Campobasso. "La fede in Cristo è sguardo in avanti. I cinquant'anni dell'opera teologica «Introduzione al Cristianesimo» di Joseph Ratzinger" è il titolo del convegno che si svolgerà lunedì 28 maggio 2018, alle ore 18:00 nell'auditorium Celestino V in via Mazzini, 80 a Campobasso. L’iniziativa è promossa dal centro Culturale Internazionale Joseph Ratzinger, in collaborazione con l'Arcidiocesi di Campobasso - Bojano e l'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme sezione Abruzzo – Molise.
Il Centro Ratzinger, oltre alle funzioni culturali e di formazione, favorisce anche la costante attività di ricerca teologica e l'approfondimento sul Magistero della Chiesa Cattolica. Esperti di teologia, pastorale, comunicazione e filosofia si incontreranno per rileggere una delle opere più importanti del teologo bavarese, Joseph Ratzinger, oggi Papa Emerito. L'evento si inserisce nel cammino sinodale diocesano che quest'anno guarda alla missionarietà dell'annuncio, alla concretizzazione del kérigma e al bisogno di discernimento spirituale e sociale.
Al convegno, moderato dal preside dell'Ordine Equestre Santo Sepolcro, Carmine De Camillis interverranno, il presidente del Centro Ratzinger Ylenia Fiorenza, il biblista don Michele Tartaglia, il giornalista dell'Osservatore Romano p. Gianfranco Grieco, il portavoce della Fondazione Vaticana J. Ratzinger-Benedetto XVI, Luca Caruso e l'arcivescovo metropolita di Campobasso-Boiano, S.E.Mons. GianCarlo Bregantini.
La sfida che la storia contemporanea lancia al mondo credente è del tutto aperta. Le pagine teologiche di Joseph Ratzinger Benedetto XVI restano attuali e fondamentali, soprattutto perché in esse si armonizza il “nesso agapico della dimensione contemplativa e di quella operativa della fede” come indicato dal Centro Ratzinger di Campobasso.

Casoli. Tutto pronto per “Il fine vita tra scienza e coscienza”, il convegno che si terrà a Casoli venerdì1 giugno e che vedrà la partecipazione di Mina Welby. Il convegno, organizzato dall’associazione L.U.C.E. Lab con il patrocinio del Comune di Casoli e dell’Ordine degli Avvocati di Lanciano, affronterà una tematica di grande attualità con noti relatori che contribuiranno ad approfondire il delicato tema del fine vita.
L’incontro che si terrà alle 17.30 al Teatro Comunale, vedrà, oltre alla presenza di Mina Welby, co-presidente dell’associazione “Luca Coscioni” e personaggio noto per le sue battaglie a favoredell’autodeterminazione, la partecipazione della dott.ssa Maria Amato, ex parlamentare e membro della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera dei Deputati,di padre Nando Simonetti, docente di teologia morale e in video conferenza Severino Mingroni, di Casoli, attualmente consigliere nazionale dell’Associazione “Luca Coscioni”. Modererà l’evento Lucio Zinni, medico, scrittore e responsabile nazionale della comunicazione di S.I.M.G.
“Questa iniziativa rappresenta per me un momento di fierezza- sottolineaMaria Amato, ex deputato e membro della Commissione Affari Sociali e Sanità tra gli artefici dell’approvazione della Legge D.A.T. (219/2917) - che mi fa guardare alla mia parentesi parlamentare come a una parentesi costruttiva. Per quanto il percorso di legge si sia concluso, c’è una difficoltà nella fase attuativa per coloro che chiedono di avvalersidelle disposizionianticipate di trattamento”. “Nonostante iComuni si siano attivati con l’istituzione di registri che accolgono i nomi di coloro che vogliono compiere questa scelta – aggiunge la dott.ssa Amato - manca ancora la diffusione capillare che soltanto eventi come questo possono contribuire a dare. Le legge peraltro è stata sintetizzata a livello di comunicazione, è molto più ampia, si pensi ad esempio al consenso informato dell’art. 1 della stessa che è legato alla consapevolezza della propria salute e dispone che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge”.
“E poi c’è un altro aspetto molto importante – conclude la firmataria delle legge D.A.T. - che è quello del tempo del colloquio tra medico e paziente che ha necessità di essere custodito, protetto e utilizzato. Perché non esiste legge senza relazione forte tra medico e paziente”.
Di notevole impatto sarà sicuramente la partecipazione al convegno di Mina Welby, co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni dal 2011 la qualedopo la morte del marito Piergiorgio, ha proseguito il suo impegno e continua a testimoniare nei dibattiti pubblici l’importanza di temi come la libertà e la dignità della persona, le scelte di vita e fine vita, nonché la rilevanza di un’assistenza adeguata alla persona malata e la vita indipendente della persona disabile. La prima firmataria di una proposta di legge di iniziativa popolare sul fine vita,arriverà a Casoli al mattino quando incontrerà, insieme al teologo don Enzo Masotti, gli studenti dell’Istituto Superiore “A. Marino”.
Al convegno del pomeriggio inoltre interverrà in video conferenza Severino Mingroni che vive a Casoli e che è consigliere nazionale dell’Associazione Luca Coscioni. Mingroni ha visto cambiare la sua vita il 22 Ottobre 1995 a causa di una trombosi alla arteria basilare destra in seguito alla quale è divenuto un disabile gravissimo con la LIS (sindrome locked-in). E’ singolare la storia di Mingroni che riesce a comunicare e a portare avanti le sue battaglie, grazie all’ausilio del pc e di uno strumento chiamato “head mouse”che gli consente di comandare il computer attraverso micro movimenti del capo e quindi inviare email e messaggi e gestire il suo blog (http://severinomingroni.blogspot.it).

Cagliari. Psicologi, pedagogisti, insegnanti, politici e ricercatori saranno i protagonisti del convegno “Dislessia e comunicazione”, che avrà luogo a Cagliari mercoledì 30 maggio, con inizio alle ore 9 presso l’Aula Magna I.I.S. “Ottone Bacaredda” – “Sergio Atzeni”, in via Achille Grandi. Organizzato e promosso dal Cral della Regione Sardegna (l’Associazione senza fini di lucro nata per unire i dipendenti in servizio e in quiescenza dell’Amministrazione regionale) in collaborazione con la società Easy Reading di Torino, si avvale del patrocinio del Centro di Ricerche CRS4, dell’Università degli Studi di Cagliari e dello stessa Regione Autonoma della Sardegna.

L’incontro, introdotto da Pier Paolo Porcu (Dirigente scolastico I.I.S. Bacaredda-Atzeni) e coordinato da Riccardo Laconi, Presidente del Cral Sardegna, ha lo scopo di mettere in luce alcune delle soluzioni più innovative individuate fino ad oggi per affrontare in famiglia e a scuola, le difficoltà delle persone affette da dislessia, un disturbo legato come è noto all’apprendimento della lettura e della scrittura classificato oggi in termini scientifici come DSA (Disturbo Specifico di Apprendimento) che comprende oltre alla dislessia, la discalculia, la disortografia e la disgrafia. Si tratta di un fenomeno ancora poco conosciuto e per certi versi sottovalutato, la cui diagnosi in genere può essere fatta solo al termine del secondo anno della scuola elementare, anche se certi sintomi possono essere colti molto prima, ad esempio nel riscontrare le difficoltà che alcuni bambini hanno nel denominare in modo rapido e corretto oggetti anche di uso comune, o nel pronunciare le parole con più sillabe. Al riguardo non sarebbe corretto parlare di disabilità intellettive o di deficit sensoriali, tanto è vero che la dislessia è propria di soggetti dotati di un’intelligenza che rientra nella media, anzi a volte superiore. Lo dimostra il fatto che nella storia abbiamo conosciuto dislessici celebri che si sono rivelati vere e proprie eccellenze in vari ambiti, dalla scienza alla musica, dalla politica all’arte: basterebbe citare i casi – tra quelli più noti – di Albert Einstein, Wolfang Amadeus Mozart, John F. Kennedy e Andy Warhol.

Per i ricercatori la sfida principale è quella di far sì che il bambino dislessico possa arrivare a leggere più parole in meno tempo, attraverso l’adozione di strumenti in grado di ridurre l’”affollamento” dei caratteri e dei segni. È questo l’obiettivo che si è posto da tempo ad esempio il designer Federico Alfonsetti, fondatore di Easy Reading Multimedia e primo relatore al convegno di Cagliari con un intervento in cui sarà presentato il carattere tipografico Easy Reading, risultato di un decennio di studi e in grado di superare le barriere di lettura per chi è dislessico. “Al convegno racconterò come da un problema di un singolo si sia riusciti a dar vita a qualcosa che fosse utile per tutti – afferma Alfonsetti. “Mi piace sottolineare l’attenzione sul concetto del design for all, in fondo è quello l’approccio con il quale è stato realizzato, concepito e sviluppato il nostro font. Per noi la diversità è concepita non come un problema ma come un “valore” agevolante. Chiaramente tema cruciale dell’incontro saranno gli svariati utilizzi che possono essere fatti del font, dal materiale stampato, al web, passando alle app, garantendo così una copertura a 360° della comunicazione”.

Si può affermare che questo carattere sia l’unico esplicitamente dedicato ai lettori dislessici ad aver ottenuto risultati positivi dopo essere stato sottoposto a ricerca scientifica autonoma e indipendente sul suo grado di leggibilità. Lo studio, condotto nel 2013 dalla psicologa clinica Christina Bachmann attesta che: “I risultati, che appaiono significativi da un punto di vista sia statistico sia clinico, ci consentono di affermare che EasyReading può essere considerato un valido strumento compensativo per i lettori con dislessia e un font facilitante per tutte le categorie di lettori”. Il carattere supporta tutte le lingue che usano l’alfabeto latino ed è composto da 811 glifi (lettere, numeri, accenti, simboli, punteggiatura). Il Cral della Regione Sardegna è stata la prima organizzazione nell’Isola ad utilizzare Easy Reading per il suo sito ufficiale (www.cralregionesardegna.it).

Hanno deciso di scegliere questo font anche gli ideatori di Airport4All, un’app del CRS4 che sarà illustrata nel corso della giornata dal ricercatore Andrea Piras, coordinatore del progetto. Si tratta di un’applicazione che fa riferimento ai quattro aeroporti sardi ed è stata realizzata con il chiaro intento di rendere gli scali aeroportuali più accessibili e a misura di tutti i viaggiatori anziani, famiglie con bambini e disabili, in particolare quelli con disabilità uditiva, per incrementare il numero dei turisti che visitano la Sardegna. Disponibile per Android e iOS sugli appositi store online, ha ricevuto anche il patrocinio da parte del ministero dei Trasporti e della Regione autonoma Sardegna. Fornirà lo stato aggiornato delle fasi di imbarco, partenza ed atterraggio: volo decollato, volo atterrato, apertura check-in, inizio imbarco, chiusura imbarco, numero del nastro bagagli, numero dei banchi check-in e numero del gate e relative variazioni, tutte informazioni che al momento vengono fornite solo con annunci sonori o con annunci visivi.

Il tema “Dislessia e comunicazione” sarà sviluppato nel corso del convegno grazie anche ai contributi – tra gli altri – di Lorenzo Cozzolino, pediatra e consigliere della Regione Sardegna, che parlerà del quadro normativo regionale; di Donatella Rita Petretto, delegato del Rettore dell’Università di Cagliari per i temi della disabilità; di Karol Maria Savina Pagini, psicologa terapeuta esperta in psicopatologia dell’apprendimento; di Antonello Pellegrino, direttore degli affari generali e della società dell’informazione della Regione Autonoma della Sardegna; di Riccardo Porcu, direttore del servizio di comunicazione della Presidenza della Giunta della Regione Autonoma della Sardegna; di Fabrizio Marcello, psicologo e consigliere comunale di Cagliari. Interverranno anche Giuseppe Dessena, assessore della Pubblica Istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport della Regione Autonoma della Sardegna e Filippo Spanu, assessore degli Affari Generali, personale e riforma della Regione Autonoma della Sardegna, che chiuderà i lavori.

Pescara. Si è tenuto questa mattina, giovedì 24 maggio dalle ore 9:30 alle 13 presso la Sala Tinozzi della Provincia di Pescara il convegno “Il Cibo: Relazioni, Affetti…Personalità”. L’evento è stato ideato e organizzato dalla dott.ssa psicologa Tiziana Di Gregorio, con il patrocinio della Provincia di Pescara, dei Comuni di Alanno e Manoppello, del Lions Club Pescara Ennio Flaiano, dell’Usl Pescara, della Federconsumatori e dell’Ordine degli Psicologi d’Abruzzo. Punti essenziali dell’incontro, gli aspetti psicologici e psicoanalitici del rapporto tra la persona e il cibo e la normativa che concerne l’origine degli alimenti in etichetta.
«Si è parlato degli aspetti psicologici, relazionali, affettivi e/o psicopatologici del cibo che entra in una relazione e nelle relazioni», ha detto Fausto Agresta, psicologo, psicoterapeuta, presidente onorario CSPP. «A parte i casi gravi di anoressia e bulimia negli adolescenti, mi è stato chiesto il perché una persona o una famiglia tenda a mangiare troppo o rifiutare il cibo. La descrizione sintomatologica è semplice ma se non si ricorre a una terapia che ricerchi e sradichi il problema, esso non verrà risolto. Il corpo diventa un veicolo di ansie, un contenitore di aggressività e affetti. Secondo recenti studi, tra 10 anni il 50% della popolazione italiana potrebbe essere composta da persone che soffrono di bulimia. Per evitare tutto questo bisognerebbe fare interventi di prevenzione nelle scuole e nelle famiglie».
«Tema cardine del convegno è stato l’approccio a 360 gradi tra essere umano e cibo, analizzato nei suoi aspetti più profondi», commentaAlessandra Di Pietro, dirigente scolastico Istituto De Cecco Pescara. «Il cibo non ha solo una mera caratteristica nutrizionale, ha anche un significato simbolico, affettivo, relazionale e ha valore identitario. Esso infatti è contemporaneamente cultura, tradizione e innovazione. Il prodotto tipico raggruppa elementi materiali e tangibili, le cosiddette materie prime di una determinata aerea geografica, ma anche elementi intangibili che sono la cultura, il modo in cui un prodotto viene cucinato. Esso diventa l’espressione del territorio di un popolo. Come dicono i grandi chef, “quando un cuoco si mette ai fornelli non cucina semplicemente ma racconta una storia, una cultura, una tradizione, un passato che si reinventa e si rinnova con elementi di modernità”».
Oltre ad Agresta e alla Di Pietro sono intervenuti i seguenti relatori: Marilisa Amorosi, dirigente psichiatra Centro Salute Mentale Asl Pescara Nord; Marilisa Laudadio, farmacista, nutrizionista, esperta in fitoterapia e intolleranze alimentari Federconsumatori Abruzzo; Rita D’Arcangelo, psicologa e psicoterapeuta; Marzia D’Incecco, segretario comunale Bellante Scafa. L’evento è stato moderato dal giornalista Paolo Castignani.

San Giovanni Teatino. "Scegliamo la salute per il nostro cuore. Sapere è potere". E' il titolo del convegno, patrocinato dal Comune di San Giovanni Teatino, che si terrà sabato mattina 26 maggio 2018 dalle ore 9.30, presso la sala consiliare del Municipio. Si tratta di una giornata di sensibilizzazione alla prevenzione del rischio cardiovascolare in favore della cittadinanza organizzata dall'associazione INSIGHT (INterdisciplinary Scientific Interest Group for HealTh) di Elice.
Ad aprire il convegno , aperto a tutta la cittadinanza, saranno i saluti del Sindaco Luciano Marinucci e dell'assessore alla politiche sociali Ezio Chiacchiaretta, mentre dottor Francesco Vadini, psicologo della salute, presenterà l'associazione INSIGHT e relazionerà sui fattori psico-sociali e rischio cardiovascolare-sintesi delle evidenze scientifiche. La dottoressa Anna Rita Iannetti, medico di prevenzione, parlerà di adattamento all'ambiente e malattia e la dottoressa Donatella Carbone, Psicologa clinica, degli effetti della mindfulness sulla salute.
"La prevenzione è fondamentale in ogni comunità: a San Giovanni Teatino lo sappiamo bene - ricorda il Sindaco Marinucci - e non siamo nuovi a questo tipo di attività- abbiamo infatti un defibrillatore nei pressi del Municipio inaugurato qualche mese fa. Come Amministrazione siamo sempre disponibili a collaborare sulla via della sensibilizzazione e della formazione: questo evento aggiungerà un altro importante tassello al nostro percorso, insegnandoci a vivere ancora meglio."
"Le malattie cardiovascolari sono attualmente la prima causa di mortalità a livello globale - spiega il dottor Vadini - Il numero di decessi, per lo più infarto e ictus, aumenterà fino a 23,3, milioni nel 2030. A livello comunitario la Società europea di Cardiologia e la European Heart Network calcolano, per la cura delle patologie cardiovascolari, un costo per l'economia UE di oltre 196 miliardi di euro l'anno. L'iniziativa dell'associazione INSIGHT ha lo scopo di sensibilizzare ed informare la cittadinanza locale sul rischio cardiovascolare e sui fattori di rischio sia biologici che psico-sociali. La giornata di sensibilizzazione di sabato persegue la finalità di promuovere la cultura della prevenzione e degli stili di vita protettivi per la salute".

Chieti. L’associazione di volontariato Onlus Erga Omnes organizza un convegno, ad ingresso libero, sul tema delle dipendenze da sostanze stupefacenti, sabato 26 Maggio alle ore 10.30, presso l’aula B di medicina dell’Università degli Studi G. d’Annunzio.

L’evento è patrocinato dal Comune di Chieti, dall’Università degli Studi G. d’Annunzio di Chieti e Pescara e dal Liceo Scientifico “F. Masci” di Chieti.

Al convegno interverranno: il dott. Massimo D’Alessandro, psicologo e psicoterapeuta del Ser.D. di Pescara, il quale fornirà il suo contributo partendo dal suo vissuto professionale e dalle sue competenze in ambito di dipendenze da sostanza.

La prof.ssa Sara Solipaca, dirigente scolastico del Liceo Scientifico Filippo Masci di Chieti, la quale esporrà la sua esperienza con gli adolescenti in ambito scolastico e l’importanza di affrontare il tema abuso di sostanze ed i suoi rischi, per favorire la prevenzione dello stesso.

Infine, interverrà Paolo Marra studente ventunenne ed autore del libro “Mille miglia intorno a me”, nel quale racconta di sé, del suo viaggio adolescenziale alla ricerca della sua identità, del conflitto genitoriale, la voglia di autonomia; allo sfondo l’abuso di sostanze che influenza inevitabilmente il corso degli eventi.

Modera la dott.ssa Maria Antonietta Scarcella, vicepresidente dell’associazione Erga Omnes. Verranno rilasciati gli attestati di partecipazione. Per informazioni: 0871-450291, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Pescara. Giovedì 24 maggio alle ore 17.30, presso la sala Tosti dell'Aurum di Pescara, avrà luogo il convegno "Il ruolo delle Regioni tra impegno civico e sostenibilità" promosso dal Sottosegretariato alla Presidenza della Giunta Regionale d'Abruzzo.
I lavori verranno introdotti dal Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca con i saluti di Giovanni Di Iacovo, Assessore alla Cultura del Comune di Pescara.
Seguiranno gli interventi del Vice Presidente della Regione Abruzzo Giovanni Lolli e di Massimiliano Smeriglio, Vice Presidente della Regione Lazio. Parteciperà il Presidente di Legambiente Abruzzo, Giuseppe Di Marco. Modera l'evento Gianni Melilla, Presidente emerito del Consiglio Regionale d'Abruzzo.

Fossacesia. Si terrà domani venerdì 18 Maggio alle ore 18.00, presso il teatro Comunale Nino Saraceni di Fossacesia, un interessante convegno sul tema dei vaccini dal titolo “Vaccini e salute”. L’iniziativa, organizzata dall’Amministrazione Comunale di Fossacesia, guidata dal Sindaco Enrico Di Giuseppantonio, in collaborazione con il Lions Club di Lanciano, tratterà la tematica dei vaccini, analizzandola in tutti i suoi aspetti. Dopo i saluti istituzionali da parte del Sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio e del Presidente del Lions Club Maria Rita Di Fabrizio, interverranno il Prof. Tommaso Staniscia, Direttore della Scuola di Specializzazione Igiene e Medici preventiva dell'Università "G. D'Annunzio" di Chieti Pescara, che parlerà dei “vaccini e vaccinazioni per la prevenzione delle malattie infettive”; a seguire il Dott. Antonio Saviano, Dirigente Medico Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica Asl 2 Abruzzo, affronterà il tema “Le vaccinazioni alla luce della nuova normativa. Luci ed ombre”. Chiuderà i lavori il Dott. Alessandrelli Riccardo con il tema “Autismo e vaccini. Spiegazioni di un mito”. Moderatore dell’evento il Dott. Vincenzo Palmerio del Lions Club di Lanciano.

Pescara. Sabato 19 maggio presso la Caserma “Vice Brigadiere Ermando Parete” della Guardia di Finanza di Pescara, si svolgerà un convegno nel ricordo, a due anni dalla sua scomparsa, del Vice Brigadiere Ermando Parete, attivo ed infaticabile testimone della immane tragedia dell’Olocausto.
L’evento, organizzato dalla Provincia di Pescara e dal Comando Regionale della Guardia di Finanza Abruzzo, vuole ricordare l’impegno civile e la storia del Vice Brigadiere Ermando Parete, dapprima deportato presso i campi di concentramento e successivamente destinato al campo di sterminio di Dachau in Germania. Liberato nel 1945 riesce a rientrare in Patria e raggiungere Abbateggio. Da allora, dopo il congedo, ha destinato la sua vita a ricordare gli orrori dell’Olocausto.
Il convegno vedrà il prestigioso intervento e contributo di Paolo Mieli, noto storico, saggista e giornalista e la partecipazione del Comandante Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza Gen. B. Flavio Aniello, del Presidente della Regione Luciano D’Alfonso, del Presidente della Provincia di Pescara Antonio di Marco, del vice Sindaco della città di Pescara Antonio Blasioli,
A ricordare la figura del suo papà, anche il figlio Donato Parete, il quale ha istituito lo scorso anno il Premio Parete, che in due momenti, presso la Caserma Parete di Pescara e presso l’Università Bocconi di Milano, cercherà di mantenere vivo il messaggio di speranza e di costruttività che erano proprie di Ermando Parete: ogni anno verrà proclamato il personaggio che sarà ritenuto esemplare per l’“entusiasmo nelconiugare conoscenza e intrapresa” ed, insieme, verrà sostenuto economicamente uno studente, per l’intero triennio di studi in Bocconi, attraverso la Borsa di Studio Premio Parete.
E, sabato, nel corso dell’evento sarà Paolo Mieli, durante l’evento in Caserma Parete, ad annunciare alla stampa il nome dell’assegnatario 2018 del Premio Parete.

Vasto. Il Club per l’Unesco di Vasto con la collaborazione del Comune di Vasto e Anci Abruzzo organizza, per Venerdì 18 maggio alle ore 17.00, nella Pinacoteca di Palazzo d’Avalos a Vasto, un convegno dedicato agli “Splendori d’Abruzzo”, per approfondire la conoscenza delle Faggete Vetuste del Parco d’Abruzzo. Per la prima volta l’Unesco ha inserito le faggete del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, tra i siti patrimonio dell’umanità.
La faggeta individuata ricade in sei Comuni; Lecce nei Marsi, Opi, Pescasseroli, Scanno, Villavallelonga eCivitella Alfedena siti che si contraddistinguono per la loro elevata naturalità e per la specifica collocazione geografica lungo il crinale principale dell’Appennino. Proprio queste sono state le motivazioni che hanno convinto la commissione giudicatrice. Un risultato straordinario per la nostra Regione.
Relatori dell’incontro saranno: Antonio Carrara Presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo, Cinzia Sulli Responsabile servizio scientifico PNd’A, Carmelo GentileResponsabile gestione programmi di tutela agrosilvopastorali PNd’A, coordina Giuseppe Forte assessore alla Cultura del Comune di Vasto.

Pagina 1 di 12

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione