Chieti. “Dispiace vedere che una bella inaugurazione dell’Anno Accademico, tra l’altro caratterizzata in positivo da una splendida relazione del professor Fabrizio Fornari che, in maniera erudita, ha coniugato modernità e Tradizione, sia stata inficiata da un’inutile passerella del Ministro Andrea Orlando; infatti, dopo che la sua presenza in città è stata annunciata in pompa magna per questo evento ed altri, il Ministro è arrivato con ben 75 minuti di ritardo e se ne è andato dopo nemmeno 10 minuti” così l’On. Fabrizio Di Stefano ha commentato la cerimonia d’inaugurazione dell’anno accademico 2017-2018 dell’Università degli studi G. D’Annunzio (Chieti-Pescara), che si è tenuta questa mattina presso l’auditorium del rettorato dell’Ateneo; cerimonia che, tra gli altri relatori, aveva in scaletta la presenza del Ministro della Giustizia Andrea Orlando.

“Il Ministro quindi” ha continuato l’On. Di Stefano “Non ha tenuto neanche la relazione annunciata, tanto fugace è stata la sua apparizione, che ha lasciato nell’imbarazzo l’intero auditorio. E’ stata un’offesa alla maggiore istituzione culturale della città, anzi delle città, ed è stata un’offesa all’intero mondo accademico abruzzese. Evidentemente il clima della campagna elettorale, particolarmente difficile per il Partito Democratico, lo ha indotto a questa pessima figura. Con lui, purtroppo, tutto un parterre che a metà inaugurazione ha abbandonato la sala…” ha concluso l’On. Fabrizio Di Stefano.

Chieti. La diagnosi precoce della malattia di Alzheimer? Si può fare. Anche a Chieti. A renderlo possibile è un esame di Medicina nucleare denominato Pet cerebrale con traccianti per l’amiloide. Nei giorni scorsi al “SS. Annunziata” è stato eseguito il primo esame su un paziente con sospetta malattia allo stadio iniziale.

«Si tratta di una nuova indagine diagnostica - spiega Gianluigi Martino, direttore della Medicina nucleare - in grado di individuare precocemente l’accumulo cerebrale di beta-amiloide, una proteina implicata nella genesi dell’Alzheimer. Tale metodica viene viene eseguita con una Pet Tac, tecnologia di nuova generazione, dopo avere somministrato al paziente uno specifico radiofarmaco, il 18F-Flutemetanolo. E’ un esame di semplice esecuzione, non necessita di alcuna preparazione preventiva ed è garantito dal Servizio sanitario nazionale».

L’indicazione al ricorso alla nuova Pet cerebrale deve però scaturire da un’attenta valutazione neurologica del paziente, e a tal proposito è fondamentale la collaborazione con la Clinica neurologica di Chieti e con gli specialisti dei presidi ospedalieri della Asl Lanciano Vasto Chieti e del territorio.

L’aspetto più importante della nuova metodica è nel fatto che sarà utilizzata soprattutto con pazienti in fascia di età compresa tra 50 e 60 anni, che possono segnalare disturbi, anche lievi, di tipo cognitivo e che potrebbero essere interpretati come sintomi della malattia di Alzheimer. La Pet cerebrale, dunque, diventa essenziale al fine di chiarire un quadro clinico ed escludere che possa trattarsi di tale patologia, che non è scontata quando si verificano problemi di memoria o difficoltà nel linguaggio. Il test, dunque, assume un valore predittivo assai importante specie quando è negativo, perché esclude in modo chiaro e definitivo la malattia di Alzheimer. Nel caso in cui venga diagnosticata, invece, il paziente potrà ritardarne gli effetti seguendo uno stile di vita adeguato e limitare i disagi con l’aiuto di famigliari opportunamente preparati.

Chieti. Francesco Di Renzo, della scuola “Antonelli”, è il neo eletto Presidente del Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi. Lo affiancheranno, nelle cariche rispettivamente di Vice Presidente e di Segretario, Leonardo Lunetto (scuola Mezzanotte) ed Edoardo Bascelli (Vicentini-Modesto Della Porta).

Il passaggio delle consegne tra il nuovo presidente ed il suo predecessore, Riccardo Bascelli, è avvenuto questo pomeriggio, presso l’aula consiliare della Provincia, dove si sono svolte le votazioni alla presenza delle coordinatrici del CCR, Carmela Caiani e Gianna Di Credico, e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro.

Quest’anno sono stati 2955 i ragazzi di tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado di Chieti chiamati alle urne per scegliere i 42 eletti in seno al C.C.R. Nei 22 plessi scolastici hanno avuto diritto al voto gli alunni delle quarte e quinte primarie e tutti gli studenti delle scuole medie di primo grado.

I giovani consiglieri comunali lavoreranno suddivisi in tre commissioni che si occuperanno di: organizzazione di manifestazioni per i ragazzi; attività da proporre nelle scuole; iniziative per la salvaguardia dell’ambiente.

Chieti. Nell’Aula Matteotti del Tribunale di Chieti si è tenuta la cerimonia di inaugurazione del Palazzo di Giustizia, restaurato a seguito degli eventi sismici. Presenti tante personalità del mondo istituzinale, tra cui il ministro della Giustizia, Andrea Orlando.
“È una bella giornata per il Tribunale, per gli uffici giudiziari, per la Magistratura e per l’Avvocatura, ma soprattutto per i cittadini – ha affermato il vicepresidente del Consiglio Supremo della Magistratura, Giovanni Legnini – perché avranno la possibilità di usufruire del servizio Giustizia in locali efficienti, riparati e adeguati in maniera maggiore rispetto al passato. Adesso bisogna completare questo progetto verso quella che è stata chiamata la Cittadella della Giustizia, c’è un’iniziativa ed un progetto in corso con il Ministero della Giustizia per l’acquisizione di un edificio della Giustizia attiguo con l’unificazione con l’attuale Palazzo di Giustizia e quindi il completamento di una sede che già oggi è molto importante e lo sarà ancora di più nel futuro accogliendo gli edifici della Procura”.
Così il ministro della Giustizia, Andrea Orlando: "Ripeto quello che ho detto al presidente del Consiglio regionale Di Pangrazio: si lavori per una proposta che può essere alternativa, di razionalizzazione. Se sarà razionale, secondo me avrà buone possibilità, da qui al 2020, di essere accolta. Se ognuno difende il suo campanile rischia di passare, invece, l'idea originaria. Sulla possibilità che i piccoli tribunali restino aperti bisogna che ci sia un disegno di ripensamento complessivo. Quindi è possibile che non sia questa la soluzione, quella ipotizzata a suo tempo definitiva, ma bisogna costruirne una alternativa".

Chieti. Si è svolta la cerimonia di inaugurazione dell'Anno Accademico 2017/2018 nell'Auditorium del Rettorato del Campus di Chieti dell’Università D’Annunzio di Chieti-Pescara.
Sono intervenuti il magnifico rettore, professor Sergio Caputi, il professor Fabrizio Fornari in rappresentanza dei docenti, la dottoressa Adalgisa Burracchio per il personale amministrativo e tecnico e Dario Lorè per gli studenti.
“Per un ex studente della D’Annunzio inaugurare un anno accademico della sua Università dove ha passato praticamente tutta la vita sicuramente è un fatto molto emozionante – ha sottolineato il magnifico rettore dell’Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara, Sergio Caputi – però è anche una cosa molto bella perché si possono mettere in atto delle azioni che ho sempre sognato. Io ho fatto ade esempio il direttore di Dipartimento per dieci anni in questa Università e così sto mettendo in atto che pensavo che facessero bene e che curasseto meglio gli interessi della nostra Università. Sarà un 2018 intanto teso a risolvere alcuni problemi che ci siamo ritrovati, li stiamo affrontando in maniera determinata e li stiamo già in gran parte risolvendo. Poi per il resto la nostra progettualità andrà sicuramente al servizio degli studenti che rappresentano il bene più prezioso dell’Università, senza dimenticare l’ampliamento delle piante organiche sia per i docenti che per i non docenti”.
Durante la cerimonia è stato conferito l'Ordine della Minerva a monsignor Bruno Forte e alla dottoressa Donatella Di Pietrantonio.
“Oggi porto agli studenti che si apprestano ad affrontare il nuovo anno accademico il messaggio su cui ho insistito in questi 13 anni del mio episcopato qui a Chieti e cioè che l’Università non può essere considerata come ente a se stante – ha rimarcato l’arcivescovo della Diocesi di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte – ma essa è al servizio del nostro territorio e della nostra gente, dei giovani che devono sentirsi accompagnati in un cammino e in una scelta di disponibilità. Dall’altro lato c’è un territorio che va completamente rilanciato cercando di far crescere la propria vita”.

Chieti. L’Assessore alle Manifestazioni, Antonio Viola, comunica che sabato 16 dicembre 2017, alle ore 18.00, nell’ambito del Teate Winter Festival 2017/rassegna Jazz Cafè curata da Andrea Magno, presso il Museo d'Arte Costantino Barbella di Chieti si terrà la presentazione del libro “L’inganno dell’Ippocastano” di Mariano Sabatini, giornalista, scrittore, autore per la RAI e TMC nonché vincitore del "Premio Flaiano 2017" per la Narrativa Opera Prima.

Edito da Adriano Salani, “L’inganno dell’Ippocastano” è un noir ambientato in una Roma tentacolare, dove imprenditoria, malavita, informazione e politica convivono non sempre pacificamente e dove nessuno può mai considerarsi veramente al sicuro. Una Roma splendida e insidiosa farà da contraltare ad una morte eccellente con due giornalisti a caccia della verità.

Nel corso dell’appuntamento al Museo Barbella, lo scrittore Mariano Sabatini dialogherà con la scrittrice Elsa Flacco. L’ingresso è libero.

Chieti. Cresce e svetta l'Emodinamica di Chieti che, con l'attivazione del nuovo reparto, dotato di due sale con angiografi di ultima generazione, ha intrapreso un'intensa attività di cardiologia interventistica strutturale, a partire dall'impianto di protesi all'interno della valvola aortica, già eseguito su diversi pazienti. A dimostrazione dell'elevato livello tecnico e tecnologico raggiunto dall'unità operativa, domani, mercoledì 13, alle ore 9.30 sarà eseguita una procedura “live”, trasmessa in diretta all'Auditorium del Rettorato dell'Università “d'Annunzio” nell'ambito di un convegno, organizzato da Sabina Gallina e Marco Zimarino, dedicato proprio alla cardiologia interventistica, a cui prenderanno parte cardiologi, cardiochirurghi, neurologi, radiologi anestesisti, infermieri e tecnici.

L'intervento sarà eseguito su una paziente aquilana di 82 anni, alla quale era stata impiantata chirurgicamente una protesi biologica dodici anni fa, ormai degenerata e che domani sarà sostituita.

La nuova frontiera per Chieti, dunque, è il trattamento di pazienti affetti da ostruzioni della valvola aortica o insufficienza della valvola mitralica che non possono essere sottoposti a intervento cardiochirurgico per via dell'età avanzata o di elevato rischio operatorio e che sarebbero, pertanto, destinati a una sopravvivenza breve. In Emodinamica vengono trattati per via percutanea, con paziente sveglio e in anestesia locale, praticando una micro incisione sulla pelle per introdurre la protesi valvolare attraverso l'arteria femorale.

«Con il nuovo reparto abbiamo potuto sviluppare attività che in passato ci erano precluse per questioni logistiche - mette in evidenza Nicola Maddestra, direttore dell'Emodinamica - e che ci pongono in primo piano nella nostra regione nel trattamento di alcune patologie, che richiedono dotazione tecnologica e figure professionali adeguate. Nella nostra unità operativa, oltre alla tradizionale angioplastica rivolta a pazienti infartuati o comunque con ostruzione delle coronarie, ora interveniamo anche in caso di occlusione della valvola aortica, trattata principalmente con impianto di protesi biologica eseguita in anestesia locale. Si tratta di una procedura particolarmente indicata in pazienti in età avanzata, con pluripatologie e che non possono essere sottoposti a intervento chirurgico tradizionale per l'elevato rischio operatorio».

Ma nuove sfide attendono per il 2018 l'Emodinamica di Chieti, che si prepara a interventi di “mitra-clip” per la correzione dell'insufficienza valvolare mitralica.

Chieti. “Il personale dell’Ufficio Tecnico del Comune di Chieti, coordinato dal geom. Raimondo Censurato e dall’arch. Nino Colacito, già intervenuto la notte scorsa in più parti della città, nella mattinata odierna ha effettuato un capillare controllo sul territorio comunale per verificare eventuali danni provocati dalle forti raffiche di vento che, dal pomeriggio di ieri e per tutta la notte, hanno sferzato incessantemente la città di Chieti”. E’ quanto rende noto l’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice.

«Il forte vento ha provocato problemi fortunatamente di lieve entità – aggiunge l’Assessore Di Felice – e non si registrano danni ad immobili comunali, in primis nelle scuole. Il personale dell’ufficio tecnico ha già provveduto a ripristinare le condizioni di sicurezza laddove necessario. In particolare è stata riaperta via Altobelli, dove un albero era caduto ingombrando la carreggiata stradale, ed è stato eliminato un palo della pubblica illuminazione su viale Benedetto Croce che il vento ha abbattuto senza che il crollo provocasse danni a persone o cose. Rimessa in sicurezza anche la recinzione di cantiere dell’impresa che sta effettuando i lavori presso la scuola dell’infanzia in via Marino da Caramanico. Numerosi, infine, gli interventi per ripulire la viabilità comunale dai tanti rami spezzati dal vento».

Chieti. L’Assessore alla Cultura e Manifestazioni del Comune di Chieti, Antonio Viola, rende noto che domenica 17 dicembre, alle ore 11.00, presso il Museo d’Arte “Costantino Barbella”, in occasione delle celebrazioni per il bimillenario della morte di Ovidio, verrà inaugurato il Simposio internazionale di Arte Moderna “Le Metamorfosi al femminile” a cura del “Comitato Le donne dell'angelo”.

In mostra, fino al 31 dicembre, opere delle artiste:
Ambra Montemezzo, Barbara Matticoli, Chiara Tozzoli, Francesca Romana Genovesi, Francesca Maria D'Antonio, Gabriella Cellini, Liberata Mizzoni, Letizia Bozzi, Maria Facchini, Maria Basile, Rossella Greci, Raffaella Simone, Teresa Michetti, Angela Rossi.

All’inaugurazione saranno presenti l'On.Paola Pelino, donna abruzzese distintasi nell'imprenditoria e nella politica, originaria di Sulmona, terra natale di Ovidio, e Paola Sabella, Segretario Generale della Camera di Commercio di Chieti.

L'inaugurazione sarà preceduta da un Convegno che vedrà gli interventi del prof. Massimo Pasqualone, critico d'arte e presidente del Comitato Le donne dell'angelo, il quale esaminerà l'estetica in Ovidio, della prof.ssa Liberata Mizzoni, che si soffermerà sull'arte influenzata da Ovidio, e della prof.ssa Angela Rossi, che parlerà dei miti, forme e immagini al femminile nelle Metamorfosi di Ovidio.

Chieti. Si avvicina il Natale e Sinistra Italiana Chieti organizza una raccolta di giocattoli, abiti per uomo e per donna ed alimenti a lunga conservazione.

Sinistra italiana, con questa iniziativa, vuole soffermarsi ed attrarre l’attenzione delle persone di buona volontà sui numerosi problemi sociali che attanagliano l’attuale società: prima di tutto il grave stato di bisogno di molte famiglie derivante dalla mancanza di lavoro, dalla sempre crescente disoccupazione in ogni fascia di età e dai tanti disagi economici e morali esistenti in molte famiglie.

Sinistra Italiana confida nella bontà di chi ama condividere e di chi vuole aiutare le persone meno abbienti anche con un piccolo gesto di solidarietà. Sarà possibile portare il tutto dalle 9:00 alle 13:00 dei seguenti giorni: 13 e 14 dicembre. Tutto il materiale raccolto sarà consegnato il 21 dicembre 2017 alla Comunità Papa Giovanni XXIII di Chieti.

Pagina 1 di 107

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione