Chieti. Il 16 giugno appuntamento con il grande rock allo Stammtisch Tavern di Chieti Scalo: arriva in concerto la più scatenata Tribute Band dei Pearl Jam, i Momma Son. Sarà una serata imperdibile dedicata alla musica del gruppo di Eddie Vedder (inizio ore 22.00).

Il progetto Momma Son nasce, come sempre accade in questi casi, dall’entusiasmo di cinque ragazzi abruzzesi nell’onorare la mitica band di Seattle: i Pearl Jam.

Per chi non conoscesse il retroscena, il nome della Tribute Band è un omaggio alla demotape (MommaSon) che Jeff Ament e Stone Gossard (bassista e chitarrista futuri dei Pearl Jam) inviarono ad un allora sconosciuto benzinaio di Chicago con la passione della musica, Eddie Vedder (da questa demo presero vita capolavori come Footsteps, Alive e Once).

Oltre che essere fan, i cinque ragazzi oltretutto hanno avuto un passato in altri gruppi tributo della band di Seattle: è così che Iacopo Dell’Osa (basso) e Pierguido Lo Priore (chitarra), già insieme come amici d’infanzia e componenti della precedente Tribute Band, decisero di rifondare il gruppo. Così, nell’autunno 2013, al progetto si sono uniti Riccardo Renzetti (chitarra), Francesco Di Giovanni (batteria) e Piergustavo De Francesco (voce e chitarra).

Dopo un primo periodo di studio e fondamentali prove in sala, il gruppo è pronto per esibirsi dal vivo…giusto slancio per proporre il repertorio Pearl Jam sia in chiave elettrica che acustica nei vari locali d’Abruzzo e zone limitrofe. Se c’è una cosa imparata finora, è che i Pearl Jam non vanno solo “suonati”…i Pearl Jam bisogna soprattutto viverli. Questo si può capire (e i veri fan lo sanno) dalla varietà delle setlist che portano in ogni tour (repertorio ventennale permettendo) cambiando così in ogni concerto la loro esibizione.

Questa è la “benzina” dei Momma Son ogni volta che provano e si esibiscono: la consapevolezza di avere un repertorio da omaggiare così ampio da poter spaziare di serata in serata, proponendo sempre qualche novità a chi ama come loro il gruppo statunitense.


I Momma Son sono:

Piergustavo De Francesco (voce e chitarra), Iacopo Dell’Osa (basso), Francesco Di Giovanni (batteria), Pierguido Lo Priore (chitarra), Riccardo Renzetti (chitarra).

Momma Son Pearl Jam Tribute Band live allo Stammtisch Tavern (Viale Unità d’Italia, 645 Chieti Scalo)
16 giugno 2018
Info e prenotazioni: 0871. 577171 – 342.0704408 (anche whatsapp)

L'Aquila. L'Associazione Insieme Strumentale "Serafino Aquilano", Mercoledì 13, alle ore 21, presso la Basilica di San Giuseppe Artigiano all'Aquila, in occasione della festività di San Antonio da Padova, propone un concerto in ricordo di Walter Tortoreto, protagonista della cultura abruzzese: critico musicale, scrittore, giornalista, intellettuale a tutto tondo, infaticabile organizzatore di eventi e osservatore attento della politica e della società. “La sua missione era quella di emancipare il popolo, di renderlo consapevole protagonista, mediante la fruizione di una cultura alta, musicale o di qualunque altro tipo essa fosse.” Così lo definisce lo storico Walter Cavalieri.
L'evento ha il patrocinio del Comune dell’Aquila, Archidiocesi Aquilana, Fondazione Carispaq, Associazione I Solisti Aquilani, Ente Musicale Società Aquilana dei Concerti "B. Barattelli" ,Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, Istituzione Sinfonica Abruzzese ed è in collaborazione con l'Associazione Corale Novantanove e l'Associazione Orchestrale da Camera "Benedetto Marcello".
Ad introdurre il concerto sarà il Prof. Gianluca Tarquinio. Il programma prevede l’esecuzione dello Stabat Mater di Fedele Fenaroli, di cui ricorre in questo anno il duecentesimo anno dalla morte e il Gloria di Antonio Vivaldi. Voci soliste Maria Tomassi, soprano e Federica Carnevale, contralto, Direttore del Coro Ettore Maria Del Romano, Direttore Sabatino Servilio.
L'Insieme Strumentale "Serafino Aquilano" si è ufficialmente costituito nel 1992 sotto la direzione del M° Sabatino Servilio. Il Gruppo ha partecipato al VII Concorso Nazionale "Giovani Musicisti Gargano" 1992, ottenendo il 1° dei premi assegnati; il 2° premio al Concorso "A.M.A. Calabria" 1993; il 2° premio al Concorso Internazionale di Musica per i Giovani "Città di Stresa" 1994.
Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all'estero, suonando per Istituzioni prestigiose ed avvalendosi della collaborazione di musicisti di chiara fama. Ha collaborato con Enti e Associazioni presenti nella Regione. L'ensemble è composto da strumentisti ad arco, a seconda delle esigenze di programma si avvale della collaborazione di strumentisti a fiato. Il repertorio spazia dall'antico al moderno, con particolare riguardo ad opere di compositori contemporanei, pur con l'attenzione a linguaggi diversi.
INGRESSO GRATUITO

Insieme Strumentale “Serafino Aquilano” Violini: Luca Matani, Sara Tortoreto, Claudio Moroni, Carolina Giuliani, Andrea Petricca, Sergio Colantoni, Massimo Pacella Serena Di Iulio, Alessandra Chiarelli, Luvi Gallese; Viole: Luca Giuliani Paolo Bertollo; Violoncelli: Giancarlo Giannangeli, Graziano Nori; Contrabasso :Mariano Innocenzi; Oboe : Riccardo Bricchi; Tromba:Giuseppe Zanfini; Organo: Ettore Maria Del Romano.

Napoli. Prossimamente in Europa per tre tappe: Barcellona (Sónar festival) poi a Napoli per la prima volta, e infine Londra (Oval Space).

In esclusiva nazionale nel settecentesco cortile di Casa Morra, Terry Riley si esibirà al pianoforte e synth con il figlio Gyan alla chitarra. Questo evento è ovviamente organizzato dalla Fondazione Morra, da sempre attenta a proporre in città le neo-avanguardie contemporanee, in collaborazione con la E-M ARTS.

Un evento unico per la città partenopea, il grande artista di musica contemporanea che ha generato la musica minimalista “ripetitiva”, seguita da tanti altri musicisti minimalisti e da formazioni di musica popolare. Negli ultimi anni è in tour con il figlio Gyan alternando momenti musicali tipici del repertorio folk e jazz fino, ovviamente, a toccare momenti di avanguardia minimale.

Nella suggestiva Casa Morra - Archivio d’Arte Contemporanea di Napoli un’occasione eccezionale per ascoltare e comprendere le intricate strutture sonore del duo Terry Riley e Gyan Riley i quali, diffondendo un'intensa e vibrante energia, ampliano la propria particolare comunicazione artistica in maniera neurotica e stimolante.
Terry espande i confini della struttura prescelta e grazie agli 'incitamenti' di Gyan giungono in direzioni insolite verso maratone di creazione spontanee e ipnotiche. Questa forza sonora interagisce con l’ambiente spaziale e il vigore del pubblico, generando un'esperienza di grande impatto che agisce nella profondità dell'animo.
Per Terry Riley la musica è un modo per collegarsi ad un potere forte, ancora indistinto. Gyan è un chitarrista virtuoso di formazione classica influenzato dalle strutture ritmiche del Nord Africa e della Spagna ed un esperto improvvisatore.

Padre e figlio generano una performance di corrispondenze intuitive in cui si influenzano a vicenda in un flusso emozionale intenso e intimo. Le strutture armoniche generate dal pianoforte e dalla chitarra, guidate dal genio umano, creano profonde tessiture sonore che si compenetrano attraverso una reciproca capacità di improvvisazione.
Per Terry e Gyan la materia sonora è un processo incessante proveniente dall'ignoto fatto di movimenti modulari e ritmi semplici che vanno intesi come una pulsazione universale costante.

Il concerto si svolgerà il 27 Luglio 2018 presso il cortile di Casa Morra in Napoli, in via Salita San Raffaele 20/c; con inizio alle ore 21:00 e biglietto unico al prezzo di euro 18,00 + d.p.

Campli. Per il Festival Abruzzo dal Vivo realizzato, grazie al Mibact e Regione Abruzzo, dai 23 Comuni del cratere sismico, con capofila il Comune di Crognaleto e direzione artistica e coordinamento di ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, sabato 9 giugno alle 21 a Campli sul palco si esibirà il cantautore Nanco, in un concerto che affiancherà la videoproiezione del cortometraggio Timballo, nell’ambito dell’evento “Musica e sapori di timballo”.

Sarà una festa a tutto tondo il cui protagonista è il tradizionale piatto del Timballo, e vedrà a corollario un convegno, laboratori, degustazioni, proiezioni e il Concerto di Nanco ad animare l’antico borgo di Campli.

Ad aprire la serata in piazza la proiezione del cortometraggio “Timballo” sul tema dell'integrazione, prodotto da Itaca e diretto dall’atriano Maurizio Forcella con la sceneggiatura di Pietro Albino Di Pasquale e con attori come Maria Grazia Cucinotta e Ivan Franek. Il cortometraggio si fonderà con il concerto del cantautore teramano Nanco che chiude l’ultima scena del corto e nelle riproduzioni musicali del compositore Gianluigi Antonelli.

 

Programma:

ore 11.00 ex Chiesa S. Maria degli Angeli, convegno sull’enogastronomia

ore 17.00 portici di Palazzo Farnese laboratori di cucina sulla preparazione del timballo

ore 21.00 Piazza V. Emanuele II, proiezione del cortometraggio, concerto e degustazioni

Per prenotazioni laboratorio: 0861/5601207 o 328/8732772

 

Ingresso Gratuito

 

Biografia NANCO… un sapore antico su sonorità moderne


Nino Di Crescenzo (in arte Nanco) nasce a Teramo, il 15 marzo 1975.
Esordisce nel giugno 1994 come interprete nelle selezioni di Castrocaro, nel 2012 a distanza di diciotto anni Nino Di Crescenzo fonda insieme ad altri musicisti ”Elymania” Afterhours tribute band che lo porta a cantare sullo stesso palco degli Afterhours.
Nell’ottobre 2013 adotta lo pseudonimo NANCO, ironicamente mutuato dal nome del brigante Ninco Nanco, e incontra Gianluca D’Eustachio (voce e chitarra storica dei Pretusa Mens), Romolo Di Gregorio (batterista dei Pretusa Mens), Marco Di Martino (chitarrista dei Pretusa Mens) e Nicola Aloisi (virtuoso del violino e del mandolino). Insieme danno vita all’album Acerrimo che guadagna ottime recensioni e risultati di vendita conquistando il 10 posto nella Top20 degli album italiani del 2016.

Surbo. ​Venerdì 8 giugno al via una tre giorni di musica per l'evento "Come Farfalle", la XVIII edizione della festa del diversamente abile organizzata dall'Associazione Marco 6,31 di Surbo. Protagonisti della serata inaugurale sarà il trio guidato dal trombettista Cesare Dell'Anna che porteranno in scena una miscela di sonorità tra jazz, dei Balcani e del Sud Italia, in una formula del tutto originale che darà vita ad un incontro musicale emozionante e coinvolgente.

Dal vivo con la formazione in trio, Cesare Dell'Anna offre una grande varietà di stili e culture, miscelate ad arte in una formula tanto eclettica quanto originale. L'incontro tra le sonorità jazz da cui trapela un'appartenenza al Sud Italia infatti sposa alla perfezione la musica balcanica, dando vita ad un calderone musicale esplosivo. I ritmi irregolari e la tecnica espressiva dei singoli musicisti creano un'alchimia a cui è impossibile resistere; un viaggio musicale che parte dal Salento ma che, durante l'esibizione, è capace di portare in giro per il mondo gli ascoltatori. Se avrete l'impressione di essere in Romania piuttosto che in Marocco, Bosnia, Marocco o Albania, avrete colto in pieno lo spirito dell'esibizione.

Cesare Dell'Anna è uno dei musicisti più acclamati nel territorio nazionale per essere divenuto negli anni un punto di riferimento con la sua musica ricca di contaminazioni. La sua appartenenza ad una famiglia di musicisti bandisti fa sì che si registrino a soli 7 anni le prime esperienze con la tromba, strumento che lo accompagnerà per tutto il percorso artistico. Tantissimi i progetti a cui ha lavorato nel corso della sua carriera: dal balkan-jazz con gli Opa Cupa alla world music di Zina, dal travolgente Tarantavirus al prestigioso GirodiBanda, passando per la fondazione di un'etichetta discografica indipendente, la 11-8 Records e la casa laboratorio "Hotel Albania".

Pescara. Caparezza da novembre a febbraio ha registrato 20 sold out nei palazzetti, ha percorso più di 9.000 KM sul furgone da nord a sud dello stivale, ha venduto più di 125.000 biglietti.

Grazie al suo ultimo album “Prisoner 709” e ai suoi singoli è rimasto nelle “hot airplay” radio italiane. Il risultato è che Caparezza è l’artista italiano dell’anno.

 

La storia non finisce qui. Caparezza è pronto a tornare a saltare sui palchi in una tranche estiva di oltre 20 date in tutto il Paese, dove incontrerà nuovamente i suoi fan e regalerà emozioni come solo lui sa fare… Sei pronto ad una estate che “Ti Fa Stare Bene”?

 

Tra le tappe del tour lo Stadio Aragona di Vasto, dove Caparezza sarà in concerto giovedì 2 agosto alle 21:30. Organizzazione Best Eventi, Muzak e Ro.Ra Spettacoli.

 

Biglietti disponibili sui circuiti TicketOne www.ticketone.it e CiaoTickets www.ciaotickets.com: tribuna coperta 34,50 – parterre in piedi 28,75 (diritti di prevendita inclusi).

 

Info: 085 9047726 www.besteventi.it

Dopo 7 anni dall'ultimo concerto in formazione originale i romani ZU tornano a suonare dal vivo per un mini tour che culminerà il 27 Giugno a Napoli.

Con solo cinque tappe, 22 giugno a Venezia, 23 a Torino, 24 a Forlì e il 25 a Roma, il trio noise romano composto da Jacopo Battaglia alla batteria, Luca T Mai al sax baritono e Massimo Pupillo al basso elettrico, torna a far parlare di se per la clamorosa reunion in occasione della ri-edizione in vinile dell’album "How to raise an Ox", uscito solo in CD nel 2005 per la label Atavistic ed oggi ripubblicato in formato LP dalla Trost Record.

L’occasione è un appuntamento unico inserito nella rassegna "DiRotta su NaDir" nato dalla collaborazione tra il NaDir Collective e L'Asilo Filangieri.

Lo ZU Original line-up tour vede come special guest Mats Gustafsson, sassofonista svedese molto noto negli ambienti avant e free-jazz. Gli ZU concluderanno col trio originale questo epico mini tour con un evento speciale napoletano suonando dopo l'esibizione dell’OEAS, ovvero l'Orchestra Elettroacustica Officina Arti Soniche, che vanta una formazione allargata con più di 50 interpreti.

L'OEOAS (orchestra dell'officina arti soniche) nasce all'interno della classe di musica elettronica del Conservatorio di Napoli, ma in breve tempo musicisti provenienti da altre classi del conservatorio e anche dall'esterno di questa istituzione l'hanno trasformata in una sorta di “struttura aperta”, multi-identitaria. Il cuore pulsante di quest'orchestra è la "conduzione OEOAS". Tale pratica ha due fondamentali propositi: stimolare la creatività musicale estemporanea collettiva e incentivare, nella figura del direttore d'orchestra, l'arte della "maieutica".
L’orchestra conta membri in tuta Italia, ha base a Napoli e può già vantare direzioni a cura di Elio Martusciello, Carl Hubsch e Alvin Curran, con quest’ultimo ci fu un epica partecipazione di 110 musicisti su una partitura grafica e segnali scritti da Curran per l’occassione.

Il 27 maggio la direzione sarà affidata a Sergio Naddei, che utilizzerà luci e proiezioni per dare le indicazioni. I musicisti coinvolti saranno 50, che distribuiti lungo tutto il palazzo dello Scugnizzo Liberato daranno vita ad una spazializzazione sonora che di certo sorprenderà il pubblico per una performance che oscillerà tra suono e azione teatrale.

#########################

Zu.
Nati nel 1997 ad Ostia ( Roma ) Attivi dal 1999 su disco e dal vivo.
Circa 18 album e più di 2000 concerti in tutto il mondo: Europa, Stati Uniti, Canada, Messico, America del Sud, e perfino Africa.
Uno dei pochi nomi italiani ad aver varcarto i confini nazionali e ad aver suonato nei principali festival mondiali in ambiti diversissimi fra loro, dal metal, alla musica contemporanea, all' avanguardia e al jazz.
La fortuna e la croce degli Zu è sempre stata quella di aver da subito cercato una propria voce personale e di non aver mai fatto parte di alcuna scena o genere musicale. In un mondo in cui tutto va catalogato ed etichettato questa è stato un approccio eretico, che però ha fatto sì che venissero chiamati in tutto il mondo. Anche nel loro sviluppo personale come band sono passati per molte fasi diverse, dalle architetture iniziali molto spigolose ad una fase molto metal ed industrial com Carboniferous, e dopo il 2011 con il distacco temporaneo del batterista originale, Jacopo Battaglia, a cercare nuove vie e nuove alleanze. Fino ad uscite come The Left Hand Path con Eugene Robinson alla voce, e Jhator , per l' etichetta inglese House Of Mythology, un opera di sapore quasi classico,con 11 musicisti provenientii da ogni parte del mondo. Per il 2018 si attende il nuovo album chiamato "Mirror Emperor" che uscirà sempre per House Of Mythology, a nome Zu93, e che suggella un lavoro lungo 7 anni di collaborazione con il fondatore dei Current 93, David Tibet.
Nel corso degli anni gli Zu hanno mantenuto un approccio radicalmente aperto e curioso, collaborando su disco e dal vivo con musicisti di enorme calibro e spessore, come Mike Patton, con cui hanno fondato lo Zu/Patton Quartet, a King Buzzo dei Melvins, FM Einheit degli Einsturzende Neubauten, Stephen O'Malley dei Sunn o))), fino a mostri sacri del freejazz come Mats Gustafsson, Ken Vandermark e Peter Brotzmann, musicisti di elettronica sperimentale come Nobukazu Takemura e rapper come Dalek. Oltre ai 18 album hanno pubblicato un numero francamente incalcolabile di ep, singoli , apparizioni su compilation e collaborazioni.
Loro brani sono stati eseguiti da ensemble di musica contemporanea. Hanno collaborato con il regista teatrale Romeo Castellucci per uno spettacolo della Societas Raffaelo Sanzio. Ma forse la più grande sorpresa di tutta la loro storia, è stata quella di ritrovarsi un giorno a Vienna, nella casa di Gyorgy Ligeti, uno dei più grandi compositori della musica del 900, e scoprire che possedeva ed ascoltava una copia del loro album Igneo.


Official link
http://www.zuism.net/
https://www.facebook.com/vajrazu/
https://www.facebook.com/officinartisoniche/

Chieti. Dopo aver conquistato i principali club di tutta Italia passando per sold out e raddoppi, Francesca Michielin sarà protagonista anche in estate. La versione estiva del 2640 Tour, partita da Milano il 25 maggio, proseguirà con altri live in tutta Italia, terminando il prossimo 2 settembre con uno speciale appuntamento all’Home Festival di Treviso.

Il tour farà tappa anche in Abruzzo: giovedì 19 luglio, ore 21.15, al Teatro D’Annunzio di Pescara. Evento organizzato dall’Elite Agency Group.

Biglietti disponibili sui circuiti TicketOne www.ticketone.it (online e punti vendita), TicketMaster www.ticketmaster.it (online) e CiaoTickets www.ciaotickets.com (punti vendita): poltronissima numerata 32,00 – poltrona numerata 25,00 – gradinata non numerata 20,00 (diritti di prevendita inclusi). Info: 0871.685020 www.elitegroup.it

Francesca sarà l’opening act d’eccezione al concerto di Alanis Morissette a Roma, il prossimo 9 luglio all’Auditorium Parco della Musica (Cavea). Durante le sue performance live la cantautrice e polistrumentista porterà sul palco i brani di 2640, il suo ultimo album di inediti pubblicato su etichetta Sony Music che ha raggiunto, con i singoli Vulcano, Io non abito al mare e Bolivia, la soglia dei 18 milioni di stream su Spotify.

È uno spettacolo che unisce il mondo del live electronics a quello pop/rock, per una scaletta ricchissima di oltre 20 brani tutti suonati live, senza l’utilizzo di sequenze e riprodotti in una chiave di ascolto inedita. Francesca e la sua band hanno a disposizione nella loro postazione, oltre agli strumenti tradizionali, le rispettive varianti elettroniche per dare a ogni esecuzione nuove sfumature in una dimensione unica.

Sul palco con Francesca la band che la accompagna fin dal suo esordio: alla batteria e batteria elettronica Maicol Morgotti, Luca Marchi al basso, pianoforte e synth ed Eugenio Cattini alla chitarra e synth.

Chieti. Il 2 giugno gli Enkir – Rock Cover Band saranno in concerto allo Stammtisch Tavern di Chieti Scalo (inizio ore 22.30).

Il meglio del Rock anni ‘80, ‘90 e 2000: Red Hot Chili Peppers, Pearl Jam, Oasis, The Police, The Cure e tanti altri gruppi che hanno segnato la storia del Rock saranno i protagonisti di una serata indimenticabile.

Il progetto “Enkir – Rock Cover Band” nasce nell'estate del 2015 con l'obiettivo di riproporre dal vivo, in maniera fedele ma con personalità, i grandi ed indimenticabili successi rock e pop-rock che hanno caratterizzato i fantastici anni ‘80, ‘90 e 2000.
Il nome della band ha origine da quello del cereale più antico del mondo, oltre che dall'omonima birra artigianale che il gruppo usava bere dopo ogni prova in garage.

La band è formata da quattro elementi: Emilio Spinozzi (voce e chitarra acustica), Giorgio Manca (chitarra elettrica e cori), Andrea De Felicibus (basso), Leo Cornacchia (batteria e cori).


Enkir – Rock Cover Band in concerto allo Stammtisch Tavern (Viale Unità d’Italia, 645 Chieti Scalo)
2 giugno 2018
Info e prenotazioni: 0871. 577171 – 342.0704408 (anche whatsapp)

Chieti. Arriva al terzultimo concerto in programma la lunga e variegata stagione musicale del Teatro Marrucino, promossa con il M° Giuliano Mazzoccante e la Art Ensemble. Sabato 2 giugno alle 18, avrà luogo una Festa della Repubblica a suon di musica: appuntamento nel foyer dello storico teatro, dove si esibirà Marco Martuccio in piano solo.

In programma musiche di Bach, Mendelssohn, Brahms. Posto unico 7euro, per info: 0871/330470. Biglietti anche su CiaoTickets: https://www.ciaotickets.com/evento/marco-martuccio-recital-pianistico

La stagione proseguirà il 6 giugno con Nikita Fitenko e il primo luglio con Alexander Kobrin, che saluterà il pubblico con un concerto di arrivederci.

Qualche riferimento biografico sull’artista in arrivo: nato nell’89, Marco Martuccio vince a soli 11 anni il Primo Premio Assoluto al Concorso Internazionale Beethoven e i Classici di Paestum.
Negli anni si aggiudica diversi altri premi e riconoscimenti, tra questi il secondo Premio al Concorso Internazionale (di Ostuni) e il primo Premio al Concorso nazionale Musica al Cenacolo (Pescara).
Inoltre, merita di essere ricordata la partecipazione al prestigioso concorso Premio Venezia - riservato esclusivamente ai migliori diplomati dei Conservatori italiani - e la vittoria della seconda edizione della Borsa di Studio U. Adamo, riservato a tutti gli strumentisti iscritti al Conservatorio S. Giacomantonio di Cosenza.
Numerose anche le mastercalss di perfezionamento, tra queste quelle con Michele Marvulli, Edith Murano, Sergio Perticaroli, Cristiano Burato, Bernard Poetch, Agnieszka Przemyk-Bryła, Angel Condè, Andrzej Pikul, Aldo Ciccolini, Bruno Canino e Francesco Libetta.
Dopo aver conseguito brillantemente il Diploma Accademico di Secondo Livello presso il Consrvatorio di Cosenza, segue corsi Speciali di pianoforte presso la Scuola di musica di Fiesole col M° Andrea Lucchesini e a Catignano presso il “Cenacolo della Musica” con il M° Giuliano Mazzoccante.

Si è presentato in concerto in qualità di solista a Praia a Mare, Maratea, Prossedi, Priverno e Messery (Francia), Palazzo Arnone (Cosenza) e Museo dei Bretti e degli Enotri (Cosenza).

Pagina 1 di 22

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione