Articoli filtrati per data: Luglio 2018

Villa Celiera. Appuntamento domenica 22 luglio in località Pantano a Villa Celiera (Pe) per la presentazione del Voltigno trail centre, progetto a cura dello Sci club Villa Celiera. Un'idea cullata da tempo che diventa realtà, per un'offerta turistica, sportiva e per il tempo libero da vivere in tutte le stagioni, in mountain-bike o per escursioni a piedi, fino allo sci da fondo e le ciaspole. Con proposte per tutti, dalle famiglie ai più esperti.

Il progetto vede capofila lo stesso comune di Villa Celiera e coinvolge i comuni nella provincia di Pescara come Farindola, Civitella Casanova, Carpineto della Nora, Montebello di Bertona e in provincia dell'Aquila, quali Castel del Monte, Ofena, Villa Santa Lucia, fino al parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.

Il programma della giornata di domenica 22 luglio prevede il ritrovo fra le 8 e le 9,30 in piazza Nuova a Villa Celiera e trasferimento in località Pantane, con cerimonia inaugurale alle 9,45. Seguono le escursioni a piedi e mountain-bike, entrambi con diversi livelli di difficoltà. Per i più piccoli, circuito con gimkana in mountain-bike. Alle 13 apertura stand gastronomici e la festa prosegue poi dal pomeriggio in piazza a Villa Celiera, con il patrocinio del Comune.

Un sentiero dunque che si estende per un anello di ottanta chilometri totali. Il percorso è curato dai responsabili dello Sci club Villa Celiera e segnalato con cartellonistica dedicata, realizzata per l'occasione. Gli stessi sentieri saranno finalmente mantenuti nel tempo, in maniera costante, grazie al progetto Voltigno trail centre, così da garantirne la fruizione. Un paesaggio dalle molteplici proposte, questo, dalla piana ai boschi, fino ai ruscelli, fra discese e salite, tutto da godere in bici, a piedi, con gli sci da fondo e con le ciaspole. Ambienti diversi in tutte le stagioni.

Per gli escursionisti i servizi prevedono la possibilità di pernotto, pranzo e cena nella Locanda del Voltigno, bike parking e lavaggio, noleggio bici, sci da fondo e ciaspole, mappe dei sentieri, fino alla guida per le pedalate e le escursioni. Anche scuola mtb e sci. Pronto anche il casotto all'inizio del sentiero, con in più una mappa permanente che indica i sentieri. La struttura, che attendeva sistemazione da tempo, il fine settimana sarà un punto di riferimento per tutti gli appassionati.

Pubblicato in Cultura e eventi
Martedì, 17 Luglio 2018 00:00

Cristiano Del Grosso è BiancAzzurro

Pescara. La Società Delfino Pescara 1936 comunica di aver acquisito a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Cristiano Del Grosso. Il difensore classe 1983, svincolato dopo l’ultima esperienza con il Venezia ha firmato con il club BiancAzzurro.

Del Grosso vanta in serie A circa 240 presenze, 90 in B. Due anni fa, dopo 10 campionati in A tra Cagliari, Ascoli, Siena e Atalanta, e un anno di B a Bari, la soddisfazione di riportare la gloriosa Spal in A. Ultima stagione a Venezia. Stamane il primo allenamento con i nuovi compagni di squadra.

Pubblicato in Sport

Chieti. “Non ero contrario e continuo a non esserlo rispetto all’aggiunta dell’aggettivazione “dell’Adriatico” al nome dell’Università d’Annunzio di Chieti – Pescara. In una società come la nostra, dove la capacità di raggiungere ogni potenziale utente/studente è legata anche al sapiente utilizzo di parole e nomi, l’innovazione voluta dal Magnifico Rettore la trovo una corretta azione per il rilancio e la crescita dell’Ateneo. Saluto, altresì, con molto piacere il mandato conferito al Rettore dal Cda dell’Università di valutare la congruità del prezzo di acquisto del Palazzetto dei Veneziani a Chieti”. È il commento del Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, a margine del Consiglio di Amministrazione dell’Università svoltosi in data odierna.

«Nei giorni scorsi – aggiunge il Sindaco Di Primio - proprio con il Rettore, avevamo parlato della possibilità di riportare un’attività universitaria proprio nel prestigioso Palazzetto dei Veneziani, già di proprietà di Confindustria. Anche per favorire tale soluzione, ho personalmente preso contatti con l’associazioni degli industriali affinché potesse in qualche modo agevolare l’acquisto e, quindi, contribuire a riportare nel centro della città una parte dell’università.

Sono sempre più convinto che il rapporto con l’università e l’integrazione tra questa e il territorio non possano fermarsi, come spesso è accaduto in passato, a mere dichiarazioni di intenti. In questo anno – prosegue il Sindaco - grazie al rapporto privilegiato che l’Amministrazione Comunale ha avuto con la nuova governance dell’Università, abbiamo avviato il progetto di collegamento notturno attraverso i mezzi pubblici tra parte alta e la parte bassa di Chieti per favorire gli studenti che intendessero frequentare i locali del centro storico; abbiamo ottenuto una cospicua partecipazione al progetto della Casa dello Studente in centro storico con il contributo, da parte dell’Ateneo, di 1,5 milioni di euro; abbiamo sostenuto, presso il Provveditorato delle Opere Pubbliche, la richiesta dell’Università di vedere allungato alla stessa il termine di concessione degli spazi nella ex Caserma Bucciante, così da non compromettere l’investimento di oltre 10 milioni che l’Ateneo farà in quella struttura; stiamo lavorando alla realizzazione, a Chieti, di uno degli eventi più importanti del mondo universitario: la “Notte dei ricercatori” quando il centro storico, nel mese di settembre, diventerà il più grande laboratorio e la più grande aula universitaria del nostro Ateneo.
Sono queste le cose che contano e che ci fanno positivamente parlare di vera integrazione tra territorio e Università. Sono certo – conclude il Sindaco - che la nuova denominazione, grazie alla qualità dell’offerta formativa, aiuterà la “d’Annunzio” ad assumere il ruolo di protagonista di alta formazione per l’intero bacino adriatico e di leader in quella dimensione geopolitica che è la macro regione adriatico – ionica. Per ottenere risultati importanti non si può operare avendo paura. Fermo restando che gli uffici del Rettorato e il Campus rimarranno presso la sede di Chieti, questione mai messa in discussione né mai neppure immaginata dal Rettore il mio lavoro sarà quello di fare in modo che una Università sempre più forte sia elemento trainante anche dell’economia cittadina».

Pubblicato in Politica

Ortona. E’ stata consegnata questa mattina (martedì) la medaglia d’oro per lunga navigazione al C.S.L.C. Cannavina Vito, marittimo ortonese, dopo una vita trascorsa alledipendenze di compagnie di navigazione nel settore petrolifero.
Le medaglie per lunga navigazione rappresentano un importante attestato simbolico, al cui conferimento provvede direttamente il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, su delega del Presidente della Repubblica, e l’oro, come nelle manifestazioni sportive, è associato al riconoscimento massimo, per periodi di navigazionesuperiori ai 20 anni effettuati con onore.
Quella di oggi, peraltro, è la prima medaglia d’oro consegnata dalla Capitaneria di porto di Ortona; per tale ragione, il Comandante della Capitaneria di Porto, Capitano di Fregata Giuseppe MARZANO, ha voluto personalmente provvedereal conferimento.
Il C.S.L.C.Cannavina, classe 1954, vanta 21 anni e 4 mesi di imbarco su unità adibite al trasporto di petrolio e gas naturale, nei vari gradi e ruoli;lo stesso si è detto emozionato nel ricevere la medaglia, ripercorrendo con la memoria le tante miglia solcate nei mari di tutto il mondo, anche se sempre su navi italiane.
Il Comandante MARZANO, nel congratularsi, ha ringraziato il C.S.L.C. Cannavina per aver testimoniato, attraverso la sua vita professionale, il valore e le capacità dei marittimi italiani, ben note in tutto il mondo e che rappresentano, indubbiamente, un paradigma di eccellenza per il Paese.

Pubblicato in Cronaca

La dedico a te è il primo singolo estratto dal nuovo EP di Vivienne intitolato L’Impossibile uscito da poco su tutti i migliori digitalstores.

Viviana Cifalá, in arte Vivienne, ha iniziato ad appassionarsi alla musica sin da piccola, e, in maniera quasi del tutto autodidatta,scopre di avere un talento innato: l’orecchio musicale, attraverso il quale riesce a suonare al pianoforte qualsiasi canzone ascoltata alla radio.

Adolescente, partecipa a diversi eventi, fino all'età di 16 anni quando inizia a scrivere e musicare le sue prime liriche. Durante lo stesso periodo scopre le sue capacità vocali e le potenzia attraverso lo studio. Maggiorenne, partecipa come cantautrice a diversi spettacoli, presentando al pubblico italiano i suoi primi due singoli: "Non sarà" e "Parole d'amore".
Subito dopo si trasferisce in Inghilterra, dove a Londra approfondisce la lingua e prende lezioni di canto classico. Durante il suo soggiorno/studio riesce anche ad esibirsi in alcuni live.

Il ritorno in Italia coincide con un cambio di rotta musicale. L'artista sviluppa una propensione per la Black music, che, fusa con i diversi generi già adottati in precedenza, ne fa scaturire produzioni e performance accattivanti e mature.

Vivienne riesce ad abbattere il muro del pop, creando un ponte musicale immaginario che non trascura la ricerca sonora. La cantautrice, che vive in Francia, attualmente è impegnata su due importanti fronti: manageriale, come produttrice ed editore dell'etichetta discografica VVN Records e artistico con il tour iniziato l’8 Aprile 2018 di presentazione del suo nuovo disco “L’IMPOSSIBILE” EP di 2 Tracce che contiene anche questa La Dedico a te col featuring del talentuoso cantante hip-hop Lowjohn.
La dedico a te è quindi un singolo che unisce rap e pop superando le barriere stilistiche e dando vita ad un mix ibrido che funziona perfettamente. Il brano, scritto da Vivienne dopo un periodo di stop nel settore musicale, è un inno alla musica, un elogio all’arte e alla vita.

Guarda il video qui: https://youtu.be/-LScMJ8cyl4 

Info: https://www.facebook.com/vvnrecordsvivienne/ 

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. Questa mattina si è riunita la “Commissione Speciale per le modifiche alla Legge Elettorale e per l’Attuazione e le Modifiche alla Statuto” per eleggere il nuovo Presidente in sostituzione dell’ex-Consigliere Regionale, Camillo D’Alessandro, eletto alla Camera dei Deputati.
“Si tratta dell’ennesimo atto di prepotenza di questa maggioranza e di sperpero di denaro pubblico” commenta Sara Marcozzi, Consigliere regionale M5S.
La Commissione, infatti, si è insediata il 27 Luglio 2014, da allora si è riunita solo due volte, di cui una per l’elezione degli organi istituzionali. Praticamente non ha prodotto nulla. A questo, si aggiunga che la politica ha sempre praticato la malsana abitudine di riservarsi l’assunzione di una o due figure per l’attività di segreteria politica per ogni Commissione. Funzioni, quelle delle Segreterie politiche delle Commissioni, che potrebbero essere risparmiate in quanto tutte le Commissioni hanno già personale interno del Consiglio regionale preposto all’attività di funzionamento delle Commissioni ed essendo le Commissioni un organo istituzionale e non politico, non si capisce neanche la ratio di questo privilegio.
"Ovviamente non abbiamo nulla contro i lavoratori assunti e capiamo le loro esigenze lavorative: la critica è alla funzione affidata loro che rappresenta uno spreco. Potrebbero e dovrebbero essere assunti in favore del funzionamento del consiglio e non in favore della politica. Sono i costi della politica che devono essere tagliati, non i costi della democrazia” dichiara Sara Marcozzi.
Nel caso specifico della Commissione Statuto e Legge Elettorale, la vicenda è ancor più eloquente. In pratica, nel corso di questi quattro anni, il Consiglio regionale ha pagato due risorse per le attività di segreteria politica dell’allora Presidente Camillo D’Alessandro in una commissione che si è riunita soltanto due volte.
“Uno sperpero di denaro pubblico che denunciamo con forza. I costi delle segreterie politiche delle commissioni ammontano a circa 2,5 milioni di euro per ogni legislatura. Abbiamo la necessità di tagliare gli sprechi e riteniamo che il Consiglio Regionale possa e debba impiegare queste risorse per le esigenze degli abruzzesi e non per quelle dei partiti politici. La politica deve smetterla di buttare soldi fuori dalla finestra. Le esigenze delle commissioni sono ben coperte dalle strutture interne al Consiglio Regionale, i 2,5 milioni di euro dovrebbero essere destinati a qualcosa di utile e produttivo.” commenta Sara Marcozzi.

Pubblicato in Politica

Chieti. Il 2640 Tour di Francesca Michielin farà tappa giovedì 19 luglio, ore 21.15, al Teatro D’Annunzio di Pescara. Evento organizzato dall’Elite Agency Group.

Biglietti disponibili sui circuiti TicketOne www.ticketone.it (online e punti vendita), TicketMaster www.ticketmaster.it (online) e CiaoTickets www.ciaotickets.com (punti vendita): poltronissima numerata 32,00 – poltrona numerata 25,00 – gradinata non numerata 20,00 (diritti di prevendita inclusi). Gli ultimi saranno in vendita la sera del concerto, dalle ore 20, al botteghino del Teatro D’Annunzio.

Info: 0871.685020 www.elitegroup.it

Durante le sue performance live la cantautrice e polistrumentista porta sul palco i brani di 2640, il suo ultimo album di inediti pubblicato su etichetta Sony Music che ha raggiunto, con i singoli Vulcano, Io non abito al mare e Bolivia, la soglia dei 18 milioni di stream su Spotify.

È uno spettacolo che unisce il mondo del live electronics a quello pop/rock, per una scaletta ricchissima di oltre 20 brani tutti suonati live, senza l’utilizzo di sequenze e riprodotti in una chiave di ascolto inedita. Francesca e la sua band hanno a disposizione nella loro postazione, oltre agli strumenti tradizionali, le rispettive varianti elettroniche per dare a ogni esecuzione nuove sfumature in una dimensione unica.

Sul palco con Francesca la band che la accompagna fin dal suo esordio: alla batteria e batteria elettronica Maicol Morgotti, Luca Marchi al basso, pianoforte e synth ed Eugenio Cattini alla chitarra e synth.

Pubblicato in Cultura e eventi

Vasto. Saranno inaugurate giovedì 19 luglio, alle ore 10:00, due nuovi locali: obitorio e sala del commiato all’interno del cimitero di Vasto.
“Oggi-ha dichiarato l’assessore con delega al patrimonio, Luigi Marcello-è una giornata importante. Mettiamo a disposizione della città due nuove sale. Il progetto è iniziato con la precedente amministrazione e viene portato a termine oggi. I lavori sono stati realizzati dalla ditta Giovanni Peluso, per un impegno di spesa di circa 90mila euro (impianto di condizionamento incluso).Si procederà nei prossimi giorni alla stesura di un regolamento-disciplinare per un corretto utilizzo dei locali. Il progetto è stato realizzato dall’architetto Maurizio Smargiassi mentre per l’arredo ci si è avvalsi della collaborazione dell’architetto Laura D’Alessandro.
L’assessore Marcello ha inoltre ringraziato coloro che hanno donato all’amministrazione quanto necessario per l’arredo. All’inaugurazione saranno presenti tutti i rappresentanti del Tavolo interreligioso.
“Per me è particolarmente emozionante - ha aggiunto l’assessore con delega al cimitero, Gabriele Barisano -inaugurare questi nuovi spazi. Dare la possibilità a chiunque di poter usufruirne. Offrire quindi un’alternativa efficiente alle usuali camere ardenti allestite negli ospedalied un luogo diverso dalle private abitazioni. Locali dedicati a qualunque fede o per coloro che non appartengono ad alcuna religione e vogliano porgere l'estremo saluto al loro caro estinto."
Il progettista dell’opera l’architetto Maurizio Smargiassi ha sottolineato che entrambi i manufatti,hanno caratteristiche che vanno bene ad integrare con il contesto e con il fabbricato della chiesa che, pur nella sua semplicità, presenta peculiarità architettoniche da conservare e valorizzare.E’ stato inoltre realizzato uno spazio da utilizzare come servizio igienico, con possibilità di facile accesso per i diversamente abili, e un piccolo ufficio per il custode.Per le finiture sono stati utilizzati materiali con caratteristiche e colorazioni che ben si armonizzano con quanto presente.
“L’Amministrazione Comunale- ha concluso il Vicesindaco Giuseppe Forte, che è intervenuto in sostituzione del primo cittadino, impegnato per un altro incontro- sta lavorando per l’ampliamento lato sud del cimitero che prevede la realizzazione di 700 loculi e 60 cappelle gentilizie”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Domenica 22 luglio, alle 21:30, Lino Guanciale sarà in scena al Parco dei Priori di Fossacesia con Itaca, spettacolo prodotto dalla Stefano Francioni Produzioni con musiche originali e regia di Davide Cavuti.

I biglietti sono disponibili sul circuito CiaoTickets www.ciaotickets.com: posto unico 22,00 (diritti di prevendita inclusi). Info: 328.5984897.

Lo spettacolo propone un viaggio che parte da Itaca e attraversa le storie, i luoghi di tanti personaggi del teatro e del cinema, disegnando uno spazio denso di emozioni e di sogni che prendono forma e azione.

“Un viaggio che parte da Itaca e dalla figura di Ulisse, che è l'eroe di Omero ma anche di Dante, Pascoli, D'Annunzio, Joyce e di altri ancora - commenta il regista e compositore Davide Cavuti - Nel testo scorrono le storie di vari personaggi in una sorta di fusione e scambio di emozioni, immagini, pensieri.

I luoghi del racconto non sono mai astratti, con un denominatore comune che è il mare, padrone di ogni avventura e sventura (“a volte il fragore di un grido distrugge attimi di serenità e mi perdo in brividi improvvisi dove non c’è spazio per l’amore”), graffiante, pieno di occhi misteriosi che inseguono, irresistibile (“e il naufragar m'è dolce in questo mare”). Il mare e la vita: la libertà e la speranza, la voglia di ricominciare, la pace tra i popoli con l’incanto degli occhi sulla storia”.

Lino Guanciale e Davide Cavuti hanno iniziato la collaborazione nel 2009 in teatro, proprio grazie a Michele Placido che li scelse (Guanciale come attore protagonista e Cavuti come autore delle musiche originali) per lo spettacolo I Fatti di Fontamara (prodotto dal Teatro di Roma); successivamente hanno lavorato nel film Vallanzasca, gli angeli del male diretto sempre da Placido e presentato al Festival del Cinema di Venezia nel 2010. Recentemente Davide Cavuti ha firmato la regia del film-documentario Una romantica avventura sulla vita del compositore abruzzese Alessandro Cicognini con protagonista proprio Lino Guanciale nel ruolo di un giornalista amico del celebre Maestro Cicognini e presentato al 73° Festival del Cinema di Venezia e al 38° Festival del Cinema di Cuba.

Guanciale e Cavuti sono stati, inoltre, protagonisti al Teatro Maria Caniglia di Sulmona con il Recital Lectura Ovidii, nel cartellone delle celebrazioni per il Bimillenario di Ovidio organizzato dall’Istituto Ovidio. Per l’Agiscuola Abruzzo, inoltre, a maggio 2017 hanno portato in scena lo spettacolo Ritratti d’Autore.

Lino Guanciale, attore tra i più amati dal pubblico televisivo, versatile e talentuoso, reduce dai suoi impegni televisivi e cinematografici, è attivo anche in teatro dove ultimamente ha recitato per lo spettacolo diretto da Massimo Popolizio su Pierpaolo Pasolini che ha debuttato al Teatro Argentina di Roma registrando il tutto esaurito. Guanciale è considerato il golden boy della fiction italiana, protagonista di serie di successo quali: Una grande famiglia, Che Dio ci aiuti, La dama velata, Non dirlo al mio capo, L'allieva, I Medici, La porta rossa.

Davide Cavuti è autore e compositore per registi quali Michele Placido, Pasquale Squitieri, Ugo Pagliai, Edoardo Siravo e collaboratore del Maestro Giorgio Albertazzi per moltissimi anni.

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. E' andata in archivio un'ottima terza edizione del Triathlon dei Sanniti. Il triathlon in montagna, il triathlon nella zona della cosiddetta “Montagna spaccata”, un triathlon che per certi versi ha ricordato a molti gli eventi che si svolgono nei paesi del nord Europa. E invece tutto questo è l'Abruzzo, l'Abruzzo di Alfedena e di tutti quelli che hanno creduto nella possibilità di organizzare qui un evento di tale portata. Distanza olimpica, vale a dire 1500 metri di nuoto (nel lago della Montagna Spaccata), 40 km in bici e 10 km di corsa, la vittoria è andata a Michelangelo Parmigiani e a Karin Sorgi. Sono stati successi niente affatto scontati, perché Parmigiani (TTR) ha avuto la meglio solo per un soffio sul prestigioso rivale Jonathan Ciavattella (Esercito): 1h57'12” contro 1h58'01”; terzo Carmine Rozza in 2h04'38” (MKT), quarto il primo tesserato per una società abruzzese (Project Ultraman) Luca Pirani in 2h07'33”, quinto Roncone. Idem tra le donne, la battaglia è stata equilibratissima: la Sorgi (Briganti d'Abruzzo, 2h41'57”) ha sconfitto sul fil di lana Cecilia Di Benedetto (Fit Program, 2h42'19”); poi Martino, Lazzari e Grossi, ma più staccate.
Anche questa volta l'organizzazione del team Teramo Triathlon non ha affatto deluso, anzi. Il patron Felice Scarnecchia – ex atleta di alto valore – e tutto il suo nutrito staff hanno fatto davvero il massimo per la soddisfazione dei circa 300 partecipanti. Non pochi, considerando anche la collocazione geografica di Alfedena, non pochi considerando anche che molti di loro ne hanno approfittato per trascorrere più giorni in questa zona dell'Abruzzo al confine con Molise e Lazio.
Oltre al triathlon agonistico vero e proprio, è stata allestita anche una goliardica corsa podistica (6.6 km) denominata Run Beer Run. Facile comprenderne i contenuti... agonistici.

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 49

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione