Articoli filtrati per data: Martedì, 03 Ottobre 2017

Pescara. Campania Felix per il Delfino. Con una prova di grande spessore tecnico ed agonistico, il Pescara espugna Eboli nel posticipo della seconda giornata del massimo campionato italiano di futsal. Il Monday Night in diretta tv su Sportitalia è dunque biancazzurro: 2-5 il risultato finale, fissato, in un PalaDirceu gremito, da una cinquina di Leandro Cuzzolino che vanifica la rete campana di Pedotti, quella del momentaneo 1-1. E sono i primi tre punti in campionato per Romano e soci.
Capuozzo, capitan Cuzzolino, Ercolessi, Morgado ed Azzoni gli uomini scelti da mister Colini (squalificato, in panchina Marcio Forte) per dare l’inizio alle ostilità. I biancazzurri, in tenuta verde da trasferta, mettono subito le cose in chiaro: sono trascorsi appena 3’03’’, infatti, quando Cuzzolino sblocca il match, superando Gillicon un mancino tutto potenza e precisione. La Feldi non ci sta ed attacca in massa, ma Capuozzo è uno scudo e mantiene inviolata la propria porta. Ordinato e razionale nella gestione dei possessi, il Pescara si difende compatto ed attacca con buona intensità pur non riuscendo a raddoppiare, nonostante un paio di buone chance. Capuozzo capitola solo da tiro libero, realizzato da Pedotti al 14’23” per il pari campano. Che dura pochissimo: Leandro Cuzzolino si conferma cecchino spietato da tiro libero e ne infila tre nel giro di poco più di un minuto (15’21”, 15’37” e 16’26”) per il poker personale e di squadra. Al quarto tentativo, però, a 1’19’’ dall’intervallo, Pasculli si supera e respinge il tiro del numero 17 pescarese.
Dagli spogliatoi torna sul parquet un Pescara altrettanto concentrato e grintoso, nonostante le tantissime assenze tra infortuni e squalifiche. La gestione del congruo vantaggio è praticamente perfetta e nelle rare occasioni di marca ebolitana c’è Capuozzo a fare buona guardia fino a quando non è costretto ad alzare bandiera bianca per un problema fisico. La porta pescarese è dunque affidata al debuttante PaveMudronja, che non patisce il peso del debutto e si disimpegna bene. A 6’11’’ dalla sirena, il tecnico campano Ronconi inserisce il portiere di movimento e la mossa sortisce subito l’effetto sperato: è Jorginho ad accorciare. Al 15’30’’, con l’Eboli in inferiorità numerica, Fernandao si conquista un calcio di rigore che Cuzzolino non sbaglia. E’ cinquina Pescara e pokerissimo per il capitano che a 2’ dal termine centra anche una traversa. Al suono della sirena è festa Pescara per una vittoria importante che cancella lo zero in classifica.
I biancazzurri di mister Fulvio Colini torneranno in campo sabato 7 ottobre (fischio di inizio ore 18:30) per la sfida alla rivelazione Came Dosson al PalaRigopiano; successivamente la truppa partirà per Minsk (Bielorussia) per partecipare al Girone “Main Round” di Futsal Cup nel periodo 10/15 ottobre. Per questo motivo, la gara con la Lazio, originariamente prevista in data 15 ottobre, sarà posticipata a martedì 24 ottobre 2017 al “Pala Gems” di Roma alle ore 20.30.Per quanto concerne la compagine femminile allenata da Everaldo Segundo, reduce da due vittorie in due gare in campionato, appuntamento a domenica prossima alle ore 17, quando al PalaRigopiano arriverà lo Stone Five Fasano.

Pubblicato in Sport

Chieti. Week-end avaro di successi per le squadre Juniores e Allievi, che escono senza punti dai rispettivi incontri.
Match acceso e combattuto, quello andato in scena ieri pomeriggio al “Marcantonio” di Cepagatti, per la seconda giornata del campionato Juniores Elitè tra Chieti F.C. e Penne.
A spuntarla sono stati gli ospiti che hanno vinto per 3 a 5. Partono forte i ragazzi allenati da Francescone che impongono il gioco ai teatini,chiudendo il primo tempo in vantaggio per 0 a 2. Nella ripresa i neroverdi di mister Paolucci rientrano determinati accorciando subito le distanze con Di Battista. Sul più bello arriva la doccia fredda per il Chieti F.C. che subisce la terza marcatura a causa di una sfortunata autorete di Trovarello.
Sale la tensione agonistica tra le due squadre che giocano a viso aperto. Al 65’ Perinelli accorcia nuovamente sul2 a 4 . Il Penne risponde nuovamente andando in gol sei minuti più tardi con Di Carlo. Chiude le marcature a pochi minuti dal fischio finale Di Gregorio che fissa il risultato sul 3 a 5.
Sconfitta che lascia l’amaro in bocca al team neroverde per aver buttato alle ortiche il primo tempo. Nella ripresa la squadra ha dimostrato di essere più in palla. Diverse assenze nelle file dei teatini che, nonostante sono fermi al palo a zero punti dopo due incontri, possono guardare al futuro con fiducia, ad iniziare dalla prossima trasferta sul campo della Val Di Sangro.
CHIETI F.C. – PENNE 3 – 5 (0 – 2)
CHIETI F.C.: Scorrano, Cirotti, La Rovere(46’st Trovarello), La Torre(65’st Di Meo), Perinelli, Settimio, Sciannamea, Morelli, Cellucci, Passato, Leva(30’pt Di Battista)
A disposizione: Sciorilli, Trovarello, Pietropaoli, Valloreia, Di Meo, Di Battista, Di Gregorio.
All.re: Paolucci
PENNE: Di Norscia, Cervoni, Giuseppetti, Manocchia, Di Marcantonio, Di Simone, Di Norscia Nicola, Acciavatti, Di Fazio, Petrucci, Rossi
A disposizione: Di Tonno, De Antonis, Antonioli, Colarossi, Severo, Andrenacci, Di Carlo
All.re: Francescone
Marcatori: 3’pt e 25’pt De Antonis (P), 51’ st Di Battista (CH), 53’st autorete di Trovarello (P), 59’ st Perinelli (CH), 65’ st Di Carlo (P), 81’st Di Gregorio (CH).

ALLIEVI REGIONALI
Dopo le prime due vittorie in altrettanti incontri, arriva la prima sconfitta per la formazione Allievi allenata da Sciannamea sul campo della Virtus Vasto.
Partita molto complicata e difficile fin dall’avvio per via del tanto agonismo messo in campo dagli avversari, che trovano la via della rete dopo appena cinque minuti di gioco con Ruzzi. Nonostante il gol subito, i baby neroverdi creano diversi grattacapi alla difesa locale nel corso del primo tempo.
La ripresa si apre con l’inaspettata espulsione ai danni di Di Roberto per doppia ammonizione. Nonostante l’uomo in meno, ilChieti F.C. va vicino al gol del pareggio in un paio di circostanze, ma purtroppo il risultato rimane fermo sull’1 a 0 per la Virtus Vasto che riesce a portare a casa i tre punti. Per i ragazzi di Sciannamea si tratta solo di un incidente di percorso. L’occasione per rifarsi ci sarà domenica alle ore 10:30 al “Marcantonio” di Cepagatti contro il Francavilla.
VIRTUS VASTO – CHIETI F.C. 1 -0 (1 – 0)
VIRTUS VASTO: Gabriele, Di Santo, Valerio, Natarelli, Cicchini, Conti, Santovito, Acquarola, Budano, Ruzzi, Piras
A disposizione: D’Ecclesia, Artese, Aquilano, Marinucci, Carlucci, Dzierwa, Laccetti

CHIETI F.C. :Slusarz, Di Nisio, Cocco, Bertozzi, Fortuna(Di Virgilio), Centofanti, Pierfelice, Di Roberto, Cavallo(Sciarra), Di Vincenzo(De Felicibus), Alcini(Di Nisio Luca)
A disposizione: Sciorilli, Di Nisio Luca, Faricelli, Di Virgilio, Orsini, De Felicibus, Sciarra
All.re: Sciannamea
Marcatori: 5’ pt Ruzzi (Virtus Vasto)

Pubblicato in Sport

Farindola. L'incontro pubblico avrà luogo dalle ore 17 nella Sala Consiliare del Comune alla presenza di amministratori, associazioni, cittadini ed operatori locali invitati per confrontarsi sulle proposte della comunità relative al Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Oltre al Sottosegretario Mazzocca, parteciperanno all’evento il Sindaco di Farindola Ilario Lacchetta, il Presidente di Legambiente Abruzzo Giuseppe Di Marco, il responsabile del gruppo Mountain Wilderness Abruzzo dal 2012 Mario Marano Viola, Dario Febbo del Comitato scientifico Legambiente e Tommaso Navarra, Presidente del Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Coordina i lavori Antonio Nicoletti, responsabile Legambiente aree protette e biodiversità.

Pubblicato in Politica

L’Aquila. Si è svolto questa mattina, come richiesto dalle Camere del lavoro di Teramo e L’Aquila della Cgil, l’incontro con il Presidente Luciano D’Alfonso e il consigliere delegato ai trasporti Camillo D’Alessandro sulla riforma varata dal governo regionale.
“Permangono le distanze già rappresentate dalla Cgil – ha commentato D’Alessandro al termine del confronto – che ha confermato le proprie perplessità e la propria contrarietà in merito alla separazione commerciale. La Regione ha ribadito la necessità giuridica derivante dall’affidamento in house che impone di non poter finanziare corse extra regionali, tra l’altro di natura commerciale. Siamo pronti a essere verificati passo dopo passo rispetto agli obiettivi che ci siamo posti, tuttavia questa decisione non comporterà per il territorio di Teramo e L’Aquila un taglio dei servizi che saranno comunque garantiti all’utenza”.

Pubblicato in Politica

L’Aquila. “Abruzzo Engineering è proprio un pozzo senza fondo. Dopo la infornata di consulenze adesso arriva un specifico avviso per la costituzione di un elenco (Short List), finalizzato all'acquisizione di prestazioni professionali di co-progettazione, di consulenza e di assistenza tecnica specialistica al fine di continuare a distribuire incarichi ai soliti noti amici degli amici”. Questo il commento del Presidente della Commissione vigilanza e consigliere regionale Mauro Febbo dopo aver visionato il recente avviso pubblicato sul sito e sottolinea come sia “impressionante le tante e diverse figure richieste. Infatti si cercano ingegneri, geologici, analisti programmatori, periti elettronici,  specialisti in rendicontazione, esperti in procedure amministrative, esperti del mercato elettronico della pubblica amministrazione ed esperti nella gestione dei progetti d’impresa e sviluppo locale. A questo punto – spiega Febbo – sorge un dubbio non indifferente: o i dipendenti oggi in servizio presso Abruzzo Engineering sono tutti non idonei o la società continua a prendere commesse poco attinenti al servizio e lavoro che deve e può svolgere tra le sue funzioni, altrimenti non si spiegherebbe diversamente. Credo che la Regione Abruzzo deve smetterla di affidare ad Abruzzo Engineering attività e commesse che i propri lavoratori non possono e riescono di portare a termine. In questo modo è naturale che si aprano le porte e si richieda l’aiuto di consulenti ed esperti esterni che poi sono guarda caso i soliti nomi noti. Alla luce del bilancio non approvato e della situazione finanziaria ancora  precaria credo fermamente che invece AE deve riuscire ad ottimizzare le risorse a sua disposizione in servizi che compete alle proprie prerogative e ruolo. Con questo metodo di lavorare – continua Febbo - invece si umilia solo il personale dipendente come d’altronde accade presso gli uffici dei Geni Civili dove richiedono la presenza di solo ingegneri o qualche architetto per compiti che possono svolgere benissimo qualsiasi tipo di dipendente qualificato con qualifica da geometra. Come deve essere chiarito e giustificato il numero cosi elevato (22) di quadri all’interno di Abruzzo Engineering che ovviamente percepiscono uno corrispettivo stipendio alto. Su questi punti, su quest’ultimo avviso per la costituzione di una short list di professionisti, sulla situazione dei bilanci non approvati e sulle precedenti consulenze date come se fossero caramelle ho già convocato il Presidente di AE Franco Di Teodoro in Commissione Vigilanza al fine di fare luce, chiarezza poiché non vorremmo che questo governo regionale trasformi questa società, utile e indispensabile per alcune specifiche attività,  in un carrozzone squisitamente politico/sindacale”.

Pubblicato in Politica

Roseto degli Abruzzi. Contrastare la povertà nei primi anni del bambino nella fascia metropolitana costiera delle province di Pescara e Teramo. E’ questo l’ambizioso e validissimo compito di un progetto che vede il Comune di Roseto protagonista, in collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali della Regione Abruzzo, e una serie di enti tra cui Comuni e Asl. Il progetto, dal titolo “Prima - Prevenzione dei Rischi per l'Infanzia e la Maternità Assistita” presentato dall’associazione Focolare Maria Regina di Scerne di Pineto, è stato finanziato con 390 mila euro.

“E’ un ottimo risultato che ci vede protagonisti con, in primis l’associazione Focolare Maria Regina di Scerne di Pineto e l’assessorato regionale alle Politiche sociali, diretto da Marinella Sclocco. Sono molto soddisfatta di questa notizia”, dice l’assessore alle Politiche sociali Luciana Di Bartolomeo, “Sono iniziative allestite insieme ad altri enti ma vedranno il nostro Comune impegnato in quella che mi pare una importante azione di sostegno della maternità e dell’infanzia. E’ fondamentale impegnarsi nella collaborazione con questi enti meritori, come il Focolare Maria Regina, che ci consentono di accedere a finanziamenti che altrimenti sarebbero impossibili da ottenere. Ringrazio la nostra assistente sociale, Natascia Parisciani, che è la referente di questo progetto per la nostra amministrazione”.

Il progetto Prima si pone i seguenti obiettivi:
• prevenire gli effetti della povertà nei primi anni di vita del bambino;
• accompagnare la nascita e la crescita del bambino facilitando l’accesso a servizi e opportu-nità di qualità;
• migliorare la salute fisica e psicologica materna e infantile;
• prevenire la trascuratezza e il maltrattamento;
• incoraggiare la genitorialità positiva;
• promuovere lo sviluppo del bambino e l’accesso precoce al sistema educativo (nidi).

Attraverso:
• l’attivazione di una rete di sorveglianza e di screening della maternità a rischio di povertà e vulnerabilità, in rete con i servizi sociali comunali, i consultori, i punti nascita ospedalieri, i servizi pediatrici di base;
• l’organizzazione di un servizio di cure domiciliari (home visiting) per assistere la maternità fragile, che offra servizi di sostegno alla salute, assistenza alle madri per la cura del bam-bino e la comprensione delle sue tappe di sviluppo, orientamento, accompagnamento e ac-cesso ai servizi sociali, educativi, sanitari e di inclusione lavorativa, supporto alle madri per definire obiettivi per il futuro e trovare soluzioni di lavoro compatibili con la cura dei figli, interventi di genitorialità positiva;
• la gestione di un progetto individualizzato di accompagnamento alla crescita positiva del bambino, che prevede azioni di supporto e di rete, individuazione di un case manager, e-ventuale concessione di una dote economica per la crescita;
• realizzazione di un servizio di orientamento e di facilitazione all’accesso dei servizi educativi da parte delle madri.

Pubblicato in Politica

Chieti. “Il nuovo comunicato stampa del Consigliere Regionale Mauro Febbo punta ancora il dito su molte opinioni personali e pochi fatti che lo spingono solitamente a fare dietrofront” - afferma Chiara Zappalorto Segretaria Provinciale Pd Chieti.
“E' successo qualche settimana fa, quando ha dichiarato che un pulsante avrebbe sostituito il 118 a Casoli, mentre oggi afferma che a Pescara e L' Aquila non c'è il reparto di emodinamica. Ebbene proviamo a fare esercizio di verità, ricordando al consigliere Febbo che ai tempi della giunta di centrodestra gli ospedali con servizio di emodinamica h 24 in Abruzzo erano quattro (Chieti, Pescara, L'Aquila, Teramo) , oggi cinque perché a quelli si è aggiunto Avezzano. Ai tempi del centrodestra a Vasto non si poteva intervenire sull'ictus perché non c'era la stroke unit mentre oggi con la giunta a trazione Pd questo si può fare".
"Caro Consigliere Febbo – continua Zappalorto - è facile ricordare che fino al 2014, quando eravate al Governo dell'Abruzzo non c'era il regolamento degli standard che pure il Presidente Chiodi ha avallato e che poteva consentire molto più facilmente di ottenere una deroga sui numeri, mentre oggi non è più così. Ad ogni modo, parlando di emodinamica a Vasto, fermo restando che il percorso su quel territorio è sempre fondamentale e la condivisione con il Molise è necessaria per far sì che ci siano i requisiti, l'impegno della Regione è sempre stato quello di garantire a tutti pari diritti, senza privilegi. Le argomentazioni dell'agenzia sanitaria sono tecniche e rispondono a domande tecniche. Affermare - come fanno l'Onorevole Amato e il consigliere Febbo - puntualmente alleati che c'è un indirizzo politico sul punto è semplicemente una strumentalizzazione. Come Consigliere provinciale di Chieti ho constatato l'impegno della Regione rispetto all'emodinamica e io credo nel lavoro di questa Regione, perché questa regione ha già fatto uno sforzo straordinario a Vasto. Questi i fatti: Non poteva essere ospedale di primo livello eppure c'è riuscita; sta portando a casa l'accordo sul nuovo ospedale; ha portato l'ictus e dunque la stroke unit che non c'era né ai tempi dell'assessore Febbo né ai tempi dell'ex assessore Mazzocca, di cui Bucciarelli era collaboratore; ha portato la lungodegenza; si sta per inaugurare la scuola infermieri. Quindi perché non dovrei fidarmi?”.

Pubblicato in Politica

Chieti. “Seguendo le orme del suo maestro politico, o meglio del suo “vate” di fandonie, anche Paolucci fa rispondere ad un suo “ventriloquo” e questa volta non lascia la parola neanche al suo ex portaborse”, oggi sindaco di Vasto, ma a Chiara Zappalorto di certo ignorante, perché ignora tempi, norme ed atti, sull’argomento”. Questo il commento di Mauro Febbo alle giustificazioni della segretaria provinciale del Pd di Chieti.

“Prima di ripetere le parole che altri le mettono in bocca, farebbe bene ad informarsi onde evitare pessime figure. Tutti i servizi - prosegue Febbo - che riguardano i trattamenti terapeutici avanzati, come per la stroke unit, sono legati alla modifica delle linee guida. L’allora Presidente di centro-destra, Gianni Chiodi venne a Vasto, ed io c'ero, per illustrare il progetto della sezione emodinamica che, insieme a quella di Avezzano, era sul piano sanitario regionale da B. Mazzocca in poi (farebbe bene a chiedere scusa ora per allora all'ex Asssesore Regionale del suo Partito).

“Il PD regionale e provinciale di Chieti - conclude Febbo - crede di far squadra per contrastarmi nelle mie opere di denunce, ma puntualmente rimediano becere e magre figure. Piuttosto spieghi agli iscritti ed agli elettori, forse tra un pò anche alla Magistratura, la storia degli iscritti "falsi" del PD e delle chiusure delle sedi per non perdere il congresso”.

Pubblicato in Politica
Martedì, 03 Ottobre 2017 00:00

Pd Abruzzo sulla questione tessere Pd Chieti

Chieti. “Il Partito Democratico abruzzese si avvia ad affrontare la delicata fase congressuale e  in vista di questo importante appuntamento, dove a tenere banco saranno le idee e il “voler” fare, credo che le polemiche interne, che pure sono il sale di un partito così ampio come il nostro, debbano essere messe da parte”. Il segretario regionale del Pd Marco Rapino interviene così sul documento sottoscritto da alcuni esponenti del circolo teatino. “Voglio innanzitutto tranquillizzare tutti i sostenitori del Pd, e in particolar modo i consiglieri e gli esponenti del partito che hanno firmato una lettera  in cui mi mettono al corrente del delicato momento che starebbe attraversando il circolo di Chieti, che verificheremo e faremo tutti i passaggi necessari per far luce su questa vicenda. Ci sono degli organismi preposti che lavoreranno per questo e ci tengo a ribadire che non ci sono irregolarità sul tesseramento. Detto ciò, invito tutti  ad evitare confronti pubblici su argomenti che difficilmente sarebbero compresi dai cittadini e a riportare nelle sedi preposte le  discussioni interne al Pd. Ricordo, infine, che le regole valgono per tutti e tutti noi dobbiamo rispettarle, nel rispetto assoluto dei ruoli che siamo stati chiamati a svolgere”.

Pubblicato in Politica
Martedì, 03 Ottobre 2017 00:00

Rapinato nella notte imprenditore teatino

Guardiagrele. Questa notte tre persone, verosimilmente di etnia straniera, dopo aver praticato il classico foro nella serratura di una porta finestra, sono penetrate all’interno dell’abitazione di un noto imprenditore teatino del settore alimentare che, in quel momento, stava dormendo unitamente alla consorte. I malviventi, dopo aver rovistato al piano terra dell’abitazione, sono saliti al piano superiore e, resisi conto della presenza dei proprietari di casa, li hanno immobilizzati al fine di farsi consegnare le chiavi della cassaforte.
Nel frangente l’imprenditore è stato ripetutamente colpito da uno dei malviventi sotto gli occhi della moglie che, terrorizzata da quello che stava accadendo, ha subito consegnato le chiavi della cassaforte agli altri due complici che hanno quindi asportato tutto il contenuto, composto da denaro contante e gioielli, in corso di quantificazione. Subito dopo i malviventi sono fuggiti a bordo di due autovetture, una rubata ai cognati delle vittime e l’altra ad una loro vicina di casa. A chiamare il 112 è stata la moglie dell’imprenditore, che una volta rimasta sola ha subito dato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Chieti e quelli del Reparto Operativo del Comando Provinciale che, al momento, stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti al fine di addivenire all’identificazione dei responsabili. Una delle due autovetture, una Fiat Panda, è stata rinvenuta a poche centinaia di metri dall’abitazione e, sula stessa, sono in corso i rilievi del caso.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 3

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione