Articoli filtrati per data: Giovedì, 08 Febbraio 2018
Giovedì, 08 Febbraio 2018 00:00

Sambuceto Calcio, intervista a Mirko Spinello

Sambuceto. L’andamento del Sambuceto, l’analisi del campionato di Eccellenza in corso, le qualità personali e quelle necessarie in campo nella massima competizione calcistica regionale: “parole e musica”, essendo in pieno clima sanremese, di Mirko Spinello.
Il giocatore viola parte dal passato più recente, ossia dal pareggio esterno con il River Chieti 65 che ha fatto muovere nuovamente la classifica per il Sambuceto: «Sicuramente si poteva fare di più, però su quel campo sapevamo che sarebbe stato più difficile del “normale”, e così è effettivamente stato. Il campo non deve però rappresentare un alibi per noi, che ci aspettiamo sempre i 3 punti ogni volta che scendiamo in campo di domenica. Però ovviamente non sempre può capitare di raggiungere l’obiettivo e di riuscire a fare bottino pieno. Credo che al Sambuceto in questo momento stia mancando solamente un pizzico di serenità nel raggiungimento del risultato che abbiamo dimostrato di avere nella prima parte di stagione».
A livello personale, nel Sambuceto, agli ordini di mister Tatomir Spinello si è rivelato un vero e proprio jolly, ricoprendo, spesso con ottimi risultati, quasi tutti i ruoli della difesa e non solo: «Ormai spesso sto facendo il terzino a destra, e devo dire che mi trovo bene e a mio agio. In alcune partite magari posso servire in altri ruoli, ma mi ci adatto tranquillamente».
E sempre a livello personale, oltre agli aspetti relativi alla tecnica, due delle peculiarità che contraddistinguono Mirko Spinello in campo sono sicuramente la grinta e il cuore. Aspetti, questi ultimi, che come spiega lo stesso esterno viola, possono risultare determinanti: «Senza caratteristiche come grinta e cuore molto spesso non si va da nessuna parte. Certo, il lato tecnico conta eccome, e quindi ci deve stare, ma paradossalmente quei due aspetti possono servire proprio per sbloccare alcune partite».
L’ultima analisi di Spinello è riservata all’andamento del campionato e alla “mini-fuga” del Real Giulianova, che potrebbe risultare decisiva per le sorti relative alla vittoria finale: «Penso di sì, ossia che potrebbe essere la fuga giusta per la vittoria del campionato. Del resto la classifica credo stia rispecchiando ciò che le squadre e relative società hanno fatto e hanno speso. I valori alla fine spesso vengono fuori. Il Martinsicuro ha cambiato poco rispetto allo scorso anno, e questo sta permettendo loro di avere un gruppo che si conosce e ne stanno beneficiando anche a livello di esperienza».

Pubblicato in Sport

Ortona. Anticipo a sabato sera, 10 febbraio alle 20.30, per la Sieco Impavida Ortona che giocherà la seconda gara di “Pool B” a Tricase contro l’Aurispa Alessano reduce dalla vittoria per tre set ad uno, in trasferta ai danni del Cantù. Nel frattempo, mercoledì si è disputato l’anticipo tra la Sigma Aversa e Mondovì. La gara è finita al tie-break con le squadre a dividersi la posta in palio: due punti ad Aversa ed uno a Mondovì. Alla luce di questo risultato, tornare a casa con qualche punto, sarebbe davvero importante per i ragazzi di Mr. Nunzio Lanci.

Ma “tra il dire ed il fare”, si sa, “c’è di mezzo il mare” ed il mare, in questo caso, è rappresentato dall’Aurispa Alessano. Sarà un mare in tempesta deciso ad affondare la SIECO perché la squadra pugliese è forte ed in piena corsa per la lotta ai primi due posti che garantiscono la possibilità di giocarsi la promozione in SuperLega. I leccesi, che sono attualmente terzi in “Pool B” con 14 punti, hanno terminato la prima fase al quinto posto ed hanno mancato la “Pool A” solo per aver vinto una partita in meno rispetto alla Videx Grottazzolina. Diverse le insidie che si nascondono in questa trasferta. Le maggiori portano il nome di Lipinski e Culafic, che insieme formano una delle migliori coppie d’attacco di questa Serie A2 UnipolSai.

Mister Nunzio Lanci. «La nostra priorità rimane la salvezza. Cercheremo mettere in campo la miglior pallavolo possibile da qui al 25 marzo e poi si vedrà, anche se qualche indicazione in più già la potremmo avere alla fine del girone di andata. La nostra è una squadra che, una volta trovata continuità e consapevolezza delle proprie capacità, può giocarsela con tutti. Aversa ha sia giocatori di grande esperienza e bravura, Culafic è un esempio calzante, ma anche giovani di grandi capacità e di sicuro avvenire come il palleggiatore Alberini».

CURIOSITÀ: Sono sei i precedenti tra le due squadre ed il bilancio è nettamente a favore degli abruzzesi che, vincendo tutte le sfide, si rivelano di fatto una bestia nera per Alessano. Tre sono le vittorie al tie-break ed altrettante quelle da tre punti.

Dopo la prima giornata del girone di andata, il Girone Blu conduce sul Girone Bianco per 3 vittorie contro 1. La classifica è quindi 9 punti per “i Blu” e 3 per “i Bianchi”.

A dirigere l’incontro saranno Verrascina Antonella di Roma e Di Bari Pierpaolo di Brindisi.

Queste invece le altre gare della “Pool B”:

Mercoledì 7 febbraio
Ore 20.30 Sigma Aversa – VBC Mondovì 3-2
Domenica 11 febbraio:
Ore 16.00 Conad Reggio Emilia – Pool Libertas Cantù
Ore 18.00 GoldenPlast Potenza Picena – Gioiella Micromilk Gioia del Colle

Pubblicato in Sport

Pescara. “Una vicenda senza fine e a dir poco vergognosa. Ad un anno esatto (21 febbraio 2017) dell’arrivo del nuovo elicottero I Kira - Aw 169, costato ben 26 milioni di euro, oggi scopriamo innanzitutto che il mezzo è inspiegabilmente ancora senza verricello montato e, poi, solo nella giornata di eri, guarda caso il giorno precedente l’audizione in Commissione, la Asl di Pescara ha deliberato la spesa di 32 mila euro per la fornitura di divise e calzature per le esigenze del personale dell’Elisoccorso. Una fornitura già precedentemente acquistata ma risultata non idonea per l’equipaggio e per effettuare i relativi corsi. Uno sperpero inaccettabile. Queste sono le sconvolgenti notizie emerse a margine dell’audizione che si sarebbe dovuta svolgere oggi ma rinviata per la grave e ingiustificata assenza dei consiglieri, in questo periodo troppo impegnati a sostenere la campagna elettorale del Presidente D’Alfonso”. A comunicarlo è il Presidente della Commissione e consigliere regionale Mauro Febbo che aggiunge quanto segue: “Spiace dover tornare su un argomento che già fece “sorridere”,  quando dopo la mia sola presenza all’hangar dell’aeroporto d’Abruzzo fece, dopo 48 ore, levare in volo un elicottero fermo da oltre due mesi. Ma, purtroppo, continuiamo ad assistere ad una gestione scandalosa (eufemismo) dell’elisoccorso 118 da parte sia della Regione sia della stessa Asl dove permangono ancora molte ombre e dubbi. Un pasticcio del valore di ben 26 milioni di appalto. Un appalto su cui ho già sollevato diverse criticità visto che a vincerlo non fu la proposta economicamente più vantaggiosa ma quella con maggiori punteggi tecnicnici. Inoltre rimango  oltremodo sorpreso e sbalordito apprendere come l’inchiesta e gli arresti avvenuti recentemente nella Regione Calabria inerenti proprio il bando sull’elisoccorso chiama in causa proprio la Regione Abruzzo.  Non vorrei che i ritardi sull’istallazione del verricello siano dovuti a motivi ancora a noi del tutto sconosciuti. Oggi comunque abbiamo una Regione che si prende beffa della salute dei cittadini mettendo a repentaglio un servizio fondamentale e strategico come l’elisoccorso che ad oggi viene utilizzato solo a metà ed in poche circostanze senza l’utilizzo del verricello. Mesi e mesi di ritardi che non vengono stranamenete sanzionati come prevede il bando.  Ma le brutte sorprese non finiscono qui. Infatti il personale sanitario ancora non viene formato con i relativi e specifici corsi. Ricordo come – sottolinea Febbo - il verricello potrà essere utilizzato solo da personale idoneo sotto il profilo sanitario (già individuato) ed è subordinato all’espletamento dei corsi di formazione che dovevano essere eseguiti prima a settembre 2017, poi rinviati dicembre e siamo a febbraio e ancora non conosciamo il loro inizio. A tutta questa grave problematica bisogna aggiungere l’annoso problema del velivolo, con il verricello di una portata di 270 kg, che non potrà comunque atterrare presso l'ospedale di Pescara perché bisogna adeguare la piazzola al peso del nuovo mezzo. Comunque – chiude Febbo – siamo di fronte ad una situazione poco chiara ed una vicenda con molti lati oscuri poiché reputo ignobile, inconcepibile e vergognoso che un servizio di Pronto soccorso debba operare solo parzialmente dopo aver acquistato un elicottero di quasi 30 milioni di euro. Dal canto mio continuerò a vigilare andando fino in fondo su una storia interminabile che non trova soluzione definitiva".

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Il crono programma dei lavori di riqualificazione di via Maresca. Questo l’argomento di un incontro a Palazzo di città dell’Amministrazione Comunale con gli albergatori. Alla riunione hanno preso parte tutti gli operatori turistici di via Maresca e il sindaco Francesco Maragno, gli assessori al Turismo e ai Lavori Pubblici Ernesto De Vincentiis e Valter Cozzi, il consigliere Adriano Tocco e il dirigente di settore Gianfranco Niccolò.

«Nella giornata di domani - dichiara il consigliere Adriano Tocco, vicepresidente di Federalberghi Pescara - la ditta avvierà ufficialmente gli interventi. Con la riunione di ieri abbiamo fatto il punto in merito alle modalità di realizzazione di questa opera che cambierà radicalmente l’immagine di quella che rappresenta la prima zona di accoglienza turistica di Montesilvano».

I lavori che verranno conclusi entro l’inizio della prossima stagione estiva verranno condotti suddividendo la strada in varie porzioni e procedendo dall’inizio di via Maresca, nell’incrocio con via Aldo Moro fino alla fine della strada verso il fiume.

«La suddivisione dei lavori per vari step – aggiunge Tocco - è un aspetto molto importante che ridurrà al minimo gli eventuali disagi che conseguono dall’apertura di un cantiere per gli albergatori e soprattutto per i turisti. Il progetto porterà significative novità per la fruibilità dell’area per i villeggianti ma anche per i montesilvanesi. La strada sarà ciclopedonale e verrà limitata al traffico esclusivamente per le operazioni di carico e di scarico. Ciò significa - dice ancora il consigliere – che la nuova via Maresca diventerà la naturale prosecuzione del tracciato ciclopedonale della riviera della Bike to Coast e potenzierà l’ormai consolidata isola pedonale estiva del lungomare. Il progetto è stato redatto con una particolare attenzione agli arredi e al verde. Si tratta di un’opera importantissima che siamo certi darà ulteriore slancio al turismo cittadino, ma che offrirà al tempo stesso ai montesilvanesi uno spazio aggregativo in più».

I lavori, affidati alla Bucco Costruzioni di Chieti, consistono nel rifacimento della sede stradale, dei marciapiedi, nella realizzazione delle opere idrauliche, di opere a verde e la pubblica illuminazione.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca ha convocato e presieduto una riunione alla quale hanno preso parte il Sindaco di Sulmona Annamaria Casini, i presidenti di Legambiente e Wwf Abruzzo Giuseppe Di Marco e Luciano Di Tizio, unitamente all’Avvocatura Regionale, ai legali delle associazioni ambientaliste e del Comune di Sulmona, allo scopo di delineare una strategia comune per scongiurare la costruzione della centrale di compressione del metanodotto Snam a Sulmona e la realizzazione del tratto Sulmona-Foligno del metanodotto stesso.
Nel ribadire le ragioni dell’opposizione delle popolazioni locali e delle istituzioni alla realizzazione degli impianti così come previsti dalla Snam che ha sempre rifiutato un confronto vero con gli interlocutori del territorio, tutti i convenuti, ciascuno per la propria parte, hanno dichiarato che continueranno a battersi in tutte le sedi, sia politiche che giudiziarie, come peraltro fanno da diversi anni e come hanno fatto i sindaci della Valle Peligna che hanno incontrato, a ridosso di capodanno, il governo dopo l’intempestiva decisione del Consiglio dei Ministri di dichiarare chiusa la procedura amministrativa.
Wwf e Legambiente hanno messo in evidenza l’importanza della battaglia condotta al fine di prevenire un rischio ambientale troppo alto per il territorio, la necessità di garantire l’incolumità pubblica e favorire l’elaborazione di una strategia energetica che non punti sull’utilizzo delle fonti fossili.
Il Sottosegretario Mazzocca ha fissato per venerdì 16 febbraio il prossimo incontro in cui i partecipanti alla riunione odierna si ritroveranno per concordare modalità, forme, sostanze e tempi di elaborazione del ricorso al Tar avverso la deliberazione del Consiglio dei Ministri del 22 dicembre scorso.

Pubblicato in Politica

L'Aquila. “L’Abruzzo ha perso 4.206 imprese in 5 anni. I dati arrivano da uno studio condotto dal CNA. A chiudere sono maggiormente le piccole e medie imprese, proprio quelle che danno lavoro al 54% degli abruzzesi.” In sede di bilancio” spiega Sara Marcozzi, “ho presentato un emendamento per dare la copertura finanziaria di 7 milioni all’attuazione della legge 23 del 2009, che va ad intervenire proprio sul comparto artigiano e che pone in essere tutte le iniziative volte al miglioramento e allo sviluppo delle piccole e medie imprese sul territorio.L’emendamento” continua Marcozzi “è stato bocciato da questa Giunta dimostrando ancora una volta disattenzione per le realtà economiche minori che invece a nostro avviso rappresentano il vero motore per lo sviluppo ed il sostentamento economico del nostro territorio. E’ per questo che con parte delle nostre restituzioni abbiamo dato vita al fondo di garanzia per le PMI abruzzesi che, a oggi, ha finanziato 68 aziende della regione Abruzzo. Tutto questo dall’opposizione”.
“A livello nazionale negli ultimi 5 anni” incalza Gianluca Vacca “stando all’opposizione e quindi non governando questo Paese, grazie al taglio dei nostri stipendi abbiamo dato vita a circa lo stesso numero di aziende che hanno chiuso in Abruzzo sotto i governi di centro destra e sinistra. Il mondo del lavoro deve uscire dall’immobilità. Nel nostro programma per il Governo abbiamo impegnato 2 miliardi di investimento per la riforma degli uffici di collocamento ed il Reddito di Cittadinanza. Le strutture che consentono ai cittadini abruzzesi il reinserimento nei luoghi di lavoro devono tornare ad essere efficienti ed il reddito di cittadinanza deve permettere a chi ha bisogno di inserirsi nuovamente nel mercato di formarsi e di trovare un’occupazione senza scendere sotto la soglia di povertà”.

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Confprofessioni Abruzzo è pronta ad incontrare le forze politiche ma soprattutto i candidati regionali della nostra Regione alle politiche del prossimo 4 marzo. Alla vigilia delle elezioni per il rinnovo di Parlamento e Senato, la confederazione delle undici associazioni regionali dei liberi professionisti, su iniziativa del suo presidente Marco Della Torre di concerto con la sua giunta regionale, intende organizzare una serie di incontri per ascoltare i vari programmi elettorali ma soprattutto per conoscere le proposte per i liberi professionisti.

"Il nostro intento è quello di ascoltare tutte le forze in campo e i vari candidati, per esporre le nostre necessità e le criticità che troppo spesso i liberi professionisti sono costretti ad affrontare. Ricordiamo In Abruzzo sono oltre 40.000 i lavoratori autonomi, a cui bisogna aggiungere circa 15.000 operatori dell'indotto, tra collaboratori e dipendenti -spiega Marco Della Torre- Vogliamo che la politica inizi a prendere in considerazione misure di politica attiva e fiscale a sostegno del Lavoro Autonomo, in coerenza con una visione moderna delle libere professioni. Il tessuto imprenditoriale regionale va aiutato e sostenuto, con fatti concreti. In campagna elettorale siamo abituati, forse anche male, a grandi proclami. Questa volta vogliamo promesse,molto meno roboanti, ma seguiti da passi in avanti, anche piccolissimi, rispetto al passato”.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Al peggio non c’è mai fine. Proviamo un forte disgusto e condanniamo fermamente questo grande marchetta elettorale realizzata da D’Alfonso e D’Alessandro i quali pensano di speculare sul dramma della disoccupazione attraverso un bando di concorso per assumere circa 59 figure da inserire all’interno della società in house TUA (Società Unica di Trasporto) al fine di recuperare qualche consenso in vista del prossimo appuntamento elettorale. Gli abruzzesi sono persone oneste, intelligenti e grandi lavoratori e alle urne puniranno il Partito Democratico e il Presidente della Regione per il disastro prodotto sia nel settore dei trasporti sia in tutti gli altri campi economici e produttivi della nostra Regione”. Questo il commento dei Consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri che aggiungono quanto segue: “E’ scandaloso vedere quello che accade con la gestione di Tua. A meno di un anno dell’accordo sindacale sottoscritto lo scorso 8 maggio 2017, arriva un nuovo accordo e nuove assunzioni solo per evitare uno sciopero già proclamato. Si tratta di un nuovo accordo che è solo una presa in giro bella e buona: la Regione si impegna a finanziare il Trasporto pubblico con un finanziamento ridicolo di 500 mila euro da pagarsi entro giugno 2018 ma non si dice ai sindacati dov’è la copertura finanziaria e, soprattutto, che le attività legislative riprenderanno non prima di metà marzo. Non sappiamo cosa accadrà all’indomani del voto con un Presidente in fuga nei palazzi romani. Inoltre, sia la Commissione Vigilanza sia lo sciopero erano stati proclamati per tutta una serie di inadempienze, a partire dal mancato riconoscimento dell’accordo del 2004 con il quale si prevedeva un finanziamento di 1.300.000 euro, tra l’altro sospeso per gli anni 2014-2017, mentre adesso solo di 500.000 euro, ossia 5 euro netti a dipendente”.

“Ieri, in Commissione Vigilanza si voleva capire come la Regione intendesse affrontare le problematiche inerenti i trasporti e invece le sigle sindacali hanno disertato preferendo firmare un documento pieno di bugie dalfonsiane. I sindacati hanno scelto le ‘marchette elettorali’ di D’Alfonso anziché trovare una soluzione concreta al bilancio in forte perdita, hanno scelto le facili ‘mance clientelari’ anziché ascoltare le esigenze delle centinaia di lavoratori che prestano servizio in aziende pubbliche e private del trasporto locale. Se hanno coraggio perché non indicono un referendum interno tra i lavoratori di Tua sul nuovo accordo appena firmato!? Dal canto nostro chiederemo immediatamente un parere sia ai Revisori dei Conti di Tua sia ai revisori della Regione Abruzzo, poiché non può essere che un’azienda che chiude al 31/12/2017 con un bilancio in perdita di diversi milioni di euro si possa permettere di assumere 60 nuove unità lavorative tra cui spiccano tre nuovi dirigenti. Ma la fusione delle tre società in Tua non era nata per la riduzione proprio delle figure apicali? Ricordiamo come Tua sia una società in house, quindi pubblica e della Regione, è non può assolutamente chiudere i propri bilanci in perdita”. “Infine – concludono Febbo e Sospiri – sarà nostra premura informare la Corte dei Conti di questo nuovo bando visto che c’è un decreto che fa divieto assoluto di qualsiasi forma di nuove assunzione a causa dei consuntivi non approvati. Non credo che il nuovo Ministro in pectore abbia già fatto e scritto una Legge ad hoc per scavalcare norme e regole vigenti in Abruzzo”.

Pubblicato in Politica

Pescara. A Roma il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli, il dirigente del Compartimento tecnico Tommaso Vespasiano in e il Rup, architetto Angelo Giuliante, per la verifica dell’iter del Contratto di Quartiere. Meta il Ministero dei Lavori pubblici, Infrastrutture e Trasporti per verificare lo stato delle risorse destinate al completamento dei 64 appartamenti comunali fermi in via Tronto da diversi anni.

“Un impegno che vogliamo portare a termine in tempi brevi, per rispondere all’emergenza abitativa che Pescara vive – così il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli - L’iter del cosiddetto “Contratto di quartiere di via Tronto” che abbiamo sbloccato rimettendo in moto le procedure, prosegue per il verso giusto, dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale del progetto esecutivo da noi approvato nel giungo 2017, ora siamo all’aggiudicazione provvisoria dell’appalto. Effettuate tutte le verifiche, i lavori saranno eseguiti dalla ditta Consorzio Artek di Roma che ha proposto un ribasso del 7,50%, l’importo netto degli interventi è pari a 3.653.114,87 di euro per un totale di 270 giorni di lavoro che partiranno dalla effettiva consegna dei lavori.

Stamane ci siamo recati al Ministero per verificare che le somme siano ancora a disposizione e avere il quadro dei tempi di corresponsione: dei circa 6 milioni destinati sono stati già versati al Comune 1.800.000 euro e presto potrebbero pervenire altri 400.000 euro che ci serviranno per fare fronte alle anticipazioni una volta effettuata l’aggiudicazione definitiva

Questo cantiere sta molto a cuore all’Amministrazione, perché possiamo togliere dall'elenco delle incompiute un'altra opera che dal 2006 staziona in una parte sensibile di città, qual è via Tronto, all’inizio di una delle periferie più a rischio della città, su questa Amministrazione ha rivolto una particolare attenzione.

Inoltre questo progetto rappresenta qualcosa in più di una speranza per le 80 famiglie costrette a lasciare le palazzine Ater di via Lago di Borgiano il luglio scorso, mentre procedono le assegnazioni provvisorie (siamo arrivati a 29 appartamenti) e nel frattempo si continuano ad erogare i Contributi di Autonoma Sistemazione mensilmente per chi ha deciso in tal senso. La ripartenza dei 64 alloggi del contratto di quartiere potrebbe rappresentare una sistemazione definitiva per 64 delle famiglie interessate, senza però dimenticare che sono stati già assegnati i fondi per la demolizione e ricostruzione delle palazzine di via Lago di Borgiano dichiarate inagibili e pericolose”.

Pubblicato in Politica

L'Aquila. “Venghino signori! In campagna elettorale si fa e si dice di tutto ed allora arriva anche il bando per le assunzioni TUA. In un unico calderone, amministrativi, dirigenti e personale tecnico. Abbiamo più volte dimostrato che il personale TUA amministrativo è in esubero, come quello dirigenziale, mentre altri comparti soffrono di più della carenza di uomini e mezzi adeguati. Ed infatti il bando fa arrabbiare anche i sindacati che le assunzioni del personale per il reparto tecnico le avevano chieste più volte, senza essere mai stati ascoltati prima della campagna elettorale. Questo bando, disordinato e poco efficace per il funzionamento dell’azienda non è altro che uno “spottone” elettorale, in pieno stile PD. Un Governo responsabile e corretto avrebbe evitato di strumentalizzare l’azienda di Trasporti Regionale ed avrebbe operato già da tempo riconvertendo il personale in esubero verso i comparti in carenza ed avrebbe bloccato le assunzioni dei dirigenti. Risparmiando, così,  fondi per acquistare i nuovi mezzi, che invece continuano ad uscire con le spie rosse del malfunzionamento accese, recando danno ai passeggeri che spesso sono lasciati in strada da autobus rotti. Inoltre avrebbe dotato le officine interne di strumentazioni adeguate evitando l’intervento di officine esterne che rappresentano ancora oggi un costo elevato per l’azienda. Massima solidarietà ai sindacati, quindi, che oggi si sono opposti a questa becera strumentalizzazione, e ancora più a tutte quelle sigle sindacali che da anni protestano contro una gestione del personale e dei mezzi errata che ha portato fin ora sperperi di denaro pubblico e una bassa qualità della vita lavorativa per i dipendenti”. Ad affermarlo è Domenico Pettinari, consigliere regionale M5S.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione