Articoli filtrati per data: Martedì, 11 Aprile 2017

Sulmona. Il connubio tra la città di Sulmona e la Capitale nel nome di Ovidio con il “Gala del CertamenOvidianumSulmonense” nella sala della “Protomoteca” in Campidoglio, a Roma con la partecipazione straordinaria dell’attore Edoardo Siravo e del compositore abruzzese Davide Cavuti. La delegazione sulmonese, guidata dal sindaco Annamaria Casini, con l’assessore regionale Andrea Gerosolimo, il presidente del comitato del Bimillenario, Raffaele Giannantonio, il dirigente dell’Istituto d’Istruzione Superiore Ovidio, Caterina Fantauzzi è stata ricevuta dal vice-sindaco e assessore alla Cultura del comune di RomaLuca Bergamo e dall’assessore alla scuola Laura Baldassarre. Subito dopo i saluti è stato messo in scenail recital poetico-musicale “Musa sola comes”, con le letture di brani di opere ovidiane da parte degli studenti del Liceo Ovidio e dei licei romani (al pianoforte si è esibita la docente Sabrina Cardone), con la partecipazione straordinaria dell’attore Edoardo Siravo e del compositore Davide Cavuti,direttore artistico della rassegna “Lectura Ovidii” che si sta svolgendo a Sulmona presso il Teatro Caniglia e che ha visto protagonisti attori del calibro di Michele Placido, Lino Guanciale, Giorgio Pasotti e Maddalena Crippa con l’organizzazione dell’Istituto Ovidio in collaborazione con il Comune di Sulmona.
Molto apprezzata e applaudita la “Lectura” di Edoardo Siravoche ha commentato: “Ovidio èuno dei padri della poesiae i suoi versi sono di uno straordinario impatto emotivo – e ha conluso – Ovidio, nei suoi scritti, ci parla della vita dell’uomo di ogni età, della realtà e lo fa con la potenza e la capacità di comunicazione proprio del suo genio: la sua poesia è bellezza pura”.
A seguire sono state consegnate le pergamene ai vincitori delle diciotto edizioni del Certamen, con l’esibizione al violino del vincitore della XVII edizione, lo studente americano JosiahMeadows.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, questa mattina, presso la sede del Comune, ha avuto una riunione con il Consigliere Comunale delegato alla Tutela Animale, Franco Di Pasquale, alcuni rappresentanti delle associazioni animaliste di Chieti, il delegato dell’Associazione Codici per i diritti degli animali, Gabriele Bettoschi, e l’ufficio Sanità del Comune per affrontare alcune problematiche riguardanti le colonie feline presenti in città, il soccorso dei gatti incidentati non facenti parte di una colonia, le sterilizzazioni e il contrasto al randagismo.

Nel corso della riunione, le associazioni hanno rappresentato al Sindaco le difficoltà di ottenere interventi da parte della Asl 02 Servizio Veterinario, situazione che sta ingenerando malcontento, ancor più se messa in relazione alla risposta data dal Ministero della Salute riguardante un parere richiesto dal Comune di Lucca in merito alle colonie feline secondo cui “la normativa nazionale tutela tutti i gatti liberi e prevede obblighi in carico alle Autorità competenti (sterilizzazione e contrasto dei maltrattamenti) indipendentemente dal fatto che vivano in colonia”.
Per il Ministero, le interpretazioni della ASL di Lucca, simili a quelle addotte dalla ASL 02 “non sono conformi alle disposizioni nazionali vigenti nonché sono inconciliabili con gli obiettivi di tutela e di controllo della popolazione felina che le stesse norme impongono come obiettivo”.

Fatte presenti le problematiche in corso e chiarite le rispettive competenze della Asl e del Comune in merito all’autorizzazione e alla gestione delle colonie feline, il Sindaco, ai sensi dell’art. 18 della legge regionale n.47, dell’art. 32 del Regolamento comunale di Tutela Animale e nel rispetto della normativa igienico-sanitaria nazionale, ha dato indicazione all’ufficio competente di modificare la procedura attualmente adottata per l’autorizzazione delle colonie feline, suggerendo di dare seguito immediato alle richieste provenienti dalle associazioni e dai cittadini e successivamente interessando la Asl, ha poi concordato con le associazioni animaliste l’aggiornamento e l’implementazione del Regolamento Comunale di “Tutela Animale” che sarà approvato in Consiglio Comunale e si è fatto portavoce della richiesta di un intervento da parte del Ministero della Salute e della stessa Regione al fine di chiarire le competenze relative alle attività che riguardano i gatti vaganti e incidentati, materia che presenta carenze dal punto di vista della normativa regionale.

Al termine della riunione, il delegato Gabriele Bettoschi ha espresso il proprio apprezzamento per la sensibilità del sindaco nell’affrontare tali problematiche.

Pubblicato in Cronaca

Sambuceto. “Squadra che vince non si cambia”, recita uno dei motti del calcio da sempre. E, a ciò, ci sarebbe da fare una piccola “integrazione”, ossia “mister che allena squadra che vince non si cambia”.
Basterebbe quindi semplicemente questo per rendere ufficiale la conferma di Alessandro Tatomir sulla panchina del Sambuceto. I 50 punti ottenuti in Eccellenza quest’anno, quando mancano ancora due partite alla fine (e quindi altri punti potenziali ancora in palio), sono la seconda garanzia per la permanenza dell’allenatore in viola.
Ma a questi due parametri, che sono sotto gli occhi di tutti (classifica e calendario alla mano), bisogna aggiungerne un terzo, meno visibile dall’esterno, ma forse addirittura più importante rispetto ai precedenti.
Perché Alessandro Tatomir, giunto alla Cittadella dello Sport nel cuore della scorsa estate, insieme alla dirigenza, ha letteralmente “rifondato” la squadra e amalgamato un gruppo praticamente nuovo in quasi tutti i suoi protagonisti. E il risultato, in termini di “gruppo” e di relativo affiatamento, è stato praticamente eccellente sotto ogni punto di vista. La “salvezza tranquilla” annunciata come obiettivo dalla società a inizio stagione è stata raggiunta in maniera anticipata ed è stato il frutto dell’armonia creatasi già fuori dal campo, all’interno dello spogliatoio.
I giocatori, sotto la guida di mister Tatomir, hanno portato in campo valori tecnici, tattici e umani trasmessi dallo stesso timoniere con il supporto della società, fatti propri e trasformati in successi sul campo domenica dopo domenica.
Sulla prosecuzione del rapporto con il tecnico romano, ex bandiera del Chieti da calciatore, ecco il pensiero del direttore tecnico del Sambuceto, Nicola Zirpolo: «La conferma è un atto dovuto, che avvalora la qualità del lavoro svolto quest'anno dal mister. Alessandro è un valore aggiunto del Sambuceto, un uomo che si prodiga 24 ore al giorno per questa società e i brillanti risultati di questa stagione, ne sono la testimonianza».

Pubblicato in Sport

Pescara. Mentre si apprende dalla stampa locale che anche la ASL di Teramo vorrebbe realizzare il nuovo ospedale in project financing, il Presidente D’Alfonso rilancia sull’ospedale di Chieti per la realizzazione del nuovo nosocomio attraverso lo strumento della finanza di progetto.

“E’ un PD bipolare quello andato in scena ieri relativamente all’ospedale di Chieti. Da un lato troviamo il Vice-Presidente del CSM, Giovanni Legnini che plaude al Polo del Cuore e ai livelli di tecnologia e di strumentazione che la ASL di Chieti è riuscita a realizzare in autonomia, senza ricorrere al Project financing, dall’altro troviamo le dichiarazioni del Presidente D’Alfonso rispetto all’impossibilità di realizzare il nuovo ospedale senza ricorrere al project financing” dichiara Sara Marcozzi “il Presidente di regione sostiene che occorrerebbero decenni per costruire un nuovo ospedale se si procedesse con gli strumenti ordinari. Niente di più inesatto. Le ASL in Italia da sempre procedono in autonomia, ottenendo ottimi risultati. E’ evidente, però, che bisogna essere in grado di scrivere tempi, costi e modalità di realizzazione”

Il M5S ha già ampiamente dimostrato come sia anti-economico e dannoso per le casse regionali procedere attraverso l'affidamento in project financing per la realizzazione di ospedali. L’Abruzzo vive un momento assai delicato, la sanità rischia di passare definitivamente nelle mani dei privati visto l'elevato numero di progetti di finanza che vedono interessati i nostri ospedali.

“Regione Abruzzo è uscita dal Commissariamento ma è ancora sotto Piano di Rientro. La ASL di Chieti ha gravissime perdite tanto è vero che oggetto della preoccupazione da parte del RUP del nuovo ospedale era proprio la sostenibilità finanziaria. D’Alfonso e Paolucci ben conoscono, o almeno dovrebbero, le dinamiche sugli elevatissimi canoni annuali da corrispondere al privato in caso di project financing. Si tratta di "comode" rate che esplodono dal 5° anno in poi e che vedranno la ASL di Chieti costretta a sborsare cifre che vanno dai 70 ai 110 milioni all’anno. Una follia!”.
“Il M5S ritiene che lo strumento di Project financing, come già denunciato anche in sede di parifica della Corte dei Conti di Emilia-Romagna e Veneto, sia quanto di più pericoloso per le finanze delle ASL. Il ricorso a queste procedure rischia di minare il futuro livello di qualità delle cure a causa del fatto che le disponibilità finanziarie dei bilanci verranno erose dai canoni da corrispondere al privato. Non è questione di avere in odio o in simpatia il project financing, è solo questione di numeri e prospettiva futura” commenta Sara Marcozzi “oggi la legge impone di trovare copertura finanziaria per le opere nei tre anni successivi. I project financing sono uno strumento che permette di eludere proprio questi vincoli di bilancio, infatti le rate aumentano esponenzialmente solo dal 5 anno in poi”.

Inoltre, l’Accordo fra il Ministero della Salute e Regione Abruzzo sul Piano di Rientro in materia di edilizia sanitaria è chiaro e non lascia spazio a interpretazioni. Infatti il comma 4 dell’articolo 1 recita: “[…] La Regione si impegna a trasmettere al Ministero dell’Economia e delle Finanze tutta la documentazione necessaria per una piena e corretta valutazione delle operazioni finanziarie regionali nonché della posizione debitoria esistente della regione”. E ancora, il comma 6 dell’articolo 3 “[…] I provvedimenti regionali da sottoporre a preventiva approvazione del Ministero della Salute e del Ministero dell’Economia e delle Finanze, sono tutti quelli afferenti le seguenti tematiche: […] riformulazione del Piano di Edilizia Sanitaria”. Infine, l’articolo 4 “La Regione si impegna ad attivare il partenariato con la Regione Friuli Venezia Giulia mediante la stipula di specifiche convenzioni per i seguenti aspetti contenuti nel piano di rientro: […] modalità di realizzazione del programma di edilizia sanitaria ex articolo 20 della legge n. 76/1998”.

“E’ evidente che nulla di tutto ciò è stato fatto. I piani economico-finanziari dei progetti presentati sono insostenibili. Siamo appena usciti dal Commissariamento, ma non dal Piano di Rientro, sarà mia premura avvertire e documentare delle intenzioni di questa Giunta i competenti Ministeri, così come accadde per il progetto della nuova autostrada verso Roma. Se il Presidente D'Alfonso non informa i Ministeri, lo faremo noi!”

“Sembra che troppo spesso il PD confonda la filantropia con l'impresa! Proprio ieri sera la trasmissione televisiva Report ha ricostruito una serie di coincidenze fra il salvataggio del quotidiano L’Unità e la costruzione di un nuovo ospedale da parte del gruppo Pessina” conclude Marcozzi "responsabilmente il M5S sta cercando di evitare alla Regione di commettere gravi errori che potrebbero trasformarsi in danni enormi. D’Alfonso, anziché spendere inutili energie sulla promozione di project financing, faccia il Presidente e si impegni a trovare nuove risorse ai tavoli ministeriali. Stante la vulnerabilità sismica del nostro territorio, sono certa che il governo centrale non potrà tirarsi indietro”.

Pubblicato in Politica

Pescara. E' stato firmato stamane e presentato alla stampa il protocollo d'intesa fra Comune di Pescara e Agenzia Interregionale delle Dogane per Lazio e Abruzzo, finalizzato alla lotta alla contraffazione. Alla firma di tale importante intesa che spazia in più ambiti, hanno preso parte il sindaco Marco Alessandrini, il responsabile regionale dell'Agenzia dott.ssa Roberta De Robertis, il comandante della Polizia Municipale Carlo Maggitti, il direttore della sede pescarese dell'Agenzia Cosmo Domenico Tallino, i responsabili dei rispettivi servizi.

“Sottoscriviamo un protocollo d'intesa a cui abbiamo lavorato con l'Agenzia delle Dogane di Pescara per ampliarlo a quella Interregionale per Lazio e Abruzzo – così il sindaco Marco Alessandrini – La Polizia Municipale è parte integrante dell'intesa che ci vede come primo Comune d’Abruzzo e fra i primi in Italia a promuovere il lavoro sinergico delle istituzioni, perché si faccia massa critica contro un fenomeno che è quello della contraffazione, che merita risposte. Risposte che vanno sulla linea della repressione, com'è accaduto con le attività sulle aree di risulta e quelle che riguardano altre zone della città su cui stiamo operando controlli, come la Riviera, ma a cui ci preme aggiungere la prevenzione, fatto non meno importante. Anche i cittadini vanno educati al fatto che i prodotti clandestini non sono solo dannosi per il commercio, ma spesso si traducono anche in un rischio per la salute. Sia chi vende che chi compera non fa un buon affare, perché viola le leggi, mette a rischio la sua salute e altera le regole del mercato. Questa Amministrazione va in tutt’altro verso, quello di favorire quanti le regole le rispettano e vendono e acquistano prodotti in linea con le previsioni delle norme”.

“Grazie alla lungimiranza dell’Amministrazione, Pescara è uno dei Comuni con i quali possiamo instaurare un rapporto di conoscenza e collaborazione – dice la responsabile regionale dell'Agenzia Roberta De Robertis – La Dogana ha il presidio dei confini, la Municipale ha il compito di agire all’interno del territorio cittadino: Corpo e l’Agenzia cooperano nella repressione dei fenomeni illeciti connessi al commercio, in particolare con il contrasto alla vendita di prodotti contraffatti e/o riportanti falsi e fallaci indicazioni sull’origine, sulla provenienza o sulla qualità diversa dal dichiarato, non corrispondenti alle norme sul commercio internazionale, al fine di accertare e sanzionare le attività illecite, a supporto dell’Autorità Giudiziaria anche al fine di prevenire gli effetti nocivi sul consumatore finale.
Di fatto le competenze di un comune sono ampissime e avere un'attrezzatura specifica non è facile, quindi è nata una sinergia: l'agenzia mette a disposizione una banca dati dove sono contenute tutte le richieste di tutela del marchio e i laboratori chimici che ci vedono titolari di una grande competenza.
I frutti delle sinergie avviate sono positive, perché spesso il consumatore pensa che comprare una maglietta contraffatta sia solo una questione di natura economica. Noi con i nostri laboratori abbiamo visto che c'è presenza di sostanze tossiche in quantitativi che con l'utilizzo possono portare a patologie gravi, per non parlare del settore alimentare, ci sono persino medicinali contraffatti. La sinergia è basilare per la buona amministrazione e questa intesa tutela il cittadino, che chiede un servizio che è giusto rendere, infatti faremo controlli e apriremo anche una fase di informazione e formazione perché i cittadini facciano degli acquisti più consapevoli”.

“E' un onore essere stati scelti come città che aderisce a questo protocollo – aggiunge il comandante Carlo Maggitti – Sia perché è fra i pochi in Italia su una materia così sensibile e diffusa, sia pure perché per noi collaborare con le dogane è motivo di soddisfazione perché le ultime normative sulla lotta alla contraffazione la Polizia Municipale acquisisce maggiore operatività. L'intesa si fonda sul decreto legislativo 206 del 2005, che fa da cornice alla nostra attività con scambio congiunto di informazioni e competenze, ma il destinatario è il cittadino, a cui abbiamo rivolto le tutele degli anni scorsi con i controlli fin qui fatti. Agiranno due particolari servizi dedicati al Commercio, alla lotta alla contraffazione, alla Polizia Amministrativa, alla guida dei maggiori Danilo Palestini e Adamo Agostinone”.

Pubblicato in Politica

Pescara. “Al via la riqualificazione della Sala Aternum, sede dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale. Gli spazi, dove risiedono libri, documenti e cimeli della storia della città, hanno bisogno di manutenzione, al fine di eliminare infiltrazioni, umidità, distacco di intonaci e recuperare la funzionalità delle finestre. Tutto questo servirà a rendere la Sala nuovamente fruibile e aperta al pubblico".

Così in una nota il presidente del Consiglio Comunale di Pescara, Francesco Pagnanelli, che aggiunge: "Tant’è che una delle cose che promuoverò una volta fatti i lavori, sarà proprio il suo utilizzo a fini non solo istituzionali, quindi: visite e aperture perché la città la conosca meglio con il suo contenuto di documenti e testimonianze storiche e non appena i lavori la riconsegneranno più bella e in sicurezza, la Sala tornerà ad essere anche la sala operativa del Presidente del Consiglio, com’è accaduto fino ad oggi. Si tratta di una necessità, posta ora dalla struttura tecnica anche per evitare che le condizioni peggiorino con il tempo, infatti parliamo di un intervento di manutenzione straordinaria che consiste anche nella impermeabilizzazione di due pareti esterne, questo a tutela dei libri e documenti conservati nella Sala stessa. Nessun collaboratore della Presidenza sarà sfrattato, come riportato stamane dalla stampa, si tratta per tutti di una collocazione provvisoria da cui si potrà continuare senza problemi a svolgere le attività di segreteria, finché non finiranno i lavori che cominceranno nei prossimi giorni. Lo spazio sarà rinnovato e reso accessibile e funzionale proprio come un piccolo museo, perché merita di diventarlo, come forse immaginava chi l’ha voluto e quanti si sono prodigati per arricchirlo nel corso degli anni. Una volta riqualificata, la Sala Aternum diventerà fulcro di tutta l’attività culturale del Consiglio Comunale e potrà magari aggiungersi alle stanze di pregio messe a disposizione dal Comune per le cerimonie nuziali proprio per la sua particolarità”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Dopo una lunga attesa è tornato a esporre in Italia l’artista Luciano Ventrone con la mostra “Punti di Vista”, a cura di Mariano Cipollini. Il lungo percorso espositivo, allestito nelle sale del Museo delle Genti d’Abruzzo di Pescara, è stato aperto al pubblico il 4 febbraio scorso e, dato il grande successo di pubblico e di critica, sarà visitabile eccezionalmente fino al 28 maggio 2017.

L’esposizione, promossa dall’Associazione Archivi Ventrone, con il patrocinio della Regione Abruzzo, si è avvalsa di un nutrito e importante numero di opere provenienti sia dalla raccolta del maestro sia da collezioni pubbliche e private. L’enorme successo della mostra di Luciano Ventrone ha dato ragione alla Fondazione Museo delle Genti d’Abruzzo che, per la prima volta, ha voluto mettere a disposizione di un unico artista tutte le tredici sale espositive del museo in via delle Caserme, a Pescara.

Oltre alla proroga di “Punti di Vista” il Museo delle Genti d’Abruzzo ha inaugurato un accordo con il FAI (Fondo Ambiente Italiano). A partire da sabato 22 aprile 2017 e fino alla chiusura della mostra, in tutti i weekend (sabato e domenica alle ore 17,00 e alle ore 18,30) i volontari del FAI accompagneranno i visitatori gratuitamente tra le sale del museo, guidandoli alla scoperta del percorso espositivo.

Nell’intento di creare un movimento sinergico tra le opere presenti nella collezione permanente e l’incontro con i nuovi lavori di Ventrone, la mostra traccia un percorso espositivo particolarmente strutturato, che mette in correlazione passato e presente dell’artista attraverso una narrazione “atemporale, ammaliatrice e ingannevole” che Ventrone fa della realtà. La mostra “Punti di Vista” non si presenta solo come una rilettura filologica delle nature morte del maestro, ma è protesa a riconsiderare e rivedere alcuni aspetti fondamentali che fanno di Ventrone un artista delle avanguardie. I lavori dell'ultimo ventennio sono messi in relazione con le sperimentazioni che l'hanno formato, dai primi anni Sessanta, per circa un quindicennio. Mostra dalle molteplici sfaccettature, “Punti di Vista” ci svela un Ventrone maturo e complesso, stimolato dall’ambiente che lo accoglie a relazionarsi in uno spazio in cui il manufatto esposto è parte in causa anche del suo narrato.

«I suoi lavori – spiega il curatore della mostra Mariano Cipollini – sono veri e propri “oggetti semiotici”. Oltre a fornirci nozioni teoriche collaudate, trasformano una nuova intuitiva descrizione in una vera interpretazione».

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. L’Associazione di volontariato onlus Erga Omnes di Chieti ha aderito al progetto “Crescere in Digitale”, rivolto ai giovani iscritti al programma Garanzia Giovani, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Google e Unioncamere.
Pasquale Elia, Presidente di Erga Omnes, ha siglato l’accordo con la Camera di Commercio di Chieti, dando il via al tirocinio retribuito, per 6 mesi, del dott. Antonio D’Errico, che ha dovuto prima seguire la formazione on-line, superare il test di verifica di apprendimento e svolgere il laboratorio che ha dato le varie indicazioni procedurali.
Per avere maggiori informazioni sul progetto ed avere l’opportunità di partecipare concretamente, l’Associazione Erga Omnes si mette a disposizione per tutti i giovani interessati, tramite i propri volontari esperti, con uno sportello di orientamento, presso la sede di Via Monte Grappa n. 176 a Chieti Scalo (Contrada San Martino).
"Crescere in Digitale" rappresenta un esempio concreto di come la collaborazione tra istituzioni pubbliche ed il mondo delle imprese (profit e no profit) costituisca un elemento chiave, per dare impulso all’innovazione ed ampliare le opportunità dei giovani.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Dopo aver eliminato la Roma, il Chieti Calcio Femminile affronterà l’Empoli Ladies in trasferta per il Terzo Turno di Coppa Italia.
Sarà importante centrare la qualificazione perché rialzerebbe il morale della squadra neroverde anche e soprattutto in vista della partita del 22 aprile prossimo a Luserna, vero e proprio crocevia per l’accesso ai playout salvezza in campionato.
“Affrontiamo questi ottavi di finale con la voglia di passare il turno – esordisce Mister Di Camillo – visto anche che lo scorso anno siamo arrivati ai quarti e siamo stati eliminati proprio da questa squadra che però si chiamava Castelfranco (con il gemellaggio con l’Empoli il nome è cambiato). Vorremmo prenderci una rivincita. È chiaro che per noi l’obiettivo principale è raggiungere la salvezza, non quello di andare il più lontano possibile in Coppa Italia, però la stagione ci ha visto un po’ in difficoltà e una vittoria con il passaggio del turno ci darebbe morale in più per affrontare al meglio il finale di stagione e puntare a raggiungere i playout per poi giocarci la salvezza”.
Mister Di Camillo raccomanda attenzione nei confronti dell’Empoli, squadra di buon livello che viaggia a vele spiegate verso la promozione in Serie A.
“L’Empoli è primo in classifica nel Girone A del Campionato di Serie B, nell’ultima giornata ha effettuato il sorpasso nei confronti della Novese che era in testa e quindi si appresta ad andare in serie A, è dunque un organico di buon livello che ci darà del filo da torcere, sarà una partita abbastanza equilibrata. Più o meno è la squadra dello scorso anno, è ben organizzata, sotto l’aspetto del morale sarà a mille visto che viaggia verso la promozione in Serie A. Il fattore campo potrebbe anche influire, ma comunque sarà un match come ho detto alla pari”.
Il Mister analizza così il momento della sua squadra:
“Noi stiamo affrontando l’ennesimo periodo di lunga pausa con l’occhio soprattutto alla partita di Luserna che sarà decisiva per il nostro campionato. L’organico è quasi al completo, ci sono però delle problematiche. Marinelli è stata venti giorni in nazionale, non l’ho avuta per niente a disposizione, dovrò dunque anche dosarne le forze. Daniela Di Bari non ancora recupera dall’infortunio al quadricipite, dovremmo però averla con noi per Luserna. Valentina Di Marco, come spesso è successo in questa stagione, deve convivere con il problema al ginocchio quindi anche lei giocherà una parte di partita come la stessa Marinelli che viene, come già detto, dal triplice impegno con la nazionale.
Faremo il possibile per passare il turno guardando ovviamente sempre alla partita del 22 nella quale avremo a disposizione un solo risultato: centrando la vittoria potremo rialzare le speranze di accedere ai playout, in caso contrario la salvezza diventerebbe più difficile”.

Pubblicato in Sport

Chieti. Il 7 aprile è iniziata la campagna pasquale ANT (Assistenza Nazionale Tumori), la più ampia realtà non profit per l’assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e la prevenzione gratuite. A Chieti ha visto protagonista l’Associazione di volontariato onlus Erga Omnes, che, sposando la causa, in collaborazione con il CSV (Centro di Servizio per il Volontariato) della Provincia di Chieti, si è impegnata anche l’8 ed il 9 aprile presso l’Ikea di San Giovanni Teatino, dove sono stati raccolti dei fondi, attraverso la vendita delle uova di cioccolato (a latte e fondente) e di contributi liberali da parte dei vari clienti.
Nata nel 1978 per opera dell’oncologo Franco Pannuti, Fondazione ANT Italia ONLUS ogni giorno assiste 4.000 persone nelle loro case, grazie a 20 équipe multi-disciplinari che assicurano cure specialistiche di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, con una presa in carico globale del malato oncologico e della sua famiglia. Sono complessivamente 433 i professionisti che lavorano per la Fondazione (medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, operatori socio-sanitari etc.) cui si affiancano oltre 2.000 volontari.
L’iniziativa continua nella sede dell’Associazione Erga Omnes, in via Monte Grappa n. 176 a Chieti Scalo (Contrada San Martino), dove sarà possibile contribuire con un gesto di solidarietà, per una causa sociale importante.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione