Articoli filtrati per data: Giovedì, 15 Novembre 2018

Pescara. Prosegue incessante l’attività di controllo del territorio nell’ambito del piano di contrasto ai traffici illeciti organizzato dal Comando Provinciale; anche in questa occasione i militari della Sezione ATPI della Compagnia Guardia di Finanza di Pescara, meglio noti come “baschi verdi”, si sono distinti per professionalità e tempestività.
Sono le ore 01.30 quando una pattuglia in servizio di perlustrazione anti-contrabbando sul litorale, a Marina di Città Sant’Angelo intercetta in una stradina del litorale chiusa al trafficoun’autovettura, con a bordo due ragazzi ventenni.
L’intuito dei militari operanti si rivela prezioso: l’ispezione prontamente effettuata sul posto porta al rinvenimento di una borsa contenente circa 1 Kg di cocaina; i due ragazzi, entrambi italiani residenti nella provinciaa bordo del mezzo vengono tratti in arresto. Lo stupefacente era già suddiviso in una dozzina di confezioni, pronta evidentemente alla vendita e distribuzione frazionata, sul mercato ove avrebbe fruttato almeno 50.000 euro
Nel corso della successiva perquisizione domiciliare è stato rinvenuto tutto l’occorrente per il confezionamento dello stupefacente, tra i quali 2 bilancini elettronici di precisione.
I Finanzieri del Comando Provinciale di Pescara proseguono le attività di contrasto ai reati connessi agli stupefacenti al fine di monitorare, sequestrare e confiscare i flussi finanziari collegati ai predetti fenomeni illeciti, ma soprattutto per la sicurezza e la prevenzione nelle affollate serate del fine settimana del capoluogo, con particolare riferimento alla tutela della salute dei giovani.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Sono stati eletti oggi i nuovi organismi dirigenti della Consulta Provinciale degli Studenti di Pescara. Nella prima assemblea plenaria sono stati presentati i nuovi Consiglieri ed è avvenuta l’elezione democratica del Presidente e Vice Presidente della Consulta.

Da queste elezioni esce vincente come Presidente Christian De Lellis, supportato da Lorenzo Verna quale Vice Presidente.

Dalle elezioni per il Segretario e Vice risultano elette Annachiara Toppetti in veste di Segretario e Francesca Scampoli come Vice.

Per quanto riguarda le varie Commissioni i Presidenti eletti sono:

Commissione comunicazione e stampa: Luigi Quaglieri

Commissione edilizia scolastica: Saverio Gileno

Commissione Alternanza Scuola-Lavoro: Giacomo Troiani

Commissione Student’s Festival: Gemma Di Muzio e Alessandro Cimmaruta

Commissione cittadinanza attiva: Simone Marchetti

Commissione finanze: Giovanni Bosco.

Il saluto del Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca: “A Christian vanno le mie congratulazioni per l'importante impegno assunto alla Presidenza della Consulta Provinciale degli Studenti di Pescara. L'elezione in assemblea plenaria, frutto della migliore tradizione democratica di questo Paese, rappresenta un mirabile esempio della capacità dei giovani di analizzare e sintetizzare, esempio al quale noi adulti dobbiamo guardare per imparare. Faccio a Christian i miei migliori auguri di buon lavoro e non dimentico di ringraziare Saverio per l'opera incessante che ha contraddistinto la sua Presidenza. Sono convinto che l'esperienza maturata sarà utilissima per affrontare al meglio esigenze e criticità dell'edilizia scolastica pescarese”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Segretario provinciale di Articolo Uno Mdp Pescara Francesco D'Agresta risponde a Foschi dell'associazione Pescara Mi Piace sul tema della sicurezza:

« Apprendo da alcuni organi di stampa della missiva, a firma Armando Foschi, inviata dall'associazione Pescara Mi Piace al Ministro Salvini per chiedere una maggiore presenza dell'esercito a Pescara. Personalmente trovo tale missiva delirante.

Siamo alle solite: si agita lo spettro del “degrado” per tentare di attaccare un'amministrazione che evidentemente non piace al signor Foschi.

Certo fa un po' ridere leggere che Pescara debba “rialzare la testa e a tornare a essere la città sicura, bella, piacevole, vivibile che era sino a quattro anni e mezzo fa”. Esattamente quattro anni e mezzo fa: quando fino al giorno prima delle elezioni e della vittoria del centro-sinistra nel fiume scorrevano latte e miele, la natura offriva i propri frutti rigogliosi ai cittadini di buona volontà, non esisteva il crimine ed era natale due volte l'anno.

Dispiace vedere accostati nella stessa lettera gravi fatti di cronaca, ovviamente imputati alla “inerzia del Comune”, a passaggi davvero esilaranti: una città “dov’è ormai difficile trovare gente a spasso già dal tardo pomeriggio”, “senzatetto che ogni giorno armati di cartoni o giacigli di fortuna, preparano il proprio letto per la notte sotto i portici, creando inevitabilmente, una situazione di insicurezza generale". Una serie di luoghi comuni imbarazzante che farebbe ridere se non trattasse di argomenti seri e tragici usati strumentalmente.

Ribadisco che nessun fenomeno di degrado può essere combattuto con l'esercito: dove funzionerebbe sarebbe solo un intervento di facciata, si tratterebbe di nascondere la polvere sotto il tappeto.

I reati si combattono con la prevenzione e le azioni giudiziarie. Lo sfruttamento della prostituzione si combatte con azioni di polizia contro la rete dello sfruttamento, i senza tetto si aiutano, non si combattono, con i servizi sociali e con la lotta alla povertà (ma il Governo non l'aveva abolita?) non con l'esercito. Il cosiddetto “degrado” si combatte con i finanziamenti che questo Governo continua a tagliare agli enti locali.

Visto che si è scritto al Ministro Salvini si sarebbe potuto approfittarne per chiedere indietro i 49 milioni di euro truffati da noti esponenti della Lega ai cittadini italiani o i fondi per le periferie sottratti dal Governo Lega-5 Stelle, questi sì utili per seri progetti di integrazione e riqualificazione delle nostre città".

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Si intitola Non farti calpestare! Il fiore sei tu la manifestazione, organizzata dal Comune di Montesilvano che domani, venerdì 16 novembre alle 11, al Pala Dean Martin, ospiterà Gessica Notaro, la modella sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato (condannato a 10 anni di carcere).

All'incontro con gli studenti delle scuole superiori, Itc Alessandrini e Liceo D’Ascanio, parteciperanno il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Zaffiri; la criminologa Monica Di Sante; il sindaco di Montesilvano, Francesco Maragno; il vicesindaco Ottavio De Martinis; la consigliera Angelita Palumbo, presidente della commissione Pari opportunità; la presidente regionale di Federvita Abruzzo, Patrizia Ciaburro.

«Siamo sempre molto attenti a queste iniziative», sottolinea il vicesindaco e assessore alla Cultura e agli eventi, Ottavio De Martinis, «Ripetere ai giovani l’importanza del rispetto delle persone e delle donne in particolare, insistere nel condannare la violenza, di qualsiasi tipo, nei confronti di chiunque e in particolare della donna, non è mai abbastanza. E’ quindi con molto orgoglio che abbiamo voluto organizzare la manifestazione con Gessica Notaro. Lei è una persona meravigliosa e la sua esperienza, pur terribile, è un efficace monito a non fare mai del male. Il suo ex fidanzato, anche se non mi sembra un termine adeguato per definire quella persona, è in carcere e ci rimarrà per anni ma dobbiamo lavorare approfonditamente per evitare che questo tipo di reati non vengano più commessi».

«Questo convegno è una sorta di resoconto dell’attività della commissione che ho l’onore di presiedere da circa tre anni», dice la consigliera Palumbo, «Mi ero impegnata per avviare uno sportello antiviolenza entro la fine del mandato e posso dire che abbiamo avviato tutto l’iter per fare in modo che nel 2019 lo avremo. In prima linea ci sarà il Comune con una associazione, il Movimento per la vita, di cui la presidente Patrizia Ciaburro, sarà presente domani al convegno. L'anno scorso, dopo la morte di Jennifer Sterlecchini, abbiamo partecipato con impegno alla raccolta firme per la petizione alla Camera dei Deputati che introduce una modifica al codice penale: chi commette questo tipo di reati non potrà più accedere al rito abbreviato (con sconti di pena), la modifica è stata approvata dalla Camera il 6 novembre».

Dopo i saluti istituzionali, l’intervento della criminologa che fornirà anche i dati delle statistiche sulle violenze. A seguire saranno proposte delle slide per consigliare i ragazzi su come comportarsi in situazioni di pericolo. Fabrizio Fasciani e Simone Pavone proporranno un intermezzo musicale dedicato al tema dell’iniziativa. Patrizia Ciaburro spiegherà la sua attività e presenterà il progetto dello sportello antiviolenza e al termine l'intervento di Gessica Notaro.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Il giorno 18 novembre 2018, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, militari in forza all’11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia e del Centro Tecnico Logistico Interforze NBC, eseguiranno il despolettamento della bomba d’aereo da 250 libbre, di nazionalità inglese, rinvenuta in via Tommaso Coccione di Poggiofiorito ed il successivo trasferimento dell’ordigno, con scorta da parte delle Forze di Polizia, fino alla cava ove avverrà la distruzione tramite brillamento.

Il Prefetto di Chieti ha disposto la costituzione di un Centro Operativo Misto (COM) presso la sede del Comune di Orsogna, a partire dalle ore 6.00 e fino a cessate esigenze del giorno 18 novembre 2018, a supporto delle decisioni e degli interventi tecnici necessari allo svolgimento delle operazioni.

Si rende necessario lo sgombero della popolazione nell’area di raggio ipotizzato di danno, di 1600 metri, comprendente territori dei Comuni di Poggiofiorito, Arielli e Crecchio.

È individuato come luogo di temporanea accoglienza il Palazzetto sportivo sito in Lanciano, via Rosato. Le operazioni di sgombero dovranno terminare entro le ore 08.00. La Croce Rossa Italiana, in collaborazione con i Comuni interessati, ha istituito il numero unico telefonico 3299660340, già attivo.

Il Centro Operativo Misto è composto da:
- Coordinatore responsabile: Viceprefetto dr.ssa Valentina Italiani;
- Componenti: Sindaci dei Comuni di Poggiofiorito, Arielli, Crecchio e Orsogna; rappresentanti di Regione Abruzzo – Servizio Emergenze di Protezione Civile; Provincia; Questura; Comando Provinciale dei Carabinieri; Comando Provinciale della Guardia di Finanza; Comando provinciale dei Vigili del Fuoco; Comando Sezione Polstrada Chieti; 11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia; Zona telecomunicazioni Abruzzo della Polizia di Stato; ENEL; 2i Rete Gas; SASI; Telecom; Croce Rossa Italiana - Sez. Chieti e Croce Rossa Militare.

Nell’ambito del COM è istituita la Funzione di supporto “Assistenza alla Popolazione”:
- Coordinatore responsabile: rappresentante delegato da parte della Regione Abruzzo – Servizio Emergenze di Protezione Civile, supportato dai Sindaci dei Comuni di Poggiofiorito, Arielli, Crecchio, Orsogna, Lanciano e da Croce Rossa Italiana ai fini della gestione delle esigenze connesse allo sgombero e alla assistenza della popolazione.

Per le disposizioni di dettaglio si fa rinvio al decreto prefettizio allegato, visualizzabile sul sito internet della Prefettura di Chieti.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Ieri pomeriggio, la Polizia di Stato ha arrestato P.G., di anni 40, nato nella provincia di Foggia, ma residente a Pescara, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere in sostituzione degli arresti domiciliari, emessa il 7 novembre scorso, dal Giudice Indagini Preliminari del Tribunale di Foggia.
In data 26 ottobre 2018, gli Agenti della Squadra Volante hanno eseguito un controllo suonando insistentemente al citofono senza avere risposta e hanno notato un individuo correre per le scale, poi identificato per P.G. che, dopo essere rientrato in casa, ha aperto la porta con indosso ancora la giacca, ammettendo di essersi allontanato dall’abitazione dove era ai domiciliari per i reati di ricettazione, riciclaggio, detenzione illegale di armi.
Pertanto il Giudice, ricevuta la segnalazione sulla sua evasione, ha disposto l’aggravamento della misura, disponendo la custodia in carcere.

Pubblicato in Cronaca

Pergola. Domenica 18 novembre alle ore 16:30 si terrà a Pergola presso Casamavì, via don Minzoni 48 (Palazzo Mattei Baldini), l’incontro organizzato dal direttivo dell’associazione Ars Animae dal titolo: “Un pomeriggio insieme: presente e futuro di Animavì”.

L’incontro, organizzato a distanza di circa due mesi dall’evento di premiazione con il Bronzo Dorato alla Carriera al regista Wim Wenders, ultimo appuntamento dell’edizione 2018, sarà occasione per fare il punto dopo tre anni di festival e discutere insieme a partner ed associati riguardo i nuovi sviluppi del festival.

Questo significativo momento, spiega il direttore organizzativo Mattia Priori, nasce innanzitutto dalla volontà di presentare anche a Pergola precisamente a Casamavì, il lavoro della dott.ssa Serena Pierfranceschi laureata magistrale alla Ca’ Foscari di Venezia lo scorso 23 ottobre con una tesi proprio su animavì. Un lavoro che approfondisce la possibilità di trasformare alcune idee ed iniziative sbocciate in animavì come cardini di una nuova impresa creativa del territorio. Un lavoro importante e di prospettiva dal quale vogliamo trarre spunti concreti di lavoro sin da subito.

Durante il pomeriggio verrà presentato al pubblico per la prima volta anche un video trailer sui primi 3 anni di animavì firmato dal regista leone d'oro per il miglior documentario nel 2014 alla mostra di Venezia Alberto Girotto, che servirà a far conoscere ancor più animavì nel mondo.

Un pomeriggio di festa quindi nel quale l’associazione ha lasciato trapelare di avere anche altre importanti novità da svelare?

 


Programma:


ore 16:30

Può un festival culturale essere il core business di un'impresa creativa?

Presentazione tesi di laurea della dott. Serena Pierfranceschi


ore 17:00

Animavì tra presente e futuro

Il progetto Cinemavì e il futuro del festival

Simone Massi, direttore artistico

Mattia Priori, direttore organizzativo

Altri membri del direttivo Ars Animae

Seguirà dibattito


ore 18:00

Aperitivo

Pubblicato in Cultura e eventi

Cori. Dal 19 al 22 Novembre, la Città di Cori (LT) ospiterà le delegazioni di educatori e progettisti provenienti da Italia, Cipro, Spagna, Francia, Romania, Polonia, riuniti nella biblioteca comunale “Elio Filippo Accrocca” per il primo meeting internazionale del progetto europeo “On your E-Marks”. L’obiettivo è creare materiale innovativo facilmente fruibile sulle competenze strategiche del web, grafiche e delle arti digitali per migliorare conoscenze e abilità in materia sia dei formatori che degli imprenditori e degli altri operatori del sociale, anche per mezzo di strumenti educativi aperti come la formazione via internet tramite un corso online gratuito.

Questa tappa iniziale, organizzata nel paese lepino da APS Futuro Digitale, in collaborazione con il Comune di Cori e l’Associazione Culturale Arcadia, finanziata con fondi europei del programma Erasmus Plus, servirà a gettare le basi operative a livello territoriale e transnazionale e di supporto ad aziende, associazioni ed enti interessati, nonché a calendarizzare e definire il percorso programmatico dei prossimi due anni, che include già cinque incontri di lavoro e due di formazione; di questi ultimi due, uno dedicata a consulenti/formatori e l’altro a imprenditori/responsabili progettuali, da svolgersi, rispettivamente, in Francia e in Polonia.

La progettualità coinvolge un partenariato di istituti di formazione, del mondo dell’impresa e della consulenza, e partner tecnologici: capofila è la Cooperativa per lo Sviluppo della Creatività e dell’Innovazione (Marsiglia, Francia); a cui si affiancano l’Associazione Interculturale GoEurope (Valencia, Spagna), EuroSuccess Consulting (Nicosia, Cipro), Instalofi Levante Sl (Valencia, Spagna), la Fondazione per lo Sviluppo Imprenditoriale (Lublino, Polonia), Power Net Consulting (Bucarest, Romania) e l’Associazione di Promozione Sociale Futuro Digitale (Terranova da Sibari [CS], Calabria, Italia), presente anche a Cori da tre anni.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. “La Saga, la società che gestisce i servizi a terra dell’Aeroporto d’Abruzzo, copia pari pari gli atti amministrativi dell’aeroporto di Trieste e non si degna neanche di cambiare il nome della città e dello scalo o di controllare i link sul proprio sito istituzionale. Basta andare infatti sul sito di abruzzoairport, cliccare sul link ‘Modello di organizzazione e gestione’, ovvero il modello 231 dell’anticorruzione, e invece di leggere quello dello scalo abruzzese, si finisce dritti sul sito di triesteairport.it per leggere il loro modello organizzativo. Ma non è l’unica ‘svista’ del sito istituzionale della Saga: se infatti si clicca sul file del ‘Codice etico’ si legge non il Codice, appunto, ma addirittura lo Statuto della Saga. Errori imbarazzanti se pensiamo che per l’aggiornamento teorico del Modello 231, quello copiato dallo scalo di Trieste, la stessa Saga ha sborsato ben 12mila euro di soldi degli abruzzesi per una consulenza alla società ‘Consulenza Integrata Srl’. È evidente che non si tratta di semplici ‘errori’, ma di una vicenda su cui intendiamo vederci chiaro con una denuncia alla Corte dei Conti e una seconda all’Anac contro la mancata pubblicazione del modello 231 che, chiaramente, per l’aeroporto d’Abruzzo non esiste”. Lo ha denunciato il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri segnalando la clamorosa gaffe della Saga.
“Sembra di essere su ‘scherzi a parte’, ma in questo caso la realtà ha superato ogni più fervida fantasia – ha sottolineato il Capogruppo Sospiri -. Dopo le varie vicissitudini del nostro scalo aeroportuale, abbiamo fatto un controllo generale circa l’attuale gestione della struttura da parte della Saga, che con l’attento e accorto Presidente Enrico Paolini, è tornata a specializzarsi in annunci strabilianti, ma mai avremmo pensato di trovare una distesa di bucce di banana. Il primo controllo ci ha portati dritti sulla pagina della trasparenza del sito istituzionale dell’aeroporto, trasparenza.abruzzoairport.com, pochi capoversi e si arriva al ‘Modello di organizzazione e gestione’, che dovrebbe darci, in modo trasparente, l’esatta composizione societaria e strutturale dello scalo. E invece, basta cliccare sul link per finire sul sito di triesteairport.it e leggere il loro modello di organizzazione, perdendo le tracce dell’aeroporto di Pescara. Tornando indietro e pensando a un errore di rete, si scorrono i vari link, si arriva al file pdf denominato ‘codice etico’, che rappresenta la prima parte dell’inesistente modello organizzativo 231, reso obbligatorio dall’Autorità Nazionale Anti-Corruzione, e, grande sorpresa, invece di leggere il codice etico si legge lo Statuto della Saga. Impossibile rintracciare il Codice etico di Pescara in qualunque altro link. Dopo il doppio sobbalzo, arriva la terza sorpresa, perché basta andare su trasparenza.abruzzoairport.com e troviamo dettagliati gli incarichi di consulenza erogati dalla Saga, dove spicca quello affidato alla società ‘Consulenza Integrata Srl’ per 12mila euro proprio per ‘l’aggiornamento del modello 231’, che però è, a questo punto, copiato da quello dell’aeroporto di Trieste, ma copiato così bene che non si sono neanche preoccupati di riscriverlo cambiando il nome della struttura, e hanno pensato, per risparmiare tempo ed energie, di rimandare direttamente al sito dello scalo triestino. Chiaramente tale situazione, oltre a essere vergognosa, è amministrativamente e politicamente inaccettabile, specchio di una gestione della Saga e dell’aeroporto all’insegna della superficialità, del pressapochismo che, evidentemente caratterizza l’attuale governance, ma soprattutto merita di essere giustificata. Innanzitutto – ha detto il Capogruppo Sospiri – pretendiamo che il Presidente della Saga Paolini mostri entro ventiquattro ore il frutto documentale della consulenza da 12mila euro, ovvero il Modello 231 aggiornato e pagato, con la certificazione della pec con cui l’atto è stato inviato alla Saga e il relativo verbale del Consiglio d’Amministrazione della Saga che certifichi la sua adozione, documento che, ovviamente, andremo subito a confrontare con quello precedentemente in vigore per capire quali siano stati gli eventuali ‘aggiornamenti’. Nel frattempo agiremo sotto il profilo amministrativo: presenterò un esposto all’Anac perché la mancata pubblicazione nella sezione trasparenza del modello 231 è una grave carenza da parte della società ed è sanzionabile; contestualmente invierò un esposto alla Corte dei Conti per chiedere chiarimenti circa la spesa sostenuta di 12mila euro per un documento che al momento non risulta rintracciabile ma, anzi, risulta copiato dal sito dell’aeroporto di Trieste. Nel frattempo informeremo lo scalo triestino di essere stati ‘copiati’ e portati in Abruzzo, senza neanche un ringraziamento per il lavoro svolto”.

Pubblicato in Politica

Pescara. "Preg.mo Ministro dell’Interno, dott. Matteo Salvini,
con la presente, in qualità di rappresentante dell’Associazione cittadina ‘Pescara – Mi piace’, di Pescara, Le rappresento la grave situazione di degrado e di insicurezza che ormai vive la città di Pescara, governata dal 2014 dal centrosinistra e dal sindaco Marco Alessandrini.
Da mesi, purtroppo, il capoluogo adriatico è vittima di fenomeni delinquenziali di vario tipo contro i quali l’Amministrazione comunale non intende, o non è capace, di adottare efficaci metodi di contrasto. Quasi tutte le vie della città, a partire da quelle del centro, le cosiddette ‘vie dello shopping’ e del commercio, sono alla mercè del fenomeno della prostituzione, con ragazze, anche giovanissime, che già dalle 17 sono in strada per trovare possibili clienti. I cittadini hanno più volte sollecitato l’Amministrazione comunale chiedendo l’installazione di telecamere, quali utile deterrente, e di controlli adeguati, ma dal 2014 a oggi il sindaco Alessandrini non ha ritenuto opportuno adottare un solo strumento di contrasto. Alla prostituzione si somma il fenomeno dei senzatetto che ogni giorno, dalle 19 in poi, prendono possesso proprio delle vie più centrali e, armati di cartoni o giacigli di fortuna, preparano il proprio ‘letto’ per la notte sotto portici, dentro i portoni dei condomini, oltre che sotto i tunnel della stazione ferroviaria centrale, creando, evidentemente e inevitabilmente, una situazione di degrado diffuso e di insicurezza generale, contro la quale la stessa Amministrazione Alessandrini, nonostante l’ampia documentazione fotografica consegnatagli, non ha inteso e non intende in futuro adottare provvedimenti adeguati di tutela dei cittadini e del loro diritto alla sicurezza e al riposo. Situazione molto grave se pensiamo poi che Pescara è una delle poche città a essere dotata anche di un dormitorio pubblico, con 80 posti letto, realizzato anche con il contributo pubblico del Comune, con la passata amministrazione di centrodestra, e oggi gestito dalla Caritas, dove però i senzatetto stanziali non hanno più ricovero dopo che la struttura è stata riconvertita a CAS. In particolare, nel corso di alcune riunioni tenute anche con le Associazioni di categoria dei Commercianti, è stato proposto al sindaco di impiegare sul territorio in maniera massiccia la squadra ‘cosiddetta’ speciale della Polizia municipale, gruppo GIONA, anche con l’applicazione del DASPO urbano, ma, al solito, il sindaco Alessandrini ha rifiutato qualunque tipo di azione amministrativa.
L’inerzia del Comune, ovviamente, ha semplicemente favorito la recrudescenza e il peggioramento di tali situazioni di degrado, tanto che in pochissimi mesi, sempre nel cuore centrale della città, addirittura in pieno giorno, si sono registrati fatti di cronaca di gravità inaudita, come due stupri di giovani donne, una delle quali ritrovata uccisa sotto il tunnel ferroviario, diversi omicidi tuttora irrisolti, e risse in pieno centro, addirittura nei giardini pubblici, oltre che in periferia a opera di bande di extracomunitari-cittadini stranieri comunitari e gruppi Rom locali, quasi clan in lotta tra loro per il possesso del territorio.
Tale situazione, oltre a rinfocolare gli ovvi e giustificati timori dei cittadini, sta facendo scendere il coprifuoco su tutta la città dov’è ormai difficile trovare gente a spasso già dal tardo pomeriggio, tanto che alcune attività commerciali hanno autonomamente scelto di chiudere le serrande addirittura alle 18. Tali situazioni, qui riassunte brevemente, sono ovviamente tutte facilmente rintracciabili e documentabili attraverso i reportage giornalistici. L’ultimo dei quali racconta addirittura dell’aggressione di una giovane coppia di fidanzatini in pieno giorno, in pieno centro, quale fenomeno di ‘bullismo’ generalizzato, prova, in realtà, che ormai Pescara è città di microcriminalità diffusa.
Chiaramente è ormai evidente che l’amministrazione del sindaco Alessandrini non è stata e non è capace di fronteggiare tali situazioni con gli strumenti più idonei che ha pure in proprio possesso. Per tale ragione chiediamo il suo autorevole intervento per aiutare Pescara a rialzare la testa e a tornare a essere la città sicura, bella, piacevole, vivibile che era sino a quattro anni e mezzo fa. Ovvero, le chiediamo di valutare la possibilità di assegnare alla nostra città alcune unità dell’Esercito cui delegare il controllo di sezioni specifiche del nostro territorio, dando dunque modo alle Forze dell’Ordine di poter concentrare i propri sforzi su altre zone. Tale dispositivo era già operativo su Pescara, almeno dal 2008 al 2014, quando il capoluogo adriatico poteva contare sulla disponibilità di 11 unità dell’Esercito che si occupavano del controllo dell’ordine pubblico nella zona tutt’attorno alla stazione ferroviaria centrale, nelle cosiddette aree di risulta, 13 ettari di superficie utilizzati come parcheggio, e nelle aree della periferia-via Tiburtina, nei pressi dell’aeroporto regionale. Le chiediamo, dunque, di verificare il possibile ripristino di tale attività al fine di aiutare Pescara a uscire da una spirale di violenza che non ha precedenti nell’ultimo trentennio.
Ringraziandola per l’attenzione, si porgono cordiali saluti". Si legge così in una lettera di Armando Foschi dell'Associazione ‘Pescara – Mi Piace’.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 3

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione