Roma. “Siamo in stretto contatto con il Ministero dello Sviluppo Economico e con il Ministero del Lavoro. Stiamo mettendo in campo un impegno serio e concreto per risolvere positivamente ed in fretta la vicenda, al fine di allontanare lo spettro di una crisi aziendale” a specificarlo sono il Consigliere Regionale Gianluca Ranieri, la Senatrice Gabriella Di Girolamo, il Senatore Primo Di Nicola ed il Consigliere Comunale Francesco Eligi che continuano “Il Ministro Di Maio ci ha fatto sapere che il tavolo sarà convocato per il prossimo 15 novembre e vedrà la partecipazione di entrambi i dicasteri coinvolti, in modo da velocizzare i tempi ed affrontare non solo la tematica dei contratti di solidarietà ma anche il possibile accesso ai fondi previsti per il settore dei semiconduttori. Tutto ciò, ovviamente, in ragione delle scelte e delle prospettive che la proprietà dello stabilimento di Avezzano metterà sul tavolo, anch’esse da valutare e verificare. Siamo certi dell’impegno e della collaborazione che sapranno mostrare sia la dirigenza sia i rappresentanti delle parti sociali che sederanno al tavolo. Dal canto nostro c’è già la massima attenzione. Tutelare gli attuali livelli occupazionali e la produzione di alto profilo, che viene oggi realizzata nel sito marsicano, è e resta una priorità per il M5S e per tutto il territorio provinciale”.

Pescara. Incontro dal titolo “Chi ha ucciso Aldo Moro?” organizzato dai Rotary Clubs di Pescara Nord, Pescara Ovest e Vestini Penne-Loreto e dall’Associazione Culturale “Numero Zero” venerdì 9 novembre alle ore 18 all’Aurum (sala Tosti).

Ospite principale dell'evento sarà l’onorevole Gero Grassi già vice presidente della parlamentare Commissione d'inchiesta sul rapimento e l’assassinio di Aldo Moro che a quarant’anni esatti, affronterà la questione attraverso fatti, circostanze, dubbi e questioni ancora irrisolte.

Nel corso della conviviale che seguirà l’incontro con l’On. Grassi, e che si svolgerà al Cafè Les Paillotes, sono previsti gli interventi dell’attore Pino Calabrese che interpreterà un passo del libro di Patrizio J. Macci “l’ombra di Aldo Moro”, del giornalista de Il Messaggero Paolo Mastri e di Licio Di Biase, autori di pubblicazioni su Aldo Moro.

“L’incontro - spiega il presidente del Rotary Club Pescara Nord Emidio De Florentiis - vuole non solo ricordare la figura di uno dei più importanti uomini dello Stato, ma anche ripercorrere un periodo tra i più drammatici per il nostro paese e tutto ciò che ne è seguito in termini di ricostruzione degli avvenimenti e dei personaggi che ne sono stati a diverso titolo protagonisti, tra depistaggi, segreti e ricerca della verità. Per questo intricato contesto l’evento si caratterizza perfettamente come una delle tappe di avvicinamento alla seconda edizione del festival 'Pescara a Luci Gialle’ in programma dal 3 al 5 maggio 2019”.

Pescara. Nella giornata di ieri il sindaco Marco Alessandrini, con l’assessore all’Istruzione Giacomo Cuzzi e il dirigente Fabio Zuccarini ha incontrato una delegazione del Comitato Noi a Mensa che aveva chiesto all’Amministrazione un appuntamento per confrontarsi sulla ripresa del servizio mensa.

“Abbiamo condiviso con i rappresentanti del comitato alcuni argomenti relativi alla ripresa del servizio – così il sindaco Marco Alessandrini e l’assessore all’Istruzione Giacomo Cuzzi alla fine dell’incontro – Abbiamo ascoltato le loro proposte per migliorarlo, esattamente come abbiamo fatto con tutti gli altri rappresentanti dei genitori con cui alimentiamo un dialogo diretto da quando si è verificato il problema delle tossinfezioni che ha portato alla revoca del precedente appalto. Questo accade perché insieme alle famiglie vogliamo ricostruire fiducia sul servizio, applicando l’appalto che prevede non solo controlli, ma anche strumenti di verifiche sulla qualità e di condivisioni proprio con i genitori che ci premureremo di far decollare e accompagnare finché la situazione non sarà completamente stabilizzata.

Siamo tutti consapevoli che la ristorazione è ripartita in emergenza e deve entrare a regime, ma sappiamo anche che la ditta subentrata ha dato piena disponibilità a perfezionare il servizio e confidiamo che con un mese di rodaggio, con la piena consapevolezza anche degli utenti, le iscrizioni si sono chiuse lo scorso 31 ottobre, tutto possa andare per il meglio.

Quest’anno, inoltre, Pescara ha visto anche l’ingresso del pasto da casa come opzione, scelta da qualche centinaio di famiglie, un servizio riconosciuto e gestito dalle direzioni didattiche con un apposito regolamento a cui si fa riferimento anche per la logistica. A tale proposito dai genitori abbiamo avuto sollecitazioni anche alla soluzione di problemi logistici che risolveremo d’accordo con la ditta e le dirigenze scolastiche.

Colloquiale il confronto, che ci ha dato modo di informare i genitori del fatto che stiamo lavorando al nuovo regolamento che fa da motore alla Commissione mensa, che è di competenza del Consiglio Comunale e di cui investiremo subito la Commissione Consiliare competente, perché l’organismo previsto dall’appalto e composto da genitori funzioni al più presto e interagisca con l’Amministrazione e la ditta per migliorare il servizio.

Un rapporto che vogliamo sempre più stretto, quello con le famiglie, infatti stiamo preparando una delibera Giunta che adotteremo nei prossimi giorni e che istituzionalizzerà un progetto, si tratta di “mense aperte” attraverso cui i genitori e chi li rappresenta potranno aggiungersi nelle visite a mensa che periodicamente facciamo, pranzando con noi e verificando così di persona la qualità del cibo e le modalità della ristorazione.

Tutto questo accadrà perché il servizio, pur essendo a domanda individuale, è fra i più sensibili tra quelli forniti da una pubblica amministrazione, in quanto investe la salute dei nostri bambini che, come abbiamo avuto più volte modo di precisare e dimostrare, ci sta a cuore più di tutto”.

Chieti. Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio e l’Assessore all’Urbanistica, ai Trasporti e alla Mobilità, Mario Colantonio, questa mattina, presso la sede municipale, hanno ricevuto il dott. Pasquale Angelini, referente Affari Istituzionali Marche, Abruzzo e Molise di Enel Italia srl.

Nel corso del proficuo incontro, il Sindaco ha illustrato al dirigente della multinazionale dell’energia elettrica e del gas le azioni messe in campo dall’amministrazione comunale per rendere la città di Chieti sempre più ecologica e smart grazie ai progetti di sviluppo urbano sostenibile in fase di realizzazione: dall’acquisto di autobus ecologici, alla realizzazione di piste ciclopedonali, dalle stazioni di bike sharing e di ricariche per auto elettriche, all’installazione di centraline per il rilevamento della qualità dell’aria. Particolare attenzione, poi, è stata data al progetto “green car” che verrà illustrato nei prossimi giorni nel corso di una conferenza stampa.
Il 14 novembre, infatti, entreranno in funzione le 15 stazioni di ricarica elettrica per vetture Enel X installate in:
 Via Maestri del Lavoro, all’interno del parcheggio della Piscina Comunale, con n. 6 stalli di sosta;
 Via Papa Giovanni Paolo II, sul lato opposto all’esercizio commerciale Conad, nell’area di sosta compresa tra l’intersezione con Via A. d’Egitto e l’intersezione con Via Spalato – lato Via Gorizia, con n. 6 stalli di sosta;
 Piazza Paolo IV, in prossimità dell’intersezione con Via Meneghini, sul lato opposto alla sede della delegazione comunale, ovvero sul lato destro – direzione Via De Virgiliis, con n. 2 stalli di sosta;
 Via Verdi, nell’area di sosta situata nell’area antistante alcune attività commerciali, tra l’ufficio postale e la farmacia, con n. 2 stalli di sosta;
 Piazza Matteotti, nell’area di sosta situata al centro della piazza, con n. 2 stalli di sosta;
 Via Ferri, dall’ingresso della ex Caserma Berardi per ml. 100, sul lato destro a salire, con n. 4 stalli di sosta;
 Via Amiterno, nell’area antistante la terza palazzina provenendo da Via Sulmona, in direzione Via Capestrano, con n. 4 stalli di sosta;
 Viale Europa, a circa ml. 20 dall’intersezione con Via XXIV Maggio, con n. 4 stalli di sosta.

Pescara. Si è svolto ieri mattina come annunciato l’incontro fra l’Amministrazione e gli eredi Clerico, dopo il sopralluogo della settimana scorsa che ha fatto seguito all’ordinanza per la messa in sicurezza dei palazi e dell’area. Oltre agli eredi erano presenti il vicesindaco Antonio Blasioli, l’assessore al Governo del Territorio Loredana Scotolati, il direttore del Comparto Tecnico Tommaso Vespasiano, il dirigente del settore Urbanistica Gaetano Silverii, il dirigente all’edilizia Aldo Cicconetti e la responsabile del servizio Isabel D’Ercole, per fare il punto sulla storia e la situazione degli immobili Clerico non terminati e siti fra via Tavo e via Tiburtina.


La storia. La complessa procedura risale addirittura al 30 agosto 1968, 50 anni fa, quando sono state rilasciate le licenze edilizie. Tre di questi edifici sono stati completati, venduti e abitati, si tratta di quelli posti tra gli immobili Ater noti come “Ferro di Cavallo” e i ruderi ancora in costruzione; delle strutture rimanenti due palazzi sono terminati, mancano solo le rifiniture, mentre di un altro sono state realizzate solo le fondamenta.

Con il cambio del Prg, un’ordinanza del sindaco dell’epoca datata 16 novembre 1983 in applicazione delle norme di salvaguardia, dispose la decadenza delle licenze edilizie. Il 27 gennaio 1984 Emidio e Domenico Clerico impugnarono l’ordinanza davanti al Tar, che con sentenza n. 397 del 1985 accoglieva i ricorsi dei proprietari. Successivamente la sentenza, probabilmente anche a causa dell’improvvisa fine della legislatura dovuta alla morte dell’allora sindaco Casalini, non venne impugnata ed è quindi passata in giudicato. Gli eredi Clerico chiesero una proroga dei termini per la realizzazione, ma l’Amministrazione di allora non si espresse. Successivamente, intorno al mese di ottobre del 2003, nell’ambito dell’individuazione della possibile localizzazione della caserma dei carabinieri che attualmente sorge in via Lago di Borgiano, si cercò un trasferimento compensativo e per questo fine l’Amministrazione si occupò di redigere una relazione peritale per la fotografia dello stato dei luoghi e soprattutto per l’individuazione esatta delle superfici legittimate. A questo stato di consistenza lavorarono l’architetto Vespasiano e il dirigente Gaetano Silverii, presenti oggi in riunione e come consulente esterno il professor Stefano Civitarese. La relazione ha riconosciuto legittimate una superficie complessiva di 20.916 mc di cui 9.651 per il fabbricato 6, 9.651 per il fabbricato 7 e 1.614 per il fabbricato 3.

Da allora alterne vicende di rapporti fra i proprietari e l’Amministrazione comunale hanno comportato un sostanziale immobilismo su quell’area che attualmente, per l’attuale Amministrazione rappresenta, dopo il cosiddetto contratto di quartiere i cui lavori sono ormai iniziati in via Trigno, il più grande detrattore ambientale-edilizio di Pescara e, soprattutto, una emergenza sociale e di sicurezza assolutamente da affrontare e risolvere. Si tratta di una procedura sicuramente complessa, perché, oltre a individuare lo strumento edilizio necessario (che potrebbe essere un accordo procedimentale ex articolo 11 legge 241 ’90 o una variante al piano), richiede anche la necessità per i proprietari di rientrare nelle spese sostenute dai genitori dopo l’ordinanza del 1983 che è stata caducata dal tar. Da parte dei tre eredi ancora oggi è stata ribadita la massima collaborazione a trovare una soluzione e l’incontro odierno è stato utile per ricostruire una vera e propria fotografia tecnica della situazione edilizia.

“Ho accolto con soddisfazione la volontà di collaborazione da parte degli eredi, anch’essi stufi di vedere associato il loro nome e quello dei parenti a una situazione come quella dei palazzi, di cui non hanno colpe – così il vicesindaco Antonio Blasioli - I nostri uffici si sono presi una settimana di tempo per esaminare i documenti e torneremo a riunirci martedì 13 novembre per comprendere quale può essere il migliore strumento edilizio per agire. La decisione toccherà naturalmente ai proprietari. Abbiamo esaminato anche in termini di messa in sicurezza dell’area, specie riguardo alla messa in sicurezza degli immobili, oggi meta di senza dimora e tossici, e abbiamo apprezzato il fatto che le aree sono state pulite e richiuse, ma è normale che ci attendiamo un’interdizione degli immobili che risolva il problema fino alla prossima destinazione”.

Lettomanoppello. Proseguono le attività del Progetto “Energie in Rosa” dell’Associazione Solideando in partnership con il Comune di Manoppello.

Sabato 3 novembre 2018 alle ore 17.30, presso la Sala Wojtyla del Comune di Lettomanoppello, sita in Piazza Umberto I°, si svolgerà il secondo incontro di informazione e sensibilizzazione sul tumore al seno Neoplasie al seno: prevenzione e stili di vita. Scopo dell’incontro è di in-formare la Cittadinanza sul tumore al seno nei suoi vari aspetti (medico, personale, sociale e familiare). Inoltre, si intende sensibilizzare sui corretti stili di vita come forma di prevenzione nell’insorgenza della neoplasia al seno, anche attraverso la distribuzione di materiale informativo. L’evento è patrocinato da: Comune di Lettomanoppello, Asl Pescara, Asl Lanciano Vasto-Chieti e Commissione Pari Opportunità della Provincia di Pescara. Tutte le attività del programma, realizzato grazie a un contributo offerto dalla Susan G. Komen Italia onlus saranno totalmente gratuite per le persone partecipanti.

PROGRAMMA

Saluti introduttivi
 Giuseppe Esposito, Sindaco del Comune di Lettomanoppello
 Luciana Conte, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Lettomanoppello
Interventi
 Anna Maria Bruno, Presidentessa Associazione Solideando
 Donato Natale, Coordinatore regionale AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica)
 Stefania Menna, Psicologa-Psicoterapeuta
 Natalino Farao, Responsabile Progetto “Energie in Rosa”
Domande e conclusioni

Pescara. “La bellezza dell’affido, un’esperienza per tutti” è il titolo dell’incontro in programma sabato 27 ottobre 2018 alle 17.00 nel Centro Polivalente Mons. Gustavo Britti in via Rio Sparto a Pescara. Promosso da Famiglie per l’Accoglienza Abruzzo, l’associazione che mette insieme famiglie impegnate nel percorso dell’adozione e dell’affido, l’appuntamento si inserisce nel ricco programma “Il mese dell’affido e dell’accoglienza”, ideato e organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Pescara per promuovere la bellezza di queste esperienze di fondamentale importanza non solo per i minori in difficoltà, ma anche per i nuclei che si aprono a tale gesto.

All’incontro di sabato interverranno Simonetta Pigati, psicologa Ausl di Parma e madre affidataria ed adottiva, e Maddalena Riboloni Mazzocchi, insegnante scuola infanzia e figlia affidataria ed adottiva.

“Si tratta – dicono i promotori di un incontro aperto a tutti coloro che sono interessati a capire le motivazioni più profonde che rendono l’esperienza dell’accoglienza affascinante e fonte di crescita per tutti”.

Sarà disponibile un servizio baby-sitter gratuito.

Chieti. Positivo e costruttivo l’incontro tra il presidente del Comitato Territoriale Fipav Abruzzo Sud-Est, Mattia Di Gregorio, e quello della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, tenutosi nella mattinata odierna per discutere della spinosa questione relativa al regolamento sulla sicurezza adottato dalla Provincia stessa e che sta creando numerosi problemi al normale svolgimento dei campionati di pallavolo. La normativa, infatti, permette alle società sportive di allenarsi nelle palestre delle scuole di proprietà dell’ente, ma ne vieta l’utilizzo per partite o manifestazioni aperte al pubblico in assenza del certificato prevenzione incendi e del parere della commissione pubblico-spettacolo.
In un confronto durato quasi due ore alla presenza anche di altri funzionari e tecnici della Provincia, tra cui l’ingegner Carlo Cristini, la stessa Provincia si è mostrata aperta al dialogo e pronta ad individuare una soluzione che scongiuri la paralisi delle attività pallavolistiche sul territorio.
Il problema, però, non è relativo solo alla mancanza dei suddetti pareri e certificazioni. Infatti, nella stesura della regolamentazione del proprio patrimonio, l’ente teatino ha escluso lo svolgimento di gare e manifestazioni aperte al pubblico. Ciò significa che nonostante il possesso dei requisiti richiesti, non è possibile giocare all’interno degli impianti interessati. La Provincia comunque si è impegnata ad approvare un nuovo regolamento finalizzato alla disciplina delle manifestazioni e delle partite (e non solo degli allenamenti): «Un provvedimento che ci auguriamo che possa arrivare nel più breve tempo possibile, ma in ogni caso», precisa il presidente del Comitato Territoriale Fipav Abruzzo Sud-Est,«rimane la necessità del possesso del certificato prevenzione incendio e del parere della commissione pubblico-spettacolo». Si è trattato dunque di un incontro soddisfacente, che lascia ben sperare per la definitiva risoluzione della problematica: «Sono contento del confronto assolutamente proficuo che c’è stato con il presidente Mario Pupillo e con i vari rappresentanti della Provincia», è il commento di Di Gregorio. «Ho apprezzato l’impegno e la volontà da parte dell’ente di trovare una soluzione che consenta la prosecuzione delle attività sportive».

 

Fossacesia. Si è svolto l’11 ottobre scorso un importante incontro presso il Comune di Fossacesia con al centro la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Nella riunione con l’Amministrazione Comunale, presente anche il vice sindaco Paolo Sisti , il commissario dell’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale di Lanciano, Gionni Forchetti, accompagnato da alcuni funzionari , è stato concordato di conferire all’Ater la gestione di tutti gli alloggi, 16 in tutto, di edilizia pubblica residenziale di Fossacesia, oltre a quelli che sono già di proprietà dell’Ater. “Un accordo che permetterà di migliorare il management degli immobili in termini di manutenzione, verifica e controllo – afferma il Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio -. L’Ater allargherà la sua gestione complessiva sulle abitazioni presenti, potendo inoltre programmare al meglio costi e tempi d’intervento”. L’Amministrazione comunale ha colto l’occasione per porre all’attenzione del Commissario Forchetti un altro grave problema. “Abbiamo chiesto all’Azienda di programmare ulteriori investimenti a Fossacesia – ha aggiunto il Sindaco Di Giuseppantonio -, perché si possano realizzare altri alloggi di edilizia residenziale pubblica per far fronte alla crescente domanda che quotidianamente ci giunge da parte di numerose famiglie in difficoltà”.

Casacanditella. Venerdì 19 ottobre alle ore 18.00 presso la sala consiliare del comune di Casacanditella si svolgerà nell'ambito del progetto regionale di educazione elaborato dal Cea Buendia di Francavilla ambientale su cambiamenti climatici un incontro con il Prof. Francesco Stoppa dell UNiversità Chieti e Pescara su cambiamento globale , adattamenti locali, rivolto ai cittadini.
Mentre Domenica 21 ottobre alle ore 9.00 raduno presso Piazza Monumento dei Caduti sempre a Casacanditella giornata di volontariato ambientale per la raccolta dei rifiuti abbandonati. I cittadini e le scuole sono invitate a Partecipare.

Pagina 1 di 28

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione