Articoli filtrati per data: Giovedì, 05 Ottobre 2017

Pescara. L'Associazione "Noi per la famiglia" a supporto di Fabiola Bacci e Jonathan  Sterlecchini , madre e fratello di Jennifer Sterlecchini, la ragazza di 26  anni uccisa a Pescara lo scorso 2 dicembre, in collaborazione con la  Società Calcistica "Delfino Pescara 1936", con il patrocinio della  "Protezione Civile Val Pescara" e al Commissione Pari Opportunità Regione  Abruzzo, domenica 8 ottobre allo Stadio Adriatico, in occasione della  partita di serie B Pescara-Cittadela, propone l'iniziativa per la raccolta  delle firme per la modifica della norma relativa al giudizio abbreviato. A  tal fine, è stata approntata una pubblica petizione tendente a promuovere la  rimodulazione della norma premiale di cui al giudizio abbreviato, prevedendo  l'esclusione del rito per delitti particolarmente gravi e cruenti, tra cui l'omicidio in tutte le sue fogge. Il plico costituente la raccolta delle firme necessarie per l'iniziativa popolare, una volta completato, sarà consegnato nelle mani del Presidente della Camera dei Deputati e del Presidente del Senato, affinchè vengano accelerati i tempi per la discussione delle proposte di legge esistenti in tal senso ed avviate fin dal 2013 in Parlamento.
Pertanto, ci si auspica che venga raccolto l'invito alla sottoscrizione della petizione, a cui hanno già aderito numerosi cittadini abruzzesi  soprattutto in occasione di concerti tenuti in città ed in provincia, ripartendo proprio dalla manifestazione calcistica dell'8 ottobre, fiduciosi che la sensibilità dei tifosi pescaresi contribuisca alla causa della Giustizia di questo Paese.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Nella notte tra sabato e domenica scorsa, i carabinieri della Compagnia di Pescara sono dovuti intervenire in viale Regina Margherita a seguito di atti di bullismo posti in essere da tre giovani.
I fatti: verso le 22.30, 4 ragazzi (tre minorenni ed un maggiorenne) stavano passeggiando lungo il viale dopo una serata trascorsa assieme. Giunti all’altezza del parco “Florida” venivano raggiunti e attorniati da un gruppo formato da 8 giovani, tutti minorenni, alcuni dei quali in stato di ebrezza. Hanno iniziato ad infastidirli, dapprima deridendoli e sbeffeggiandoli. Indi, dal gruppo si staccavano 3 giovani che, spalleggiati dagli altri, iniziavano a chiedere con insistenza e subdola minaccia del denaro ai 4 ragazzi, arrivando ad infilare direttamente le mani nelle tasche dei malcapitati, che rimanevano frastornati ed impauriti da tale prepotente azione.
Uno di questi, che aveva cercato di ribellarsi, veniva colpito da due pugni in volto. L’arrivo casuale di un’auto - con a bordo alcuni adulti - interrompeva la bravata che stava, invece, assumendo i contorni di un’azione violenta e prevaricatrice. Pertanto, gli aggressori si davano alla fuga disperdendosi tra le vie cittadine.
I ragazzi vittime di quanto detto, avvertivano i Carabinieri dell’accaduto, descrivendo le fattezze dei loro aggressori. Erano in atto i consueti servizi svolti in concomitanza con la movida pescarese e, quindi, vi era un nutrito numero di pattuglie. Intervenute diverse del Nucleo Radiomobile, iniziavano le ricerche tramite una fitta perlustrazione del centro cittadino e delle vie contigue ai fatti.
Dopo circa mezzora veniva individuato e colto uno degli autori che vagava in una via adiacente al centro, non lontano dal luogo ove erano avvenute le descritte gesta. Si trattava di un ragazzo di sedici anni, incensurato, il quale veniva accompagnato in caserma.

Qui venivano altresì invitate le giovani vittime al fine di avviare più compiutamente le indagini e tracciare un organico quadro di situazione su quanto accaduto. Gradualmente affluivano anche i genitori dei malcapitati e quelli del ragazzo prelevato dai carabinieri. A seguito dei primi accertamenti, costui, si ribadisce minorenne, veniva riconosciuto come uno degli autori delle prevaricazioni attuate e, dopo alcuni approfondimenti, su di lui si catalizzavano seri e plurimi indizi di colpevolezza in ordine alle circostanze oggetto di investigazione. Pertanto, veniva denunciato alla Procura della Repubblica per i Minorenni di L’Aquila per tentata rapina e lesioni personali. In effetti, veniva altresì riconosciuto come l’autore del pugno sferrato ad uno dei ragazzi che nel frattempo, recatosi al pronto soccorso, era stato giudicato guaribile in 10 giorni.
Nei giorni successivi sono proseguite le indagini per fare piena luce sull’episodio e si è giunti nelle ultime ore ad individuare anche gli altri due presunti autori del gesto. Anche in tal caso, si tratta di due minorenni che seguiranno la medesima sorte del loro compagno e verranno denunciati alla Procura aquilana per gli stessi reati commessi in concorso.
Vi è da dire che il triste episodio è avvenuto in un’area centrale della città, scarsamente illuminata e priva di telecamere di videosorveglianza e ciò ha reso più difficoltose le indagini che, comunque, al di là di qualche ulteriore e meno rilevante accertamento, si trovano nella loro fase conclusiva. Gli altri 5 ragazzi che con la loro presenza e la loro indifferenza hanno “accompagnato” il cattivo comportamento dei loro coetanei, non sono, al momento, raggiunti da indizi o elementi di responsabilità penale.
Per l’ennesima volta si ritiene di dover stigmatizzare l’uso eccessivo e riprovevole di bevande alcooliche somministrate a giovani minorenni i quali, perdendo freni inibitori, si lasciano andare a smargiassate che poi, come in questa circostanza, trascendono in fatti costituenti reato che, probabilmente, vanno al di là della volontà e piena consapevolezza degli stessi autori di simili gesti. Anche per questo motivo, l’Arma procederà a controlli severi e stringenti nei locali che somministrano bevande, al fine di sanzionare severamente quelli che irresponsabilmente ne vendono a minorenni.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Torna oggi l'appuntamento con "Di palo in frasca", programma condotto da Francesco Rapino e dagli amici Giuseppe Mrozek e Fabrizio Manili.
Tra gli argomenti del giorno le interviste a Carmen Alessandrelli e a Giulio Ghirardini dei Reveers e poi andremo ad ascoltare gli Echi di luce che ci parleranno del loro nuovo albumdedicato alla memoria di Don Danilo Belotti. Prima puntata con lo sponsor "Jamm Bell", pizzeria sita a Francavilla al Mare, nei pressi della stazione ferroviaria.

Pubblicato in Rubrica

Pescara. Sopralluogo stamane in via Mazzarino dove sono in corso lavori di riqualificazione nel tratto a ridosso di piazza Salvo D'Acquisto. Sul posto, il sindaco Marco Alessandrini, il vicesindaco Antonio Blasioli, il dirigente del settore Lavori Pubblici Giuliano Rossi.

“Siamo andati di persona a per verificare le preoccupazioni sulla mancanza di scivoli sui marciapiedi che erano stata segnalate sia a mezzo stampa che da alcuni cittadini – chiarisce il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli - Il lavoro verrà eseguito come per il primo tratto, dove i cordoli sono livellati con il manto d'asflalto, quindi non ci sono scalini, per cui l’isola spartitraffico che attualmente sembra priva di scivoli proprio perché incompleta, manca il manto di asfalto, a fine lavori sarà invece a raso. Come detto, dopo il posizionamento dell’asfalto lo zoccolo che si vede oggi non ci sarà più, questo per via Mazzarino dove i lavori su via Mazzarino termineranno nel giro di 15 giorni.
Scivoli e passaggi pedonali accessibili saranno effettuati su via Chiarini che incrocia via Mazzarino, non appena partiranno i lavori di riqualificazione: le strisce pedonali verranno delocalizzate dopo la realizzazione dei marciapiedi che sono compresi in un altro progetto appena approvato in Giunta”.

Pubblicato in Cronaca
Giovedì, 05 Ottobre 2017 00:00

Pescara, nuovo intervento antidegrado

Pescara. Continua la lotta al degrado cittadino da parte della Polizia Municipale, che su indicazione dell'assessorato di competenza sta intensificando controlli e presenza sul territorio. Nella mattinata di oggi gli uomini del Servizio Ambiente, alla guida del maggiore Adamo Agostinone, è intervenuto su uno stabile privato di in via Maiella in cui la cittadinanza aveva indicato la presenza di persone senza fissa dimora.

“La situazione ci era stata segnalata durante la presentazione del progetto esecutivo del recupero dell'ex Omni – così il vice sindaco Antonio Blasioli - Stamane mi sono recato sul posto che si trova proprio a ridosso della struttura, dove presto verrà collocata la sede di Pescara Energia e del Centro Operativo Comunale. I lavori dell'ex ONMI cominceranno lunedì, oggi, grazie a questo intervento, abbiamo dato una risposta ai cittadini che ci avevano segnalato la situazione, convinti sempre di più che la riqualificazione sia un'arma potentissima contro il degrado”.

“Si tratta di uno stabile privato dove sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco e Attiva per la messa in sicurezza delle aree e la bonifica del materiale trovato all'interno – sottolinea l'assessore alla Polizia Municipale Gianni Teodoro – Com'è noto alla lotta al degrado abbiamo dedicato un'attenzione prioritaria , tanto da istituire il Gruppo di Intervento Operativo Nucleo Antidegrado, precisando che comunque anche gli altri servizi sarebbero stati sul pezzo. E così oggi è stato. La segnalazione è stata verificata, le pattuglie sono arrivate sul posto, entrando nello stabile fino agli spazi dove, stando agli oggetti e materassi rinvenuti, trovavano riparo tre persone che erano assenti al momento degli interventi. La stanza dove alloggiavano era posta al secondo piano e raggiungibile solo da una scala interna, fatiscente e pericolosa. Lunedì si farà la messa in sicurezza, gli ingressi saranno murati in modo da non mettere a rischio l'incolumità di chi dovesse intrufolarcisi.
La Municipale ha agito anche ieri nel parchetto di viale Marconi, nei pressi del Lidl, da cui con l'ausilio degli addetti al Verde Pubblico sono stati rimossi dei pezzi di ferro che fermavano dei cordoli usurati. Un altro intervento a tutela della pubblica incolumità, che attesta la costante disponibilità e attenzione che il Corpo dedica alla città e al suo territorio”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Nella giornata di oggi il sindaco Marco Alessandrini ha firmato due nuove ordinanze che dispongono il non utilizzo dell'acqua a scopi potabili nelle scuole comunali Virgilio, Bosco e i plessi di via Cerulli n. 15. L'atto è stato emesso in seguito alle dichiarazioni di non conformità dei valori pervenute oggi dalla Asl, ente preposto ai campionamenti. Al fine di dare la massima trasparenza e condivisione dei dati e dei provvedimenti emessi, il sindaco e l'assessore all'Ambiente Simona Di Carlo hanno richiesto una riunione straordinaria della Commissione Ambiente che si terrà domani, venerdì 6 ottobre, alle ore 16,30, in presenza di tutti i soggetti competenti sull'argomento e a cui la stampa è invitata a partecipare.

“Abbiamo chiesto noi le verifiche in tutti i plessi scolastici per avere un quadro chiaro della situazione non appena si è manifestato il primo problema nella scuola di piazza Grue – riferisce l'assessore Simona Di Carlo – Oggi chiediamo a tutti gli enti preposti la massima chiarezza sulle cause, perché questa situazione riguarda l'acqua, il bene più prezioso per la vita e la salute dei cittadini.
Così come abbiamo subito sollecitato un tavolo tecnico permanente su cui veicolare con più speditezza le informazioni e comunicazioni e attivare procedure e provvedimenti, oggi vogliamo un confronto ancora più aperto attraverso la Commissione Consiliare Ambiente, al fine di ottenere spiegazioni su circostanze che sebbene non si sono mai manifestate nella storia della città, a detta degli enti coinvolti, non destano particolari preoccupazioni per la salute pubblica.
Riteniamo comunque doveroso da parte dell'Amministrazione, chiedere approfondimenti su una situazione di cui non abbiamo competenza diretta, ma che ci investe come tutori della salute pubblica. Questo sia per definire la portata di ciò che sta accadendo, quindi il livello di gravità, semmai ci fosse, ma anche per non ingenerare psicosi inutili o strumentali su una situazione di cui siamo i primi a chiedere una sollecita soluzione.
Tutto quello che era di nostra competenza lo abbiamo fatto o messo in moto e così continueremo a fare, ci preme rassicurare la città sul fatto che ad oggi non esiste alcun allarme, che le ordinanze emesse sono a scopo precauzionale, considerato anche il fatto che i dati fornitici non delineano una situazione di emergenza”.

Pubblicato in Cronaca

Torre de’ Passeri. Come ogni anno, nei mesi di ottobre e novembre tutti gli elettori che desiderano essere iscritti nell'Albo delle persone idonee alla funzione di presidente di seggio elettorale e nell'albo delle persone idonee all'ufficio di scrutatore di seggio elettorale possono presentare apposita domanda al Comune di Torre de’ Passeri.
Ad informare i cittadini è il sindaco Piero Di Giulio che ricorda che dal 1° ottobre tutti gli elettori e le elettrici del Comune che desiderano essere inseriti nell’albo dei presidenti e nell’albo degli scrutatori possono presentare domanda all’ufficio elettorale rispettivamente entro il 31 ottobre e il 30 novembre prossimi. L’iscrizione nell’albo degli scrutatori è subordinata al possesso almeno del titolo di studio della scuola dell'obbligo, mentre quella per l’albo dei presidenti di seggio è subordinata al possesso almeno del diploma della scuola secondaria di secondo grado.
La domanda dovrà essere redatta sugli appositi moduli disponibili presso l’ufficio elettorale comunale nonché sul sito internet istituzionale www.comune.torredepasseri.pe.it nella sezione modulistica dell’ufficio anagrafe alla categoria “richieste ufficio elettorale”.
Gli elettori già iscritti che non hanno più interesse a far parte dei relativi albi, possono, invece, chiedere di essere cancellati, anche al fine di consentire all’ufficio di tenere i dati aggiornati
Chi ha già ottenuto l'inserimento nell'Albo non occorre che ripeta la domanda per gli anni successivi.

Attualmente l’albo comunale degli scrutatori conta 343 iscritti, mentre quello dei presidenti 150.

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Tredici Finanzieri a “quattro zampe” ed altrettanti militari conduttori, in forza ai Comandi Regionali della Guardia di Finanza di Abruzzo, Lazio ed Umbria, si sono confrontati quest’oggi in una avvincente esercitazione cinofila, che ha visto gli interpreti principali impegnati a scovare hashish, marijuana, cocaina, eroina e droghe sintetiche, in due differenti contesti operativi: ispezione di plichi e/o corrispondenza presso i magazzini della “SDA EXPRESS COURIER” del capoluogo, cortesemente a disposizione per la simulazione, e controllo su persone in transito, ipotizzando lo scenario di un generico terminal di attesa, allestito per la circostanza presso la palestra “Lgt. Demetrio Mariani” della Caserma “Tito Giorgi”.
Le unità cinofile antidroga hanno letteralmente “fiutato” ogni spazio a disposizione per trovare le sostanze stupefacenti abilmente occultate in uffici, magazzini e sulle persone, ed hanno efficacemente calamitato l’attenzione della platea degli astanti, composta da autorevoli rappresentanti del comparto cinofilo di altre Forze di Polizia e del mondo civile, nonché da studenti universitari delle facoltà di veterinaria, trovatisi, quest’ultimi, proiettati nella simulazione di un’operazione antidroga dal momento che essi stessi sono stati impiegati per inscenare il ruolo di estemporanei passeggeri.
L’esercitazione congiunta è stata organizzata per perfezionare ulteriormente l’efficienza dei cani mediante l’impiego in ambienti diversificati, ed è stata resa pubblica per far conoscere meglio il prezioso lavoro svolto quotidianamente anche dagli amici animali, a salvaguardia della vita umana e, soprattutto, dei più giovani, particolarmente esposti alle insidie ed alle “tentazioni” delle sostanze stupefacenti.
Rilevanti i sequestri di droga operati da inizio anno dalle unità cinofile abruzzesi sul territorio di competenza: 2114 grammi circa di hashish, 1770 grammi di marijuana, 5189 grammi di cocaina, 51 grammi di eroina, 22 grammi di droghe sintetiche, 3 piante di cannabis; e non solo: n. 2 sigarette tipo eroina,176 grammi di crack, n. 51 spinelli. A testimonianza della costante attenzione del Corpo nel settore e frutto dell’addestramento e del rapporto di estremo affiatamento tra i cani e i loro conduttori.
Affiatamento che ha la sua genesi presso il “Centro Allevamento e Addestramento Cinofilo” della Guardia di Finanza di Castiglione del Lago (PG), unico polo cinofilo del Corpo con compiti di formazione del personale specializzato e di allevamento dei cani, dove i quadrupedi, dopo la fase dell'addestramento primario, vengono avviati ai vari corsi di specializzazione unitamente al conduttore a cui sono inizialmente affidati.
E’ cosi che l'uomo e l'animale diventano un binomio inscindibile, una simbiosi assoluta che viene quotidianamente chiamata ad operare nelle più svariate condizioni di spazio e di tempo, per ricercare droga, denaro, persone scomparse, etc.; saranno poi l'intesa e l’affetto reciproco a garantire ottimi risultati in campo lavorativo.
Importante sottolineare che l'intero addestramento è basato sul gioco ed è fondato essenzialmente su principi di condizionamento e di apprendimento; vengono sfruttati, inoltre, alcuni istinti naturali del cane, soprattutto il senso dell'olfatto, così sensibile nei quadrupedi, ma anche quelli del gioco predatorio e della caccia.
Il manicotto (un telo di spugna arrotolato e legato con del particolare nastro adesivo) rappresenta per il cinofilo lo strumento più utilizzato durante lo svolgimento delle varie tecniche di addestramento e, per il quadrupede, l'ambito "premio".
L'addestramento per il cane non costituisce un lavoro od una costrizione, ma sempre e soltanto un gioco, uno sfogo costruttivo ai suoi istinti naturali.
Ad onor di cronaca, l’esercitazione odierna ha visto primeggiare il cane Zagor, condotto dal Vice Brigadiere Gianluca Caiterzi, in forza alla Compagnia di L’Aquila a seguire il cane Vagol condotto dall’App. Sc Marcello Di Pretoro, in forza alla Compagnia di Pescara e il cane Dab condotto dall’App. Sc. Marco Leva, in forza alla Compagnia di Pescara, splendidi pastore tedesco, che, da inizio anno, hanno contribuito a denunciare e a segnalare alle Prefetture competenti, per fatti connessi allo spaccio e l’uso di stupefacenti numerose persone.
Al termine delle prove i vincitori sono stati insigniti di una medaglia commemorativa e gratificati dal convinto ed entusiastico applauso dei presenti che hanno apprezzato l’altissima preparazione tecnica complessivamente dimostrata, nelle varie fasi, da tutte le unità cinofile.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Chieti Pescara, guidato dal Presidente Gennaro ZECCA, ha scelto gli imprenditori che rappresenteranno Confindustria Chieti Pescara nella nuova Camera di Commercio unificata.

 

In un clima di grande condivisione, sono stati scelti gli imprenditori a completamento della squadra che sarà guidata da DANIELE BECCI, attuale Presidente della Camera di Commercio di Pescara, già designato come candidato alla prossima Presidenza Camerale:

SILVIA D’ALESSANDRO, dell’azienda Gegel

ROBERTO DI VINCENZO, gruppo Di Vincenzo, attuale Presidente della Camera di Commercio di Chieti,

ELIANA LA ROCCA, dell’azienda Valagro

ENRICO MARRAMIERO, dell’azienda Almacis

ANTONELLA MARROLLO, dell’azienda Tecnoasfalti

NUNZIA SALVATORELLI, dell’azienda Vastarredo e in rappresentanza di BCC Valle del Trigno e Assovasto,

GIOVANNI SCURTI, dell’azienda Residenza Il Giardino.

 

La scelta dei designati ha tenuto conto delle aree rappresentate da Confindustria Chieti Pescara ed in particolar modo del Vastese e di Val Di Sangro. Dalla Provincia di Chieti provengono 5 designati, mentre 3 da quella di Pescara, rispecchiando il peso delle aziende rappresentate in seno alle attuali Camere di Commercio.

Il Presidente ZECCA ha sottolineato come punto di forza della squadra la parità di genere tra gli otto rappresentanti alla nuova CCIAA.

 

Domani la formalizzazione delle nomine alla Regione Abruzzo.

Pubblicato in Economia

Montesilvano. Servizi previsionali, preventivi, a contrasto dell’emergenza e mitigazione del rischio; servizi di gestione e superamento delle emergenze; attività informativa ed educativa alla Protezione Civile. Sono queste le attività oggetto del bando emanato dal Comune di Montesilvano. L’Ente è alla ricerca di una Organizzazione di Volontariato costituita in Associazione senza fine di lucro, per l’affidamento fino al 30 aprile 2019 del servizio di Protezione Civile.
«Quello della Protezione Civile – afferma l’assessore al ramo Ottavio De Martinis - è un servizio delicato e molto prezioso. Le perturbazioni violente e improvvise che purtroppo spesso ci colpiscono mettono in evidenza alcune fragilità del nostro territorio e rendono necessario l’intervento di uomini e donne preparati a gestire le emergenze per dare l’assistenza necessaria ai concittadini. Altrettanto importante è l’attività di formazione e prevenzione per rendere i montesilvanesi pronti a comportarsi secondo precise modalità in caso di emergenza. L’attuale convenzione in vigore con l’associazione Protezione Civile di Montesilvano, guidata da Andrea Gallerati, scadrà il 31 dicembre. Ecco perché abbiamo emanato un bando per individuare l’affidatario per il prossimo anno».
L’avviso è rivolto ad associazioni in possesso di almeno 2 motopompe stradali con accessori, 2 generatori di corrente, 2 mezzi fuoristrada con lame sgombraneve, 2 motoseghe, 2 spargisale e con almeno 10 volontari. Il personale dovrà essere in possesso dell’attestato di corso base obbligatorio per lo svolgimento di funzioni di protezione civile e addestrato all’uso di mezzi e dotazioni. Il bando prevede che l’Associazione affidataria abbia diritto ad un rimborso forfettario, stimato in 8.750 euro, suddiviso in una parte fissa ed in una variabile, per le spese sostenute in seguito allo svolgimento delle attività previste nel bando. «Sulla base di un’esperienza ormai consolidata - specifica De Martinis - stimiamo che gli interventi che l’Associazione, in caso di necessità, potrebbe effettuare sul nostro territorio saranno non superiori a sei. Siamo particolarmente attenti a questo settore che a luglio 2015 abbiamo aggiornato per mezzo della redazione del piano di emergenza comunale, dopo 7 anni dalla sua ultima revisione». Il piano prende in considerazione i rischi del territorio, distinguendoli in idrogeologici, sismici, di incendi boschivi e legati a neve o valanghe. Nel piano vengono indicati i soggetti da coinvolgere e le modalità di intervento per ogni singola situazione. Nel territorio sono stati individuati 36 edifici strategici, ossia delle strutture ricettive che verranno messe in funzione in caso di necessità. Si tratta del Municipio, in quanto sede del Coc, il centro operativo comunale, scuole, impianti sportivi e il Palacongressi. Ad essi si aggiungono 24 aree di attesa tra piazze e parcheggi, due di accoglienza, ossia gli stadi Speziale e Mastrangelo, e due di ammassamento, ovvero il giardino di via Gramsci e il parcheggio del Cormorano lungo corso Umberto. Tutti questi luoghi sono stati individuati tenendo conto della facilità di accesso e della loro localizzazione, così da coprire l’intero territorio della città. Nel Piano sono indicati anche i 10 responsabili delle funzioni di supporto, individuati nei dirigenti comunali.
Per partecipare all’avviso le Associazioni di volontariato possono manifestare il proprio interesse entro le 13 del 30 ottobre, compilando il modulo scaricabile anche sul sito istituzionale.
Altre informazioni potranno essere richieste al Settore Patrimonio e Protezione Civile in orario d’ufficio – tel. 347 7323372- 085 4481316 - 0854481332 oppure tramite e.mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione