Chieti. Rifinitura mattutina al “Marcantonio” di Cepagatti per la truppa neroverde che domani alle ore 16:00 affronterà al “F.lli Ciavatta” il Miglianico nel primo turno di andata della Coppa Italia di Eccellenza. Ritorno previsto domenica 26 Agosto sempre alle ore 16:00 al “Guido Angelini” di Chieti.

Si tratta del primo impegno ufficiale della stagione dopo le amichevoli estive che hanno dato segnali importanti al tecnico Umberto Marino sulla forza della compagine messa a disposizione dal Presidente Filippo Di Giovanni, grazie al prezioso supporto del Direttore Sportivo Omar Trovarello e del Direttore Generale Cristian Pollio.

Non saranno della contesa i quattro spagnoli, Tato, Delgado, Gazquez e Marwan, per il mancato arrivo del transfert, oltre alla punta Leccese che dovrà scontare una giornata di squalifica.

Intanto a ChietiFc.it alla vigilia del match con il Miglianico, il Team Manager Luigi Di Egidio, fa il punto della situazione in casa neroverde, dall’alto della sua presenza costante all’interno dello spogliatoio:

“Durante tutto il precampionato ho visto una squadra motivata e tecnicamente valida. Siamo pronti al debutto in Coppa. Mister Marino ha svolto un grande lavoro nel periodo di preparazione dove tutti i ragazzi hanno risposto positivamente alle indicazioni che lui ha dato – spiega Di Egidio – purtroppo domani mancheranno gli spagnoli a causa del mancato arrivo del transfert e Leccese perché squalificato, ma sono sicuro che chiunque scenda in campo darà il massimo. La scelta degli under mi ha favorevolmente impressionato perchè non sono facili da trovare in questa categoria: hanno talento da vendere insieme ai senior, che già conoscevo, di cui ho avuto la conferma. Tutta la rosa è stata ben costruita per vincere il campionato e sono sicuro che quest’anno ci divertiremo. Colgo l’occasione per ringraziare il Presidente Filippo Di Giovanni che mi ha voluto fortemente in questa società. Chieti è una piazza storica del calcio abruzzese e merita di tornare nelle categorie professionistiche. Sono qui da Giugno ma fin dal primo giorno mi sono sentito a casa. L’accoglienza dei tifosi è stata magnifica, insieme a quella dei componenti della società con il quale fin da subito si è creato un bellissimo clima. Il mio ruolo è quello di raccordo tra giocatore, società e allenatore. Ho la fortuna di stare vicino al mister per gran parte della giornata e alla squadra: spero di svolgere al meglio questo nuovo incarico assegnatomi e di poter vivere una stagione esaltante con i colori neroverdi”.

Il Miglianico allenato da Gianfranco Pesce è una squadra giovanissima composta da due calciatori esperti conosciuti al pubblico Teatino come Mario Orta e Marco Battista.

Ricordiamo che i biglietti al costo di 10 Euro per la Tribuna e 7 Euro per il settore riservato alla tifoseria neroverde, potranno essere acquistati direttamente al botteghino del “F.lli Ciavatta”.

Tortoreto. Presentato agli organi di informazione il 18esimo Palio del Barone, rievocazione storica medievale. Le date: 11 agosto Tortoreto lido, 16 agosto Tortoreto alto.

Chieti. Sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa nella sede della Regione Abruzzo di viale Bovio a Pescara i nuovi consiglieri di amministrazione di TUA SPA.

Tra i presenti, l’assessore regionale al Bilancio, Silvio Paolucci e il consigliere delegato ai Trasporti, Maurizio Di Nicola.

Si tratta di Carmine Paolini, originario di Lanciano, classe 1961, laureato in giurisprudenza ed esperto in diritto commerciale, comunitario e regionale, impegnato in prima persona in diverse attività culturali, presidente della sezione frentana del “Centro Studi Luigi Sturzo” e direttore dell’ufficio comunicazioni sociali della diocesi Lanciano-Ortona.

Altro neo membro del Cda di Tua è l’ingegnere Irini Pervolaraki, classe 1955, nata in Grecia (Creta). La neo consigliera ha ricoperto ruoli apicali in contesti multinazionali. Nel ruolo di corporate quality vice president, la consigliera Pervolaraki ha gestito con efficacia l’installazione, l’avviamento e la certificazione da enti terzi del sistema di qualità ed ambiente in mercati emergenti quali Cina, Indica, Brasile e Polonia. Le principali esperienze lavorative della Pervolaraki sono state quelle presso la multinazionale Dayco in qualità di global corporate quality vice president, nella Pirelli con l’incarico di responsabile per l’Europa del settore tecnico/applicativo dei prodotti in gomma.

Il nuovo Cda di Tua SPA è così composto: Tullio Tonelli (presidente), Guido Dezio (vice presidente), Federica Evangelista (consigliere), Irini Pervolaraki (consigliere) e Carmine Paolini (consigliere).

“Possiamo contare su altre due professionalità di spessore – ha commentato il consigliere delegato ai Trasporti, Maurizio Di Nicola – che vanno a completare il consiglio di amministrazione di TUA Spa. Due figure che garantiscono un apporto, in termini di know-how ed operativo, di vitale importanza per raccogliere, affrontare ed essere vincenti nelle nuove sfide trasportistiche di questa regione. Solo le competenze – ha continuato Di Nicola – sono in grado di garantire i successi d’impresa e TUA Spa sta procedendo proprio in questa direzione. Auguro al nuovo Cda guidato dall’espertissimo Tullio Tonelli di cogliere ulteriori importanti risultati”.

San Salvo. Il 28 luglio presso la “Porta della terra”, è stato presentato il progetto Scuola Romena a San Salvo. Il progetto è stato fortemente voluto da Sigismund Puczi, presidente dell'associazione Decebal: "Un paese che investe nell'educazione dei giovani diventa più ricco".
l'idea è venuta fuori dalla constatazione che i bambini di nazionalità romena, quando tornano nella loro nazione di origine non riescono a dialogare con nonni e parenti. Octavian Haragos, consigliere diplomatico Romeno in Italia, presente per l'occasione, ha associato questo momentio storico dei romeni a quello vissuto dagli italiani quando sono emigrati negli Stati Uniti nel "900. Gli italiani si vergognavano della loro lingua e non la imparavano ai figli. gli italiani della seconda generazione andavano alla ricerca delle loro origini e le rivendicavano con orgoglio. Tuttora molti stranieri tornano nei paesi dei loro bisnonni per conoscere e riscoprire la loro identità. La lingua è la carta d'identità di un popolo. Una volta che si perde la lingua si perde tutto.
L'amabasciatore romeno ha invitato i genitori anon vergognarsi della loro lingua e ad impararla con orgoglio ai loro figli. L'integrazione la faranno loro stessi a scuola. Non conoscere la lingua delle proprie radici non può essere un vanto ma una vergogna. Ognuno ha tante porte spetta a ciascuno aprirle.
Il sindaco Tiziana Magnacca ha sottolineato l'importanza di questo progetto per le future generazioni. "Che ne siappiamo del futuro dei nostri figli e quali opportunità si potranno aprire per loro".
Padre Podgan Petru Voicu, uno degli insegnanti del corso, ha detto "fa male al cuore sapere che i bambini non possono parlare con i loro nonni perchè non conoscono la lingua. E' pur vero che talora può sorgere il dubbio se per i bambini romeni che vivono in Italia, la lingua romena sarà la lingua madre o quella straniera.
All'evento erano presenti anche il vicesindaco Maria Travaglini. l'altra docente del corso Petronela Chilcos e alcuni rappresentanti dell'associazione "Vocea Romanicok Vastesi" di Vasto.
 A fine presentazione del progetto sono stati distribuiti i libri che serviranno per lo studio della lingua romena. Il progetto prevede 370 ore e l'orario settimanale è così suddiviso:  150 ore di lingua romena, 100 ore di arte, poesia, musica e balli tradizionali rumeni, 50 ore di geografia, 50 ore di storia e 20 ore di religione.  La lezione avrà una durata di 45 minuti con 10 minuti di pausa. Dopo 3 ore di lezione ci sarà una pausa di 20 minuti nella quale verranno offerti panini, frutta e una bottiglia di acqua o succo di frutta. 
Tutti i libri sono stati offerti gratuitamente dalla Città di Tarnaveni. Il corso è gratuito. Alla fine delle lezioni, i ragazzi riceveranno un attestato utilizzabile anche in Romania.
La realizzazione del progetto è stato possibile grazie al Ministero dei Romeni nel Mondo, all’ Ambasciata romena in Italia, al comune di San Salvo e alla città di Tarnaveni.

Ortona. Torna la Notte Bianca ortonese con una manifestazione rivisitata anche nella promozione. «ViviAMO la NOTTE di Ortona è il nome di questo evento – commenta il sindaco Castiglione – che vogliamo riportare alla sua identità originale, ovvero quello di far conoscere le bellezze e la vitalità della città senza incorrere in situazioni “fuori controllo” delle ultime edizioni. Con la collaborazione e la sinergia dei commercianti ortonesi, che ringrazio per la sostanziosa partecipazione, possiamo offrire una serata fatta di sano divertimento».

Sabato 28 luglio a partire dalle ore 20 la città sarà animata da diversi eventi a partire dall’inizio di via della Libertà, incrocio via Costantinopoli, fino a corso Matteotti con diramazioni su piazza Plebiscito e la Passeggiata Orientale «un lungo intreccio di eventi che interesserà quasi 3 chilometri di strade e 4 piazze – sottolinea l’assessore alle manifestazioni Ilaria Ortolano – senza dimenticare l’apertura dei musei, della biblioteca comunale, del Cipì e dell’asilo nido. Una notte pensata non solo per i più grandi ma anche per i bambini e le famiglie».

Tra le particolarità presentate dagli organizzatori figura lo scivolo più grande d’Italia con 50 metri di divertimento su via della Libertà insieme al calcio balilla umano e alle esibizioni musicali di diversi gruppi a Porta Caldari. Il corso principale si presenterà all’insegna dei colori e suoni internazionali con spettacoli di musica messicana, cubana, gitana mentre in piazza della Repubblica si esibirà il gruppo degli Audio folk con la tradizionale pizzica. La danza con i ballerini delle scuole locali sarà protagonista anche in piazza Plebiscito e piazza San Tommaso sarà teatro di diversi concerti di gruppi locali e dello spettacolo della luna. Proseguendo verso il Castello, l’Enoteca regionale accompagnerà le degustazione dei vini abruzzesi con spettacoli musicali di bossa nova mentre gli artisti di Zooart esporranno la loro produzione tra la balconata dell’Orientale e il sottostante parco.

«Ma questa notte – continua il Sindaco – sarà particolare anche per i più piccoli con il primo pigiama party organizzato all’asilo nido e diversi punti di divertimento allestiti in biblioteca. L’attenzione per i giovani si trasferisce anche sul piano della prevenzione con un punto allestito dai volontari della Croce Rossa Italiana per far comprendere gli effetti negativi dell’abuso dell’alcol».

Insieme agli spettacoli la notte presenta stand enogastronomici e la possibilità di fare acquisti negli esercizi commerciali ortonesi che hanno risposto positivamente all’iniziativa.

«Possiamo dire che l’unione può fare la svolta – dichiara Cristiana Canosa professionista coinvolta dal Comune nell’organizzazione della manifestazione insieme alle associazioni “Noi commercio” e “Noi costa dei trabocchi” che hanno collaborato insieme al Comitato feste – una partecipazione così ampia dei commercianti è un segnale importante e un banco di prova anche per eventi più corposi. Voglio sottolineare che per questa serata sono stati coinvolti tutti operatori ortonesi anche i commercianti del mercato coperto».

Una serata che dunque nasce con un ampio contributo come sottolinea il presidente del CMO Massimo Paolucci «questo è un progetto che dimostra la nostra disponibilità e apertura alle iniziative che promuovono le risorse della città dal suo patrimonio culturale e artistico a quello turistico e paesaggistico con il coinvolgimento anche di una associazione nata per far conoscere la Costa dei trabocchi di cui Ortona rappresenta una delle vie d’ingresso».

Pescara. Ieri mattina al centro sportivo "Le Naiadi" conferenza stampa di presentazione della settima edizione dello "Swing on the beach", la coinvolgente manifestazione che dal 13 al 18 agosto riempirà Le Naiadi di ritmi 'Anni 30 e '40 in partnership con la Sportlife: un festival di musica, cultura, costume e tutto quello che fa “Swing” e sette giorni di festa con musica dal vivo, dj set e corsi di ballo.

Gli onori di casa spettano a Vincenzo Serraiocco, presidente della Sportlife e del centro sportivo Le Naiadi che ha dato il benvenuto agli ospiti e agli organizzatori: “Le Naiadi tornano a essere un punto di vista non solo per lo sport, ma anche per eventi e le grandi manifestazioni. La Sportlife ha accolto subito l'invito della Italian Swing dance Society per organizzare questo festival internazionale che porterà in Italia i più grandi interpreti mondiali del genere”. Madrina dell'evento e interprete la star del piccolo schermo Antonella Elia, regina di simpatia e bellezza e frontwoman della Bixi Big Band di Roma: “Mi sono avvicinata allo Swing grazie anche al maestro Carlo Capobianchi trombettista e band leader. Lo Swing è adrenalina pura, un'esplosione di gioia e di emozioni e sono felice di poter partecipare a questo evento come interprete”.

Roberta Bevilacqua organizzatrice del festival Swing on the beach ha illustrato il programma della settimana: “Avremo con noi la Regina dello Swing, Norma Miller, 80 anni di carriera a contatto con i più grandi artisti come Ella Fitzgerald e Louis Armstrong e il Lord dello swing Chester Whitmore, la star televisiva Antonella Elia, le battaglie tra le band, workshop di ballo e artisti a livello internazionale”.

Prezzi assolutamente popolari: 5 euro i primi due giorni e 10 euro per gli altri giorni.

Montesilvano. Al Serena Majestic di Montesilvano si è svolta la conferenza stampa del film “Sotto il segno della vittoria” con la presenza di tutto il cast, le autorità e del presidente Abruzzo Cuore D’Italia per la presentazione della proiezione evento che si terrà nella città di Pescara.
Un evento per abbattere il muro della diversità. Siete invitati ad intervenire, Sotto il Segno della Vittoria, non è solo un cortometraggio, ma un inno per coloro che hanno fatto della diversità un punto di forza. Il regista Modestino Di Nenna e i suoi attori diversamente abili - protagonisti indiscussi della pellicola - vincono un’altra grande sfida: abbattere il muro dei pregiudizi, facendo diventare protagonisti coloro che nella vita lottano e non si arrendono, nonostante le barriere mentali insite nella società in cui viviamo. Il film - che parla di sport e disabilità - è stato presentato in anteprima mondiale nella Capitale lo scorso 19 marzo presso il multisala Barberini, ed è uscito nei cinema italiani il 22 marzo.
“Questo progetto nasce da una serie di iniziative messe in atto dalla nostra associazione – ha sottolineato il presidente dell’associazione Abruzzo cuore d’Italia, Francesco Longobardi – e va dalla non violenza alla disabilità. Abbiamo visto che c’è un connubio tra non violenza e disabilità, quindi nasce come film educativo. Quindi la storia di una signora che subisce violenza all’interno delle mura domestiche e un ragazzo disabile che grazie allo stimolo della nuova famiglia trova giovamento attraverso lo sport e diventa un campione. Questo è un messaggio che volevamo lanciare a livello culturale dove la disabilità è soltanto un problema culturale, quindi vogliamo far sì che possa lanciare un messaggio molto forte soprattutto agli amministratori per fare in modo che nel progetto del Piano Regolatore di ogni città ci sia in maniera obbligatoria l’abbattimento delle barriere architettoniche perché siamo noi che creiamo problematiche alla disabilità. L’associazione è una partnership di questo progetto ed è l’inizio di una serie di progetti che stiamo attivando di cui adesso partirà anche il secondo film sulla non violenza dove abbiamo trovato anche l’opportunità, attraverso l’Università, di avviare una collaborazione. Sono tutti film documentari e culturali per quanto riguarda la non violenza all’interno delle scuole, dicasi anche per quanto riguarda il discorso della disabilità. Per quanto riguarda la proiezione, tra Pescara e Montesilvano, chiunque ci dia la possibilità di usufruire di uno spazio che contenga un numero abbastanza cospicuo di persone faremo la prima di questo film che si chiama ‘Sotto il segno della vittoria’. È un qualcosa che vogliamo portare avanti con successo con questi ragazzi che si sono messi a disposizione”.
Premiato all’Artelesia Film Festival, candidato al David Di Donatello, al Festival del Cinema di Napoli e ospite d’onore con tutto il suo cast al Social Word Film Festival, approderà in Abruzzo per una proiezione evento nel mese di agosto grazie a Francesco Longobardi, presidente dell’associazione Abruzzo Cuore D'Italia, un’associazione di promozione sociale particolarmente impegnata nel settore della disabilità, che si è già resa protagonista di molti eventi sul tema come per la campagna: “La Disabilità non è contagiosa. L’ignoranza..SI !” che ha ricevuto ben due encomi del Ministero della Giustizia con tale motivazione: “Per l’impegno profuso nel contrasto alla violenza” ma anche per il grande impegno profuso per le tematiche sociali. Francesco Longobardi è da sempre attivo per la promozione della cultura della non violenza, ma non lo fa solo attraverso la creazione e diffusione di campagne di sensibilizzazione: la concretezza fa parte della sua indole, e per questo ama anche fare gesti e azioni che vanno oltre le parole e le belle idee.
“Questo progetto è nato nel 2001 – ha ricordato il regista Modestino Di Nenna – andai a vedere una commedia, una rappresentazione teatrale che vedeva protagonisti dei ragazzi disabili e vidi che in quella occasione la rappresentazione teatrale era molto demenziale a i ragazzi in quella occasione non riuscivano ad esprimere le loro qualità artistiche e allora tentai un cortometraggio lungo. Dal cortometraggio iniziammo un programma di cinematerapia e oggi è diventata una realtà cinematografica grazie alle potenzialità artistiche di questi attori speciali, sono loro a fare la differenza nei nostri film nonostante i grandi nomi e gli attori professionisti, i veri professionisti sono loro che trasmettono emozioni al pubblico che va a vedere i nostri film al Cinema. Quindi la cinematerapia diventa una realtà cinematografica e cinematerapia del successo. Per me è un’emozione unica in primis perché faccio il regista nel sociale, quindi regalo nuove esperienze a ragazzi che hanno problematiche, poi ho inventato questo filone cinematografico che sta andando bene, la gente ci sta iniziando a credere, il pubblico sta andando al Cinema, l’ultimo film, ‘Sotto il segno della vittoria’ che proietteremo a fine agosto qui in Abruzzo, è stata una vittoria raggiungendo traguardi straordinari, candidato al David di Donatello 2019, patrocinato dal Coni nazionale, da Arciscuola, candidato al Festival di Napoli, premiato all’Artenese Film Festival come miglior film, è uscito nelle sale in tutta Italia da Milano a Catania, ha avuto un notevole riscontro da parte del pubblico. È un film che parla di sport e disabilità, un ragazzo diversamente abile che grazie alla sua dote della velocità raggiunge traguardi straordinari nella specialità dei 100 metri piani a livello internazionale. Battiamo il muro della diversità al cinema e battiamo il muro della diversità nello sport lanciando un forte messaggio. Un film che regala emozioni, quindi consiglio a tutti di andarlo a vedere e di venirlo a vedere qui in Abruzzo a fine agosto. Nel film abbiamo una star hollywoodiana, John Savage, quindi è un mix vincente che ha portato gli attori diversamente abili ad un successo inaspettato”.
Tornando al tema centrale, “Sotto il segno della vittoria” racconta la storia di un ragazzo diversamente abile con straordinarie capacità nella corsa e nell’apprendimento. Il giovane, di nome Romolo, ha però un’esistenza triste e travagliata: perde la madre all’età di dieci anni e subisce maltrattamenti da suo padre che lo costringe a lavorare nei campi. Un giorno, però, la sua vita ha improvvisamente una svolta. Il papà viene arrestato e Romolo viene affidato ad una famiglia adottiva che si prende cura di lui donandogli amore. I genitori adottivi scoprono le grandi potenzialità fisiche del ragazzo, grazie ad un ex campione dell’atletica leggera, che dopo la sua carriera agonistica ha scelto di allenare ragazzi con problemi psicomotori. Romolo è un ragazzo dalla grande velocità nella corsa e dimostrerà ben presto di essere un campione, tanto da suscitare l’interesse sia dei media nazionali che di gran parte del professionismo dell’Atletica Leggera. Sarà però difficile farsi accettare da tutto il mondo dello sport. Romolo ha infatti diversi nemici che vogliono rallentare la sua ascesa. Le sue capacità verranno messe in dubbio, però il ragazzo, grazie al suo allenatore, alla famiglia e soprattutto alla sua forza di volontà, dimostrerà a tutti le grandi doti umane e sportive. Ma le sorprese non sono finite. Nel cast, attori diversamente abili, affiancati da attori professionisti di fama nazionale ed internazionale come l’americano John Savage, Flavio Bucci, I Ditelo Voi, Antonio Fiorillo.
“Si è creata questa situazione quasi paradossale – ha detto il testimonial Andrea Silvestroni – avevo sentito parlare di questo film, non ho ancora avuto il piacere di vederlo, conosco la trama e gli attori. Abbiamo scoperto che il protagonista di questo film vive un’esperieza sovrapponibile alla mia reale nel senso che si parla di un ragazzo con una disabilità diversa dalla mia, ma in questo contesto apparentemente sfavorevole scopre di avere una grande potenzialità e delle grandi opportunità nello sport: scopre di essere un pontenziale campione e poi lo diventa nella corsa dei 100 metri. La mia vita rappresenta in realtà esattamente questa storia: io una volta camminavo, correvo, non giocavo a tennis, dopo la malattia della sclerosi multipla degenerata in forma progressiva è arrivata la carrozzina, la patologia ancora degenera e ho scoperto non più tardi di due anni fa di avere questa attitudine per il tennis. Da lì è iniziata una grande avventura come sport paralimpico, ho conquistato il doppio in tutto l’italiano dopo 6/7 mesi da quando avevo iniziato, è iniziata la carriera internazionale, sto girando il mondo, sto anche vincendo tanto in questo periodo e mi sto anche proiettando verso le Paraolimpiandi di Tokyo. Quindi la storia di questo ragazzo che sembrava una storia solo da film, trasposta nella vita reale ricalca la mia esperienza, quindi quando si dice che se puoi sognarlo puoi farlo è la verità perché quello che questo film voleva trasmettere poi è diventato realtà nella mia vita. Ci siamo incontrati per caso e adesso siamo diventati una famiglia, quindi sono onorato di essere il testimonial di questo cast meraviglioso. Non bisogna mai fermarsi davanti a nessun tipo di disavventura, ogni tipo di inceppo che ci può essere nella vita può essere trasformata in grandi opportunità. L’importante non è diventare campioni in qualche cosa, ma uscire dal buio e dal silenzio che spesso sono peggio della malattia e della disabilità che spesso possono portarti ad isolarti. Questo è quanto di più sbagliato si possa fare, bisogna relazionarsi, bisogna fare gruppo, fare rete, fare nesso e stare insieme, spesso nello stare insieme ognuno scopre la propria attitudine, il proprio potenziale che può essere nello scrivere, nel parlare, nel dialogare, nel far ridere o nello sport come nel mio caso. Quindi grande iniezione di energia, la mia esortazione è quella di non arrendersi mai, lottare sempre perché l’amore e la vita vincono sempre”.
Alla campagna di sensibilizzazione sull’inclusione sociale delle persone con disabilità, attraverso il protagonista che porta il messaggio di forza e coraggio per tutti coloro che fino ad oggi hanno vissuto la diversità come una problematica, si aggiunge la visione educativa del cinema come terapia rappresentata dagli attori con disabilità che sono i veri attori protagonisti del film. Prodotto da Associazione Irpinia “Noi con Loro”, in coproduzione Machine Tools di Emanuele Di Dio, in collaborazione con Università di Cassino e del Lazio Meridionale, Cudari, comune di Formia, comune di Picinisco, patrocinato da Coni Italia, Federazione Cronometristi italiani e Agiscuola, il film è distribuito dalla Event Horizon. La sceneggiatura è stata scritta da Modestino Di Menna e Crescenzo Fabrizio.

Atessa. In Abruzzo sono cresciuti, nel 2017, i reati contro l'ambiente. E' quanto evidenziato dal Rapporto Ecomafia 2018 di Legambiente, presentato ieri sera, per la prima volta, in municipio ad Atessa, città che, trainata dal Comune, in questi mesi è stata al centro di battaglie in difesa dell'ambiente e del territorio. Presente anche l'associazione Libera, presidio di Tornareccio.
Il Rapporto evidenzia a livello nazionale le 538 ordinanze di custodia cautelare emesse per reati ambientali nel 2017 (139,5% in più rispetto al 2016). "Risultato importante sul fronte repressivo – ha spiegato Enrico Fontana, della segreteria nazionale di Legambiente - grazie all'applicazione della legge 68, come emerge dai dati forniti dal ministero della Giustizia e di un vero e proprio balzo in avanti dell’attività delle forze dell’ordine”. Dal dossier salta fuori un Abruzzo in cui, nel 2017, sono stati scovati 823 reati ambientali, con 782 denunce e 217 sequestri. Reati che riguardano i traffici illeciti di rifiuti, gli incendi boschivi, il bracconaggio e la pesca illegale.
“Atessa – ha evidenziato il sindaco Giulio Borrelli – e, più in generale, la Val di Sangro, ha visto in questi mesi una forte mobilitazione, contro la riattivazione dell'impianto ex Ciaf, per il trattamento di rifiuti speciali, e contro l'apertura di un impianto per i rifiuti ospedalieri infettivi, progetto della società Eugenio Di Nizio. Comune, sindaci del territorio e associazioni ambientaliste insieme con i cittadini in prima linea. Per l'ex Ciaf un primo importante risultato è stato ottenuto: la Eco Eridania, intenzionata a rilevare gli impianti, ha rinunciato al progetto. Ma non dobbiamo abbassare la guardia. Dobbiamo vigilare tutti insieme -ha rimarcato Borrelli- affinché sia rispettata la programmazione regionale e non si creino condizioni che favoriscano progetti non compatibili con il territorio e, più in generale, affinché le male piante non attecchiscano”.
Mario Mazzocca, sottosegretario della Regione Abruzzo con delega all'Ambiente, complimentandosi per l'attività del Comune di Atessa, ha sottolineato l'impegno della Regione per l'ambiente: dalle bonifiche di discariche imposte dall'Unione europea, alla tutela delle acque, al neonato Piano rifiuti. “Abbiamo sventato ecomostri come la Powercrop in Marsica – ha evidenziato – , muovendoci per la tutela del territorio”. Tra gli argomenti affrontati anche la discarica di amianto progettata a Rocca San Giovanni e avversata da Comune e cittadini. “Finché non esisterà un Piano regionale per l'amianto -ha detto Mazzocca- non potranno essere realizzate discariche di questo genere”. Giuseppe Di Marco, responsabile Legambiente Abruzzo, ha posto l'accento sull'efficienza e l'intraprendenza mostrate dal Comune di Atessa nella in materia ambientale. “Importante – ha detto – anche aver costituito un Comitato di sindaci che operano a difesa del territorio, in stretto rapporto con i cittadini e con le associazioni”.

Collecorvino. Il magico Convento di San Paterniano a Collecorvino, sarà nuovamente location d’eccezione per un evento culturale di rilievo.
Domenica 5 agosto infatti, alle ore 19, ospiterà la presentazione di un romanzo che sta facendo un vero tour in Italia, ed è quello di Elsa Flacco, “Per Francesco, che illumina la notte”. La scrittrice illustrerà ai presenti il frutto del suo lavoro e risponderà alla domande della giornalista Alessandra Renzetti.
Ad occuparsi dell’organizzazione dell’evento è Moira D’Agostino, consigliere delegata ed Eventi e Commercio, molto sensibile alla storia ed alla cultura d’Abruzzo, grande promotrice di attività culturali su tutto il territorio di Collecorvino. L’evento gode anche del Patrocinio del Comune stesso.
“Per Francesco, che illumina la notte” è un romanzo storico di ambientazione francescana, pubblicato da Oakmond Publishing il 4 ottobre 2017; è già alla seconda edizione ed ha avuto la Segnalazione d’Onore al XXXV Premio Firenze.
Nel romanzo la Flacco ha voluto ripercorrere una vicenda insieme terrena e spirituale che ha segnato la storia dell’Occidente cristiano. Riprende, dal punto di vista di Tommaso, attore e testimone privilegiato della vicenda, gli ultimi due anni di vita di Francesco d’Assisi. Accanto a Tommaso e Francesco i compagni di viaggio, da Leone a Masseo, papa Gregorio IX e Federico II imperatore. Due figure, in particolar modo spiccano nel romanzo: donna Jacopa de’ Settesoli, tanto amata da Tommaso fino alla morte, e frate Elia, che ha rilievo soprattutto nell’ultima parte del romanzo.
“Colpita dalla personalità di Tommaso da Celano, frate abruzzese che tanta importanza ha avuto nella vicenda francescana, autore di ben tre biografie del Santo di Assisi – riferisce la scrittrice - ho voluto restituirne la figura supplendo con l’immaginazione ai vuoti della documentazione. Attraverso i suoi occhi, ho cercato di ricostruire gli ultimi anni di vita di Francesco e la prima fase della storia dell’Ordine, con i contrasti che si inseriscono nel più vasto contesto del conflitto tra papato e Impero nella prima metà del XIII secolo”.
Il romanzo, benché sia stato scritto da un punto di vista laico e storico “è pervenuto nelle mani di Papa Francesco – conclude la scrittrice – che tramite la sua segreteria mi ha fatto recapitare una lettera di ringraziamento molto affettuosa. E’ stato letto e apprezzato da Jacques Dalarun, massimo storico vivente di Tommaso da Celano e grande medievista, che mi ha riconosciuto il merito di aver trovato il delicato punto di equilibrio tra conoscenza acuta delle fonti e fantasia creativa del romanzo”.
La presentazione sarà anche ottima occasione per l’allestimento di una mostra fotografica “Portali del medioevo abruzzese” di Lucio Taraborrelli.

Chieti. La Magic inaugura la nuova stagione presentando ai suoi sponsor e alla stampa il progetto “Magic Gold 2.0”, All’interno di un meeting informativo, ospitato nell’accogliente e modernissima cornice dell’ auditorium “Teodoro Pantalone”, presso la sede dell’INTERMEDIX srl di Chieti Scalo, si è discusso principalmente su come valorizzare la sponsorizzazione sportiva nel marketing aziendale.

A fare gli onori di casa è stato il Dott. Ivan Pantalone, neo Presidente Onorario della Magic Chieti, davanti ad una platea qualificata composta in massima parte da sostenitori, “Magic partners” e giornalisti. Il Presidente Enzo Milillo ha poi preso la parola illustrando i programmi immediati della Magic e un nuovo assetto societario sempre più vicino ad una condivisione di intenti con il gruppo di sponsor che si sta costituendo a sostegno del progetto “Magic Gold 2.0”. Progetto questo, presentato nelle sue linee essenziali dal Direttore della Comunicazione, Prof. Massimo Renella, il quale ha spiegato attraverso quali strategie, ispirate all’idea di media company, ila Magic voglia valorizzare le sponsorizzazioni associate al proprio brand.

Molto apprezzato l’approfondimento ulteriore, sul tema del marketing sportivo, svolto dal Dott. Edoardo Gugliotta, Direttore Servizio Incentivi dell’Istituto per il Credito Sportivo, il quale ha avuto parole di apprezzamento per un progetto, il Magic Gold 2.0, una volta tanto teso a rendere protagonisti gli sponsor, mettendoli al centro di un progetto sportivo. Sono inoltre intervenuti e hanno contribuito alla discussione sul tema il Presidente del Coni Abruzzo, Enzo Imbastaro, che ha sottolineato il valore sociale, formativo ed educativo delle società sportive dilettantistiche, il titolare della Effesport, sponsor tecnico della Magic, Valter Fusco e il Direttore del Marketing della Cogaspiù, Diego Di Bendetto, che si sono detti entrambi convinti di aver fatto la scelta giusta nel sostenere un brand, quello della Magic, destinato ad una sicura crescita nei prossimi anni. Spazio poi al General Manager Maurizio Formichetti, che ha ricordato i successi della scorsa stagione e rilanciato le ambizioni per il prossimo campionato.

Spazio finale dedicato ai giocatori di ieri e di oggi, sul palco, infatti, sono intervenuti Giacomo Rossi e Stefano Pizzirani, figure eponime del basket teatino, e Paolo Pelliccione, uno dei giocatori di maggior qualità dell’attuale roster neroverde. Un brindisi finale ha poi chiuso il primo meeting Magic della stagione, nella certezza che da qui ad un mese ci si possa incontrare di nuovo per la presentazione del nuovo organigramma societario e del progetto tecnico della squadra, che andrà ad affrontare il campionato di C Gold.

Pagina 1 di 30

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione