Articoli filtrati per data: Sabato, 17 Novembre 2018
Sabato, 17 Novembre 2018 00:00

Il Chieti all’esame Delfino Flacco Pescara

Chieti. Domani si celebra la 14^ giornata di Eccellenza. Al “L.Petruzzi” di Citta’ Sant’Angelo(ore 14:30) si affrontano Delfino Flacco Pescara e Chieti F.C. I neroverdi di mister Lucarelli forti del nuovo primato in classifica in coabitazione con Capistrello e Spoltore, galvanizzati dal successo in extremis sul Sambuceto, vogliono tornare al successo pieno anche lontano dal “G.Angelini”.

Il Delfino Flacco vive anch’esso un momento felice dopo aver battuto a domicilio il quotato Nereto. La squadra pescarese, neopromossa, guidata dal Presidente Quintino Paluzzi e allenata da mister Guglielmo Bonati, staziona in decima posizione a 18 punti in pieno centro classifica. Compagine che non ha nulla da perdere e tentera’ di rendere la vita difficile ad un Chieti sempre piu’ lanciato e rivitalizzato dalla cura Lucarelli che in sette gare giocate ha totalizzato la bellezza di cinque vittorie, un pareggio ed una sconfitta.

“Domani sarà una partita difficile perche’ il Delfino Flacco non ha mai perso in casa, anche se giochiamo a Citta’ Sant’Angelo – dichiara Lucarelli – loro sono consapevoli della loro forza e difficilmente sbagliano prestazione. La squadra di Bonati fa leva sull’intensita‘ di gioco condita da tanta determinazione, con un occhio di riguardo sulla fase difensiva. Possiedono anche una discreta qualita’ a livelllo di calciatori che possono risolvere la partita in qualsiasi frangente. Sono bravi anche a cambiare modulo di gioco in corso d’opera. Sarebbe un grave errore non rispettare questa squadra, che sa quello che vuole, e sta rispettando i programmi della societa’”.

Il Chieti come arriva a questa sfida? ”La vittoria di domenica e’ stata importante a livello morale, anche se specie nel secondo tempo non ci siamo espressi benissimo anche per bravura del Sambuceto. Vogliamo continuare questo trend positivo. Fondamentale non sbagliare l’approccio alla gara che nasconde tante insidie. Il Chieti deve scendere in campo sempre con l’idea di conquistare l’intera posta in palio“.

Nel Delfino Flacco mancherà lo squalificato Ligocki, capocannoniere dei pescaresi con 6 gol all’attivo. Assente anche l’ex di turno Comparelli,mentre Iommetti in settimana ha lasciato il club. Ci saranno,invece, Giannini e Calderaro altri due ex neroverdi, insieme al portiere Falso. Nel Chieti F.C. ancora assenti Tato e Delgado fermi ai box per curare i propri infortuni. Un’eventuale vittoria darebbe maggiore slancio alla classifica dei ragazzi del Presidente Filippo Di Giovanni, in virtù degli scontri diretti di domani tra Sambuceto – Spoltore e Torrese – Capistrello.

Arbitrerà l’incontro il sig. Erminio Cerbasi della sezione di Avezzano, coadiuvato dagli assistenti Catullo di Lanciano e Maiolini di Avezzano. I neroverdi saranno seguiti da molti tifosi. I biglietti potranno essere effettuati direttamente al botteghino dell’impianto angolano.

Pubblicato in Sport

Ortona. "Spettacolo indegno da parte della maggioranza comunale di Ortona, che ancora una volta ha scelto la gazzarra per sottrarsi al confronto democratico". Così il capogruppo del centrodestra al Comune di Ortona, Angelo Di Nardo, dopo che ieri, durante la seduta del Consiglio comunale, mentre era all'esame la questione relativa al cambio di denominazione di Piazza Plebiscito in Piazza Canada, è stato aggredito verbalmente e ha abbandonato l'aula per protesta.

"Non solo non è stata riportata nessuna valida motivazione a supporto di una decisione sciagurata, inutile e illogica - accusa Di Nardo - e non solo la Giunta Castiglione, con la sua solita arroganza, aveva reso inutile il dibattito, deliberando sulla vicenda prima della discussione in aula, costringendoci dunque a ritirare le mozioni. Non paga di tutto questo, la maggioranza ha voluto buttarla in caciara - rimarca l'esponente del centrodestra - prima prendendosela con i post pubblicati su Facebook da alcuni cittadini e poi improvvisando sproloqui contro i consiglieri di minoranza e utilizzando ogni genere di epiteto e aggettivo, nel colpevole silenzio del Presidente del Consiglio Comunale, interrotto solo dal richiamo nei confronti di chi, come è successo a me ieri, è stato bersaglio degli attacchi".

In conclusione Di Nardo sottolinea come "la maggioranza comunale abbia superato ogni limite della decenza, confermandosi incapace di dialogo e sottraendosi ancora una volta al confronto per mancanza di argomenti", ma avverte che "certi metodi incivili e intimidatori non fermeranno l'azione di chi lavora nell'interesse della collettività e anzi contribuiranno ad aprire gli occhi, una volta per tutte, a quei pochi cittadini ortonesi che nutrono ancora fiducia nell'amministrazione Castiglione".

 

Pubblicato in Politica
Sabato, 17 Novembre 2018 00:00

Il Pescara scende in campo con Adriacesta

Pescara. La Pescara Calcio con i suoi calciatori saranno i protagoniosti in un video musicale che andrà in scena Sabato 1° dicembre ore 21.00 al Teatro CIRCUS di Pescara, con la terza edizione “Festa degli Auguri” del Tribunale e Procura della Repubblica.

La serata di beneficenza “DEDICATA A LUDOVICA”, scomparsa tragicamente con la sua mamma Marina lo scorso 20 maggio, è curata dell’associazione ADRIACESTA e sarà a sostegno del “Progetto Arredi di Pediatria” per il reparto dell’Ospedale Civile di Pescara.

L’evento sarà presentato da Valeria Altobelli, ora in finale su RAI Uno a tale quale show, insieme all’attore e regista Sebastiano Somma, noto per fiction RAI e cinema. Sul palco anche il comico di Striscia la notizia “Capitan Ventosa” Fabrizio Fontana, il tenore Dario Ricchizzi , il pianista Michele Di Toro , il Coro e l’Orchestra dell’ Istituto Comprensivo Pescara 8 composto da circa 150 bambini e i ragazzi dell’Istituto Tito Acerbo.

Un momento entusiasmante da condividere per tutti i nostri tifosi, che nell’occasione saggeranno le doti canore dei #BiancAzzurri attraverso il video confezionato per l’occasione e il collegamento LIVE dal ritiro di Perugia.

Tutti i Benefattori saranno invitati sul palco per ricevere un attestato di solidarietà e, in caso di contributo da € 1.000.00 in su, il nome sarà riportato sulla targa di ringraziamento che verrà apposta nel Reparto.

PER INFO sulla serata, posti disponibili ed offerte, FISCALMENTE DETRAIBILI fino a 70.000,00 euro dal reddito di impresa e persone fisiche fino a € 2.500,00, contattare l’Ufficio ADRICESTA nell’atrio accettazione Ospedale Civile di Pescara, Tel. 085.20.56.770 ( dal lunedì al venerdi 9,30-13.00 / 15.00-19.00) – e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTE PROGETTO ARREDI:

Il Reparto di Pediatria di Pescara, diretto dal Dott. Giuliano Lombardi, è un centro all’avanguardia e di riferimento per l’intero Abruzzo, con circa 12.000 accessi per anno in Pronto Soccorso Pediatrico, circa 2.000 ricoveri e 8.000 prestazioni ambulatoriali e di Day Hospital annuali. Svolge servizio di riferimento regionale ed extraregionale per l’Emergenza/Urgenza di Endoscopia Digestiva Pediatrica e per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali in età evolutiva. E’ il Centro di riferimento regionale ed extra regionale per Gastroenterologia, nonché Centro di riferimento regionale per le Malattie Rare e, a breve, sarà inaugurata l’importante Unità Sub Intensiva pediatrica, che sarà necessaria per le emergenze di tutti i bambini abruzzesi.

Fa parte altresì, della rete regionale ed aziendale per la prevenzione e la diagnosi del maltrattamento e l’abuso all’infanzia, riconosciuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la valutazione clinica dei bambini adottati con “adozione internazionale” ed è il Centro di riferimento pediatrico per la diagnosi di deficit dell’ormone della crescita.

Si evince che il suddetto Reparto svolge un’importante attività sul ns. territorio Provinciale e Regionale ma, purtroppo, gli arredi sono ormai obsoleti (più di 30 anni) e poco confortevoli: si rende necessario quindi promuovere un fundraising , con lo scopo di acquistare: n°15 letti – n°10 lettini – n°3 culle neonatali, n°28 comodini – n°18 armadi – n°18 tavoli – n°26 sedie e n°8 poltrone letto per il genitore che assiste, con un costo di circa € 140.000,00.

L’ADRICESTA Onlus è l’Associazione di riferimento per il progetto “Arredi Pediatria” di Pescara, con il proposito di coinvolgere vari Benefattori come Aziende, Istituti bancari Associazioni, Privati etc., in svariate iniziative solidali, al fine di poter realizzare questo “Sogno” tanto atteso dai bambini, dai loro genitori e dal personale Sanitario, come realizzato nel 2015 per l’unico reparto di Chirurgia Pediatrica ed Oncologica dell’Abruzzo dello stesso Presidio Ospedaliero Pescarese.

Pubblicato in Sport

Pescara. L’assoluzione dell’ex Presidente della Regione Abruzzo Chiodi e degli Assessori Castiglione e Chiodi completa il quadro delle indagini giudiziarie sulle cosiddette “spese pazze” che hanno riguardato i consiglieri regionali della passata legislatura e che si sono concluse con la archiviazione o la assoluzione degli indagati.
Quelle vicende ebbero una eco enorme su tutta la stampa regionale e nazionale, e formarono l’opinione dei cittadini sulla Regione Abruzzo e in generale sui politici.
I qualunquisti ( non li ho mai chiamati populisti perché il popolo è una cosa seria e i populisti veri, quelli russi dell’Ottocento erano rivoluzionari che pagavano con la vita, come il fratello di Lenin, che fu impiccato, la loro lotta contro lo zarismo) sono stati i beneficiari elettorali e politici di quel clima di odio e disprezzo verso la politica e i partiti. Quei giornalisti che hanno soffiato sul fuoco dell’antipolitica con argomenti spesso falsi e pretestuosi dovrebbero riflettere sulla loro campagna contro partiti e istituzioni.
Libri e articoli, trasmissioni televisive, nuovi “politici” e jene di ogni risma , hanno picconato la democrazia rappresentativa e la politica. É il risultato oggi è una cultura popolare prevalente fondata sul nazionalismo, sulle promesse elettorali non realizzate ma che hanno rubato i voti, sulla demagogia e la lotta all’Europa ( e non invece a chi ha diretto le politiche europee della austerità, che niente però ha a che vedere con l’idea giusta e lungimirante della Unione Europea ).
Chiodi, Castiglione e Gatti escono dunque assolti, hanno pagato un prezzo politico grave e personalmente immagino la loro sofferenza durata tanti anni.
Lo stesso in questi anni é successo a tante altre persone delle Istituzioni.
Riflettiamo tutti.
Chi ha condannato a priori strumentalizzando politicamente questa inchiesta, chi ha sparato i mostri in prima pagina, almeno chieda scusa e dia lo spazio giusto alla notizia della assoluzione .
Ma così non sarà purtroppo. E molti continueranno nella loro vocazione giustizialista ( salvo quando ci capitano loro e si scagliano contro chi si è comportato male, ma dimenticando quello che in questi anni hanno fatto ogni qualvolta c’è stata una inchiesta penale che riguardava politici e persone delle Istituzioni).
Per gli omicidi, o gli stupri, o le violenze sui minori, vi è stata una attenzione della opinione pubblica molto più bassa, di quella violenta che ha riguardato l’ inchiesta su Chiodi che è stata sulle prime pagine per giorni e giorni. Idem per tante altre inchieste che riguardavano amministratori e politici abruzzesi e italiani poi regolarmente assolti.
Nella mia vita politica non sono mai stato coinvolto in una indagine giudiziaria e dunque non ho nessun retropensiero per fare questa riflessione.
Dico che in questi anni, con il clima che si è creato nella pubblica opinione, si è operato un “colpo di stato” indolore e popolare contro i partiti, la politica e le Istituzioni.
Le colpe che pure ci sono state di molti politici, giustamente condannati, non giustificano nel modo più assoluto questo assalto violento alla democrazia e ai partiti che non a caso sono ormai scomparsi come strumenti di partecipazione politica.
Unica consolazione è ancora una volta la fiducia nel sistema giudiziario che alla fine emette le sue sentenze e stabilisce la verità definitiva in nome del popolo italiano. Fortunatamente spetta ai Giudici e ai Tribunali stabilire la verità e scrivere le sentenze, e non a presunte volontà popolari incattivite dalla propaganda vergognosa che ha infangato da troppi anni la Politica e i Partiti , con la P maiuscola.

Pubblicato in Politica
Sabato, 17 Novembre 2018 00:00

Death Cell, Release digitale + Lyric video

I Death Cell rendono da oggi disponibile su tutti i principali digitalstores (compresi Spotify, Amazon Music e iTunes) il loro nuovo EP “Lancia in Resta”, in uscita tramite Native DivisionRecords.Il genere di riferimento del disco è un alternative rock fortemente contaminato da altri generi, qualigothic, post-punk, psichedelia, progressive ed elettronica.
L’uscita dell’EP è inoltre accompagnata dal lyric video de “L’altra Porta”, un lavoro interessante e ben prodotto da un punto di vista sia grafico sia sonoro cheaccompagna l’ascoltatore in un viaggio tra l’esoterismo e il fantascientifico, ricreando atmosfere suggestive, moderne e futuristiche mescolandole con alcuni elementi derivanti dalla mitologia antica.
Non perdetevi questo lavoro interamente Made in Italy.
Ecco il link per ascoltare “L’altra Porta”:
https://www.youtube.com/watch?v=BhRa0JmNA8o&feature=youtu.be 
Per maggioriinformazioni
www.volcanopromotion.com 
www.facebook.com/nativedivisionrecords 
https://www.facebook.com/DeathCellOfficial/ 

Pubblicato in Cultura e eventi

San Salvo. L’invito per tutti gli appassionati del presepe a segnare sul calendario il giorno 6 dicembre 2018, ultima data utile per consegnare i manufatti presepiali che verranno esposti, a partire dall’8 dicembre, nei locali del Museo archeologico presso La Porta della Terra.
Fervono quindi i preparativi per la sesta edizione della Mostra concorso “Arte presepiale” che ha lo scopo di promuovere il piccolo artigianato artistico delle miniature che rappresentano la Natività e organizzato dagli Amici del Presepe di San Salvo.
“Invito tutti i concittadini – afferma il sindaco Tiziana Magnacca – ad aderire al concorso-mostra che verrà allestito dall’8 dicembre al 6 gennaio 2019, giorno della premiazione. Un’occasione per riscoprire i valori della cristianità in uno dei suoi simboli più antichi che ci ha insegnato a tramandare San Francesco d’Assisi”.
Sono ammesse al concorso le miniature con superficie non superiore a un metro quadro e con qualsiasi forma, genere o materiale utilizzato.
“Il concorso – spiega l’assessore alla Cultura Maria Travaglini – prevede che ogni visitatore possa esprimere una preferenza che contribuirà a far premiare il presepe scelto dalla giuria popolare. Sono inoltre previsti tre premi segnalati dalla giuria tecnica. A tutti i partecipanti verrà consegnato un attestato.
Per informazioni e iscrizioni rivolgersi all’Assessorato alla Cultura o ai seguenti recapiti telefonici: 347.0811951 o 347.1918013.

Pubblicato in Cultura e eventi

Sulmona. “Il combinato disposto dell’azione deleteria della Regione Abruzzo e del Ministero della Salute, hanno portato alla scellerata scelta di chiudere il punto nascita dell’Ospedale di Sulmona. Certo è che, quelli che oggi rappresentano l’Abruzzo in Parlamento, e mi riferisco soprattutto ai grillini, restano tacitamente in silenzio e la loro azione sul Ministero, a guida grillina, è praticamente nulla”. Così Fabrizio Di Stefano, candidato presidente alla Regione con “Civiche per l’Abruzzo”.

Pubblicato in Politica

Chieti. Il Chieti Calcio Femminile torna in campo domenica prossima in trasferta contro la corazzata Napoli, grande favorita alla vittoria finale del Campionato. Le neroverdi non vivono un buon momento: dopo la prima roboante vittoria contro il Potenza sono arrivate tre sconfitte consecutive con Vapa Napoli, Pescara e Salento Women Soccer.

Le assenze importanti e un pizzico di buona sorte che non ha assistito la squadra in quest’ultimo periodo hanno sicuramente pesato sui risultati del Chieti che ora deve assolutamente cercare di rialzarsi al più presto per tornare a muovere la classifica. Il portiere Lisa Falcocchia è una delle giovanissime della squadra di mister Lello Di Camillo ed ha quest’anno la grande occasione di essere titolare a tempo pieno fra i pali e dimostrare dunque tutto il suo valore.

“Il morale della squadra ora non è molto buono: veniamo da tre sconfitte consecutive. Ci aspetta una partita difficilissima contro la squadra che tutti dicono sia la più forte del campionato – spiega Falcocchia - ma non per questo dobbiamo partire già battute: ci metteremo grinta e determinazione per portare a casa il miglior risultato possibile. Il match arriva comunque nel momento giusto perché ci offre la possibilità di riscattarci e dimostrare magari il nostro valore proprio contro una compagine che in molti dicono sia la favorita per la vittoria finale. Possiamo dimostrare che il Chieti c’è e non è quello visto nelle ultime uscite. Non conosco molto il Napoli, so però che l’attacco è veramente forte, ha segnato tantissimo, nell’ultima partita addirittura ha messo a segno nove reti contro il Vapa, bisognerà avere molta attenzione. Cerco sempre di allenarmi sempre al meglio durante la settimana, ma questa volta ho dato ancora di più perché ci aspetta una partita molto importante che sento maggiormente”.

Falcocchia ripensa alle tre sconfitte consecutive e fa un bilancio di questo inizio campionato del Chieti: “Con il Pescara abbiamo giocato veramente bene nonostante avessimo tante assenze importanti fra le quali Vukcevic e Giulia Di Camillo. Domenica scorsa contro il Salento abbiamo avuto delle difficoltà non tanto per l’avversario, ma per il nostro approccio mentale alla partita: abbiamo subito due gol nei primi minuti di gioco. Avevamo preparato bene il match, ma queste due reti ci hanno condizionato, poi a dieci minuti dalla fine è arrivata la traversa di Gangemi: se la palla fosse entrata forse avremmo potuto recuperare il risultato. Il nostro campionato non è iniziato benissimo, secondo me avremmo potuto finora fare di più e conquistare qualche altro punto oltre i tre che abbiamo attualmente, ma credo che ci riprenderemo e cominceremo a trovare una migliore intesa fra le piccole e grandi per finire al meglio la stagione e guardare poi con fiducia al futuro. C’è stata anche un po’ di sfortuna, avevamo iniziato bene alla prima, poi non so cosa sia successo, siamo entrate in campo male in alcune partite e solo con il Pescara siamo riuscite a fare vedere quanto possiamo realmente dare. Ad esempio con il Salento abbiamo avuto troppa disattenzione ad inizio gara e ci è costato il match, però forse senza subire le due reti all’inizio sarebbe stata tutta un’altra partita. Secondo me riusciremo a risalire la china per arrivare a salvarci in maniera tranquilla, magari posizionandoci almeno a metà classifica senza rischiare”.

Quest’anno mister Lello Di Camillo e la società hanno puntato su molte ragazzine insieme ad alcune giocatrici d’esperienza per un progetto che guarda al futuro: “Le tante giovanissime sentono la responsabilità di andare in campo, ma cercano anche di rimanere tranquille per dare il massimo. Aiutandoci fra noi e anche con l’appoggio delle più esperte possiamo secondo me fare bene. Le ragazze più grandi, grazie alla loro esperienza, riescono subito a trovare la concentrazione giusta per le partite importanti, noi giovanissime stiamo man mano acquisendo questa capacità grazie anche al loro aiuto. È molto bello e stimolante avere compagne più grandi vicino che durante gli allenamenti ci danno suggerimenti per fare meglio e su come reagire in determinate situazioni”.

Lisa Falcocchia parla infine del suo ruolo quest’anno nella squadra: “Per me è una stagione molto impegnativa, sono giovane e sento la responsabilità di essere il portiere di una squadra importante come il Chieti. Non mi fa però paura la cosa, ma mi serve da stimolo a dare sempre il massimo”.

Pubblicato in Sport

Bucchianico. Tre punti in classifica, una sola vittoria e quattro sconfitte consecutive: questo il bilancio delle prime cinque giornate di campionato per il Doogle. I numeri non giocano certo a favore della squadra di mister Zuccarini, ma in realtà celano una situazione che non è poi così negativa come si potrebbe pensare.

Il Doogle ha mostrato di poter tenere testa anche ad avversari più forti sulla carta, quali il Lanciano che è da quasi tutti ritenuto il maggiore favorito alla vittoria finale o il Ripa Teatina. L’aspetto più positivo è venuto dal gioco messo in mostra dalla squadra che è apparso ben architettato e a volte irresistibile in molti frangenti dei match disputati finora. Il negativo viene invece dall’atteggiamento degli ultimi minuti di gara nei quali spesso il Doogle ha sofferto e preso gol poi decisivi per l’esito finale.

Ne è consapevole mister Gabriele Zuccarini che parte nella sua analisi del momento della squadra proprio da questi due aspetti contrastanti fra loro: “Abbiamo soli tre punti in classifica, non siamo riusciti finora a capitalizzare quanto prodotto in campo, avremmo forse meritato di più. Ho a disposizione un gruppo ristretto di ragazzi, forse però con qualche elemento in più potremmo fare meglio. Abbiamo disputato delle buone partite che però non siamo riusciti a gestire fino al termine: giochiamo per 40-45 minuti bene, poi subiamo nel tempo rimanente il cinismo degli avversari che finalizzano al meglio le occasioni che si presentano loro e portano a casa punti. Noi giochiamo bene poi però non otteniamo il risultato proprio per questi minuti finali di calo”.

Rispetto alla rosa messa insieme in estate, sono venuti a mancare in corsa alcuni elementi o per infortunio o per altri motivi e questo ha creato scompiglio nel Doogle, ridotto ad avere pochi giocatori a disposizione nelle prime giornate nelle quali comunque sono state affrontate alcune fra le squadre più forti del campionato, come precisa mister Zuccarini:

“Abbiamo perso già dalle prime gare della stagione dei giocatori importanti o per infortunio o per altri problemi, alcune partite sono state giocate con una panchina cortissima. Adesso per fortuna qualcuno di loro ha superato le problematiche avute, ma su una squadra composta inizialmente da tredici giocatori di movimento già perderne due ci ha creato grane non da poco. È capitato di dover far fronte ad assenze anche durante gli allenamenti che spesso sono stati condotti in condizioni non ottimali. Auspico di riuscire ad integrare la rosa con almeno due o tre elementi validi che ci possano dare una tranquillità maggiore per la gestione della partita il sabato e sia soprattutto per fare dei buoni allenamenti con la giusta intensità. La condizione atletica dei miei ragazzi è buona, ma con questi alti ritmi di gioco ci può stare qualche calo di concentrazione durante le partite”.

Mister Zuccarini sulle quattro sconfitte consecutive ha le idee chiare: “La cosa mi preoccupa solo dal punto di vista della classifica perché ci siamo un po’ attardati, però faccio due considerazioni. La prima, che ho già espresso, è quella di un momento che ci ha visto perdere per strada diversi giocatori nelle prime giornate che ora stanno rientrando e dunque per me è normale aver vinto alla prima con tutti a disposizione e aver avuto delle difficoltà poi nelle successive uscite. La seconda è che abbiamo incontrato squadre che, almeno sulla carta, ambiscono ad essere protagoniste nella parte alta della classifica. Affronteremo ora degli avversari che hanno più o meno gli stessi nostri punti dunque saranno queste le partite decisive per capire cosa potremo fare in campionato. Sono fiducioso, però si deve subito ripartire trovando subito punti importanti che ci diano morale: il nostro obiettivo rimane comunque la salvezza, ma vogliamo ottenerla magari con il miglior piazzamento possibile. Spero che già dai prossimi match riusciremo a risalire la china per disputare il resto del girone d’andata e poi quello di ritorno con maggiore tranquillità. Infortuni ed assenze permettendo sono ancora convinto che potremo toglierci delle soddisfazioni ottenendo più di quanto avuto finora”.

Sabato a Bucchianico arriva il River Chieti 65, già battuto in Coppa, ma è chiaro che ora le cose saranno ben diverse da quel severo 7-0 inflitto ai prossimi avversari sul loro campo in quella che fu una gran bella prestazione per tutta la squadra. “Sarà tutta un’altra storia. Affronteremo una squadra in buono stato di salute - conclude mister Zuccarini - sarà una partita completamente diversa da quella per una serie di fattori. Penso che quella fu interpretata male da loro e molto bene da noi. Adesso noi usciamo da una situazione di assenze prolungate di alcuni giocatori per cui veniamo da un momento più sfavorevole rispetto ad allora. Anche dal punto di vista psicologico loro stanno meglio di noi: viaggiano in una posizione di classifica migliore della nostra e vengono da alcune vittorie, noi invece abbiamo necessità di fare punti dunque viviamo la pressione addosso visto che arriviamo da quattro sconfitte consecutive. Voglio però dare un messaggio alla squadra: affrontiamo la partita con serenità senza troppi affanni. Allo stesso modo non dobbiamo ricordarci il match precedente contro di loro: andremo ad affrontare tutta un’altra squadra, come ho detto: ogni partita inizia al fischio dell’arbitro e si deve giocare fino alla fine con la giusta carica e determinazione”.

 

Pubblicato in Sport

L'Aquila. Il Mise e il Ministero del Lavoro all’opera per salvaguardare i lavoratori della Ball Beverage packaging di San Martino sulla Marrucina, dove lavorano circa 70 dipendenti, a cui è stata comunicata nei giorni scorsi la chiusura dello stabilimento.
L’incontro, svoltosi ieri tra il Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, Regione Abruzzo, i rappresentanti dell'azienda e delle organizzazioni sindacali, ha messo in luce la volontà del Governo di portare avanti un atteggiamento collaborativo nonostante i dubbi sulla gestione da parte dell’azienda, che ha avviato una procedura di licenziamento che si concluderà in concomitanza con il giorno di Natale.
“La chiusura dello stabilimento significherebbe mettere in ginocchio 70 famiglie abruzzesi, a Natale per giunta” commenta Sara Marcozzi consigliere regionale e candidato presidente per la Regione Abruzzo del M5S “la nostra Regione non può più permettersi di perdere realtà produttive come questa. Rincuorano comunque le parole del Ministero che si è detto pronto a mettere in campo tutti gli strumenti disponibili, che in questi mesi, con il Ministro Di Maio, sono stati ulteriormente rafforzati con nuove tipologie di ammortizzatori sociali che hanno l'obiettivo di avviare politiche a sostegno dei lavoratori, ma anche strumenti per facilitare la reindustrializzazione delle aziende in crisi, come cassa integrazione per 12 mesi con l'obiettivo di mantenere attivo il sito produttivo.
A quanto sostiene il Ministero, comunque, non si comprendono i motivi che hanno spinto l'azienda, che tra l'altro non si trova in crisi nel mercato di produzione di lattine, ad annunciare la chiusura dello stabilimento Ball in Abruzzo. La multinazionale avrebbe annunciato nelle scorse settimane la decisione di chiudere lo stabilimento abruzzese trasferendo le attività in Serbia per un periodo di nove mesi sostenendo che successivamente le attività sarebbero state ritrasferite a Verona dove la Ball ha l'altra sede italiana, senza che ci fosse stato alcun sentore di tale decisione. Se questo aspetto venisse confermato” incalza Marcozzi “saremmo davanti all’ennesimo caso di sfruttamento del territorio da parte di multinazionali che senza alcun preavviso delocalizzano facendo il buono e cattivo tempo dell’occupazione in Abruzzo. Questo è inaccettabile. Quello del lavoro è un tema a cui teniamo particolarmente, già dall’opposizione siamo riusciti a far approvare la legge Lavoro Abruzzo che agevola l’insediamento e la permanenza delle aziende all’interno della nostra Regione e revoca i contributi pubblici per quelle imprese che decidono, invece, di trasferirsi all’estero. Ci aspettiamo che anche Regione Abruzzo, come ha già fatto il Ministero dello Sviluppo economico, metta in campo tutte le forze per evitare questa chiusura e che si faccia chiarezza sui reali motivi che portano l’azienda a decidere per una procedura di licenziamento”.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione