Articoli filtrati per data: Mercoledì, 06 Dicembre 2017

Francavilla al Mare. Spumeggiante 7-7 al Tiki Taka tra Alento C5 e Boca Juniors nel torneo di Ama il Calcio a 5 League.
Buona prova dei gialloblù che tengono testa ai valorosi avversari rischiando qualcosa in diverse fasi del match ma creando anche diversi pericoli. La gara poteva terminare in qualsiasi modo ed in fin dei conti il pareggio è stato il risultato più giusto, anche se dispiace per l’Alento C5 che ha visto sfumare il successo, che ormai sembrava acquisito, negli ultimi minuti. Ancora una volta superlative le prestazioni di Colaiocco e Di Luzio.
La cronaca. Parte been il Boca Juniors con Morelli che al 2’ impegna Colaiocco in angolo. Al 4’ ancora Morelli, il numero uno gialloblù para in due tempi. Replica con un’occasionissima l’Alento C5 con Di Luzio che, sugli sviluppi di un angolo, centra i due pali con la sfera che attraversa, ma senza varcarla, la linea di porta. Gol mancato gol subito, sol rovesciamento di fronte è il Boca Juniors a trovare il vantaggio con Pasquarelli che mette in mezzo per Breda che insacca. La reazione dei gialloblù è sui piedi di Cutugno che prima si fa deviare in angolo una conclusione e poi trova il pareggio con un rasoterra. Al 12’ Colaiocco ribatte in angolo una conclusione di Morelli sugli sviluppi del quale Di Cesare trova il gol dell’1-2. Al 15’ il tris del Boca Juniors con Pasquarelli che trova la zampata vincente su un traversone proveniente dalla destra. Al 16’ lo stesso Pasquarelli da fuori manda sopra la traversa. Ma poco dopo l’Alento C5 accorcia le distanze con Di Luzio che prima centra il palo e poi sulla ribattuta ribadisce in rete. Al 19’ Tosto da posizione defilata lambisce il palo. 1’ dopo su un disimpegno sbagliato Morelli centra il palo. Al 22’ lo stesso Morelli mette in mezzo per Pasquarelli sul quale si supera Colaiocco. Al 23’ un diagonale di Di Luzio attraversa tutto lo specchio della porta.
Nella riprea al 1’ i gialloblù agguantano il pari con Di Luzio che riceve un appoggio e deposita in rete. Ma al 7’ Boca Juniors nuovamente in vantaggio con Breda che su un cross dalla sinistra insacca. Al 10’ Di Luzio dalla destra manda di un nulla a lato. è il preludio al pareggio siglato del numero 8 gialloblù che arriva poco dopo con una conclusione a giro. Ma il Boca Juniors non ci sta e poco più tardi passa nuovamente in vantaggio con Breda che realizza sugli sviluppi di un corner. Al 14’ il nuovo pari dell’Alento C5 con il solito Di Luzio la cui conclusione da posizione defilata va prima sul palo e poi termina in rete. Si caricano i gialloblù: Di Luzio appoggia per Cutugno che prende la parte esterna della rete. È il preludio al vantaggio dell’Alento C5 che matura poco dopo in maniera analoga e con gli stessi interpreti: Di Luzio serve Cutugno che appoggia in rete. Si rifà vivo il Boca Juniors con Morelli sul quale respinge Colaiocco. Al 19’ sugli sviluppi di una punizione Raciti impegna Esposito che para. Al 23’ contropiede condotto da Di Luzio che sfrutta l’inserimento di Tosto che sigla il momentaneo 7-5. Ma non è finita: al 24’ Breda sugli sviluppi di un angolo accorcia le distanze e poco dopo Fajardo da posizione defilata sigla il definitivo pari.

Pubblicato in Sport

Pescara. Il direttore sportivo del Pescara Pallanuoto, Maurizio Gobbi, ci illustra la stagione del team adriatico impegnato in serie A2 maschile, serie A2 femminile e nei tanti campionati giovanili su cui si punta molto.

Pubblicato in Sport
Mercoledì, 06 Dicembre 2017 00:00

Luca Sparvoli allo Spoltore

Spoltore. Spoltore scatenato sul mercato: la società di Sabatinoi Pompa, dopo essersi assicurato il ritorno di Petre, piazza un altro colpo importnatissimo. Prewlevato dalla RC Angolana l'esterno d'attacco Luca Sparvoli Classe '93. vanta 53 presenze nel torneo di Serie D, distribuite con le casacche di Miglianico, RC Angolana, Ancona e San Cesareo. Nel torneo di Eccellenza, invece, ha vestito le maglie di Acqua&Sapone e Sambuceto. La scorsa stagione, inoltre, con la casacca della Torrese, si è tolto la soddisfazione di approdare nel torneo di Eccellenza, al termine della finale play off di Scoppito contro il Luco dei Marsi. Tecnicamente valido l'esterno offensivo va a rinforzare la prima linea di Ronci.

Subito a disposizione, Sparvoli, potrebbe scendere in campo già nel match odierno di Coppa Italia col Capistrello.

"Sono contento di essere entrato a far parte di questa realtà, tra le migliori del panorama calcistico regionale. Lo Spoltore, sin da subito, ha mostrato interesse nei miei confronti. Ringrazio mister Donato Ronci e la società tutta per questa opportunità. Cercherò di ripagare sul campo la fiducia a me concessa".

Pubblicato in Sport

Spoltore. Lo Spoltore Calcio batte di misura il Capistrello e vola in semifinale di Coppa Italia "Eccellenza" dove troverà il temibile Giulianova. Gli uomini di Donato Ronci oggi avevano un solo risultato utile, la vittoria, e così è stato: 3-2 il punteggio finale al termine di una gara ricca di occasioni e tantissime emozioni.

La gara. Il mister spoltorese schiera dal primo minuto i nuovi gioielli Luca Sparvoli e Gabriel Petre, anche per far riposare i sempre presenti Sanchèz e Grassi. Titolare dal primo anche il giovanissimo Jacopo Evangelista autore di una prova rubusta e convincente. Leggero turn-over anche per mister Iodice che, però, non lascia fuori i suoi uomini migliori: Leccese e Bolzan. La partita si sblocca al 22' minuto del primo tempo quando Sparvoli, ben servito in area di rigore, viene messo giù in maniera ingenua da Venditti. Per il direttore di gara Ferdinando Carluccio della sezione de L'Aquila non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Si incarica della battuta capitan Daniele Di Camillo, un cecchino specialista dagli 11 metri, che la insacca spiazzando Di Girolamo. Non c'è nemmeno il tempo di annotare sui taccuini il vantaggio spoltorese che il Capistrello pareggia con Mercogliano ben imbeccato in area di rigore dall'agentino Bolzan. Passano nove minuti e gli uomini di Iodice passano addirittura in vantaggio gelando i moltissimi tifosi azulgrana presenti sugli spalti dell' "Adriano Caprarese" di Spoltore. Berardi timbra il cartellino raccogliendo e insaccando alle spalle di Gigi Proietti un pallone vagante in area di rigore sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Gli spoltoresi soffrono il colpo subito ma non si scompongono e trascinati dai 'senatori' Di Camillo, Vitale e Zanetti prendono in mano le redini del gioco pareggiano poco prima del riposo. Proietti dopo aver sventato una minaccia ospite rilancia per il nuovo arrivato Sparvoli che in contropiede viene di nuovo buttato giù, in area di rigore, da Giacomo Fantauzzi. Per l'arbitro e per gli spettatori non ci sono dubbi: è ancora rigore per lo Spoltore con ammonizione del difensore aquilano. Dal dischetto sempre capitan Di Camillo che riporta il risultato in parità, 2-2, punteggio che chiude la frazione di gioco.

Nella ripresa lo Spoltore parte subito forte con il Capistrello che si chiude nella sua metà area. Il centravanti romeno Petre si divora il gol del vantaggio a pochi passi da Di Girolamo e, pochi minuti più tardi, si vede negare un netto rigore per un fallo di Fantauzzi. Ma il direttore di gara, evidentemente, non se l'è sentita di fischiare il terzo rigore della giornata per gli spoltoresi, così ha lasciato correre. A quel punto Ronci mischia le carte e manda in campo le "bocche di fuoco" spoltoresi Fabrizio Grassi e Mario Sanchèz per Pompa e Zanetti. La squadra di casa è palesemente sbilanciata in avanti con quattro punte e con l'unico obiettivo di segnare un gol per passare il turno. E a tre minuti quella che sembrava, ormai, una impresa impossibile, per la difesa ad oltranza degli ospiti, diventa invece realtà grazie ad un fantastico colpo di testa del neo-acquisto Petre. Da calcio d'angolo Simone Vitale, perfetto sui calci da fermo, disegna una traiettoria perfetta per la testa del centravamti che salta più in alto di tutti e batte Di Girolamo. Trovato il vantaggio Ronci toglie Sparvoli, applaudito all'uscita dal terreno di gioco, e si copre con Sebastian Lopez. Allo scadere del tempo regolamentare lo stesso Lopez viene steso da un Leccese molto nervoso. L'arbitro espelle il giocatore ospite e, tra l'incredulità generale, anche il centrocampista spoltorese che salterà, dunque, la prossima gara. Dopo cinque minuti di recupero, dove comunque lo Spoltore non rischia nulla, l'arbitro manda tutti negli spogliatoi. Inizia la festa per lo Spoltore, non per gli ospiti, che invece accerchiano l'arbitro contestandolo per i due rigori concessi allo Spoltore. Penalty, evidenti, che in realtà sono state delle ingenuità dei difensori ospiti.

Donato Ronci: "Abbiamo fatto una bella partita contro una bella formazione. Dopo il vantaggio abbiamo subito due gol su due nostri errori. Il gol di Berardi addirittura è il gol fotocopia subito contro l'Amiternina. Siamo stati bravi a riportare in parità il punteggio prima della fine del primo tempo. Poi nel secondo tempo siamo stati padroni del campo rischiando quasi nulla, sfiorando il gol del vantaggio diverse volte. Sono contento della prestazione della squadra, penso che il passaggio del turno lo abbiamo meritato tutto.

I nuovi acquisti hanno lasciato subito il segno

Donato Ronci: "Sparvoli era un obiettivo già in estate. E' un giocatore che ci mancava con delle caratteristiche differenti rispetto agli altri nostri esterni. Darà sicuramente un grande contributo così come lo farà Alberto Nardone appena sarà recuperato. Sta lavorando duramente per rientrare il prima possibile.Con Nardone, Sparvoli e Grassi abbiamo degli esterni di tutto rispetto che possono darmi diverse soluzioni offensive così come Petre e Sanchèz possono farlo da terminali offensivi"

Spoltore- Capistrello 3-2 (22'Di Camillo su rig. 24' Mercogliano, 33' Berardi, 41' Di Camillo su rig, 42'st Petre )

Spoltore: Proietti, Pompa (14'st Grassi), Vitale, Di Camillo, Mottola, Buonafortuna, Evangelista (14'st Di Marco), Vera, Petre (43'st Sbaraglia), Sparvoli (43'st Lopez), Zanetti (26'st Sanchéz). A disposizione: Gentileschi, Zucchetti. Allenatore: Donato Ronci.

Capistrello: Di Girolamo, Venditti, Berardi, Fantauzzi S. (8'st Paneccasio), Fantauzzi G. (26'st Di Francescantonio), Antonelli, Mercogliano (26'st Cicchinelli), Kras, Leccese, Bolzan, Ravaletta. A disposizione: D'Innocenzo, De Meis L., De Meis E., Fantauzzi D. Allenatore: Fabio Iodice

Terna arbitrale: Ferdinando Carluccio de L'aquila coadiuvato da Valentino Cialini e Fabio Gentile di Teramo

Ammoniti: Di Camillo, Petre, Zanetti (S); Di girolamo, Fantauzzi G., Bolzan (C)

Espulsi: Leccese (C), Lopez (S)

Pubblicato in Sport

L'Aquila. Con una nota inviata lunedì 4 dicembre ai prefetti e ai presidenti delle Province abruzzesi, nonché alla catena di comando della Protezione civile regionale, il Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso ha riassunto gli interventi della Regione per il contrasto alle calamità atmosferiche invernali:
1) un contributo economico di 550mila euro, finanziato con legge regionale n. 58 del 29.11.2017 e pubblicato sul BURA Speciale n. 125 dell’01.12.2017, fornito attraverso l’approvazione di una delibera che concede: a ogni Provincia 100mila euro; alle Province di Chieti e Pescara rispettivamente € 30.000,00 ciascuna per la viabilità che conduce agli impianti sciistici di Passolanciano-Majelletta; alla Provincia de L’Aquila € 25.000,00 per la viabilità che conduce agli impianti sciistici della stessa provincia ed € 10.000,00 per la viabilità che conduce al Passo del Diavolo; alla Provincia di Teramo € 15.000,00 per la viabilità che conduce agli impianti sciistici di Prati di Tivo; Comune di L’Aquila € 40.000,00 per la messa in sicurezza e riqualificazione della strada di collegamento tra il Progetto C.A.S.E. di Assergi ed il Piazzale di Fonte Cerreto.
2) con delibera n. 579 del 18.10.2017, la Regione ha reperito risorse economiche pari a 400mila euro per l’acquisto di 4 mezzi da assegnare alle 4 Province per le operazioni di sgombero della neve; A questa importante iniziativa di rinnovo e potenziamento dei parchi macchine provinciali partecipa la società Terna con un contributo pari a 600mila euro+IVA (€ 732.000,00), come risulta da apposita convenzione sottoscritta tra Regione Abruzzo e Terna Spa in data 10.11.2017. Tutto ciò ha determinato l’approvazione della procedura negoziata per la fornitura di 2 turbine da neve e 2 veicoli sgombraneve corredati di lama e spargisale per un importo complessivo di € 1.132.000,00 comprensivo di IVA; l’apertura delle buste avverrà il 12 dicembre. A tal proposito D’Alfonso ha voluto ringraziare Terna “per lo straordinario contributo economico concesso, come da impegno preso nei mesi scorsi, che si somma a quelli stanziati e cantierati per l’ammodernamento e il potenziamento delle infrastrutture elettriche della regione dopo gli episodi di black out elettrici del gennaio scorso”.
3) l’assegnazione di 65 generatori forniti da Enel per eventuali casi di assenza di energia elettrica in altrettanti Comuni al fine di assicurare piena efficienza ai Centri Operativi Comunali e ai servizi essenziali erogati dalla pubblica amministrazione; il presidente ha inteso ringraziare anche la società di Francesco Starace “per la fornitura dei generatori e per la manutenzione straordinaria delle linee elettriche nel territorio regionale”.
4) in merito agli invasi idrici, per la diga di Chiauci si sta predisponendo l’aggiornamento del Documento di Protezione Civile, il cui atto finale verrà approvato dalla Prefettura competente, per il quale il Consorzio di Bonifica Sud di Vasto sta acquisendo studi tecnici propedeutici facendo ricorso al finanziamento previsto per tale bacino nel Masterplan; per la gigantesca diga di Campotosto sono già stati approvati i Documenti di Protezione Civile delle dighe di Piaganini e Rio Fucino, mentre il Documento della diga di Sella Pedicate verrà approvato oggi. Resta da approvare nelle prossime settimane il Documento della diga di Poggio Cancelli.

D’Alfonso ha tenuto a sottolineare che “questo Governo Regionale, sin dal suo primo anno di mandato, ha inteso sostenere le amministrazioni provinciali anche relativamente alle risorse economiche occorrenti all’attuazione dei Piani Neve e di Protezione Civile, tenuto conto dei sempre minori trasferimenti statali conseguenti alla legge di riordino degli enti intermedi”.

Pubblicato in Politica

Pescara. "L’amministrazione Comunale di Pescara ha attivato per il periodo di Natale, Capodanno ed Epifania una navetta che circola fino alle ore 20 per attirare i clienti dei centri commerciali naturali, senza considerare la sicurezza nelle strade soprattutto nelle ore notturne".

Si legge così in una nota dei portavoce del M5S al Consiglio Comunale di Pescara, Chieti, Francavilla, S. G. Teatino e Montesilvano (Massimiliano Di Pillo, Manuela D’Arcangelo, Ottavio Argenio, Livio Sarchese, Mario Cutrupi, Cristian Di Carlo, Paola Ballarini, Gabriele Straccini), che proseguono: "Con l’esperienza acquisita nella scorsa estate, quando dal 7 di luglio è stato attivato il bus notturno per i fine settimana sulla linea n. 21 che collega Pescara con Francavilla, si potrebbe riproporre almeno per le vacanze di Natale, Capodanno ed Epifania, un servizio simile che permetta ai cittadini di 4 comuni Pescara, Francavilla, Montesilvano e San Giovanni Teatino e ai turisti presenti, di viaggiare sicuri diminuendo il traffico e il relativo smog prodotto dalle emissioni degli autoveicoli e motoveicoli. Tutto questo semplicemente estendendo il servizio notturno, già attivo nei fine settimana sulla linea 21 fino al 30 gennaio 2018, anche alla linea 38 coinvolgendo eventualmente anche il bus che collega Pescara con Chieti. Tale implementazione, per essere davvero utile ai cittadini e favorire la circolazione, dovrà essere attivata non solo nel weekend ma tutti i giorni del periodo natalizio dal 24 dicembre all'8 gennaio 2018. Si tratta di poche tratte facilmente implementabili che agevolerebbero il traffico urbano garantendo la sicurezza nelle strade.
E' indubbio che tale servizio, almeno per i fine settimana, dovrà essere istituito in pianta stabile per tutto il 2018 e a tal proposito stiamo lavorando per la presentazione di una eventuale proposta da discutere in Consiglio Comunale.

L’area metropolitana che a breve ci si augura diventi un unico Comune, ha collegamenti che se sfruttati e pubblicizzati a dovere, può produrre principalmente sicurezza sulle strade, come anche la certezza di raccogliere tanti clienti non solo per le attività commerciali ai due lati del fiume Pescara, ma anche e soprattutto clienti della “Movida” di Chieti e Pescara. Raccogliere e trasportare chi vuole solo un divertimento sicuro è stato l'obiettivo che ha permesso, questa estate, la sinergia tra amministrazioni e azienda di trasporti regionali e comunali TUA.

La fascia di utenza che potrebbe usufruire di questo servizio, va naturalmente informata a dovere attraverso campagne di sensibilizzazione sui media, nelle scuole e nei locali, che non solo i più giovani frequentano. Abituare la popolazione dell’area vasta a guardare ad un servizio integrato e sostenibile anche notturno che possa essere utile al cittadino come al turista, soprattutto nei periodi come quello natalizio dove la presenza di ghiaccio o eventuali colpi di sonno possono ridurre la sicurezza stradale, tornerebbe ad avvicinare la politica al “bene comune”.

L’uso del mezzo pubblico negli ultimi anni è sempre più appannaggio di ceti sociali disagiati o di migranti. La necessità di aiutare il cittadino ad avvicinarsi a pratiche di mobilità alternative come treno e bus di linea, invece che auto e motocicli, può partire anche da un servizio utile e competitivo non solo nel prezzo, ma anche e soprattutto nel tempo, attraverso corse come quelle notturne, magari associate come già accaduto nel periodo estivo a guardie giurate, che garantiscano la sicurezza degli stessi passeggeri.

La visione futura delle nostre città dovrà necessariamente guardare oltre ai confini del singolo comune, unendo servizi utili alla persona ma soprattutto migliorando la qualità della vita con parametri che guardino all’ambiente come l'incentivazione delle energie rinnovabili, la riduzione del consumo di suolo e il contenimento nell'utilizzo di combustibile fossile, interprete principale dell’inquinamento dell’area urbana e dei centri cittadini".

Pubblicato in Politica

L'Aquila. “L’Osservatorio nazionale della formazione medica specialistica ha inferto un duro colpo ai neolaureati delle università abruzzesi. Di 55 scuole di specializzazione solo 19 hanno ottenuto l’accreditamento definitivo, 28 quelle provvisorie che restano in attesa di valutazione e 8 bocciate. In altre parole, in molti, per specializzarsi saranno costretti a trasferirsi in altre università. Per i nostri giovani, ma anche per l’immagine delle nostre Università, si tratta di una brutta realtà”. E’ il commento del Segretario regionale dell’UDC, Enrico Di Giuseppantonio, alla notizia che l’Osservatorio, per conto dei Ministeri della Salute e dell’Università, ha cancellato 8 scuole di specializzazione delle Università di Chieti-Pescara e de L’Aquila, non accreditandole alla formazione medica specialistica. “Sono imbarazzanti le motivazioni con le quali l’Osservatorio ha ritenuto di dover valutare negativamente lo stato delle strutture che avrebbero dovuto favorire il completamento della preparazione degli studenti - afferma Di Giuseppantonio . Non è possibile che sei scuole di specializzazione della Facoltà di Medicina dell’Università di Chieti-Pescara come Farmacologia e Tossicologia, Ematologia, Oncologia medica, Otorinolaringoiatria, Chirurgia pediatrica, Medicina fisica e riabilitativa, e due scuole di specializzazione dell’Università de L’Aquila come Malattie dell’apparato cardiovascolare e Neurologia non possano offrire l’opportunità di svolgere regolari corsi di specializzazione in spazi e laboratori adeguati. Senza contare poi che altre 28 sono in attesa di giudizio.Una situazione che merita una immediata soluzione da parte della Regione e che deve vedere coinvolti i parlamentari abruzzesi nel rispetto di quei giovani che hanno investito nello studio e che sperano di poter mettere a disposizione di tutti le loro preziose conoscenze”.

Pubblicato in Politica

Chieti. “La Cooperativa sociale Azzurra di Chieti, che per 20 anni ha gestito il servizio di assistenza domiciliare integrata (Adi) per conto della Asl, è ormai ad un passo dal default, liquidazione coatta,  con 170 dipendenti che da mesi non percepiscono lo stipendio, per colpa della persistente ed ingiustificabile inerzia della stessa Asl Chieti –Lanciano -Vasto”. Questo l’allarme lanciano dal consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo che sottolinea quanto segue: “Siamo di fronte ad una situazione paradossale e inqualificabile. Nonostante le rassicurazioni del mese di luglio 2016, cioè ben 16 mesi fa, pervenute in sede di audizione di Commissione vigilanza dal Dirigente Pasquale Flacco ad oggi alla Cooperativa ancora non vengono liquidati i crediti certi, benché riconosciuti della stessa ASL di ben 5.416.591,21 euro e  nonostante le ingiunzioni del tribunale. Chiaramente la Cooperativa ha dovuto sospendere l'attiva e provvedere al licenziamento delle 170 unità che vantavano decine di mensilità arretrate oltre il Tfr (trattamento fine rapporto), senza contare il disagio causato alle centinai di assistiti e famiglie. Siamo di fronte ad un collasso finanziario della cooperativa sociale " per colpa"  dei mancati pagamenti dell’azienda sanitaria, che deve ancora saldare fatture relative addirittura lontano 2011. Ma l'assurdità di questa "commedia kafkiana" e che è la stessa ASL in data 20 aprile 2017 ha comunicato  alla Coop Azzurra che a tutto il 31 dicembre 2016 essa era debitrice di oltre 5 milioni di euro, precisando, letteralmente: ‘VI SAREMO GRATI SE VORRETE CONFERMARE DIRETTAMENTE AL COLLEGIO SINDACALE E A QUESTA AZIENDA CHE IL SUDDETTO SALDO CORRISPONDE ALLE VOSTRE RISULTANZE CONTABILI”, cosa che la Cooperativa ha fatto in data 15 maggio 2017. Sono trascorsi ben 6/7 mesi da allora, nonostante le istanze rivolte ai vertici Asl, a quelli della Regione, in particolare all’assessorato alla Sanità, e pure alla Prefettura per cercare di far valere le sue ragioni. Ma, nonostante il pressing continuo, non era riuscito ad ottenere nulla. Ho presentato – conclude Febbo –questa mattina stessa una precisa risoluzione urgente sull’argomento affinché  si intervenga immediatamente per porre rimedio a questo "scellerato comportamento omissivo"  da parte della ASL 02”.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Sinceramente ci saremmo aspettati dal Presidente D’Alfonso un annuncio di inizio lavori o apertura di cantieri invece siamo nuovamente ad ascoltare l’ennesimo spot dove si annunciano pioggia di milioni di euro mentre i Comuni abruzzesi si apprestano ad affrontare in solitaria l’ennesimo inverno senza fondi, senza organizzazione e solo con la speranza in un inverno più clemente rispetto a quello precedente”. Questa la replica dei consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri dopo le ultime dichiarazioni del Presidente della Giunta in merito agli interventi di ripristino della viabilità danneggiata sia dai terremoti sia dalle calamità naturali del gennaio scorso. “Dopo i Masterplan, le varie cabine di regia al Ministero e le visite dei vari Ministri i nostri Sindaci sono ancora abbandonati e senza un solo euro di finanziamento. Basti vedere la situazione paradossale, vergognosa e insostenibile in cui versano l’alto vastese, il pescarese ed il teramano interno dove le frane, gli smottamenti e disseti sono peggiorati e nessun rimedio straordinario ed urgente è stato messo in campo. Piccoli centri che rischiano di rimanere isolati e senza viabilità.  Oggi  – concludono Febbo e Sospiri - abbiamo solo la prova provata che questo Governo regionale sia stato incapace di assolvore alle vere emergenze e alle criticità che l’Abruzzo ormai attende da troppo tempo”.

Pubblicato in Politica

Roma. Con la deputata marchigiana Lara Ricciatti, Giann melilla ha presentato l'interrogazione allegata relativa alla tratta delle schiave del sesso che si svolge al confine tra Abruzzo e Marche. L' interrogazione é stata sottoscritta da tutti i deputati di Art.1 Mdp.

 

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta
Presentato da
RICCIATTI Lara
Testo di
28 Novembre 2017 seduta n.

RICCIATTI, MELILLA, NICCHI, ROBERTA AGOSTINI,MURER, ALBINI, SIMONI, BOSSA, DURANTI, MARTELLI, CIMBRO, SCOTTO, LAFORGIA, ZARATTI, PIRAS, QUARANTA, D’ATTORRE, CARLO GALLI, SANNICANDRO, FRANCO BORDO, FERRARA-, Al Ministro dell’Interno, Per sapere - premesso che:

La Strada della Bonifica è una strada provinciale di circa 15 chilometri al confine tra Marche e Abruzzo, e che è paradossalmente soprannominata “Via dell’Amore” perché centinaia di donne ci lavorano giorno e notte come prostitute;
Sono soprattutto donne nigeriane, molte delle quali sono state portate illegalmente in Italia: sono sfruttate sessualmente per ripagare il debito contratto con la traversata e vengono convinte sia con le minacce che con la superstizione;
La strada è stata raccontata da un documentario pubblicato sul Guardian e girato da Piers Sanderson, regista inglese che vive da diversi anni a Senigallia con la famiglia;
Nel documentario si parla degli italiani che lavorano e vivono in quella zona, delle storie di alcune donne costrette a prostituirsi e di “On the Road”, la Onlus locale che da anni è impegnata su questa questione;
Il documentario – che prende il nome dall’associazione e che dura circa venti minuti – segue in particolare una donna, un’ex prostituta nigeriana che ora lavora come mediatrice culturale dell’organizzazione;
Le donne nigeriane vittime della tratta sessuale scappano dalla povertà e dalla mancanza di futuro in paesi molto popolosi dove solo una minuscola élite controlla la ricchezza e il potere;
Nella maggior parte dei casi partono con l’assicurazione di una nuova vita e di un lavoro che permetterà loro di ripagare il viaggio che hanno intrapreso;
Una volta arrivate in Italia vengono però ridotte alla schiavitù sessuale e occorrono fra i tre e i sette anni per ripagare i debiti (sono pagate circa 20 euro a prestazione): queste donne sono costrette a lavorare ogni sera e anche durante il giorno, spesso devono provvedere da sole a vitto e alloggio e vengono picchiate e maltrattate dai loro protettori o protettrici se non portano abbastanza denaro;
Se restano incinte, sono poi costrette a subire aborti praticati illegalmente e dunque non sicuri;
Uscire da questo meccanismo è molto complicato: la pressione psicologica legata al potere dei giuramenti sciamanici ha infatti in questo meccanismo un ruolo molto importante;
ci sono gli stretti controlli delle cosiddette madames, figure chiave nella rete dei trafficanti: raccolgono i soldi e controllano le azioni quotidiane di queste donne.
“On the Road” si è costituita come associazione di volontariato nel 1994 per rispondere all’incremento del numero di donne costrette a prostituirsi nel territorio della Bonifica del Tronto, al confine tra Marche e Abruzzo. Nel corso degli anni è diventata un’organizzazione strutturata formata oggi da circa cinquanta persone che lavorano sopratutto su tratta e sfruttamento, accoglienza dei migranti e violenza di genere;

Se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza della situazione sopra descritta e quali iniziative intenda intraprendere per sostenere le Onlus che sul campo tentano di difendere le donne vittime di tratta e come intenda stroncare questa tratta di donne rese in schiavitù.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 5

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione