Montesilvano. Sono trascorsi 18 anni da quando il gruppo sportivo della Polizia Municipale di Montesilvano, presieduto da Roberto Marzoli, diede vita al Trofeo San Sebastiano, il torneo di calcio a 5 che coniuga Solidarietà e Sport, in onore del santo Protettore dei Vigili Urbani. Fino al 20 gennaio al PalaRoma si disputeranno le partite della diciottesima edizione che vedrà scendere in campo le forze di Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Polizia Municipale.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina dal sindaco Francesco Maragno, da Carlo Torlontano vice prefetto vicario, Benedetto Lozzi, capitano della Guardia di Finanza, Lino Tomaiulo vicecommissario della Polizia di Stato, Marco D’Alessandro maresciallo capo dei Carabinieri e Nicolino Casale comandante della Polizia Locale.

«Sono moltissimi anni - ricorda il sindaco Francesco Maragno - che il corpo di Polizia Municipale di Montesilvano si distingue per iniziative legate al mondo della solidarietà. In 18 anni, sono stati raccolte 170 tonnellate di derrate alimentari e devoluti ben 78.000 euro ad associazioni no profit. Sposando ogni anno progettualità diverse, i nostri vigili hanno anche contribuito ad accendere i riflettori sulle tante associazioni che si danno da fare quotidianamente per dare un supporto a chi vive condizioni di disagio».

Di tre “S, sicurezza, sport e solidarietà” ha parlato il viceprefetto vicario Carlo Torlontano, dando lettura del saluto a firma del Prefetto Gerardina Basilicata. «In un centro urbano, quale la Città di Montesilvano, densamente abitato, senza soluzione di continuità con il Capoluogo della provincia, con una popolazione composta da etnie diverse, in un territorio interessato da una grande espansione, da effervescenza commerciale e da interessi economici variegati e da una grande mobilità, gli agenti del Corpo della Polizia Municipale di Montesilvano garantiscono la civile convivenza con competenza e professionalità, con senso del dovere, disponibilità e abnegazione. Il Trofeo di San Sebastiano unisce le Forze di Polizia nella competizione agonistica e nell’impegno solidale. Voglio sottolineare il valore umano di uomini e donne che hanno scelto come professione la divisa per la tutela della sicurezza e della incolumità dei nostri cittadini e che anche fuori del lavoro continuano comunque a dedicare il loro tempo e profondono le loro energie, con altrettanto impegno ed entusiasmo, per sostenere gli altri, attraverso lo sport».

Soddisfatti i rappresentanti di tutte le forze di Polizia partecipanti al quadrangolare, che hanno sottolineato il connubio della dimensione sportiva del trofeo con quella solidaristica, oltre alla longevità del torneo, segnale del successo dell’iniziativa stessa.

Montesilvano. «Entro la fine di gennaio, provvederemo all’assegnazione definitiva dei primi orti urbani della città di Montesilvano, gli appezzamenti che verranno curati direttamente dai montesilvanesi». L’annuncio arriva dal presidente della Commissione Commercio, Carlandrea Falcone. «L’area individuata in sede di Consiglio Comunale, in via Don, è stata predisposta e suddivisa in 32 appezzamenti che verranno assegnati ad altrettanti cittadini che hanno presentato la regolare domanda all’avviso pubblico emanato negli scorsi mesi. Sono tanti i vantaggi di questa progettualità che ha un valore civico, perché rende i cittadini responsabili di un bene comune. Servirà alla riqualificazione della zona, che ha già cambiato volto. E’ di supporto agli assegnatari stessi, che possono beneficiare dei prodotti coltivati con le loro stesse mani. Sappiamo tutti quanto è importante osservare una sana alimentazione per incrementare la propria qualità della vita. E’ un principio ormai ben assodato e che ci è stato ampiamente dimostrato anche nel corso del convegno su “Cibo e Salute” che si è svolto in onore di Nicola Salvatorelli lo scorso sabato a Montesilvano. Sono sempre più frequenti anche i progetti incentrati sulle coltivazioni bio che vedono in prima linea i giovani, dimostrazione che il ritorno alle cose semplici può rappresentare anche una chiave di successo e di sviluppo per il futuro. La nostra Amministrazione vuole puntare su questi aspetti ed ecco perché ha voluto fortemente promuovere il progetto degli orti sociali che in grandi capitali sta prendendo sempre più piede, per riqualificare quartieri nonché per dare un’opportunità ai cittadini di riappropriarsi degli spazi comuni. L’area prescelta in via Don è assolutamente adatta a questo progetto - specifica il consigliere Falcone -. Il terreno infatti si presta perfettamente alle coltivazioni. E’ quanto emerso anche da alcune analisi condotte dall’Associazione Nuovo Saline che ha eseguito una serie di campionamenti ed analisi del suolo». «Le analisi condotte, al fine di garantire la salubrità e il controllo ambientale del sito - spiega Gianluca Milillo, presidente dell’Associazione - sono state microbiologiche, attraverso la strumentazione di laboratorio in nostra dotazione e chimiche, realizzate da un laboratorio esterno. Sono stati effettuati nove campionamenti su tre diversi punti prelevando terreno in superficie, a 50 e 100 cm di profondità. L’esito delle analisi effettuate ha verificato l’assenza di contaminazioni, sancendo risultati che individuano il lotto come idoneo alla coltivazione».

L’assegnazione dell’orto avrà una durata di 3 anni e prenderà in esame l’età anagrafica, il reddito ISEE e la composizione del nucleo familiare. Il bando era aperto a cittadini italiani maggiorenni con residenza a Montesilvano da almeno un anno, disoccupati, inoccupati, lavoratori in cassa integrazione, lavoratori in mobilità, pensionati; che non svolgono attività di coltivazione su fondi appartenenti anche a familiari o a terzi; che non hanno in uso né a titolo gratuito né oneroso altri appezzamenti di terreno coltivabile pubblico o privato posti nel territorio del Comune; e che non hanno altri membri che abbiano presentato la stessa istanza. Dei 32 orti, uno rimarrà in capo al Comune e verrà gestito dai membri del tavolo Tari, il forum di cittadinanza attiva incentrato sulle tematiche ambientali. Un secondo verrà assegnato alle sigle sindacali dei pensionati, che tutte insieme, cureranno l’orto. «Questo progetto è stato ben accolto dalla collettività - conclude Falcone - e la sinergia che si è creata tra le sigle sindacali, nonché tra i cittadini del tavolo Tari, mette in evidenza come il bene comune sia capace di unire per un unico obiettivo».

Montesilvano. Ancora 15 giorni di tempo per presentare la richiesta per ottenere le agevolazioni nel pagamento del tributo TARI.

Entro il 31 gennaio i contribuenti che rientrano in 9 categorie, possono presentare la domanda, corredata dichiarazione ISEE, utilizzando i moduli ritirabili presso gli Uffici Tributi. «In sede di approvazione delle tariffe TARI in Consiglio Comunale sono state introdotte le agevolazioni per l’annualità 2017 - spiega l’assessore al Bilancio Deborah Comardi -. Queste verranno assegnate sulla base di una graduatoria formulata tenendo conto del valore ISEE. La dichiarazione presentata per le annualità precedenti ha effetto anche per il 2017, qualora non ci siano state modifiche. Le categorie di agevolazioni sono nove, tra esenzioni totali per le persone con disabilità e quelle assistite in maniera permanente dal Comune e di esenzioni parziali».

 

Le categorie di agevolazioni individuate:

1) esenzione totale limitatamente alle abitazioni principali e alle relative pertinenze occupate da persone (soggetti passivi della tassa o suoi familiari conviventi) assistite in modo permanente dal Comune o in disagiate condizioni socioeconomiche, sulla base di apposita certificazione rilasciata dal responsabile del servizio dell’Azienda Speciale per i Servizi Sociali attestante le circostanze sopra indicate con riferimento all’annualità precedente da allegare alla richiesta di esenzione, purché nell’anno 2017 mantengono lo status di inoccupati, disoccupati, che versano nelle condizioni di cui sopra, nonché alla data di presentazione della richiesta di esenzione e, dunque, con riferimento all’annualità 2017;

 

2) esenzione totale limitatamente alle abitazioni principali e alle relative pertinenze occupate da persone (soggetti passivi della tassa o suoi familiari conviventi) invalide al 100% che usufruiscono del servizio di accompagnamento al momento della presentazione della domanda, riconosciuto dagli enti a ciò preposti, a condizione che il valore ISEE non sia superiore ad € 8.000,00;

 

3) esenzione totale limitatamente agli stabili (e le relative aree) adibiti ad uffici comunali e a tutti gli altri in cui hanno sede uffici o servizi pubblici alle cui spese di funzionamento per disposizione di legge è tenuto a provvedere il Comune;

 

4) esenzione parziale al 75% limitatamente agli edifici destinati ed aperti al culto, con esclusione dei locali annessi adibiti ad abitazione e ad usi diversi da quelli del culto in senso stretto;

 

5) riduzione tariffaria nella misura del 75% per il singolo anziano con più di 65 anni (al 1° gennaio dell’anno di imposizione), unico occupante di un’abitazione, in proprietà o usufrutto o locazione, adibita ad abitazione principale, che non sia proprietario di altri immobili su tutto il territorio nazionale, a condizione che il valore ISEE non superi il limite di € 8.000,00;

 

6) riduzione tariffaria nella misura del 50% per il nucleo familiare composto da due anziani di cui uno con più di 65 anni e uno con più di 75 anni (al 1° gennaio dell’anno di imposizione), unici occupanti di un’abitazione, in proprietà o usufrutto o locazione, adibita ad abitazione principale, che non siano proprietari di altri immobili su tutto il territorio nazionale, a condizione che il valore ISEE non superi il limite di € 8.000,00;

 

7) riduzione tariffaria, per due anni, nella misura del 50% per il nucleo familiare composto da giovani coppie che abbiano contratto matrimonio nell’anno precedente a quello per il quale si richiede l’agevolazione, con età uguale o inferiore ad anni 35, unici occupanti di un’abitazione, in proprietà o usufrutto o locazione, adibita ad abitazione principale, che non siano proprietari di altri immobili su tutto il territorio nazionale, a condizione che il valore ISEE non superi il limite di € 8.000,00; è inoltre richiesta la presentazione del certificato di matrimonio;

 

8) esenzione totale dalla tariffa per nuove attività imprenditoriali e di lavoro autonomo (artigianali e piccola media impresa, commerciali, turistiche e di servizi) per l’anno in corso, costituite dal 1/1/2017 come da iscrizione alla C.C.I.A.A. o da attribuzione della Partita IVA, relativamente agli immobili occupati in forza di un rapporto contrattuale di locazione a titolo oneroso, direttamente e interamente utilizzati, per lo svolgimento dell’attività e limitatamente a quelle selezionate sulla base di criteri stabiliti in apposito avviso pubblico predisposto dal settore amministrativo, con esclusione di sale giochi, agenzie di scommesse, locali con giochi d’azzardo, video lotterie e “slot machine”;

 

9) esenzione totale limitatamente alle abitazioni principali e alle relative pertinenze occupate da famiglie (soggetti passivi della tassa o suoi conviventi) nel cui nucleo vi sono almeno due componenti – persone diversamente abili, sulla base di certificazione che attesti altresì il diritto all’accompagnamento.

Montesilvano. Tutto pronto per la diciottesima edizione del Trofeo San Sebastiano, il torneo di calcio a 5, organizzato dal Gruppo Sportivo Polizia Municipale Città di Montesilvano. Il torneo, organizzato in onore di San Sebastiano Martire, patrono dei “Vigili Urbani d’Italia”, verrà presentato mercoledì 17 gennaio alle 10:30 nella Sala di Giacomo di Palazzo Baldoni, alla presenza delle forze dell’Ordine che si sfideranno nel quadrangolare interforze.

Si tratta delle rappresentative dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Polizia Locale che dal 17 al 20 gennaio si affronteranno al Palaroma per l’evento benefico di “Solidarietà e Sport”. L’incontro Carabinieri vs Guardia di Finanza con inizio alle ore 16,00 del giorno 17 sarà la partita inaugurale a seguire Polizia di Stato vs Polizia Locale, le finali previste per sabato 20 alle 17,30 concluderanno l’evento.

Il Gruppo Sportivo, nel corso degli anni, ha organizzato manifestazioni ed incontri sportivi a scopo benefico, alcuni dei quali spiccano maggiormente come le due “Partite del Cuore” una nel 2001 disputata con la Nazionale Italiana dei Frati Cappuccini devolvendo l’intero incasso, pari a 14.700.000 lire all’Associazione no-profit “Aremeca” e nel 2002 con la Nazionale Italiana dei Circensi, madrina dell’evento Ambra Orfei, nella quale vennero raccolti 8.700 euro, devoluti all’associazione no-profit “Futuro”. Il quadrangolare interforze di Calcio a 5 nel 2010 raccolse 3.500 euro che vennero devoluti all’associazione Missione Possibile, contribuendo alla costruzione di un’aula scolastica nel villaggio di Kevote in Kenia. Con l’ultimo evento organizzato nel 2017 i fondi raccolti sono stati devoluti all’Associazione “Progetto Noemi Onlus” con la quale si è instaurato un rapporto di collaborazione.

Queste le squadre che scenderanno in campo:

CARABINIERI - Vincenzo Falce, Paolo Marcedula, Nunzio Cirulli, Alessandro Alette, Antonio Fanelli, Marco D’Alessandro, Francesco D’Orta, Danilo Giordiani, Marco Petrocco, Francesco Mingolla, Lucio Mazzarro, Valentino Bosco, Vincenzo Maiorani, Piergiorgio Capuano, Gianluca Conicella Cerritelli. GUARDIA DI FINANZA - Antonio Nobilio, Leandro Pronio, Gabriele Domenicone Guizzardo Firmani, Giancarlo Sblano, Lorenzo Corallo, Ivan Trovarelli, Federico Marrocco, Massimo Galante, Antonello D’Ascenzo, Giuseppe Ronzino, Nicola Ferrara, Antonio Niosi, Alessandro Triozzi, Giuseppe Bruno. POLIZIA DI STATO - Zelindo Antonaci, Maurizio Caporale, Leo Carletti, Valerio Catenaro, Dani Cichella, Stefano Coccione, Ottavio De Martinis Alessandro, Di Blasio, Giovanni Di Giorgio, Remo Di Nicola, Davide Di Virgilio, Fabio Di Zacomo, Massimiliano Giampaolo, Gianfranco Piallini, Alessandro Pilato, Massimo Pomante, Gianluca Rocchiggiani, Lino Tomaiulo. POLIZIA LOCALE - Di Fabio Vincenzo, Marco Speranza, Corrado Cesaroni Paolo, Di Fiore, Pasquale Ciccarelli, Marco Albertini, Roberto Visioni, Dino Trave, Francesco Bonanni Armando, Fedele, Federico Cardorani, Alessandro Piscione, Roberto Marzoli, Giancarlo Castorani, Pasquale Castorani, dottore Luigi Lezzerini, massaggiatore Ciro Fusco.

Montesilvano. Biochimica, digestione, sarcopenia, intolleranze alimentari e dieta alcalina. Questi i grandi temi trattati oggi al Pala Dean Martin, nel corso del congresso "Cibo e Salute", organizzato in ricordo di Nicola Salvatorelli, il medico montesilvanese, scomparso lo scorso agosto e da sempre in prima linea nella promozione dell'importanza dell'alimentazione di qualità per la prevenzione e la terapia delle malattie. Il convegno è stato organizzato dalla moglie di Salvatorelli, la dottoressa Anna De Antoni, con il patrocinio del Comune di Montesilvano. Savaltorelli diete vita a Montesilvano Colle al ristorante Ninì, insieme a Niko Romito, lo chef abruzzese con 3 Stelle Michelin.


«Nicola Salvatorelli è sempre stato esempio lungimirante di educazione a tavola - ha ricordato il sindaco Francesco Maragno -. È stato pioniere della valorizzazione della sana alimentazione come strumento per raggiungere il benessere psico fisico. Quando Anna De Antoni mi confidò il desiderio di organizzare questo evento nel segno della continuità della preziosa attività portata avanti con impegno e passione da Nicola, ho subito voluto supportarla. Ritengo che questo convegno rappresenti un importante momento di riflessione e di interesse per tutta la collettività. L'auspicio è che sia solo la prima edizione di un congresso che possa divenire appuntamento fisso per la città».


Dopo i saluti del sindaco il convegno ha visto susseguirsi gli interventi dei medici specialistici Eugenio Iorio, su "Stress ossidativo ed infiammazione"; Carlo Maggio su "Obesità osteosarcopenica e valutazione nutrizionale"; Leonardo Marzio, moderatore del convegno, su "Intolleranze alimentari al grano e glutine"; Rossella Forcucci, sulle modalità di svezzamento; Anna De Antoni su "Acidosi metabolica, dieta alcalina e disborsi".


La sessione mattutina si è conclusa con l'esibizione del Corro Folkloristico Città di Montesilvano - Madonna del Carmelo.

Montesilvano. Lotta dura dell’Amministrazione Maragno contro il bivacco. Questa mattina due pattuglie della Polizia Locale, con il supporto degli Uomini dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Montesilvano, hanno eseguito un nuovo sgombero. Oggetto dell’operazione, la zona della pineta di Santa Filomena antistante l’Hotel Le Nazioni dove si erano accampati alcuni extracomunitari. Nel corso dell’attività sono state rimosse due tende oltre a materiali di vario genere. Circa 15 i cittadini di nazionalità straniera identificati. Grazie anche alla collaborazione della ditta Formula Ambiente, responsabile della gestione rifiuti nella città sono state rimosse tende, sedie, biciclette e suppellettili varie.

«Ancora una volta - dichiara il primo cittadino Francesco Maragno - abbiamo lavorato per il ripristino del decoro urbano e della sicurezza dei cittadini. Questa operazione si affianca a quelle effettuate nei mesi scorsi in altre zone della riserva oltre che sulla spiaggia. L’obiettivo è quello di tutelare l’immagine della città e consentire ai nostri concittadini di riappropriarsi dei propri luoghi. Tale problematica ha già creato situazioni di forte criticità in passato. Solo alcune settimane fa, il tempestivo intervento della Polizia Locale ha impedito che un incendio divampato proprio da alcune tende allestite all’interno della riserva, si trasformasse in tragedia per gli occupanti della tenda stessa e generasse un danno ambientale di notevole portata. Con questi interventi intendiamo non solo restituire il decoro alla città ma anche evitare che incidenti simili mettano a rischio la sicurezza pubblica, oltre a causare conseguenze negative per il patrimonio comunale. Sul territorio abbiamo la fortuna di contare su numerose associazioni che si prendono cura di chi vive condizioni di disagio, di senza tetto che possono trovare conforto proprio in queste realtà solidali. Voglio fare un plauso a tutti i rappresentanti delle forze dell’Ordine intervenute che hanno lavorato in sinergia in questa operazione».

Montesilvano. «Sono ripresi a pieno ritmo i lavori per il completamento di via Saragat, un’altra opera incompiuta del nostro territorio, dalla portata strategica per la viabilità cittadina». Lo dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Valter Cozzi che ricorda: «La storia di questo progetto è stata particolarmente travagliata e ha subito ulteriori rallentamenti durante lo scorso inverno dovuti alle cattive condizioni meteorologiche. Il maltempo che ha flagellato a più riprese il nostro territorio nei primi mesi del 2017, ha prodotto una lunga sospensione del cantiere che era stato riattivato proprio in quei giorni, e soprattutto ha causato delle evidenti erosioni e scivolamenti del terreno. Queste circostanze hanno reso necessario ripensare il progetto con interventi di contenimento che rispondono alla necessità di apportare alcune modifiche nella conformazione, disposizione e tipologia di alcune parti delle opere in progetto al fine di adattarle alla reale situazione dei luoghi ed alle mutazioni pervenute a causa degli eventi calamitosi. Abbiamo ricevuto da parte della Regione, lo scorso mese, la presa d’atto delle circostanze sopraggiunte e della variante progettuale proposta, che lascia inalterato il quadro economico già approvato. Questo ha permesso alla ditta Di Persio, affidataria degli interventi di riprendere il cantiere».

Il progetto dell’arteria parallela a via Verrotti risale al 2006. La Regione Abruzzo stanziò un finanziamento di oltre 2 milioni e 200 mila euro. Nel novembre 2012 si tenne la gara per l’affidamento dei lavori che iniziarono nel 2013. Dopo la rescissione anticipata del contratto con la ditta aggiudicataria dell’appalto nel 2015, vennero affidati alcuni lavori sul primo tratto della strada ad una seconda ditta, per consentire ai residenti di accedere alle loro abitazioni. Il progetto di completamento, dell’importo totale di 516.000 euro, consiste nella pannellatura della palificazione, nella realizzazione di una pista ciclabile lato monte, nel completamento della pubblica illuminazione, della pertinenza stradale e pedonale e di tutta la segnaletica necessaria. «Sono trascorsi 11 anni da quando si cominciò a parlare di questa arteria, che oltre a rappresentare una valvola di sfogo del traffico urbano, diventerà anche un luogo di attrazione. Abbiamo infatti arricchito - conclude Cozzi - il progetto anche con un intervento di riqualificazione per mezzo della street art, già approvato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per l’Abruzzo, così da dare una veste identitaria forte al progetto e una sembianza scenica esclusiva».

Montesilvano. “Per aver saputo creare con tecnica, creatività e passione piatti prelibati, portando i riflessi della luce delle stelle Michelin anche su Montesilvano”. Questa la motivazione apposta sulla targa di riconoscimento conferita dall’Amministrazione Maragno a Fabrizio Borraccino, executive chef dell’Hotel Borgo San Felice, il cui ristorante Poggio Rosso, punta di diamante della proposta gastronomica del Relais&Chateaux in Toscana situato nel cuore del Chianti, quest’anno è stato insignito per la prima volta della Stella Michelin.

Borraccino, montesilvanese di origine, è Chef del Relais&Chateaux situato a Castelnuovo Berardenga, nella provincia di Siena da gennaio 2016. Dopo il diploma all’Istituto Alberghiero di Pescara, Borraccino gira nelle cucine italiane ed europee, tra Valle d’Aosta, Lago di Garda, Londra, Ginevra, lavorando con Maestri del calibro di Antonio Guida, Gordon Ramsay e Pierre Gagnaire.

«Definisco la mia cucina - spiega Borraccino - con i piedi per terra. La Toscana è la mia seconda casa, conosco bene le tradizioni di questa regione, e per molti versi le trovo simili a quelle abruzzesi. In alcuni dei miei piatti, omaggio con piacere i sapori e la stagionalità della mia terra, l’Abruzzo. Sono molto fiero di aver ricevuto questo riconoscimento dal mio Comune di origine».

«Abbiamo voluto dare questo piccolo premio - specifica l’assessore alla cultura Ottavio De Martinis - a Fabrizio Borraccino che con impegno, passione e maestria sta portando alto il nome di Montesilvano e sta promuovendo il nostro territorio in tutta Italia e non solo. L’auspicio è che questa stella sia solo la prima che saprà brillare nel suo cammino culinario e professionale».

Montesilvano. «Sono soddisfatto che sia stata archiviata la mia posizione, e soprattutto che sia stata evidenziata l’importanza e la funzionalità del Dog Village che rappresenta il fiore all’occhiello per la città di Montesilvano, ma anche per l’Abruzzo». Così il sindaco Francesco Maragno rende noto che l’inchiesta che lo ha coinvolto nell’ambito del rilascio dell'autorizzazione sanitaria per il canile di Montesilvano è stata archiviata. «Oggi il Dog Village è un modello di riferimento, caso studio universitario a livello nazionale ed internazionale, fondato sui criteri di rispetto e di garanzia del benessere animale. Numerose infatti sono state le delegazioni provenienti dalla Tunisia, dalla Serbia, dal Belgio e appena qualche settimana fa dal Sudafrica, giunte nella struttura per osservare da vicino le modalità di organizzazione del canile di Montesilvano. Il Dog Village è stato anche case history al Congresso Internazionale del Benessere Animale di Tunisi, dove sono state illustrate le caratteristiche di questa struttura, perfettamente rispondenti ai criteri di rispetto e di garanzia del benessere animale. Il Dog Village è ormai portatore di una concezione completamente nuova che vede il raggiungimento del benessere animale attraverso la realizzazione di un vero canile/parco.  La Asl ha recentemente manifestato l’interesse di realizzare, all’interno della struttura di ricovero animali di proprietà del Comune, il canile sanitario per tutta la provincia di Pescara. Il Dog Village è peraltro stato iscritto ufficialmente nell’albo regionale delle strutture di ricovero per cani e gatti. Sono sempre stato certo di aver agito nella tutela del bene dell’Ente che Amministro e dell’interesse di tutta la collettività -  chiosa il sindaco -. E la conclusione di tale procedimento ne è ulteriore dimostrazione».

Montesilvano. Niko Romito, Franco Berrino, Ettore Cianchetti, Luigi Perruzza. Sono solo alcuni dei prestigiosi nomi che sabato 13 gennaio saranno a Montesilvano, al Pala Dean Martin per partecipare a “Cibo e Salute” il convegno organizzato in ricordo di Nicola Salvatorelli, medico e titolare del ristorante Ninì a Montesilvano Colle, aperto insieme allo chef pluristellato Niko Romito, e scomparso prematuramente la scorsa estate.

«Nicola - ricorda Anna De Antoni, moglie di Salvatorelli, nonché medico chirurgo, esperta n alimentazione e dieta alcalina – è stato un pioniere nello studio e nella ricerca della sana alimentazione come prevenzione o terapia. Nicola parlò al professor Berrino dell’idea di organizzare un grande evento che avrebbe coinvolto anche Niko Romito. Dopo la scomparsa di Nicola, fu proprio il prof. Berrino a chiamarmi e a rendersi disponibile per un congresso in suo onore. Questo mi ha dato l’energia giusta per portare avanti il progetto. Quando ho proposto l’evento al sindaco Francesco Maragno, ho trovato immediata disponibilità, così come ho trovato l’affetto di tanti amici che per Nicola parteciperanno all’evento».

Ed è proprio per Nicola Salvatorelli che sabato 13 gennaio, a partire dalle 9 si susseguiranno gli interventi dei medici specialistici Franco Berrino, Eugenio Iorio, Carlo Maggio, Leonardo Marzio, Rossella Forcucci, Anna De Antoni, Stefano Fais, Ettore Cianchetti, Alessandro Marsili, Pietropaolo Notarfranchi e gli chef Niko Romito e Luigi Perruzza. Nel corso del congresso verranno analizzate le tematiche legate allo stress ossidativo, le intolleranze alimentari, lo svezzamento, l’impatto di una sana alimentazione nella ristorazione, additivi e conservanti negli alimenti, la dieta chetogenica e le vie del benessere.

«Nicola Salvatorelli - sottolinea il sindaco Francesco Maragno - è stato pioniere nella ricerca della corretta alimentazione come strumento di prevenzione. Con il suo ristorante ha portato l’altissima qualità a Montesilvano Colle e con la sua determinazione è divenuto un punto di riferimento per la città e non solo. Questo congresso vuole essere un modo per continuare il percorso da lui iniziato tantissimi anni fa. Grazie a Salvatorelli, Montesilvano ospiterà nomi eccellenti, che apriranno una riflessione di elevatissimo spessore e di interesse per tutta la collettività».

Il congresso “Cibo e Salute”, con ingresso gratuito, si aprirà alle 8:30, con l’intrattenimento musicale di Daria Marchioli. Dalle 9 dopo il saluto istituzionale del sindaco Maragno, si entrerà nel pieno del convegno. Alle 13:30 la sessione mattutina si concluderà con l’esibizione del Coro Folkloristico Città di Montesilvano - Madonna del Carmelo. La sessione pomeridiana riprenderà dalle 15:30 per concludersi alle 19:30.

Pagina 1 di 61

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione