Sulmona. Piazza  Garibaldi  gremita  di  gente,  l’aria  impregnata  di  emozione  e  risate  e  poi,   loro,  Gabriele  Cirilli,  Lorena  Bianchetti  e  Flavio  Insinna  protagonisti  del  “Premio  D’Amorosi  Sensi  Ovidio”,   seconda  edizione  svoltosi  ieri  sera  –  lunedì  13  agosto,  in  una  bellissima  notte  di  mezza  estate.      E  su  tutti,  la  gara.  Sono  il  regista  abruzzese  Ivan  D’Antonio  e  il  vignettista  sardo  Alvalenti  Filù  i  plurivincitori   del   Concorso   nazionale   a   tema   sull’amore,   ideato   da   Gabriele   Cirilli:   “Un’emozione   straordinaria,   colgo   l’occasione  per  ringraziare  i  miei  “sostenitori”  e  chi  mi  ha  aiutato  a  realizzare  questo  mio  sogno,  a  partire   dalla  sindaca  (dimissionaria)  Annamaria  Casini”.  La  vittoria  di  D’Antonio  è  stata  proclamata  da  una  giuria   composta  da  personaggi  del  mondo  dello  spettacolo  e  dell’imprenditoria;  quella  di  Filù  da  una  giuria  popolare.   Sul   palco,   insieme   a   loro,   anche   gli   altri   vincitori   selezionati   da   una   redazione   web.   Tra   i   giurati,   i   cantanti   Antonella   Bucci,   Silvio   Pozzoli   e   Mauro   Mengali,   il   regista   Claudio   Insegno,   l’attore   Nicola   Nocella,   l’imprenditore  Domenico  Santacroce,  il  fotografo  Paolo  Di  Menna,  il  cantante  Marco  Formichetti,  vincitore   della  prima  edizione  del  Premio,  e  la  giornalista  Elisabetta  Guidobaldi  dell’agenzia  Ansa.      La   rassegna,   dedicata   alla  parrocchia   San   Francesco   di   Paola   di   Sulmona,   ha   goduto   del  patrocinio   e   del   contributo   del   Comune   di   Sulmona   e   si   è   avvalsa   della   collaborazione   dell’associazione   “Insieme   Semplicemente”   nella   persona   del   presidente  Anselmo   Colarossi.   Il   “Premio   Ovidio”   ha   visto   coinvolto   la   fondazione  CARISPAQ  e  l’associazione  METAMORFOSI.      Nel  corso  della  serata  -­‐  si  stima  una  presenza  tra  le  3mila  e  le  5mila  persone  -­‐  non  sono  mancate  le  menzioni   speciali  per  i  personaggi  che  nel  corso  dell’anno  si  sono  distinti  per  un  atto  d’amore  verso  la  propria  regione.   Così  come  personaggi  non  abruzzesi,  ma  che  sono  legati  al  sociale  come  il  cantautore  Luca  Guadagnini  che  da   10   anni   porta   avanti   l’evento   “Rock   per   un   bambino”   in   favore   dell’Ospedale   Pediatrico   Bambino   Gesù   di   Roma,  e  aziende  come  Roche  Farmaceutica  per  il  progetto  legato  alla  sclerosi  multipla  #afiancodelcoraggio,   che  ha  ritirato  il  premio  Sara  Vinciguerra,  Head  of  Governmental    Affairs  di  Roche  e  segretario  della  giuria  del   concorso.        Ad  impreziosire  la  serata  e  lo  spettacolo  anche  altri  grandi  ospiti:  Quartetto  Piano  Piano,  gli  artisti  Umberto   Noto,  Giovanna  D’Angi,  Alfredo  Simeone  e  Luigi  Fiorenti,  direttamente  dal  “Cirque  su  Soleil”  Pippo  Crotti.   Sarà  presente  anche  l’attrice  Cinzia  Leone,  protagonista  insieme  a  Cirilli  di  uno  spot  per    dell’Abruzzo.           Comunicazione  Gabriele  Cirilli   Daniele  Mignardi  Promopressagency   Rif.  Stefano  Ghionni  -­‐  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.     Cell:  328  1413270  -­‐  www.danielemignardi.it 

Una giornata all’insegna dello sport, dell’ecologia e del divertimento, quella vissuta domenica 29 Luglio per la sesta edizione del Gran Sasso Bike Day. L'evento, inserito nel cartellone del Festival del Gran Sasso, ha portato sulla salita intitolata al grande "Marco Pantani"migliaia diamanti della natura. Un percorso di 35 km di strade chiuse al traffico, con un dislivello totale di 1100 metriche andava da Fonte Cerreto a Campo Imperatore.Panorami mozzafiato, neanche un veicolo a motore lungo il percorso, solo bici da corsa, mountain bike, tandem e biciclette con carello porta-bimbi per animare la manifestazione.
A promuovere l’evento, come negli anni scorsi, è stata l’associazione sportiva “Bike 99”, sostenuta dall’Associazione culturale “Assergi Racconta”, con il patrocinio del Comune dell’Aquila, dell’Ente Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e dalla Croce Rossa.
Nessun limite di età per i partecipanti, il più anziano superava gli 80 anni… il più giovane, Filippo, di soli 15 mesi, portato amorevolmente sulla bici della mamma con l’apposito carrellino.
Lungo il percorso erano presenti tre punti di ristoro allestiti dalla Protezione Civile.
Grandissima è stata la partecipazione anche grazie alla promozione del Centro Turistico che ha dato la piena adesione alla manifestazione.
Il Centro Turistico Gran sasso ha dato la piena adesione alla manifestazione, favorendo con prezzi ridotti l’utilizzo della funivia. Il piazzale Simoncelli, era strapieno di automobili e più di 1000 persone hanno utilizzato la funivia per salire a Campo Imperatore.
Tanti i partecipanti alla ciclopedalata di 115 km per i Borghi che ha toccato Santo Stefano di Sessanio, Calascio, Castel del Monte per poi attraversare tutta la piana di Campo Imperatore e far ritorno a Fonte Cerreto. Tra gli stand montati per l'occasione a Fonte Cerreto, il pasta party offerto dall'Amministrazione Separata Beni Usi Civici di Assergi e sapientemente cucinatodagli Alpini di Camardaha avuto grande successo.Inoltre, escursioni a piedi e mercatini dell'artigianato locale hanno completato l’evento. L'associazione “Bike 99”, attraverso queste manifestazioni ed il merchandising (anche attraverso le magliette degli organizzatori), ha voluto promuovere la cultura e la conoscenza del ciclismo come sport sano attivando, inoltre, anche un discorso condiviso con tutti gli altri utenti della strada nell'ottica del reciproco rispetto al fine di mantenere sempre alta la sicurezza stradale.

Pescara. A conclusione della 45^ edizione dei Premi Internazionali Flaiano che ha visto sfilare sul palcoscenico di Piazza della Rinascita a Pescara giornalisti, scrittori, studiosi e protagonisti dell’ultima stagione teatrale, televisiva e cinematografica, il bilancio è più che positivo. Migliaia di persone hanno affollato la piazza principale della città per seguire la cerimonia di consegna dei Premi che in un’unica serata ha visto la partecipazione di tantissimi volti noti del mondo della cultura e dello spettacolo: dal maestro della luce Vittorio Storaro (più volte premio Oscar) a Ferzan Ozpetek, da Elena Sofia Ricci ad Ennio Fantastichini, magistrali interpreti teatrali che, con i loro spettacoli in giro per l’Italia, hanno registrato quasi ovunque il tutto esaurito ed ancora le giornaliste ed inviate Rai e Mediaset Giovanna Botteri, Maria Cuffaro e Gabriella Simoni, Monica Guerritore, Massimo Popolizio e poi la prolifica scrittrice di gialli storici Ben Pastor, fino ai nuovi volti dello spettacolo tanto amati dai giovani come Alessandro Cattelan, Mika, Francesco Montanari sono soltanto alcuni dei tanti protagonisti che hanno reso straordinaria la serata conclusiva del 45° Flaiano. Memorabili sono stati anche i giorni immediatamente antecedenti la premiazione, del 45° Flaiano Film Festival che ha registrato un’altissima partecipazione di pubblico: 5000 presenze in una sola settimana, con una media di 600 persone al giorno così come sottolineato nel bilancio del Direttore Artistico del Festival, Riccardo Milani. Molto seguito il Concorso Mibact-Flaiano Opera Prima di cui il pubblico e la giuria popolare di 100 spettatori ha particolarmente apprezzato la varietà di temi e generi affrontati dai cinque film in gara: “Favola” di Sebastiano Mauri; “La terra dell’abbastanza” dei fratelli D’Innocenzo; “Dopo la guerra” di Annarita Zambrano; “Gli asteroidi” di Germano Maccioni; “L’età imperfetta” di Ulisse Lendaro.

Prodotto da Palomar e Rai Cinema, distribuito da Nexo Digital, il film vincitore, "Favola" di Sebastiano Mauri, protagonista uno strepitoso Filippo Timi, ha trionfato per l’originalità della scelta visiva e narrativa, trattando temi importanti quali la tolleranza, l’amore e la diversità. In conclusione si può certamente affermare che il programma del Festival, nell’insieme delle sue rassegne è stato apprezzato dal pubblico, con punte significative per “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino in versione originale, “Napoli velata” di Ferzan Ozpetek, “Come un gatto in tangenziale” di Riccardo Milani, a dimostrazione del fatto che il cinema italiano, presente trasversalmente in tutte le sezioni, ne è uscito assoluto vincitore.

 

Casoli. Si conferma un’”istituzione” tra gli eventi del panorama rock’n’roll il Custom Party che si è tenuto lo scorso fine settimana a Casoli (Ch). Tantissimi i bikers e gli appassionati del settore provenienti da tutta Italia che hanno partecipato alla dodicesima edizione dell’evento anni Cinquanta organizzato dall’associazione Number Twelve e Old School Diner con il patrocinio del Comune di Casoli.
“Il Custom – ha sottolineato l’organizzatore Nico Di Pendima – si conferma un grande successo e noi ne siamo davvero fieri. Ringrazio tutti quanti hanno permesso la realizzazione di questa iniziativa che in tutto l’Abruzzo rimane unica nel suo genere. Adesso ci prenderemo qualche giorno di riposo e poi subito a lavoro per l’edizione 2019”.
Tatuaggi, acconciature, moto e tutto ciò che parla dell’affascinante kustom kulture hanno addobbato il centro di Casoli, facendo fare così a tutti i visitatori un affascinante viaggio vintage nel fantastico mondo degli anni Cinquanta.
Ricchissimo il programma musicale di quest’anno che ha visto, come di consueto, la partecipazione di ospiti internazionali. Venerdì si sono esibiti Miss Spy C. & the Poker Jokers, the Lucky Lucianos e, accompagnata dal Don Diego Trio, la rock n'souler di Chicago Bailey Dee, vincitrice nel 2018 nella categoria miglior cantante femminile rockabilly ai prestigiosi Ameripolitan Awards Productions di Memphis.
Sabato sono saliti sul palco i Tboy and the Crazy Shakers, the Newtones, Hellcats e uno strepitoso Harry Fontana, star indiscussa della Lower Broadway che si è esibito per la prima volta in Italia. “Sono rimasto affascinato dall’Abruzzo – ha detto l’artista di Nashville – qui tutto è autentico, dai paesaggi che sono rimasti intatti ai borghi, fino ad arrivare al cibo”. E con un tocco di ironia ha aggiunto: “Il cibo abruzzese non ha nulla a che vedere con quello che mangiamo noi americani”.
Domenica invece hanno chiuso l’evento i Cross Road Blues Band e a seguire ZZKing.
La direzione artistica del festival è stata curata dall’88 Booking di Dj Galezzo che è stato peraltro il protagonista dei djset che hanno accompagnato nelle tre serate la musica dal vivo.

Tortoreto. Si è conclusa con un bilancio esaltante la 5° edizione del Salinello Sport Camp, che ha visto oltre 170 ragazzi provenienti da otto diverse regioni italiane trascorrere una settimana all’insegna di sport e divertimento.

Lo staff della Sunrise Sport, che ha organizzato l’evento nelle persone di Mario Ciervo, Leandro Iannetti, Andrea Squillantini e Stefano Blois, si è detto “Particolarmente soddisfatto per la riuscita di questo camp, proseguendo un percorso di crescita che stiamo portando avanti anno dopo anno: stiamo cercando di fare qualcosa di buono per Tortoreto e di valorizzare al meglio questo splendido territorio”.

L’edizione di quest’anno si è contraddistinta per la presenza di numerose eccellenze abruzzesi dello sport: su tutte spicca Debora Sbei, atleta giuliese 15 volte campionessa del mondo di pattinaggio artistico a rotelle, e uno strepitoso bagaglio di competenze messo a disposizione delle giovanissime partecipanti di questo camp.

Per quanto riguarda il calcio, la settimana è stata gestita al meglio dai fratelli Del Grosso: Cristiano, 250 presenze in Serie A e lo scorso anno in forza al Venezia, e Federico attuale capitano del Real Giulianova con un passato anche nell’Inter. Insieme a loro Giuseppe Giglio, prolifico attaccante delle minors con ben 19 squadre nel proprio curriculum.

Infine il basket, dove spiccavano le importanti presenze di Paola Mauriello e Gennaro Palmieri: scudetto e Giochi del Mediterraneo con l’Italia per l’una, gloriosi trascorsi nel Banco Roma per l’altro, entrambi campani ma ormai divenuti abruzzesi d’adozione. Lo staff tecnico della palla a spicchi è stato completato da altri allenatori d’eccellenza come Antonello Giordano, Annalia Cutolo, Marco Di Stefano e Sandro Bontà.

Tra i doverosi ringraziamenti, oltre al direttore e all’intero staff del Salinello, vanno citati il CEPU di San Benedetto che nei prossimi mesi curerà diverse iniziative per i ragazzi iscritti al camp, e l’azienda OrthofanPro di Fabio Fantozzi che si occupa da oltre 10 anni di paradenti professionali per i principali sport con un sistema di personalizzazione unico al mondo: l’uso di un paradenti, in particolare nel basket, è utile anche per ottimizzare respirazione e postura.

L’appuntamento è ovviamente per la prossima estate, con tante bellissime novità in cantiere!

Pescara. Concerti, seminari, masterclass. Grande riscontro di pubblico per la prima edizione del Pescara PercussionFest.
La kermesse, organizzata dall’associazione culturale Italy Percussive Arts Society, presieduta dal maestro Antonio Santangelo, in collaborazione con il Conservatorio, ha portato in città noti nomi dell’universo delle percussioni.
L’iniziativa è stata ospitata dal Conservatorio lo scorso fine settimana. Tre giorni intensi in cui allievi interni ed esterni hanno partecipato alle masterclass tenute da docenti come Anne-Julie Caron, Alessandro Svampa e PasqualeCristoforo.
Molto apprezzati e seguiti da un numeroso pubblico, i tre concerti serali.
Il concerto di apertura ha visto protagonisti tre giovani percussionisti del Conservatorio “Pergolesi” di Fermo: il 12 Percussion trio, formato da Gioele Balestrini, Ludovico Venturini e Luca Ventura, che hanno mostrato, in musica, il percorso evolutivo delle percussioni. Protagonista del secondo concerto, il SinfonicamenteDuo, con Stefano Delle Donne (violino) e Claudio Santangelo (marimba): una fusione di due strumenti apparentemente molto lontani tra di loro.
Gran finale con l’esibizione dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio, diretta dal maestro Roberto Molinelli, con i solisti Anna Serova (viola) e Claudio Santangelo (marimba), nel doppio ruolo di compositore ed esecutore.
L’obiettivo che mi prefiggo da molti anni è di trasmettere la passione per gli strumenti a percussione che, ancora oggi, non tutti conoscono nella loro completezza e varietà. Da 30 anni organizzo eventi dedicati a questi strumenti. E’ così che tanti giovani musicisti vengono in contatto tra loro arricchendo il bagaglio culturale con lo scambio di esperienze umane e artistiche” dichiara Antonio Santangelo. “Il bilancio di questa prima edizione è stato molto positivo, con una grande partecipazione di pubblico, che ha apprezzato l’iniziativa. Ringraziamo gli organi istituzionali del Conservatorio di Pescara e il direttore Alfonso Patriarca che ha creduto in questa novità per l’istituto e la città di Pescara”.

Montesilvano. Doppio successo all’Arena del Mare di Montesilvano. Quello del Moundial Beach Soccer che ha coinvolto Montesilvano, con la partecipazione di oltre 1000 persone solo nella giornata di ieri, e quello dell’Italia che ha trionfato sulle nazionali di Francia, Brasile e Argentina.

«Al di là del risultato sportivo - ha sottolineato Maurizio Iorio, presidente di Italia Beach Soccer e organizzatore - la più grande soddisfazione è stato il calore e la partecipazione che ci sono state dimostrate dalla città. I giocatori delle nazionali sono andati via innamorati della location e della gente. Io stesso ho conosciuto persone meravigliose. L’auspicio è che si possa proseguire in questo percorso che unisce il Beach Soccer a Montesilvano».

«La città di Montesilvano ha risposto con entusiasmo - sottolinea il presidente della commissione sport, Alessandro Pompei - partecipando con un enorme coinvolgimento. Grande successo anche per i trofei che abbiamo organizzato a corollario di questa manifestazione di stampo internazionale. Con il Trofeo Mastrangelo on the Beach abbiamo rievocato un torneo storico della città, che in questa sua nuovissima edizione ha rispolverato quel senso di appartenenza e di identità ai quartieri della città, nel nome dello sport».

Il Trofeo Mastrangelo on the Beach si è concluso con la vittoria di Montesilvano Colle su Villa Verlengia per 5 a 4. Miglior giocatore è stato Luca D’Alonzo del Villa Verlengia, mentre capocannoniere Lib Alizadeh con 9 gol, sempre di Villa Verlengia. Sei in totale le squadre rappresentative di altrettanti quartieri che si sono messe in gioco: Villa Verrocchio, Villa Carmine, Villa Verlengia, Montesilvano Colle, Montesilvano Centro e Colonnetta.

Il terzo trofeo è stato quello dei Giovanissimi. In campo i ragazzi di 14 e 15 anni, di Acqua & Sapone, Olimpia, Verlengia, Vis Montesilvano, Atletico Montesilvano, Real Dem. A trionfare, la finalissima, è stata l’ Acqua&Sapone che ai calci di rigore con 9 a 8 ha battuto l’Olimpia. Miglior portiere Giovanissimi Maurizio Florindi, capocannonieri giovanissimi Liberati, Sgambato, Ruggieri con 4 gol.

«L’estate montesilvanese – sottolinea l’assessore agli eventi, Ottavio De Martinis – è cominciata nel segno del più alto sport. Questo weekend abbiamo ospitato la prima tappa dell’IBS, ma lo sport con la S maiuscola continua ancora. Da domani, infatti al Pala Dean Martin ospiteremo le Kinderiadi Trofeo delle Regioni, la manifestazione di pallavolo, riservata agli atleti under 16 e under 15 femminili, che si sfideranno in 4 tornei , indoor maschile e femminile e beach volley maschile e femminile. Sempre nelle nostre strutture sportive, il palaroma e il pala senna, fino al 30 giugno, ospiteremo il Montesilvano Futsal Cup, la manifestazione di calcio a 5 che è giunta alla sua sesta edizione. Montesilvano è ormai meta ideale del turismo sportivo di stampo nazionale e internazionale».

«Con il Moundial Beach Soccer - ha aggiunto la consigliera Angelita Palumbo - abbiamo avuto l’occasione di conoscere questo coinvolgente sport e abbiamo ospitato grandi campioni che hanno fatto la storia del calcio, che hanno dato vita ad una bellissima festa dello sport».

Teramo. Ieri sera a Teramo è stata davvero la Festa della Musica. Giovani promesse e artisti locali, nazionali e internazionali hanno letteralmente invaso la città, portando la loro arte, la loro gioia ai teramani. Corso San Giorgio, i portici ACI, piazza Sant’Anna, piazza Martiri della Libertà, piazzetta del Sole, il Chiostro di Sant’Antonio e tante altre zone del centro cittadino hanno visto il susseguirsi di band e di concerti, dal rock al blues, dal jazz al soul. Tutti uniti per una vera e propria festa che porta con sé, un messaggio forte e chiaro, convinto e deciso: “NO” alla violenza sulle donne.
La Festa della Musica – Donne Summer, promossa e organizzata dall’Associazione Culturale Big Match infatti, ha voluto dedicare ad alcune grandi donne del passato, scomparse prematuramente, le varie location in cui si sono svolte le esibizioni. E allora Billie Holiday è rivissuta nel Chiostro di Sant’Antonio con il magnifico concerto di Fiammetta Ricci Quintet; Anna Marchesini nella centralissima piazza Martiri della Libertà con i Pepper& the Jellies nel pomeriggio e iTrioart&AwaLy, in serata; Frida Kahlo nella suggestiva piazza Sant’Anna con Lavinia Mancusi prima e l’Orchestra Popolare del Saltarello ft. Teresa De Siopoi; Mia Martini a Largo San Matteo con il concerto della giovanissima pianista Sara Merletti; Valeria Solesin e Fabrizia Di Lorenzo nella stupenda piazzetta del Sole con le band del MIT (Musica Inedita Teramana), gli Shijo X, Marianna D’Ama feat. Davide Grotta, i Rainska e tanti altri. E poi, Ilaria Alpi, Ester Pasqualoni, Emanuela Loi e Francesca Morvillo sono rivissute rappresentando idealmente tutte le donne senza volto e senza nome, dimenticate o non adeguatamente considerate dalla nostra cultura.
Il momento clou della serata è giunto intorno alle 22:00 quando sui palchi di piazza Sant’Anna e piazza Martiri della Libertà hanno fatto i loro ingressi i Trioart&AwaLy e l’Orchestra Popolare del Saltarello ft. Teresa De Sio.
Piazze piene, gente in festa, musica di altissimo livello e tanto divertimento per una serata che Teramo non dimenticherà facilmente.

Augusta. Entusiasmo a non finire, brio e crescente allegria è la magia del Circo Lidia Togni, che con le sue meravigliose attrazioni premiate al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo, continua con successo il suo tour nel siracusano. Tappa ad Augusta dal 21 al 25 giugno sito in Corso Sicilia (Stadio), è pronto ad accogliervi con il suo maestoso e confortevole chapeau. In programma due spettacoli al giorno alle 18.30 e alle 21.15; lunedì 25 giugno unico spettacolo alle ore 18.30. Il circo Top Class, apre il suo spettacolo con la star della pista, Vinicio Togni Canestrelli, figlio di Lidia e direttore del complesso circense, universalmente riconosciuto come il più esperto e prestigioso addestratore a livello internazionale. Il direttore del complesso circense, vanta della straordinaria giostra equestre, premiata con il Clown d’Argento dalla Principessa Stephanie di Monaco, al Festival del Circo di Montecarlo e con la Medaglia commemorativa della Presidenza della Repubblica Italiana al Festival del Circo d’Italia, Città di Latina. Un’attrazione che mette in risalto la perfetta simbiosi tra uomo e cavallo, con la presenza di ben 30 esemplari di diverse razze: lipizzani austriaci, frisoni olandesi, crioli argentini, palomini lusitani e ponies dello Shetland. Vinicio Togni, sempre alla ricerca di novità, quest’anno presenta, con grande maestria, animali di bellezza unica come. i leoni bianchi, attrazione premiata al Festival del Circo di Montecarlo e al Festival del Circo d’Italia Città di Latina, dove ha ricevuto il premio del SIAC, il Sindacato degli Addestratori d’Europa. Domina ancora la pista, il direttore, affiancato dai figli Vinicio Junior Togni e Giorgia Togni, con il numero degli animali esotici: cammelli, dromedari, asinelli della Siria, lama, vatussi, lo yak, l’hungarian grey. Quello del Circo Lidia Togni è uno show di grandi esclusive, con l’adrenalinica attrazione delle moto nel globo d’acciaio, i motociclisti della troupe “Diavoli Latini” che sfrecciano e si incrociano ad altissima velocità in una piccola sfera d’acciaio; i “Bad Boy” acrobati spericolati alla ruota della morte al ritmo di melodie sudamericane; la troupe “Murcia” funamboli a grande altezza da cardiopalma; gli esilaranti clowns Lele’, Remachin, Viny, Pin Pin e Cornettin; il verticalista Christian Ferney con esibizioni di forza fisica ed abilità; la contorsionista Mayerly che grazie ad un’insolita flessibilità del corpo riesce ad eseguire pose uniche con grande forza ed eleganza; l’antipodista Jennifer Barlay-Brescianini, sinuosa artista che con la sua specialità, volteggiare con i piedi cilindri, palloni…affascina il pubblico. Uno spettacolo tutto da scoprire, che dona forti emozioni e tanto divertimento. Ad accompagnare gli spettatori, alla scoperta del mondo magico del circo, quello della pura tradizione di casa Togni, c’è il clown bianco Marcello, una figura di quelle immortalate dal grande regista Federico Fellini nei suoi celebri film. Uno show entusiasmante, coinvolgente e di estrema qualità che coniuga tradizione ed innovazione, garantito da Vinicio Togni. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.circolidiatogni.net Oppure la pagina facebook Circo Lidia Togni.

Ad aprire la giornata, ci ha pensato l'IZS "G. Caporale" con un convegno dal titolo "La straordinaria intelligenza dei microbi: nuovi scenari nella microbiologia degli alimenti vegetali" che ha raccolto un grande successo tra il pubblico. Relatrice, la giovanissima dottoressa Daniela D'Angelantonio.
Subito dopo, è toccato ai Nina's Quartet allietare la serata ai presenti prima dello spettacolo di Radio Capital, "Parole Note".
Alle 21 infatti, Giancarlo Cattaneo e Maurizio Rossato sono saliti sul palco ed hanno stregato la piazza con il loro inconfondibile mix di musica, poesia e cinema.
La voce di Cattaneo ha raccontato e regalato emozioni mentre Rossato, con maestria, ha creato un flusso di musica elettronica che è riuscito a coinvolgere intensamente i tantissimi teramani presenti. La parte dello spettacolo che ha emozionato di più è stata l'ultima, quando si è parlato di famiglia e del rapporto viscerale tra genitori e figli.

Il clou della serata è arrivato alle 22:30 con i 3 X TE (Paolo Di Sabatino, Toni Fidanza e Arturo Valiante) e con la loro esibizione al centro di Piazza Sant'Anna.
Un palco, tre pianisti e un concerto dedicato alle donne:dopo l'esecuzione dell'Inno alla gioia infatti, non si poteva non iniziare con "Donne" di Zucchero. Poi, spazio ai brani inediti dei tre artisti, "Anche le stelle cadono" di Toni Fidanza, "Chiacchiere" di Arturo Valiante e "The Country Lane" di Paolo Di Sabatino.
La serata organizzata dall'associazione culturale Big Match è volata via poi, tra le note di un pezzo jazz e l'altro, per la gioia del numeroso pubblico accorso a Piazza Sant'Anna.

Pagina 1 di 12

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione