Articoli filtrati per data: Domenica, 12 Agosto 2018

Pescara. Decine di migliaia di persone hanno riempito il centro commerciale naturale per la terza Notte dello Shopping e per Arisa a Piazza della Rinascita. Un mare di gente in giro, piazza piena per il concerto.

“Un altro grandissimo successo di pubblico e presenze per il terzo evento dedicato al commercio, che ieri sera ha portato nel quadrilatero ampliato del centro commerciale naturale decine di migliaia di persone da fuori città e anche da fuori regione – così l’assessore a Turismo, Commercio e Grandi EventiGiacomo Cuzzi - Tutti richiamati dalla nuova forza del comparto turistico e commerciale di Pescara e dal nuovo grande evento della stagione, il concerto di Arisa che ha chiuso la festa fra i saldi e le atmosfere anni 50 del Festival Wanna Be Americano, a cura di Endas Abruzzo, che ha animato la notte. Ringrazio le associazioni di categoria del settore, che sono partner di tutti i nostri eventi, i commercianti e il comparto sicurezza, che si conferma come squadra vincente che ha fatto vivere alla città emozioni, eventi e l’ha fatta crescere. Grazie anche a Rete 8 che ha raccontato la notte in progress con la sua diretta e alla Endas Abruzzo che ci ha regalato davvero uno spettacolo anni 50 spargendo il Festival You Wanna be Americano su tutte le strade del centro commerciale naturale. Grazie anche a questa formula Pescara è oggi città in controtendenza per le statistiche di settore, siamo l’unica città che avanza sul turismo con dal 2015 al 2017 passando da 188.000 presenze alle oltre 259.000 di presenze, abbiamo investito sul commercio con fondi pari a 100.000 euro per il decollo del centro commerciale naturale e questo è il risultato, occorrerà investire ancora di più, facendo anche da vetrina a tutto il resto d’Abruzzo per stimolare la crescita dei territori con la nostra recuperata visibilità. L’estate si è aperta con una Notte dello Shopping a tema sportivo per Ironman, poi quella dedicata ai saldi, stasera ci sono gli anni 50 con il concerto di Arisa che ha nuovamente riempito piazza della Rinascita, riportando gente in tutta la città e in centro, in riviera e nei negozi. È stata anche l’ultima notte commerciale per l’estate, una progettualità importante avviata e collaudata in questi anni con la filiera è divenuta un vero e proprio modello di sviluppo su cui continuare a investire anche nei prossimi anni.

La festa non finisce, avremo otto manifestazioni fino al 23 agosto che animeranno al massimo la città con offerte anche dal punto di vista culturale e che si sommano alle 200 le iniziative messe in cantiere, la maggior parte delle quali andate molto bene, tantissime anche le presenze turistiche registrate in città e contiamo sul ponte di Ferragosto per raggiungere il clou. Dopo gli appuntamenti dedicati ai giovanissimi di questa domenica, passiamo al 14 agosto, con due iniziative importanti sulla riviera Sud con il concerto di Marco Armani e quello di Hanna, cantante pescarese, ambasciatrice della musica italiana in Europa. Sempre il 14 all’arena del Mare avremo un altro evento dance, Sweet Babes. Per Ferragosto gli appuntamenti sono due: l’Adriatic Dance Festival, dalle 20 all’ex Cofa e, in contemporanea, all’Arena del Mare, il concerto dello Stato Sociale. Si tratta dell’altro grande evento del mese di agosto: la band, seconda a Sanremo, reduce da concerti sold out in tutte le piazze d’Italia richiama un pubblico variegato, fatto di famiglie e giovanissimi. Con loro la riviera torna chiusa da via Foscolo a via Buozzi. Ma c’è animazione anche oltre ferragosto, il 18 con Miss Adriatico a Piazza Le Laudi e il 23 agosto il ritorno di Frankie e Cantina Band in via delle Caserme.

Un grazie va anche a Prefettura, Questura e gli altri componenti della Commissione Vigilanza con cui ci confrontiamo ad ogni evento perché il divertimento sia anche sicuro”.

“Il successo di questa edizione è dimostrato dalla riuscita delle manifestazioni di corso Vittorio Emanuele e via Nicola Fabrizi, le strade che in passato hanno sofferto di più e che invece questa volta hanno avuto una ottima presenza di clienti. La Ztl ha lavorato moltissimo, specialmente nel settore food ma non solo – aggiunge il presidente della Commissione Consiliare Commecio Piero Giampietro- Secondo quanto ci viene riferito dai commercianti, molti clienti provenivano da fuori città e in diversi casi dall'estero, segno che questo format si va consolidando e che dovrà essere perseguito anche nei prossimi anni. La collaborazione fra Comune, Associazioni di categoria e Camera di Commercio è la base del Centro commerciale naturale”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Politiche comunitarie, il Comune di Pescara di nuovo vincitore di bandi che assegnano risorse da impiegare sull’ambiente, la Città risulta assegnataria di fondi sul Programma Italia Croazia per 4 progetti sugli 8 presentati l'anno scorso per un totale complessivo di 984.597 euro.

“Pescara si conferma città fra le più attive sul fronte dei finanziamenti europei – così il sindaco Marco Alessandrini– Sin dal nostro insediamento abbiamo puntato sull’Europa sia per recuperare un percorso che fino ad allora era stato accidentato per la città, riconsegnandole anche un posto al sole europeo, fatto di partecipazione e progettualità, sia per collettare risorse preziosissime per un Comune che sta affrontando con determinazione e coraggio un percorso di riequilibrio dei suoi conti. Questa la linea è stata recepita in pieno dal settore di competenza, che ringrazio per il prezioso lavoro, come ringrazio per la sua guida la dirigente dedicata Barbara Becchi, che ci ha aiutato a costruire obiettivi e rete. I progetti sono quattro, AdSWIM, su tematiche di tutela delle acque del mare che ci assegna 131.902,50 euro; JOINT SECAP che per un importo di 276.487,50 ci permette di affrontare il tema generale dell’adattamento ai cambiamenti climatici; poi E-CITIJENS, 280.000 di fondi da impiegare nella protezione civile e SUTRA che ci consente di investire 267.000 euro sulla mobilità sostenibile e turismo, un binomio su cui stiamo impostando la rinascita della città. Le progettualità, evase le formalità, diventeranno subito operative, coniugandosi alle azioni esistenti e in corso sugli specifici settori di provenienza dei fondi. In questi giorni abbiamo avuto notizia anche dell’ammissione al finanziamento del progetto ENVSTORIES su programma ERASMUS + checi vede unico Comune italiano partecipante e che riunirà "giovani changemakers" di cinque paesi per scambiare idee per soluzioni ai problemi ambientali locali, nazionali e internazionali con un importo dedicato di 29.207 sui 276.347 euro di fondi assegnati”.

“Mai il Comune di Pescara era riuscito ad ottenere tante risorse dall’Europa come in questi quattro anni e in particolare nell’ultimo anno – così l’assessore alle Politiche Comunitarie Gianni Teodoro- Fondi preziosi che ci consentono di affrontare le più sensibili criticità che Pescara ha da sempre e su cui nessuno prima di questa Amministrazione si era applicato con tanto impegno e costanza. I quattro progetti a cui si aggiunge l’Emvstories sono per lo più dedicati ad ambiente, sostenibilità e protezione civile. Il progetto AdSWiM è dedicato al mare Adriatico, ci dà gli strumenti per effettuare una ricognizione sullo stato di salute delle nostre acque, utilizzando anche l’esperienza dei soggetti partner e che legheremo a tutta l'attività che il Comune sta facendo per renderle sempre più balneabili. Il progetto SUTRA promuove la multimodalità fra le coste adriatiche e l’entroterra, al fine di ridurre il traffico automobilistico (e quindi le emissioni di carbonio) e quindi migliorare la sostenibilità ambientale delle zone marittime e costiere. Per realizzare questo cambiamento svilupperemo nuovi servizi di trasporto per i passeggeri nell'area del Programma, sia attraverso il mare Adriatico che verso l'entroterra. Questa azione si lega perfettamente alla Strategia per lo sviluppo Urbano Sostenibile finanziata con l'Asse VII del POR FESR, al gemellaggio con la Città di Spalato (che è anche partner di SUTRA) con cui abbiamo sottoscritto il memorandum di intesa lo scorso 24 ottobre anche sugli scambi nel settore trasportistico e con il bando per i trasporti navali tra la Croazia e l'Abruzzo pubblicizzato dal Presidente della Regione Abruzzo. Con il Joint Secap perseguiremo l’obiettivo di potenziare competenze e capacità di intervento delle Amministrazioni locali in materia di adattamento ai cambiamenti climatici, integrando la pianificazione climatica con quella energetica e adottando un approccio sovra-locale. Una sintesi perfetta con il Patto dei Sindaci all'interno del quale Pescara ha sviluppato il PAES o SEAP ovvero il Piano di Azione per l'energia sostenibile e lo indirizza verso l'elaborazione congiunta con altri Comuni limitrofi, al PAESC o SECAP ovvero al nuovo Piano d'Azione per l'Energia sostenibile e il clima. Il progetto E-Citijens nasce per affrontare le vulnerabilità delle Regioni Adriatiche italiane e croate in termini di rischi naturali quali terremoti, incendi boschivi, frane, inondazioni e condizioni meteorologiche estreme, che richiedono una maggiore cooperazione tra i due paesi per la previsione, prevenzione e intervento nella gestione del rischio disastro. Questo progetto permette al Comune di Pescara di sperimentare un sistema di allerta/emergenza utile per le esondazioni, per altre calamità naturali come anche per l'inquinamento del mare, a tutela della comunità. Infine ENVSTORIES per Erasmus + promuove attività istruttive per una migliore comunicazione degli esseri umani con il loro ambiente. Fondendo didattica ed esperienza, ENVSTORIES riunirà "giovani changemakers" di cinque paesi per scambiare idee per soluzioni ai problemi ambientali locali, nazionali e internazionali, attraverso anche ad un innovativo utilizzo della tecnologia sia nella formazione che nello scambio e la didattica”.

Pubblicato in Politica

Chieti. Con una cinquina al San Salvo(Promozione), il Chieti F.C. chiude in bellezza la prima fase della preparazione, in vista dell’esordio nell’andata del primo turno di Coppa Italia in programma domenica prossima al “F.lli Ciavatta” di Miglianico.

Nonostante il gran caldo, teatini arrembanti gia’ dai primi minuti con Francis Delgado, autentico mattatore della prima frazione di gioco grazie alla bella tripletta realizzata e un palo colpito.

Il giocatore spagnolo incanta la scena con le sue giocate, risulta sempre piu’ decisivo nel 4-3-3 di Marino e raccoglie consensi tra i tifosi presenti in gran numero.

A centrocampo conferme importanti per Farindolini,Pacella e Marfisi che segna la quinta marcatura.

Nel mezzo rete di Micciche‘, sempre nel vivo dell’azione, insieme a Rodia che ha sfornato l’assist vincente al primo gol di Francis. Bene anche la spinta costante del fuoriquota Ronzino.

Il San Salvo di Castellano non ha mai creato pericoli alla porta difesa da Salvatore,eccezion fatta nell’occasione del gol su punizione di Bolzan.

Nel finale di tempo paura per Terminiello ricaduto male sul sintetico a seguito di uno scontro di gioco. Per il difensore campano nulla di preoccupante,al suo posto dentro Di Ciccio.

Nel secondo tempo, spazio per l’argentino Baca in prova, e per tutti gli altri componenti della rosa che hanno ben figurato e creato le premesse per la sesta marcatura. Petre per gli ospiti, firma il 5 a 2 finale. Aspettando Leccese sulla via del completo recupero ma non disponibile domenica prossima perche’ squalificato e Di Lallo tenuto a riposo; i neroverdi nelle amichevoli giocate hanno confermato quanto di buono fatto nel mercato estivo dalla societa’ del Presidente Di Giovanni.

Oggi giornata di riposo. La squadra riprendera’ ad allenarsi lunedì con una doppia seduta.


IL TABELLINO:

CHIETI F.C. – SAN SALVO 5-2 (5-1)

Reti:22’pt,23’pt,36’pt Delgado,45’pt Micciche’,49’pt Bolzan(San Salvo),60’pt Marfisi,9’st Petre(San Salvo)

CHIETI F.C. 1°TEMPO: Salvatore,Malandra,Ronzino,Ricci,Terminiello(41’Di Ciccio),Pacella,Micciche’,Marfisi,Rodia,Farindolini,Delgado

CHIETI F.C. 2°TEMPO: Alonzi,Marwan,Calvarese,Centofanti,Di Ciccio,Di Nisio,Tato,Baca,Sonko,Di Marco,Cellucci

Allenatore: Umberto Marino

SAN SALVO: Cialdini,Pollutri,Izzi,Triglione,Pifano,Morlino,Petre,Gallie,Molino,Bolzan,Stata

Allenatore: Castellano

Pubblicato in Sport

Celenza sul Trigno. Celenza celebra la XXXVII edizione del Certame Regionale di Poesia dialettale titolato a Elio De Aloysio che ne fu, nel 1971, felice ideatore.

Dal 2003 si fanno carico in tandem della manifestazione l’amministrazione comunale, oggi guidata dal sindaco Walter Di Laudo, e l’Associazione Pro Loco “Coelentia”, presieduta da Nicola Serafini. La cornice di Piazza del Popolo, che, per l’occasione, sembra un salotto raffinato, contribuisce a rendere magica la serata in cui la poesia e la canzone dialettale, dalla voce del gruppo “I cantori della Torretta” di Vasto, fanno da regine che incantano e catturano gli ascoltatori.

È sempre particolarmente attesa questa serata, oltre che per il prestigio conquistato negli anni per serietà e tradizione, perché ci si sente presi dalla forza eloquente del dialetto, della parlata paesana, della “parlature de la ggente antiche che fa capì’ lu bbelle d’ogne core”, che ci fa entrare in comunione con i sentimenti, emozioni e sensazioni di chi con la padronanza tecnica ed espressiva ci fa rendere consapevoli della nostra identità, ci fa beare per una sera di espressioni forti, ci fa sentire liberi. La forza del dialetto sta soprattutto qui, nella sua freschezza ed efficacia espressiva che rallegra con le commedie ed emoziona con le poesie meglio, in alcuni casi, dell’italiano standardizzato.

Identità certo, ma identità culturale che nulla ha a che vedere con quella politica, che esalta la tradizione culturale facendo volare la fantasia poetica e che apprezza le voci dialettali di altre regioni.

Vecchie “glorie” e nuovi concorrenti, oltre ai giovanissimi che si cimentano con la parlata dialettale, propongono i temi vari, attuali e nostalgici, saggezza acquisita da lunga esperienza, rimpianti, dolore, momenti introspettivi che danno significato e voce alle cose; il mare come metafora della vita contemplato e amato in tutti i suoi momenti, la voglia di cantare fino all’ultimo momento della vita, la ricerca del senso della vita, il tumulto dei ricordi di famigliari e amici che gonfia il cuore di commozione, giovani geni che fuggono all’estero e bamboccioni, ma tutti figli, l’ironia bonaria con cui con cui si prende in giro se stessi, lo sguardo benevolo sui vizi umani.

Sindaco Di Laudo e presidente della Pro Loco Serafini all’unisono rimarcano l’importanza dell’evento e ne trasmettono il messaggio poi articolato attraverso la declamazione dei componimenti da parte dei poeti.

La Giuria composta dal presidente prof. Massimo Pasqualone, dai membri prof. Rodrigo Cieri, dott.ssa Sara Caramanico, dott. Walter Di Laudo, dott. Nicola Serafini, ha compilato la seguente graduatoria delle prime cinque poesie classificate:

I classificata: L’UTIMA CAREZZE di Gabriele Di Giorgio

II classificata: L’UTEME TENORE di Giselda Desiderio

III classificata: LA NEBBIE DE LU MISTERE di Aurelio Rossi

IV classificata: FIRE LU VÉNTE di Osvaldo Santoro

V classificata: STI CARE FIJE di Francesco Ciccarelli

 

Segnalazioni della giuria: Silvio Gabriele Di Cecco, Antonio D’Alfonso, Bernardino Dell’aguzzo, Anna Lucia Serafini.

Premio Speciale della Giuria: Donato Di Luca.

Pubblicato in Cultura e eventi

Verona. Il Pescara viene sconfitto di misura a Verona dal Chievo, 1-0, nel secondo turno di Coppa Italia ed esce dalla competizione.
Decide un gol di Rigoni all'11' della seconda frazione di gioco dopo che il primo tempo si era chiuso a reti bianche senza grosse emozioni. Pillon si è presentato al Bentegodi da ex, aveva infatti allenato i clivensi nella stagione 2005/2006. Nel prossimo turno il Chievo affronterà la vincente di Cagliari - Palermo.


Tabellino
Chievo: Seculin, Cacciatore, Tomovic, Rossettini, Jaroszynski; Rigoni, Radovanovic, Hemetaj; Birsa, Giaccherini; Stepinski. A disp.: Semper, Sorrentino, Tanasijevic, Garritano, Pucciarelli, Leris, Liyine, Bani, Djordjevic, Pellisier, Valjent, Meggiorini. All. D’Anna.
Pescara: Fiorillo, Balzano, Gravillon, Elizalde, Perrotta; Palazzi, Brugman, Memushaj; Mancuso, Cocco, Antonucci. A disp.: Kastrati, Galante, Scognamiglio, Monachello, Machin, Bunino, Fornasier, Ventola, Proietti, Cracco, Melegoni, Kanouté. All. Pillon.
Arbitro Signor Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo, assistenti Andrea Tardino e Filippo Bercigli, IV Ufficiale Eugenio Abbattista
Marcatori: 11' st Rigoni

Pubblicato in Sport

Pescara. Il sindaco Marco Alessandrini con l’assessore Gianni Teodoro e il consigliere Piernicola Teodoro hanno ricevuto e onorato ieri Gianfranco Gagliardi con un pubblico ringraziamento dell’Amministrazione e della città per l’atto coraggioso che in luglio lo ha visto interprete. Gagliardi, ex consigliere di quartiere a Porta Nuova, ha bloccato un ladro che in un negozio di telefonia aveva sottratto 200 euro a una signora che aveva acquistato un telefonino. Il suo intervento ha reso possibile la cattura del ladro e la restituzione del danaro.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Inizierà nei Consigli Comunali il cammino della Nuova Pescara, il nuovo Comune che dal 1 gennaio del 2020 ingloberà Pescara, Montesilvano e Spoltore. Il 31 agosto si terrà la prima riunione dell’assemblea costitutiva. Stamane la conferenza stampa del sindaco Marco Alessandrini sul percorso amministrativo e burocratico da compiere, a cui hanno preso parte anche il senatore Luciano D’Alfonso, il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, il presidente del comitato Nuova Pescara Marco Camplone, il presidente del Consiglio Comunale di Pescara Francesco Pagnanelli, il vicesindaco Antonio Blasioli, i consiglieri Marco Presutti, Giuseppe Bruno, Riccardo Padovano, Maria Ida D’Antonio, Tiziana Di Giampietro, il segretario particolare del presidente della regione Enzo Del Vecchio, nonché i promotori del testo legislativo approvato nell’assise regionale.

“Il senso della Nuova Pescara non è tagliare i costi dei Comuni o della “casta” – così il sindaco Marco Alessandrini - ma è arrivare ad erogare servizi pubblici di area vasta, più efficienti, capaci di dare risposte alla cittadinanza. Io mi sento convocato rispetto a questa sfida, perché qualcosa nel frattempo noi abbiamo fatto, ci siamo mossi. Ad esempio votando la fusione fra le società dei rifiuti, un atto che va in questo senso. Nuova Pescara non nascerà per sommare abitanti, ma per erogare servizi di qualità. La prima assemblea costitutiva per la fusione ci sarà il 31 agosto, nel pomeriggio. Dobbiamo lavorare sodo ed entrare nell’ottica che il sistema pubblico ha da guadagnarci con l’unione dei servizi. Ringrazio il legislatore regionale e il Consiglio nel suo complesso che con una generale condivisione ha dato inizio alla Nuova Pescara, attuando ciò che i cittadini chiedevano. Questo passo ci riguarda tutti, perché noi adesso siamo l’assemblea costituente della Nuova Pescara e fra le nostre mani passa una calendarizzazione dei passi per procedere allo Statuto, alle misure volte all’allineamento dei servizi. Si parte dalla toponomastica per arrivare ai bilanci e ai servizi di area vasta, un cammini che iniziamo con un orizzonte ben preciso davanti”.

“Grazie a tutti coloro che hanno lavorato per questo risultato – aggiunge il senatore Luciano D’Alfonso- Non aspettatevi un giubileo finanziario, perché non ci sarà: la Nuova Pescara sarà invece un giubileo strategico di opportunità istituzionali e dobbiamo partire essendo all’altezza di questa sfida. Il 31 di agosto deve essere una data fruttuosa. Deve essere assunta una postura della classe dirigente rispetto a questo fatto rivoluzionario. Non nasce un nuovo trono più alto o una scrivania più alta, ma una istituzione voluta dai cittadini per dare una nuova forma al territorio. I partiti che vogliono restare tali devono pensarsi metropolitani ed avere un dimensionamento politico su misura di questo fatto nuovo, altrimenti si riproduce solo una “cantonalità” dal punto di vista del nuovo comune, che è sterile. Va davvero determinata una rottura con gli schemi e le appartenenze precedenti. Va organizzato anche un atteggiamento culturale di monitoraggio, per vedere se ciò che sta accadendo corrisponde a ciò che si voleva che accadesse. Ci sarà una crisi, una evoluzione di passaggio, non mancheranno delle difficoltà, allora prepariamoci ad affrontare questi aspetti, esaltando i punti di forza, aprendo nuove opportunità per il PIL, aprendo la città anche di notte per renderla produttiva e disponibile a nuove possibilità, costruendo un pensiero politico su misura, a cui dobbiamo contribuire tutti. Noi dobbiamo studiare per realizzare la città della facilità, per chi vuole concretizzare progetti di vita”.

“E’ stato un processo difficile, perché è stato necessario convincere l’insieme dei consiglieri regionali di territori differenti che il referendum era un risultato che meritava rispetto e attenzione del Consiglio Regionale – così Maurizio Di Nicola, uno degli estensori del testo - e poi bisognava rispondere alle istanze dei Comuni coinvolti che richiedevano una somma di attenzioni per le rivendicazioni dei Consigli che legittimamente hanno detto di voler contare nella nascita del nuovo Comune. Abbiamo approvato un testo anche con la collaborazione delle forze di opposizione, che tiene in conto le istanze di tutti e che riaffida all’assemblea costitutiva il cuore delle decisioni. La sfida più bella è quella di costruire lo statuto dell’Ente comune e questo è un caso particolare di cui attraverso il sapiente uso dello strumento si può rilanciare il miglioramento dei servizi e della rappresentanza territoriale. La classe dirigente ha una bella sfida anche sotto questo profilo: buon lavoro a tutti e grazie al presidente della regione che ha saputo insistere superando la territorialità delle resistenze e fare sintesi di tutte le forze”.

“Era importante che ci fosse un confronto fra le tre realtà comunali e che si coinvolgessero tutti i livelli istituzionali – così il presidente della Provincia Antonio Di Marco- La Regione ha fatto un lavoro complesso e non scontato che ora si nutre di un ulteriore passaggio, perché i cittadini che si sono convocati devono capire cosa comporta entrare in un confronto di area più vasta e farlo presto e insieme anche alle istituzioni”.

“Si apre un momento molto delicato per tutti i Consigli Comunali impegnati – aggiunge il consigliere Marco Presutti, capogruppo PD - Credo nella democrazia rappresentativa, meno in quella diretta, ma i rappresentanti del popolo non possono non agire secondo nette indicazioni arrivate dal popolo. Questo dobbiamo fare, dobbiamo farlo ben sapendo che l’allargamento e il superamento di quello che è stato finora non è che la vera tradizione di questo territorio, che ha sempre incarnato un’apertura all’altro e alla creazione di qualcosa di nuovo, in questo si può concepire la sfida di una città policentrica. Oggi abbiamo una grande opportunità di pensare a un momento in cui essa si costituisce, una città baricentrica come grande piattaforma di servizi per tutta la regione e nello scenario adriatico”.

“Forse negli anni a venire avremo la vera consapevolezza di quanto sia grande quello che abbiamo cominciato a fare e che faremo – dice Marco Camplone, presidente del Comitato Nuova Pescara - Siamo stati molto attenti a non usare la parola “grande”, perché abbiamo avuto subito la sensazione che una parte dell’Abruzzo potesse avere paura di questo aggettivo, che Pescara diventasse l’unica grande calamita a scapito delle altre città, e abbiamo voluto parlare di Nuova Pescara. In realtà Nuova e Grande cammineranno fianco a fianco, ma pensiamo che costituendo una nuova e grande città non avremo una calamita, ma una forza che potrà trascinare l’intero Abruzzo. Potremmo ora cominciare a parlare anche di progetto oltre ai servizi, all’economia e alla qualità della vita. Dobbiamo esaltare le nostre vocazioni, guardare agli errori e metterci intorno a un tavolo sempre più allargato e ospitale”.

“I Consigli Comunali rispettivi saranno i veri costituenti della Nuova Pescara – conclude il presidente dell’Assise civica Francesco Pagnanelli- Si dovrà creare un collegamento con i prossimi Consigli e tutti i provvedimenti che prenderemo, sia singolarmente che nel progetto di fusione, dovranno essere rivolti a questa più ampia visione che avrà come data il 1 gennaio del 2022. Il nostro duplice impegno dovrà essere quello di fare un tabellino di marcia tenendo costantemente il contatto con la Regione per vedere a che punto è la fusione e a livello politico quello di tenere informata la città illustrando quello che andremo a fare e rendendoli protagonisti del cambiamento. In questo i Consigli avranno anche una possibilità di partecipare, perché l’assemblea costitutiva sarà formata da tutti i membri consiliari dei tre Comuni e avrà diversi mesi per impostare un lavoro fondamentale perché si possa continuare verso il traguardo, ottimizzare i tempi e la qualità del lavoro”.

Pubblicato in Politica

Francavilla al Mare. A Francavilla al Mare torna la seconda edizione del Macondo Festival dedicato agli artisti di strada. Dopo il successo dello scorso anno le strade e i vicoli del Quartiere Alto di San Franco torneranno ad animarsi di suoni e colori per una due giorni all'insegna dello stupore e dell'allegria.

La manifestazione, ideata da Peppe Millanta e Cristina Rapino con la Direzione Artistica di Peppe Millanta e Gigi Russo, intende valorizzare la parte storica e più antica della città di Francavilla al Mare, ed è organizzata dal Comune di Francavilla al Mare, dalla Scuola Macondo – l'Officina delle Storie di Pescara e dalla Gigi Russo Street & Stage.

Il programma vedrà avvicendarsi nelle varie piazze e negli spazi non convenzionali del quartiere storico artisti di fama nazionale e internazionale. Ci sarà l'acrobata cileno Mystral con le sue evoluzioni sul palo, l'artista Mister Dyvinetz, uno dei pochi al mondo capaci di utilizzare la ruota Cyr, gli spettacoli aerei del Cirque Brutal, gli interventi musicali itineranti di Zoert One Man Band, e le performance del gruppo abruzzese “Tangoli”. Nella piazza principale, ci sarà il meraviglioso spettacolo-evento del Piccolo Nuovo Teatro dal titolo “Zoè”, con fuoco, costumi di scena, trampoli, luci ed effetti pirotecnici, il tutto all'insegna della spettacolarità.

Spazio anche ai più piccoli con gli spettacoli del ventriloquo Nicola Pesaresi e con le attività di animazione previste dalla Ass. ne Carnevale d'Abruzzo e Ass.ne Piccolo Verde.

E poi ovviamente musica. Il 14 sarà la volta di Peppe Moffa, cantautore molisano finalista alle Targhe Tenco, del duo Osvaldo Bianchi – Luca Mongia con il loro energico tributo a Rino Gaetano, della Piccola Underground Orchestra e del loro viaggio musicale, e del cantautore Domenico Imperato che presenterà il suo ultimo lavoro. Il 15 agosto spazio invece alla performance “Solo Sè” del sassofonista Piero Delle Monache, alle sonorità zigane dei Taraf de Gadjo, agli Organico Ridotto di Antonio Lucifero freschi finalisti di Musicultura. In chiusura, dopo la Festa dei Palloni, il concerto di saluto della “Peppe Millanta & Balkan Bistrò”.

Via Spaccapietra ospiterà la mostra del pittore Emilio Patrizio dal titolo “Quel che resta del sogno”, e i fotografi Annalisa De Luca ed Eu Andros esporranno i loro ultimi lavoro “Autoritratti: finzione o verità inconscia?” e “Nea Genesis”.

Durante le serate del festival, il Comitato Quartiere Alto organizzerà delle passeggiate alla scoperta della storia e delle storie che animano il Quartiere, accompagnati dalla chitarra del cantautore Graziano Zuccarino.

Orario di inizio alle 21 con le performance degli artisti. La ricca area dedicata allo street food aprirà invece alle 19, insieme a quella dedicata al Mercatino Macondo. Possibilità di parcheggi a Porta Ripa e al Convento Michetti. Ingresso gratuito.

Pubblicato in Cultura e eventi

Fossacesia. “Quanto avvenuto sulla tangenziale di Bologna, nei giorni scorsi, ripropone la sicurezza sulle nostre autostrade. Per anni, come Presidente della Provincia di Chieti, di Segretario Regionale dell’Udc e come Sindaco di Fossacesia, ho sollecitato il Ministero delle Infrastrutture e la Società Autostrade, il presidente della Regione ed i parlamentari perché sul tratto abruzzese della A14 fosse realizzata la terza corsia. Quasi nessun rappresentate ha mai risposto alle mie istanze, se non la società autostrade dicendo che il volume di traffico non giustificherebbe il finanziamento della terza corsia”. Lo ricorda e lo evidenzia Enrico Di Giuseppantonio che, dopo la sciagura avvenuta nei giorni scorsi a Borgo Panigale, alle porte di Bologna, riporta in primo piano l’urgenza di rendere sicura l’autostrada A14. “Prim’ancora delle terza corsia, credo siano necessario realizzare delle corsie di emergenza, che purtroppo mancano su molti viadotti, alcuni anche di considerevole lunghezza, che caratterizzano la A14 - sottolinea il Segretario Regionale dell’UDCDi Giuseppantonio -. Un’assenza che rappresenta un serissimo pericolo per chi la percorre, che si affida alla buona sorte pur di non venirsi a trovare in panne. Ancora una volta faccio appello al Ministero delle Infrastrutture, alla Società Autostrade ed a tutti gli eletti in Abruzzo, perché si assicurino interventi che salvaguardino l’incolumità di quanti viaggiano sull’A14, autostrada fondamentale nei collegamenti tra Nord e Sud della nostra Penisola”.

Pubblicato in Politica

San Salvo. “Non stiamo inaugurando un parco nuovo, qui già esisteva, ma l’abbiamo riqualificato e ristrutturato dandogli un nome ‘Parco del Mare’ per renderlo più identificabile rispetto ai tanti altri parchi che San Salvo ha la fortuna di avere”. Lo ha affermato il sindaco Tiziana Magnacca nel suo saluto dopo il taglio del nastro del rinnovato parco sul lungomare Colombo, nell’area verde prospiciente l’area mare n. 19, con attrezzature fornite dalla ditta Ludovico che si è aggiudicata la gara.
Parco ristrutturato tenendo conto dei criteri di sicurezza con nuovi giochi ergonomici, una nuova e colorata pavimentazione con un tappetino antitrauma, ma soprattutto un’altalena per i diversamente abili.
“Il mio augurio più grande – ha proseguito il sindaco – è che tutti abbiano rispetto di questo spazio ludico evitandone il danneggiamento. San Salvo Marina è nei nostri cuori e nella nostra mente”.
Il Parco del Mare ha offerto l’occasione al sindaco Magnacca per ricordare i tanti interventi per rendere più accogliente San Salvo Marina sia per i residenti e sia per i turisti: marciapiedi in via Andrea Doria, riqualificazione di via Vespucci (Isola pedonale, marciapiedi, illuminazione), prossimo progetto via Magellano e si è al lavoro per l’intera riqualificazione del lungomare Colombo.
“E’ quanto mai necessario investire su San Salvo Marina perché contribuisce al nostro benessere e all’economia di tante famiglie realizzando appieno l’interesse pubblico e della nostra comunità” ha infine concluso il sindaco.
Nel suo ringraziamento l’assessore all’Ambiente Giancarlo Lippis ha spiegato che la Giunta comunale ha predisposto interventi per 36mila euro per la sistemazione dei parchi di San Salvo con un invito “a tutti i cittadini a prendere a cuore questo parco perché è di tutti preservandolo e salvuaguardandolo”.
Don Mario Pagan, parroco della chiesa della Resurrezione Nostro Signore Gesù, ha benedetto il ‘Parco del Mare’, lo spazio rinnovato dedicato ai bambini a San Salvo Marina.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 4

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione