Articoli filtrati per data: Lunedì, 12 Novembre 2018

“Uno Nessuno Centomila” torna in Sicilia, grazie al fortunato matrimonio artistico tra l’attore Enrico Lo Verso e la regista Alessandra Pizzi alle prese con un tour ripartito lo scorso 26 ottobre dal Teatro Zenith di Perugia dove il grande attore palermitano ha interpretato i personaggi del romanzo pirandelliano.
L’omaggio ad uno dei più celebri romanzi di Luigi Pirandello per la regia ed adattamento di Alessandra Pizzi sta avendo un grande riscontro su tutto il territorio nazionale e si accinge ad animare l’omonimo teatro Pirandello di Agrigento, dove lo spettacolo è previsto per il 6 dicembre alle ore 21.
“Una terra calda ed accogliente, quella sicula, che apre l’anima ed il cuore alle emozioni” – questo il commento della regista che si prepara a condividere con il pubblico questo nuovo appuntamento.
“Avrei voluto che Pirandello fosse vivo per mostrargli la grandezza della sua parola, la contemporaneità del suo messaggio più attuale che mai oggi, a 100 anni dalla sua formulazione; per fargli vedere il bisogno impellente del pubblico, necessario, autentico, di approvvigionarsi della conoscenza di sé, di leggere per provare a decodificare quei segni della quotidianità come codici di accesso ai meandri delle proprie emozioni. Mi chiedo ogni sera, - spiega Alessandra Pizzi - osservando il pubblico che, immobile, assiste allo spettacolo, se Pirandello fosse veramente consapevole delle conseguenze che la portata della forza tumultuosa di quella giustapposizione di pensieri, di quella serie, interminabile, di quesiti, della ricerca smaniosa di risposte, avrebbero potuto produrre sul pubblico. O se, come spesso accade, il risultato abbia per davvero superato le intenzioni. Di certo nel suo pensiero, e nella sua opera, c’è la consegna al mondo del fardello della conoscenza che è puro peso per la presa in carica di sé stessi, ma anche leggerezza per la scoperta meravigliosa di quella bellezza che ad ognuno la vita riserva”.
Sul palco, in evidenza i movimenti naturali ed un’interpretazione magistrale di quell’attore che non ha mai perso il contatto con le proprie origini e le porta con sé, sempre.
Motivato dal caloroso abbraccio del pubblico, Lo Verso darà corpo e voce a personaggi di non semplice interpretazione, attraverso la storia di un uomo che sceglie di mettere in discussione la propria vita, a partire da un dettaglio. Ed è questo l’aspetto principe, “il mettere in discussione la propria vita” un processo che ormai fa parte di un quotidiano collettivo, da qui la grande attualità di questa produzione teatrale, ben compresa dal pubblico che non fa fatica ad indossare i panni del protagonista.
L’incipit è un appunto, un’osservazione banale che viene direttamente dall’esterno e fa i conti con dubbi e perplessità; alle spalle uno specchio, ed il coraggio di guardarsi dopo tanto tempo per concentrarsi sulla ricerca di un “io” che cammina a passo lento, forse in alcuni casi tarda proprio ad arrivare.
Ed ecco che tutte quelle maschere di una complessa quotidianità, lasciano il posto alla ricerca del sé autentico e vero, ed è grazie a quell’accento ironico che l’interpretazione diventa grottesca ed a tratti inquietante; quel gioco di parole sembra quasi invitare il pubblico a partecipare a questa ricerca ed a mettersi in discussione per analizzare attraverso tale filosofia teatrale, tanto cara a Lo Verso, la propria vita.
Magicamente la vita si apre come in un gioco e nel fondo vi è l’essenza in cui si abbandonano i centomila, per cercare, seppur a fatica, l’uno. A volte ciò può comportare la necessità di fare i conti con quel temuto nessuno. Ma forse è un prezzo che conviene pagare, pur di assaporare la vita, pur di comprenderla fino in fondo; solo in questo modo si può capire anche chi è quell’immagine riflessa su uno specchio.
Al centro di quest’opera c’è una vera analisi che probabilmente ha scatenato una riflessione in tutti coloro che hanno avuto modo di ascoltare un’interpretazione così ben riuscita, oltre che spontanea, di un attore che ama stare vicino al suo pubblico e raccogliere, all’interno di un prezioso diario, anche le sue impressioni a fine serata.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Il Forum H2O aderisce e parteciperà al flash-mob di domani a Pescara per la libertà d'informazione promosso dall'FNSI dopo le gravi dichiarazioni di esponenti di Governo e del partito di maggioranza, il M5S.

"La dialettica anche dura è il sale della democrazia - si legge in una nota - ma l'insulto è sempre da rigettare. Se poi viene dal Governo, diviene oltremodo preoccupante, perché per chi amministra e gestisce il potere la continenza, l'equilibrio, la riflessione e, soprattutto, la consapevolezza di dover dare l'esempio, dovrebbero costituire le regole auree da seguire per assicurare la democrazia nel paese".

Pubblicato in Politica

Lanciano. Oggi in Tribunale a Lanciano è stata celebrata l’udienza preliminare del processo a carico del noto imprenditore abruzzese Antonio Colasante, arrestato nel marzo 2017 con l’accusa di riciclaggio, riguardo al servizio di lavanolo all'ospedale di Lanciano. All’esito delle arringhe difensive degli avvocati Franco Coppi, Giuliano Milia ed Elio Di Filippo, il giudice, Marina Valente, ha prosciolto Antonio Colasante dall’accusa a suo carico, con formula piena, ‘perché il fatto non sussiste’. Insieme all'imprenditore Colasante sono stati altresì prosciolti i 4 amministratori delle società del Gruppo che erano sott'accusa. Anche nei loro confronti l’accusa per il reato di riciclaggio era insussistente. L'imprenditore Antonio Colasante commenta: “Siamo soddisfatti per quanto deciso dal giudice. Abbiamo dimostrato la verità dei fatti”.

Pubblicato in Cronaca

Lanciano. Sono numerosi gli eventi in programma a Lanciano in occasione della Giornata mondiale del diabete 2018. Grazie alla collaborazione tra l'unità operativa di Diabetologia dell'ospedale "Renzetti", guidata da Daniela Antenucci, e l'Associazione Diabetici Frentani è stato allestito un nutrito calendario di appuntamenti così articolato:

Dal 12 novembre al 16 novembre 2018 dalle ore 9.30 alle ore 12.00 presso la Diabetologia di Lanciano si effettuano screening capillari gratuiti e compilazione questionari Findrisc eseguiti da medici, infermieri, operatori della Croce Rossa e volontari Adif.

Dal 12 novembre al 18 novembre iniziativa "Federfarma" per screening gratuiti presso le seguenti farmacie: Sparvieri e San Francesco (Lanciano) , Savelli (Castel Frentano), De Simone (Treglio), Verna (San Vito Chietino).

Il 17 novembre presso il centro commerciale “Lanciano” di Lanciano dalle ore 16.00 alle ore 19.30 si svolgerà l'iniziativa di informazione alle famiglie sul diabete e saranno effettuati test capillari e compilazione di questionari Findrisc con la collaborazione dei volontari ADiF, e degli operatori sanitari, medici e infermieri e degli operatori di Croce rossa italiana (Cri).

Il 18 novembre dalle ore 10 alle ore 13 a Lanciano, in piazza Plebiscito, sarà allestito un gazebo ADiF e Cri saranno effettuati screening capillari gratuiti e compilazione questionari Findrisc con la collaborazione dei volontari ADiF e degli operatori degli operatori sanitari, medici e infermieri di Cri.

Le iniziative saranno realizzate anche con la collaborazione degli operatori di Croce Rossa e Croce Azzurra.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Apprendiamo la notizia di sei indagati relativamente all’inchiesta aperta su Piano D’Orta. Nel Luglio del 2017 avevo presentato un esposto, il terzo della serie sul SIN di Bussi, per denunciare le criticità dell’area dell’insediamento industriale in località Piano D’Orta, nel Comune di Bolognano, dove insisteva fino agli anni ’60 lo stabilimento della Montecatini.

LE PRINCIPALI CONTESTAZIONI CONTENUTE NELL’ESPOSTO DEPOSITATO L'ANNO SCORSO
1. I ritardi sulla caratterizzazione e Messa In Sicurezza di Emergenza.
A distanza di 10 anni e dopo numerose riunioni tecniche e Conferenze dei Servizi tenutesi fra l’Abruzzo e Roma, non si è stati in grado di mettere in sicurezza l’area. Eloquente l’estratto del verbale di una conferenza dei Servizi nella quale il Ministero chiede al “Soggetto Attuatore”, il Comune di Bolognano, di avviare una copertura, anche provvisoria, del corpo dei rifiuti.
“In dieci anni pare non siano stati in grado di apporre sull’area neanche un telo resistente per evitare il dilavamento dei rifiuti da acque piovane”.

2. La tardiva diffida al responsabile dell'inquinamento.
Come accaduto per Bussi, gli Enti preposti al controllo arrivano tardi. Infatti solo in data 22 Maggio 2015, a distanza di 8 anni dalla scoperta, come si evince dai documenti, arriva la diffida alla bonifica della Provincia al soggetto responsabile dell’inquinamento, Edison S.p.A. Ritardi che pesano come un macigno rispetto all’eventuale contenzioso che certamente sarà in divenire, gravando anche sulle casse delle Pubbliche Amministrazioni che hanno, a tutt’oggi, dovuto anticipare ingenti somme per la realizzazione del Piano di Caratterizzazione.

3. La tardiva diffida al proprietario delle aree.
Anche in questo caso la Conferenza dei Servizi impiega anni per mettere in atto la diffida alla Messa In Sicurezza d’Emergenza nei confronti del proprietario delle aree. Messa in sicurezza a tutt’oggi inattuata.

4. Il buio e il vuoto sulle aree extra SIN.
Nel resoconto della Conferenza dei Servizi del Febbraio 2015, il Comune di Bolognano deposita a integrazione del Piano di Caratterizzazione, su richiesta del MATTM, un “rapporto dei risultati di analisi di rischio relativi alle aree esterne e limitrofe del SIN”.

“Di tale rapporto non conosciamo il contenuto ne' nella conferenza dei servizi vi si fa alcun accenno. La aree extra SIN potrebbero essere immacolate oppure potrebbero avervi riscontrato inquinamento e contaminazione. A distanza dio 10 anni non è dato saperlo” .

“Mi auguro che la magistratura faccia chiarezza” commenta Sara Marcozzi, consigliere regionale e candidato Presidente per la Regione Abruzzo del M5S “a 10 anni dalla scoperta di quella che fu definita la più grande discarica abusiva di rifiuti tossici d’Europa è inaccettabile constatare che l’inquinamento sia ancora tutto li! L’inerzia che per 10 anni ha caratterizzato la pubblica amministrazione deve avere dei responsabili, Ministero, Regione, Provincia o Sindaci. Noi chiediamo di accertare queste responsabilità e crediamo di aver fornito agli inquirenti, tutti gli elementi necessari per farlo. L’Abruzzo chiede giustizia e noi saremo sempre in prima linea per tutelare la nostra terra".

Pubblicato in Politica

Chieti. “L'Amministrazione Comunale, nel quindicesimo anniversario dell’attentato di Nassiriya in cui persero la vita 17 militari italiani e due civili davanti l’ingresso della base MSU italiana dei Carabinieri, ha deciso di intitolare un importante spazio pubblico cittadino in ricordo delle vittime del grave attentato avvenuto nella città irachena il 12 novembre 2003”. Lo rende noto l’Assessore alla Toponomastica Mario Colantonio.

«A seguito di un ordine del giorno presentato dal Consigliere Capogruppo di FDI, Marco di Paolo, ed approvato dall'intero Consiglio Comunale - ha commentato Mario Colantonio – l’ufficio urbanistica e toponomastica del Comune ha individuato alcuni luoghi significativi per predisporre l'intitolazione ai Caduti di Nassiriya. Non appena sarà completata l’istruttoria è intenzione della Giunta Comunale ufficializzare l’intitolazione con una cerimonia ufficiale».

Pubblicato in Cronaca

Pineto. Una bellissima gara quella disputata ieri pomeriggio al Palavolley dalla Blueitaly che, sotto 2 set a 0, riesce a rimontare un match dove la speranza era ridotta al lumicino dopo i primi due parziali, contro la corazzata Fano portando a casa la quinta vittoria consecutiva in altrettante partite. Ma che cuore! E che anima! Questa squadra ha scaldato la passione dei numerosi supporters “oltre 500 spettatori” bianco-azzurri giunti al Palavolley S.Maria per spingere i nostri ragazzi verso la vittoria, arrivata in una gara combattutissima con le due formazioni che hanno dimostrato di essere le candidate alla vittoria finale del girone E.
Primo set: primo parziale completamente di marca fanese che si impone per 20-25. Nel primo scorcio di match i pinetesi sembrano contratti ed in affanno. Lucconi e Fellini si fanno valere in attacco, il muro-difesa della Blueitaly è imperfetto e Fano meritatamente porta a casa il parziale.
Secondo set: gli uomini di Pasquali accusano il colpo e i fanesi ne approfittano per infilare a più riprese la retroguardia bianco-azzurra. Picardo prende il posto di Evangelista al centro, ma dopo due azioni di gioco si fa male alla caviglia ed è costretto ad abbandonare il campo. Coach Pasquali tenta la carta Ntotila per Porcinari, la musica non cambia con Fano che chiude con un meritato 12- 25, frutto dell’ottima incisività in battuta ed una buona ricezione. I giochi sembrano quasi chiusi dopo una netta supremazia ospite per merito delle superbe prestazioni di Fellini, Salgado, Paoloni ed uno straripante Lucconi.
Terzo set: il terzo parziale sembra dar ragione ancora una volta ai biancorossi, la Blueitaly prova a risollevare le sorti del match nonostante il pesante passivo dando giusti segnali. Coach Pasquali chiama il cambio in cabina regia, Matricardi prende il posto di Catone.
Sul 6-10 la svolta! Il palavolley è infuocato, la Blueitaly inizia la remuntada grazie ad una palla di seconda di Matricardi ed un bel muro di Hoxha; un errore di Salgado ed un super attacco di Di Meo portano il punteggio in parità 10-10.
Capitan Porcinari suona la carica; Di Meo e Bulfon martellano la difesa della Gibam con schiacciate astute e potenti. Il set procede in parità, punto su punto con le due formazioni che si danno battaglia. La Blueitaly sale in battuta mettendo in difficoltà la ricezione fanese, Lucconi tiene a galla i suoi e Fano torna a comandare il set 23-21.
Un grande muro di Evangelista ed un fallo di invasione di Cecato riportano il punteggio sul 23 pari, sale in cattedra ancora Di Meo con il 24-23 e successivamente dopo il momentaneo pareggio di Graziani, ancora Di Meo 25-24.
Fano risponde palla su palla agli attacchi pinetesi, un errore in battuta di Cecato ed un attacco millimetrico di Porcinari, regalano il set alla Blueitaly 29-27.
Quarto set: la formazione abruzzese parte forte con Matricardi in cabina di regia, parziale di 6-0 con “lo sceriffo” Di Meo imperioso in attacco ed autore di 4 punti consecutivi. Fano non ci sta ed accorcia le distanze con Salgado ed il solito Lucconi 9-7.
La Blueitaly da spettacolo orchestrato dall’ottimo Matricardi, forza l’intensità in battuta e Fano è di nuovo in difficoltà. Cacchiarelli vola in difesa e capitan Porcinari ristabilisce il punteggio sul 14- 9.
La formazione marchigiana non molla e con i giovanissimi Lucconi e Paoloni tenta di accorciare il punteggio, una cinica ed attenta Blueitaly risponde colpo su colpo con Bulfon e Di Meo ancora decisivi, i tifosi del palavolley suonano la carica ed i bianco-azzurri chiudono il parziale sul 25-15, si va al quinto set con l’inerzia che passa il testimone.
Tie break: I pinetesi sono determinati a portare a casa il bottino mantenendo l’imbattibilità in campionato, Bulfon mette a terra il pallone del 7-3, con un errore di Paoloni arriva il cambio campo sull’8-5. Hoxha spinge ancora in battuta e per la ricezione fanese è crisi, Lucconi tiene a galla i suoi ben servito dall’esperto Cecato 10-8 e time-out Pineto.
La Blueitaly riprende il suo cammino con i soliti Bulfon e Di Meo portandosi sul 14-9, cartellino rosso per Di Meo per un gesto di stizza verso Lucconi che a sua volta prende il cartellino giallo 14- 10.
Ace di Fano con Cecato 14-11, sale l’adrenalina, il palavolley è infuocato. Cecato in battuta mette in difficoltà in ricezione Di Meo, Matricardi corre in zona 2 ed alza per Bulfon che con un perentorio attacco piega le mani del muro fanese chiudendo il match 15-11.
La Blueitaly chiude la pratica Fano con una bella vittoria ed è ancora primato.
<<Non possiamo sapere se queste squadre si contenderanno il campionato fino alla fine ma di una cosa siamo certi... Questa gara rimarrà nella STORIA! Complimenti ai nostri avversari ed adesso ricarichiamo le pile con la pausa nel prossimo week-and per tornare più carichi che mai per il prossimo impegno con la Nef Osimo il 25 novembre sempre al PalaVolley S.Maria>>.
MVP: Mattia Matricardi
TABELLINI:
BlueItaly Pineto Volley: Catone, Fortuna, Porcinari 10, Picardo 1, Bulfon 25, Di Meo 21, Evangelista 4, Matricardi 2, Hoxha 6, Ntotila, libero Cacchiarelli ricezione pos 88 % , prf 41 %.
Note: bs 8, ace 5, muri 9
Gibam Fano: Giorgi, Cecato 5, Tallone, Lucconi 22, Fellini 14, Graziani 13, Paoloni 9, Caselli, Salgado 15, Mancinelli, Mazzanti, Tallone, libero Iannelli ricezione pos 59 %, prf 29 %.
Note: bs 18, ace 7, muri 9

Pubblicato in Sport

Pescara. “In nessun appuntamento elettorale, e in particolare nelle ultime elezioni provinciali, il Partito Democratico si è sottratto al confronto con le altre forze politiche del centrosinistra e mai sono stati posti veti sul nome dei candidati, né tantomeno sono state chieste le dimissioni di qualcuno.

Sono ben consapevole che per rilanciare con forza il nostro progetto politico c’è bisogno di una maggior condivisione e apertura e in questa direzione ci stiamo muovendo, ma è inaccettabile continuare a fomentare la carboneria della dissidenza a tutto vantaggio delle destre, che si stanno affermando, con mia grande preoccupazione, nel panorama nazionale e internazionale”. Con queste parole il segretario provinciale del Pd di Pescara Enisio Tocco interviene per chiarire la posizione del Partito Democratico sulle elezioni provinciali e sulle dimissioni dell’assessore Diodati.

“Stiamo lavorando per costruire un progetto che metta insieme le migliori forze progressiste e liberali e le migliori esperienze del mondo civico, ma con fermezza diciamo basta alla politica dei veti incrociati, dei personalismi, delle menzogne e del trasformismo – continua Tocco -. Ho già ribadito che non intendo sottrarmi alle mie responsabilità per la scelta del candidato Di Lorito alla Presidenza della Provincia, un amministratore dall’indubbio profilo di competenza ed esperienza, che è stato scelto all’interno dei nostri organi di partito, assemblea e coordinamento politico, in maniera partecipata e condivisa. Una candidatura che ha ricompattato democraticamente le anime del partito e che ha trovato favori e consensi anche tra le altre forze politiche della coalizione di sinistra.

Non c’è stata alcuna ingerenza per i risvolti di questo voto nel Comune di Pescara: ho sempre lasciato ampia libertà di mandato al primo cittadino nel rapportarsi alle forze di coalizione che l’hanno sostenuto. Diversamente dall’atteggiamento di qualcuno che continua a investire le proprie energie nel creare entropia a tutti i livelli, locale, provinciale e regionale, sia dentro il Partito nel quale si è candidato, è stato eletto e con il quale ha governato, e sia con la coalizione che ha sostenuto e che oggi all’ultimo rinnega.

Per costituire una valida alternativa ai prossimi appuntamenti elettorali, c’è spazio per tutti quelli che vogliano mettersi in gioco, a partire dalle migliori esperienze dei nostri amministratori, ma è necessario porre fine a questo modo di intendere la politica che non ci appartiene: il nostro è un partito aperto, inclusivo e democratico, in cui però veti e personalismi non sono ammessi”.

Pubblicato in Politica

Chieti. L’Amministrazione Comunale rende noto che il Comune di Chieti ha concesso il patrocinio al corso gratuito di alfabetizzazione digitale per over 65 organizzato dal Rotary Club Chieti Ovest.

Le 10 lezioni pomeridiane di novanta minuti l’una inizieranno lunedì 19 novembre 2018, presso la Sede del Club presso il Nuovo Albergo in viale B. Croce, a Chieti Scalo (in prossimità della Stazione Ferroviaria).

I partecipanti, nel corso delle lezioni affidate ai giovani del Club Rotaract di Chieti, si avvarranno di 10 computer portatili messi a disposizione dal Distretto Rotary 2090.

Per la prima edizione sono disponibili 20 posti e le iscrizioni potranno essere comunicate telefonicamente al numero 347.8456929 e consegnate a mano presso la sede del corso o inviate via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro la data di inizio del corso.

Calendario e programma d’insegnamento sono disponibili sul sito www.rotarychietiovest.com o pagina facebook rotarychietiovest. Saranno considerate valide le prime 20 domande pervenute e le successive andranno in lista di attesa per la edizione seguente. A fine corso verranno rilasciati gli attestati di partecipazione.

Al titolo della famosa trasmissione Rai del Maestro Manzi, “NON E’ MAI TROPPO TARDI” è stato aggiunto il “4.0” che oggi definisce comunemente un avanzato standard di tecnologia e qualità. L’idea è di aiutare gli over 65 a vincere l’isolamento sociale e culturale determinato, per una questione prevalentemente anagrafica, dalla difficoltà nell’uso delle nuove tecnologie digitali e degli strumenti di comunicazione come il computer, l’ipod, lo smartphone, etc.. L’obiettivo è quello di avviare gli iscritti al corso all’uso della posta elettronica, di Skype e delle chat, leggere giornali e libri ed ascoltare musica on line così come contattare ed interagire via internet con Istituti bancari, Posta e sportelli della Pubblica Amministrazione. Come dimostrato da recenti studi scientifici, l’uso delle nuove tecnologie sarebbe un toccasana per la mente, riducendo del 40% il declino cognitivo.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. "L'inchiesta della Procura di Pescara e dei Carabinieri-Forestali illumina una triste vicenda della val Pescara, martoriata dall'inquinamento industriale" così Augusto De Sanctis, per la Stazione Ornitologica Abruzzese, l'associazione che a maggio 2017 aveva "scoperto" che una parte consistente della vecchia area industriale della ex Montecatini di Bolognano era rimasta inopinatamente fuori dal perimetro del Sito Nazionale di Bonifica individuato dal Ministero dell'Ambiente nel 2008.

Le ceneri di pirite, scorie industriali, poi classificate dall'ARTA a luglio 2017 dopo la segnalazione della SOA come "rifiuti speciali pericolosi" affioravano nel cosiddetto "comparto Z", praticamente in mezzo alle case e le strade.

Il Ministero dell'Ambiente con la dirigente Laura D'Aprile scrisse subito agli enti per chiedere lumi sulla vicenda. Attualmente è nella fase finale l'iter di inclusione di quest'area nel Sito nazionale di Bonifica. A febbraio 2018 la Provincia ha emanato l'ordinanza in cui si individua in Edison il responsabile della contaminazione, riconoscendo il ruolo della SOA nell'aver fatto (ri)emergere la vicenda. Poco dopo sono partiti alcuni lavori di messa in sicurezza di emergenza.

Dopo la dettagliata lettera di maggio 2017, la SOA attivò anche una serie di accessi agli atti. Il Comune di Bolognano si oppose pervicacemente con tanto di avvocati ma l'associazione vinse il ricorso al Difensore Civico regionale.

Dall'accesso è emerso che:
1)già nelle analisi del 2008/2009 il Comparto Z era risultato pesantemente contaminato sia nei terreni (da piombo, zinco, arsenico, idrocarburi; addirittura fino a 13 metri di profondità), sia nell'acqua di falda (arsenico e piombo);
2)nel 2014 il comune di Bolognano aveva svolto la cosiddetta Analisi di Rischio che aveva evidenziato la presenza di rischio attuale per l'esposizione ai contaminanti. Purtroppo a tale documento non erano seguiti adeguati provvedimenti.

"Quanto accaduto è particolarmente grave in quanto il sito è letteralmente in mezzo alle case e alle strade della frazione di Piano d'Orta. Anzi, alcune abitazioni sono state costruite letteralmente sui terreni che ospitavano i vecchi impianti. La falda contaminata si muove verso il fiume Orta trascinando con sé l'arsenico. Insomma quello che è accaduto e che oggi è oggetto dell'inchiesta segnala i ritardi, l'inerzia e, spiace dirlo, anche il silenzio di troppi su una situazione incredibile che era sotto gli occhi di tutti. La nostra associazione ha dovuto superare un muro di gomma che era stato alzato davanti a questa situazione. Addirittura in questi mesi ci sono stati tentativi, fortunatamente sventati, di non farci partecipare alle riunioni e ai sopralluoghi. In diversi enti pubblici abbiamo però riscontrato, dopo le nostre sollecitazioni, una reazione. Segno che se vi è la volontà e la trasparenza anche situazioni così degradate si possono cambiare. Ora bisogna ottenere la bonifica".

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 5

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione