Chieti. Obiettivo sorpasso: il Chieti F.C. affronta tra le mura amiche il Martinsicuro(ore 15), per quello che sarà il piatto forte della 26^ giornata nel campionato di Eccellenza.

Se in campo sarà battaglia tra due squadre che tenteranno di conquistare l’intera posta in palio per continuare a sperare di raggiungere il Real Giulianova, impegnato in trasferta, in quel di Capistrello; in panchina ci sarà sicuramente tanto fair play tra i due tecnici.

Umberto Marino e Guido Di Fabio sono grandi amici dentro e fuori dal rettangolo di gioco, visto che hanno giocato insieme nella Fermana dei miracoli che trionfò nel campionato di C1 stagione 1999/2000, conquistando una storica promozione in serie B. All’epoca Di Fabio, Capitano dei canarini, centrocampista dai piedi buoni, Marino attaccante di razza, fecero faville in campo e l’amicizia continuò anche successivamente. Proprio l’ex centrocampista ha vestito anche la maglia neroverde qualche anno più tardi, campionato di C1 2003/2004 lasciando un buon ricordo al pubblico neroverde.

Quella di domani per il Chieti F.C. rappresenta una tappa fondamentale per riprendersi il secondo posto. All’Andata la spuntò il Martinsicuro per 1 a 0, match che si giocò sotto una pioggia torrenziale, deciso dal gol di Maio. Settimana di grande lavoro in casa Teatina: Marino deve fare i conti ancora con l’emergenza nel reparto avanzato, dove mancheranno Lalli e Margarita, alle prese con i rispettivi infortuni. Non ci sarà neanche l’esterno Costantini, andato in rete domenica scorsa con il San Salvo, per i postumi dell’influenza. Ancora tanti nodi da sciogliere sulla formazione che scenderà in campo. Il Martinsicuro, invece, dovrà fare a meno di Carboni, infortunato, ma ritrova Ferrari che torna disponibile.

I teramani sono ben allenati e protagonisti da qualche anno a questa parte di campionati di vertice in Eccellenza, mantenendo sostanzialmente la stessa ossatura della scorsa stagione. Maio è il maggior terminale offensivo con 10 reti all’attivo, mentre sugli esterni da temere sono Nepa e Di Giorgio con Fiscaletti in mediana.

Al “Guido Angelini” sarà “Giornata Neroverde”, pertanto non sono validi gli abbonamenti. Ricordiamo che la biglietteria dello stadio sarà attiva dalle ore 14. Un successo rilancerebbe le quotazioni dei Teatini, che dovranno giocare con la massima attenzione e sfruttare al meglio le occasioni che il Martinsicuro concederà. A dirigere l’incontro sarà Paul Leonard Mihalache della sezione di Terni (assistenti: Bernardini, Nappi di Pescara).

Francavilla al Mare. Il Francavilla, dopo il successo di mercoledì nel recupero con il Monticelli, domani pomeriggio al Valle Anzuca riceverà la visita della Recanatese.
Il tecnico giallorosso, Pierluigi Iervese, ha presentato l'incontro: "Alla partita di domani mentalmente arriviamo sicuramente bene perché veniamo da una vittoria bella, in una partita giocata bene e vinta meritatamente. Fisicamente penso che abbiamo recuperato sicuramente le energie, ci apprestimo a giocare contro la Recanatese che conosciamo benissimo, sappiamo che hanno cambiato in confronto all'andata 16 giocatori, quindi è una squadra che va rispettata e noi lo faremo e cercheremo però di fare il nostro. Le partite sono tutte difficili, questa in particolar modo perché questa è una partita a cui teniamo, in cui dobbiamo cercare di continuare a fare risultati positivi e stare agganciati sempre al gruppo dei play off. Quindi noi la vogliamo giocare, bene, questa è la cosa più importante e speriamo di fare i tre punti. Per l'assenza di Fofana mi dispiace moltissimo perché non lo abbiamo avuto per 4 mesi, adesso purtroppo questa maxi squalifica non ci voleva. Però quest'anno siamo stati bravi a superare tante situazioni e lo faremo anche questa volta, chi giocherà sicuramente si farà trovare pronto e ho fiducia in tutti".

Lettomanoppello. Si è tenuta questa mattina, venerdì 16 febbraio 2018 alle ore 10 presso la Scuola Secondaria A. Manzoni di Lettomanoppello (Pe), la presentazione di un nuovo sportello antiviolenza facente parte del Progetto Medea, la cui associazione omonima si occupa di supportare i soggetti vittime di violenza di genere e prevenire casi di bullismo e mobbing.
Nello specifico, lo sportello offre una consulenza gratuita per gli utenti mettendo loro a disposizione psicologi, avvocati, criminologi e sociologi. Essi forniranno il loro sostegno per far sì che si trovi una soluzione a ogni tipo di problema presentato.
È molto importante sensibilizzare adulti e ragazzi sulla serietà di fenomeni che si diffondono sempre più, con dati piuttosto preoccupanti.
I casi di violenza in Italia sono circa 6.800.000, di cui il 31,5% solo in Abruzzo.
Per ciò che concerne il bullismo, «dal 1° settembre entrerà in vigore una norma che prevede la figura di un referente nelle scuole che si occupi di cyberbullismo, prevenzione e contrasto ai crimini telematici», fa sapere il sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli.promotricedella legge sul cyberbullismo e costantemente impegnata nellla lotta contro la violenza sulle donne.«Usate bene la vostra libertà», dice ancora rivolgendosi ai ragazzi intervenuti.
L'incontro, che ha avuto un bel riscontro di pubblico, ha visto la presenza e l'intervento di Federica Chiavaroli, sottosegretario di Stato alla Giustizia, di Giuseppe Esposito, sindaco di Lettomanoppello, Luciana Conte, assessore Politiche Sociali, della dirigente scolastica Fabrizia Di Berardino. Sono intervenuti anche Lino Farao, sociologo e Responsabile Regionale Ludopatie, Annamaria Bruno, educatrice Minori Fondazione S. Camillo De Lellis Chieti, Carmen Fedele, giudice onorario Tribunale Minori de L'Aquila; Alberto Polini, avvocato Segretario Nazionale Associazione Medea, Tiziana Di Gregorio, psicologa Responsabile Sportelli Antiviolenza, Francesco Longobardi, presidente Cuore Nazionale Abruzzo, Daniele Natalizia, fondatore associazione Medea, Franca Minnucci, vice presidente Associazione Medea, poetessa e scrittrice ed Emilio Gallotta, maestro della Scuola del Sifu Nelson Tello.

Pescara. Alla vigilia della trasferta di Chiavari dove il Pescara sfiderà la Virtus Entella, il tecnico del Pescara, Zdenek Zeman, ha presentato l'incontro.
Queste sono le sue dichiarazioni riportate da forzapescara.com: "Falco non ha recuperato, non ci sono Coda, Fornasier e Cappelluzzo. Proietti c’è, non ha problemi e quindi è a disposizione. Stesso discorso per Campagnaro. Balzano con la Salernitana ha fatto bene. Fiamozzi tecnicamente è superiore, ma Balzano sul ritmo e sulla grinta mi dà più rassicurazione. A me il tridente piace solo se facciamo 20 tiri in porta, nell’ultima partita ne abbiamo fatti pochini. Capone ha fatto qualche gol, in allenamento prende spesso la porta. Il problema suo è il ritmo partita, spero che ci possa aiutare. Pettinari non sta facendo i gol perché non lo cerchiamo mai dentro l’area e quindi non è colpa sua. Bunino ha bisogno di essere servito, cerca sempre la porta ma è sempre il nostro gioco fondamentale per fargli fare gol. La Virtus Entella è una squadra che ha dei giocatori importanti, tatticamente loro giocano con 5-3-2, anche se mancherà i due difensori centrali non sono al top. Quindi dovremmo vedere come si sistemeranno. Rispetto alla partita di andata, siamo diversi e dobbiamo essere sempre noi a fare la partita. Sinceramente non so se si faranno i play off visto che le prime tre si stanno allontanando. Non ci sono momenti più o meno importanti. Tutto il campionato è fondamentale e ogni gara è la più importante. Mancano 17 partite, e bisognerebbe fare una fila di risultati. Domani a Chiavari non sarà un problema il sintetico visto che anche noi siamo abituati. L’unica variante potrebbe essere la poca larghezza ma non è una giustificazione, perché vincerà chi avrà più forza. Oggi la squadra è un gruppo unito che si aiuta tanto. Quando facciamo fase difensiva prendiamo gol e siamo poco attenti. Io chiedo più manovra ai terzini e che stiano molto alti, facendo i cross da fondo campo. Noi lavoriamo su questo, i movimenti ci sono ma delle volte facciamo altro rispetto a quanto proviamo in allenamento".

Pescara. Si apre con il ricordo di Bruno Pace la presentazione del Torneo delle Professioni e delle Associazioni 2018, manifestazione calcistica nata per creare empatia fra enti e professionisti del territorio con il prioritario scopo di promuovere solidarietà e beneficenza. Alla presentazione il sindaco Marco Alessandrini e il vicesindaco Antonio Blasioli, Daniele Astolfi, motore del comitato organizzatore e Mila Cantagallo per la presentazione delle squadre.
All’amico, voce autorevole e appassionata dello sport e del calcio abruzzese scomparso due giorni fa, il ricordo commosso di Sergio Di Sciascio e il minuto di silenzio dedicato dalla platea prima di illustrare date e squadre iscritte.
“Pescara troverà sicuramente il modo per ricordare Bruno Pace”, l’impegno del sindaco Marco Alessandrini.
Il Torneo è patrocinato dal Comune e si svolgerà fra febbraio e aprile nel centro sportivo Vestina di Montesilvano, ad oggi ha raccolto l’adesione di ben 9 squadre (giornalisti, medici e odontoiatri, commercialisti, avvocati, architetti, ingegneri, movimento turismo del vino, consulenti del lavoro, medici veterinari). La finale si svolgerà allo Stadio Adriatico Cornacchia.

Pescara. Alla vigilia della gara interna con la Salernitana, il tecnico del Pescara, Zdenek Zeman, ha presentato l'incontro.

Queste sono le sue dichiarazioni riportate da forzapescara.com: "Campagnaro è recuperato, Crescenzi ha la febbre alta e non verrà convocato. Mentre Coda ha qualche problemino. Proietti è convocato ma non ha i 90 minuti. Balzano ha fatto bene a Frosinone a parte la scivolata ad inizio gara. La Salernitana ha giocato con un 3-5-2, e me lo aspetto così. Con Colantuono c’è un ottimo rapporto umano. Dal punto di vista tecnico, ognuno ha le sue idee. Io spero che domani saremo noi a fare la partita. Loro cercheranno di chiuderci gli spazi, ma se vorranno aspettarci e ripartire per forza di cose ci lasceranno dei buchi e dobbiamo essere bravi noi a trovarli immediatamente. Serve sempre il lavoro di squadra per battere gli avversari, non credo alle individualità. Per me sono tutte finali, l’ho sempre detto. Se giochiamo bene vinciamo. Sebastiani ad inizio anno diceva cose diverse, adesso ha visto che la squadra ci crede e chiede i play off. Questa squadra ha poca esperienza, i giovani hanno qualità però devono conoscere bene il campionato e dove si vuole arrivare. Io vorrei centrare i play off. Ora devo puntare tutto sulla squadra e non sulle individualità. Brugman fino a due settimane fa era imprescindibile ora invece devo pensare a tutto il gruppo. Capone è a disposizione ma non partirà dal primo minuto. Noi quando prendiamo gol non riusciamo a reagire. Di solito si dovrebbe dare il doppio e invece non lo facciamo. Manca anche la continuità nell’arco dei 90 minuti di gioco."

Roma. All’interno della cornice dei suoi studi che trattano specificatamente la mobilità umana, la Fondazione Migrantes dedica, per il secondo anno consecutivo, un’analisi specifica al mondo dei richiedenti asilo facendosi guidare e interrogare dal Messaggio di papa Francesco per la 104^ Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (celebrata il 14 Gennaio 2018), che ha proposto quattro verbi molto significativi “Accogliere, Proteggere, Promuovere ed Integrare”.

 

Il Diritto d’asilo - Report 2018 prova a chiedersi quanto l’accogliere, il proteggere, il promuovere e l’integrare siano già delle esigenze attuali per i governi europei e italiani, non solo nella teoria, ma anche e soprattutto nelle pratica delle politiche che stanno realizzando, e quanto lo siano allo stesso tempo per la società civile italiana ed europea.

Si mostra l’evidenza e si dà testimonianza di alcune prassi e progettualità che già all’interno e all’esterno della Chiesa stanno andando verso una direzione non solo di accoglienza e protezione, ma anche di incontro, di conoscenza e di scambio.

L’approfondimento del presente volume è dedicato per questo all’accoglienza in famiglia, una pratica e una progettualità che rispetto ai richiedenti asilo e rifugiati ha una storia quasi decennale in Italia, iniziata dal basso, dalla volontà e dall’intuizione di pochi, come spesso accade in questo campo. Questa forma di accoglienza ha le potenzialità per diventare molto più diffusa e per far crescere nuove possibilità di incontro e di relazione: può aumentare cioè quegli spazi di comprensione e solidarietà, invece che di chiusura e contrapposizione, di cui hanno così tanto bisogno sia il nostro paese che l’Europa.

 

Il volume “Il diritto d'asilo- Report 2018 Accogliere, Proteggere, Promuovere, Integrare” sarà presentato a Ferrara (Sala Estense, P.tta Municipale, 14) mercoledì 21 febbraio 2018 (ore 9,30-12,30). Interverranno, per i saluti istituzionali, S.E. Mons. Giancarlo Perego, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio, Avv. Tiziano Tagliani, Sindaco di Ferrara, Dott. Michele Campanaro, Prefetto di Ferrara e Dott. Giancarlo Pallini, Questore di Ferrara.

Seguirà una Tavola rotonda sul tema “Le sfide in Italia e in Europa, l’accoglienza in famiglia e le prove di comunità interculturali” moderata da Mariacristina Molfetta e Chiara Marchetti alla quale interverranno Gianfranco Schiavone e Maurizio Veglio, Veglio autori di saggi dello stesso volume mentre il Direttore Generale della Fondazione Migrantes, Don Gianni De Robertis trarrà le conclusioni.

Durante il convegno sono previste anche alcune testimonianze.

Vasto. Sono in programma due grandi appuntamenti per il Carnevale a Vasto. I carri allegorici, allestiti dalle parrocchie e dai comitati di quartiere, partiranno domenica 11 febbraio, alle 14:30, dalla Villa dinamica “Falcone e Borsellino” nel quartiere San Paolo. Il corteo sfilerà in Corso Mazzini, Corso Garibaldi e raggiungerà Piazza Rossetti. Alle 16:00 dopo la presentazione dei carri, Nicola Cedro darà il via al divertimento con musica, balli e i giochi organizzati dalla Consulta giovanile. La manifestazione terminerà poco prima delle 19:00 per consentire la processione della Madonna di Lourdes presieduta dal cardinale Edoardo Menichelli.
L’appuntamento con le maschere, i coriandoli e le stelle filanti tornerà martedì 13 febbraio dalle 15:00 in Piazza Rossetti, dove sono in programma diverse attività.

Chieti. Il Chieti F.C. viaggia alla volta della Valle Roveto per affrontare il giovane Capistrello allenato da Iodice. I neroverdi, allenati da Umberto Marino, sono reduci dal pareggio con il Miglianico che ha interrotto la striscia di cinque vittorie consecutive.

La squadra gode di ottima salute ed il morale è alto anche in vista della finale della Coppa Italia di Eccellenza in programma mercoledì 7 febbraio alle ore 15 al “Leonardo Petruzzi” di Città Sant’Angelo.

Settimana di duro lavoro per il tecnico Marino che ha dovuto fare a meno del bomber principe Fabio Lalli che sarà indisponibile. Il Capitano rappresenta il maggior terminale offensivo con all’attivo 16 reti. Dunque, il peso dell’attacco sarà sulle spalle del fantasista Catalli, pronto al rientro, dopo aver scontato il turno di squalifica. Senza dimenticare il prezioso contributo di Margarita, andato in gol domenica scorsa.

Il Capistrello è reduce dall’inaspettata sconfitta con il fanalino di coda San Salvo maturata tra le mura amiche. Squadra ferma a 34 punti, in lotta per un posto nei play – off, rappresenta un impegno sulla carta insidioso. A dare la carica al gruppo, ci pensa il difensore centrale Mattia De Fabritiis, uno dei punti di forza, che sta disputando un campionato altamente positivo.
“Siamo attesi da due partite molto importanti per il nostro futuro – attaccaDe Fabritiis – però, noi siamo abituati a ragionare partita per partita, perciò, abbiamo preparato bene quella con il Capistrello che rappresenta un crocevia importante della nostra stagione. Dobbiamo dare continuità alla lunga serie di risultati utili consecutivi. Domani sarà una partita molto dura e maschia, perché sappiamo che sul campo di Capistrello è dura fare risultato, perché a mio avviso sono una grande squadra, con un organico di altà qualità: noi siamo pronti battagliare fino al 95’ per portare a casa un risultato positivo. Dopodichè penseremo alla finale di mercoledì con il Giulianova”.

Utilizzato come centrale di difesa, anche se nella sua carriera ha ricoperto anche il ruolo di terzino, De Fabritiis, ci spiega che dallo scorso anno è tornato al suo ruolo di partenza: “Si, infatti io nasco come centrale difensivo, però poi non essendo un gigante mi hanno spostato sulla fascia e diciamo che la maggior parte della carriera l’ho fatta da terzino, però poi dallo scorso anno sono tornato al mio ruolo d’origine e devo dire che mi trovo bene, anche se c’è sempre da migliorare”.

Sul fronte formazione mister Iodice dovrà fare a meno degli squalificati Carnevali e Giacomo Fantauzzi. Tornano disponibili Luca De Meis e Berardi. Occhio alla punta Leccese (13 reti), Mercogliano e Paris, oltre all’esperto Bolzan miglior assist man della squadra. Curiosità: i rovetani sono l’unica compagine non ha mai pareggiato in casa. In casa Chieti, mister Marino ritroverà Simonetti a centrocampo, oltre al già citato Peppe Catalli. In Eccellenza si gioca la ventiquattresima giornata, la settima di ritorno. Arbitrerà l’incontro Matteo Franzoni della sezione di Lovere. Assistenti: Consalvo e Miccoli di Lanciano. Fischio d’inizio alle ore 15.

Francavilla al Mare. Alla vigilia della gara interna con il Campobasso, il tecnico del Francavilla, Pierluigi Iervese, ha presentato l'incontro.
"Come ho detto ai ragazzi sarà sicuramente una partita complicata - ha detto Iervese - perché il Campobasso è una squadra molto forte e stanno facendo molto bene, a parte i 4 punti di penalizzazione. Quindi sappiamo che dobbiamo fare una gran partita per potrla vincere, però vedo la mia squadra che sta bene, i ragazzi sono carichi, sono motivati e sono convinto che domani uscirà una partita bella. La squadra arriva alla partita di domani bene, quando ci sono i risultati positivi la squadra è sempre molto attenta e vogliosa di allenarsi, anche se devo dire che loro lo hanno sempre fatto, hanno sempre avuto un atteggiamento molto pisitivo. Non posso che elogiare i miei ragazzi perché sono sempre eccezionali in allenamento, adesso però dobbiamo pensare a domani, vogliamo assolutamente vincere, è una partit che vogliamo vincere per tante motivazioni, siamo pronto e consapevoli che di fronte abbiamo una grande squadra, noi siamo consapevoli anche delle nostre certezze e dobbiamo mettere in campo quello che abbiamo dentro. Sicuramente ci aspettiamo un pubblico numeroso, ma sta a noi portare i nostri tifosi al campo, lo stiamo facendo con i risultati, cerchiamo di continuare e creare un entusiasmo che ci possa portare uno stadio gremito di pubblico perché i nostri tifosi, insieme ai soliti che ci seguono da tutte le parti, li ringraziamo. Con il tempo non dico che arriveremo a riempire lo stadio ma quasi".

Pagina 1 di 21

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione