Articoli filtrati per data: Sabato, 07 Luglio 2018

Ortona. Una iniziativa che parte dai Sindaci e dal territorio sui presidi ospedalieri penalizzati dalla riorganizzazione del servizio sanitario attuato dalla Regione e dal commissario straordinario Luciano D’Alfonso.

Ieri mattina i sindaci dei comuni di Ortona, Leo Castiglione, e Guardiagrele, Simone Dal Pozzo, hanno presentato una proposta collegiale che coinvolge anche i comuni di Atessa, Atri, Penne, Popoli, Sulmona e Tagliacozzo, per sospendere gli effetti del “decreto Lorenzin” e avviare una nuova programmazione del servizio sanitario regionale.

«Si tratta di una iniziativa concreta – sottolinea il sindaco di Ortona Castiglione – che può produrre in breve tempo i suoi effetti perché si presenta come emendamento al decreto legge 28 maggio 2018 n.55 (progetto di legge 804) attualmente in esame presso la Commissione Ambiente della Camera dei Deputati. Quindi è un iter più veloce rispetto alle proposte fatte in queste settimane da diverse forze politiche e parlamentari regionali che prevedono il passaggio in Consiglio Regionale o addirittura una nuova proposta di legge in Parlamento. Questa iniziativa nasce dalla condivisione tra istituzioni e territori con l’obiettivo di salvaguardare i servizi sanitari nei territori di rispettiva competenza e la salute dei cittadini».

L’emendamento che ha già ricevuto il riscontro positivo di alcuni parlamentari abruzzesi, dovrà essere presentato in commissione entro le ore 17 di oggi e con l’aggiunta di questo nuovo articolo (8-octies) al succitato decreto, si potrà ottenere tre importanti risultati, come ha sottolineato il sindaco di Guardiagrele, Simone Del Pozzo.

«In primo luogo la sospensione del cosiddetto “decreto Lorenzin” del 2015 e dei decreti commissariali attuativi, poi stabilisce che la Regione, entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge, adotta un piano di riorganizzazione della rete ospedaliera sulla base delle forme di partecipazione previste dalle norme del Servizio Sanitario Nazionale e soprattutto rispettando lo standard di 3,7 posti letto per mille abitanti».

Per i Sindaci che hanno aderito all’azione collegiale è noto che un importante limite alla conservazione di presidi sanitari, soprattutto nelle aree interne, è rappresentato dalle previsioni del D.M. 70/2015 ed è certamente ad una revisione dei parametri in esso contenuti che si deve mirare per avviare a soluzione il problema su base nazionale. L’emendamento che oggi si propone al decreto legge 55/2018 è la via più breve e immediata per ottenere questo risultato.

Ma l’azione dei sindaci non termina qui perché l’intenzione è quella di presentare, anche con il coinvolgimento dei parlamentari abruzzesi, dei comitati e delle associazioni diffuse sul territorio nazionale, una articolata proposta di revisione del D.M. 70/2015.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Movimento 5 Stelle attacca la decisione di tre consiglieri di Forza Italia per aver dato il numero legale alla maggioranza di centrosinistra che ieri sera in Consiglio comunale a Pescara non aveva neanche il numero minimo di consiglieri per poter votare una delibera di ratifica.

Per la votazione della delibera di ratifica sono necessari, infatti, 17 consiglieri presenti, ma i consiglieri del centrosinistra in aula erano solo in 14. Così i tre consiglieri di Forza Italia Luigi Albore Mascia, Marcello Antonelli e Fabrizio Rapposelli partecipando al voto hanno fatto da stampella al Sindaco Marco Alessandrini che li ha addirittura ringraziati in aula.

<<La votazione di questa delibera era prevista già nella seduta di Consiglio comunale di martedì scorso ed aveva registrato un esito infruttuoso, insieme ad altre due delibere, proprio a causa dell'assenza, o forse il “mal di pancia” di diversi consiglieri comunali di maggioranza>> commenta la capogruppo M5S di Pescara Enrica Sabatini <<ma ieri sera durante un Consiglio comunale, convocato in fretta e furia per la scadenza imminente dei termini, i consiglieri di Forza Italia Antonelli, Mascia e Rapposelli sono andati in soccorso del Partito Democratico e del Sindaco Marco Alessandrini>>.

<<Prendiamo atto dell'atteggiamento morbido di Forza Italia nei confronti di chi ha amministrato così male Pescara negli ultimi 4 anni e di voler compensare le mancanze di un PD che non riesce neanche a garantire il numero minimo di consiglieri presenti per la votazione di una delibera in scadenza.>> conclude la capogruppo Sabatini <<I cittadini pescaresi, vedendo certi atteggiamenti, sapranno riconoscere alle prossime elezioni amministrative quale sia stata l'unica parte politica che si sia opposta davvero alla gestione PD in questi anni di mal governo>>.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca ha sottoscritto le convenzioni relative agli interventi previsti in cinque piattaforme ecologiche pubbliche con i rappresentanti degli enti interessati per oltre 4 mln€ d'investimento su territorio regionale.

Il 27 aprile 2018 la Giunta Regionale ha autorizzato l'erogazione di 4.214.285 euro ai soggetti attuatori dei progetti inseriti nel programma d'interventi.

Nello specifico, tali fondi sono stati ripartiti tra Ambiente Spa per completamento e potenziamento della piattaforma per il trattamento degli imballaggi in località Loreto Aprutino (Pe): 571.428mila euro; Consorzio intercomunale Civeta per potenziamento e ristrutturazione di una piattaforma ecologica in località Cupello (Ch): 428.571mila euro; Ecolan Spa per potenziamento della piattaforma ecologica per trattamento imballaggi in località Lanciano (Ch): 285.714mila euro; Mote Ambiente per realizzazione di una piattaforma ecologica per trattamento imballaggi a Teramo: 2.428.571 euro; Unione Comuni Città Territorio Vibrata per completamento e potenziamento della piattaforma ecologica per trattamento imballaggi a Sant'Omero (Te): 500mila euro.

Per attivare gli interventi sono state predisposte dal Servizio Gestione Rifiuti le convenzioni che regolano i rapporti tra gli enti interessati e Regione Abruzzo, sottoscritte stamane.

L’Abruzzo potenzia, così, la sua “Rete Regionale del Riciclo” costituita complessivamente da 11 piattaforme ecologiche (Tipo “A” e “B”), come previsto dalla pianificazione regionale recentemente aggiornata con la L.R. 5/2018, di cui n. 10 già autorizzate (tra cui n. 6 in esercizio). Per fare ciò, in esecuzione della D.G.R. n. 281 del 27/04/2018, ha finanziato con risorse FSC Abruzzo 2007/2013 pari a € 4.214.285,69 (€ 3.040.000,00 quota Obiettivi di Servizi – Del. CIPE n. 79/2012 + € 1.174.285,69 quota cofinanziamento da parte dei soggetti beneficiari), interventi di completamento delle infrastrutture presenti sul territorio.

Il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti in Abruzzo per la gestione degli imballaggi prevede di: favorire il miglioramento della qualità dei materiali intercettati con le raccolte differenziate dei rifiuti urbani in modo che sia garantito l'avvio effettivo a riciclaggio del 90% del materiale raccolto; garantire il conseguimento degli obiettivi di recupero previsti per la gestione degli imballaggi e degli obiettivi previsti dalla normativa per la gestione di particolari categorie di rifiuti; migliorare le prestazioni degli impianti operanti sul territorio attraverso il loro adeguamento funzionale al conseguimento degli obiettivi della pianificazione.

Saranno condotti, anche con il sostegno di Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi), in attuazione delle previsioni dello specifico “Protocollo” stipulato con Regione Abruzzo (DGR n. 702/2016), opportuni approfondimenti per valutare il “fine ciclo” dei materiali secchi - imballaggi, provenienti dalla raccolta differenziata. È stato elaborato un apposito Report nell’ambito della procedura di adeguamento del PRGR che sarà presentato nei prossimi giorni. Per quanto riguarda le frazioni secche da raccolta differenziata, l’ulteriore sviluppo dei servizi di raccolta sul territorio regionale determinerà l’incremento delle frazioni merceologiche da avviare a recupero. Il fabbisogno di lavorazioni di valorizzazione dei rifiuti al 2022 è stimato essere di ca. 190.000 t/a. A regime le n. 11 piattaforme/centri di riciclo dedicati al primo trattamento degli imballaggi avranno una potenzialità massima di trattamento di 315.000 t/a.

Nel 2016, l’immesso al consumo di imballaggi sul mercato nazionale si attesta a quasi 12,6 milioni di tonnellate, mostrando un aumento di 276 mila tonnellate rispetto al 2015 (+2,2%), in linea con il quadro economico nazionale che continua a mostrare segnali di ripresa rispetto ai precedenti anni in termini di consumi nazionali e scambi commerciali. L’aumento registrato riflette anche i cambiamenti degli stili di consumo, che incidono sulla qualità e sulla tipologia di imballaggi venduti, correlati a fattori sociali e demografici. La percentuale media in Italia dei rifiuti di imballaggio sul totale della carta, plastica, vetro, metallo e legno raccolti si attesta attorno al 52% in peso (fonte Ispra 2017) sul totale della raccolta urbana. L’industria nazionale del riciclo ha avviato a riciclo nel 2016 il 67% degli imballaggi (8,4 milioni di tonnellate avviate a riciclo pari al 3% in più rispetto al 2015). La crescita più significativa si è registrata nelle filiere dell’alluminio (+5%), dell’acciaio (+4%) e del legno (+4%), mentre si sono confermate le eccellenze nel tasso di riciclo della carta (80%) e dell’acciaio (77,5%). In Abruzzo nel 2016 sono state raccolte 136.492 tonnellate di imballaggi e si assiste ad un rafforzamento del recupero ed una marginalizzazione dello smaltimento in linea con il trend nazionale. In particolare per la filiera della carta e cartone si è raggiunto il dato apprezzabile di 55.9 kg/ab/a su una media nazionale di 53.1 kg/ab/a

Pubblicato in Politica

San Salvo. Hanno avuto inizio i lavori costruzione a San Salvo Marina, nei pressi del lungomare Colombo, di uno skate-park multifunzionale con un finanziamento del Coni per un importo di 50mila euro e la restante quota di 10mila euro a carico del Comune.
“La capacità nel saper progettare e nel saper individuare i canali di finanziamento ci hanno permesso – commenta il sindaco Tiziana Magnacca – di arricchire le nostre opere pubbliche e in particolare la dotazione di impiantistica sportiva di San Salvo Marina”.
“Con questo impianto daremo la possibilità – dice l’assessore allo Sport Tonino Marcello – di far praticare uno sport giovane all’aria aperta e che servirà da volano per le attrazioni e le manifestazioni che animano la marina durante la stagione estiva”.
Si potranno utilizzare attrezzi diversi come skateboard, rollerblade e bicicletta acrobatica.
Finanziamento del Coni inserito nel piano pluriennale predisposto con la Presidenza del Consiglio dei ministri per favorire il potenziamento delle attività sportive nelle zone periferiche.

 

Pubblicato in Cronaca

San Salvo. Dall’8 al 14 luglio saranno ospitati nelle case delle famiglie sansalvesi oltre cento persone provenienti da XX quartiere di Làzaàr Vilmos di Bucarest nell’ambito del gemellaggio avviato lo scorso anno con le attività del laboratorio dei Centri diurni anziani “Labrozzi” e Sparvieri” di San Salvo. Delegazione composta da bambini e adulti per una serie di concerti corali che si terranno a San Salvo (12 luglio), Casalbordino (10 luglio) e Paglieta (11 luglio). Saranno presenti i cori Harmonia Gyermekkar (Armonia – coro di bimbi della scuola elementare di musica) e Bella Musica Noi Kar (coro di donne) con la direzione artistica della maestra Judit Czeroczki e accompagnamento al piano di Andrea Darvassy.
“Ciò che abbiamo realizzato non è un semplice gemellaggio, ma un incontro di amicizia tra due popoli europei per un ponte ideale che collega valori e culture seppur diverse, nel forte legame che solo la musica può creare annullando le barriere della lingua e che consente di realizzare in pienezza le politiche di invecchiamento attivo messo in campo dal Comune di San Salvo”. Lo ha detto questa mattina il sindaco Tiziana Magnacca nel corso della conferenza stampa di presentazione della settimana che vedrà ospitati a San Salvo 100 ungheresi dei quali ben 32 bambini. “E’ un progetto basato sulla musica – ha aggiunto il sindaco di San Salvo – e che si arricchisce dell’incontro umano tra le famiglie che ricambiano l’ospitalità avuta lo scorso anno quando una delegazione di sansalvesi è stata accolta a Budapest dove a loro volta ha eseguito una serie di concerti”.
In particolare il sindaco ha evidenziato come “si tratti di un incontro generazionale che vede la collaborazione, che ringraziamo, dei ragazzi di Alidoro che si sono impegnati nel predisporre l’accoglienza e i soci del Centro anziani che hanno messo a disposizione tempo ed esperienza”.
Luigi Di Cocco, vicesindaco di Casalbordino, ha evidenziato la grande opportunità di scambiare esperienze musicali tra paesi diversi per legami anche più forti tra i comuni del territorio del Vastese, mentre il sindaco di Paglieta Nicola Scaricaciottoli ha sottolineato come questo sia un evento che vada oltre la musica perché si mette in primo piano la centralità e l’umanità nei rapporti tra le persone di mondi diversi. “Le corali degli adulti e dei bambini ungheresi – ha aggiunto Scaricaciottoli – saranno inserite nel programma della Festa del folklore abruzzese giunta all’undicesima edizione”.
“Questo gemellaggio Italia-Ungheria – ha commentato l’assessore alle Politiche sociali Oliviero Faienza – è l’immagine più visibile del lavoro svolto all’interno dei due Centri Diurni Anziani, e ringrazio i presidenti Antonio Santini (Centro Sparvieri) e Lidia Suero (Centro Labrozzi), per aver animato e riempito di contenuti questo progetto, e per la collaborazione ricevuta dai ragazzi della Casa Famiglia Alidoro”.
Giuliana Trivilini, ha curato l’iniziativa e coordinato l’accoglienza, nell’illustrare il programma della permanenza degli ospiti ungheresi ha evidenziato l’intreccio di lingue e di età che seppur con pochi mezzi economici e tanto lavoro ha permesso di realizzato una grande progettualità.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Nell’ambito dei 45 Premi Internazionali Ennio Flaiano lunedi 9 luglio alle ore 17,30 al Mediamuseum un incontro da non perdere con le giornaliste Giovanna Botteri, Gabriella Simoni e Maria Cuffaro che terranno una Lectio Magistralis su “Il mestiere del giornalista dai Social Networks alle Fake News.

L’incontro sarà moderato dalla fotogiornalista Romina Remigio e vedrà la partecipazione di Carla Tiboni, Presidente della Fondazione Edoardo Tiboni. Ingresso libero.

Pubblicato in Cultura e eventi

L'Aquila. “Arrivano i dati ISTAT sul bilancio demografico e con essi arrivano, purtroppo, impietose conferme della regressione dell’Abruzzo che perde 7.051 abitanti e decresce dello 0,53%, valore triplo rispetto al - 0,17% dell’Italia. E’ il quarto anno consecutivo che l’Abruzzo segna valori percentuali peggiori di quelli medi nazionali”. Questo l’annuncio di Mauro Febbo, consigliere regionale di Forza Italia.

“Se hanno creato scalpore e clamore i dati comunicati dal rapporto di Bankitalia con cui veniva evidenziato come l’Abruzzo viaggi in controtendenza rispetto alla flebile ripresa nazionale, oggi arriva l’ennesima certificazione dell’inappropriatezza e inconsistenza dell’azione politica e strategica di questo governo regionale, targato PD. Come comunicato dall’economista, Dott. Aldo Ronci, nel 2017 l’Abruzzo – prosegue Mauro Febbo – registra dati peggiori di quelli del Mezzogiorno. Rispetto agli altri anni arriva anche l’allarmante novità: flessione consistente anche nell’Area Metropolitana, trainante per l’economia e lo sviluppo della regione, Chieti - Pescara”.

“Sono dati che non possono essere trascurati visto che, come evidenzia il Dott. Aldo Ronci, la capacità della Regione di creare ricchezza dipende anche dal suo andamento demografico: più cresce la popolazione, più aumentano i consumi e si alimenta la forza lavoro. Per questo i recenti dati diffusi dall’Istat sul trend negativo dei residenti in Abruzzo destano preoccupazione specialmente se analizzati assieme ad altre componenti:

OCCUPAZIONE: si sono dimezzati i contratti di lavoro a tempo indeterminato (dai più di 50.000 del 2015 ai 25.000 del 2017), mentre i contratti di lavoro a termine crescono (da 92.000 a 132.000);

POVERTA’ : 80.000 persone in condizioni di povertà e 350.000 persone a rischio povertà. Il 15,6% delle famiglie abruzzesi nel 2017, sono in una condizione di povertà relativa. La situazione è drasticamente peggiorata rispetto al 2016, anno in cui il dato si fermava al 9,9%. Mai così poveri!;

PMI: il numero di chiusure delle attività della PMI, ovvero la struttura portante dell’economia abruzzese e nazionale, è superiore rispetto alle aperture”.

“Condivido le dichiarazioni dell’economista, Dott. Aldo Ronci: una popolazione che cala a causa del basso tasso di natalità, del basso tasso di migrazione dall’estero e dell’alto tasso di migrazione verso altre regioni, non è certo la base migliore per crescere. Questa la sintesi anche delle inconsistenti politiche di questo governo regionale che nulla ha fatto per il lavoro, per il credito e per gli investimenti. Anche se il numero degli abruzzesi è in costante calo – conclude Mauro Febbo - sarà sufficiente per mandare a casa D’Alfonso & C. aprendo una nuova stagione politica per invertire la rotta di una barca che nel silenzioso logorio sta affondando”.

Pubblicato in Politica

Chieti. Un passo avanti nella cura dell’aritmia cardiaca. A compierlo, tra i primi in Italia, è l’ospedale di Chieti, dov’è stato eseguito per la prima volta un mappaggio non invasivo di tale patologia. Si tratta di una metodica all’avanguardia, preziosa nei casi persistenti e refrattari alla terapia farmacologica, che permette di localizzare il punto preciso all'interno della camera cardiaca. A utilizzarla è l’unità operativa di Aritmologia, collocata all’interno del Dipartimento Cuore, diretto da Luigi Leonzio.

«Questa nuova tecnica - spiega il responsabile dell’Aritmologia, Enrico Di Girolamo - utilizza un giubbotto adesivo con più di 250 elettrodi con il quale si esegue un esame molto simile a un elettrocardiogramma e, in poco più di mezz’ora, è in grado di fornire una mappatura tridimensionale del cuore. Una volta indossato consente di avere una panoramica dell’attività dei distretti cardiaci, impossibile a ottenersi con i tradizionali metodi diagnostici. Il sistema è un po’ una combinazione tra elettrocardiogramma e Tac e, con un singolo battito, crea le mappe cardiache in 3D di atri e ventricoli, in modo da ottenere il quadro complessivo dell’attività elettrica del cuore».

E’ fondamentale per il cardiologo avere una mappa molto precisa dell’origine dell’aritmia così da sapere in partenza quale direzione prendere quando c’è necessità di un’ablazione. Questo sistema, che supera l’invasività della diagnostica tradizionale, permette di intervenire con tempestività e precisione in situazioni di emergenza su aritmie che possono mettere a rischio la vita dei pazienti e apre scenari inediti nell’individuazione dei ritmi cardiaci irregolari.

Utilizzando tale metodica, l’équipe dell’unità operativa di Aritmologia dell’ospedale di Chieti, costituita dai cardiologi Enrico Di Girolamo, Massimiliano Faustino e Nanda Furia, ha eseguito la prima ablazione transcatetetre di un’aritmia complessa su un paziente di sesso maschile settantenne e affetto da un’aritmia ventricolare persistente e fortemente sintomatica.

Tale patologia si manifesta con un’alterazione del ritmo cardiaco, determinando dispnea, sincope, cardiopalmo, intolleranza allo sforzo, fino all’arresto cardiaco nelle forme più gravi.

Pubblicato in Cronaca

Montesilvano. Ripensare il suolo e le piste ciclopedonali, come elemento di riqualificazione urbana e per dare una risposta agli eventi alluvionali che sempre più spesso colpiscono Montesilvano. Questo il fil rouge del laboratorio curato dal professor Antonio Clemente, nell’ambito del corso di Urbanistica alla facoltà di Architettura di Pescara. Oltre 50 aspiranti architetti, suddivisi in gruppi, hanno lavorato sul territorio di Montesilvano, predisponendo progetti incentrati sulla slow mobility.

I progetti sono stati elaborati su 5 aree del territorio cittadino: l’area di palazzo Baldoni, con il parco Giovanni Paolo II, l’area di piazza Diaz, con un focus lungo via Roma, la zona della stazione ferroviaria, quella di corso Strasburgo e via Spagna e per finire l’area che gli studenti hanno chiamato parco Emiciclo, a ridosso del lungomare. Per ciascuna area sono state pensate piste ciclopedonali, spazi dediti al bike sharing, parcheggi di scambio, zone pedonali e aree verdi, nell’ottica di un unico grande corridoio, che giunga da palazzo Baldoni fino al lungomare, tutto riservato alla mobilità slow. In ciascuna area sono state anche prese in esame le problematiche legate agli allagamenti, fornendo soluzioni alternative come ad esempio gli Stormwater Tree o delle vasche di laminazione anti allagamento.

«Negli ultimi anni a Montesilvano sono aumentati gli allagamenti urbani derivanti dagli eventi atmosferici estremi - ha sottolineato il prof. Clemente -. È una constatazione che apre a nuovi scenari di progetto: la rete ciclabile deve essere considerata non soltanto come un’infrastruttura per la slow mobility ma anche come un’attrezzatura urbana in grado di contribuire al trattamento e alle gestione delle acque meteoriche. È una sfida che se ben impostata può essere di grande giovamento non solo per i ciclisti ma per l’intera città».

«Crediamo che il connubio Comune - facoltà di Architettura sia sicuramente vincente - sottolinea il sindaco Francesco Maragno - perché nelle università c’è una ricchezza di menti giovani che mettono a disposizione le proprie capacità. Vogliamo continuare ad alimentare questa sinergia che abbiamo avviato con un protocollo sottoscritto ad aprile 2016, perché Montesilvano ha bisogno della creatività e la freschezza di questi giovani. Gli spunti elaborati dagli studenti potranno essere una ottima base per possibili future progettazioni di riqualificazione del territorio nell’ottica del potenziamento delle reti ciclabili e della dotazione sul territorio di impianti di regimentazione delle acque meteoriche».

I progetti sono stati illustrati dagli studenti al sindaco, alla presenza, oltre che del professor Clemente, dei docenti Matteo Di Venosa, Domenico Potenza, Paolo Chiavaroli, Giulio Girasante e Paride Taurino.

I corsisti:

Alessandro Antinarella, Niki Bariraki, Giulia Biancadoro, Alina Buriac, Francesca Cafagna, Claudia Candio, Chiara Cialfi, Roberta Colucci, Giulia Como, Marianna Damiano, Domenico De Filippis, Sergio De Giorgi, Alberto De Virgiliis, Angelo Di Cataldo, Mario Di Gregorio, Alfredo Di Pompo, Luisa Facciolini, Alessio Fiumeri, Alessandra Galante, Sara Giancola, Valentina Gismondi, Ilaria Mariotti, Francesca Leo, Stella Lolli, Francesca Lucente, Arianna Mancini, Marianna Mancini, Enrica Marcucci, Martina Marollo, Diane Monaco, Giorgio Pio Morganella, Cristian Orsino, Giulia Pagliara, Emanuela Palazzo, Giulia Pasetti, Elena Perrone, Luciana Pillo, Michele Rizzo, Francesca Romilio, Alessandra Rossi, Martina Ruggieri, Matteo Sabetta, Federica Sabia, Lorena Santoianni, Federica M. Saponaro, Marica Sciandra, Gaetano Spallone, Mattia Spina, Giorgia Tatananni, Simona Tolli, Michele Tota, Sara Venditti, Ilenia Volpe.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. È stato presentato ufficialmente questa mattina, presso la Sala Basilio Cascella dell'Aurum in Pescara, l'edizione 2018 del Festival Rocky Marciano, alla presenza di tante autorità e rappresentanti di altre comunità abruzzesi che, nel nome di tanti talenti di origine nostrana, faranno rete per far crescere sempre più l'Abruzzo.
Arte sport e cultura saranno i capisaldi di una settimana che rappresenterà un eccezionale volano di promozione del territorio anche mediante un percorso enogastronomico d’eccellenza a cura delle attività commerciali locali e della Pro Loco. Oltre alla XIV edizione del Premio Rocky Marciano, ci sarà spazio per il Festival della Letteratura Sportiva, anche quest’anno diretto dal giornalista Dario Ricci, e per la II edizione del Concorso Letterario “Storie di Sport” a cura di Peppe Millanta con la Scuola Macondo – L’Officina delle Storie. Non mancheranno appuntamenti benefici, conviviali e tavole rotonde su tematiche di interesse generale con la presenza di sportivi di fama internazionale e di scrittori tra i più importanti in Italia.
“È un avento molto importante – ha sottolineato l’assessore allo Sport della Regione Abruzzo, Silvio Paolucci – un vero e proprio Festival, dura sette giorni, è un investimento intorno ai temi dell’emigrazione che ha rappresentato in questa ulteriore edizione nuove forme di iniziativa per mettere a rete attorno a questo grande tema quelle che sono le iniziative delle altre comunità che pure ci sono in questa nostra regione. E nel fare questo si investe sulla cultura, sul turismo, sullo sport, insomma su una serie di leve che possono fare sinergia all’interno della nostra comunità e che possano farla crescere sia dal punto di vista delle intenzioni dal punto di vista culturale, ma anche economico e turistico con un ritorno anche attorno alla promozione dei nostri territori. Ecco perché l’iniziativa che mette in campo l’amministrazione comunale di Ripa Teatina con il sindado Ignazio Rucci e l’assessore Gianluca Palladinetti è una di quelle iniziative che vanno valorizzate e che debbono trovare l’istituzione Regione, che sopraordina anche gli altri Enti, a disposizione per permettere di fare rete come in questo caso e che noi vogliamo fare tutti insieme. Finalmente abbiamo voluto anche dotare di un sostegno finanziario questa importante manifestazione, prima viene riconosciuta nella scorsa annualità come atto di indirizzo del Governo regionale attorno ad altre iniziative, come il Premio John Fante, che ruotano attorno al tema dell’emigrazione, e quest’anno ulteriormente rafforzando la sua presenza dotando anche di una risorsa finanziaria questo ed altri eventi. È un messaggio molto importante quello che ha voluto lanciare l’amministrazione comunale di Ripa Teatina, insieme alle altre presenti, fare rete parte da questo, è il messaggio culturale anche per la nostra società che è quella di fare ponti, di includere, e non di erigere muri. Le storie dell’emigrazione, quelle che noi raccontiamo e che le amministrazioni comunali intendono raccontare sono storie di successo chiaramente, ma tutte sono partite allo stesso modo. All’inizio anche noi quando eravamo migranti ci venivano erette delle barriere, anche agli italiani e agli abruzzesi che andavano fuori dal nostro paese e dalla nostra regione. E le storie che vogliamo raccontare, quelle di successo, narrano e raccontano poi storie di inclusione, come sempre è avvenuto, e questo credo che nella società di oggi, per quello che accade e per i valori che troppo spesso vengono facilmente trasmessi, credo che sia un grande segnale”.
Questo nel dettaglio il programma ufficiale del Festival Rocky Marciano 2018 (Ripa Teatina, 14-21 luglio): 14 luglio – BOXE SOTTO LE STELLE, ore 19.00 Locali Porta Gabella. Inaugurazione mostra “Tra arte e boxe” A cura della Ass.ne Arte Contemporanea UnicA; ore 20:00 Cantina “Ripa Teatina”. 5° Trofeo “Ripa Teatina Terra di Campioni” – categoria pesi massimi. Incontri di pugilato interregionale, a cura della palestra pugilistica Diodato di Chieti c/o Cantina Ripa Teatina. “Boxe, Vino & Arrosticini”, stand di assaggi prodotti tipici locali. 16 luglio – SERATA DI BENEFICENZA “PIZZA IN PIAZZA”; ore 20:30 Antico Convento Francescano. Serata a sostegno dell’Associazione “Asd Villa de Riseis” (Ass. sportiva per disabili) e Sport 21 Onlus, con la collaborazione di Molino Pizzuti. Il ricavato andrà a sostenere l’acquisto di un pulmino. Festival della Leteratura Sportiva, via Nicola Marcone, 17 luglio ore 20: 30 Serata “Oro Bianco”; tavola rotonda “Dalle Olimpiadi all’Everest: le grandi sfide dei campioni”, conduce Gerardo De Vivo (Agenzia radiofonica Area). Ospiti: Oscar De Pellegrin, campione paralimpico di tiro con l’arco, autore de “Ho fatto centro” (Infinito Edizioni). Antonio Tartaglia (oro nel bob a due Olimpiadi Nagano 1998), Daniele Nardi (alpinista), che racconta la sua carriera, GianMario Bonzi e Dario Ricci, autori di “Oro Bianco” (Infinito Edizioni); 18 luglio, ore 20.30 Serata “I Mondiali del regime: Argentina ’78”. Conducono: Rocco Coletti (caporedattore sport “Il Centro”) e Dario Ricci (direttore artistico festival Marciano), ospiti: Nicola Sbetti, autore del volume “Storia della Coppa del Mondo 1930-2018” (Le Monnier) e Daniele Biacchessi (caporedattore Radio24-IlSole24Ore), proiezione del film di Daniele Biacchessi: “Una generazione scomparsa. I mondiali in Argentina del 1978” sul dramma dei desaparecidos; 19 luglio, ore 21:00 Massimiliano Castellani (Avvenire) presenta “Gino Bartali Il Campione e L’Eroe” con Gioia Bartali (nipote di Gino Bartali) e Maurizio Formichetti (Mentor Nippo – Vini Fantini – Europa Ovini), ore 21.45 presentazione del libro “Lo stretto necessario: il calcio e lo sport a 360°” con l’Autore Pierluigi Pardo (Mediaset). 20 luglio ore 19:30 Presentazione “INforma Ragazzi”: Storie di Sport e di Vita Sana con l’Autore Roberto Melchiorre a cura della Scuola Macondo, ore 20:30 Premiazione II edizione Concorso letterario “Storie di Sport”, con la partecipazione dello scrittore Peppe Millanta. A seguire l’attore Massimiliano Elia racconta “Il Macho, il Grande e il Bombardiere”, ore 21:45 Spettacolo “Il Maracanazo” di Fabio Tavelli (Sky Sport), ore 22:30 Fabio Tavelli, Dario Ricci e il mental coach Stefano Tirelli ricordano Ayrton Senna. 21 luglio ore 10.30- Sala Consiliare, Municipio Alessandro Milan, giornalista e scrittore, presenta il suo nuovo libro “Mi vivi dentro” (DeA Planeta Libri). XIV edizione Premio Rocky Marciano ore 21:00 Antico Convento Francescano, cerimonia di premiazione vincitori edizione 2018 alla presenza di Giuliano Orlando (Scrittore e giornalista, presidente della Giuria e cittadino onorario Ripa Teatina), “Premio Rocky Marciano alla Carriera” a Valentina Vezzali, “Premio Rocky Marciano allo Sportivo abruzzese dell’anno” a Simone De Maggi, “Premio Rocky Marciano Pugile dell’anno” ad Alessia Mesiano, “Premio Rocky Marciano al Giovane Sportivo Abruzzese dell’anno” a Gaia Sabbatini, “Premio Rocky Marciano alla Squadra Abruzzese dell’anno” all’AcquaeSapone Unigross Futsal, Menzioni Speciali: Famiglia Barbarossa (AcquaeSapone Unigross), Patrizia Borgheggiani (Pugilistica Di Giacomo), 3 Nazionali italiani vincitori all’Euro Youth Boxing, Ospite d’Onore: Alessandro Milan (Scrittore e giornalista).
“Una manifestazione che di anno in anno cresce sempre di più – ha rimarcato il sindaco di Ripa Teatina, Ignazio Rucci – in questi due anni abbiamo inserito il tema dell’arte, della cultura. In questo Premio Rocky Marciano noi vorremmo far veicolare il tema dell’emigrazione, è un tema importantissimo perché molti di noi abruzzesi abbiamo amici e parenti che sono andati fuori, quindi il tema è questo. Io sono contento per questa XIV edizione anche perché abbiamo allargato la settimana anche alla cultura, credo che questa cosa la dobbiamo rafforzare. Siamo riusciti finalmente a coinvolgere la Regione che deve aiutarci per andare oltre il discorso di Ripa Teatina e oltre il Premio Rocky Marciano, quidi noi non vogliamo che il Premio Rocky Marciano rimanga limitatamente a Ripa Teatina, ma vorremmo anche con altri colleghi sindaci di Pizzoferrato, di Torrevecchia e di Taranta Peligna fare sinergia. Noi abbiamo già iniziato a fare questa sinergia con i Comuni nostri come Torrevecchia, Francavilla, Miglianico, Villamagna, Chieti e già con Francavilla quest’anno abbiamo condiviso un evento in estate. Con l’Unione dei Comuni, che presiedo, abbiamo condiviso un evento importante ch esi svolgerà a Ripa Teatina con il tema dell’innovazione., noi vorremmo far passare questo messaggio ai giovani per farli avvicinare a quella che è la nostra comunità. Noi sindaci abbiamo delle responsabilità e con le poche risorse cha abbiamo a disposizione dobbiamo fare sinergia per fare risparmio ma anche per fare qualità. Con il Premio Rocky Marciano vorremmo far passare questo messaggio, vorrebbo far parlare lo sport, la cultura e l’arte, con questi tre temi ci auguriamo non solo di avvicinare altri soggetti per investire sul turismo”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione