Vasto. Inizieranno ad ottobre i lavori di messa in sicurezza del tratto di S.P. 170 Punta Penna e S.P. 171 Vignola. L’intervento prevede il rifacimento dell’intera carreggiata stradale e successiva segnaletica orizzontale. Sulla S.P. 171 Vignola invece sarà effettuato il ricarico degli avvallamenti della carreggiata stradale oltre la segnaletica orizzontale.

Il tempo utile per ultimare tutti i lavori è di circa 40 giorni. La gara d’appalto espletata nei giorni scorsi è stata vinta dall’ Impresa Asfalti Trigno, prima in graduatoria nella procedura, con il ribasso del 20,111%.

“Inizieranno a breve i lavori necessari alla trafficatissima arteria che collega Vasto a Punta Penna. Sono felice - ha detto il sindaco di Vasto, Francesco Menna - che grazie anche all’impegno del consigliere provinciale Vincenzo Sputore sarà possibile tra qualche mese transitare in sicurezza su quella strada provinciale. Più volte sono stato sollecitato dalla cittadinanza per il rifacimento di quella arteria, ora finalmente verrà data una risposta tangibile. La prossima estate anche i turisti che raggiungeranno le spiagge della Riserva di Punta Aderci avranno modo di apprezzare l’intervento. Un ringraziamento particolare anche alla Capitaneria di Porto”.

Vasto. A Vasto si sperimenta una formula assistenziale inedita e assolutamente innovativa. Si tratta dell’ambulatorio a gestione interamente infermieristica, ubicato all’interno del Distretto sanitario di via Michetti, che si colloca nell’ambito delle cure primarie e fornisce risposte adeguate in situazioni di bassa e media complessità, riferite principalmente alle patologie croniche e degenerative. In particolare, l’ambulatorio è rivolto a utenti portatori di stomie, come conseguenza di patologia oncologica e infiammatoria del tubo digerente e delle vie urinarie.

Il nuovo servizio è stato presentato questa mattina a una folta platea di operatori sanitari, pazienti e medici di medicina generale dal direttore dell’unità operativa Servizio delle professioni sanitarie, Franco Giancristofaro, alla presenza del direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco, dell’assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, del sindaco di Vasto, Francesco Menna, e del presidente dell’Associazione stomizzati incontinenti abruzzese (Asia), Fausto Paolini.

L’assistenza specializzata per le stomie comincia nella fase pre-operatoria e prosegue dopo l’intervento fino alla riabilitazione, rendendosi necessaria nella maggior parte dei casi per tutta la vita del paziente. Data la specificità della situazione che si trovano a vivere gli stomizzati, è bene che la cura e la gestione dello stoma siano supportate da ambulatori territoriali dedicati, che possano occuparsi efficacemente della parte assistenziale che segue quella chirurgica, che impatta in modo significativo sulla vita del paziente.

Fondamentale è, in fase preliminare, l’avvio da parte dell’infermiere di una relazione terapeutica con la persona e la famiglia, che comprenda l’ascolto attivo, la fiducia, l'empatia, la giusta risposta alle necessità di salute e la continuità dell’assistenza.

L’ambulatorio delle stomie, dunque, mira alla gestione integrata tra ospedale e territorio dei pazienti, riducendo i problemi assistenziali ed emotivi che affliggono i malati e le loro famiglie, anche attraverso un servizio di educazione sanitaria sulla prevenzione delle complicanze.

«Questa sperimentazione avviata a Vasto è importante anche sotto il profilo organizzativo - ha messo in luce Flacco -, perché mette in rete i servizi di cura delle stomie attraverso un unico coordinamento di diverse figure professionali coinvolte nel percorso di cura, offrendo al paziente un’assistenza dedicata che non troverebbe altrove. Senza trascurare il riconoscimento e la valorizzazione professionale che questa struttura sancisce per la categoria degli infermieri».

L’ambulatorio è stato accolto con grande favore dal presidente dell’associazione Asia, Fausto Paolini, il quale ne ha sottolineato il valore per il miglioramento della qualità di vita degli stomizzati, ricordando la difficoltà che tali pazienti vivono ogni giorno e che ne condizionano la vita di relazione.

Il carattere innovativo del servizio è stato sottolineato invece dall’assessore regionale: «Questo è un esempio di sanità che cambia e guarda al futuro - ha detto Silvio Paolucci -, che propone un’organizzazione innovativa e si concentra sul percorso che i pazienti devono compiere una volta usciti dall’ospedale. E’ in quella fase che c’è maggiore bisogno di essere seguiti, come testimonia l’Associazione che oggi qui è così ben rappresentata. Cambiare, dunque, si può e si deve, perché le necessità ce lo impongono, avendo il coraggio di innovare e guardare avanti. Ed è questo l’unico orizzonte a cui guardare per pensare alla sanità che sarà e costruirla tutti insieme, con la consapevolezza di contribuire al servizio sanitario che è il migliore al mondo».

Vasto. Mercoledì 19 settembre presso un' aula magna del Palizzi gremita di studenti, docenti, aspiranti imprenditori e persone sensibili alle tematiche economiche, in occasione del quattordicesimo modulo del corso "L'Altra Prospettiva dell'Economia" (organizzato dall'associazione Formamentis nell'ambito del progetto finanziato dalla comunità europea Sycamore), il prof. Stefano Zamagni ha relazionato sul tema "Economia e menagement di comunione".

«La crisi dimostra il fallimento dei modelli economici basati esclusivamente sulla massimizzazione dei profitti. C’è un contesto nuovo ed è il modello dell’economia civile di mercato ciò a cui dobbiamo guardare».

La teorizzazione dell'Economia Civile è avvenuta per la prima volta nel 1753 qui in Italia presso la facoltà di Napoli ad opera di Antonio Genovesi.

Oggi gli "imprenditori Civili" (ossia coloro che adottano nelle loro imprese le logiche dell'economia Civile") sono quelli destinati ad avere più successo e a resistere sul mercato perchè sanno valorizzare tutte le persone coinvolte nel processo produttivo. "Un lavoratore non apporta solo le braccia ma anche il cuore". E se si riesce a far capire a un lavoratore che il suo lavoro è prezioso anche per la collettività, il suo lavoro sarà più di qualità e andrà ad alimentare un circolo vizioso di buone pratiche.

Alla domanda provocatoria di Gianluca De Santis, Digital Marketing Strategist presso Camera di Commercio di Chieti Pescara, "allo stato attuale le imprese che adottano le logiche dell'economia Civile sono solo 400. Come potrà questa minoranza influire in maniera incisiva sull'economia mondiale?" Zamagni con molta semplicità ha risposto "la storia è piena di esempi di cosiddette "minoranze profetiche" ossia piccoli gruppi di persone che sono stati in grado di influire sulla storia dell'umanità. Un esempio è dato dai 12 apostoli di Gesù che hanno fatto conoscere Gesù e i suoi insegnamenti a tutto il mondo. E questo è un dato di fatto anche per i non credenti. Purtroppo non tutti ne parlano ma sul mercato la finanza etica (quindi non prettamente speculativa) influisce il 20% sul Pil nazionale. Inoltre la validità di logiche di Economia civile trovano sostegno anche nei nuovi modelli di organizzazione del personale dette "Olocratiche" che si contrappongono a quelle tayloriste. Il modello olocratico, nato nel 2007, riesce a valorizzare le potenzialità di ciascuno in una logica di lavoro di gruppo e di condivisione".

Zamagni ha anche affrontato l'attualissimo e discusso tema del "reddito di cittadinanza". "E' sempre esistito e va bene se è visto come uno strumento di lotta alla povertà per quelle situazioni particolari di stato di impossibilità al lavoro, ma non è un valido strumento di manovra economica. Occorre un "lavoro di cittadinanza" perché il lavoro è fondativo della persona e dà dignità all'uomo. Bisogna creare posti di lavoro". Rispondendo a un'altra domanda proveniente dal pubblico "ma come si può creare il lavoro di cittadinanza?" Zamagni ha risposto "tante sono le possibilità, basta guardarsi intorno e vedere i bisogni della società:

Quanto bisogno c'è di relazioni con le persone (assistenza anziani, mamme, bambini, persone sole eo con handicap)
l'ambiente: ci si lamenta che viviamo in un posto inquinato ma cosa si fa per contrastare questo fenomeno
i beni culturali: l'Italia detiene il più grande patrimonio artistico culturale al mondo ma quanto si fa per conservare, far conoscere questo bagaglio? La cosiddetta "economia arancione" ossia quella collegata alle arti creative (musica, teatro, arti figurative ecc). Noi siamo per natura un popolo creativo. Questi settori vanno visti non con una logica di assistenzialismo ma di risorse.

Vasto. C’è tempo fino al 28 settembre per partecipare al bando per il Servizio Civile 2018 per la selezione di 12 volontari di età compresa tra i 18 ed 28 anni.
I progetti si realizzeranno nell’ambito del territorio del Comune di Vasto nei seguenti settori:

1) EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE ;
2) PROTEZIONE CIVILE ;
3) PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE;
4) ASSISTENZA PRIMA INFANZIA E DISABILI;

Il Servizio Civile è un'importante occasione di crescita personale e lavorativa, un'opportunità di educazione alla cittadinanza attiva e un prezioso strumento per aiutare le fasce più deboli della società, e contribuisce allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.
Il Servizio Civile dura un anno e prevede un compenso mensile di € 433,80. Viene erogato anche un percorso di formazione, e fornisce la certificazione delle esperienze e delle competenze acquisite durante lo svolgimento delle attività progettuali.

Le domande di partecipazione devono essere compilate sul modulo predisposto, disponibile presso gli uffici comunali del Segretariato sociale in via Nicola Bosco, o sul sito internet www.comune.vasto.ch.it nella sezione Avvisi pubblici.

La domanda dovrà essere presentata entro il 28 Settembre 2018 inviandola all’indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., o consegnata manualmente.

La candidatura a più progetti di servizio civile comporta l’esclusione automatica. È possibile candidarsi ad un solo progetto in un solo ente.

Vasto. Anche i Musei Civici di Vasto aderiscono alle Giornate Europee del Patrimonio il cui tema quest’anno è #artedicondividere.
Eccezionalmente nella sola giornata di sabato 22 settembre 2018 la Mostra “Dopo il Diluvio, Filippo Palizzi, la Natura e le Arti” aprirà la sera dalle 21.00 alle 24.00 al costo simbolico di 1€
Negli altri orari tariffe ordinarie.
Tante storie, emozioni, suggestioni, ricordi vissuti dai nostri appassionati visitatori che potranno ora condividere caricando le loro istantanee d’arte sul profilo InstagramPalazzo d’Avalos – Meraviglia d’Abruzzo.

Info:
Musei Civici di Palazzo d'Avalos, Piazza Lucio Valerio Pudente, 5. Vasto (CH) 66054
tel. 0873/367773-3343407240
www.museipalazzodavalos.it - Facebook: Palazzo d'Avalos Meraviglia d'Abruzzo
Instagram: Palazzo d’Avalos – Meraviglia d’Abruzzo.

Vasto. Ladies in jazz. Ada Montellanico, la regina del jazz a Vasto. La più raffinata interprete del canto jazz in Italia e presidente del Midj, associazione cui aderiscono i jazzisti italiani, ha accolto l'invito del Comune e del musicista Lino Molino e sarà in città il 27 settembre prossimo. Il concerto della grande artista, in programma in realtà a fine agosto, è slittato a causa del maltempo.

La Montellato, paladina dei diritti sociali, civili e delle donne (non a caso ha dedicato un album a Abbey Lincon la paladina dei diritti civili) dal palco dei Giardini di Palazzo D'Avalos renderà omaggio alle donne di Genova, ".. meravigliose e forti creature ", ha rimarcato l'artista "invincibili anche davanti alle sciagure come quella capitata il 14 agosto con il crollo del viadotto Morandi".

Soddisfatto ed orgoglioso della presenza a Vasto della Montellanico, il direttore artistico dell’evento, Lino Molino. "Ringrazio il Comune di Vasto", ha detto Molino "per la disponibilità e la scelta di un'artista di così alto livello. Il concerto di agosto tenuto da Joyce Eliane Yuille ha affascinato e commosso. La bravura e il carisma di Ada Montellanico sono certo conquisterà la platea" ha commentato il musicista.

Il concerto, in programma alle 21,30 nei giardini di Palazzo D'Avalos, in caso di pioggia si terrà al teatro Rossetti.

Vasto. Dopo la pausa estiva riprendono gli incontri della Scuola Popolare di Economia Civile organizzati dall' Associazione FormaMentis di Vasto nell'ambito del progetto europeo SYCAMORE.

Mercoledì 19 settembre dalle ore 14 alle ore 17, ci sarà il quattordicesimo modulo del corso presso l'aula magna dell'Istituto commerciale F. Palizzi di Via Conti Ricci 25 a Vasto, ci sarà l'illustre prof. STEFANO ZAMAGNI, economista italiano, ordinario all’Università di Bologna, Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, socio fondatore e Docente della Scuola di Economia Civile.

L'incontro verterà sul tema "Economia e menagement di comunione". Il prof. Stefano Zamagni è docente di economia politica dell'Università degli studi di Bologna, fondatore e docente della Scuola di Economia civile, è "economista e consultore del Papa" dal 1990, scrittore e grande innovatore del pensiero economico a livello nazionale e internazionale.

Molteplici sono le onorificenze, i riconoscimenti e le appartenenze alle accademie a livello nazionale. Con il prof. Stefano Zamagni vivremo una preziosa occasione per riscoprire un'altra economia costituita dalle imprese relazionali che sviluppano una nuova attitudine nei confronti del lavoro che consiste nel provare gioia nel dare: far sorridere, trasmettere, soccorrere, consolare insieme. Questi sono i frutti che uniscono i membri dell'economia civile e di comunione.

L'economia di mercato ha urgente bisogno di andare oltre l'attuale capitalismo individualistico-finanziario, verso un'economia civile e civilizzante che sappia creare valore e valori, rispettare e curare l'ambiente, generare lavoro.

L’economia civile è una tradizione di pensiero economico nata nei fatti, anche se non aveva proprio questo nome, in Toscana nel 1400, l’umanesimo civile è stato il secolo d’oro dell’economia civile. Poi questa tradizione è continuata fino a che nel 1753 l’università di Napoli istituì la prima cattedra al mondo di economia civile. Da Napoli questo modo di affrontare la tematica economica si è diffusa nel napoletano e poi a Milano dove incrociò il pensiero di Pietro Verri, Romagnosi e di tanti altri pensatori. L’idea di base dell’economia civile è quella di rifiutare l’assunto antropologico che troviamo invece al centro del paradigma dell’economia politica, secondo la quale homo hominis lupus, ogni uomo è un lupo nei confronti degli altri uomini. Per l’economia civile l’assunto, che venne così descritto da Antonio Genovesi padre del primo cattedrato di economia civile, è homo homini natura amicus, ogni uomo è per natura amico dell’altro uomo.

Vasto. Continua senza sosta l’azione di controllo e contrasto alla criminalità da parte della Polizia Stradale di Chieti e Vasto sud.
In seguito all’intensificazione del controllo del territorio si mettevano in atto più dispositivi da parte della Polizia Stradale di Chieti, diretti dal Commissario Capo Fabio Polichetti e coordinati dall’Ispettore Superiore Antonio Pietroniro.
Nella rete messa in atto sulla viabilità ordinaria ed autostradale nell’ultima settimana, dopo l’operazione messa a segno lunedì 17 con l’arresto di una persona, la denuncia a piede libero di una seconda ed il recupero di 4 autovetture, rubate poco prima nel centro abitato di Francavilla al mare, anche nella mattinata odierna veniva rintracciato ed arrestato un cittadino di nazionalità albanese sul quale pendeva un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Como, per reati contro la prostituzione.
L’operazione scattava verso le 11,00 di questa mattina nei pressi dell’area di parcheggio San Lorenzo in A/14, dove un equipaggio in borghese della Polizia Stradale di Chieti e due equipaggi della Polizia Stradale di Vasto sud bloccavano L. A. di anni 38 il quale stava percorrendo l’autostrada in direzione Milano, presso la propria abitazione, dopo aver trascorso un periodo di vacanza in Albania.
Lo stesso veniva condotto presso la Sottosezione di Vasto sud per poi associarlo alla casa circondariale di Vasto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Vasto. I lavori per la batteria di loculi, nella zona retrostante l’ex obitorio del Cimitero di Vasto, inizieranno dalla prossima settimana. A dichiararlo è l’assessore con delega ai Servizi Manutentivi, Gabriele Barisano.

“Alcuni cittadini hanno denunciato il disagio vissuto a causa di una impalcatura - ha spiegato l’assessore Barisano - che da tempo è stata collocata per garantire l’incolumità degli utenti, a causa della caduta di calcinacci. Prima di poter procedere con i lavori è stato necessario verificare la struttura dove si registrano problemi tecnici e strutturali e valutare l’intervento da adottare. Ci scusiamo pertanto con la cittadinanza per l’attesa - ha concluso Barisano - ma entro alcune settimane la batteria di loculi sarà ripristinata”.

Lanciano. Procedono positivamente i lavori in corso in casa Unibasket. Sabato i ragazzi di coach Corà hanno affrontato, nella terza amichevole precampionato, la forte Vasto Basket, candidata a vincere il campionato di serie C Silver. Si sono affrontati due team nel pieno della preparazione, eppure si sono già viste le qualità dei due roster. In particolare, bella sfida sotto le plance tra due reparti di altissimo livello con giocatori del calibro di Cukinas, Adonide, Ciampaglia e Oluic. Bell’impatto sul match dei giovani dell’Unibasket, responsabilizzati dalla gestione tecnica di coach Corà. L'aritmetica ha premiato Lanciano, che ha vinto due quarti e ne ha pareggiato un altro per il 73-69 finale.

Martelli è precauzionalmente in panchina con la borsa del ghiaccio sulla caviglia e al suo posto parte in quintetto Masciopinto, che sembra subito avere un buon passo e attacca il ferro con pericolosità (3-0). La partita gode di buon ritmo ma non decolla dal punto di vista realizzativo, complice il gran caldo che porta con sè poca lucidità. Cukinas da una parte e Fontaine dall’altra fanno valere la propria fisicità e aumentano la percentuale al tiro delle rispettive compagini (8-6). Vasto mette in naso davanti con due bei canestri di Giandomenico Ucci, playmaker di grande levatura che, rimanendo in tema Unibasket, due stagioni fa ha vestito la canotta dell’Amatori, lasciando un ottimo ricordo. Una grande penetrazione di Capuani sigla il 16-15 che chiude il primo parziale.

Si riazzera il punteggio e Mordini lo sblocca con un bel gioco da tre punti. Il ferro sputa beffardamente fuori due belle iniziative di Agostinone e Vasto ne approfitta, piazzando un break di undici punti consecutivi, chiudendo positivamente alcune azioni in cui la palla gira in maniera brillante. Cukinas fa 2/2 dalla lunetta, Mordini segna la sua classica tripla e l’Unibasket torna in carreggiata. Oluic alla fine fa valere il suo tonnellaggio sotto canestro e trascina i suoi verso il 20-16 finale che premia Vasto.

Due fiammate caratterizzano l’inizio del terzo quarto. Lanciano vola 5-1 con tre liberi di D'Eustachio, per poi subire il sorpasso degli avversari (5-7) trascinati da Ucci. Coach Corà ruota i suoi ragazzi per dare minutaggio ai suoi giovani, scelta giustissima per far crescere i ragazzi, anche quando il valore atletico di Fontaine e Ciampaglia sembra dirompente. Sei punti di fila di Luca Di Tizio proiettano avanti i vastesi (11-6), ma i giovanissimi dell'Unibasket ripagano la fiducia del coach ed elevano l'intensità del match: quando Lanciano alza il pressing sembra davvero poter mettere in difficoltà ogni avversario (12-11) e in transizione raggiunge presto la parità sul 17-17.

Questo pressing a tutto cambio ha cambiato il volto del match e Lanciano ora sembra avere il pallino in mano (7-0; 10-2) con Cukinas che domina e gli esterni che impongono un ritmo alto al gioco in ogni zona del parquet. In grande evidenza Agostinone e Mordini. Vasto torna in carreggiata trascinata da Oluic, ma l’Unibasket conserva qualche punto di vantaggio (16-12; 19-14). Le squadre continuano generosamente a correre e a difendere fino alla sirena, il cui suono premia l’Unibasket che vince il tempino 24-17 e la partita di 73-69.

Il prossimo test match dell'Unibasket Lanciano sarà proprio contro i cugini di Pescara allenati da coach Stefano Rajola.

Pagina 1 di 45

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione