Articoli filtrati per data: Venerdì, 06 Ottobre 2017

Chieti. Il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Il 14 ottobre volontari e volontarie di protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” nelle piazze dei capoluoghi di provincia italiani, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.
Il cuore dell’iniziativa – giunta quest’anno alla settima edizione – è il momento dell’incontro in piazza tra i volontari formati e la cittadinanza. Ma l’edizione 2017 sarà un’occasione speciale, perché le piazze si arricchiranno di iniziative ed eventi: i volontari, infatti, accompagneranno la cittadinanza in un percorso legato alla conoscenza dei rischi specifici del territorio e alla memoria dei luoghi.
Sabato 14 ottobre, in contemporanea con le altre città in tutta Italia, anche Chieti partecipa alla campagna “Io non rischio”.
Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per ridurre i rischi terremoto/maremoto e alluvione, l’appuntamento è in Corso Marrucino. Oltre al punto informativo, quest’anno i volontari invitano gli abitanti della Provincia di Chieti ad un appuntamento speciale: Percorso tra le via del centro storico della città di Chieti colpite da eventi calamitosi.

L’edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre 700 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Il sindaco Marco Alessandrini ha firmato stasera le ordinanze di revoca del divieto di utilizzo dell’acqua a usi potabili emesso nei giorni scorsi per le scuole di Piazza Grue e Bosco.
Nel pomeriggio di oggi si è svolta la Commissione Ambiente dedicata alla problematica relativa alla potabilità dell’acqua, dopo le criticità che hanno portato all’emissione di diverse ordinanze di revoca dell’utilizzo per scopi potabili. Presenti, oltre al presidente Fabrizio Perfetto e all'assessore all'Ambiente Simona Di Carlo, per l'Aca il presidente Luca Toro, il direttore tecnico Lorenzo Livello e il responsabile tecnico Lucia Bergia, per la Asl i responsabili del relativo servizio Giorgio Robuffo e Concetta Chiola e diverse associazioni ambientaliste.

“La Commissione voleva fare chiarezza sulla situazione, anche se quello che è emerso è il serrato disaccordo fra Aca e Asl sulle procedure – dice il presidente della Commissione Fabrizio Perfetto – Dai dati che sono stati citati durante i lavori parliamo di valori veramente bassi e a detta dei tecnici questa variabilità risulterebbe normale. Come Amministrazione dobbiamo pretendere che Aca e Asl si attengano a tutto ciò che prevede la legge, sia nei controlli che nelle procedure, così come nella manutenzione, pulizia e monitoraggio, per garantire che ogni singolo cittadino possa fruire del servizio in maniera chiara e sicura. Questo specie nelle scuole che ospitano utenze importantissime della nostra città e ogni famiglia deve essere sicura di affidare il proprio figlio a strutture al passo con realtà europee, come vogliamo”.

“Continueremo a tenere alta l’attenzione sulla qualità dell’acqua perché il Comune è il riferimento cardine della Città in questa vicenda – aggiunge l’assessore all’Ambiente Simona Di Carlo – Comprendo che tale materia sia una materia dinamica e che pertanto possa essere esposta a tante variabili, prevedibili o non, che determinano una minima alterazione dei valori. Detto ciò gli enti preposti piuttosto che rimbalzarsi reciproche contestazioni sulla procedibilità dei campionamenti, come emerso durante la Commissione di oggi, devono trovare una sinergia di lavoro più compiuta e a vantaggio dei cittadini che aspettano informazioni chiare e sicure sulla potabilità dell’acqua che beviamo. La Asl continuerà il monitoraggio sulle scuole, operazione su cui abbiamo preteso tempi concisi, anche se le ordinanze di revoca emesse oggi comprovano questa variabilità dei dati e il ritorno al normale utilizzo dell’acqua nelle scuole e delle utenze finite sotto la lente”.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Il Teatro Marrucino si appresta a celebrare il suo primo bicentenario. Duecento anni che lo hanno reso fulcro della vita culturale abruzzese e lo hanno fatto assurgere a un ruolo di prim’ordine nella storia del teatro italiano.

Per degnamente celebrare il traguardo, una straordinaria opportunità che si riverbera sulla città e sull’intera regione, il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, ha voluto costituire un Comitato Organizzatore composto dal CdA della Deputazione Teatrale, presieduta da Cristiano Sicari e composto da Paolo De Cesare e Annalisa De Matteo, dal Prefetto di Chieti, Antonio Corona, dal Vice Presidente del Csm, Giovanni Legnini, dal Sottosegretario Federica Chiavaroli, dall’On. Fabrizio Di Sfefano, dal Presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, dal Direttore della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio d’Abruizzo, Rosaria Mencarelli, dal Presidente di Confindustria Chieti-Pescara, Gennaro Zecca, dal presidente della Camera di Commercio di Chieti/Pescara, Roberto Di Vincenzo, dal Presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, dal Rettore dell’Università d’Annunzio, Sergio Caputi, dall’Arcivescovo Metropolita Chieti/Vasto, Bruno Forte, dal Consigliere regionale, Mauro Febbo, da Aurelio Bigi, già commissario straordinario del Teatro Marrucino e Paolo Roccioletti ex presidente del CdA della Deputazione Teatrale che, per qualità e prestigio dei suoi componenti, avrà il compito di curare la regia dell’importante momento celebrativo.

Questa mattina, presso il foyer storico del Teatro Marrucino, il Comitato si è riunito per fare il punto sul cartellone degli eventi celebrativi che avranno inizio già a partire dalle prossime settimane e vedranno il loro apice lungo tutto il 2018, anno in cui il teatro festeggerà il bicentenario dalla sua fondazione.

Nel corso della riunione, il Sindaco, rimarcando l’importanza dell’evento per l’intero Abruzzo, ha reso partecipi i componenti della richiesta di contributo economico e patrocinio avanzata al Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini, annunciando il contributo da parte del Ministero.
Quanto ai necessari interventi di manutenzione (ristrutturazione della facciata e degli infissi nonché il restauro delle poltrone di platea) il Sindaco ha evidenziato che tale aspetto potrà essere garantito grazie alla collaborazione con i privati i quali potranno contare sugli sgravi fiscali dell’Art Bonus, provvedimento che prevede un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano.

Nel ricco calendario di appuntamenti costituito da importanti opere liriche, una qualificata stagione di prosa e teatro ragazzi, momenti dedicati alla riflessione con seminari, convegni e conferenze su temi specifici, nonché una mostra sulla storia del teatro, spiccano:
“La Cenerentola” di Rossini con la regia di Michele Mirabella, opera con la quale fu inaugurato il Teatro il 14 gennaio 1818; la “Boheme” di Puccini in collaborazione con l’Opera Festival di Macerata per la regia di Leo Muscato; “Giove a Pompei” di Umberto Giordano.
Una grande sorpresa potrà essere riservata, in estate, dall’allestimento della “Turandot” di Puccini in collaborazione con il Puccini Opera Festival nel suggestivo scenario dell’anfiteatro romano della Civitella.
In cartellone, inoltre, star e compagini orchestrali internazionali della musica: dal violinista Uto Ughi che si esibirà con l’orchestra da camera di Santa Cecilia, al celebre direttore d’orchestra Antonio Pappano e la grande Orchestra del Lussemburgo.

Per il cartellone della prosa, in occasione del bicentenario andranno in scena otto spettacoli più le rispettive repliche.

Pubblicato in Cultura e eventi

Campobasso. Settimana biblica diocesana, festa della Parola, “Verbum Domini”. E’ entrata nel vivo la settimana dedicata alla lettura della Bibbia per aderire all’esortazione di Papa Francesco di “dedicare una domenica interamente alla parola di Dio, per comprendere l’inesauribile ricchezza che proviene da quel dialogo costante di Dio con il suo popolo”. La chiesa Madonna della Libera nel centro cittadino di Campobasso ha visto l’adesione di numerose parrocchie, gruppi pastorali, giovani, religiose, che finora hanno animato la lettura e seguito le catechesi serali divise in letture tematiche della Sacra Bibbia, il più antico dei libri, Dalle Celebrazioni del mattino, alle ore 7:30, presiedute dall’arcivescovo di Campobasso –Bojano GianCarlo Bregantini, alle letture programmate dalle parrocchie attraverso una turnazione organizzata, il momento centrale della settimana biblica sono le catechesi. Le giornate svolte finora, con programma scandito in diversi e ininterrotti momenti, hanno suscitato notevole interesse e riscontrato piena adesione da parte di tutta la comunità ecclesiale e dei tanti cittadini lontani dalla fede. La città di Campobasso ha visto, nella piazza principale Vittorio Emanuele II, un insolito passeggio attrattivo verso la chiesa della Libera, favorita dal clima mite delle prime giornate di autunno, per riempirla ed animarla di presenza e sapore cristiano.
Un pubblico eterogeneo. Ogni sera infatti la diversità dei libri letti dall’Antico al nuovo Testamento ha visto la riflessione e l’esposizione di diverse catechesi: da quella del lunedì guidata dalla Pastorale Familiare con i coniugi Di Nucci (Lettura del Cantico dei Cantici) alla lettura dei libri sapienziali (libro della Sapienza, Siracide e Qoelet) con catechesi affidata filosofa e scrittrice Ylenia Fiorenza, alla lettura sulla Lettera ai Romani, di san Paolo, affidata alla Commissione Ecumenica, per raccogliere le grandi sfide suscitate da questo libro nel cuore stesso di Lutero, alla serata di giovedì con la presenza dei giovani che hanno letto brani famosi tratti dai quattro Vangeli, con confronti e luci dirette sul nostro tempo.
Attorno a tali brani e catechesi stimolanti, numerosi sono stati gli interventi, i quesiti, le risposte, il dialogo. Ogni sera la riflessione e la preghiera conclusive sono state affidate al vescovo Bregantini che ha ripetutamente invitato «ogni famiglia a creare l’angolo della parola, come ci invita l’esortazione apostolica Verbum Domini, di papa Benedetto (30 settembre 2010): “ogni casa abbia la sua Bibbia e la custodisca in modo dignitoso, così da poterla leggere e utilizzare per la preghiera in famiglia” (n.85). Sarà il segno sinodale, nell’anno del Kerigma, con un sussidio per le famiglie che vogliono pregare con la Bibbia!»

Giornata della Parola, domenica 8 ottobre
Momento atteso in preparazione della Giornata della Parola di domenica 8 ottobre è la Veglia Biblica di sabato 7 ottobre alle ore 20:30 nella chiesa della Libera affidata ai Catechisti. Mentre domenica al mattino proseguiranno le letture con la presenza, dalle ore 11:00 alle 12:00 di una delegazione dell’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Battista che leggerà alcuni brani della Bibbia. Nel pomeriggio avrà luogo la liturgia eucaristica, che raccoglie tutta la settimana. Sarà celebrata nella Cattedrale, al termine della processione da piazza Municipio alla Cattedrale. alle ore 18:30. «Tutti uniti – ha esortato Bregantini - dopo una verifica finale, nella rilettura di certi passi decisivi sul seminatore che uscì a seminare (Mt 13), per capire se siamo stati strada sterile, pietra infeconda o rovi soffocanti. Oppure, se invece, siamo diventati terreno buono e produttivo, pur nella varietà della risposta».

Pubblicato in Cultura e eventi

Ortona. Gli alunni delle terze classi della secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo n.2 sono stati coinvolti in un progetto europeo, iniziato a settembre 2016 e della durata di 2 anni, che vede insieme le istituzioni scolastiche e universitarie di sette Paesi europei per definire le buone prassi contro la radicalizzazione della violenza e degli estremismi attraverso la prevenzione a scuola.

Il progetto, partendo dall’osservazione della realtà la fotografa e definisce delle linee guida da condividere con gli altri gruppi di lavoro, in particolare i ragazzi lavorano con metodologie innovative e in focus group per individuare le criticità esistenti che potrebbero portare a fenomeni di radicalizzazione e per rilevare quali siano invece le cose che aiutano l’integrazione e che quindi allontanano ogni forma di emarginazione.

Il progetto ha visto il coinvolgimento di tutte le terze classi ma il gruppo di lavoro è formato da 21 alunni, 3 per ogni classe, scelti in base ai meriti scolastici e al livello di conoscenza della lingua inglese, visto che il gruppo deve interloquire con i partners stranieri e scrivere insieme il manuale delle buone prassi.

Nella fase, prevista dal progetto, di apertura al territorio e alle istituzioni c’è stata la visita del gruppo di lavoro in Comune per affrontare alcune tematiche con il sindaco e gli assessori. In particolare i ragazzi dopo aver presentato il proprio lavoro hanno posto delle domande specifiche sulle azioni messe in campo dall’amministrazione su alcuni temi come il bullismo, l’accoglienza degli stranieri, l’integrazione dei minori.

Il sindaco Leo Castiglione ha spiegato ai giovani cittadini come « la nostra città sia da tempo attenta a questi fenomeni, a partire dalle politiche innovative messe in campo sull’accoglienza e sull’integrazione degli stranieri attraverso la costituzione dello sportello immigrati, del centro di documentazione interculturale, del lavoro di mediazione culturale che da anni si svolge nelle scuole. Un lavoro che ha permesso alla nostra comunità di vivere tranquillamente e consapevolmente le varie fasi dei flussi migratori. Anche sul bullismo si è lavorato tanto e da tanti anni attraverso il progetto legalità che ha investito molto sul fenomeno del bullismo e del cyber bullismo, coinvolgendo non solo le forze dell’ordine ma tutti gli attori interessati.

Nell’occasione sia il sindaco Castiglione che gli assessori presenti , Roberta Daloiso, Valentina Ciampichetti e Francesco Falcone, hanno invitato i ragazzi a parlare con gli adulti a confidarsi ogni volta che si dovessero presentare situazioni di difficoltà o di emarginazione proprio per fermare sul nascere alcuni comportamenti. Il sindaco ha invitato i giovani ad andare in Comune a parlare con lui, per qualsiasi problema loro ritenessero degno di nota, anche per parlare della città e delle cose che non funzionano o che vorrebbero cambiare.

A novembre Ortona ospiterà altri gruppi di lavoro e poi ad aprile 2017 tutti i gruppi si incontreranno in Polonia per condividere il lavoro di ricerca svolto e scrivere un vero e proprio manuale di buone prassi per la prevenzione del fenomeno a partire proprio dalla scuola e dai giovani.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. “Esprimiamo grande soddisfazione per il giudizio espresso ieri dal Comitato di Coordinamento regionale VIA sulla non assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale del progetto di fattibilità tecnico-economica per la realizzazione del parco centrale nell’area di risulta della stazione. Il Comitato è giunto a escludere la presenza di impatti ambientali negativi osservando che “l’intervento si configura come risanamento ambientale e riqualificazione urbanistica di un’area interessata da contaminazione ambientale (acqua e suolo), con riduzione delle aree impermeabilizzate e con un uso più propriamente naturalistico”.
Così in una nota l'assessore al Governo del Territorio, Stefano Civitarese Matteucci, che aggiunge: "Il Comitato ha indicato alcune prescrizioni di cui si dovrà tenere conto nella redazione del progetto definitivo e nella esecuzione dei lavori, quali la conclusione del procedimento di bonifica prima dell’avvio delle opere, una rivisitazione degli impatti acustici – che comunque sono destinati a migliorare secondo le analisi specifiche già svolte in virtù del benefico effetto delle superfici a verde – e accorgimenti nella gestione dei materiali di cumulo nelle fasi di cantiere. Il giudizio è condizionato, inoltre, alla conclusione positiva del procedimento di valutazione ambientale strategica di competenza comunale (e fortemente integrato con quello ieri conclusosi), anch’esso in dirittura d’arrivo e nel quale, in base al rapporto ambientale redatto e pubblicato, l’elemento della riqualificazione urbanistica dell’intero settore centrale della città attraverso la realizzazione del parco centrale e di un hub intermodale al servizio del centro commercial naturale non potrà che condurre a una valutazione positiva, eventualmente suggerendo ulteriori miglioramenti. A questo punto procediamo con rinnovato impegno verso la approvazione del progetto in Consiglio Comunale e l’avvio delle procedure per la gara di appalto. Nelle prossime settimane e nei mesi che ci separano dal momento in cui il bando vedrà la luce nella prossima primavera, ci occuperemo di definire al meglio gli aspetti legati alle funzioni e tipologie dei vari settori del parco nonché alla sua gestione e sicurezza, fermo restando che a coloro che parteciperanno alla gara sarà richiesto un elevatissimo standard tecnico-professionale e una qualità della progettazione e delle soluzioni gestionali sulla cui eccellenza si giocherà l’aggiudicazione del progetto definitivo. In questa fase vogliamo continuare ad ascoltare i suggerimenti e le idee dei cittadini e degli esperti su che parco centrale vogliamo, come è avvenuto nell’incontro pubblico del 4 ottobre scorso dal quale sono emerse indicazioni in tema di mobilità, soluzioni architettoniche, aspetti vegetazionali ed ecologici di cui terremo conto nella redazione dei documenti di gara”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Movimento 5 Stelle interviene sulla volontà del Governo di impugnare la legge regionale 40/17 approvata dal Consiglio Regionale lo scorso 11 Luglio 2017, che, di fatto, rappresenta un vero e proprio condono per rendere cantine e garage ad uso residenziale e commerciale.

“Finalmente il Governo, dopo la nostra interrogazione parlamentare, impugna la legge regionale bipartisan di centrodestra e centrosinistra che vorrebbe rendere abitabili garage e cantine” commenta il deputato pentastellato Andrea Colletti “adesso dobbiamo sperare che la Corte costituzionale accolga i rilievi nostri e del Governo contro questa sanatoria regionale che potrebbe mettere a rischio l’incolumità ma soprattutto la salute delle persone facendoci tornare indietro ai famigerati bassi napoletani”.

In prima linea contro il recepimento di una legge regionale tanto scellerata, si esprimeranno – grazie alle consigliere comunali M5S Erika Alessandrini e Margherita Trifoni – i Consigli Comunali di Pescara e di Giulianova, primi in Abruzzo ad aver redatto un documento per evitare di applicare la legge regionale nei propri comuni.

"Che fosse una legge scorretta e ingiusta lo avevamo già detto in Consiglio regionale dove siamo stati gli unici ad opporci. Oggi che il Governo impugna la norma è l'ennesima prova che l'opposizione M5S è stata ancora una volta responsabile e lungimirante rispetto ad un Consiglio regionale che ancora una volta sbaglia clamorosamente". Il commento è del gruppo consiliare del M5S che per voce del capogruppo Gianluca Ranieri commenta la stroncatura da parte del Governo della legge sull'abitabilità dei garage. "La norma" commenta Ranieri" anche secondo il Governo presenta profili di illegittimita' con riferimento a varie disposizioni, che appaiono invadere la competenza legislativa statale in materia di tutela dell'ambiente (art. 117, comma 2, lettera s), della Costituzione e di governo dei territori (art. 117, comma 3, della Costituzione), consentendo interventi di recupero anche in deroga ai limiti e prescrizioni edilizie degli strumenti urbanistici ed edilizi comunali vigenti, ovvero in assenza dei medesimi".

"Viene presentata come una legge che vuole contenere il consumo del suolo attraverso il recupero di vani accatastati senza abitabilità" incalza il 5 stelle" ma in realtà si tratta del solito intervento miope che punta ad accaparrarsi la benevolenza del cittadino senza tenere in considerazione gli effetti distorsivi sulla programmazione urbanistica, gli impatti sul settore dell'edilizia, nonché i rischi per l'incolumità delle persone. In sostanza una norma pericolosa e non necessaria a cui solo noi ci siamo opposti sin dal primo momento. Non possiamo che essere contenti, per una volta, della decisione di Governo e speriamo che la Regione abbia il buon senso di non opporsi a questa impugnazione".

Pubblicato in Politica

Chieti. Questa mattina è stata ufficialmente archiviata la pratica da parte del servizio di valutazione ambientale della Regione Abruzzo.
"Ci vogliono oltre due anni per chiudere la vicenda di Brecciaio - dice in una nota Marco Severo, presidente Noimessidaparte-Aps - il progetto del pirogassificatore di rifiuti proposto il 26 agosto 2015 dalla proponente Marcantonio Sas, trova finalmente pace, nessun altra proroga, cosi come avevano chiesto, poco più di una settimana fa, nella loro diffida, i rappresentanti di comitati e associazioni. Fondamentale oltre alle pressioni di cittadini,associazioni e amministrazioni comunali la richiesta esplicita da parte del Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca difatti nella nota inviata ieri al servizio di valutazione, chiede di procedere senza indugi all’archiviazione così come nei termini di legge. Avevamo ragione noi, le nostre paure e diffidenze verso il progetto erano fondate, inoltre, i novanta giorni concessi a luglio sono illegittimi ancor di più, un eventuale ulteriore proroga. Alla fine si chiude con una nota e l’ulteriore rinuncia dell’azienda proponente, inviata in data odierna. E’ stata una protesta partita dal basso, fatta da tanti cittadini che personalmente, in qualità di coordinatore del Comitato Popolare No Inceneritore vorrei ringraziare uno per uno, ma per ovvi motivi è difficile. Faccio solo alcuni ringraziamenti doverosi per il lavoro svolto in questi due anni. In particolare il ringraziamento va a tutti i ragazzi del Comitato No Inceneritore in Val di Sangro amici autentici e collaboratori eccezionali senza di loro nulla sarebbe stato possibile, i cittadini di Sant’Eusanio del Sangro e il Sindaco Raffaele Verratti che sono stati sempre vicini, oltre a tutti i cittadini e amministrazioni della zona valliva, va ringraziato anche il Sindaco di Perano anch’egli una spalla a cui abbiamo chiesto diverse volte consiglio. Un ringraziamento va anche alla direzione della Riserva WWF Oasi di Serranella, luogo in questi due anni dove abbiamo organizzato decine di eventi per sensibilizzare ad una sempre più proficua raccolta differenziata e dire NO al pirogassificatore di rifiuti, l’ultima volta,il 12 novembre scorso con ospiti Mario Mazzocca e Felice Vitullo di Isde Chieti".
"Tra le associazioni - conclude la nota - come non nominare e ringraziare per l’enorme lavoro tecnico Fabrizia Arduini e il WWF Zona Frentana e Costa Teatina, per la grinta nell’accendere l’iniziale discussione e darne valore mediatico Alessandro Lanci e Nuovo Senso Civico, per l’impegno nell’ultimo periodo i ragazzi di Noimessidaparte associazione nata proprio dalla sensibilizzazione dovuta alla problematica dell’inceneritore. Infine l’ultimo ringraziamento va all’Istituto Abruzzese per le Aree Protette e personalmente all’amico Andrea Rosario Natale, colonna portante di tutta la battaglia l’unico che sicuramente non ha mai dubitato nemmeno un istante che se si voleva si poteva. Questa battaglia di certo non sarà l’ultima contro un progetto inutile e dannoso per la salute, rappresenta però un passo in più nella conquista di un mondo migliore all’insegna dell’ambiente e dell’ecosostenibilità".

Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 06 Ottobre 2017 00:00

E' realtà la Pro Loco “Città del Vasto”

Vasto. Dall'attivismo di un gruppo di 17 soci fondatori, è stata ufficialmente costituita anche a Vasto una sezione dello storico sodalizio, dal nome ormai riconosciuto per le sue finalità di promozione e sviluppo del territorio. E ci sono proprio l'”amore per il nostro territorio e l'amore per la nostra città” alla base dell'iniziativa, come affermato nel corso della conferenza stampa di presentazione alla Sala Incontri della Società Operaia di Mutuo Soccorso, dal presidente Mercurio Saraceni. Al suo fianco i vice presidenti Francesca La Blasca e Carlo Viggiano e, in rappresentanza dell'amministrazione comunale, l'assessore con delega alle Politiche sociali Lina Marchesani.
“Oggi per Vasto è un giorno importante – ha detto Saraceni – e lo dico con orgoglio. Ci poniamo a servizio della città, della sua comunità, nell'intento di promuovere iniziative tese allo sviluppo, alla salvaguardia, conservazione, tutela e valorizzazione di un patrimonio pubblico di grande valore”. Saraceni parla di obiettivo che si concretizza dopo quasi 100 anni e cita un articolo del 24 ottobre 1954, pubblicato sul giornale Histonium, nel quale il giornalista Angelo Cianci, a proposito di un ennesimo infruttuoso tentativo di costituire la Pro Loco a Vasto indicava la causa nella “congenita ignavia vastese”. Oggi quell'ignavia, sottolinea Saraceni, può dirsi finalmente superata. C'è un gruppo di persone, di amici, di volontari, pronto a mettersi a disposizione, con un sodalizio che vuole essere aperto a tutti, alla massima partecipazione e confronto con gli altri “attori sociali” già in campo. “Volontariato e trasversalità”, le parole d'ordine indicate dal direttivo.

L'assessore Lina Marchesani, nel salutare con soddisfazione la nascita del sodalizio, plaude ai nobili intenti dei fondatori, manifestando la volontà, da parte dell'amministrazione comunale, di essere aperta alla collaborazione per iniziative con ricadute in termini di benefici per la comunità.

Tra i primi passi da muovere, dopo la fase della strutturazione e la divisione dei compiti tra i membri del direttivo, spicca soprattutto il voler puntare uno sguardo al mondo giovanile e della scuola, a confrontarsi e a dialogare con altre realtà locali ed a pianificare l'organizzazione di alcuni appuntamenti, magari già nel periodo delle feste natalizie.

A breve verrà aperta una Pagina Facebook come “interfaccia” principale con la comunità ed è già partita la campagna di tesseramento con la quota di 20 euro (senior) e 10 euro (junior) fissata per le adesioni.

Soci fondatori della Pro Loco “Città del Vasto” sono: Nicola Angelilli, Massimo Cancellieri, Massimo Cerritelli, Antonio Valentino Comparelli, Stefano Comparelli, Patrizia Corvino, Giuseppe Della Penna, Mario Di Luca, Sigfrido Febbo, Patrizia La Blasca, Alessio Lalla, Eugenio Libertini, Antonio Longo, Carmen Pinto, Ennio Ranalli, Mercurio Saraceni e Carlo Viggiano.

Il direttivo (in carica per 4 anni): presidente Mercurio Saraceni; vice presidenti Carlo Viggiano e Patrizia La Blasca (con funzioni di segretaria); tesoriere Sigfrido Febbo; consiglieri Eugenio Libertini (stampa e comunicazione), Stefano Comparelli (organizzazione eventi), Nicola Angelilli (progetti e sviluppi), Massimo Cancellieri (web ed informatica), Ennio Ranalli (rapporti con le Pro Loco).

Pubblicato in Cultura e eventi

San Giovanni Teatino. Il Campus 2017 del Modavi, l'esercitazione nazionale di protezione civile per la 4^ edizione in programma a Spoltore dal 5 all'8 ottobre 2017, arriva anche a San Giovanni Teatino, coinvolgendo in una esercitazione anche il plesso scolastico di Dragonara.
Tutti i bambini, circa 450 delle 5 sezioni della scuola d'infanzia e delle 12 classi della primaria protagonisti con docenti e personale della scuola.
Grande l'emozione di tutti quando sono arrivati mezzi e uomini della protezione civile, anche con l'unità cinofila, e che sul posto si sono avvalsi della collaborazione delle locali forze di polizia municipale e della conoscenza del territorio del Nucleo Volontari Protezione Civile di San Giovanni Teatino
Tutto si è svolto nel migliore dei modi. Una esercitazione, eseguita con grande concentrazione e partecipazione di tutti, che ha comportato il sopralluogo di tutti i locali della scuola dove, al primo piano, è stata trovata una persona ferita. Con grande professionalità è stata soccorsa e, in barella, trasportata in ambulanza. Molto soddisfatto il Vicesindaco e assessore alla protezione civile Giorgio Di Clemente per la perfetta riuscita dell'esercitazione
"Ritengo fondamentale che i nostri bambini - ha dichiarato il Sindaco Luciano Marinucci - abbiano questa formazione, affinchè sappiano come comportarsi in situazioni critiche e di emergenza che, purtroppo, possono verificarsi. Questa è vera prevenzione così come l'impegno della mia amministrazione è stato ed è di cercare risorse per rendere le strutture e gli edifici sempre più sicuri. Le scuole di San Giovanni Teatino - ha tenuto a ricordare Marinucci - sono state realizzate nel rispetto delle normative vigenti all'epoca della loro realizzazione e, successivamente all'entrata in vigore della Norme tecniche per le costruzioni (D.M. 14 Gennaio 2008) sono stati realizzati i seguenti interventi: Messa in sicurezza edifici plesso di L.go Woytjla - Scuola infanzia, primaria e media per una spesa complessiva di 1.090.706 euro; messa in sicurezza della scuola media "G. Galilei" in largo Wojtyla, n. 6 (già via Venezia), per una spesa complessiva di 93.051,27 euro".

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione