Articoli filtrati per data: Martedì, 02 Gennaio 2018

Ortona. Il 2018 della SIECO Ortona si apre con la difficilissima gara interna contro la Caloni Agnelli Bergamo, seconda in classifica con 41 punti e distante dalla prima solo due. Impavidi che dopo la sconfitta patita a Tuscania mantengono una distanza di sei punti dalla così detta “zona rossa” delle ultime quattro.

Nella gara di andata, nonostante gli assenti Bencz e Simoni, la SIECO riuscì nell’impresa di strappare un punto, perdendo solo al Tie-Break una gara molto equilibrata. Ancora problemi di formazione per Mister Lanci che oltre a Bencz dovrà rinunciare anche a Giuseppe Ottaviani. Per lo schiacciatore, già assente sabato contro Tuscania, un fastidio al polpaccio. «Va meglio», ci tiene a rassicurare Ottaviani. «Mi sto già allenando anche se gradualmente per non sforzare troppo il muscolo». L’altro assente nell’ultima gara, Alessio Sitti, si è ristabilito dall’influenza ed è tornato a disposizione del coach.

Il precario stato di salute di molti giocatori ha messo in allarme la SIECO che porterà in panchina due giovani del vivaio. Si tratta di Germano Rustignoli, schiacciatore classe 2000 e Samuele Lanci, Libero 2001.

Arbitreranno i signori Merli Maurizio (Terni) e Zingaro Marco Riccardo (Foggia).

Le altre gare in programma per l’ottava giornata di ritorno nel Girone Blu sono:

Mercoledì 3 Gennaio ore 20.30

Monini Spoleto - Pool Libertas Cantù
Pag Taviano - Gioiella Micromilk Gioia del Colle
VBC Mondovì - Club Italia Crai Roma
Maury's Italiana Assicurazioni Tuscania - Centrale del Latte McDonald's Brescia
Geosat Geovertical Lagonegro - Mosca Bruno Bolzano

Pubblicato in Sport

San Salvo. C’è tempo fino al 14 aprile per presentare la domanda per usufruire dei fondi per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2017/2018 riservato agli studenti della scuola dell’obbligo e della scuola secondaria superiore per le famiglie residenti a San Salvo.

Ne dà notizia l’assessore alle Politiche sociali Oliviero Faienza precisando che possono presentare richiesta - su apposito modulo che si può ritirare presso le segreterie delle scuole e il Segretario sociale del Comune di San Salvo – coloro che non hanno un reddito ISEE, in corso di validità, superiore al limite massimo di € 15.493,71.

Alla domanda dovrà essere allegata la seguente documentazione: elenco dei libri acquistati per l’anno scolastico 2017/2018 corredato dal visto e dal timbro della cartoleria o cartolibreria dove si è effettuato l’acquisto o dalla ricevuta/scontrino fiscale; copia codice fiscale del richiedente; certificato ISEE in corso di validità.

Pubblicato in Politica

Pianella. Nell’ultimo consiglio comunale dell’anno, dopo averle illustrate in anteprima come da tradizione a professionisti ed operatori del settore, l’amministrazione vestina ha provveduto ad approvare le delibere di pianificazione tributaria per il 2018, aggiornando il regolamento IUC, le tariffe TARI e le aliquote IMU e TASI con alcune significative innovazioni.
“ Riusciamo, in un contesto generale difficile, a garantire la progressiva e costante tendenza alla riduzione della pressione tributaria generale – afferma il sindaco Sandro Marinelli – e, dopo l’intervento di taglio sulle aliquote IMU dello scorso anno, per il 2018 abbiamo previsto una serie di agevolazioni mirate, dando ancora maggiore coerenza alla linea politica che ci vede attenti alle fasce deboli, ma senza tralasciare le dinamiche di sviluppo sostenibile, con una particolare attenzione al mondo agricolo.”
“ Nessun aumento per la TARI – illustra il delegato Marco Pozzi – che, anzi, vede la possibilità di impiegare i lusinghieri risultati in tema di riciclo, per i quali il comune di Pianella è risultato per l’anno 2016 come il migliore in Abruzzo tra gli enti con più di 5.000 abitanti, per indirizzare una agevolazione del 20% della tariffa domestica, cumulabile con altre eventuali ulteriori agevolazioni, per i nuclei familiari nei quali è presente un disabile, come individuato dalla L. 104/92, ed esentare le associazioni senza scopo di lucro che svolgano durante l’anno iniziative di interesse pubblico. Importante novità, inoltre, è prevista per imprese e professionisti che, grazie al nuovo assetto delle entrate che prevede la necessità di incrementare il fondo per i servizi indivisibili, vedono modificare la ripartizione delle vecchie aliquote che, pur se ad invarianza complessiva, vengono dirottate per il 2,4/1000 dall’IMU alla TASI, con il non trascurabile beneficio del passaggio dalla detrazione dal 20/100 al 100/100 in sede di dichiarazione dei redditi. Importanti segnali per le coltivazioni di qualità certificata, vero e proprio fiore all’occhiello di Pianella, poiché dal 2018 non si pagherà la TASI sui fabbricati rurali strumentali appartenenti a chi è proprietario di terreni destinati a coltivazioni certificate DOP e BIO.”
“ Ci tengo a sottolineare – conclude il primo cittadino – che la progressiva minore pressione tributaria è resa possibile grazie al gravoso ed impegnativo lavoro che gli uffici stanno compiendo sulle bonifiche delle banche dati tributarie e sul recupero dell’evasione degli ultimi anni, per gran parte incolpevole poiché dettata dallo stato caotico in cui ha operato l’ente fino al 2012, ed è l’unico modo per sdebitarsi nei confronti dei contribuenti ai quali da anni stiamo chiedendo grande pazienza e collaborazione.”

Pubblicato in Politica

Chieti. “Le due centraline inaugurate da D’Alfonso e Partito Democratico erano e sono ancora senza regolari permessi e autorizzazioni da parte del Genio Civile. Al Consorzio di Bonifica Sud si continua a governare in maniera inusuale e poco trasparente. Le due centrali di proprietà del Consorzio di Bonifica Sud inaugurate in pompa magna dal Presidente D’Alfonso a novembre scorso in località ‘Bufalara’ di Cupello (Ch) sono ancora sprovviste di regolare autorizzazione per derivare acqua ad uso idroelettrico da parte degli Uffici del Genio Civile della Regione Abruzzo”. A comunicarlo è il Presidente della Commissione Vigilanza e consigliere regionale Mauro Febbo che aggiunge quanto segue: “Un fatto inaudito e molto grave è quello assunto proprio da parte del Presidente della Regione il quale, visto la mancata conclusione delle procedure istruttorie, abbia ugualmente accelerato, voluto e presidiato all’inaugurazione e benedizione dei due impianti attraverso un convegno e annessa passerella politica tutta circoscritta ovviamente al Partito Democratico. Ricordo che trattasi di impianti realizzati da una società privata di Vasto attraverso un progetto di finanza pubblica per un investimento di oltre due milioni di euro.  Gli stessi responsabili – spiega Febbo – dell’Ufficio Servizio del Genio Civile Regionale di Chieti, dopo mia esplicita richiesta scritta, rispondono il 27.12 attraverso una nota circoscritta dove rivelano come ‘questo Servizio venuto a conoscenza, a mezzo stampa, che il Consorzio di Bonifica Sud di Vasto aveva in data 20.11.2017 proceduto alla inaugurazione delle due centraline idroelettriche, ha immediatamente convocato il Consorzio di Bonifica di Vasto affinché relazionasse su quanto accaduto’. Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione della Regione Facile e Veloce targata centrosinistra dove, pur di iniziare a tagliare i nastri, si continua a infrangere regole, norme e leggi vigenti. Infatti – continua Febbo – sempre nella nota scritta dal Servizio Genio Civile si legge come oltre alla mancata acquisizione da parte del Consorzio delle autorizzazioni e dei nulla-osta si dovrà anche regolarizzare il canone annuo per l’uso richiesto con il recupero di quello dovuto a partire dall’attivazione delle due centraline, l’addizionale regionale e le polizze fideiussorie. Praticamente atti propedeutici che dovevano essere elaborati, disciplinati e decisi prima dell’inaugurazione per regolare proprio i rapporti tra la Regione Abruzzo e il Consorzio di Bonifica Sud. Ovviamente tutt’oggi, a circa tre mesi dall’inaugurazione delle due centrali, sono atti ancora in via di definizione. Mi preme rimarcare – conclude Febbo – come al Consorzio di Bonifica Sud si continui, dopo la nomina di ben quattro Commissari in tre anni e mezzo, con una gestione poco oculata e attenta dove la  situazione finanziaria non migliora e aumentano invece gli incarichi a professionisti esterni. Pertanto, dopo l’aumento nel 2016 dei ruoli del 57% e la promessa di rivedere tale canone, permangono ancora molte ombre sulla gestione dell’Ente”.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. «Il primo dovere di un’Amministrazione è quello di dare un segnale di vicinanza alle persone che per i motivi più vari vivono condizioni di disagio. Grazie al Pronto Intervento Sociale, forniamo assistenza proprio a queste persone, supportandole nelle loro esigenze primarie. Nel corso del 2017, da gennaio a novembre con il Pis abbiamo assistito 178 persone, erogando quasi 73.000 euro di contributi». Lo dichiara il sindaco Francesco Maragno, tracciando un bilancio delle azioni messe in atto dal Pronto Intervento Sociale in tutto il 2017.

Delle 178 persone, 130 sono di nazionalità italiana e 48 gli stranieri. 90 sono gli uomini e 88 le donne che si sono rivolte al Pis. Nello specifico, il 30,57% è stato destinato alle spese relative al trasporto di persone con disabilità. Un’altra delle principali voci riguarda il pagamento delle utenze per conto di quelle famiglie in difficoltà, per un ammontare di quasi 12.500 euro, pari al 17,10%. Circa 12.200 euro, ossia il 16,77% sono le spese relative ad alloggi provvisori; ammonta al 15,66%, ovvero circa 11.400 euro, il fondo speso per l’anticipo di fitti in caso di sfratto; il 4,97% è stato destinato all’acquisto dei libri di testo per i ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado; il 3,84% è stato utilizzato per dare sostegno nel pagamento di funerali; il 2,35% per il servizio di refezione scolastica; infine l’8,76% è stato destinato alla gestione di situazioni particolari.

«È superfluo dire - aggiunge il sindaco - che il sostegno alla povertà per il tramite del Pronto Intervento Sociale (PIS) sia la panacea per la povertà. Gli aiuti purtroppo sono sempre insufficienti e, ancor più preoccupante, è che essi vengano elargiti anche a molte famiglie italiane cadute nella morsa della crisi economica. Mi rendo conto che le persone che vengono assistite dal Pis, al di là dell’aiuto economico, hanno bisogno anche di recuperare la fiducia in se stessi. Vogliamo potenziare sempre di più la capacità del Pis di fare rete con il Terzo Settore e il mondo del lavoro, al fine di definire una politica di reinserimento nel mondo civile di persone che le vicende della vita hanno momentaneamente emarginato».

Pubblicato in Politica

Roseto degli Abruzzi. La sosta a pagamento, nelle aree dove era prevista fino al 31 dicembre, è stata prorogata al 28 febbraio, in attesa della nuova gara di appalto (i cui tempi tecnici richiedono almeno 60 giorni). Le condizioni di pagamento restano le stesse, l’unica differenza riguarda la possibilità di abbonamento semestrale che, ovviamente, viene a cadere. Resta, naturalmente, la possibilità di acquistare l’abbonamento mensile.

Nello specifico si tratta dei posti auto in via Nazionale, nel parcheggio della stazione ferroviaria, nel parcheggio in superficie di piazza della Repubblica e nel parcheggio di via Adriatica. Complessivamente sono attivi 12 parchimetri.

L’amministrazione, nella predisposizione della nuova gara d’appalto, terrà conto delle indicazioni e dei consigli arrivati, nei mesi precedenti, da cittadini e associazioni di commercianti. Sarà, inoltre, fatto tesoro delle criticità evidenziate durante il lungo periodo di sperimentazione, da luglio a dicembre 2017.

“I parcheggi a pagamento sono una scelta irreversibile di questa amministrazione”, dice il sindaco Sabatino Di Girolamo, “e nello stesso tempo devono essere uno strumento che permetta di venire incontro alle esigenze dei commercianti e dei cittadini. Noi faremo in modo di conciliare gli interessi di tutti, per assicurare il ricambio e la fluidità dei parcheggi stessi, nelle zone con forti attrattori di traffico per tutto l’arco della giornata”.

Pubblicato in Cronaca

Francavilla al Mare. "Purtroppo un altro angelo è volato in cielo. Questo l'esito dell'incidente di questa mattina sotto la galleria "Le Piane". Sono in corso accertamenti per la dinamica. L'urto è stato frontale e non ha lasciato scampo alla conducente dell'autovettura che si è scontrata con un furgone".

A renderlo noto è il sindaco di Francavill, Antonio Luciani, sulla propria pagina Facebook, aggiungendo: "Nel 2017 sono stati circa 1.500 i morti in Italia per incidenti stradali. Un pensiero alla famiglia della giovane e incolpevole concittadina che forse ha accusato un malore, è stata vittima di una distrazione, di una manovra errata o di un guasto. A stabilirlo ci penseranno le autorità. Ricordate, però, che tutti noi siamo un po' colpevoli quando: "l'autovelox serve solo a fare cassa"; "parlo al telefonino tanto sono un bravo conducente"; "la linea è continua ma questo davanti a me va come una lumaca, ha tempo da perdere beato lui"; "le cinture mi danno fastidio e non servono a niente"; "la revisione è solo un'altra tassa"; "avevo bevuto solo un bicchiere"; "è tardi, spostatevi, mica posso perdere tempo"; "solo cinque minuti in doppia fila"; "quel poliziotto ce l'aveva con me"; "tanto a me non accadrà mai nulla"...".

(foto: Il Centro)

Pubblicato in Cronaca

Pianella. Sono stati già portati a termine gli interventi per ammodernare ed efficientare la rete di pubblica illuminazione, con l’installazione, da ultimo, di ulteriori 14 pali stradali fotovoltaici.
Il contratto da 346.806,42 €, sottoscritto con Menowatt ge spa, non graverà minimamente sulle casse comunali, dato che l’importo occorrente sarà integralmente finanziato dai risparmi conseguiti sulla bolletta energetica, mentre la implementazione delle linee interrate ed alcuni ulteriori corpi illuminanti autoalimentati vengono finanziati per il tramite dei privati che hanno risposto al bando per le urbanizzazioni in cambio di credito volumetrico.
Completata, pertanto, l’installazione di 1254 alimentatori elettronici, la sostituzione di 110 corpi illuminanti, 6 quadri elettrici, 200 corpi illuminanti stradali, rifacimento di 2.5 chilometri di linea elettrica, posa di 61 nuovi pali stradali comprensivi di linea elettrica e quadri, 31 pali con pannelli fotovoltaici, assicurandosi l’ente all’esito degli interventi un risparmio notevole sui consumi garantito tramite fidejussione bancaria.
I lavori hanno interessato l’intero territorio comunale e consentiranno, da una parte, di conseguire un risparmio energetico significativo e, dall’altra, di risolvere alcune problematiche legate a linee fatiscenti che richiedono interventi strutturali. Gli ultimi pali con pannelli fotovoltaici sono stati installati nelle seguenti contrade: Fontanoli, Garofalo, S.Desiderio, Fonte Prigliano, Vicenne Sud, Vicenne Nord, via Piana, Fontegallo, Colle Ionne, via Lago di Scanno.
“Siamo riusciti ad individuare una formula finanziaria innovativa che presenta margini di risparmio significativi, afferma il sindaco Marinelli, basti pensare che con questo intervento il risparmio previsto è del 42 % sui consumi attuali, garantito da una polizza fidejussoria, risparmio che è stato interamente investito nell’ammodernamento della rete di pubblica illuminazione che oggi rappresenta un elevato incremento del livello di sicurezza generale, anche per le aree periferiche, considerando soprattutto che riusciamo a farlo puntando molto su tecnologie rinnovabili che testimoniano la grande attenzione di questa amministrazione sul fattore ambientale.”
“ Un investimento notevole, afferma l’assessore ai lavori pubblici Faieta, completato in tempi veramente brevi. Si tratta di un primo intervento che intendiamo implementare ulteriormente per superare definitivamente le problematiche esistenti e rendere le nostre linee moderne ed efficienti. Il criterio che ha guidato la nostra azione, conclude il vide sindaco, è stato prioritariamente quello di migliorare la visibilità negli snodi stradali a rischio, utilizzando tecnologie che guardano al risparmio con elevati standard qualitativi”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Prosegue l’opera di infrastrutturazione degli incroci più pericolosi della città. Dopo la messa in sicurezza degli incroci tra via di Vestea e via Don Brandano, via Musone e via Tirino e via dei Peligni-via dei Marsi il 2018 sarà la volta di due nuovi incroci, quello di via Ferrari con via Aremogna e quello tra Strada comunale Prati e via Catani.

“L’obiettivo è quello della messa in sicurezza, per i differenti livelli di utenza (pedoni, ciclisti e automobilisti), della rete infrastrutturale stradale esistente e il miglioramento della dotazione infrastrutturale - Il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli - I 100.000 euro saranno destinati dal Pianto triennale 2017 saranno diretti a due incroci cittadini. L’incrocio tra via Ferrari e via Aremogna è stato preso in considerazione proprio per l’utenza pedonale e scolastica. In particolare verrà realizzato un attraversamento a “pellicano”, che consiste nella realizzazione di un’isola per il passaggio pedonale in sicurezza. E’ un passaggio particolarmente utilizzato da tutta l’utenza che si reca alla stazione Centrale di Pescara e soprattutto dagli studenti che provenienti dalla stazione si recano all’Istituto Acerbo e Di Marzio.

Verrà prevista una protezione dell'attraversamento su Via Ferrari con isola spartitraffico “pelican crossing" in cui l'isola centrale è dotata di transenne convogliatrici e attraversamenti sfalsati. Inoltre è prevista la creazione di un percorso ciclabile a doppio senso su Via Aremogna.

Il secondo incrocio che verrà preso in considerazione è quello tra Strada Comunale Prati e via Catani. Qui si opererà un allargamento della rampa di entrata-uscita su Via Catani e la realizzazione di una banchina pedonale. L’idea è quella di creare un camminamento pedonale per chi vuole venire verso il centro città, ma anche di allargare la rampa di accesso in modo da permettere a chi proviene da via Valle Fuzzina e via Selva degli Abeti e a chi abita nella parte bassa di via Catani di accedere in Strada Prati senza giri incredibili, al fine di diminuire il transito delle auto su via Colle Innamorati.

L’infrastrutturazione degli incroci cittadini proseguirà inoltre nel 2018 con la realizzazione della rotatoria dinanzi al nuovo Pronto Soccorso in via Fonte Romana. Stiamo cercando di intervenire in maniera sistemica sui crocevia a più alto rischio per i pedoni e per l’utenza debole. L’obiettivo è quello di lasciare la città con incroci sicuri e con un minor tasso di sinistri stradali”.

Pubblicato in Cronaca

L'Aquila. Il maltempo e le temperature rigide che stanno interessando in questi primi giorni del 2018 un po’ tutto l’Abruzzo ci ricordano che siamo nel pieno della stagione invernale e che da un momento all’altro con il freddo intenso potrebbe arrivare la neve anche nelle aree sin qui risparmiate dalla coltre bianca. Una situazione che renderà ancora più difficoltosa la vita degli animali selvatici, compresi quelli che popolano i nostri giardini e le nostre città. Non a caso la mortalità degli uccelli in inverno è più alta che non nel resto dell'anno. È questo il momento giusto per dare un aiuto ai nostri amici pennuti che tanto ci donano con la loro presenza e i loro gradevoli gorgheggi, migliorando la qualità della nostra vita quotidiana. Sistemare una mangiatoia in giardino, sul balcone o su un davanzale, oltre che rappresentare un valido e concreto aiuto per la fauna in difficoltà, ci permetterà di rilassarci praticando un comodo birdwatching casalingo, ci consentirà di saperne di più sugli uccelli che frequentano la nostra zona e ci darà l'occasione per scattare qualche bella foto.

Le mangiatoie potranno essere acquistate con una modica spesa presso qualsiasi rivendita di cibo per animali e in altri negozi di settore ma se abbiamo un po’ di tempo ci potremmo anche dilettare nella costruzione faidate: on line si possono trovare parecchi tutors che ci guidano passo passo nella tutt’altro che difficile impresa. Un passatempo piacevole che ci consentirà di dare libero sfogo alla creatività, magari usando materiale di recupero, con ulteriori vantaggi per l’ambiente.

Se poi non vogliamo né spendere pochi spicci né impegnare tempo nel lavoro manuale, potremo anche limitarci ad appendere al ramo di un albero una collanina di arachidi realizzata facendo passare all’interno delle noccioline dello spago o del fil di ferro. Una scelta che ad esempio le cinciarelle, spesso molto confidenti, certamente gradiranno. Tutti i granivori apprezzeranno invece alcune spighe di panico intrecciate adagiate sui rami o una mangiatoia, naturale al 100%, realizzata con la buccia di un arancio tagliata a coppa e appesa o poggiata colmata con una bella miscela di semi, di quelle che si comprano di solito per i canarini.

Circa il cibo da offrire, oltre le miscele di cui s’è appena detto (tra gli altri canapa, miglio e avena), tra le sementi più apprezzate possiamo annoverare i semi di girasole, di cui esiste anche una cultivar nera tipica abruzzese. Come frutti si potranno utilizzare invece quelli che ci offre la stagione come cachi, pere, mele e datteri ma anche frutta secca sbriciolata, molto gradita a esempio dai pettirossi. È anche possibile fare di più realizzando delle mini tortine impastando strutto o margarina con briciole dolci e semi misti, da mettere poi a disposizione degli uccellini nelle retine delle confezioni dei limoni appese al ramo di un albero. Vedrete che sarà un offerta molto gradita… Se poi non abbiamo tempo di metterci a impastare ma non vogliamo rinunciare al piacere di offrire un pasto energetico ai nostri amici alati, sappiate che le tortine si possono anche acquistare presso i negozi di prodotti per animali.

Completiamo l’elenco delle possibili offerte con un riferimento al periodo festivo che stiamo ancora vivendo: in casa ci saranno con ogni probabilità ancora qualche briciola di panettone, qualche biscotto o altri dolcetti, alimenti energetici e certamente graditi. Dobbiamo invece evitare le inadatte briciole di pane e nel modo più assoluto i semi salati che nuocciono alla salute, in verità non solo degli uccelli…

Infine qualche consiglio di carattere generale: le mangiatoie vanno tenute sempre pulite per evitare che il cibo ammuffisca; può essere utile, specie per i modelli senza copertura a tetto, realizzare sul fondo qualche foro per il drenaggio dell'acqua piovana; la collocazione migliore è in un punto tranquillo del giardino, magari protetto dalla vegetazione, dove la fauna selvatica di senta al riparo, ma che al contempo ci permetta l'osservazione e lo studio delle specie che vorranno farci visita. Importantissimo sarà offrire il cibo lontano dalle zone frequentate dai gatti e a una altezza tale da garantire la sicurezza degli uccelli.

Passeri, cince, cinciarelle, cinciallegre, merli, storni, pettirossi, tortore, fringuelli ma anche il picchio muratore e tantissime altre specie di avifauna vi ringrazieranno e vi faranno compagnia per un inverno un po’ meno freddo, in armonia con la natura.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione