Articoli filtrati per data: Sabato, 01 Aprile 2017

San Salvo. Continuano le iniziative legate a “Progetto Sud Festival”2017 che si terrà il 25, 26 e 27 agosto prossimo a San Salvo Marina (Ch). Dopo l’ufficialità delle date, è stato infatti appena lanciato un gadget particolare relativo alla quarta edizione di una delle iniziative musicali più importanti del Centro Sud Italia: una cover per smartphonesulla quale sono stati riproposti i prodotti tipici della tradizione enogastronomica abruzzese.
“Dopo le tragiche vicende che hanno profondamente colpito la nostra regione – spiegano gli organizzatori Antonio Cane, Andrea Di Iorio e Daniele Manzone – abbiamo voluto dare un segnale, lanciare un messaggio, promuovendo e valorizzando i tesori della nostra terra: gli arrosticini abruzzesi, la ventricina dell’alto vastese, le pesche, una produzione tipica dell’agricoltura di San Salvo e l’uva come simbolo del Montepulciano d’Abruzzo conosciuto e apprezzato in tutto il mondo”.
Un’iniziativa, ideata in collaborazione con Smart Media Shop, che sta già girando su tutti i social network con lo slogan “I love Abruzzo. I love San Salvo. I love Progetto Sud Festival” con riscontri più che positivi.
Intanto si attende il programma musicale che sarà reso noto in occasione presentazione dell’evento che si terrà a maggio.
Dopo gli affollati concerti dell’anno scorso con99 Posse, Bandabardò e Apres la Classe,gruppi di punta dell’edizione 2016 che ha contato oltre 30mila presenze, si attendono con ansia i nomi degli artisti di quest’anno che, a detta degli organizzatori, saranno di alto calibro.
Riconfermato anche quest’anno lo StreetFoodd’aMare, l’originale cibo da strada, dedicato in particolar modo alla promozione dei prodotti gastronomici di nicchia.
E nell’attesa della presentazione ufficiale del programma, l’organizzazione invita a seguire tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook “Progetto Sud Festival”.

Pubblicato in Cultura e eventi
Sabato, 01 Aprile 2017 00:00

Fabrizio Moro in concerto a Pescara

Pescara. FABRIZIO MORO sarà in concerto al Teatro D’Annunzio di Pescara il prossimo 30 giugno.

Dopo l’annuncio dei 3 appuntamenti di anteprima, previsti per il 20 aprile al Fabrique di Milano e il 26 (SOLD OUT) e 27 maggio al PalaLottomatica di Roma, FABRIZIO MORO si prepara a presentare il suo nuovo disco di inediti “PACE” (Sony Music Italy) con un live tour nazionale.

RADIO ITALIA è la radio ufficiale del tour.

L’album “Pace” contiene il singolo sanremese “Portami Via” già certificato oro (certificazioni diffuse da FIMI / GfK Italia), il cui video del brano su Vevo (http://vevo.ly/fsgi58) ha oltre 17.290.000 visualizzazioni.


Cantautore, chitarrista e musicista italiano, Fabrizio Moro ha alle spalle una ventennale carriera, cominciata nel 1996, con all’attivo 8 album in studio e la raccolta “Atlantico Live”. Oltre all’edizione appena finita, durante la quale il brano “Portami via” ha ricevuto la "Menzione Premio Lunezia per Sanremo" come miglior testo in gara nella sezione Campioni, Moro ha già partecipato a quattro Festival di Sanremo come cantautore e due come autore: vince nel 2007 tra le Nuove Proposte con “Pensa”, brano con il quale si aggiudica anche il Premio della Critica “Mia Martini” e conquista il podio nel 2008 tra i Campioni con “Eppure mi hai cambiato la vita”. Nel corso degli anni, diversi suoi brani sono stati utilizzati come spot pubblicitari e documentari e come colonne sonore per campagne sociali, serie e programmi TV.

 

Il concerto di Pescara è organizzato da Alhena Entertainment e Ventidieci
Biglietti in vendita su Ticketone e Ciaotickets e nelle prevendite abituali.
Questi i prezzi:
POLTRONISSIME NUMERATE 35,00 € c.d.p.

POLTRONA NUMERATA 30,00 € c.d.p.

GRADINATA NON NUMERATA 23,00 € c.d.p.

Info concerto: 085.9433361; 366.2783418

Sito ufficiale Alhena Entertainment: www.alhena.it

Facebook Alhena Entertainment: http://on.fb.me/1OExn6C

Twitter Alhena Entertainment: https://twitter.com/AlhenaLive
www.ventidieci.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Dal 31 marzo Tira a Campare nuovo singolo per la band abruzzese La Differenza con Edoardo Bennato. La canzone anticipa l’uscita dell’album Il Tempo Non (D)Esiste, prevista per maggio, progetto discografico nel quale Fabio Falcone e soci omaggiano la musica italiana grazie anche alla partecipazione di grandi nomi del nostro panorama.

“Se un ragazzo della generazione attuale si imbattesse all’improvviso in una successione di canzoni così belle come quelle contenute in questo disco non si farebbe delle domande sul quando queste siano state scritte, se le godrebbe e basta come sarebbe giusto fare con tutto quello che ascoltiamo”.

Ecco, le parole di questo amico youtuber tracciano, meglio di qualunque altra, il perimetro di un’operazione così, il racconto entusiasta di alcuni episodi della canzone italiana intravisti sotto una luce diversa, come se si trattasse a tutti gli effetti di materiale completamente nuovo messo a disposizione soprattutto di chi non lo conosce nel suo abito originale.
Tra i pezzi dell’album, qualcuno più noto al grande pubblico ed altri decisamente meno, si respira infatti la vita fuori dall’archivio, una specie di attualità consapevole.

“Al di là dunque di qualsiasi valutazione sulle modalità di riproposizione di queste canzoni - gli originali sono sempre più belli di default - scherza Fabio Falcone, il cantante de La Differenza - , queste storie sembrano tutte scritte ieri, ed inevitabilmente da grandi autori”.

Prodotto da Stefano Severini & Raffaele Zaccagna, Il Tempo Non (D)Esiste è un richiamo allo splendore del repertorio meno noto di alcuni tra i più grandi artisti del periodo, una ricerca mai pedante ad uso delle nuove generazioni, seppur priva di compiacimento nostalgico.
Il riflettore puntato su brani straordinari che sembrano scritti ieri, ma che in buona parte dei casi sono sfuggiti al rimasticamento dei talent show e dei pianobaristi estivi, investe il repertorio di artisti come Edoardo Bennato, Eugenio Finardi, Ron e quello più recente del primo Alex Britti.
E poi quello di Enrico Ruggeri, con diversioni nell'eleganza distaccata di Garbo e nell'intensità di Tony Cicco della Formula 3.
Unica eccezione di una hit senza se e senza ma, il Sole Spento realizzato con Omar Pedrini, comunque stravolto fino ad un reggae assolutamente coinvolgente.
Tutti loro hanno apportato la loro collaborazione interpretativa al disco, rendendolo un unicum nell'attuale panorama musicale, così pure come Alberto Fortis che rilegge insieme alla band in chiave dark dance un capolavoro aspro di Faust'o (all'anagrafe Fausto Rossi) e nel caso dell'omaggio diretto agli Skiantos del formidabile Roberto “Freak” Antoni.

“Non si è trattato di attualizzare nulla - spiega Fabio Falcone - ma semplicemente di riprodurre e suonare a modo nostro qualcosa che di per sé era già meraviglioso e “moderno”, inteso nell'accezione migliore naturalmente”.

L’unico inedito del disco è Molecolare, preso in prestito e scritto insieme ad uno dei più interessanti autori della scena italiana, Davide Di Maggio (tra le altre cose ben noto per Cleptomania degli Sugarfree).
Qui la band lascia spazio al gusto elettronico di Jakka e alla Produzione, giocando con gli accenti ed incalzando fino ad un pre-inciso reiterato e ad un ritornello particolarmente “catchy”. Testo bizzarro e furbissimo, in cui c’è la disperazione di un uomo che cerca la verità nel contatto fisico con una compagna che glielo nega, per distacco o per disamore, con i due avvolti in un finale.

Tira a Campare con Edoardo Bennato è la canzone scelta dunque per aprire la strada a questo nuovo ambizioso lavoro de La Differenza.
Quando nel lontano 1974 Edoardo Bennato la scrisse per Napoli le cose erano molto diverse.
Le canzoni, quando sono belle come questa, vivono di luce propria, abbracciano altre storie, si sfilano dalla narrazione originaria e sconfinano verso nuove malinconie senza chiedere permesso, prestando così la voce persino a chi al tempo della prima pubblicazione non era ancora nato.
Ed ecco come una dedica d’amore contrastato ad una città diventi la più attuale delle ferite, con una generazione in bilico tra la rabbia del dover andar via e la riflessione sul restare, la più impietosa possibile.
Quel “c’è ancora un po’ d’umanità” del finale del brano ora non potrebbe che esser letto con acuminata ironia, questo è sicuro; resta comunque il dubbio di un mondo che sente di non avere scelta, e che la Vita, quella vera, sia necessariamente altrove, come chiosava qualcuno.

Nel videoclip del brano (regia di Giò Martinelli, attori protagonisti Gianmaria Racano e Gaia Genovesi) c’è il silenzio laconico della ripetizione, in un quotidiano che non ha più direzione né la esige, su sequenze di gesti che si chiamano fuori da ogni desiderio di comunicazione.
La band intanto racconta quella rivoluzione prigioniera della mente dei protagonisti che non sa farsi movimento oppure che, senza rumore, è pronto a diventarlo a breve. La canzone è una versione rivisitata di quella incisa da Edoardo Bennato. Nata originariamente sull’amore contrastato verso la propria città d’origine, nel video si trasforma nella riflessione di una generazione sull’andare o sul restare nel silenzio impietrito dei protagonisti, tra la ripetizione dei gesti quotidiani e la loro progressiva assenza di significato.
Tira a Campare dunque è il filo dei pensieri, il dubbio, il desiderio senza rumore che segue gli attori di Giò Martinelli in ogni loro movimento, smarriti tra un’alba e la sera di una giornata qualunque.
Tira a Campare è prodotto da Stefano Severini & Raffaele Zaccagna per SMR/Universal Music.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Entro il 2018 Regione Abruzzo e Arta pubblicheranno il nuovo "Rapporto sullo Stato dell'Ambiente". Lo ha annunciato il Sottosegretario alla Presidenza con delega all'Ambiente Mario Mazzocca a margine dell'incontro tra Arta, associazioni ambientaliste, parchi e riserve naturali convocato a Pescara dal Direttore generale dell'Agenzia, Francesco Chiavaroli.

"L'ultimo Rapporto sull'Ambiente - ha spiegato Mazzocca - risale al 2003. Con il cambio di governance all'Arta ci sono ora le condizioni per riprendere in mano il lavoro che, oltre ad essere una mia idea fissa da tempo, e' la risposta ad un obbligo morale e politico. Ho già acquisito la piena disponibilità del direttore dell'Arta Chiavaroli e sicuramente i contributi delle associazioni saranno utili alla redazione del volume in virtù della loro fattiva presenza sul territorio".

Il Rapporto sullo Stato dell’Ambiente è il documento che racchiude e riassume tutte le informazioni sulle condizioni ambientali e la loro evoluzione nel tempo, conseguite mediante il monitoraggio, il controllo, l’attività analitica e l'elaborazione dei dati.

Hanno partecipato all'incontro i rappresentanti di WWF, Legambiente, Italia Nostra, Forum H2O, Ecoistituto, Nuovo Senso Civico, Mila DonnAmbiente, oltre ai rappresentanti delle riserve e aree protette regionali Punta Aderci, Torre del Cerrano, Abetina di Rosello, Penne, Riserva Dannunziana.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Siamo al lavoro per presentare alla prima seduta del Consiglio Comunale una delibera che consentirà di portare a metà aprile la scadenza della prima rata della Tari. Si tratta di una decisione per venire incontro ai cittadini che non hanno ancora ricevuto i modelli F24 a casa e che ci consentirà anche di alleggerire disagi o file agli uffici".
Così in unanota l'assessore a Finanze e Tributi del Comune di Pescara, Giuliano Diodati, che aggiunge: "Una volta allargati i termini di scadenza, sarà nostra premura anche verificare che le operazioni di consegna siano andate a buon fine, come abbiamo progettato affidandole ad una ditta specializzata. Questo ci aiuterà a comprendere come migliorare il servizio e renderlo più rispondente alle esigenze dell'Amministrazione e dei cittadini contribuenti”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Conferenza di commiato per Enzo Del Vecchio, che lascia l'Amministrazione comunale di Pescara per assumere il ruolo di capo della segreteria del Presidente della Regione Luciano D'Alfonso. Vice sindaco e assessore per 33 mesi, che ha raccontato con una presentazione fra cifre, dati, progetti finiti e altri messi in cammino, circondato dal sindaco Marco Alessandrini, dai colleghi assessori Paola Marchegiani, Giacomo Cuzzi, dal nuovo vice sindaco Antonio Blasioli, dal presidente della Commissione Grandi Infrastrutture Francesco Pagnanelli e da tutto il personale dei settori che per quasi tre anni Del Vecchio ha seguito con le sue deleghe.

“Un commosso e sentito arrivederci per Enzo – così il sindaco Marco Alessandrini – con lui continueremo a collaborare ma con forme diversee e mutevoli. Sono stati, i suoi, 33 mesi a servizio della città, un rendiconto di tutto quello che è stato capace di fare richiederebbe molto più di una conferenza, ma i frutti saranno visibili sulla città, perché scaturiscono da un lavoro no-stop di 24 ore al giorno. Nell'ultima Giunta con lui in carica gli ho dato appuntamento a lunedì, perché per noi il lavoro continua, anzi, avremo modo di confrontarci con una sorta di prova della maturità avendolo in Regione. Enzo è stato per noi un vero e proprio pilastro di esperienza, in questi tre anni ne abbiamo avuti due: uno è stato Camillo D'Angelo del quale purtroppo abbiamo potuto fruire solo per pochi mesi all'inizio del mandato, l'altro è Enzo che per 33 mensilità ha dato il suo contributo alla città che ha rappresentato e che continuerà a rappresentare dalla Regione”.

“Vedere tanti collaboratori intorno mi mette gioia e anche emozione – così Enzo Del Vecchio - Ringrazio il sindaco che mi ha conferito la delega che mi ha consentito di mettermi a disposizione della città. Ho condensato il lavoro di tanti mesi in alcune tavole, ma mi preme dire che è stato possibile solo grazie alla forza, alla capacità e resistenza degli straordinari dipendenti del Comune di Pescara che mi hanno seguito e non hanno smesso di credere al servizio. E' stata un'esperienza bella con un capitale umano unico, sia nei momenti belli delle inaugurazioni, che n quelli difficili, con le avversità. Ho lavorato con persone splendide che non si sono mai sottratte a una mole di lavoro imponente, non dicendo mai no. E' stata una mole di lavoro capace di movimentare oltre 38 milioni di euro per le deleghe maggiori, a cui si somma il lavoro svolto per i progetti strategici come Piano Regolatore Portuale, Area di Risulta, Ponte Nuovo mirati a dare prospettive di crescita e sviluppo alla città.
Porto. Abbiamo ripreso il Prp appena insediati e a fine novembre 2016, lo ha definitivamente approvato la Regione dopo un'assidua interlocuzione coi lavori Pubblici. Area di risulta: ci siamo messi a lavorare per vedere quali erano le prospettive, gli uffici stanno lavorando sulla Vas per dare assetto a quell'area da riqualificare. Ponte nuovo, la terza opera strategica che si staglia dentro la città, simbolo di bellezza e funzionalità. Il progetto è partito nel 2008 e ce lo siamo ritrovato noi ancora da approvare, cosa accaduta a marzo 2015 dopo aver fatto passaggi per variante importante per farlo partire e ora è pronto per l'inaugurazione. C'è poi l'approvazione del programma per le periferie, 18 milioni di fondi che ne movimenteranno 58 milioni, una bellissima occasione da cogliere e che darà corso a una serie di interventi di riqualificazione di cui andare fieri. Appena insediati avevamo le emergenze del 2013 per via delle frane, il nostro primo intervento fu su Fosso Vallelunga con somma urgenza, la riapertura di via Colle Scorrano, è invece stata l'ultima in ordine di tempo legata al maltempo di gennaio. Pescara Parcheggi: abbiamo trovato una società in liquidazione, che oggi ha prospettive di crescita ancora inespresse e che esprimerà per divenire un assett per la città, ma abbiamo lavorato moltissimo anche sulla riorganizzazione dei parcheggi. Pescara Energia: non solo Pescara avrà ulteriori 14 milioni di euro di risorse da investire, ma abbiamo una nuova società di gestione che ci consentirà di riammodernare tutto l'impianto cittadino. Con Pescara Energia ho in questi giorni portato avanti anche la procedura per appalto unico del gas con un appalto da 400 milioni di euro. Protezione civile: non sono mancati momenti di difficoltà, i tecnici hanno svolto sopralluoghi, verifiche e altro su tutte le strutture pubbliche per verificare la fattibilità, da cui sono nate delibere indirizzo importanti come per la vulnerabilità sismica e sullo stato delle strade per la manutenzione.
Chiudo con un elenco, ma guardando le facce dei miei collaboratori non dimentico il grande lavoro fatto su fiume e depurazione: lo abbiamo attraversato in lungo e largo il Pescara, i fossi, i canali per verificarne lo stato, eliminare le criticità e migliorare lo stato delle acque, abbiamo fatto una unità ad hoc che prima non esisteva, che ha compiuto interventi e in un anno e mezzo abbiamo ripulito tutto ciò che poteva essere ripulito. Il risultato sulla balneabilità emesso dall'Arta in questi giorni è il frutto di un lavoro costante e non è un miracolo, ma il frutto di un lavoro costante e non è un punto di arrivo. Poi c'è il problema piogge e la filiera depurativa perché entrop l'anno prossimo con 20 milioni di euro esaudiremo anche quella filiera. I cimiteri, abbiamo riassunto al Comune la gestione di quello di Colli Madonna e a giugno sarà libero anche quello di San Silvestro. Sicurezza stradale, siamo l'unica città d'Abruzzo che è riuscita ad avere i fondi per il Centro di monitoraggio sulla sicurezza e faremo con l'assessore Matteucci un progetto regionale con finanziamenti completamente nuovi; così come per la sede distaccata della Protezione civile regionale. Il personale: ripenso alle giornate per il bando che ci ha concesso l'assunzione di 28 unità fatto in corsa per non perdere l'opportunità preziosa per l'Ente in debito di capitale umano, va ringraziata la straordinaria disponibilità di queste persone.
E' stata una cavalcata bella, nonostrante le difficoltà, abbiamo corso e rincorso ogni problema, da ultimo gli espropri, in un colpo solo la competenza degli avvocati incaricati dal Comune hanno fatto risparmiare milioni di euro e legittimato operazioni che ci consentiranno di restituire alla città infrastrutture e spazi nuovi, come il parco archeologico di Colle del Telegrafo. Per finire: grazie a tutti, anche alla stampa. Sono dal 2003 al Comune perché la gente mi ha dato la fiducia. Per la campagna elettorale del sindaco Alessandrini ho scelto l'immagine della formica, instancabile e operosa ho voluto schiudere con quella, con la speranza di aver lasciato un buon ricordo”.

“Grazie ad Enzo che oltre ad aver portato avanti un grande lavoro – dice il presidente della Commissione Grandi Infrastrutture Francesco Pagnanelli – ha sempre lavorato con misura e competenza, ha sempre dialogato con tutti ed è questa la forza della sua personalità. Dialogo, azione e mediazione per il bene comune di tutti che è la città”. “Io ed Enzo politicamente siamo nati insieme – dice l'assessore Paola Marchegiani - abbiamo vissuto questa avventura in politica stando accanto, sempre. In lui ho avuto un riferimento importante, ho cercato di dissuadere il Presidente perché restasse, mi ha detto che Enzo avrebbe potuto esprimere al meglio la sua vicinanza alla città anche dalla Regione e di questo sono convinta. Come sono convinta che da cenerentola d'Abruzzo, Pescara avrà maggiore attenzione da una Regione che in dieci anni non ci ha mai dedicato molto”. “Enzo è di certo la goccia che scava la roccia – conclude il vice sindaco e assessore Antonio Blasioli - Lo ha fatto anche con delle prese di posizione che spettano al vice sindaco quando deve trovare a ciò che decide la Giunta ascolto e adesione da parte dei gruppi consiliari. Lo ha fatto ogni giorno lavorando. Sto facendo una full immersion sul lavoro avviato ma sono certo che in Regione saprà essere il generale di collegamento ideale che in questi tre anni è un po' mancato, anche se mai abbiamo avuto una Regione così vicina alla città”.

Pubblicato in Politica

Chieti. “Desidero tranquillizzare i cittadini perché non è in corso nessun aumento indiscriminato delle tasse ma un inevitabile adeguamento delle tariffe dovuto al maggiore costo del servizio per lo smaltimento dei rifiuti. La Tari subirà variazioni in aumento dall’11% al 20% rispetto al 2016 e solo del 7% rispetto al 2015. Nel piano finanziario di quest’anno, per fare chiarezza, si sono dovuti inserire dei costi in parte fissa, contrattualmente previsti, che negli anni precedenti non erano stati considerati in quanto non era stato possibile determinarne il valore”. È quanto dichiara il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, a margine del Consiglio Comunale odierno che ha visto la trattazione del piano finanziario sui rifiuti (TARI).

«La tariffa Tari, che non è una tassa ma la copertura del costo di un servizio reso al cittadino - commenta il Sindaco - si costruisce, per legge, su una parte fissa e su una parte variabile e, sempre per legge, si stabilisce ciò che viene calcolato in termini di quota fissa e ciò che va ad alimentare la quota variabile.
Nel caso specifico del Comune di Chieti, le quote fisse che incideranno sull’aumento delle tariffe sono state oggetto di contestazione tra il Comune e il gestore del servizio. Le diverse interpretazioni riguardavano l’entità ovvero il metodo di calcolo dello smaltimento rifiuti in discarica. Solo a seguito di chiarimenti da parte dell’ufficio legale siamo riusciti a quantificare la somma esatta e abbiamo chiarito la giusta determinazione della lettura dell’art. 14 del capitolato d’appalto risalente all’anno 2009.

In particolare – prosegue il Sindaco - le due voci che determineranno il maggiore costo sono le cosiddette ‘premialità’, previste dal contratto, e la frazione di rifiuto organico portata fuori Ato ovvero ad altro impianto fuori dall’ambito territoriale.
Le percentuali gridate dalle opposizioni in questi giorni non corrispondono al vero. Se prendiamo come termine di raffronto le tariffe del 2015, lo scostamento è pari al 7% ed è bene ricordare che l’anno scorso i cittadini hanno beneficiato di una consistente riduzione grazie alle scelte messe in atto da questa amministrazione. Volendo fare degli esempi, gli aumenti oscilleranno tra i 2 e i 7 euro al mese in base alle 6 fasce che sono determinate sul numero degli occupanti l’immobile.

Supporto a famiglie numerose o con basso reddito sono scelte politiche ben chiare fatte dall’amministrazione – evidenzia il Sindaco - così come il sostegno al piccolo commercio rispetto alla grande distribuzione.

Sulle utenze non domestiche, in particolare, si è agito facendo pesare le variazioni, per esempio, sugli ipermercati e le banche.

Per quanto riguarda le agevolazioni e le riduzioni esse rimarranno invariate rispetto a quelle già attuate negli anni passati, scelte volute dall’amministrazione che vanno a mitigare gli aumenti.
Otterranno, quindi, una riduzione del 66,66% le abitazioni occupate da soggetti che risiedono o abbiano la dimora per più di 6 mesi l’anno all’estero; del 15% le utenze domestiche che adottano il compostaggio; del 50% le unità immobiliari che abbiano nel nucleo familiare portatori di handicap individuati dal comma 3 art. 3 della legge 104/92 (compresi non vedenti, sordomuti e grandi invalidi di guerra), con reddito ISEE non superiore a 20.000 euro; del 25% le unità immobiliari che abbiano nel nucleo familiare portatori di handicap in situazioni di disabilità non grave con reddito non superiore a 15.000 euro; del 20% i nuclei familiari con minimo di tre figli a carico con reddito non superiore a 15.000 euro; del 50% tutte le unità immobiliari ubicate nel raggio di 700m della discarica Casoni; del 50% gli immobili ubicati in via Penne, in via Di Vittorio, via Custoza, via Auriti fino a via Custoza e via Pomilio primo tratto e gli immobili ubicati in un raggio di 1000 metri dalla discarica di Colle Marcone; del 20% per nuclei familiari i cui componenti abbiano oltre 70 anni e reddito ISEE non superiore a 15.000 euro e per nuclei familiari i cui coniugi abbiano una età non superiore a 35 anni e reddito complessivo 15.000; dal 20 al 50% le attività produttive di rifiuti speciali (quali, ad esempio, studi medici, carrozzerie, falegnamerie, officine meccaniche); del 40% per gli esercizi commerciali che si attiveranno per combattere la ludopatia nonché esenzioni le nuove attività di pubblico esercizio di Via De Lollis, Piazza Malta e Via Toppi (per i primi tre anni), le abitazioni occupate da nuclei familiari il cui reddito è costituito unicamente da pensione minima erogata da qualsiasi organismo previdenziale e le abitazioni occupate da nuclei familiari il cui reddito è costituito da indennità di mobilità corrisposta dall’INPS».

Pubblicato in Politica

Pescara. "Saremo sempre al fianco dei cittadini che lottano per salvaguardare la sanità pubblica. Il diritto alla salute è di tutti, e non saremo mai d'accordo con un governo regionale che vuole sacrificare il pubblico " questo il commento di Domenico Pettinari nel corso della manifestazione per salvare l'Ospedale di Popoli che questa mattina, davanti al Palazzo della Regione di Via Bovio, ha contato centinaia di cittadini e sindaci dei comuni interni. "Siamo da sempre impegnati in questa battaglia" continua Pettinari "L'Ospedale di Popoli è fondamentale per garantire un servizio sanitario adeguato alle zone interne. Abbiamo più volte portato questo tema all'interno del dibattito consiliare, ma la.maggioranza non ha preso i provvedimenti necessari e non ha voluto accettare le nostre proposte. Ora che i cittadini sono arrivati a fischiarli fuori dagli uffici regionali forse avranno più voglia di sentire cosa ha da dire l'opposizione e prendere in considerazione le nostre proposte". L'emendamento del PD che prevede una sospensione di 36 mesi per il declassamento dell'Ospedale di Popoli è una presa in giro perché condiziona questa scelta al parere favorevole del Ministero delle Finanze . Come dire : sospenderemo il declassamento di Popoli a condizione che i ragionieri del ministrerò ci diano l'assenso sui conti . E' solo un modo per scaricare la responsabilità politica sugli uffici tecnici. Se si voleva realmente salvare l'ospedale di Popoli si scriveva un emendamento senza condizioni.

Pubblicato in Politica

Francavilla al Mare. Un momento per riflettere insieme sulla tematica dell'autismo. E' quello che si terrà domani, alle ore 18, nella piazzetta del Professore a Francavilla. L'Amministrazione comunale aderisce così alla Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull'Autismo, che cade il 2 aprile, istituita dall'Onu nel 2007 per accrescere la sensibilità sul tema. L'iniziativa, voluta dall'Assessorato alle politiche sociali che fa capo a Francesca Buttari, si svolge in collaborazione con l'associazione Orizzonte di Francavilla e con l'ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici). Essa prevede che alle 18, proprio accanto al pontile Sirena, dopo un breve momento di riflessione, vengano liberati nel cielo tanti palloncini blu, simbolo dell'iniziativa.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Sboccia la primavera al Museo delle Genti d’Abruzzo e il polo museale del centro storico di Pescara spalanca le sue porte a percorsi artistici inediti in cui le esposizioni in corso si abbinano a concerti, letteratura, cinema d’autore, spettacoli teatrali e arte digitale. Una stagione ricca di appuntamenti, nata dal confronto e dalla contaminazione con i contenitori artistici più vivaci e seguiti della città (in primis l’IndieRocket Festival e il FLA Pescara Festival) uniti all’energia della rete culturale territoriale.

Il cartellone degli appuntamenti di primavera al Museo delle Genti d’Abruzzo è stato presentato stamattina durante la conferenza stampa, nella Sala Giunta del Comune di Pescara, alla quale hanno partecipato l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo, il presidente della Fondazione Genti d’Abruzzo Roberto Marzetti, i consiglieri del cda Vincenzo D’Aquino e Adriana Gandolfi, il consigliere comunale del Pd Emilio Longhi e alcuni artisti locali. La struttura museale che si snoda nello storico edificio delle caserme borboniche, completamente rinnovata grazie al contributo prezioso del nuovo consiglio di amministrazione presieduto da Roberto Marzetti, si apre alla città grazie all’avvio di una serie di iniziative di pregio.

 

IL PROGRAMMA COMPLETO

La nuova stagione è stata inaugurata giovedì 30 marzo dal concerto del duo australiano dei Sodastream, realizzato in collaborazione con l'IndieRocket Festival. Karl Smith e Pete Cohen hanno portato tra le sale del polo museale i brani freschi e intimi del loro nuovo album “Little By Little”, considerato dai critici il loro miglior disco in quanto rende onore a tutte le sfumature del loro repertorio. Un altro duo, lunedì 24 aprile alle ore 21.00 all'Auditorium Petruzzi, sarà protagonista di uno spettacolo musicale che non sarà soltanto piacevole intrattenimento, ma una vera e propria esperienza spirituale: gli Heraira presenteranno infatti il loro primo disco ufficiale, “The simple way of the heart: Chapter one”, un album fatto di canzoni, tutte arrangiate alla frequenza 7,49hz, quella del cuore, ed elaborate sulla base di canti mistici, preghiere e testi antichi appartenenti a varie lingue e culture.

Ma la musica non è l’unico pilastro della nuova operazione culturale, voluta fortemente per consentire al pubblico di scoprire in maniera originale ogni settore della struttura e approfondire le mostre in corso. La prossima settimana, lunedì 3 aprile, il museo si apre al romanticismo surreale della commedia cinematografica “Mr. Rudolpho’s Jubilee”, interpretata dall’attrice tedesca Christiane Paul, fresca vincitrice di un Emmy Award a New York, e dagli attori italiani Francesco Mazzini, Roberta Bianchini, Valeria Ferrario ed Enzo Giraldo con i costumi di Beatrice Paola Ruffini. Il film sarà proiettato nella Sala Favetta del Museo delle Genti d’Abruzzo a partire dalle ore 21.00 e sarà preceduto dal concerto dei Bright Blue Gorilla e dall’incontro con il regista Michael Glover. A seguire sarà offerta a tutti gli spettatori una degustazione di vini e stuzzicherie tipiche abruzzesi a cura di Cantina Agriverde (Ortona), Associazione "Amici della Nevola" (Ortona) e Il Diavolo e l'Acquasanta (osteria di Pescara Vecchia).

Uno spazio importante per allargare l’offerta culturale del museo riveste la letteratura. In occasione della Giornata Mondiale del Libro, il 22 e il 23 aprile, tutte le sale della struttura ospiteranno incontri, presentazioni, tavole rotonde, laboratori e reading promossi dalla rete civica “Pescara Legge” in collaborazione con il FLA Pescara Festival e con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara. “Biblioteche, piazze del sapere” è il tema di questa edizione della manifestazione, istituita dall'Unesco nel 1996 e festeggiata nel capoluogo adriatico per il terzo anno consecutivo.

I temi della valorizzazione dei balli e delle tradizioni popolari, del recupero della memoria collettiva e del rapporto con le proprie identità culturali affiorano sia nella rassegna teatrale denominata “La Casa della Memoria”, a cura della compagnia Murè Teatro, e sia nel concerto intitolato “Dalla Majella ai Trabocchi”, dell’associazione culturale Terre del Sud. Ogni domenica, dal 30 aprile al 21 maggio, i giovani attori porteranno in scena quattro spettacoli, concepiti come racconti di territori ricchi di cultura, bellezza e umanità. L’appuntamento è sempre alle ore 18.00 all’interno del Bagno Borbonico del Museo delle Genti d’Abruzzo. Questi i titoli degli spettacoli in cartellone: domenica 30 aprile “Giuseppina – una donna del sud” di e con Pierluigi Tortora (La Bottega del Teatro, Caserta); domenica 7 maggio “Maja, storie di donne dalla Majella al Gran Sasso” a cura di Murè Teatro, di e con Francesca Camilla D’Amico; domenica 14 maggio “Lupo In-Canto, storie di uomini e di lupi”, racconto teatrale in musica a cura di Murè Teatro con Marcelo Sacerdote e musiche di scena di Flavia Massimo (voce e violoncello); domenica 21 maggio “Fontamara”, lettura teatrale dal romanzo di Silone a cura di Murè Teatro con Francesca Camilla D’Amico e Marcelo Sacerdote. Sulla stessa scia il concerto in programma giovedì 4 maggio all’Auditorium Petruzzi, in via delle Caserme. Il repertorio include canti della tradizione orale, classici di autori abruzzesi, composizioni di Terre del Sud, alcuni inediti (tra cui la canzone dedicata alla Brigata Majella) in uno spettacolo coinvolgente in cui emozioni antiche si rinnovano negli arrangiamenti attuali e nelle composizioni d’autore. Sul palco saliranno Paola Ceroli (voce e percussioni), Mimmo Spadano (voce, chitarra acustica e chitarra battente), Peppe Tetiviola (flauto traverso, fiati etnici, cori), Stefano Andretta (mandolino, basso acustico, chitarra e cori), Tino Santoro (voce, tamburi a cornice e percussioni) e Vincenzo De Ritis (fisarmonica e cori). Gli appuntamenti teatrali proseguono il 28 maggio all’Auditorium Petruzzi con una replica di “Gyneceo” di Vincenzo Mambella, con regia di Edoardo Oliva (produzione Teatro Immediato).

Tra i tanti appuntamenti di primavera del Museo delle Genti non poteva mancare l’arte digitale, grazie a un’edizione speciale di Behance curata dell’associazione culturale Pepe Collettivo in collaborazione con il Museo delle Genti d'Abruzzo. Dal 12 al 14 maggio, gli artisti del territorio collaboreranno con gli studenti delle principali università d’arte in Europa, in particolare Cracovia e Copenaghen, realizzando una grande opera collettiva ispirata al tema della rinascita del territorio che sarà apposta negli spazi del polo culturale di Pescara. Performer, video mapper, illustratori, grafici, web designer, video maker, fotografi e musicisti di diverse parti d’Europa uniranno i loro talenti per cercare di valorizzare l’immagine di Pescara e dell’Abruzzo dopo i giorni bui dell’emergenza sismica e meteorologica.

Per info e prenotazioni ci si può rivolgere al numero 085.4510026.

 

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI IN CONFERENZA STAMPA

«Il Museo delle Genti d’Abruzzo – sottolinea l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara Giovanni Di Iacovo – è il cuore culturale della città, una struttura di primo piano che sta vivendo una vera primavera. In questi mesi di ottima gestione, grazie all’impronta del nuovo cda, tantissime persone hanno scoperto la meraviglia di questo gioiello del centro storico, dei suoi luoghi e dei suoi spazi che si sono aperti per la prima volta alle iniziative culturali della città. Il tutto grazie a un’offerta caleidoscopica, un corredo di iniziative che fa rete con le realtà più vivaci del territorio, quali l'Indie Rocket Festival, il FLA Pescara Festival, il Collettivo Pepe, Murè Teatro e il Teatro Immediato, riuscendo a intercettare anche i nuovi talenti».

«Stiamo lavorando – evidenzia il presidente del Museo delle Genti d’Abruzzo Roberto Marzetti – per dare un futuro di rilievo a questa struttura di grandissimo pregio, anche se dobbiamo fare i conti quotidianamente con l’esiguità delle risorse. Abbiamo realizzato le mostre temporanee anche all’interno delle sale museali permanenti, senza separare gli spazi, in modo da favorire la fruibilità dei nostri percorsi. Abbiamo attivato tantissimi progetti di didattica, aumentati del 148 per cento rispetto all’anno precedente, e tanti altri progetti riconducibili a Horizon 2020».

«Credo che nessuna struttura o realtà culturale della città abbia le stesse potenzialità del MuGe per struttura, collocazione, esperienza e competenza del personale – rimarca Vincenzo D’Aquino, consigliere del cda delegato all’organizzazione degli eventi – l’orientamento del cda è rivolto verso due direzioni: considerare musica, teatro, cinema, poesia, letteratura e arte digitale un patrimonio del museo, così come le mostre e le collezioni permanenti, e aprirci alla città, mettendoci in relazione con i suoi protagonisti e le manifestazioni artistiche più vivaci. Tutto questo rappresenta, allo stesso tempo, una scelta di tipo culturale e una modalità nuova ed efficace, in un Paese in cui i fondi per la cultura sono sempre meno, per co-produrre iniziative, ottimizzare le risorse e realizzare anche un piccolo utile da reinvestire su nuove iniziative culturali». «Il MuGe – aggiunge Adriana Gandolfi, consigliera del cda - è un contenitore di memorie e un luogo di contaminazioni, un museo delle identità comuni e del territorio. Un film come “Mr. Rudolpho's Jubilee” in programma lunedì prossimo in tre lingue, sottotitolato in italiano e anticipato da un concerto, diventa anche un passo per trasformarlo in un museo etnografico».


«Finalmente grazie alla ripartenza del museo ci stiamo togliendo qualche soddisfazione – conclude Emilio Longhi, consigliere comunale e presidente della Commissione Cultura – possiamo fare sempre meglio, ma mi rallegro che le intuizioni iniziali sulle quali ho lavorato per due anni erano esatte e si riescano oggi a concretizzare».

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 3

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione