Pescara, possedeva un documento falsificato. Identificato, risultava destinatario di un ordine di carcerazione

Pescara. Nella mattinata di ieri 11 Settembre, la Polizia di Stato interveniva presso un Hotel cittadino, per notificare un provvedimento giudiziario ad un avventore ivi alloggiato.
I poliziotti della Squadra Volante giunti sul posto accertavano che il predetto occupava la stanza unitamente ad altre due persone, che dichiaravano di essere cittadini italiani.
All’atto del controllo, intuendo il fare sospetto e nutrendo dei dubbi circa i documenti d’identificazione forniti da una delle persone controllate (una Carta d’Identità, poi risultata falsificata con la sostituzione della foto, ed una tessera sanitaria) gli Agenti operanti approfondivano il controllo procedendo alle operazioni di identificazione foto dattiloscopiche, ed accertavano che i suddetti documenti erano oggetto di smarrimento e che il loro intestatario risultava essere una persona reclusa presso un Istituto di Pena sito a Torino.
Veniva pertanto acclarata l’esatta identità della persona controllata, che risultava essere JANKOVIK Nicola, cittadino macedone di anni 32, accertando altresì che il medesimo era destinatario di un ordine di carcerazione, dovendo scontare la pena di 1 mese e 27 giorni di reclusione, per reati contro il patrimonio.
Lo JANKOVIK veniva pertanto arrestato, e dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria anche per le false attestazioni rese sull’identità personale, ricettazione, sostituzione di persona e possesso di documenti falsi.

Valuta questo articolo
(0 voti)

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione