Pescara. Dopo l’approvazione della coprogettazione fra i Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore arriva il giorno dell’apertura per l’Ufficio Europa Area Metropolitana, inaugurato oggi all’Aurum dai tre primi cittadini di Pescara, Montesilvano e Spoltore, Marco Alessandrini, Francesco Maragno e Luciano Di Lorito, con un evento di apertura per fare il punto sull’importanza della progettazione europea per le città e i territori a cui hanno preso parte autorità e rappresentanti delle categorie produttive del territorio. Ueam è un ufficio che unisce tre Comuni, finanziato nell’ambito del POR FSE Abruzzo 2014/2020 Asse IV, destinato a favorire, in forma coordinata e nell’ambito della costruzione di una strategia unitaria di sviluppo territoriale, tra i tre Comuni, la gestione associata di servizi diretti a sostenere l’accesso ai finanziamenti resi disponibili a valere su programmi europei, nazionali e regionali.

“La giornata di ieri è stata una giornata storica, perché sì è avviato concretamente un progetto di fusione fra le città di Pescara, Montesilvano e Spoltore, coerentemente alle previsioni del progetto di legge regionale dell’agosto scorso – così il sindaco Marco Alessandrini- Oggi e ben prima che questa legge fosse promulgata Pescara, Montesilvano e Spoltore si erano già messe insieme per un progetto importante, l’Ueam. Questo progetto l’abbiamo vinto, lo abbiamo realizzato, è concreto, alla portata di tutti ed è rinnovabile ed è qui nella nostra cornice più prestigiosa. Noi renderemo questo luogo non più un punto solo divulgativo, come era accaduto in passato, ma diventerà anche un punto di formazione per personale dipendente dei Comuni e non solo, affinché si sia in grado di intercettare risorse europee per i territori. L’esperienza del Comune di Pescara è esemplare: dal novembre 2016 al luglio 2018 abbiamo un dirigente esterno che è stata in grado di reperire 8.400.000 euro di fondi comunitari incardinati in progetti in corso e riguardanti vari settori, dalla mobilità all’ambiente, dall’urbanistica, alla sostenibilità, dal sociale alla cultura, fondi che sono stati trovati e drenati e vogliamo che l’Ufficio Europa ci aiuti ad aumentare, perché siamo convinti che dando rilievo alle citta, che sono al centro del nuovo mondo e dei programmi comunitari, siamo sulla via giusta, ed è la migliore risposta anche verso la Nuova Pescara. Il prossimo passo che vorremo compiere con Montesilvano e Spoltore, ma anche con Francavilla, Città Sant’Angelo e San Giovanni Teatino, ed è anche qui un lavoro già iniziato, è fare politiche ambientali d’insieme. E’ un segnale importante che l’avvio della Nuova Pescara avvenga in questo ambito perché l’Europa ha una strada che è nata sulle macerie del conflitto mondiale, noi da 70 anni abbiamo una pace, la più longeva della storia, per questo è così importante. Oggi dobbiamo fare questo sforzo perché l’Europa è opportunità, è pace e democrazia e dobbiamo andare avanti con questo strumento per coltivarle”.

“Mi fa piacere che ci sia tanto entusiasmo e partecipazione – così il sindaco di Montesilvano Francesco Maragno- Oggi si è tutti orientati ai bisogni primari e sappiamo che il collegamento con l’Europa è fondamentale e deve diventare un trade d’union virtuoso. Voglio rifarmi a D’Azeglio che all’indomani dell’unità d’Italia disse che dovevamo fare gli italiani, noi ci troviamo nella stessa situazione, abbiamo fatto l’Europa e ora dobbiamo fare gli europei. Il percorso che stiamo facendo insieme è virtuoso e di buonsenso, quello di condividere azioni per erogare i servizi migliori e ridurre i costi, per fare l’utente felice, un percorso che avrebbe dovuto portare alla Nuova Pescara progressivamente. In tale ottica abbiamo cominciato a tracciare un percorso comune: quello di mettere in condivisione i servizi e poi creare il contenitore istituzionale. Il progetto che presentiamo è ambizioso e può dare tante soddisfazioni a imprese e cittadini: vogliamo allungare una mano verso l’Europa col profondo interesse di drenare sul territorio i fondi utili a finanziarne il rilancio per allineare le nostre economie a quelle del nord. Oggi noi diamo la possibilità alle amministrazioni e ai cittadini di essere informati, perché si possa diventare cittadini europei consapevoli. Io sono nato cittadino italiano e sono diventato europeo, i miei figli sono nati cittadini europei e saranno cittadini del mondo e dunque dobbiamo necessariamente allargare i confini. L’Europa nasce quando si acquisisce la consapevolezza che per evitare i conflitti bisogna collaborare, oggi dobbiamo continuare questo percorso con la consapevolezza di essere attori principali in un palcoscenico che ci saprà dare spazio e voce”.

“L’Ueam è uno strumento importantissimo a cui diamo vita insieme e quando Pescara ci ha chiamato per aderire a questo progetto poi abbiamo subito colto l’occasione di agganciarci al lavoro di questa Amministrazione che sta facendo molto e si è aggiudicata tanti progetti – così il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito- Di questo lavoro non possiamo che beneficiare anche noi, perché mettendoci insieme si fa massa critica e si ottimizzano le risorse in modo che i servizi siano più efficienti e ottimali per tutti. Un’Europa che è sotto attacco oggi e per questo deve far valere i principi fondamentali per cui è nata, perché c’è chi incoraggia le scissioni, gli abbandoni, a discapito di tutti. Noi europei dobbiamo fare in modo di acquisire una maggiore coscienza del nostro status e oggi la politica non ci sta dando una mano, perché ci sono fronti nuovi che rimettono in discussione proprio i principi fondamentali dell’Europa dei popoli a cui tutti abbiamo guardato vedendola nascere. Io sono contento, orgoglioso e onorato di partecipare a questo tavolo, perché sono convinto che questo ufficio che ci collega all’Europa porterà benefici per la nostra Spoltore e per le nostre città, aiutandoci a progettare insieme proprio come l’Ue ci chiede per crescere”.

“L’Ueam nasce per attuare programmazione relativa all’asse 4, finalizzato a rafforzare la governance, che ha come obiettivo promuovere associazioni per l’istituzione di uffici in grado di intercettare risorse a livello europee, che devono essere percepiti come antenne sul territorio – così Elena Sico, Responsabile Servizio Autorità di Gestione Unica FESR-FSE - Questo è un momento cruciale perché si stanno scrivendo le regole per la programmazione europea successiva, quindi è il tempo giusto per partire e per prepararci. L’istituzione dell’Ufficio è fondamentale perché dovrà operare anche per un futuro prossimo in un’ottica di rete e cooperazione con la Regione, in particolare mettendo insieme e sviluppando al massimo le sinergie nell’ambito dei programmi operativi. Dobbiamo fare un passo in più, perché tutti i fondi possano essere impiegati. Ci sono risorse per circa 700.000 euro, stiamo cercando di elevare l’attrattività, coinvolgendo anche altri Comuni per dare opportunità a tutti i territori”.

Pescara. Terminato in settimana il lavoro sulle siepi della strada parco, lunedì verrà effettuato un ulteriore passaggio di sfalcio nel tratto che va da via Muzii fino al confine con Montesilvano. Le operazioni vengono svolte ora perché è questo il periodo adatto da un punto di vista agronomico per la potatura degli oleandri e ha consentito di concentrare il lavoro degli operai ad emergenze del verde che richiedevano priorità. Ora la strada Parco sarà più accogliente e ordinata per pedoni e ciclisti, in attesa di aumentare la sua sicurezza nel percorso lato monte, proprio quello destinato alle utenze deboli. Il 29 ottobre infatti, ci sarà la seduta pubblica che individuerà la società che effettuerà i lavori sulla pista ciclopedonale lato monte su cui l’Amministrazione ha deciso di investire i 450.000,00 euro dei fondi del programma di Sviluppo Urbano Sostenibile.

“Interverremo al più presto su una delle più grandi e più belle piste ciclabili della città – illustra il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli- Interveniamo anche in modo pienamente sostenibile: grazie al valore aggiunto rappresentato dall’esperienza del progettista dell’opera, l’architetto Alessandro Tursi, che, essendo anche un esponente Fiab, ha portato tutte le sue conoscenze in termini di ciclabilità anche nella redazione di questo progetto di riqualificazione. L’intervento riguarderà la ciclabile che corre sul lato monte di via Castellamare e la manutenzione del percorso pedonale complanare e adiacente. Abbiamo scelto di destinare queste somme sulla pista perché abbiamo ben chiaro il fatto che per realizzare la ciclopolitana cittadina occorre riconnettere i percorsi ciclabili esistenti, ma soprattutto, riqualificare quelli molto dissestati, proprio come quello presente sulla strada parco. Da un lato occorre ripristinare la scorrevolezza e regolarità della pista, la cui pavimentazione bituminosa è in diversi usurata, ma soprattutto appianarla dalle numerose e rischiose irregolarità, causate dagli apparati radicali delle piantumazioni esistenti e dagli interventi che nel corso del tempo si sono susseguiti, come la realizzazione di fermate e pensiline che hanno comportato tagli e rattoppi del manto stradale. Non solo scorrevolezza, dunque, ma anche una migliore qualità, attrattività e sicurezza della pista ciclabile.

Se nel tratto compreso fra il confine con Montesilvano e via Cavour interverremo solo nei punti malmessi ripristinando la pavimentazione esistente, in quello fra via Cavour e fino al termine della strada parco, circa 5.000 metri quadri, interverremo con il massetto drenante colorato, lo stesso utilizzato per la ciclabile appena inaugurata sul lungomare sud di fronte ai teatri, che sicuramente renderà più scorrevole la pista, ma anche più attraente. Al tempo stesso, come detto, ripareremo i tratti del percorso pedonale ammalorati dal tempo e dalle radici, per renderli fruibili e in sicurezza per la mobilità di pedoni, disabili in carrozzina e per i passeggini, questo anche con la risistemazione della pavimentazione. Sono inoltre previsti i collegamenti della pista ciclabile con gli ingressi delle scuole esistenti sul percorso (via Gioberti e via Milite Ignoto), nonché quello con la scuola di via Milite Ignoto con la realizzazione di un nuovo cancello di accesso, anch’esso ciclabile, dal parco di villa Sabucchi”.

Pescara. In occasione del quarantennale dei live “Fabrizio De André e PFM in concerto” e a vent’anni dalla scomparsa del poeta, PFM - Premiata Forneria Marconi, in primavera, tornerà sui palchi di tutta Italia con “PFM canta De André - Anniversary”, un tour per celebrare il fortunato sodalizio con il cantautore genovese e riproporre una serie di concerti dedicati a quell’evento. Per rinnovare l’abbraccio tra il rock e la poesia, alla scaletta originale saranno aggiunti anche brani tratti da “La buona Novella”.

Appuntamento, organizzato da Alhena Entertainment e Ventidieci a Pescara, giovedì 4 aprile, al Teatro Massimo.

“PFM canta De André - Anniversary” avrà sul palco una formazione spettacolare, con due ospiti d’eccezione: Michele Ascolese, chitarrista storico di Faber, e la magia delle tastiere di Flavio Premoli.

Fabrizio disse: «La nostra tournée è stata il primo esempio di collaborazione tra due modi completamente diversi di concepire e eseguire le canzoni. Un'esperienza irripetibile perché PFM non era un'accolita di ottimi musicisti riuniti per l'occasione, ma un gruppo con una storia importante, che ha modificato il corso della musica italiana. Ecco, un giorno hanno preso tutto questo e l'hanno messo al mio servizio...».

“PFM canta De André - Anniversary” arriva dopo l’intenso tour mondiale che ha riscosso un travolgente successo dal Giappone alle Americhe passando per il Regno Unito, per poi fare tappa nel nostro paese durante tutta l’estate. Durante i concerti, oltre ai più grandi successi del suo vastissimo repertorio, PFM ha presentato anche brani tratti dal nuovo album “Emotional Tattoos” (uscito in tutto il mondo il 27 ottobre, per InsideOutMusic/SonyMusic).

La band è stata invitata, per la terza volta, a salire a bordo della “CRUISE TO THE EDGE” (CTTE) che partirà a febbraio da Miami. PFM – Premiata Forneria Marconi è l’unico artista italiano che parteciperà all’evento insieme alle più grandi prog band del mondo, capitanate degli YES.

PFM Premiata Forneria Marconi è un gruppo musicale molto eclettico ed esuberante, con uno stile distintivo che combina la potenza espressiva della musica rock, progressive e classica in un'unica entità affascinante. Nata discograficamente nel 1971, la band ha guadagnato rapidamente un posto di rilievo sulla scena internazionale, entrando nel 1973 nella classifica di Billboard (per “Photos Of Ghosts”) e vincendo un disco d'oro in Giappone. Continua fino ad oggi a rappresentare un punto di riferimento. Recentemente PFM è stata premiata con la posizione n. 50 nella "Royal Rock Hall of Fame" di 100 artisti più importanti del mondo.
Dopo la vittoria del prestigioso premio come “Band internazionale dell’anno” ai Prog Music Awards UK 2018, per celebrare 48 anni di successi in Italia e nel mondo, il 19 ottobre è uscita (per InsideOutMusic/SonyMusic), la raccolta completa di PFM – Premiata Forneria Marconi.

“TVB - The Very Best”, è un viaggio nel mondo musicale di PFM, dedicato totalmente al suo pubblico, che oggi abbraccia diverse generazioni, una raccolta rimasterizzata in formato Hardcoverbook in 4CD ricca di musica, storie e immagini inedite con l’art work di Guido Harari, arricchita da un libretto di 60 pagine curato da Sandro Neri, con un’intervista corale ai membri storici, i commenti esclusivi di Franz Di Cioccio e Patrick DJivas e fotografie inedite.
«Ho scelto i brani che rappresentano le evoluzioni e le sperimentazioni della band che ha fatto della poliedricità la propria bandiera. – racconta Franz di Cioccio - Mai un disco uguale al precedente, sempre alla scoperta del futuro cominciato nel 1970 e ancora tutto da scoprire».
In questo percorso sonoro sono rappresentati tutti gli album di studio: dal primo, “Storia di un minuto”, fino all’ultimo “Emotional Tattoos”.
Sandro Neri ha raccolto le testimonianze e gli aneddoti dei partecipanti. Il testo con la sua narrazione accompagna l’ascoltatore in questa avventura, che si snoda tra memorabilia e fotografie coordinate abilmente da Guido Harari (autore tra l’altro di molte immagini).
I brani, scelti da Franz Di Cioccio, rappresentano al meglio l’evoluzione, le sperimentazioni e la poliedricità della band, che ha fatto del continuo cambiamento la propria bandiera. Mai un disco uguale al precedente, sempre alla scoperta di un futuro, cominciato nel 1970 e che ancora oggi rappresenta il principale obbiettivo della band.
“TVB, The Very Best”, non è una semplice raccolta, ma un vero e proprio percorso alla scoperta di una musicalità, che affonda le radici nella cultura musicale italiana, che si evolve seguendo itinerari innovativi e ispirazioni raccolte in tutto il mondo, grazie all’esperienza degli oltre seimila concerti, che hanno contribuito a creare l’inconfondibile stile di PFM.
Franz Di Cioccio: «Il senso della raccolta è il valore della musica come strumento di aggregazione, perché quando la ami senza discriminazione di genere ti tatua emotivamente per sempre».
Patrick Djivas: «Tutta la nostra discografia ha come punti fermi il cambiamento e la libertà espressiva. Non vogliamo avere un’etichetta, ma vogliamo essere musicisti liberi. Come insegna il brano “La danza degli specchi” (contenuto in “Emotional Tattoos”) “la musica è potente, un solo grande continente”».
Franz Di Cioccio: «Lo sguardo mio e di Patrick è sempre puntato al futuro, con la voglia di essere contemporanei in tutte le epoche, perché crediamo che l'arte debba nutrirsi di esperimenti, di novità, di circostanze e non di consuetudine».

 

http://www.pfmworld.com
https://www.facebook.com/premiataforneriamarconiofficial/; twitter @pfmufficiale

Biglietti per il concerto di Pescara in vendita da martedì 16 ottobre 2018 su Ticketone.it e Ciaotickets.
Questi i prezzi dei biglietti:
Poltronissime: 50,00 € c.d.p.
Poltrone: 38,00 € c.d.p.
Palchi: 35,00 € c.d.p.
Galleria: 30,00 € c.d.p.
ORGANIZZAZIONE CONCERTO:
Alhena Entertainment e Ventidieci

Infoline: 085.9433361; 366.2783418

Pescara. Un interessante convegno dal tema “la tutela del minore nello sport tra giustizia ordinaria e giustizia sportiva”, si è tenuto nel pomeriggio di ieri presso l’Aula Magna “E. Alessandrini” del Tribunale di Pescara. L’incontro è stato organizzato in stretta collaborazione tra l’Ordine degli Avvocati di Pescara, Fondazione Forum Aterni, Scuola Regionale dello Sport Coni Abruzzo e Comitato Territoriale Fipav Abruzzo Sud Est. Sono stati 250 gli avvocati iscritti al seminario, di cui oltre 40 non appartenenti al Foro di Pescara, a testimonianza del grande interesse che ha suscitato l’appuntamento, tanto da richiamare l’attenzione di legali giunti da ogni parte d’Abruzzo.
I lavori sono stati aperti dal dottor Angelo Mariano Bozza, presidente del Tribunale di Pescara, dall’avvocato Donato Di Campli, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Pescara, dal dottor Emidio Santacroce, delegato provinciale del Coni Pescara, e dal dottor Fabio Di Camillo, presidente della Fipav Abruzzo. Nel corso del pomeriggio si sono succeduti diversi relatori con interventi di vario genere. L’avvocato Andrea Monti, professore a contratto di Elementi di diritto e legislazione sportiva presso l’Università di Chieti, ha parlato del minore e la giustizia sportiva. Questi ha tenuto ad evidenziare come il meccanismo della tutela giurisdizionale della Federazione Italiana Pallavolo sia in assoluto il più all’avanguardia e garantista dell’intero sistema Coni. Notevole e particolarmente apprezzato è stato anche l’intervento dell’avvocato Massimo Rosi, presidente del Tribunale Federale Fipav, che si è soffermato sul ruolo del giudice e del procuratore federale nei procedimenti che coinvolgono i minori. L’avvocato Giovanni Manieri, presidente del Consiglio distrettuale di disciplina forense, è intervenuto invece in merito all’argomento “l’avvocato del minore: profili deontologici”. Infine l’avvocato Flavia Tortorella, presidente del comitato regionale Abruzzo Aias – Associazione italiana avvocati dello sport – ha esposto su “sport e minori: diritti e responsabilità. Casi pratici”.
La segreteria scientifica è stata curata dall’avvocato Mattia Di Gregorio, presidente del Comitato Territoriale Fipav Abruzzo Sud Est, e dall’avvocato Valentina Bertè, giudice sportivo del Comitato Territoriale Fipav Abruzzo Sud Est. Proprio da loro due è nata l’idea di organizzare un’attività sul diritto sportivo. Hanno così avanzato la proposta alla Fondazione Forum Aterni, ossia l’organismo che si occupa della formazione degli avvocati, la quale ha subito sposato l’iniziativa. È stata quindi estesa e patrocinata dall’Ordine degli Avvocati di Pescara e dalla Scuola Regionale dello Sport Coni Abruzzo.
«Questo incontro voleva essere un banco di prova per capire se l’argomento potesse risultare interessante al pubblico e agli addetti ai lavori» è il commento del presidente del Comitato Territoriale Fipav Abruzzo Sud Est, Di Gregorio. «Possiamo ritenerci soddisfatti del riscontro, più che positivo, tanto che stiamo già pensando con gli altri enti co-organizzatori ad un progetto futuro che preveda l’organizzazione di altre attività formative sulla giustizia sportiva».
La partecipazione al convegno ha comportato l’attribuzione di tre crediti formativi, di cui due in diritto civile ed uno in deontologia.

Pescara. “L’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ chiede ufficialmente al Governo l’invio di almeno 20 unità dell’Esercito per contrastare il degrado e l’emergenza criminalità che si registra a Pescara e contro la quale l’Amministrazione Alessandrini ha, evidentemente, le armi spuntate. Non si possono fare le ordinanze antibivacco tanto poi non le rispetta nessuno; non si possono emettere le sanzioni contro l’accattonaggio o contro chi sporca, tanto poi le multe non le paga nessuno; non si possono emettere provvedimenti di Daspo Urbano, pure previsto dal Decreto Minniti, perché non si sa come applicarlo. Questo è in sostanza quello che hanno dichiarato oggi l’assessore alla Polizia municipale Gianni Teodoro e i responsabili della squadra speciale Giona, pure premiata dall’Anci per gli sgomberi-spot, durante l’audizione in Commissione Vigilanza. A questo punto, a fronte di un assessore disarmato e di un’amministrazione inerte dinanzi alla richiesta di sicurezza che gli hanno rivolto cittadini e commercianti, chiediamo formalmente che venga disposta la riassegnazione dell’Esercito sul nostro territorio per ripristinare ordine e sicurezza”. Lo ha detto Armando Foschi, membro dell’Associazione ‘Pescara – Mi piace’, al termine della riunione odierna.
“L’incontro è stato convocato dopo la denuncia fotografica dei giorni scorsi in cui, immagini alla mano, abbiamo dimostrato che ormai le aree di risulta e la zona tutt’attorno alla stazione centrale erano diventate una latrina – ha sottolineato Foschi -. Parliamo di un’area che è il primo biglietto da visita per chi arriva a Pescara, specie se in treno o in bus, e che oggi rende la peggiore immagine della città, con spazi parcheggio ridotti ad accampamento, con cartoni, materassi e coperte accatastati agli angoli, se non addirittura sopra gli alberi. E poi immondizia, tracce evidenti di urina ovunque, anche sulle pareti della stazione, e parcheggiatori abusivi, comunitari o extracomunitari, a presidiare le aree di risulta per chiedere il pedaggio all’automobilista di turno, che ha pure pagato il posto auto a pagamento a Pescara Parcheggi e che si ritrova a dover pagare due volte la stessa sosta. Una situazione chiaramente insostenibile che si è trasformata in una bomba sociale: la realtà è che oggi in pieno centro scende il coprifuoco, al pari dell’ultima periferia di un paese del terzo mondo, ed è inaccettabile. A fronte dell’allarme oggi ribadito non dalle opposizioni politiche, ma dai commercianti e residenti del centro, l’assessore Teodoro ha dapprima addirittura smentito l’emergenza in atto, affermando che ‘Pescara non è una città insicura perché lo dicono i dati e le statistiche’. Dunque oggi sappiamo che, nonostante lo stupro di una donna appena un mese fa sulle aree di risulta in pieno giorno, nonostante lo stupro e l’assassinio di un’altra donna sotto uno dei tunnel ferroviari, nonostante l’accattonaggio molesto, nonostante le risse continue che si registrano tra bande rivali sempre in pieno centro, nonostante l’assassinio irrisolto di un ragazzo, Nerino, ritrovato a Fosso Vallelunga, Pescara comunque è una città sicura perché lo dicono le statistiche. Un’affermazione aberrante dinanzi alla quale non solo si sono ribellati i commercianti, ma anche la nostra Associazione chiede che l’assessore legga meno dati statistici e faccia un’immersione nella realtà del territorio. A dire la verità sono stati i responsabili della squadra speciale Giona, ovvero – ha proseguito Foschi -: l’amministrazione Alessandrini ha le armi spuntate. Non si possono fare le ordinanze antibivacco perché poi non si sa chi debba farle rispettare; non si fanno le multe perché tanto poi accattoni, vandali, deturpatori, non le pagano; non si possono fare provvedimenti di Daspo urbano, perché tanto poi non viene allontanato nessuno da Pescara. Peggio: quand’anche, dopo la nostra denuncia, hanno rimosso materassi, cartoni e coperte, l’intervento-spot, tanto pubblicizzato sui giornali, è comunque stato inutile perché ci sarebbero organizzazioni del territorio che a quegli stessi senzatetto hanno consegnato altri materassi per la stessa sera dell’operazione. A questo punto è chiaro che la giunta Alessandrini, inerte sull’emergenza sicurezza da quattro anni e mezzo, ha alzato bandiera bianca, e il problema resta e può solo aggravarsi. Per questa ragione – ha detto Foschi – l’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ invierà al Governo Conte una richiesta ufficiale di riassegnazione di almeno una ventina di unità dell’Esercito al fine di contrastare l’emergenza sicurezza in atto”.

Pescara. Evento in musica con Mogol durante il FLA per i vent'anni dalla morte di Lucio Battisti, questa la novità presentata ieri in conferenza dello spettacolo in coproduzione fra l'Ente Manifestazioni Pescaresi e il Festival delle Letterature e Altre cose. In conferenza l'assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo e il presidente dell'Ente Manifestazioni Angelo Valori con il direttore artistico del Fla Vincenzo D'Aquino.

“Nel ventennale della morte di Battisti l’Emp con Comune e Fla si mettono insieme per ricordarlo – così l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo - Abbiamo fatto in modo che ci fosse una giornata per vivere ed esplorare musica, testo e vita culturale e artistica di Battisti grazie a Mogol che sarà a Pescara, lo racconterà eseguirà le sue canzoni più famose e ci darà il senso del suo talento. Lo facciamo nel Fla perché le canzoni che hanno una storia e dei testi tanto importanti da risultare a pieno titolo letteratura”.

“Ringrazio il Fla per averci rivolto questo invito che abbiamo prontamente accettato perché era da tempo che volevamo collaborare – così il presidente Emp Angelo Valori - Questo grazie a Mogol diventa possibile: avremo uno dei protagonisti della canzone italiana. Battisti ha vinto il festival di Sanremo nel 1961 e sono quasi 60 anni di carriera per Battisti. Il concerto sarà per il venetennale della sua scomparsa, farci raccontare Battisti da Mogol ha un senso, perché è stata la collaborazione che lo ha reso celebre, ma la sua penna ha dato parole alle più belle canzoni di Cocciante e Mango, di Celentano e Mina, perché Mogol ha una produzione davvero sconfinata. Ci siamo incrociati a Boston alla Harvard University da dove è nato il format che presenteremo in seno al Fla: si tratta di interventi che verranno interpretati dal M.edit Voices, stessa formazione del Vocal Ensemble del Conservatorio che non vede l’ora di regalare al pubblico uno straordinario spettacolo”.

“Una piena sinergia che si trasforma in un evento del Fla che si svolgerà dall’8 all’11 novembre prossimo – conclude Vincenzo D’Aquino, direttore artistico del Festival - Sinergia è fra le parole più utilizzate, se ne parla spesso e se ne fanno poche, per noi è un piacere realizzarle sul campo con l’Emp, per un festival giovane come il nostro è un onore lavorare con un ente così longevo. Un primo esperimento insieme lo abbiamo fatto durante la Notte Bianca del 2016 unendo i nostri contenuti, lo facciamo il secondo giorno del Festival, il 9 novembre alle 21 al Massimo, e non è un caso che musica e letteratura si uniscano intorno alla figura di un uomo che ha scritto i testi delle più belle canzoni della nostra storia musicale”.

Pescara. “Riapriranno mercoledì 24 ottobre le mense scolastiche comunali. Attendiamo dalla Asl il nulla osta all’avvio del servizio, necessario per il ripristino della mensa. Un atto ufficiale che acquisiremo nella giornata di lunedì, giornata in cui la Asl effettuerà l’ultimo sopralluogo previsto dal protocollo per constatare l’avvenuta pulizia dei locali, cosa che consentirà all’Amministrazione di emanare un’ordinanza di revoca della sospensione della ristorazione.

Fatta l’ordinanza la ditta potrà mettere in funzione le cucine e riattivare il servizio mensa per la giornata di mercoledì.

Le iscrizioni al servizio resteranno aperte, al momento sono oltre 3.350 le richieste pervenute; per quanto attiene al pasto da casa attendiamo i riscontri dalle scuole, a cui fa capo la gestione.

Com’è sempre accaduto condivideremo con scuole e famiglie tutti i passaggi, stiamo a tale proposito organizzando un incontro con i comitati e i rappresentanti dei genitori con i quali abbiamo dialogato in questi mesi, che si svolgerà entro mercoledì, perché il rapporto instaurato su trasparenza e interlocuzione continui nella massima chiarezza e disponibilità”. Lo affermano in una nota il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, e l’assessore all’Istruzione, Giacomo Cuzzi.

Pescara. Lunedì 22 ottobre alle ore 18,30 per gli incontri con l’Autore promossi dalla Fondazione Edoardo Tiboni e l’Associazione Culturale Ennio Flaiano, al Mediamuseum Peppe Millanta presenterà il suo romanzo d’esordio “Vinpeel degli orizzonti” – Neo Edizioni: un libro pieno di luce, un romanzo intriso di poesia, che ai sogni e all’immaginazione ruba la scintilla. Un cartello sbiadito con su scritto “Benvenuti a Dinterbild”. Un pugno di case gettate alla rinfusa intorno a una locanda. Una comunità che pare sospesa nel tempo. Una strada da cui non arriva più nessuno e nessuno ricorda più dove porti. E gli occhi di Vinpeel, l’unico ragazzino di questa bizzarra comunità, che una notte, scrutando l’orizzonte, si convince che al di là di questo mondo esitante ci sia qualcos’altro.

L’autore, al suo esordio, crea un mondo che tutti vorremmo abitare e che forse, in cuor nostro, già abitiamo. Racconta di un ragazzino che abita dentro ognuno di noi. C’è la sua vita confinata in un luogo che sembra appartenere a un sogno, c’è suo padre con cui parla solo attraverso l’aiuto del mare, ci sono amici che hanno la consistenza di nuvole e bizzarri personaggi. Ma su tutto c’è la sua voglia di scoprire, di spingersi oltre ciò che gli è dato conoscere.

Con l’autore interverrà il giornalista Luca Pompei.

Pescara. Sì della giunta al sistema di prenotazione delle Carte d’Identità Elettroniche che sarà attivo dal prossimo 5 novembre.

“Si tratta di un servizio positivo e atteso – così l’assessore all’Anagrafe e Urp Simona Di Carlo – che avverrà attraverso il portale del Ministero dell’Interno nella sezione “Carta di Identità Elettronica – Agenda On.line” accessibile tramite il link https://agendacie.interno.gov.it/ . Questa modalità di prenotazione accorcerà distanze e tempi e consentirà ai cittadini richiedenti di scegliere autonomamente data e orario in cui richiedere la propria Carta nelle seguenti sedi: quella centrale di via Calabria; la sede decentrata degli Uffici anagrafici di Piazza Grue; la sede decentrata degli Uffici anagrafici di Pescara Colli.

Per consentire la massima diffusione del servizio saranno estensi gli orari di apertura delle sedi “decentrate” degli uffici anagrafici di P.zza Grue e Colli, dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 12:00; il martedì e giovedì dalle 15:30 alle 17:00. In questi orari verranno rilasciate sia le carte di identità elettroniche che i certificati. Di conseguenza a partire dal 3 novembre, gli uffici dell’Urp saranno chiusi nella giornata del sabato, sia per consentire il potenziamento delle sedi decentrate e anche alla luce dei report effettuati nel corso del tempo che testimoniano dati attestanti un numero esiguo di pratiche evase nella giornata di sabato”.

Pescara. Buone nuove dall’ANCI sul bando delle periferie, la mobilitazione dei Comuni e dei parlamentari abruzzesi e non solo per salvare dalla sospensione i 2,1 miliardi di risorse del bando della presidenza del Consiglio Renzi-Gentiloni a sostegno della riqualificazione dei quartieri periferici di oltre 95 città, fra capoluoghi e città metropolitane. Nel pomeriggio i Comuni hanno trovato un'intesa sui fondi, ratificata nella conferenza unificata al ministero per gli Affari regionali. L'accordo sarà recepito in legge di bilancio.

“La forza delle città ha costretto il Governo giallo-verde a tornare sui suoi passi e a ripristinare le risorse – così il sindaco Marco Alessandrini e l’assessore alle Periferie Giacomo Cuzzi – E’ questa una battaglia che ci accomuna alle Municipalità italiane interessate dal bando, ma soprattutto a milioni di cittadini che ne saranno i fruitori, i destinatari dei progetti che si potranno concretizzare con quelle risorse, gli stessi a cui si sono rivolti in campagna elettorale e ai quali, una volta diventati classe dirigente, hanno tentato di tagliare possibilità concrete di rinascita, solo per realizzare le promesse fatte per il consenso. Si tratta ora di incassare la vittoria, tenendo altissima la guardia sulla riattivazione dei fondi, perché i progetti sono pronti a partire e perché in questi giorni contiamo più di un tentativo ulteriore di togliere risorse già assegnate alle città e alle regioni, come succede per i fondi del Masterplan. Questo non può accadere, lo ha dimostrato un fronte unitissimo, trasversale, che mette insieme istituzioni e parlamentari che con mozioni e interventi ha avuto la meglio sui tentativi del Governo di deviare altrove risorse già impegnate per attivare progetti attesi da decenni.

All’Anci ora la palla diplomatica per accelerare i tempi, i fondi per gli investimenti sono gli stessi che ci sono sempre stati, assicura il presidente dell'Anci Antonio Decaro e ci saranno anche i rimborsi di tutte le spese sostenute.

Si tratta di un bando a cui teniamo molto perché in un’epoca di finanza pubblica strozzata, questo è ossigeno puro a vantaggio di chi non lo ha mai avuto in questa misura. Non dobbiamo tutelare solo la cifra che per noi è pari a 18 milioni di euro, ma il meccanismo che sta alla base per piano: i progetti sono stati premiati perché incentivano la collaborazione fra pubblico e privato, triplicando investimenti ed economie. Dietro il bando c'è il sistema Italia, ci sono 2,1 miliardi di euro in ballo, che riguardano 25 milioni di persone, il 40 per cento del Paese che non può restare sospeso.

A Pescara significa la rinascita di zone come Fontanelle, Zanni, Borgo Marino Sud, la Madonna del Fuoco, la realizzazione di opere che vanno dalle abitazioni per persone disabili nei pianiterra dei palazzi di via Caduti per Servizio, alle piazze fra quei palazzi, la Strada Pendolo, Piazza Caduti del Mare. Ora attiveremo gli uffici per fare partire i progetti già pronti per l’appalto. Ricordiamo che nei 18 milioni ci sono: 1.055.000 per la mobilità ciclabile (completamento rete ciclabile in varie zone); 6.118.000 euro per la viabilità (Tiburtina, San Donato, Via Pantini e PUMS); per la riqualificazione urbana 6.827.000 euro (a Zanni, Borgo Marino, Fontanelle, San Donato, Città della Musica e Lungofiume); i rimanenti 4 milioni sono destinati ad interventi sociali che abbiamo non solo guidato con le esigenze del Comune ma anche iniziative e proposte del bando. Di nuovo al lavoro”.

Pagina 1 di 382

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione