Articoli filtrati per data: Venerdì, 05 Maggio 2017

Pescara. Rinasce con il progetto Ninive il Parco della Speranza, in via Lago di Capestrano, oggi restituito alla pubblica fruizione con una piccola inaugurazione organizzata dal Comune in collaborazione con la Fondazione Caritas, titolare del progetto che opera già da diversi mesi nel quartiere di Villa del Fuoco. Sul posto oltre al sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco Antonio Blasioli, oggi titolare della delega ai Parchi, gli assessori Laura Di Pietro, che ha avviato il percorso, e Antonella Allegrino, i consiglieri Daniela Santroni e Pierpaolo Zuccarini, c’erano consiglieri, cittadini e soprattutto i volontari che si occupano dell’attività e delle finalità del progetto Ninive.
“Appena ci siamo insediati abbiamo voluto portare in questo parco una delle prime manifestazioni pubbliche – dice il sindaco Marco Alessandrini – L’evento si chiamava Note positive e ha visto esibirsi il Contemporary Vocal Ensemble del Conservatorio. Era l’inizio di un cammino che è continuato, giorno dopo giorno, grazie anche alla collaborazione con la preziosa rete di associazioni e volontari che conoscono e agiscono dentro questa particolare realtà e il risultato è un parco rinato, qual è il Parco della Speranza che oggi inauguriamo; un parco che sta per rinascere, poco distante da qui, in via Tavo, dove il 16 maggio inizieranno i lavori perché lo vogliamo vedere nuovamente frequentato da famiglie e bambini e non dall’utenza che ha avuto per anni, quando i suoi cancelli sono stati chiusi e le strutture violate. Affidiamo il Parco della Speranza alla gente perché se ne occupi, perché faccia notizia il fatto che viene frequentato e non che sia meta di vandali e altre frequentazioni”.
“Il Regolamento per la fruizione dei parchi cittadini tutela il verde e garantisce e ne promuove la funzione sociale e ricreativa – così il vicesindaco e attuale assessore a Parchi e Verde Pubblico Antonio Blasioli - Infatti all'art. 3 consente l’utilizzo degli spazi a verde per il gioco, il riposo, lo studio, per il tempo libero o attività sociali e/o ricreative e l'art. 12 incentiva proprio la collaborazione con i cittadini, in forma singola ed associata, per sviluppare queste funzioni. Il lavoro avviato dall’assessore Laura Di Pietro con la Fondazione Caritas Onlus di Pescara va proprio in questo senso, perché rende il Parco della Speranza il fulcro del progetto “Ninive: verso le periferie”, finalizzato alla riqualificazione socio-culturale del quartiere di Villa del Fuoco. L’obiettivo dell’Amministrazione che vediamo realizzato con questa inaugurazione era quello promuovere e attuare interventi finalizzati ad assicurare una migliore fruibilità del verde pubblico, con particolare riguardo ai bambini diversamente abili e consentire lo svolgimento di attività sociali e ricreative di interesse pubblico. L’attività di rigenerazione di parte degli arredi e attrezzature del parco è stata compiuta, ora, insieme lavoreremo per assicurare maggior sicurezza e pulizia dentro l'area verde, prevedendo una gestione partecipata e condivisa del parco attraverso forme di collaborazione con le scolaresche e i componenti adulti della comunità della zona. E’ un cammino iniziato e che vogliamo continuare, in nome di una sfida che è necessario raccogliere, infatti abbiamo dato verbalmente alla Caritas la disponibilità a collaborare ad altre progettazioni simili. L'idea è quello di risolvere un problema serio in via Tronto, che possiamo definire una piazza verde proprio a pochi passi da qui e presto formalizzeremo tale impegno e chissà se tra qualche anno non ci troveremo anche li ad inaugurare qualcosa di bello. Ancora grazie a Barbara Magliani e Luigina Tartaglia, parte delle Caritas ma prima di tutto grandi affezionate a questo quartiere”.
“La rete delle associazioni con cui l’Amministrazione dialoga e collabora sin dall’insediamento è operativa all’interno del quartiere – aggiunge l’assessore Laura Di Pietro – Sin da subito ci siamo dati degli obiettivi che mettevano insieme sia la riapertura di alcune aree, come accadrà al Parco dell’infanzia una volta finiti i lavori, sia il miglioramento e la riqualificazione e questo è il caso del Parco della Speranza. Non è solo un lavoro di manutenzione e riqualificazione tecnica, qui sono stati piantumati alberi che prima non c’erano, inseriti cartelli informativi sulle strutture presenti nel parco, realizzata un’area relax con strutture sostenibili, sostituiti giochi e arredi danneggiati con nuove strutture inclusive, quindi fruibili anche da bambini con disabilità: al Parco della Speranza con il Progetto Ninive ci sarà anche una riqualificazione sociale e culturale che punta a rendere l’area vissuta e fruibile da tutta la gente del quartiere: saremo davvero felici di vedere questo fare notizia e non i danni e le cronache di ciò che non va. In questo quartiere da tanti mesi c'è un lavoro silenzioso e costante volto a cambiare davvero le cose, e una piccola rivoluzione c'è stata, lo dimostra questo parco e gli altri parchi che qui torneranno ad essere luoghi di incontro e non di altro”.
"Penso che la speranza abbia due volti – dice il responsabile Caritas don Marco Pagniello - il primo è quello dei bambini e penso che noi adulti siamo chiamati a lasciare il mondo un pò meglio di come l'abbiamo trovato, proprio per loro; il secondo è quello della collaborazione, delle alleanze. Oggi qui c'è una bella testimonianza di come il lavoro in sinergia di Chiesa, istituzioni pubbliche e cultura, mi riferisco alla collaborazione con l'università e le scuole, possa portare frutti di bene. Riusciamo a cambiare un pò il mondo se lo facciamo insieme".

“L'evento di oggi celebra la conclusione del Progetto "Responsabili del creato" della Caritas diocesana Pescara-Penne – spiega Luigina Tartaglia, coordinatrice del progetto - e raccoglie i frutti del lavoro di sensibilizzazione, svolto in laboratori didattici nelle scuole, per ragazzi e giovani sui temi del rispetto del creato, del riciclo e degli stili di vita sostenibili. L'intervento di riqualificazione frutto di un investimento di fondi 8xmille e della collaborazione con il Comune di Pescara, prevede nuovi giochi in legno; nuovi alberi e tabelle raffiguranti comportamenti virtuosi da tenere nel parco, realizzate dai bambini della scuola primaria don Milani”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Iniziati i lavori di pavimentazione stradale che interessano via Misticoni, via degli Equi e via Seneca e che porteranno al completamento dei lavori di riqualificazione e di regimentazione delle acque meteoriche delle citate vie. Sul posto, a presentare il prosieguo degli interventi che preludono all’attesa apertura della via erano presenti il sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli, i presidenti delle Commissione Grandi Infrastrutture e Lavori Pubblici Carlo Gaspari e Piernicola Teodoro, il dirigente del Settore Lavori Pubblici Giuliano Rossi, la ditta esecutrice, l’assessore Giacomo Cuzzi, il consigliere Piero Giampietro.

“Voglio ringraziare a nome della città quanti si sono spesi perché questo cantiere nascesse e soprattutto si avviasse a completare quella che sarà la terza via di attraversamento di Pescara Porta Nuova – così il sindaco Marco Alessandrini – Erano lavori attesi da tanto tempo, siamo riusciti ad avviarli, grazie alla costanza con cui la vicenda è stata seguita si è concluso con una conciliazione giudiziale l'arbitrato che si era istaurato tra Comune di Pescara e Porta Nuova 2000 srl che ci consentirà di realizzare anche l'ultimo tratto di strada rimasto fuori dal cantiere e permetterà a via Misticoni di collegare via San Francesco e quindi il nuovo Tribunale con via Sallustio, dove si trova l'Istituto Nostra Signora ma sostanzialmente con la Tiburtina.

“E’ una storia che arriva a conclusione dal 2002 e che questa amministrazione è riuscita a comporre positivamente– dice il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli – L’arbitrato iniziato a gennaio 2016 pone la parola fine ad un contenzioso nato dal mancato rispetto di una Convenzione stipulata tra i due soggetti nel 2002 (PUE) e che prevedeva opere di urbanizzazione per €. 311.268,56 oltre IVA. Con l'arbitrato il Comune di Pescara ha preso atto che Portanuova 2000 ha eseguito le opere di urbanizzazione dovute, mentre non sono state realizzate quelle degli altri soggetti con cui Porta Nuova 2000 srl era obbligata in solido. Il verbale prevede opere, pari a 125.386 euro oltre IVA: questo significa che il Comune di Pescara completerà il tratto di sua competenza con l'asfalto di via Degli Equi, via Misticoni e via Seneca e poi, tempo la prossima settimana, quando in Giunta verrà approvato il progetto di completamento, Porta Nuova 2000, per eseguire gli obblighi delle società Gestimmobili ed Edilizia Portanuova in liquidazione srl, darà seguito ai lavori che permetteranno di completare la strada. Dall'approvazione del progetto da parte del Comune, i giorni per completarlo saranno 90 in tutto, ma contiamo di arrivare all’inaugurazione anche prima. La strada si aggiunge alle direttrici nord sud che sono via D'Annunzio e via Marconi, formando tre grandi direttrici e questa è quella che più di tutte corre verso un'altra grande infrastruttura che è il Ponte Flaiano, una simbiosi a beneficio della città. Oggi la Facoltà di Architettura ha insignito con la Laura honoris causa Ettore Spalletti, credo che se ci fosse una laurea honoris causa alla tenacia e alla caparbietà, il Comune di Pescara in questa vicenda che inizia nel 2002, la meriterebbe senza alcun dubbio”.

“Questa strada non solo snellisce il traffico nord-sud e sud nord in transito a Porta Nuova – aggiunge il presidente Carlo Gaspari – ma contribuirà anche a rianimare la zona del Mulino e della stazione di Porta Nuova, che senza particolari attraversamenti con il tempo si è spenta. La strada apre inoltre anche un’altra speranza, quella di acquisire il ridotto ferroviario e poter agire per aprire ancora di più questo territorio per sviluppare opere attinenti all’università e restituire nuova vivibilità alla zona”.

“Ho seguito la storia dei lavori sin da quando ero presidente di Circoscrizione, reclamandoli a gran voce e invano – così il presidente Piernicola Teodoro – Ci è voluta la caparbietà di questa Amministrazione per arrivare al risultato che vediamo oggi: Pescara avrà una terza direttrice per collegare meglio l’Università, anche sostenibile, perché dotata di pista ciclabile. Grazie anche all’assessore Enzo Del Vecchio che ha portato avanti con tenacia l’opera che la Commissione Lavori Pubblici ha seguito in ogni suo passo”.

SCHEDA TECNICA SUI LAVORI:

Lavori anti allagamento in via Misticoni, finanziati dalla Regione Abruzzo e riguardanti il FSC 2007/2013 – Delibera CIPE n. 166 del 21.12.2007 – integrati con risorse ex PAIn – Delibera CIPE n. 78 del 11.7.2012 per un importo complessivo di 2,8 milioni di euro.
La ditta SACEB di San Martino sulla Marrucina si è aggiudicata gli interventi per un importo pari a 606.572,14, al netto del ribasso d’asta del 38,56.
L'intervento principale è stato eseguito sulle fogne con la fornitura e posa in opera di un adeguato sistema di pompaggio definitivo che garantirà il funzionamento del sistema.
Sono state inoltre posate le caditoie mancanti su via Misticoni a completamento del progetto P.U.E. già realizzato e il loro innesto nei pozzetti della linea principale.
Completati inoltre gli interventi riguardanti: la riqualificazione dei marciapiedi e spazi a verde pubblico, il miglioramento della circolazione stradale, ciclopedonale e degli spazi di sosta; la realizzazione della pubblica illuminazione per la via Misticoni.
Nei prossimi giornisaranno infine postigli asfalti nel tratto di strada eseguito il Comune.Terminato con l'asfalto verrà posizionata anche la segnaletica orizzontale e verticale.

Pubblicato in Cronaca

Pollutri. Si è svolto nel pomeriggio di ieri, presso la cantina sociale San Nicola di Pollutri (Ch), il convegno organizzato da Art.1 - Mdp Provincia di Chieti intitolato "Ambiente, Agricoltura, Inclusione: per uno sviluppo che resta".

Dopo i saluti del Presidente della cantina sociale San Nicola, Dino D’Ercole, sono intervenuti l’Eurodeputato eletto nella circoscrizione dell'Italia Meridionale Massimo Paolucci, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il Sottosegretario d’Abruzzo e Presidente del gruppo consiliare regionale Art.1 - Mdp Mario Mazzocca, l’Assessore regionale alle Politiche Sociali Marinella Sclocco.

Ambiente, agricoltura e inclusione sociale sono stati i temi cardine dell’evento che ha visto la partecipazione di un folto gruppo di cittadini particolarmente interessato a proposte e idee per alimentare lo sviluppo del territorio.

“Per Art. 1 è la prima iniziativa qui in provincia di Chieti - ha commentato l’Europarlamentare Paolucci - Partiamo dalla terra, dal lavoro, dall’agricoltura con un ragionamento e una serie di proposte sia sull’emergenza sia sulla prospettiva di superare una politica miope che ha fatto tantissimi disastri ambientali”.

Il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha sottolineato gli intenti del partito: “Tante belle realtà sono sole e non hanno rete. Il lavoro che vogliamo fare è quello di costruire e dare spazi. Abbiamo gli interventi e le esperienze professionali che ci dimostrano l’esistenza delle energie. Abbiamo tanta strada da fare e tante difficoltà: facciamo questo lavoro insieme, dandoci una mano, perché abbiamo la forza, le idee e la cultura per farcela”.

“E’ stato un incontro con un’importante partecipazione di pubblico sia per quantità che per qualità - dichiara il Sottosegretario e capogruppo regionale Mario Mazzocca - Un pubblico attento ai temi che sono stati trattati e che hanno riguardato l’attualità politica ma anche, e soprattutto, alcune proposte sul tema della sostenibilità e dello sviluppo che Art.1 vuole mettere in campo. Massima attenzione da parte dei cittadini che hanno partecipato al dibattitto. E’ stata una delle tante e consuete assemblee pubbliche che ci ha permesso d’interloquire con i cittadini ma anche di acquisire da loro delle indicazioni affinché si possa predisporre una proposta politica e programmatica sempre più calzante con la realtà”.

“Sono veramente contenta di aver visto tantissime persone qui a Pollutri - conclude l’Assessore regionale Marinella Sclocco - C’è voglia di parlarsi, di confrontarsi e di dibattere. I temi trattati sono interessanti ed importanti per questo territorio che basa gran parte della sua economia sull’agricoltura. Credo che agricoltura, sviluppo sostenibile e anche politiche sociali si possano assolutamente mettere insieme per far crescere la nostra comunità”.

Tra i presenti, molti amministratori del circondario e del vastese: da Vasto l’ex Sindaco nonchè attuale Presidente Anci Abruzzo Luciano Lapenna, il Vice Sindaco Paola Cianci e il consigliere Marco Marra; da San Salvo l’ex sindaco Arnaldo Mariotti; da Lanciano l’Assessore Francesca Caporale.

Pubblicato in Politica
Venerdì, 05 Maggio 2017 00:00

Sambuceto, lo staff di mister Tatomir

Sambuceto. I 53 punti conquistati dal Sambuceto nel campionato di Eccellenza (con relativo settimo posto finale) dopo una quasi totale rifondazione della rosa sono ovviamente il risultato di un’ottima squadra e un’altrettanto pronta società. A metà strada tra il campo (i giocatori) e la scrivania (la dirigenza), però, si inserisce il cosiddetto “staff”, ossia la “squadra”, capeggiata da mister Alessandro Tatomir, che ha saputo far sì che la rosa allestita dalla società rendesse al meglio e dimostrasse effettivamente i propri valori. E nello staff di Tatomir figurano quindi coloro i quali hanno seguito la squadra allenamento dopo allenamento e che, insieme al tecnico, hanno saputo creare e gestire un gruppo in grado di amalgamarsi al meglio in pochi mesi, e di “certificare” i propri valori con ottime prestazioni in campo e vittorie. La presentazione di chi ha lavorato al fianco dell’allenatore spetta quindi al timoniere della squadra, Tatomir: «Denis Masci, team manager, è il “factotum”, ossia colui al quale ci rivolgiamo per qualsiasi cosa. Mister Luigi Curci si occupa invece della preparazione dei portieri, mentre mister Simone D’Angelo, mio collaboratore, si occupa sia di aiutarmi nel campo, che di studiare le squadre avversarie. Credo che tutti loro siano stati assolutamente determinanti, anche nel cementare il gruppo».
Per Simone D’Angelo si è trattato del primo anno alla Cittadella dello Sport. Giunto a campionato in corso, si è subito integrato con il lavoro dell’allenatore apportando il suo contributo: «Quest’anno è stata un’esperienza molto positiva e di crescita personale», spiega mister D’Angelo, «Lavorare con Tatomir è stato molto proficuo, perché è un professionista e lo conosciamo. Poi vorrei fare un plauso a tutto il gruppo: sembra una frase fatta, ma siamo davvero una “grande famiglia” e c’è profondo rispetto tra tutti».
Per quanto concerne la preparazione dei portieri, il mister Luigi Curci, al suo secondo anno a Sambuceto, ha gestito al meglio i due “numeri 1” viola, Palena e Prosini, come dimostra l’alto livello delle prestazioni fornite da entrambi quando sono stati chiamati in causa da Tatomir, in particolare nel finale di stagione: «Sono contento di essere stato confermato quest’anno dopo la prima esperienza, e allo stesso tempo», spiega Curci, «sono orgoglioso di aver lavorato accanto a mister Tatomir, che ha contribuito a tenere alta anche la qualità nel ruolo dei portieri, oltre che della squadra. Il mio plauso va anche ad Alceo Palena e Mirko Prosini, due “uomini” oltre che portieri, che si sono messi a completa disposizione».
Infine, il team manager, magazzinieri e “factotum” Denis Masci, che al suo primo anno alla Cittadella dello Sport si è fatto subito apprezzare da tutti per le sue qualità umane e professionali: «A Sambuceto ho trovato una realtà davvero ben organizzata e “professionistica” in molti aspetti. Ho legato con diverse persone conosciute quest’anno e», aggiunge Masci, «e con molti di loro si è creato un rapporto di amicizia che prosegue spesso anche fuori dagli ambiti prettamente calcistici, e questo credo sia un aspetto molto positivo».

Pubblicato in Sport

L'Aquila. “Grazie al PD, al Presidente D’Alfonso e alla sua giunta, la credibilità di questa regione è ridotta ai minimi termini!” a dichiararlo è Sara Marcozzi, consigliere regionale del M5S che spiega “E’ sufficiente comparare quanto sta accadendo nelle ultime settimane e confrontare i fatti con le dichiarazioni degli esponenti della Giunta per dedurne la completa inconsistenza e inadeguatezza al governo della regione oltre che la mistificazione della realtà”.

Apertura di inchieste più disparate. Delibere della Corte dei Conti che evidenziano una contabilità regionale basata su “aumenti apodittici delle entrate privi di elementi giustificativi (…) un modus operandi che determina uno svilimento dell’obbligo di copertura, dequalificandolo da strumento a presidio degli equilibri di bilancio della regione a mero artifizio contabile di carattere formale”. Sentenze della Corte Costituzionale che certificano il caos del bilancio, le casse vuote e le leggi incostituzionali di regione Abruzzo “E l’assessore Paolucci e il suo presidente pretendono ancora di darci lezioni su come si amministra! Ormai non hanno più alcuna credibilità e le dichiarazioni rilasciate in questi ultimi giorni meritano di essere rispedite al mittente.” continua Marcozzi.

 

“Non ci possiamo indebitare per la costruzione di nuovi ospedali” quando dice questo, l’assessore Paolucci dimentica di dire che la responsabilità è sua, dal momento, scrive la Corte dei Conti ai sensi dall’art. 62 del DLGS 118/2011 che “non può essere autorizzata la contrazione di nuovo indebitamento se non è stato approvato dal Consiglio Regionale il rendiconto dell’esercizio di due anni precedenti a quello al cui bilancio il nuovo indebitamento di riferisce” quindi quello del 2015. Ma sappiamo che la Corte Costituzionale ha sonoramente bocciato il rendiconto redatto da questo Governo regionale per l’anno 2013 che dovrà essere redatto nuovamente. Dunque, se non possiamo accendere altri mutui, la responsabilità è da attribuire al governo regionale.

 

“E’, dunque necessario ricorrere al project financing per la costruzione di nuovi ospedali” dice Paolucci sostenendo, con l’ausilio del dimissionario dirigente Ebron D’Aristotile, che la Asl non può sostenere rate di mutui eventualmente accessi con Cassa Depositi e Prestiti da circa 12 milioni di euro all’anno. Come farà la Asl a sostenere il pagamento degli altissimi canoni che dovrà al privato imprenditore che realizzerà il project financing, però, non ce lo spiega nessuno. Forse perché queste alte rate dovranno essere pagate dalla Asl e dalla regione presumibilmente a partire dall’anno 2023 quando né D’Alfonso, né Paolucci saranno più alla guida dell’Abruzzo.

 

Tutti gli ospedali abruzzesi sono a rischio sismico tranne uno: il polo di Cardio-chirurgia di Chieti appena inaugurato che, guarda caso, la Asl ha costruito in autonomia e senza fare ricorso al PF. Come si farà? La regione delibererà 24 project financing?

 

“Visto che questo Governo regionale continua a dichiarare pretestuosamente che il M5S contesterebbe senza offrire soluzioni, ecco le SOLUZIONI che proponiamo. (Lo scriviamo in grassetto, così (forse) non sfuggirà all’assessore né al presidente):

Approvare i rendiconti (almeno) fino al 2015.
Avviare nuove gare per i servizi delle ASL in modo da abbattere la spesa corrente e reperire nuove risorse da destinare all’edilizia sanitaria. Troppi, infatti, sono i servizi che continuano ad essere affidati in proroga a vecchi e onerosi contratti.
Richiedere finanziamento al Programma di Edilizia Sanitaria ex articolo 20 della Legge n.67/1998.
Richiedere modifica del Decreto Terremoto, alla luce della critica situazione di emergenza dei nostri ospedali, con lo stanziamento di maggiori e sufficienti risorse anche per la costruzione di nuovi presidi.
Rimodulare il Masterplan e i fondi in esso sperperati in grandi opere inutili (dalle vasche di laminazione del fiume Pescara alle Funivie cittadine passando per le chiese) per destinarli a opere indispensabili e necessarie per la salute e la sicurezza dei cittadini come gli ospedali e le scuole.

“La riflessione che va fatta è ampia. Il Partito Democratico, al Governo del Paese da anni, ha sostenuto il divieto di sforamento del 3% del rapporto deficit/pil come chiedeva l’Europa; ha sostenuto l’introduzione del vincolo di pareggio di bilancio in Costituzione che nessuno ci aveva chiesto; e proprio questa novità è stata introdotta anche nelle Regioni con l’emanazione del famigerato D.Lgs 118 sull’armonizzazione dei bilanci degli enti locali che ha, di fatto, paralizzato la spesa pubblica, anche la spesa necessaria. Di conseguenza, sono stati attuati tagli lineari alla Sanità che hanno comportato chiusure di ospedali, chiusure di reparti e mancanza di fondi per l’edilizia sanitaria e ora, con una certa disinvoltura, il PD vorrebbe “rimediare” regalando la sanità pubblica alla gestione privata.

“Mi permetto di ricordare al Presidente D’Alfonso che egli è al Governo della regione e che il suo partito è anche al governo del Paese, dunque, tutto dipende dalla loro volontà politica. Ma, evidentemente, ognuno ha le sue priorità: in questi anni, il PD ha avuto come priorità quella di regalare 20 miliardi di Euro alle Banche, acquistare caccia bombardieri per 15 Miliardi, e condonare 90 miliardi alle società che gestiscono le slot machine. Il presidente D’Alfonso faccia quello che deve alla Regione Abruzzo, se ci riesce, altrimenti abbandoni e si dedichi ad altro!”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Si svolgerà domenica 7 maggio dalle ore 10 l’edizione 2017 di Bicincittà, maratona che unisce sport, aggregazione e solidarietà da ben 31 edizioni. Stamane la presentazione della giornata che proseguirà anche nel pomeriggio in piazza della Rinascita, in presenza dell’assessore allo Sport Giuliano Diodati, Alberto Carulli di Uisp AbruzzoUmberto Capozucco Presidente della Uisp Pescara, Donatella D’Amico preside del Liceo classico d’Annunzio, Laura D’Angelo, dell’Ads Sport & Life motore dell’evento Sport & Fashion, Luciano Ferrero, per Fidas e la vicepresidente della commissione Sport e Sanità Tiziana Di Giampietro.

“Torna la pacifica invasione di biciclette a Pescara, voglio ringraziare in anticipo tutti i protagonisti di questa eccezionale sinergia così longeva e in salute, a cui si sono aggiunti dei soggetti nuovi e importanti, le scuole cittadine – così l’assessore allo Sport Giuliano Diodati - Ci auguriamo che ad aderire siano in tantissimi, qui abbiamo una rappresentanza del liceo classico d’Annunzio di Pescara che parteciperà in forze, dando con la sua adesione una eco importante per gli altri istituti. Pedalando entreremo nel vivo di una stagione che offrirà vari eventi sportivi e di intrattenimento. Chiediamo ai cittadini partecipazione, quest’anno non chiuderemo delle strade, per non arrecare disagi, anche perché il passaggio sarà in sicurezza grazie alla presenza della Polizia Municipale, abbiamo la contemporaneità con la partita, ma siamo certi che il tutto si svolga nei tempi che consentono la messa in sicurezza dell’area interessata allo stadio prima del match”.

“Bicincittà fa tappa in 110 città italiane – così Umberto Capozzucco - 31 anni fa cominciammo con la corsa con la formula 1 km a cronometro, poi è cambiata la fisionomia della manifestazione, allargata alle famiglie e a chi su due ruote occupa la città e promuove uno stile di vita sostenibile. Dopo 31 anni siamo riusciti a coinvolgere anche città estere, con il Libano e la Francia a cui ci siamo collegati. Importante è anche il volto solidale dell’evento: 1 euro a iscritto sarà donato ai bambini dell'Iraq ospitati nei campi profughi del Libano. Il percorso bypasserà l’area della partita: si parte da piazza della Rinascita, Riviera, viale Muzii, via Regina Margherita, via Fabrizi, corso Vittorio, Marconi, a via Italica gireremo in via d'Annunzio, poi viale Pindaro, via della Bonifica, via Silone, via Scarfoglio e tutto il Lungomare fino a piazza ripercorrendo via Andrea Doria e ponte dell’asse attrezzato e di nuovo riviera per il ritorno”.

“Non finisce al traguardo – così Laura D’Angelo per Sport & Fashion - proseguiamo nel pomeriggio la con la 5 edizione di Sport & Fashion che vede la piazza occupata da una serie di attività sportive, minigolf, calcio e anche pallanuoto, un'area dedicata al jumping, tennis e una sfilata del negozio 0-16 Store. La manifestazione viene presentata da Stefano D'Alberto voce e animatore del pomeriggio che inizierà alle 16”.
“Come liceo classico siamo fedelissimi a questa iniziativa – così la preside Donatella D'Amico - e oltre a ringraziare Uisp, Fidas e Comune, testimonieremo con una grande passione l'apprezzamento a questa manifestazione do cittadinanza attiva, vita sana, il rispetto delle regole e attenzione alla vita sostenibile”.
“Fidas partecipa alle manifestazioni per promuovere le donazioni di sangue – aggiunge Luciano Ferrero - Donare è un piccolo gesto di altruismo che allevia sofferenze e necessità. Da diversi anni collaboriamo con la Uisp alla realizzazione della manifestazione per raggiunger l'obiettivo dell'autosufficienza di sangue. L'Ufficio scolastico regionale ci hanno dato la possibilità di partecipare all'evento chiedendo anche strade sicure, al fine di diminuire il rischio incidenti”.
“E’ del tutto gratuito iscriversi – conclude Alberto Carulli - si può lasciare un'offerta e con l'iscrizione si partecipa all'estrazione di due biciclette”.
“E’ un’iniziativa a largo raggio che prende in considerazione temi solidali e anche la sostenibilità – conclude Tiziana Di Giampietro – la cultura delle due ruote va incentivata. La presenza delle scuole sensibilizza gli adulti di domani promuovendo l'abitudine a usare la bici e a rispettare l'ambiente dell'ambiente, la solidarietà e l'incentivazione a discorso sociale sul sangue.

Pubblicato in Sport

Montesilvano. Continua con il concerto del trio “Duchi d'Acquaviva” la rassegna dedicata a celebrare il ventennale della Nuova Scuola Comunale di Musica. Domenica 7 maggio alle ore 18.15 saliranno sul palco della sala polivalente "C. Di Giacomo" a Palazzo Baldoni Melanie Budde violino, Nataliya Gonchak pianoforte, Antonio D'Antonio violoncello. Il trio vanta una collaborazione stretta e continuativa e l'alto valore artistico e professionale dei componenti rende l'evento imperdibile.

«L'intenzione di onorare ogni mese di questo ventennale con un evento musicale di un certo spessore - dichiara il direttore artistico Donatella Columbaro - è prima di tutto un modo di avvicinare anche la cittadinanza alla nostra Istituzione. Gli eventi sono tutti ad ingresso gratuito ma questo non ha impedito di poter godere delle performance di artisti dai curricula sono di livello altissimo. La rassegna è tutta a cura dei nostri docenti e in particolare il trio di domenica è guidato dalla nostra docente di violino Melanie Budde. Il repertorio che presenteranno sarà vivace e variegato, non limitato solo a quello per trio ma verranno eseguiti anche brani in duo giocando sulla ricchezza della letteratura dedicata a questi strumenti. Speriamo come sempre che la risposta della città sia calorosa come lo è stata fin'ora».

Pubblicato in Cultura e eventi
Venerdì, 05 Maggio 2017 00:00

Serata no, Furie mai in partita

Reggio Calabria. Alla contesa iniziale i padroni di casa si presentano con Caroti, Voskuil, Taflaj, Fabi, Powell rispondono le Furie schierando in campo Golden, Piccoli, Davis, Allegretti, Golden. Entrambe le squadre sentono la pressione della gara, con le difese che prevalgono sugli attacchi. Il primo team a realizzare è la Proger con una bomba di Davis dopo un minuto e quaranta dalla palla a due (0-3) ma Voskuil dimostra che anche Reggio è in partita. Proprio il duo americano, in grande spolvero durante questa serie, dimostra di essere in serata con l’ala di passaporto danese che continua a martoriare la difesa teatina dall’arco e il centro ex Treviso che dimostra la propria forza fisica raccogliendo numerosi rimbalzi e realizzando le tante seconde opportunità che ha l’attacco reggino. A tre minuti e mezzo dal primo mini intervallo, dopo l’ennesimo tap in di Powell che porta a nove realizzazioni personali, coach Bartocci chiede un minuto di sospensione (16-8). Le Furie si sbloccano subito con Allegretti in lunetta ma Powell continua a fare il bello e il cattivo tempo e la bomba di Davis a fil di sirena conclude la prima frazione sul 20-15 in favore dei padroni di casa.

Il secondo periodo si apre con le Furie che sembrano rimaste in panchina e la Viola che ne approfitta piazzando un parziale di 6-0 firmato Guariglia-Rossato, costringendo uno sconsolato coach Bartocci a chiedere nuovamente la sospensione del gioco dopo neanche due minuti dalla ripresa delle ostilità (26-15). Chieti esce male dal timeout e Rossato in slalom speciale firma il massimo vantaggio per i suoi (28-15) ma due mostruose bombe consecutive di Venucci riportano la Proger a contatto (28-21), costringendo questa volta coach Bolignano a chiedere il minuto di sospensione a poco meno di sette minuti dalla pausa lunga. Reggio esce bene dal timeout realizzando con Rossato un 2/2 dalla lunetta e Fabi dalla media arrotonda il vantaggio per i suoi (32-21). Fallucca scuote le Furie con una realizzazione dall’arco ma Voskuil non ci sta e risponde prontamente dai sei metri e settantacinque (35-24). A tre minuti dalla pausa lunga Reggio va in bonus e Venucci ne approfitta con un due su due dalla lunetta (35-26). Anche Chieti va subito un bonus e Caroti ripaga i biancorossi della stessa moneta. Chieti è confusa in fase offensiva e Reggio realizza in contropiede con Powell, provando ad allungare il divario tra i due team. Reggio prova a costruirsi un vantaggio importante ma Chieti risponde colpo su colpo alle offensive dei padroni di casa: dopo venti minuti il risultato finale dirà 45-31 Viola.

La ripresa delle ostilità vede Reggio continuare a realizzare da qualunque posizione, con Powell, Voskuil e Fabi che continuano a colpire in ogni dove la difesa biancorossa. Chieti risponde con Golden e capitan Sergio che si sblocca anche dall’arco. I biancorossi trovano trovano con Piccoli e Mortellaro due giochi da tre punti facendo attestare il punteggio sul 56-43 ma Voskuil continua a dimostrare il proprio feeling con il canestro realizzando una mortifera bomba da casa sua. Golden prima e Venucci poi dimostrano che Chieti è ancora in gioco e, realizzando dalla lunga distanza, costringono coach Bolignano a chiamare timeout a 02:16 dall’ultimo mini intervallo. La Viola esce bene dal minuto di sospensione grazie a Guariglia. Babilodze e Voskuil fanno volare la Viola sul +17 con Chieti che sembra aver staccato la spina.

Chieti corre e ci mette il cuore e Golden piazza da solo un parziale di 5-0. Rossato ha la possibilità di farsi due giri dalla lunetta (3/4) ma Golden continua a portarsi sulle spalle l’attacco teatino, portando la squadra sul -9 grazie ad un gioco da tre punti (71-62). Bartocci però, dopo il facile lay up di Rossato, chiama timeout a poco più di cinque minuti dal termine della contesa (73-62).Proprio quando Chieti sembrava aver ritrovato la retta via, l’ennesima tripla di serata di Voskuil e un fallo antisportivo di Golden che ha provato ad interrompere un contropiede dopo l’ennesima palla persa di un Davis che è il lontanissimo parente di quello ammirato da Chieti in regular season, spezza definitivamente le gambe alle tenue resistenze teatine. Voskuil continua ad essere un rebus irrisolto per i biancorossi e le penetrazioni di Golden sono troppo poco per impensierire i reggini. Al quarantesimo, con il due su due dalla lunetta di Venucci, il risultato si attesta sul 91-74 finale.

Dopo la pesante sconfitta in gara 3 (91-74), per la Proger il prossimo sarà già match da dentro o fuori. Ne è ben consapevole coach Bartocci che a fine gara dichiara: “Di quest’oggi non accetto assolutamente l’atteggiamento, la difesa, l’energia e l’intensità. Non si può giocare uno spareggio salvezza e subire la bellezza di 91 punti. Siamo scesi in campo con uno spirito scandaloso, la squadra oggi ha giocato senz’anima e senza cuore e ciò vuol dire non capire niente di quello che si sta facendo. Gara quattro è dopo domani, parlerò con i ragazzi perché voglio aumentare la pressione per far capire loro le responsabilità e l’atteggiamento che vanno messi in campo in gare come queste. Sono molto arrabbiato anche per la possibilità che concediamo a un giocatore talentuoso come Voskuil, sicuramente in fiducia e capace di realizzare con le mani in faccia ma molto spesso è stata colpa nostra, così come i tanti rimbalzi che ha raccolto Powell senza alcun tipo di opposizione. Se facciamo tirare solo quattro tiri liberi a Voskuil in tutta la gara vuol dire che l’atteggiamento è senza ombra di dubbio sbagliato. Sono ancora più adirato perché sembra che tre giocatori siano sufficienti per battere la nostra squadra. Sinceramente non so se reinserire Decosey, sono troppo nervoso per pensare lucidamente, ora rivedremo la partita insieme e poi decideremo il da farsi. Da gara quattro mi aspetto una reazione di orgoglio da parte dei miei ragazzi. Spero che tutti abbiano un minimo di onore per poter affrontare una battaglia di questo tipo. Tutti dobbiamo dare il massimo, dobbiamo metterci qualcosa in più, anche perché della partita di oggi non salverei assolutamente nulla”.

 

VIOLA REGGIO CALABRIA - PROGER CHIETI (20-15, 45-31, 68-51) 91-74

VIOLA REGGIO CALABRIA 91: Powell 21 (7/12 da 2, 1/6 da 3, 4/4 ai liberi), Caroti 5 (1/5 da 2, 0/3 da 3, 3/4 ai liberi), Voskuil 32 (3/6 da 2, 8/15 da 3, 2/2 ai liberi), Fabi 11 (4/6 da 2, 1/2 da 3), Taflaj 0 (0/1 da 2), Rossato 13 (4/4 da 2, 0/1 da 3, 5/6 ai liberi), Guariglia 6 (3/6 da 2), Babilodze 3 (1/1 da 2, 1/1 ai liberi), Guaccio 0, Ciccarello NE, Marulli NE, Marino NE.

PROGER CHIETI 74: Golden 25 (6/17 da 2, 3/7 da 3, 4/5 ai liberi), Allegretti 2 (0/3 da 2, 0/4 da 3, 2/2 ai liberi), Mortellaro 5 (2/3 da 2, 1/1 ai liberi), Davis 11 (1/4 da 2, 3/9 da 3), Piccoli 2 (1/2 da 2, 0/1 ai liberi), Sergio 7 (2/3 da 2, 1/5 da 3), Venucci 16 (4/4 da 3, 4/4 ai liberi), Fallucca 3 (1/2 da 3), Zucca 2 (0/1 da 2, 2/2 ai liberi), Turel 1 (0/1 da 3, 1/2 ai liberi).

VIOLA REGGIO CALABRIA 91: 23/41 da 2, 10/27 da 3, 15/17 ai liberi, 41 rimbalzi (17 offensivi), (Powell 13), 14 assist (Fabi 7).

PROGER CHIETI 74: 12/33 da 2, 12/32 da 3, 14/17 ai liberi, 35 rimbalzi (18 offensivi), (Allegretti 9), 12 assist (Golden 3).

Pubblicato in Sport

Montesilvano. Montesilvano entra nei record mondiali e lo fa grazie al Trofeo Scacchi Scuola che si svolgerà fino a domenica 7 maggio nel Pala Dean Martin - Centro Congressi Montesilvano.

Con 1616 studenti provenienti da tutta Italia che si sfidano contemporaneamente nella fase finale della gara nazionale, il Trofeo ottiene il Guinness mondiale, nell’ambito dei tornei scolastici.

«La Federazione Scacchistica - spiega il sindaco Francesco Maragno – ha certificato questo importantissimo traguardo che porta il nome di Montesilvano nelle eccellenze. E’ un onore per la città essere teatro di una manifestazione di così ampio respiro, organizzativamente perfetta. Vedere il Pala Dean Martin letteralmente invaso di giovani che con passione e impegno si applicano in questa affascinante disciplina è ancor più fonte di orgoglio. Voglio dare le nostre più vive congratulazioni agli organizzatori e ringraziare la Federazione per aver scelto la nostra città, con la volontà di poter proseguire in questo connubio e rendere Montesilvano un punto di riferimento nel panorama scacchistico nazionale ed europeo».

«E' con immenso piacere che mi trovo a complimentarmi con l'Amministrazione comunale, gli albergatori e tutti gli operatori che hanno reso possibile questo traguardo - ha aggiunto Roberto Mogranzini, amministratore dell’Accademia Internazionale degli Scacchi -. Gli oltre 1600 partecipanti sono un dato tangibile di quanto gli scacchi siano uno sport nazionale e una grande passione dei giovanissimi, ma sopratutto di quanto Montesilvano sia una città adatta per non dire perfetta per ospitare una manifestazione simile. Un record assoluto in Italia, che mai prima d'ora aveva visto un risultato simile, segno che investire nello sport, soprattutto a scuola è di fondamentale importanza».

Il Trofeo è organizzato dalla Federazione Scacchistica Italiana in collaborazione con il Miur e il Coni Abruzzo. La direzione tecnica è affidata all’Accademia Internazionale di Scacchi. Il Trofeo Scacchi Scuola vedrà i 1616 ragazzi, tra gli 8 e i 19 anni sfidarsi fino a domenica. Domani le sfide proseguiranno per tutta la giornata. Domenica 7 mattina dopo le gare si darà inizio alle premiazioni ufficiali. Nel corso della conferenza stampa di presentazione gli organizzatori hanno annunciato la possibilità di disputare sempre a Montesilvano, nel 2019, il Campionato Europeo Scolastico individuale.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Nuovi servizi per i cittadini di Santa Teresa di Spoltore, dove è a disposizione il nuovo Punto Enel Negozio Partner in via Maiella 37/F, presso il complesso residenziale Le Corti di Santa Teresa. Presso la nuova sede, gestita da personale qualificato appositamente formato da Enel, i clienti potranno ricevere informazioni e assistenza per le forniture energetiche di luce e gas, cogliere i vantaggi del libero mercato e delle soluzioni per l’efficienza energetica. Il Punto Enel è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 15 ed il sabato dalle 9 alle 12.

Dal fotovoltaico ai condizionatori, dal solare termico alle lampadine a led fino alla mobilità a zero emissioni, con le nuove biciclette elettriche a disposizione dei cittadini per bike test, e a e-goodlife, il nuovo prodotto di per la gestione dei consumi e il controllo della casa a distanza: sono solo una parte della vasta gamma di soluzioni messe a disposizione da Enel Energia

Come sottolineato dai responsabili Enel Mercato Michele Abbate (Area Umbria, Abruzzo e Molise) e Giuseppe De Renzis (Canale Negozi Partner Area Umbria, Abruzzo e Molise), la nuova apertura rafforza la presenza dell’azienda energetica in un territorio ampio e densamente abitato, grazie ad una posizione comodamente raggiungibile dai cittadini di Pescara, Spoltore e delle altre zone interne.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione