Articoli filtrati per data: Dicembre 2017

Francavilla al Mare. Paolo Di Credico è il nuovo segretario cittadino di Francavilla del Movimento Civico Abruzzese, prende il posto di Tonino Zinni.
“Sono stato nominato portavoce del Movimento di Francavilla con l’intenzione di portare questo ruolo a livelli anche maggiori – ha spiegato il nuovo segretario, Paolo Di Credico – con la disponibilità di appoggio maggiore verso il sindaco Luciani che chiaramente per noi è un punto di riferimento per il Comune di Francavilla. Il Movimento nasce appunto per portare nuovi stimoli con proposte verso il sindaco affinché attui anche quelle che sono le problematiche anche più spicciole del Comune di Francavilla, non solo tematiche più sentite come quelle della Sirena, di piazza Sant’Alfonso dove sicuramente il sindaco ha fatto bene, ma il territorio va visto in un modo più ampio nelle zone esterne al litorale e con maggiore attenzione e perché no magari vadano accolte le loro istanze. Subito dopo le feste natalizie noi ci siamo già presi in carico di fare un sopralluogo con il sindaco sulle aree interne, questo per sottolineare il fatto che per noi il territorio di Francavilla va inteso nella sua interezza. Adesso viene il bello perché nell’attimo in cui c’è stato questo nuovo Movimento c’è stata una grande condivisione con degli ottimi risultati, dato che i rappresentanti di questo Movimento sono persone altamente qualificate e che hanno parecchia voglia di fare, vogliamo avere l’ambizione di guardare sempre più in alto”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, a seguito delle intensificate misure di vigilanza poste in essere dal Questore di Pescara, dr. Francesco MISITI, in relazione alle correnti festività natalizie, si è proceduto all’arresto, effettuato dalla Polizia di Stato, nella serata di ieri 30 dicembre di C. E., di Loreto Aprutino (PE), classe ’55, per il reato di rapina aggravata. Nello specifico personale dell’UPGSP- Squadra Volante- alle ore 18.15 circa interveniva presso la Farmacia Perbellini di questa via Nazionale Adriatica Nord civico 147, in quanto era stata perpetrata una rapina ad opera di un uomo, dettagliatamente descritto, il quale poco prima si era introdotto all’interno della farmacia, parzialmente travisato e minacciando le farmaciste con un taglierino si era fatto consegnare l’incasso, ammontante ad 525 euro, fuggendo successivamente a bordo di velocipede.
Le informazioni prontamente assunte dalle suddette, in servizio al momento, nonché le immagini immortalate dalle telecamere di sicurezza della farmacia, permettevano di individuare a circa 200 metri dall’attività pubblica in parola l’autore, all’interno del Centro Commerciale denominato Delfino, sito al civico 201 della via Nazionale Adriatica Nord. Tale operazione è stata resa possibile anche grazie ad una immediata e serrata azione di controllo di tutta la zona circostante la farmacia da parte del personale operante.
Il C., inoltre, veniva riconosciuto anche come l’autore della rapina perpetrata in data 29 dicembre alle ore 11.30 presso la stessa Farmacia e pertanto denunciato.

Pubblicato in Cronaca

Francavilla al Mare. Un inquietante episodio si è verificato nel pomeriggio di ieri in piazza IV Novembre (tra viale Nettuno e viale D'Annunzio) a Francavilla al Mare.
Un gruppo di ragazzini (tutti minorenni) avrebbero aggredito un 62enne reo di averli richiamati dopo essere stati sorpresi a lanciare sassi sui passanti. L'uomo è stato poi ricoverato in ospedale.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Emanuele Cavallucci, unico pugile professionista a Chieti dal 2013, è ormai vicinissimo all’incontro per aggiudicarsi il titolo italiano che si disputerà nell’estate del 2018.

L’atleta, allenato da Davide Di Meo, nipote di Tullio Di Giovanni, ultimo a portare a Chieti una cintura di pugilato professionistica prestigiosa con il titolo europeo, dopo l’ultimo incontro disputato a Roma dove ha vinto per abbandono dell’avversario alla quarta ripresa, si avvicina a grandi passi alla tappa decisiva che sarà organizzata grazie al manager Davide Buccioni di Roma.

«Rivolgo ad Emanuele – commenta l’Assessore allo Sport, Antonio Viola - ormai vicinissimo all’incontro più importante, il mio più sincero in bocca al lupo. Aggiudicarsi il titolo italiano, riportandolo a Chieti dopo 50 anni, sarebbe una impresa storica di cui la città potrà essere orgogliosa».

Pubblicato in Sport

Chieti. “Oggi riteniamo di aver costruito correttamente il bilancio consolidato 2016, di avervi inserito gli enti che andavano in esso compresi e che tra questi non dovesse esservi l’ACA perché in concordato preventivo. Su questo punto la norma applicata è chiarissima”.

Lo ha rimarcato l’Assessore alle Attività Finaziarie, Valentina Luise, a margine dell’approvazione, nella seduta odierna del Consiglio Comunale, del Rendiconto della gestione economico patrimoniale e del Bilancio consolidato per l’esercizio 2016, documenti che costituiscono l’ultimo tassello della riforma contabile nell’ambito del più ampio processo della contabilità degli Enti pubblici.

«Si è trattato di un adempimento di natura tecnica, con valenza meramente informativa, legato all’adozione di un sistema contabile integrato – ha aggiunto l’Assessore Luise - che ha comportato dei ritardi, come avvenuto in moltissimi altri Comuni, a causa della difficoltà di affrontare i mutamenti del quadro normativo. I documenti approvati, infatti, non modificano affatto il bilancio già approvato la scorsa estate come chiarito dallo stesso collegio dei Revisori dei Conti nel parere al bilancio economico patrimoniale dell’Ente.

Per quanto riguarda la riserva sollevata dall’organo di revisione relativamente all’inserimento del bilancio di ACA nel perimetro del consolidamento – ha aggiunto l’Assessore Luise - la norma è molto chiara. Pertanto, la riserva mossa dal collegio, che pure ha espresso parere favorevole, è superata. La norma prevede, infatti, che il bilancio dell’azienda acquedottistica non vada inserito in quanto in concordato preventivo. Non c’è spazio per diverse interpretazioni ed appare, dunque, illogico voler continuare ad insistere su tale aspetto.

Infine, per quanto riguarda la perdita di quattro milioni che si genera nel rendiconto economico patrimoniale, questa viene interamente coperta con le riserve e non ha alcun riflesso sugli esercizi successivi considerato che il patrimonio netto del Comune ammonta a circa 99 milioni».

Pubblicato in Politica

Chieti. “Già dalla giornata di ieri sono stati avviati i previsti interventi programmati dall’Assessorato al Verde Pubblico per rimpiazzare numerosi alberi che era stato necessario eliminare in quanto la loro instabilità costituiva pericolo per la pubblica incolumità. La ditta affidataria Gardenia Sas di Chieti sta, infatti, provvedendo alla piantumazione di essenze in diversi punti della città”.

E’ quanto annuncia l’Assessore al Verde Pubblico, Raffaele Di Felice.

«L’attenzione dell’Amministrazione Di Primio nei confronti della gestione del territorio – ha aggiunto l’Assessore Di Felice - e, in particolar modo, della sicurezza dei cittadini, a volte ci obbliga a sacrificare alberi che, ormai in condizioni di instabilità o perché di intralcio al transito dei pedoni, generano pericolo per la pubblica incolumità. Al contempo, vengono programmati gli interventi per la loro sostituzione. In questi giorni è ripartito il programma di reimpianto di alberature “a riposo” che verranno messi a dimora secondo un calendario di interventi che proseguiranno la settimana prossima.

In particolare, nella giornata di ieri, in Via Ricci, sono già state reimpiantate n. 10 Sophore mentre n. 10 tigli sono stati messi a dimora in Via Muzii, nel quartiere Levante, e in Via Campobasso.

Gli interventi prevedono, nei prossimi giorni, la piantumazione di n. 10 frassini in via Amiterno e via Capestrano; n. 4 tigli alla Villa Comunale in sostituzione degli esemplari che si era reso necessario eliminare; n. 2 platani in Viale Amendola.

Tale attività – ha concluso l’Assessore Di Felice - si inserisce nell’ambito del piano di recupero e riassetto che l’Amministrazione del Sindaco Di Primio ha inteso darsi, ritenendo la valorizzazione del Verde uno dei cardini su cui fondare il miglioramento della qualità di vita dei cittadini e il decoro urbano».

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Si è riunito il 30 Dicembre il coordinamento dei comitati di quartiere della zona Grandi Alberghi PP1 di Montesilvano. Al centro della discussione diversi temi che preoccupano gli abitanti del quartiere, ma anche le opportunità di rilancio di una delle zone strategiche della Nuova Pescara che si costituirà dal 1 Gennaio 2019.

Tra le emergenze discusse ci sono: gli accordi tra costruttori e Giunta Comunale per nuove edificazioni nell'area del "Curvone", senza la garanzia di servizi pubblici e interventi di riqualificazione di un quartiere, che ha visto finora solo case, ma con molte opere pubbliche interrotte o mancanti. Tale decisione è in contrasto con quanto aveva assicurato il Sindaco, in occasione di un recente incontro pubblico con i comitati di quartiere, il 7 dicembre scorso, dichiarando "Nessun metro cubo sarà ulteriormente realizzato prima di aver garantito il completamento delle opere pubbliche mancanti". Il primo progetto da completare è l'asse commerciale a priorità pedonale di Corso Strasburgo, dalla stazione al mare, e il boulevard alberato di viale D'Andrea, dalla grande piazza al fiume, oggi area verde abbandonata, domani possibile strada mercato alberata servita dal trasporto pubblico, da Pescara a Silvi.

Addirittura, come segnalato dal consigliere comunale Di Stefano, si starebbe trattando in Giunta Comunale per trasferire in un'area a standard del quartiere PP1 la cubatura spostata dal centro per conservare un parcheggio pubblico di proprietà privata in prossimità del Comune. E questo senza nessuna discussione pubblica né nel Consiglio Comunale né nel quartiere. Oltre a questi e ad altri problemi del quartiere, esistono però anche delle opportunità di rilancio di questa zona, strategica per la presenza di 4mila posti letto alberghieri, il palazzo dei congressi d'Abruzzo, un multisala e il previsto Teatro del Mare, soprattutto in una visione metropolitana nell'agenda della grande città di Nuova Pescara. Del resto, i comitati hanno già segnalato al Sindaco e al Presidente D'Alfonso le proprie aspettative di rilancio dell'area, ed esistono anche i mezzi e le opere finanziate che, oggi non sono adeguatamente sfruttate per questo rilancio. Tali sono il ponte sul Saline, il trasporto pubblico sulla

Strada Parco, i parcheggi di interscambio di Montesilvano, Marina di Città Sant'Angelo e Silvi, il collegamento tra tangenziale di Pescara e l'autostrada. Ma, in assenza di piano e di progetti che potrebbero essere finanziati anche con fondi europei, il ponte in corso di costruzione, ad esempio, rischia di diventare il collegamento per le auto dei lungomare di Silvi e Montesilvano, distruggendo quel che rimane dell'industria turistica della zona a mare. Tali temi saranno discussi in un convegno pubblico previsto per i primi di Gennaio 2018 a cui sono stati invitati a partecipare gli amministratori della città e della Regione.

Pubblicato in Cronaca

Chieti. Il COISP di Chieti, esprime vivo apprezzamento e gratitudine ai colleghi della Sezione Volanti del locale Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico che nel tardi pomeriggio di ieri hanno arrestato, in flagranza di reato, un ladro d’appartamenti.

Ricevuta la nota radio che segnalava la presenza di due individui aggirarsi con fare sospetto nelle adiacenze di un’abitazione sita in questo centro cittadino, immediatamente gli Ufficiali ed Agenti delle due Volanti in servizio, si portavano sul posto per meglio accertare i fatti.

Giunti in loco gli Agenti si ponevano sia all’entrata che all’uscita della strada, operando un vero e proprio accerchiamento dell’abitazione per poter limitare al minimo l’eventuale tentativo di fuga dei malviventi. Notavano la presenza di vetri rotti sparsi sul selciato ed una finestra rotta che lasciava chiaramente intuire d’essere stati da poco preceduti da malviventi esperti nel “settore” dei furti in casa. Pertanto, con circospezione e passi prudenti i poliziotti delle due Volanti entravano nell’abitazione sorprendendo ancora con la refurtiva in mano due “topi d’appartamento”.

Oramai vistisi scoperti ai due criminali non restava che darsi a precipitosa fuga. Prontamente gli operanti si mettevano al loro inseguimento riuscendo ad acciuffarne uno. L’altro, grazie al buio ormai sceso sulla città e sfruttando la fitta vegetazione del posto, riusciva fortunosamente a guadagnare la fuga e far perdere le tracce.

Dopo le formalità di rito, l’arrestato veniva condotto presso la locale Casa Circondariale. All’anziana vittima venivano restituiti gli averi che i ladri avevano asportato dall’abitazione recuperati dagli Agenti nel corso del rocambolesco inseguimento.

Ancora una volta il COISP mette in evidenza come i poliziotti teatini nonostante si trovino ad operare costantemente in condizioni di criticità per carenze di organico e di risorse, facendo esclusivo appello alla loro professionalità, all’altissimo spirito di sacrificio, dedizione al servizio, notevole senso del dovere e padronanza delle più efficaci tecniche operative , riescano ugualmente a garantire alla Città di Chieti ed hinterland sicurezza e senso di protezione e presenza attiva delle Istituzioni.

Nel periodo delle festività natalizie, dove le cronache nazionali registrano un incremento dei reati e soprattutto dei furti in appartamento, gli Agenti delle Volanti della Questura di Chieti ricevono particolare ammirazione dalle tante persone anziane che, per la loro condizione di fragilità, si ritrovano, loro malgrado, ad essere sempre più “vittime privilegiate” in tali delitti.

Il COISP è, e rimarrà, osservatore attento e critico verso tutte le inadeguatezze di strumenti e norme che non consentono agli operatori di Polizia di lavorare in condizioni ottimali per la tutela propria e dei cittadini.

Pubblicato in Cronaca

Campobasso. È in programma il 3 gennaio 2018 alle ore 20 al Teatro Savoia di Campobasso il Concerto di Solidarietà e Pace ‘Diciamolo con il Cuore’. L’iniziativa, che rientra nel cartellone ‘Un Natale…coi fiocchi!’ promosso dal Comune di Campobasso, è curata dall’Associazione culturale Ethos, in collaborazione la Regione Molise, la Fondazione ‘Il Cuore delle Donne’, Acli Molise e l’Associazione Digital Media e l’arcidiocesi di Campobasso -Bojano.
A esibirsi sul palco del Savoia sarà il coro gospel and spirituals ‘Ancient Souls’, diretto da Rita D’Addona, con la partecipazione della ‘Epic Music Orchestra’ e Alberto Di Lecce alla zampogna. Special guest della serata la voce soul di Josette Martial.
Hanno presentato l’evento, nella sala consiliare di Palazzo San Giorgio, venerdì mattina, 29 dicembre, il primo cittadino di Campobasso, Antonio Battista insieme all’organizzatrice e direttrice del coro, Rita D’Addona. Un grazie da parte di quest’ultima è andato all’assessorato alla Cultura e a tutta l’amministrazione di Palazzo San Giorgio per aver voluto ancora una volta essere vicini alla solidarietà. A sua volta il sindaco ha invitato la cittadinanza a prendere parte alla serata. “Questo cartellone, con iniziative di circa un mese – le parole di Battista – promuove le energie del territorio e attività culturali di livello, proprio come lo spettacolo al quale il 3 gennaio avremo modo di assistere”.
Durante la conferenza è stato poi ricordato come quest’anno il concerto coincida con il ventennale della nascita del coro. “Un traguardo importante che ci emoziona e che il coro ha voluto condividere con l’Epic Music Orchestra e con la cantante internazionale, la voce soul di Josette Martial. Quella del 3 gennaio – ha detto la direttrice dell’ensemble vocale e strumentale- sarà una serata all’insegna della musica, in una dimensione internazionale perché, non bisogna dimenticare come la musica sia un linguaggio universale. Nello stesso tempo, - ha proseguito - il messaggio è quello della solidarietà e della pace per il nuovo anno che questo evento si appresta a inaugurare nella città di Campobasso, la quale, ormai da tempo, accoglie questo messaggio di speranza, capace, come spesso Papa Francesco ci ricorda, di plasmare il nostro cuore a messaggi positivi”. Proprio come la solidarietà promossa attraverso l’iniziativa, che vedrà destinare una parte del ricavato alla prevenzione e alla cura delle malattie del genere femminile.
“Simili eventi hanno già consentito di promuovere ad esempio all’interno del carcere di Benevento screening per le donne recluse. La finalità è appunto quella di poter dare una mano alla prevenzione delle malattie di genere”, nelle conclusioni a margine della conferenza.

Pubblicato in Cultura e eventi

Napoli. La chiave di comprensione del significato del film, “NAPOLI VELATA” di Ferzan Ozpetek è “Il Cristo Velato” di Giuseppe Sanmartino (1753), situato nella Cappella Sansevero, mostrato al termine del film. Il “Cristo Velato” è uno dei simboli più popolari di Napoli, la velatura tutta di marmo, a lungo oggetto di discussioni, può ben rappresentare i misteri e i segreti di Napoli. Il filmsi svolge in un alternarsi di scene di vita napoletana, che velano o disvelano la realtà. Tutte forti e coloratissime, ricche di particolari significativi, colpiscono il cuore e la mente.Non narro la trama, mi fermerò solo su alcune scene che descrivono come F. Ozpetek vede Napoli.
La protagonista, l’attrice Giovanna Mezzogiorno,è un medico anatomo-patologo, vive ogni giorno a contatto della morte, e ne spiega le cause con preciso linguaggio scientifico. Come nella tradizione delle antiche tragedie greche, lei fonde nella sua vita thanatos e eros, quest’ultimo vissuto con partner casualiin un silenzio interrotto da pochissime parole, rappresentato in manieraesplicita assai, disvelata. Violenta la morte del suo ultimo uomo. Amante, amico, fidanzato, compagno? Svelato il movente del crimine, non l’autore.Violenta ed esplicita anche la morte dei suoi genitori, avvenuta quando era ancora una bambina che osservava il mondo intorno a sé, e ne rimaneva segnata.
Lei unisce dunque in sé la cultura scientifica e le tradizioni antiche, popolarissime e superstiziose della gente di Napoli. Per capire meglio i fatti della sua vita, si reca da una veggente. L’ anticamera del locale in cui l’indovina riceve è affollata tanto da richiedere la macchinetta che regola la fila con i numeri. Lì, uomini e donne di tutte le età attendono disciplinatamente il loro turno per arrivare a sentire i responsi della indovina, velatissimi questi, oggetto di discussioni fra amici per capirne il significato occulto. Velato anche il parlare di un amico di lei, Pietro, un vecchio gay interpretato da Beppe Barra, portatore di saggezza e cultura decifrabili solo da pochi intimi. Velato il parlare, ma svelata la morte improvvisa in un affollatissimo mercato. Per quelli come lui, la scena del rito napoletanissimo e noto a pochi, del parto dei maschi.
Gli interni domestici fastosi, dalle tinte scure o poco luminose, rappresentano la Napoli barocca, nascosta da mura esterne fatte di mattoni ingrigiti dalla polvere del tempo. Arredi, stucchi dorati, dipinti, tappeti, porcellane, tendaggi di velluti pesanti, ed anche giardini fioriti visibili oltre qualche vetrata, narrano il benessere di pochi, le abilità artigianali di tanti, vite segrete e nascoste.
Comprensibilissima ed esplicita, invece, indicativa degli aspetti più moderni di Napoli, la scena che si svolge nella fabbrica dei vestiti. Un capannone immenso, con file di tavoli attrezzati, intorno ai quali gruppi di uomini e donne tagliano e cuciono, a mano anche, in una sorta di dimensione industriale dell’artigianato locale, che non cancella e annulla la creatività individuale, anzi dà ad essa una dimensione più ampia. Bellissime anche le scene che si svolgono nella coloratissima e moderna metropolitana.
Frase finale della protagonista: “Tutto quello che si dice, ma non c’è la prova, diventa leggenda”. Un film per gli innamorati di Napoli.

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 82

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione