Lanciano. "Villa Stanazzo è Lanciano", questo lo striscione affisso in nottata da CasaPound Italia per richiamare l’attenzione sulla condizione di abbandono in cui versa la contrada lancianese.

"A circa due settimane dalla nostra denuncia sulle condizioni di abbandono in cui versa la contrada di Villa Stanazzo, non sono pervenute risposte dal Sindaco e dall'amministrazione comunale.” - così in una nota Marco Pasquini, responsabile cittadino del movimento - " Come più volte fatto notare dai cittadini, la contrada risulta essere in uno stato di abbandono, sia per quanto concerne il manto stradale dissestato e la pubblica illuminazione inesistente, sia per la completa assenza degli organi di sicurezza sul territorio”.

"Sono stati fatti fin troppi proclami elettorali nell'ultimo periodo - prosegue Pasquini - dalla 'rivoluzione luminosa' per l'illuminazione cittadina ai lavori in Corso Trento e Trieste, dai fondi annunciati per i lavori nelle contrade alla realizzazione di opere ecologiche per rendere Lanciano una ‘Green City’ ".

"In tutto questo però - conclude Pasquini - la contrada di Villa Stanazzo non viene assolutamente menzionata nè tanto meno interessata da un vero risanamento. Per questo abbiamo voluto ricordare alla nostra disattenta amministrazione comunale che anche Villa Stanazzo è Lanciano."

Lanciano. “Prosegue a Lanciano l’accoglienza dei sedicenti profughi a spese del contribuente italiano “ afferma in una nota Marco Pasquini, responsabile lancianese del movimento.
"Con la promulgazione del Bando, frutto della decisione da parte del Comune di aderire al progetto Sprar – continua Pasquini - assisteremo all’apertura in città di un nuovo centro d’accoglienza per 90 immigrati, finaziato con soldi pubblici, di cui una parte proveniente direttamente dalle casse comunali. Un affare milionario, di cui beneficeranno le solite cooperative ed i privati che metteranno a disposizione gli immobili per l’accoglienza, ma i cui costi sul piano sociale e della sicurezza andranno in conto ai cittadini. Quanto all’utilità di devolvere somme enormi, sottratte alla spesa sociale per gli italiani, all’attivazione di progetti per ‘l’accoglienza integrata’ per immigrati che quasi sicuramente dovranno lasciare il territorio nazionale in quanto non beneficiari del diritto d’asilo, lasciamo che a valutare siano gli stessi cittadini lancianesi. Il tutto senza che vi sia nessuna garanzia sull’effettiva chiusura del centro di accoglienza di Villa Elce, poiché in numerose città italiane centri Cat e Sprar continuano tranquillamente ad essere aperti nonostante le promesse fatte degli amministratori locali ai cittadini per far loro ‘digerire’ gli Sprar”.

Lanciano. Domenica 14 gennaio, in occasione delle celebrazioni per il bicentenario della morte di Fedele Fenaroli, Poste Italiane attiverà un servizio postale a carattere temporaneo.

Presso il servizio, allestito nel Parco delle Arti musicali dalle 16.30 alle 19.30 e richiesto dall’Unione Culturale Filatelica e Numismatica Anxanum, saranno disponibili due annulli filatelici, uno dedicato al bicentenario della scomparsa di Fenaroli e l’altro all’inaugurazione della scuola di formazione musicale intitolata proprio al compositore lancianese.

Con i due annulli saranno timbrate le corrispondenze presentate allo sportello, dove potrà essere visionata una vasta collezione di prodotti filatelici.

Lanciano. A seguito delle lamentele dei residenti, CasaPound Italia interviene sulle condizioni di totale abbandono in cui versa la contrada di Villa Stanazzo.

"Illuminazione scarsa o inesistente, manto stradale danneggiato e privo di segnaletica e dossi artificiali per contrastare un traffico degno di un autodromo” queste le parole di Marco Pasquini, responsabile cittadino del movimento - " Perché la situazione cambiasse non è bastata neanche una petizione per l'implemento della pubblica illuminazione, firmata e sottoscritta dai residenti, alla quale l'amministrazione comunale non ha neanche prestato attenzione”.

"Ricordiamo, tra l'altro, la presenza del carcere di massima sicurezza che nei giorni dedicati alle visite contribuisce all'aumento del numero di veicoli che circolano nella zona. Il rischio di incidenti è altissimo data l'alta velocità, neanche minimamente contrastata da dossi artificiali o sistemi di rilevamento. A completare lo scenario sempre gli stessi cittadini hanno più volte segnalato come non ci sia neanche una minima presenza delle forze dell'ordine".

"Dopo tutte le promesse fatte e dopo quasi 7 anni dell' amministrazione Pupillo, - conclude Pasquini - la situazione nelle contrade è rimasta invariata e anzi peggiorata, e Villa Stanazzo ne è la prova tangibile. È ormai chiaro che il nostro sindaco è maggiormente interessato a grandi opere pubbliche inutili, dimenticandosi dei propri cittadini e della manutenzione dell'intera città. Per questi motivi chiediamo una soluzione concreta mediante un progetto di ristrutturazione, per questa contrada e per tutte le altre del territorio."

Chieti. Doppio appuntamento per un cult del teatro comico, L’anatra all’arancia con Luca Barbareschi che ne firma anche la regia e Chiara Noschese in scena venerdì 5 gennaio alle 18 al Teatro Fedele Fenaroli di Lanciano e al Teatro Marrucino di Chieti sabato 6 alle 21 e domenica 7 alle 17.

L’anatra all’arancia , opera di William Douglas Home, fu adattata dal celebre Marc Gilbert Sauvajon. Titolo emblematico di quella drammaturgia che suscita la risata con classe, attraverso un uso sapiente e sottile della macchina teatrale. Una bellissima storia universale di un uomo e di una donna, Gilberto e Lisa, e del loro ménage messo in crisi dalla personalità di lui, egoista, egocentrico, incline al tradimento, vittima del proprio essere un clown che finisce per stancare chi gli sta intorno. Esasperata, Lisa si innamora di Volodia, tutto l’opposto del marito, un russo di animo nobile, un romantico sognatore che ha scelto di trascorrere la sua vita in Lucania. Punto sul vivo, Gilberto studia una strategia di contrattacco e organizza un week-end a quattro, in cui Lisa e il suo amante staranno insieme a lui e alla sua attraente segretaria, Chanel Pizziconi, un misto tra scemenza e genialità. Il tutto sotto gli occhi di un sempre più interdetto cameriere, un cechoviano personaggio che si rivelerà il deus ex machina della storia.

La commedia, scritta nei primi anni Settanta, è opera dello scozzese Williams Douglas Home ed è stata poi adattata dal celebre autore teatrale francese Marc Gilbert Sauvajon. Nel 1973 Alberto Lionello e Valeria Valeri furono protagonisti di un allestimento italiano rimasto storico; due anni dopo Luciano Salce firmò la regia della celebre versione cinematografica, con la magistrale interpretazione di Ugo Tognazzi e Monica Vitti. Questa moderna edizione si pregiadi un cast di primi nomi: Luca Barbareschi Chiara Noschese, Ernesto Mahieux, Gianluca Gobbi e Margherita Laterza animeranno l’ingranaggio della commedia sostenendo il ritmo e la vorticosa energia dello spettacolo con la precisione di una partitura musicale.

"Questa commedia ha una profondità ed un’intelligenza straordinarie - spiega il regista - ha la stessa potenza di ‘Chi ha paura di Virginia Woolf?’ ma, a differenza del testo di Albee, ha una struttura narrativa molto divertente, che aiuta a veicolare concetti profondi con la risata. Ho riadattato la scrittura usando due grandi scienze, la psicologia e l’antropologia, studiando atteggiamenti, movimenti e nevrosi che caratterizzano le nostre abitudini".

…Un piccolo capolavoro di comicità, una regia esperta per una commedia romantica da non perdere: meritano la storia, il cast, il testo, e il pubblico si identifica facilmente nella crisi di questa coppia e nelle loro nevrosi quotidiane. Vista sul Palco di Alessio Gaburri

Lanciano. La "rotonda" di Villa Andreoli a pezzi, CasaPound richiede intervento di manutenzione.

"Siamo di fronte all'ennesima prova del menefreghismo della Provincia . - dichiara in una nota Marco Pasquini, responsabile cittadino del movimento - Ancora da capire se per grazia ricevuta o sfortuna, il Presidente della Provincia è proprio lo stesso sindaco Mario Pupillo, che da tempo ha abituato i propri cittadini a un vero e proprio degrado di tutto il territorio".

"Una volta realizzate e 'millantate' - prosegue - queste opere hanno bisogno anche di manutenzione ordinaria. Essendo tra l'altro un punto d'accesso alla nostra città sarebbe buona cosa quella di mantenere un senso di decoro e non di degrado".

"Attendiamo questo intervento come tanti altri - conclude Pasquini - e ci auguriamo che chi di dovere si attivi, e la smetta di pensare a cose futili, impegnandosi invece a valorizzare il territorio cittadino".

Lanciano. Si chiama Charity Party la festa natalizia di beneficenza organizzata dall’associazione “Gli Amici di Marcello” e in programma venerdì 29 dicembre, dalle ore 20:30, al Parco Diocleziano di Lanciano (ex Kleò). Sarà possibile cenare con porchetta e bevande varie.

La serata sarà aperta dal regista nonché cabarettista frentano Pierluigi Di Lallo. A seguire il gruppo musicale“The Greys’ Band”, guidato da Vittorio Di Meco, papà di Marcello. Dalle 23:30 in poi, Dj Beatmun, funk folk & fancy music.

Alle 23:00 l’estrazione della riffa promossa dall’associazione grazie al contributo di numerosi sponsor. Per l’acquisto degli ultimi biglietti disponibili potete contattare il numero 388-6918153.

Questi i premi in palio: 1° Premio: buono da 500€ c/o Battistini Auto; 2° Premio: TV LED HD 32''; 3° Premio: cena x5 c/o Ristorante Trattoria DAL PAGANO - Palombaro (CH)


L’intero ricavato della serata servirà a finanziare le attività dell’associazione no profit “Gli Amici di Marcello”, prima su tutti la donazione di altri defibrillatori dopo i 7 già donati alla comunità lancianese e non.

Lanciano. CasaPound Italia presenta la propria petizione in via preventiva per ribadire il secco "No" alla pista ciclabile in progetto nella zona di Viale Cappuccini. La cosiddetta opera ecologica, afferma il movimento, renderebbe a senso unico una delle grandi arterie di Lanciano, infliggendo seri danni al commercio e alla viabilità.

"Con questa petizione intendiamo portare in Comune l'opinione degli oramai inascoltati cittadini lancianesi su questa nuova trovata dell'Amministrazione Pupillo" queste le durissime parole del responsabile locale Marco Pasquini.

"Abbiamo ascoltato diversi commercianti della zona di Viale Cappuccini, seriamente preoccupati di subire lo stesso triste destino di Via del Mare. Le attività commerciali risulterebbero pesantemente danneggiate dal conseguente calo di visibilità, per non parlare del blocco del traffico: molte vie secondarie, come Via Belvedere, già pericolose per confermazione e danno procurato dal dissesto idrogeologico, si troverebbero intasate".

"Rendere Viale Cappuccini a senso unico - prosegue Pasquini - è uno spreco di fondi immotivato, poiché Lanciano non è una città adatta allo spostamento in bicicletta: zone sconnesse, conformazione del terreno inadatta, forti pendenze. Un chiaro esempio è il bike sharing, esperimento fallito per trascuratezza del Comune. Se davvero si vuol fare qualcosa per riqualificare la zona, forse sarebbe più sensato da parte della giunta comunale pensare al rifacimento delle strade e dei marciapiedi, distrutti dall'incuria e dagli alberi."

"Per firmare la petizione - conclude il responsabile lancianese di CPI - i cittadini potranno recarsi presso la nostra sede negli orari di apertura o contattandoci sulla nostra pagina Facebook, e nei prossimi giorni verranno comunicati i nomi delle attività commerciali dove è possibile trovare il modulo. CasaPound Italia agirà nel nome dei cittadini, contro le false promesse e ed i vuoti proclami di questa Amministrazione".

Lanciano. Anche a dicembre prosegue la consegna mensile di pacchi alimentari di CasaPound Italia alle famiglie frentane in difficoltà. L'appuntamento per questo mese è per mercoledì 20 dicembre alle ore 21, presso la sede del movimento in Via Ferro di Cavallo.

" Anche questo mese, grazie alla generosità dei cittadini nell'ultima raccolta, - in una nota Marco Pasquini, responsabile cittadino di CasaPound Italia - effettueremo la consegna dei pacchi alimentari alle famiglie italiane in difficoltà".

" In questo periodo gioioso, di festa e spese folli, - prosegue Pasquini - non bisogna dimenticare l'importanza che va data a chi sta vivendo un periodo difficile e che purtroppo è stato abbandonato dalle istituzioni".

"Il nostro auspicio - conclude Pasquini - è quello di un nuovo anno che porti un cambiamento nella vita di queste persone. Ancora una volta ci appelliamo all'amministrazione comunale, con la speranza che fornisca tutela e agevolazioni a queste famiglie troppo spesso dimenticate."

Lanciano. Secco "No" da parte di CasaPound Italia alla proposta da parte dell'amministrazione comunale di realizzazione di una nuova pista ciclabile nella zona di Viale Cappuccini.

"Si tratta di uno spreco di fondi pubblici, utilizzabili per ben altro” questo il lapidario giudizio sull’opera di Marco Pasquini, responsabile cittadino di CasaPound Italia.
“Il territorio di Viale Cappuccini – prosegue Pasquini -è già soggetto a un traffico elevato, senza poi considerare la pendenza del terreno, tutte condizioni incompatibili con la realizzazione di una pista ciclabile.
Come abbiamo già tristemente sperimentato con la pista ciclabile di Via del Mare, aver reso la carreggiata a senso unico è stato un duro colpo ai commercianti e alla viabilità cittadina. Per non parlare poi di tutte le zone sconnesse tra loro che non garantirebbero il potersi muovere in completa tranquillità e libertà con la propria bicicletta".

" Vogliamo inoltre ricordare - conclude Pasquini - come il servizio di Bike Sharing sia stato "rifiutato" dalla città poiché mal gestito e mal funzionante. Anche le ultime opere cittadine, le rastrelliere per poter posteggiare le bici, sono scarsamente utilizzate dalla popolazione, che non avendo una città pianeggiante è ovviamente scoraggiata dal prendere il proprio mezzo"ecosostenibile". In ogni caso saremo al fianco dei cittadini che dovranno incontrare l'amministrazione comunale e che sicuramente sapranno come rispondere a una mossa del genere".

Pagina 1 di 22

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione