assessore al Turismo, ai Grandi Eventi e allo Sport
Delega a: Turismo, Grandi Eventi -Sport

ANNA BOSCO
Assessore all’Istruzione, all’Innovazione e alle Politiche Comunitarie
Delega a: Politiche dell’Educazione- Politiche dell’Istruzione, Manutenzione Edifici Scolastici - Innovazione e Trasformazione digitale, Trasparenza - Sistemi Informatici, Politiche Comunitarie- Agricoltura e Pesca, Forum delle città dell’Adriatico e dello Ionio, Attuazione del Programma Amministrativo

Lanciano. Concluso l’iter procedurale, la firma dell’accordo di programma tra la Regione Abruzzo e i Ministeri della Salute e dell’Economia per la costruzione dei nuovi ospedali è questione di ore. Lo ha annunciato la Ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, questo pomeriggio a Lanciano durante la visita al “Renzetti”.

«Se non c’è ancora materialmente la firma - ha detto - è solo per l’assenza del direttore generale del Ministero che si trova all’estero in missione istituzionale. Sarà di ritorno fra qualche giorno e immediatamente provvederò a inviarvi il documento firmato, che dà il via libera alla progettazione e realizzazione di nuovi ospedali a Lanciano, Vasto, Avezzano e Sulmona e, inoltre, libera risorse per la ristrutturazione di Penne e Teramo. E’ davvero una bella notizia per l’Abruzzo, che ha una reale necessità di strutture nuove, sicure, dotate di tecnologie avanzate, nelle quali continuare a garantire tranquillità ed elevata qualità delle cure».

L’accordo di programma “vale” per la Asl Lanciano Vasto Chieti 60 milioni di euro, perché permette alla Regione di finanziare la realizzazione dei nuovi ospedali con 30 milioni per Lanciano e 30 per Vasto, a fronte di un costo complessivo di 83 milioni di euro per Lanciano e 80 per Vasto e una dotazione di circa 200 posti letto.

«Ora tocca a noi - ha sottolineato il Direttore generale della Asl, Pasquale Flacco -, l’Azienda era in attesa dell’accordo di programma per fare la propria parte e avviare progettazione e appalto dei nuovi presidi. Ci mettiamo subito al lavoro per avviare quest’altra fase al più presto».

Alla Ministra è stata anche indicata l’area dove sarà ubicata la nuova costruzione, individuata nella zona attualmente destinata a eliporto, parcheggi e obitorio.

Prima dell’incontro con gli operatori, avvenuto nella gremita Aula multimediale, Beatrice Lorenzin ha visitato alcuni reparti del “Renzetti”, esprimendo pubblicamente parole di grande apprezzamento per l’Osservazione Breve Multidisciplinare, modello di organizzazione messo su da Antonio Caporrella, direttore del Dipartimento emergenza-urgenza, per filtrare i gli accessi al Pronto soccorso e governare i ricoveri. «Penso da sempre che sia necessario uscire dalla follia dei posti letto - ha commentato con soddisfazione - e, se questa gestione dell’emergenza funziona, dovremo farne un modello per l’Italia».

A conclusione del suo intervento, non è mancato un riferimento all’impegno sul tema delle vaccinazioni, ribadito anche a una mamma venuta per sostenere una posizione differente, e al ruolo degli infermieri, sicuramente valorizzato con il decreto che porta il suo nome e che ora dovrà essere adeguatamente riconosciuto anche sotto il profilo salariale.

La Ministra è stata accompagnata dal sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, dal manager Asl, Pasquale Flacco, dal direttore sanitario, Vincenzo Orsatti e da rappresentanti del Governo e della Regione Abruzzo.

Vasto. “Il Tribunale di Vasto con la sentenza RG n. 425/2017, pubblicata in data odierna, ha provveduto a riconoscere la validità dell’istanza presentata dai lavoratori del COTIR contro la Regione Abruzzo. Certificato il fallimento dell’azione politica di D’Alfonso e Pepe che hanno umiliato il mondo della ricerca. I lavoratori del settore finalmente hanno avuto la loro rivalsa”. Questo l’annuncio di Mauro Febbo, Presidente della Commissione di Vigilanza della Regione Abruzzo.

“I lavoratori del COTIR, per esecuzione della sentenza, dovranno essere reintegrati. E’ stato verificato dal Tribunale competente il non rispetto della Legge Madia, come ho sempre sostenuto. Una giusta e dovuta bocciatura per la linea politica adottata da D’Alfonso e Pepe artefici di questi danni che oggi sono impegnati in una campagna elettorale nel tentativo di un più tranquillo approdo a Roma per fuggire dai problemi che hanno creato”.

Vasto. Ieri il Sindaco di Vasto Francesco Menna ha provveduto alla revoca delle deleghe assessorili precedentemente assegnate. Contemporaneamente il primo cittadino ha nominato nuovo assessore della Giunta Municipale di Vasto Giuseppe Forte il quale ha accettato l’incarico. Allo stesso Forte, che decade automaticamente dalla carica di consigliere comunale, il Sindaco Menna ha affidato la carica di Vice Sindaco.
Nei prossimi giorni il Sindaco Francesco Menna provvederà alla riassegnazione delle deleghe ai componenti la Giunta.

Vasto. “Vasto si candidi ad assumere il ruolo guida nel turismo, diventi la città capofila tra quelle che s’affacciano sulla Costa dei Trabocchi, un modello che potrà permettere lo sviluppo delle idee dei tanti giovani che aspettano di avere un’opportunità per proporsi nel mondo del lavoro”. Lo ha affermato oggi il candidato Enrico Di Giuseppantonio, candidato per Noi con l’Italia-Udc nel Collegio Uninominale Abruzzo 5, Vasto-Lanciano-Ortona intervenendo alla conferenza stampa nell’aula consiliare del Comune di Vasto, organizzata dai Consiglieri di opposizione Guido Giangiacomo, Davide D’Alessandro, Alessandra Cappa, Vincenzo Suriani, Alessandro D’Elisa e Francesco Prospero. “Per noi - hanno detto - il 4 marzo segnerà la vittoria del nostro comprensorio, da qui inizierà la riscossa del Centro Destra in tutta la regione e siamo uniti proprio per il cambiamento, che oggi è possibile con candidati credibili, preparati e vicini al nostro territorio” “Vasto ha un grande peso nell’Abruzzo Meridionale, alla stregua di altri centri del nostro territorio e insieme a loro deve tornare a essere un punto di riferimento, deve farsi portavoce e curatore di interessi di tanti piccoli centri. E quel che verrà da questa parte dell’Abruzzo sarà per me l’impegno giornaliero in Parlamento se sarò eletto - ha proseguito Di Giuseppantonio -. Ma tra le miei battaglie ci sarà anche la salvaguardia dei tribunali minori abruzzesi e tra loro anche Vasto e Lanciano, che non sono solo indispensabili presidi di giustizia, ma anche uffici che offrono servizi a tre delle aree industriali più importanti del centro sud d’Italia”.

Vasto. "Una donna denuncia un'aggressione davanti ad un supermercato. Stando al racconto della vittima, ad aggredirla sarebbe stata una mendicante, poi fuggita".

Così in una nota Carmine Tomeo e Marilisa D’Alfonso di Potere al Popolo, che proseguono: "In questi casi, un po' di sano pudore e di senso di opportunità non guasterebbero. Purtroppo, pare siano doti sempre meno presenti nel sindaco di Vasto. Mentre le indagini sono ancora in corso e gli inquirenti stanno vagliando i video delle telecamere di sorveglianza, Francesco Menna si lancia in dichiarazioni senza senso e arriva a dire: "Il vero problema non sono gli immigrati accolti dallo SPRAR, o dai CAS rimanenti spero ancora per poco, ma i clandestini, otto dei quali abbiamo già segnalato per il rimpatrio". Non perdendo tempo a rivendicare il provvedimento anti-accattonaggio di qualche mese fa che ridefinimmo come ordinanza di guerra ai poveri. In quell'occasione, invece di adottare provvedimenti contro le condizioni di povertà, l'amministrazione di centrosinistra pensò di risolvere la questione prendendosela con i poveri, non molto diversamente da Alessandrini (PD) a Pescara che con il provvedimento di sgombero fece esultare Forza Nuova. Un provvedimento che anticipò, a ulteriore dimostrazione della assoluta sovrapposizione del PD e del centrodestra, di qualche mese simile provvedimento dell’amministrazione di San Salvo. Non pago, Francesco Menna si lancia nella criminalizzazione dei clandestini, facendo il gioco di quelli che enfatizzano episodi di piccola criminalità per alzare la tensione contro specifici gruppi sociali, distogliendo l'attenzione dai problemi della città. In periodo elettorale, questo atteggiamento già poco decoroso, diventa addirittura ignobile. Come fa, Menna, a pronunciare una sentenza rispetto all'aggressione, mentre le indagini sono ancora in corso? Come fa a sapere che si tratta di una clandestina? Ma soprattutto, Menna se la prende con la supposta clandestina, con la condizione di clandestinità, anziché con le cause della stessa. Come quando se la prese con i poveri anziché con le cause della povertà. Che è come prendersela con i disoccupati, invece di attaccare i motivi che portano alla disoccupazione; con i senza casa, invece che con i problemi che sono causa della privazione del diritto alla casa per troppe persone. Menna, come Salvini e Meloni con gli immigrati, o come la Fornero e Renzi con i lavoratori, colpevolizza chi soffre una condizione di disagio invece di provare a risolvere in qualche modo le condizioni di vulnerabilità, per quanto rientra nelle proprie competenze e poteri. Perché? Perché, come un bulletto a scuola, è più facile prendersela con i più deboli. Provare a risolvere i problemi reali delle persone, è sempre una cosa più complicata: si chiamerebbe politica, se non fosse che l'hanno ridotta a gestione dell'ordine pubblico contro le persone più vulnerabili".

"Tutto questo avviene, esattamente come con l’ordinanza anti-mendicanti dell’anno scorso - conclude la nota - nel totale silenzio della “sinistra del centro sinistra”, degli esponenti di Liberi e Uguali. Che da una parte sfilano con le antifasciste e gli antifascisti a Macerata, affermando di essere portatori di politiche contro la povertà e a favore dei più deboli ed emarginati della società. E dall’altra continuano ad amministrare con il PD e ad esserne sodali delle politiche anti-sociali".

Vasto. Un incontro pubblico aperto ai cittadini per far conoscere i propri candidati: questo lo scopo di Aperileft, aperitivo promosso da Liberi e Uguali (LeU) e in programma per domenica 11 febbraio, alle ore 18:30, nella Vineria per Passione in Corso de Parma a Vasto.

Parteciperanno i candidati LeU alla Camera, Giuseppe Marisi e Francesca Licenziato, ed al Senato, Fabio Ranieri.

“Raccontare i volti e le proposte di un’alternativa che c’è e che è credibile, possibile e vicina alla popolazione – commenta così la scelta di organizzare un aperitivo per i cittadini Giuseppe Marisi, candidato alla Camera per LeU. A Vasto e ai vastesi – continua Marisi – vorrei rivolgere l’invito a partecipare a questa iniziativa perché sarà occasione per discutere insieme di temi che riguardano il territorio come l’ambiente, il lavoro o la viabilità e la questione della presenza eccessiva di cinghiali. A Roma si va per costruire – commenta ancora Marisi – portando con sé le istanze del territorio e riconnettendosi così alle persone. La sfida più grande del 4 marzo – conclude il candidato LeU alla camera – non è la corsa elettorale, ma organizzare un viaggio capace di coinvolgere tutti”.

Pagina 1 di 25

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione