Articoli filtrati per data: Novembre 2016

Bergamo. A Bergamo l’Atalanta batte il Pescara con un rotondo 3-0 e supera il turno di Coppa Italia.
Al 7’ orobici già in vantaggio: stoccata di Grassi respinta da Fiorillo, Raimondi raccoglie la ribattuta e insacca. I biancazzurri replicano con Verre, ma esce bene Sportiello. Al 13’ si rifanno sotto i padroni di casa con Capone, ma si oppone l’estremo del Delfino. Il raddoppio nerazzurro arriva al 29’ con un buon inserimento di Grassi che realizza.
Ad inizio ripresa Pescara vicino al gol con un colpo di testa di Biraghi che manda di poco fuori. Al 18’ ci prova Manaj, para Sportiello. Ma al 24’ sono i lombardi a rendersi molto pericolosi con Latte Lath che centra la traversa. Dopo una sortita di Cristante al 43’ i padroni di casa colgono un nuovo legno con Raimondi, sulla ribattuta Latte Lath non riesce ad impensierire Fiorillo. In chiusura su una perfetta azione di contropiede Pesic timbra il tris.


Tabellino
Atalanta: Sportiello, Toloi, Gagliardini, D’Alessandro, Pesic, Freuler (16’st Masiello), Raimondi, Grassi (28′ st Migliaccio), Dramé, Bastoni, Capone (1’st Latte Lath Junior) A disposizione: Bassi, Mazzini, Gomez, Caldara, Conti, Petagna, Spinazzola, Melegoni Allenatore: Gasperini
Pescara: Fiorillo, Biraghi, Bruno, Cristante, Verre (1’st Zampano), Zuparic, Vitturini, Pettinari, Mitrita (23’pt Manaj), Muric (14’st Memushaj), Gyomber A disposizione: Bizzarri, Zampano, Mele, Maloku, Delli Carri, Battista, Forte Allenatore: Oddo
Arbitro: La Penna di Roma (assistenti Tasso e Baccini; IV uomo Minelli).
Marcatori: 7’pt Raimondi (A), 29’pt Grassi (A), 48’st Pesic (A)
Ammoniti: Cristante, Bruno, Zuparic (P), Raimondi (A)

Pubblicato in Sport

Pescara. "L'Amministrazione comunale ha sempre operato in modo corretto, mostrando sensibilità e supportando le associazioni di volontariato che si occupano della tutela degli animali - così l'assessore alla Tutela del Mondo Animale, Giuliano Diodati, a proposito del bando riguardante la gestione, il controllo e la tutela dei gatti - Come assessore ho un ruolo di mediazione, ma ho anche il compito di informare correttamente i cittadini. Abbiamo sempre seguito la legge e il bando non prevedeva 8mila euro per censire le colonie feline perché c'è già un censimento.
Il bando prevedeva invece il supporto all'attività della Asl attraverso l'individuazione di un'associazione che si sarebbe occupata della gestione dei gatti randagi. I fondi stanziati sarebbero quindi serviti per consentire all'associazione di potersi far carico delle segnalazioni relative ai gatti in difficoltà, provvedendo alla loro cura. Tutta questa attività contemplava, infine, anche il censimento dei gatti liberi che non rientrano nelle colonie.
L'associazione, grazie ad uno specifico progetto, avrebbe poi provveduto a schedarli e a sterilizzarli. In questo modo non facciamo altro che mettere in pratica la politica di prevenzione del randagismo felino che la Regione demanda anche ai Comuni. Il regolamento è frutto di un lavoro durato un anno e mezzo portato avanti dall'ex assessore Sandra Santavenere e condiviso con le associazioni nazionali che hanno dato un contributo importante. E' un regolamento innovativo, in linea con la legge e migliorativo per gli animali.
Questa Amministrazione ha dimostrato, quindi, di essere molto sensibile nei confronti degli animali e rispettosa dei sacrifici dei volontari che quotidianamente si dedicano alla tutela degli animali. Sono, quindi, piuttosto amareggiato dai tentativi di strumentalizzazione che non fanno altro che danneggiare il lavoro avviato dall'Amministrazione sin dal suo insediamento e che aveva prodotto risultati molto positivi".

Pubblicato in Politica

Chieti. "Mi sorprendono le esternazioni del Consigliere Luigi Febo in merito ai debiti fuori bilancio sul servizio idrico".

 Così in una nota il consigliere comunale di Forza Italia di Chieti, Marco D'Ingiullo, che aggiunge: "In Consiglio Comunale abbiamo discusso animatamente sul riconoscimento di delibere simili a quelle che verranno discusse venerdì 2 dicembre in Commissione Bilancio ma, come ho già avuto modo di spiegare, i debiti maturati per lavori urgenti e imprevedibili, possono essere riconosciuti dall’Assise civica. A conferma di quanto affermo, vi è anche una sentenza della Corte dei Conti - sezione Regione di controllo Piemonte – con la quale i Giudici si sono espressi in maniera inequivocabile su un caso simile. In sostanza i magistrati contabili asseriscono: “nel caso in cui non vi siano idonei stanziamenti in bilancio, la Giunta, su proposta del responsabile del procedimento, deve attivare la procedura di riconoscimento dei debiti fuori bilancio di competenza consiliare, prescindendo addirittura dal fatto che vi sia o meno arricchimento da parte dell’Ente”. Orbene, l’intervento del Consigliere Luigi Febo appare del tutto strumentale, considerando che non ricordo un suo simile atteggiamento quando, nel corso del mandato di assessore, la sua Amministrazione ha prodotto milioni di euro di debiti fuori bilancio che la nostra Amministrazione, gioco forza, ha dovuto riconoscere. Alcuni esempi: Panozzo – basket 2007 € 556.431,11, SEAP € 391.082,46, evento sismico 2009 € 559.126,44 e moltissimi altri".

 "Riguardo, infine, alla delibera d’indirizzo per l’affidamento in concessione della gestione del servizio pubblico del mattatoio comunale - conclude D'INgiullo - la stessa è stata elaborata in maniera corretta e trasparente seguendo la cosiddetta procedura negoziata attraverso la consultazione di un numero limitato di operatori economici dotati di caratteristiche e qualifiche idonee all’affidamento stesso. Sarà il Dirigente del V settore ad affidare il servizio all’operatore che proporrà le condizioni più vantaggiose. Esorterei il Consigliere Febo a non propagandare dichiarazioni superflue al solo scopo di crearsi una inutile visibilità nei confronti dell’opinione pubblica".

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Ieri in tarda serata, all’indomani del Restitution Day di Firenze durante il quale abbiamo restituito oltre 80 milioni di Euro, è uscito un post delirante sulle pagine Facebook e Twitter del PD Abruzzo. Il PD attacca noi consiglieri regionali abruzzesi del M5S: a loro dire, saremmo impegnati nella campagna per il NO al referendum costituzionale "perché altrimenti dovremmo rinunciare ai nostri lauti stipendi".
È chiaro, questi signori devono aver fortemente risentito della nostra costante e instancabile presenza sul territorio con il Tour dell’Abruzzo in camper in difesa della costituzione: 90 piazze in 60 giorni devono averli indispettiti e destabilizzati non poco.


"Viene quasi da sorridere a vedere che il PD non sa proprio più a che santo votarsi! Mi domando chi abbia suggerito un gesto tanto disperato. Più che un consigliere politico, una catena al collo" ironizza Sara Marcozzi, capogruppo M5S in Regione.
Lo sanno, oramai, anche i “muli” che ci riduciamo lo stipendio a 3300 Euro netti, rinunciamo a tutte le indennità aggiuntive, rendicontiamo tutte le nostre spese e che in 5 consiglieri regionali, in due anni, abbiamo già rinunciato a oltre 400mila Euro.
Soldi con cui abbiamo già creato un Fondo di Garanzia per il Microcredito con il quale, fino ad oggi, abbiamo finanziato oltre 30 PMI abruzzesi.
E lo abbiamo fatto senza dover riformare né stravolgere la Costituzione e senza il bisogno di una legge. È stata sufficiente solo la volontà di mantenere la parola data agli abruzzesi.
Al contrario, il PD in dissoluzione, inventa cose e ne dimentica altre. Dimentica la nostra proposta di legge, presentata più di due anni fa in Regione Abruzzo, per dimezzare anche i loro stipendi. Gli vogliamo ricordare che a questa proposta hanno votato contro, rispedendola in commissione. Proprio come hanno fatto in Parlamento.
Il PD dimentica la nostra proposta di legge sulla Abolizione del Doppio Vitalizio ai politici, alla quale lo stesso PD ha votato contro, rispedendo pure questa in commissione. Talmente smemorati che non ricordano nemmeno che, se avessero approvato le nostre leggi, gli abruzzesi avrebbero risparmiato oltre 25 Milioni di Euro in 5 anni.
Visto che "dimenticano" rinfreschiamo loro la memoria, certi che gli italiani non hanno mai dimenticato i diritti negati, le bugie e le promesse mai mantenute di questi signori.
Diciamo NO alla riforma perché la Costituzione va applicata, non modificata!
Per chi volesse accedere alle nostre rendicontazioni, agli estratti dei nostri bonifici e per informazioni su come accedere al nostro Microcredito questo è il link —> http://www.movimento5stelleabruzzo.it

Pubblicato in Politica

Chieti. "Ma davvero il Comune di Chieti è talmente in crisi economica da non poter neanche garantire l’apertura del Cimitero nelle ore pomeridiane dei giorni festivi? Ci auguriamo di no e che questa sia soltanto una scusa per mascherare un disinteresse politico".

 Così in una nota il vicesegretario di Giustizia Sociale Massimo Perfetti, che aggiunge: "Ma, se realmente così fosse, sarebbe fortemente preoccupante e il sindaco Di Primio farebbe bene a trarne le dovute conseguenze chiudendo baracca e burattini, perché non avrebbe senso continuare con la sua amministrazione non riuscendo nemmeno ad assicurare un servizio così semplice, scontato ed essenziale alla comunità teatina. L’Assessore con delega ai servizi Cimiteriali Raffaele Di Felice continua “penosamente” ad arrampicarsi sugli specchi pur di giustificare la scelta scellerata dell’amministrazione comunale di tenere chiusi i cancelli del Cimitero nelle ore pomeridiane dei giorni festivi. Dopo aver manifestato grande disinteresse al problema, dando ordine ai consiglieri di maggioranza, nel consiglio comunale del 17 ottobre 2016, di “bocciare” la mozione presentata da Giustizia Sociale che impegnava l’Amministrazione in primis a riattivare l’apertura pomeridiana del Cimitero nei giorni festivi, a revocare la disposizione di apertura del Cimitero al solo accesso pedonale durante le ore di pausa e, infine, a garantire la normale e indispensabile continuità del servizio di presidio e custodia del Cimitero attraverso la turnazione dei dipendenti, il suddetto Di Felice, componente della giunta municipale, ha addirittura raggiunto l’apoteosi dell’insensibilità buttando nel cestino la raccolta di firme (oltre 300 sottoscrittori) effettuata dal Sig. Di Filippo in merito al problema. Le motivazioni addotte dall’Assessore sono sempre la stesse, e cioè di mancanze di risorse e di personale, ripetute a mo’ di filastrocca, che sanno molto di giustificazione da parte dell’Amministrazione Comunale ma che, allo stesso tempo, suonano “impietosamente” come una campana stonata in una comunità evoluta e civile come quella teatina".

 "Noi di Giustizia Sociale - conclude Perfetti - non possiamo e non vogliamo rimanere inermi e assistere passivamente alla totale mancanza di attenzione da parte dell’amministrazione comunale verso una problematica importante come quella della chiusura pomeridiana nei giorni festivi del cimitero che, di fatto, produce un grande ostacolo al culto dei defunti perché limita la possibilità di far visita ai propri cari scomparsi proprio nei giorni consacrati e più comodi, specie per i non residenti e per quelli che lavorano fuori città. Per questo, all’unanimità, nella direzione del partito, abbiamo deciso di offrire, a turno, fisicamente, la nostra disponibilità al Comune di Chieti, in maniera totalmente gratuita, per garantire il servizio di sorveglianza e l’apertura del cimitero nelle ore pomeridiane dei giorni festivi. Chiediamo, pertanto, pubblicamente all’Assessore ai Servizi Cimiteriali Raffaele Di Felice un incontro urgente per concordare le modalità del nostro supporto".

Pubblicato in Politica

Pescara. “L'Amministrazione comunale, quest'anno per andare incontro alle esigenze di tutti i cittadini e per rendere più semplice e agevole il rapporto con gli uffici comunali, ha istituito “l'election week”, si tratta di un progetto che concretizza alcune delle iniziative contenute nelle linee del Documento Unico di Programmazione, che abbiamo fortemente voluto per rendere più diretto il rapporto fra cittadino ed ente".
Così in una nota l'assessore all'Urp del Comune di Pescara, Laura Di Pietro, che aggiunge: "Abbiamo stabilito infatti che nella settimana che precede le tornate elettorali o referendarie, l'URP sarà aperto al pubblico in orari straordinari, da stabilire con il dirigente del settore di volta in volta, per consentire ai cittadini che ne hanno bisogno di richiedere il certificato elettorale, o all'occorrenza, l'eventuale carta d'identità. Si parte con il referendum del 4 dicembre, con un'apertura straordinaria degli sportelli 'URP in piazza Italia nelle giornate venerdì 2 e sabato 3 dicembre dalle 9 alle 24, orario no stop: una disponibilità di ben 12 ore oltre quanto stabilito dalle direttive della Prefettura. Un sistema che verrà ripetuto anche in occasione delle altre tornate elettorali. Vista la crescente richiesta di tessere che c’è e per scongiurare lunghe code dell'ultimo giorno, in particolare quello di domenica, quando l'ufficio sarà comunque aperto dalle 7 alle 23 e si stima l'arrivo di oltre 2000 utenti, abbiamo voluto dare a tutti i cittadini questa opportunità, invitandoli ad usufruirne, proprio per evitare file e disagi. Nel mese di novembre sono state 1.473 le tessere elettorali rilasciate, con picchi di oltre 200 tessere al giorno, l’ultimo è stato raggiunto ieri con il rilascio di 201 tessere. Invitiamo quindi tutti i cittadini a recarsi quanto prima all'URP, dove da venerdì, grazie anche alla grande disponibilità manifestata dai dipendenti comunali, attiveremo ben 13 postazioni, in modo da garantire il corretto e fluido svolgimento delle operazioni elettorali di domenica”.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 30 Novembre 2016 00:00

Mi impegno per Pescara, pubblicate le graduatorie

Pescara. Il Comune di Pescara prosegue il suo impegno a favore del reiserimento nel mondo del lavoro di persone che hanno perso l'occupazione a causa della crisi economica e che si trovano in una condizione di particolare fragilità sociale. Sono state pubblicate oggi, infatti, le graduatorie relative al progetto “Mi impegno per Pescara”

(http://www.comune.pescara.it/internet/index.php?codice=147&idnews=5733&navBackPage=148)

che prevede lo svolgimento di prestazioni di lavoro accessorio, di carattere temporaneo e occasionale, in favore del Comune, da parte di disoccupati over 45. Si tratta complessivamente di 83 persone che saranno impegnate nelle categorie di attività previste dal Regolamento Comunale e specificatamente: cura del verde pubblico, cura delle aree e delle strutture comunali, sorveglianza di impianti e beni, gestione di attività delle strutture culturali, eventi e manifestazioni, progetti ed iniziative e, infine, emergenze e solidarietà.
“Attraverso questo progetto, avviato dagli assessori Giuliano Diodati e Veronica Teodoro, con il sostegno del presidente della Commissione Politiche Sociali, Tonino Natarelli, ci auguriamo di poter dare a queste persone, che stanno affrontando un momento di grande difficoltà, gli strumenti per reinserirsi nel mondo del lavoro, vista anche l'età che rende ancora più complesso il loro ricollocamento – afferma l'assessore alle Politiche sociali, Antonella Allegrino - Attraverso questo impegno potranno ritrovare un po’ di serenità, riconquistare la dignità e mettersi al servizio della comunità attraverso lo svolgimento di attività difficilmente realizzabili dal personale comunale già servizio. Il progetto è stato finanziato con uno stanziamento di 150mila euro, che saranno utilizzati per remunerare i lavoratori attraverso l’erogazione di voucher, per un importo di 600 euro lordi al mese, per un massimo di tre mesi. Tra una decina di giorni, incontrerò i dirigenti dei sette settori in modo da stabilire un planning di impiego dei lavoratori nel prossimo anno. Tutti coloro che sono stati selezionati perché risultati in possesso dei requisiti, verranno contattati entro il 31 dicembre dagli uffici comunali”.
Il progetto “Mi Impegno per Pescara” è rivolto a disoccupati iscritti al centro per l'impiego, senza sostegno o percettori di indennità integrativa e alla categoria degli “esodati non salvaguardati”. Gli interessati che hanno presentato domanda, oltre a non dover essere dispensati dall'impiego presso le Pubbliche Amministrazioni, hanno dovuto produrre una regolare attestazione Isee non superiore ai 20.000 euro, un reddito che è stato determinante per la definizione della graduatoria e le assegnazioni. Ogni lavoratore potrà essere impiegato al massimo una sola volta, per tre mesi, nell'anno solare di riferimento, con un monte ore mensile massimo di 60 ore. Gli 83 selezionati saranno così suddivisi: 12 per ciascun settore tranne che per la gestione di attività delle strutture culturali dove ce ne saranno 11.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 30 Novembre 2016 00:00

Pescara fra le Città per la Vita

Pescara. Il Comune di Pescara, con ha aderito alla Giornata Internazionale “Città Per La Vita/Città Contro La Pena di Morte – Cities For Life/Cities Against The Death Penalty”, iniziativa giunta quest'anno alla sua XV edizione. L'evento, che si svolge contemporaneamente in tutto il mondo, con oltre 2000 città aderenti, è promosso dalla Comunità di Sant'Egidio, che ha dichiarato il 30 novembre “Giornata cittadina contro la pena di morte".

"Pescara torna ad essere fra le città per la vita – sottolinea l'assessore alle Politiche europee Laura Di Pietro – La data è simbolica e appartiene a tutti noi, perché coincide con la prima abolizione della pena capitale avvenuta nel Granducato di Toscana, era il 30 novembre 1786. Partecipiamo alla più grande mobilitazione planetaria contro la pena capitale, con lo stesso obiettivo dei promotori di questo evento, quello di stabilire un dialogo con le società civili e convincere le amministrazioni ad intraprendere un percorso che porti all’abolizione della pena di morte, alla rieducazione alla vita dei condannati, perché possano in qualche modo restituire alla società ciò che il reato commesso ha tolto. La nostra partecipazione a sostegno di questa campagna è identitaria, riguarda Pescara e i suoi cittadini, perché è importante coinvolgere la comunità, specie nei Paesi in cui la pena di morte è praticata, perché il futuro possa cambiare e perché la rete internazionale possa allargarsi e aggiungere sempre più partecipanti. La torre civica tornerà ad essere colorata di azzurro il colore della vita, chi entrerà a Palazzo di Città vedrà anche uno striscione che ricorda questa nostra appartenenza e illustra come avere notizie sulla rete".

“Noi crediamo, come ha detto recentemente anche papa Francesco, che la pena di morte sia
sempre "inammissibile" e da anni ci battiamo insieme a tanti per la sospensione e l'abolizione delle
esecuzioni – così Roberta Casalini della Comunità di Sant’Egidio - Grandi passi sono stati compiuti nel cammino verso l’abolizione della pena di morte, è cresciuto il fronte dei Paesi abolizionisti e di quelli che applicano una moratoria, ma alcune regioni del mondo sono minacciate dal ritorno ad una giustizia retributiva, quella dell’occhio per occhio e dente per dente, come nelle Filippine ed in altri Paesi Asiatici. In alcuni Paesi il trend abolizionista ha subito una battuta d’arresto, come negli Stati americani del Nebraska, della California e dell'Oklahoma .
Di fronte a questa situazione crediamo ancora più necessaria una mobilitazione a livello mondiale,
per dire insieme che non c'è giustizia senza vita. Il prossimo 30 novembre più di 2000 città in tutto il pianeta manifesteranno la propria opposizione alla pena capitale, attraverso eventi, incontri e l'illuminazione di un luogo significativo. La Città di Pescara aderisce dal 2003 a questa mobilitazione mondiale. Rimane fondamentale il contributo che ognuno di noi può dare, come conoscere più a fondo la realtà drammatica dell’uso della pena capitale, aderire agli appelli in favore dei condannati a morte, scrivere ad un condannato a morte, condividere il proprio pensiero con altri, per essere parte di un movimento mondiale che opera in favore di una cultura della vita”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Nel corso della mattinata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara, hanno effettuato un blitz nel quartiere Rancitelli, nel complesso di edilizia popolare conosciuto come Ferro di Cavallo in via Tavo. L’attività di ispezione e perquisizione, condotta frequentemente negli spazi comuni di palazzine particolarmente sensibili dal punto di vista dell’ordine e della sicurezza pubblica, ieri ha dato nuovamente i suoi frutti: solo venti giorni fa, infatti, al civico 177 erano state trovate armi e munizioni nascoste nel vano ascensore. Anche stavolta i militari hanno messo in atto lo stesso piano: hanno controllato due palazzine, dalle scale fino al sottotetto, procedendo anche a ben due perquisizioni domiciliari, risultate negative, alla ricerca di droga e armi. Come di consueto l’attività è stata estesa anche agli ascensori dove nuovamente stavolta al civico 171, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco di Pescara, che hanno forzato le porte scorrevoli e bloccato il meccanismo di discesa, gli operanti hanno rinvenuto, sopra la cabina:
• una pistola marca gabilondos cal. 6,35 con serbatoio vuoto e matricola abrasa;
• un fucile cal. 20 marca uoehler blitz, matricola o488, non censito in banca dati;
• dieci cartucce cal.20.
Le armi rinvenute, sottoposte a sequestro, verranno inviate al RIS di Roma per gli accertamenti tecnici del caso, come l’esame delle impronte digitali, delle tracce di materiale organico per l’estrapolazione del DNA e le prove balistiche finalizzate ad accertare se le armi in questione abbiano già sparato o meno. I Militari, che stanno lavorando in modo serrato per individuare chi e perché abbia nascosto queste armi, perfettamente funzionanti e prontamente utilizzabili, sono già sulle tracce del colpevole.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Sulla Gazzetta Ufficiale - 4^ Serie Speciale – n. 88, dell’8 novembre 2016 è stato pubblicato il bando di concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di 20 tenenti del “ruolo tecnico-logistico-amministrativo”, per l’anno 2016.
Possono partecipare al concorso i cittadini italiani che, alla data del 1° gennaio 2016, non abbiano superato il giorno di compimento del trentaduesimo anno di età (siano quindi nati in data non antecedente al 1° gennaio 1984) e siano in possesso di un diploma di laurea ovvero di laurea specialistica o di laurea magistrale o titolo equipollente (con esclusione, quindi, delle lauree cc.dd. “triennali” o “di I livello”).
La presentazione delle domande dovrà avvenire entro il 9 dicembre 2016.
La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata esclusivamente mediante la procedura informatica disponibile sul sito www.gdf.gov.it – area “Concorsi Online”, seguendo le istruzioni del sistema automatizzato. A tal proposito, è stata introdotta la possibilità, per la prima volta in assoluto in un concorso pubblico per il reclutamento di personale delle Forze di Polizia, di presentare la domanda di partecipazione tramite il Sistema Pubblico di Identità Digitale (c.d. “SPID”).
Sul sito internet www.gdf.gov.it è possibile acquisire ulteriori e più complete informazioni di dettaglio.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 62

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione