Controlli ambientali: la Capitaneria di Ortona sequestra uno scarico abusivo di un frantoio

Ortona. Continua l’attività di controllo degli scarichi messa in atto dai militari della Guardia Costiera di Ortona, e finalizzata alla salvaguardia dell’ambiente marino.
Nei giorni scorsi, a seguito di una mirata attività di indagine coordinata dalla Procura di Lanciano, è stata appurata la presenza di diversi scarichi non autorizzati, all’interno di un frantoio oleario nel territoriodi San Vito Marina (CH).
Dagli accertamenti effettuati dai marinai della Capitaneria ortoneseè emerso che gli scarti di lavorazione prodotti dalla molitura delle olive, venivano per buona parte smaltiti in pubblica fognatura, attraverso dei tombini di raccolta collegati all’impianto comunale. Il gestore dell’attività è stato deferito alla competente autorità giudiziaria, per violazione di diverse norme del Testo Unico ambientale, mentre la Procura frentana, esaminati gli atti, ha anche disposto il sequestro preventivo di uno degli scarichi rilevati, con l’obiettivo di scongiurare ulteriori possibili sversamenti di reflui di lavorazione in fognatura, sequestro subito eseguito sempre dai militari della guardia costiera.
Quello dello sversamento in fognatura degli scarti di lavorazione da frantoio è, purtroppo, un fenomeno ricorrente, al quale anche la stampa recente ha dato risalto per episodi di contaminazione dei fiumi, e quindi del mare. Gli enti gestori dei vari depuratori comunali, poi, sempre più spesso lamentano anomalie nei sistemi di funzionamento degli stessi,a causa della presenza di rifiuti oleosi negli impianti, che rischiano di divenire una delle ragionidell’immissione in mare di acque non depurate; proprio per questo le attività di controllo da parte della Guardia Costiera proseguiranno su tutto il territorio di giurisdizione.

Valuta questo articolo
(0 voti)

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione