Articoli filtrati per data: Mercoledì, 10 Maggio 2017

Lanciano. Si è tenuta stamane nella Sala Consiliare del Comune di Lanciano la conferenza stampa di presentazione di (Con)fusioni,l’inusuale mostra sull’incompiuto che si terrà dal 17 al 28 maggio nei locali del Diocleziano e nel Foyer del Teatro Fenaroli. Hanno partecipato alla presentazione dell’iniziativa, che giunge alla sua nona edizione ed è organizzata dall’associazione culturale “Arena7” con il patrocinio del Comune di Lanciano, l’ideatore Luca Di Francescantonio, il coordinatore della sezione “Arte” Angelo Bucci, il sindaco Mario Pupillo e l’assessore alla Cultura Marusca Miscia.
“Dopo otto anni e dopo un anno di riposo siamo arrivati ad una nona edizione con un format diverso, più contenuto e più selezionato - spiega Luca Di Francescantonio, designer e ideatore di (Con)Fusioni. “L’incompiuto – aggiunge - porta ad una dimensione a parte, è la via di passaggio verso la realizzazione delle idee, il sentiero delle percezioni e delle ispirazioni. Quest’anno questo concetto sarà più identificativo, abbiamo messo un fondamento, un qualcosa su cui pensare”.
Saranno cento gli artisti tra fotografi, pittori, scrittori, scultori e musicisti provenienti da tutto l’Abruzzo che daranno vitaalleperformancedella singolare kermesse artistica. “(Con)fusioni è un movimento artistico – spiega Di Francescantonio – che sta crescendo e che basa la sua vita sul concetto dell’incompiuto inteso come attimo della creazione dell’opera stessa”.
(Con)fusioni si avvale come di consueto della presenza professionale dei coordinatori di settore che per questa edizione sarannoil designer Angelo Bucci, coordinatore sezione arti del Diocleziano, eMichela Piccoli, coordinatrice sezione fotografia al Foyer Teatro Fenaroli.
L’inaugurazione ufficiale dell’evento ci sarà mercoledì 17 maggio alle ore 18,00 al Diocleziano e da lì partiranno, per dieci giorni, diverse iniziative interamente dedicate all’arte incompiuta. Dieci gli artisti che esporranno neiLocali del Diocleziano, per la sezione “Arte”, le loro opere “interrotte”: Michele Montanaro, Jorg Grunert, PiotrHanzelewicz, Christian Ciampoli, Davide Crcuiata, Riccardo Chiodi, Maurizio Righetti, Nicola Antonelli, Enzo Francesco Testa e Carla Cerbaso. “Quest’anno – sottolinea il curatore Angelo Bucci – ci sarà la possibilità di entrare completamente nel mondo dei singoli artisti dato che le installazioni saranno completate dal percorso che ogni pittore e scultore ha compiuto per la creazione della sua opera”.
Quaranta saranno invece i fotografi, seguiti dalla coordinatrice Michela Piccoli, che esporranno nel Foyer del Teatro Fenaroli: Lara Zibret, Massimo Scognamiglio, Margherita Maniscalco Pier Costantini, Piero Geminelli, Federico Annichiarico, Emanuela Amadio e tanti altri.
Cinque saranno le opere letterarie presentate nel corso della rassegna: “Il risveglio di Bruno” di Gabriele Di Camillo (il 19 maggio alla Libreria Barbati), “Sotto Falso Nome” di Andrea Magno (il 20 maggio alla Libreria Barbati), AnilaHanxhari presenta la sua poesia (26 maggio al Diocleziano), “Incantesimo Salentino” dell’autore Antonio Di Muzio (il 27 maggio al Diocleziano) e “Fiore d’Oriente” di Luca Di Francescantonio, (il 28 maggio al Diocleziano).
La rassegna sarà completata da interessanti workshop : “Corso di sviluppo digitale” a cura di Giancarlo Bomba (il 18, 21 e 26 maggio al Foyer Teatro Fenaroli), “Corpo e Segno” a cura di Jörg e Cam (il 20, 21, 27 e 28 maggio al Diocleziano), “Identità e memoria” a cura di Emanuela Amadio (il 20 maggio al Foyer Teatro Fenaroli), Abruzzo Instant (il 27 maggio al Foyer Teatro Fenaroli).
Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco del Comune di Lanciano Mario Pupillo che ha sottolineato la particolarità dell’evento sostenendo: “(Con)fusioni è una iniziativa originale e innovativa, è una provocazione che vuole fermare l’attenzione su momenti singolari del percorso creativo di ogni arista. Questi sono spazi ed eventi sui quali la nostra città deve investire”.
“E’ una manifestazione – ha aggiunto l’assessore alla Cultura Marusca Miscia – destinata sicuramente a crescere e che si sposa perfettamente con l’intento dell’amministrazione, ovvero ampliare tutte le espressioni artistiche con una serie di iniziative, tra le quali il Mese della Cultura all’interno del quale si inserisce anche (Con)fusioni”.
Al seguente linkil programma dettagliato dell’evento: https://www.facebook.com/events/1927644027468651/

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Si è conclusa puntualmente alle 16 di oggi, mercoledì 10 maggio, l’uscita didattica degli studenti della classe quinta Sistemi Informativi Aziendali della sezione carceraria dell’I.t.st. Aterno-Manthonè, insieme al Dirigente scolastico Antonella Sanvitale, al Direttore della Casa circondariale San Donato Franco Pettinelli, all’educatrice Anna Laura Tiberi e ai docenti del consiglio di classe: Cristina De Marinis, Fabio Pavone, Donatella Ciaccia, Donatina Di Giampaolo, Annalisa Libbi e Marina Di Crescenzo, responsabile del corso serale e della scuola carceraria.
Gli studenti-detenuti hanno visitato due musei della città, il museo Casa natale di Gabriele D’Annunzio e il museo Cascella. All’incontro hanno partecipato sia l’assessore regionale alla Pubblica istruzione Marinella Sclocco che l’assessore comunale Paola Marchegiani.
L’uscita didattica è proseguita con un giro nel centro della città e sulla riviera di Porta Nuova e si è conclusa con un veloce pranzo in un ristorante del lungomare Cristoforo Colombo.

Una grande emozione per gli studenti, alcuni di loro all’esterno per la prima volta dopo anni, e una grande emozione anche per i docenti che vivono da vicino la particolare condizione dei loro discenti.
Al Cascella l’assessore comunale Paola Marchegiani ha fatto da cicerone ai visitatori illustrando le particolari ricchezze di un museo troppo spesso dimenticato.
“Se la detenzione è un momento di opportunità di cambiamento, allora siamo sulla strada giusta”, ha detto l’assessore regionale Marinella Sclocco.

L’Istituto Aterno-Manthonè, da più di vent’anni, si dedica alla formazione e all’educazione degli adulti, con il corso serale per studenti-lavoratori, e da quattro anni ha anche attivato un corso di Ragioneria all’interno della Casa Circondariale di Pescara. L’esperienza della scuola superiore nella casa circondariale San Donato di Pescara vede, quest’anno, la prima quinta ragionieri programmatori affrontare gli Esami di stato.

I docenti della classe, supportati dal Dirigente scolastico Sanvitale, avevano concordato, insieme al Direttore Pettinelli e all’educatrice Tiberi, una giornata di visita alla città con i cinque studenti che compongono la classe. Secondo quanto previsto dalla normativa penitenziaria, il trattamento delle persone condannate deve tendere, anche attraverso i contatti con l’ambiente esterno, al loro reinserimento sociale e deve essere attuato secondo un criterio di individualizzazione. L’istruzione è una delle più importanti attività trattamentali. Questi interventi esterni hanno la finalità di arricchire l’offerta formativa e di creare un ponte a livello culturale e umano fra il carcere e il mondo esterno.
I detenuti sono tutti permessanti, vale a dire che hanno goduto già di permessi di uscita in precedenza, ciò significa che hanno potuto effettuare l’uscita senza la presenza di agenti, accompagnati, quindi, solo da alcuni docenti della classe.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Il Gruppo Giovani Imprenditori ANCE Chieti ha organizzato, per venerdì 12 maggio 2017 - dalle ore 11.30 alle ore 13.30, presso la Consiliare della Provincia di Chieti, in Chieti, Corso Marrucino n.97, un Workshop dal titolo: "PROVINCE E COMPETENZE: QUALE FUTURO ?".

Le Province "devono poter disporre delle risorse finanziarie, di personale e strumentali necessarie per l’esercizio delle loro funzioni fondamentali e per la garanzia dei servizi essenziali per i cittadini ed i territori”.

Questo quanto la Corte dei Conti - Sezione Autonomie, scrive nel Documento consegnato alla Commissione Parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale nell'Audizione sulla finanza delle Province e delle Città metropolitane del 23 febbraio 2017.

Quanto sancito recentemente dalla Magistratura contabile, sarà il punto di partenza per dibattere con gli illustri ospiti sulle conseguenze della riforma istituzionale che ha ridisegnato confini e competenze delle amministrazioni provinciali.
Aprirà i lavori il Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori ANCE Chieti Paolo DE CESARE.

Interverranno: Gennaro STREVER - Presidente ANCE Chieti, Marco SCIARRA - Presidente ANCE Pescara, Mario PUPILLO - Presidente Provincia di Chieti, Antonio DI MARCO - Presidente Provincia di Pescara, Carlo CRISTINI - Dirigente 2° Sett.- LL.PP. Provincia di Chieti, Paolo D’INCECCO - Dirigente 5° Sett. OO.PP. e Manutenzioni Provincia di Pescara, Mario MAZZOCCA - Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale e Paolo TANCREDI - Deputato della Repubblica.

Modera i lavori Lorenzo Colantonio - Giornalista de “Il Centro”

La partecipazione al Workshop è libera e gratuita. In allegato il programma dell’evento.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Pubblicato in Economia
Mercoledì, 10 Maggio 2017 00:00

ANCI Abruzzo: al via il progetto europeo REACT

Pescara. Il 10 e 11 maggio partirà a Pescara, presso la Sala “Corradino D'Ascanio”, il progetto REACT - Reactivating European citizenship: a network of inclusive towns, programma Europe for Citizen dell’Unione Europea, di cui ANCI Abruzzo è capofila di un partenariato comprendente Comuni, Università ed Enti del Terzo Settore di altri 6 Paesi. Nello specifico il partenariato è composto da: EDERA - European Development and Education Research Association (Italia), i Comuni di Gornja Rijeka e Breznički Hum (Croazia), Università di Durazzo e il Comune di Durazzo (Albania), il Comune di Katerini (Grecia), la Ong-think thank ECEPAA (European Centre for Economic and Policy Analysis and Affairs (Belgio), la Cooperativa sociale Östergötland di Noorkoping (Svezia), il Comune di Wattrelos e Emigration Immigration Integration in Europe di Villeneuve-d’Ascq (Francia).
Il programma del primo meeting ha visto, dopo i saluti istituzionali dell’Assessore regionale ai Servizi sociali, Marinella Sclocco del Presidente di ANCI Abruzzo, Luciano Lapenna e dell’Assessore del Comune di Pescara alle Politiche sociali, Antonella Allegrino un workshop nel quale i partner hanno illustrato i dati salienti sui migranti presenti nei loro Paesi e come questi affrontano il problema del razzismo. Nel secondo giorno, invece, i partner visiteranno il Centro SPRAR “LAPE DREAM” per donne con minori richiedenti asilo dell’Arcidiocesi di Pescara, gestito dalla CARITAS, dove gli operatori e gli ospiti racconteranno le metodologie di gestione e di integrazione ed avranno modo di ascoltare testimonianze delle ospiti del centro.
REACT in linea con uno degli assi portanti di Europe for Citizen, “si pone l’obiettivo, dice il Presidente Luciano Lapenna di creare una rete, i cui partner aderenti svilupperanno uno scambio di buone prassi per giungere ad un approccio condiviso nella lotta alle discriminazioni razziste, a processi di integrazione che siano sostenibili ed inclusivi in particolare per i territori ed i Comuni che sono in prima linea nella gestione del fenomeno”.
Il progetto si svolgerà nell’arco di due anni, i partecipanti lavoreranno seguendo un’agenda che prevede l’approfondimento dei seguenti temi: i valori che regolano la cittadinanza del proprio paese, le buone pratiche di integrazione, il dialogo interculturale, la Carta dei diritti fondamentali dell'UE, i principi della cittadinanza europea, le nuove strategie per favorire i processi di inclusione a livello locale, nazionale e comunitario. In ogni paese partner saranno implementate delle attività di consultazione con stakeholder locali (scuole, enti locali, associazioni di immigrati, sindacati, ecc.) con l’obiettivo di raccogliere informazioni, proposte e modelli innovativi di intervento sulle tematiche di riferimento del progetto.
Uno degli aspetti innovativi proposti da REACT è il coinvolgimento diretto dei giovani di seconda generazione e la loro funzione come agente di cambiamento nella costruzione di una nuova idea di cittadinanza, europea ed inclusiva.

Pubblicato in Politica

Pescara. E' stato prorogato al 20 maggio il termine ultimo per presentare la candidatura al Premio Parco Majella di Abbateggio, arrivato quest'anno alla XX edizione.
Le Sezioni previste dal concorso letterario a tema o contesto naturalistico ambientale sono complessivamente sei:

1. VOLUMI DI NARRATIVA ITALIANA, EDITI
2. VOLUMI DI SAGGISTICA, ITALIANA O STRANIERA, EDITI
3. ARTICOLI GIORNALISTICI (GIORNALI, RIVISTE, BLOG)
4. ROMANZI E RACCONTI INEDITI
5. RACCOLTE DI POESIE INEDITE
6. VOLUMI DI POESIE EDITE
Non ci sono limitazioni di età per poter partecipare: l’unica limitazione è quella di non poter presentare opere già premiate in precedenti edizioni. Tutti i testi dovranno recare sul frontespizio il nome dell’autore e dovranno essere inviati in 8 copie, rilegate e spillate, entro e non oltre il 20 MAGGIO 2017 al seguente indirizzo :
PREMIO NAZIONALE DI LETTERATURA NATURALISTICA “PARCO MAJELLA”
SEGRETERIA DEL PREMIO C/O MUNICIPIO DI ABBATEGGIO
VIA ROMA,8 – 65020 ABBATEGGIO (PE)
I requisiti sono contenuti nel bando pubblicato su Provincia di Pescara e del Comune di Abbateggio.

Era nato come una scommessa, pensato e organizzato dalla locale Pro-loco, guidata allora da un giovanissimo Antonio Di Marco. Oggi il Premio Nazionale di Letteratura Naturalistica Parco Majella festeggia il suo ventesimo compleanno ed è diventato un Premio di fama nazionale. Annovera, tra i suoi partecipanti, scrittori del calibro di Dacia Maraini, Grazia Francescato, Dario Fo, Giampiero Indelli, Fulco Pratesi, Paolo Rumiz, Sergio Mantovani, Dario Franceschini, Rita El Kayat, Giosuè Calaciura e Valerio Massimo Manfredi.
Il Premio di letteratura Parco Majella, organizzato dall’Associazione “Alle falde della Majella” di Abbateggio sotto l’egida del Centro Scuola e Cultura Italiana di Toronto, Provincia di Pescara e del Comune di Abbateggio.

La cerimonia di premiazione avverrà il 22 luglio 2017, ad Abbateggio, alla presenza delle autorità e di esponenti del mondo ambientalistico e culturale. La Giuria, con docenti, scrittori, giornalisti, studiosi ed esperti del settore editoriale e membri di associazioni ambientaliste, sarà nominata dal Presidente del Premio, nonché presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, d’intesa con la Direzione Artistica, composta dai prof.ri Daniela D’Alimonte e Marco Presutti.
Negli ultimi anni (dal 2004) si sono succeduti autorevoli Presidenti di Giuria, che hanno reso più prestigiosa la cerimonia finale del Premio, che si tiene ogni anno, a luglio, ad Abbateggio: Dacia Maraini, Rita El Khayat, Grazia Francescato, Luciano D’Alfonso, Alda D’Eusanio, Tara Ghandi, Lucio Marcotullio, Rodolfo De Laurentis, Enzo De Caro, Giovanni Legnini, Daniele Becci, Luciano D’Amico, Ten. Col. Daniele Mocio.
Per i vincitori i premi consistono in pergamene personalizzate, premi in denaro, oggetti d’arte e trofei; i vincitori primi classificati ricevono un trofeo con bagno in oro, rappresentante un tholos che è divenuto il simbolo del Premio Letterario.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Venerdì 12 maggio 2017, alle ore 21.00, si conclude la Rassegna di Teatro Dialettale Amatoriale organizzata dalla Deputazione Teatrale Teatro Marrucino in collaborazione con la Federazione Italiana Teatro Amatori - Sezione Abruzzo.
La Giuria tecnica presieduta dal Prof. Massimo Pasqualone e composta da Alberto Cremonese, Maria Laura Di Petta, Ugo Iezzi e Marcello Pescara svelerà i nomi dei vincitori di categoria e della Compagnia che si aggiudicherà l’ambito “Premio Marrucino 2017”.
Alla presenza del Segretario nazionale della FITAItalia Dott. Francesco Pirazzoli, sarà altresì assegnato il Premio attribuito dal pubblico mediante le votazioni espresse dagli spettatori durante la Rassegna. Presenterà la serata Loredana Verticelli.
Dopo la cerimonia di premiazione, laCompagnia “I Marrucini” di Chietirappresenteràla commedia dialettale “Ddu' rape strascenate”di Massimo Saracenie Antonio Potere che ne è anche il Regista. Saranno in scena Massimo Saraceni, Maria Grazia Montante, Isabella Miccoli, Ambra Porreca, Diletta Di Marco, Rita Gialloreto, Luigi Marcucci,Loredana Verticelli, Vittorio Pensa, Luigi Baronetti, Angelo Cavallucci, Giorgio Marcuccie Antonio Porreca.
“Ddu' rape strascenate” sono il desiderio di Alfredo, uomo semplice vessato dalla dispotica moglie Mafalda. Partendo da un piatto tipico della cultura contadina d’Abruzzo, si dipana un’intricata vicenda che, tra una risata e l’altra, ci ricorda che il destino è dietro la porta e... tutto può cambiare.
Chieti, 9 maggio 2017

Biglietti
Biglietto unico: € 10.00
Biglietto ridotto (over 65 e under 25): € 8.00

Per informazioni e prenotazioni:
Botteghino del Teatro Marrucino
Tel. 0871.330470 - 0871.321491
Aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00 (chiuso il lunedì)

Acquisti on line su www.ciaotickets.come sul sito www.teatromarrucino.eu

Pubblicato in Cultura e eventi

Lanciano. Si è svolto ieri pomeriggio l'incontro tra una delegazione del Blocco Studentesco, l'assessore provinciale e due tecnici competenti per discutere della situazione degli istituti lancianesi e per avere delle risposte a riguardo.
A tavolo con il nucleo tecnico dell'edilizia scolastica, il dibattito si è aperto con l'esposizione delle criticità edili degli istituti frentani, ad oggi non risolte nonostante le cospicue azioni di denuncia. Numerose le proposte per dare un cambio netto al modo di operare: dall'intensificazione dei controlli ad un aumento dei fondi da inserire nel bilancio del prossimo anno per le dovute manutenzioni.
Di rimando, i dirigenti del settore hanno tenuto a precisare come i controlli periodici avvengano già, ma saranno comunque intensificati alla luce della situazione attuale.
Per concludere, il nucleo tecnico non ha potuto promettere la risoluzione immediata delle problematiche presentate, dato il veto della Regione per la mancata abolizione delle province.
"È inaccettabile che lo Stato dia così poco valore ai giovani, destinando fondi ad iniziative futili mentre, in un periodo così buio per la società, non pensi al futuro e alle priorità degli studenti" - afferma Domenico De Lucia responsabile Lancianese del Blocco Studentesco in una nota. "Resta comunque positivo l’esito del colloquio, dal momento che instaura un rapporto di collaborazione con il Blocco Studentesco, dando massima disponibilità in merito ad ulteriori confronti e segnalazioni".

Pubblicato in Politica

L’Aquila. “Davvero sconcertante apprendere, in queste ore, che la Asl di Teramo ha vietato l’uso potabile dell’acqua quando, per tutto questo tempo, Ruzzo reti e Regione primis non hanno fatto altro che rassicurare i cittadini minimizzando il rischio di contaminazione dai laboratori del Gran Sasso”. Questo il commento del Capogruppo del M5S, Riccardo Mercante, a seguito del comunicato diramato dalla Ruzzo reti nella giornata odierna, che ha così proseguito: “Quello che mi lascia davvero senza parole non è soltanto il comportamento del gestore che evidentemente non è assolutamente in grado di garantire ai cittadini un’acqua quantitativamente e qualitativamente eccellente, ma soprattutto la superficialità con la quale il Governo regionale, che pur dovrebbe farsi garante del buon operato della Ruzzo reti, ha affrontato la questione. Mi riferisco, in particolare, alla risposta evasiva data alla interrogazione con cui, lo scorso mese di dicembre, avevo affrontato il tema chiedendo alla Giunta di spiegare una volta per tutte se vi fossero stati effettivamente sversamenti di inquinanti, quale fosse la qualità delle acque e quali i rischi per cittadini costretti, per di più, a pagare bollette sempre più esose. Insomma, quello che chiedevo al Governo regionale era di controllare e verificare quanto era accaduto e quanto stava ancora accadendo alla sorgente del Gran Sasso. Purtroppo quello che ho ottenuto è stata una risposta superficiale ed evasiva diretta soltanto a porre l’accento sulla importanza ed utilità dei laboratori del Gran Sasso e quindi sulla necessità di garantirne la coesistenza con la sorgente acquifera. Certamente – ha proseguito Mercante – nessuno nega il valore dell’INFN e del lavoro svolto ma è evidente che questo non deve avvenire a discapito della sicurezza e della salute dei cittadini. Omettere di verificare e controllare più attentamente, anche se ciò dovesse comportare decisioni gravose, e permettere l’uso per fini potabili di un’acqua contaminata da sostanze tossiche e nocive è, da parte della Regione, gravissimo ed inaccettabile. Ed il risultato è che oggi – ha concluso Mercante – è stato vietato di bere acqua ai cittadini di 32 Comuni della provincia teramana dopo lo scalpore mediatico suscitato dalla vicenda, ma mi chiedo in passato se e quante e quali volte si sia fatto finta di nulla. Un intervento chiaro e definitivo, da parte della Giunta, che credo debba farsi carico, una volta per tutte, di risolvere il problema della convivenza sotto il traforo di due realtà difficilmente conciliabili, mi sembra il minimo che il Governo D’Alfonso possa fare a tutela e nell’interesse dei cittadini”. Il Capogruppo M5S Riccardo Mercante

Pubblicato in Politica

Pianella. DOMENICA 14 MAGGIO 2017 ALLE ORE 18.30 PRESSO LA CHIESA PARROCCHIALE DI CASTELLANA ( Pianella) SI SVOLGERA' IL SECONDO APPUNTAMENTO CULTURALE DELL'ASSOCIAZIONE CULTOUR-PIANELLA DAL TITOLO : “ LA BEATA VERGINE MARIA LAURETANA TRA STORIA E LEGGENDA”.

L'evento, in collaborazione con la parrocchia, è nato per ravvivare la fede mariana proprio nel mese di maggio; un momento importante, da tradizione, per la comunità dei fedeli per far entrare Maria nella vita delle persone e nelle famiglie ed offrire uno spazio di riflessione.

Ideatore dell'evento è l' avv. Loris di Giovanni, uno dei componenti dell'associazione culturale nata recentemente.

Porterà il saluto alla comunità ed ai visitatori DON ELIA TRINGOLO, PARROCO DI CERRATINA E CASTELLANA;

Sara' presente il Presidente della PRO LOCO DI CASTELLANA, Leonardo del Prete.

Interverrà lo studioso di storia locale Alessandro Morelli che ricorderà la figura dello storico abruzzese, etnologo e bibliotecario Francesco Verlengia (Lama dei Peligni, 14 dicembre 1890 – Chieti, 15 dicembre 1967) a 50 anni dalla scomparsa, tra i primi ad occuparsi della statua lignea di Castellana definita come “una delle più antiche d'Abruzzo” con un articolo apparso sul quotidiano “La Tribuna” del 27 gennaio del 1937. Nell'articolo «L'Arte in Abruzzo - La statua della Madonna di Castellana» è riportata una leggenda sul ritrovamento e sul culto nella zona. Gli abitanti di Castellana edificarono prima una cappella e poi una chiesa, giunta fino ai giorni nostri attraverso modifiche e rifacimenti secondo quanto riportò il Verlengia. Stando alla leggenda numerosi eventi inspiegabili accompagnarono la costruzione dell'edificio e finalmente fu realizzato con la facciata esposta verso la città di Pianella.

Spiegare l’origine di un culto in forma leggendaria esprime il bisogno di un popolo di spiegare e tramandare anche il più semplice degli avvenimenti arricchendolo di eventi prodigiosi per provare la presenza di Dio; a questo poi si aggiunsero le questioni legate alla “giurisdizione” sul feudo e sulla chiesa di Castellana tra i Valignani e l'Università di Pianella, che attraverso una consuetudine il martedì di Pasqua inviava una delegazione in processione con un alfiere fino a Castellana che sfociò in una controversia nel XVIII secolo.

Spiega lo studioso Morelli : “nel Dizionario Geografico-Istorico-Fisico del Regno di Napoli dell'abate FRANCESCO SACCO nel 1796 veniva riportato che « Villa Castellana (…) ha una parrocchia sotto il titolo di Santa Maria Lauretana, (…) il numero dei suoi abitanti ascende a duecentonovantatrè sotto la cura spirituale di un parroco...».

Già nel 1604 ci furono i lavori per salvaguardare la chiesa che minacciava rovina con le spese sostenute dall'Università di Pianella. Successivamente da “Villa” separata di Pianella divenne Universitas, infine fu aggregata e riunita al Comune di Pianella dal 1807.

ALL'INTERNO DELLA CHIESA ERA PRESENTE UNA NICCHIA DI LEGNO definita , secondo le carte del tempo “vecchia”, che conteneva LA MADONNA COL BAMBINO; essa fu sostituita con la creazione di un nuovo spazio nel muro interno dell'edificio.

Nella chiesa era presente nel 1693 un altare in legno “ fatto indorare da Domenico Grifoni procuratore (…) essendo curato don Berardino Galante di Civitella Casanova”.

Dal 1739 ci furono le richieste per l'ampliamento e per riattare la chiesa; il numero della popolazione e dei fedeli era in fase crescente già agli inizi del XVII secolo; la chiesa fu ampliata definitivamente nel 1782.

La Madonna col bambino, definita “Statua miracolosa di Maria Ss.ma delle Castellane”

in un documento manoscritto del 1791, recentemente è stata oggetto di restauro che ha fatto scoprire numerosi particolari inediti che saranno spiegati ai presenti dalla restauratrice CORNELIA DITTMAR, già premiata col “Rosone d'Argento” nel 2015 dalla PRO LOCO di Pianella per i meriti nel lavoro ed i legami con Pianella sempre più ricorrenti nel restauro di opere d'arte d'interesse regionale e locale. “Abbiamo la fortuna di avere un capolavoro della scultura lignea abruzzese ancora nel nostro Comune ed è un simbolo di un intero territorio ” spiega Annabruna Giansante, componente dell'associazione ed alla quale toccherà il compito di introdurre l'evento e presiedere il convegno.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Elena Arvigo al Teatro Massimo di Pescara mercoledì 31 maggio in "4:48 Psychosis bySarah Kane".

 Elena Arvigo, attrice genovese che da sempre si divide con successo fra teatro, cinema e televisione avrà l’onore di chiudere la stagione teatrale del Teatro Massimo organizzata dalla Baltimore Produzioni.

 Ha calcato le scene di numerosi teatri italiani a fianco di grandi nomi fra i quali spicca l’indimenticabile Giorgio Albertazzi. Ha vinto il Premio Migliore Attrice al San Sebastian Film Festival (2005) e all'Asti Film Festival (2014).

 “4:48 Psychosis” è un grido disperato d'amore e una lucida fragilità magistralmente interpretati da Elena Arvigo, che in scena dà voce e corpo ad uno dei testi più assoluti e intimi del teatro contemporaneo mondiale.  “4:48 Psychosis” è il testamento di Sarah Kane, autrice morta suicida nel 1999.  Il dramma è scritto dal punto di vista di qualcuno con gravi problemi di depressione, un disordine mentale di cui Sarah Kane stessa soffriva.

 Il monologo è una partitura lirica sull'amore e sull'assenza che va oltre ogni possibile definizione, ma che pure, quando il fiume della vita pare attraversato tutto e la barca della speranza respinta al largo, lascia parlare la verità. Elena Arvigo ne è straordinaria interprete, spingendosi fino alle corde più profonde e dando immagini emotive al silenzio. I biglietti per la data di Pescara del 31maggio(ore 21:00) sonodisponibili in tutti i punti vendita del circuito Ciaotickets ed online all’indirizzo http://www.ciaotickets.com/evento/elena-arvigo-448-psychosis

 Per questo evento è abilitata la vendita online con ritiro del biglietto al botteghino. Non sarà necessaria alcuna spedizione con corriere espresso: si dovrà soltanto stampare la ricevuta d'acquisto con la propria stampante di casa/ufficio (è sufficiente una stampa in bianco e nero) e, consegnandola all'ingresso dell'evento, si riceverà in cambio i biglietti SIAE con il proprio nominativo per accedere allo spettacolo.  Si precisa che restano validi i biglietti e gli abbonamenti riferiti alla data dell’11 aprile 2017, spostata al 31 maggio 2017.

 E’ particolarmente gradita la presenza del pubblico femminile alla cui attenzione è rivolto lo spettacolo. Info:  349 5520420 www.baltimoreproduction.com

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione