Articoli filtrati per data: Lunedì, 17 Aprile 2017

Pescara. Si conclude venerdì prossimo 21 aprile alle ore 17.30 a Pescara presso la libreria laFeltrinelli in via Milano (ingresso libero) la Rassegna DOCUDI’ 2017 il giorno del Cinema documentario con la proiezione del film La malattia del desiderio di Claudia Brignone.

La Rassegna presenta alcuni dei migliori Film documentari presenti nell’archivio del Festival del documentario d’Abruzzo - Premio Internazionale Emilio Lopez (www.abruzzodocfest.org)

INFO, sinossi, schede alla pagina www.webacma.it/docudi-2017

Il film lo scorso 2 aprile 2017, ha vinto il Premio Jorge Garcia Badaracco “Fondazione Maria Elisa Mitre” quale miglior lungometraggio alla settima edizione de Lo Spiraglio FilmFestival della salute mentale, che si è tenuto a Roma presso il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo e che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Paolo Virzì, che ha ricevuto il Premio Lo Spiraglio - Fondazione Roma Solidale onlus.

La Giuria ha assegnato il premio con la seguente motivazione:
La malattia del desiderio di Claudia Brignone. Un racconto partecipe, e mai retorico, sulle vite di chi è affetto dalla “malattia del desiderio” (la dipendenza). Con grande delicatezza e con estrema verità, Claudia Brignone entra nella complessa relazione tra operatori e tossicodipendenti. Ci racconta queste storie estreme e disperate con uno sguardo sempre attento, misurato, consapevole e mai artefatto. Un lavoro di grande rigore estetico, collocabile nel vivacissimo panorama del Cinema del Reale che negli ultimi anni ha messo in luce alcuni dei migliori registi italiani, tra cui Leonardo di Costanzo, Pietro Marcello, Alice Rohrwacher e Gianfranco Rosi.


Al termine della proiezione, seguirà un dibattito.


venerdì 21 aprile ore 17.30
La malattia del desiderio di Claudia Brignone, 57' 2014
Napoli, Fuorigrotta. Sullo sfondo c’è lo stadio San Paolo e sotto la curva A sorge il Ser.t, il Servizio per le Tossicodipendenze. In questo quartiere, che la domenica si popola di tifosi, c'è un luogo che custodisce le storie di medici e pazienti. Per più di due anni ho frequentato il Ser.T ascoltando la voce di chi prova a uscire dalla “dipendenza”, definita dai medici “la malattia del desiderio”. Ognuno sembra avere la sua terapia, anche se spesso si rivela soltanto un tentativo...

evento su Fb www.facebook.com/events/696558067188719/
trailer https://vimeo.com/142717762
pagina Fb www.facebook.com/La-Malattia-Del-Desiderio-379602528906163/
scheda www.cinemaitaliano.info/lamalattiadeldesiderio
scheda Regista www.cinemaitaliano.info/pers/023005/claudia-brignone.html


L'A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese) è un’associazione senza scopo di lucro fondata nel 2000 che ha, tra le sue finalità, quelle di diffondere la cultura cinematografica ed audiovisiva.
Si propone in particolare di accrescere - ampliandola - la fruizione delle molte attività multimediali esistenti nel territorio, di promuoverne di nuove e di favorire attività produttive cinematografiche e audiovisive di soggetto abruzzese.

Dal 2007 l’ACMA realizza a Pescara il Festival del documentario d’Abruzzo - Premio Internazionale Emilio Lopez, uno dei pochi Festival in Italia dedicati esclusivamente al genere documentario.

Il progetto del Festival è nato per offrire al pubblico la possibilità di accostarsi alle tante forme di osservazione e di indagine della realtà nelle quali si articola il linguaggio cinematografico, nonché per creare spazi di espressione per quegli autori e quei registi che con intelligenza e coraggio si cimentano nella narrazione e nell'analisi della realtà contemporanea.
Il festival è dedicato alla memoria di Emilio Lopez, regista e montatore di numerosi documentari, tra i quali diversi sull’Abruzzo.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Schede

La malattia del desiderio di Claudia Brignone,

CAST TECNICO / CREDITS
REGIA/DIRECTOR CLAUDIA BRIGNONE
SOGGETTO/ORIGINAL STORY BY CLAUDIA BRIGNONE
FOTOGRAFIA/DIRECTOR OF PHOTOGRAPHY CLAUDIA BRIGNONE e SALVATORE LANDI
MONTAGGIO/EDITOR CHIARA DE CUNTO
COLORIST/COLORIST SALVATORE LANDI
MONTAGGIO DEL SUONO E MIX/SOUND MIX DARIO CALVARI
CON LA CORTESE SUPERVISIONE DI LEONARDO DI COSTANZO
PRODOTTO DA/PRODUCED CLAUDIA BRIGNONE
In COLLABORAZIONE CON CASA EDITRICE IDELSON GNOCCHI
CON IL CONTRIBUTO DI MOLTENI FARMACEUTICI

CON/WITH
Vincenzo Arena, Francesco Auriemma, Vincenzo Barretta, Salvatore Cacace, Luigi D'Onofrio, Luca De Rose, Rossella Garofano, Antonio Garzillo, Gaetano Liguori, Carmine Mazzella, Luciana Piccolo

NOTE DI REGIA
Stavo lavorando a un video sul tema delle dipendenze per un esame universitario e la prima volta che sono entrata al Ser.t di Fuorigrotta ho avuto paura. Questa sensazione mi ha accompagnata fino a quando ho deciso che a tutte quelle storie e a quelle persone incontrate bisognava dare voce e dignità.
Ho iniziato così a frequentare il Centro più assiduamente per comprendere dinamiche e relazioni che fino a quel momento erano, per me, totalmente sconosciute.
La mia intenzione era raccontare il mondo della dipendenza dal punto di vista della cura. Non mi
interessava andare nelle piazze di spaccio o nella cosiddetta "casa abbandonata" dove i ragazzi si
"fanno". Ho scelto quel luogo perché il bisogno di eroina, cocaina, alcool o anche il gioco d’azzardo, veniva paragonato a una malattia.
Questo mio lavoro è un racconto corale. Il Ser.t, contenitore di storie e di vite, è il vero protagonista. E' stato un periodo lungo e intenso, di conoscenza e di "ascolto"; tra la fase di ricerca e quella delle riprese sono trascorsi più di tre anni. Non sapevo quando avrei smesso di filmare, ne ho preso coscienza solo quando uno dei protagonisti è venuto a mancare. Da quel momento ho iniziato a costruire il senso del racconto con il materiale che avevo. La mia percezione di quel luogo e della dipendenza è cambiata radicalmente.
Ora non ho più paura.


FESTIVAL E PREMI / FESTIVALS AND AWARDS

Anno / Year 2014
SALINA DOC FEST
• Menzione speciale della giuria “per lo sguardo empatico della regista che ci ricorda, senza moralismi, come
ogni esistenza abbia bisogno di cura.”
• Premio Signum documentario più votato dal pubblico

NAPOLI FILM FESTIVAL - concorso Schermo Napoli Doc
• Miglior documentario autoprodotto
• Premio FILMaP Arci Movie Centro di formazione e produzione cinematografica a Ponticelli

Anno/ Year 2015
• FESTIVAL INTERNACIONAL DE CINE DE DERECHOS HUMANOS DE BUENOS AIRES (Sezione Panorama)
• GENOVA FILM FESTIVAL (Concorso Nazionale Documentari)
• FAITO DOC FESTIVAL 2015 ( Fuori Concorso)
• PERUGIA SOCIAL FILM FESTIVAL 201 (Concorso Perso Award)
• VISIONI FUORI RACCORDO 2015 ( Concorso)
• DOCUMENTARIA NOTO 2015 ( Premio Miglior Montaggio/ Premio Scuole)
• DOCUNDER30 2015 – Bologna (Premio Miglior Montaggio/ Miglior Storia, Miglior documentario concorso
Passaggi)
• Napoli - ASTRA DOC - CINEMA ASTRA
• Roma - RACCONTI DAL VERO - CINEMA APOLLO
• Milano - CINEMA BELTRADE
• Torino - SPAZIO CECCHI POINT

Anno/Year 2016
• Bologna- CINEMA EUROPA ( Rassegna Kinodromo)
• Proiezioni nell’ambito di eventi/convegni di settore
• Proiezioni con le scuole a Napoli ( Convitto Vittorio Emanuele, Liceo G. Battista Vico, Istituto Tecnico di
Ponticelli, Liceo Classico Casanova)
• FESTIVAL DI CIVITANOVA MARCHE

Anno/Year 2017
• SPIRAGLIO FILM FESTIVAL Premio Jorge Garcia Badaracco “Fondazione Maria Elisa Mitre” quale
miglior lungometraggio


CLAUDIA BRIGNONE
Nata a Napoli 1985. Laureata in Scienze della Comunicazione ha frequentato nel 2009 il corso di Regia del Documentario all’Act Multimedia di Roma. Successivamente partecipa al ConeroDocCampus (Workshop pratico con Pietro Marcello Sara Fgaier, Tarek Benabdallah). In questi anni ha lavorato a diversi documentari : segretaria di produzione per “Il trasloco” di Luca Bellino, ricerche per la scrittura per il progetto “Kentannos” di Victor Cruz, (Argentina), ricerche di materiale d’archivio del film “La Seconda natura” di Marcello Sannino (Napoli). Ha collaborato per la rassegna “Venezia a Napoli” e successivamente per il Festival Internazionale di Cinema e Diritti Umani di Buenos Aires, coordinando la delegazione italiana del festival ed un corso di fotografia e cinema nel carcere femminile di Buenos Aires. Nel 2014 realizza il suo primo film documentario “La malattia del desiderio” di 57’. Successivamente realizza dei video documentari per il Centro Territoriale Mammut, centro di aggregazione giovanile di Scampia e lavora come operatore per il progetto di teatro Arrevuoto. Ha partecipato al progetto FILMAP “Atelier di Cinema del Reale” a Ponticelli, coordinato da Leonardo Di Costanzo, realizzando il corto “L’Altalena”. Ha realizzato poi il corto “I sogni son desideri” commissionato dal Corriere Della Sera per l’evento “IL TEMPO DELLE DONNE”. Attualmente sta lavorando al suo prossimo lungometraggio documentario, tra i finalisti al workshop di sviluppo “ In Progress 2015” organizzato da Milano Film Network.

Pubblicato in Cultura e eventi

Caserta. La città di Caserta terrà a battesimo, il 20 e 21 aprile 2017, la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La Catena della Pace”, un evento organizzato dall’Associazione Culturale Verbumlandiartdi Lecce, in partnership con l’Associazione Valori & Rinnovamento,e dalla Pro Loco di Caserta, con il patrocinio della Municipalità del capoluogo campano. Numerose le collaborazioni di associazioni culturali, sociali e di solidarietà nello spirito di pace che Verbumlandiartanima con le iniziative promosse in Italia e all’estero, una straordinaria catena che all’arte e alla letteratura unisce la specifica missione di promuovere la Pace, il dialogo e il rispetto reciproco tra popoli e culture.

L’associazione Verbumlandiartsi fa infatti portavoce dei valori culturali dei vari Paesi, dei loro sentimenti di amicizia e di pace. Solo nel reciproco rispetto delle specifiche identità nazionali e culturali può affermarsi e crescere una cultura di Pace, dall’empatia con le diversità e dal confronto con l’altro. E’ nato così il progetto “Catena della Pace”, con la primaria missione di offrire stimoli per la formazione di cittadini d’una società sempre più aperta e multiculturale, che viva in un clima di rispetto e di dialogo continuo. La Cultura della Pace, infatti, deve uscire dall’interiorità individuale e diventare fenomeno comunitario e sociale, con iniziative d’aggregazione in cui la diversità etnica, religiosa e culturale si viva come un arricchimento e non come problema. Dunque un progetto di buone pratiche che contribuisca a formare i nuovi “cittadini del mondo”, capaci di affrontare e governare con sapienza ed apertura i problemi generati dalla convivenza di culture, religioni e convinzioni politiche diverse, oggi sempre più presenti nelle nostre società.

Regina Resta, infaticabile presidente di Verbumlandiart e fine poetessa, così peraltro dichiara: “Con riguardo al progetto Catena della Pace ci stiamo organizzando affinché le ragioni della Pace, del dialogo e della collaborazione tra i popoli camminino insieme alla salvezza dell’Ambiente. Ci sono scelte culturali e politiche che possono porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili, che contribuirebbe anche alla fine delle guerre e delle violenze che insanguinano il mondo e fermerebbe i cambiamenti climatici che sono già una drammatica realtà. L’utilizzo di fonti rinnovabili, presenti in maniera diffusa su tutto il pianeta, garantirebbe il diritto all’energia per miliardi d’uomini e donne e ridurrebbe l’inquinamento dell’aria con enormi vantaggi per la salute. Perché tutti gli esseri umani vedano riconosciuto il loro diritto all’energia e perché al tempo stesso siano salvaguardati gli equilibri ambientali e climatici, occorre innanzi tutto superare l’attuale squilibrio, nei consumi energetici, tra Nord e Sud del mondo. La Pace e l’Ambiente sono Beni comuni dell’Umanità: la Pace si costruisce investendo in Cultura e nella salvaguardia dell’Ambiente.

Il Premio internazionale “Caserta 2017” è quindi un’ulteriore tappa del progetto “La Catena della Pace”, che coltiva il dialogo e la cultura di Pace tra i numerosi parteciparti al concorso d’Arte, Poesia e Prosa. L’importante evento si aprirà Giovedì 20 aprile, alle ore 17, con la Mostra d’arte contemporanea, allestita presso la Biblioteca comunale “A. Ruggiero” in via Lodati 9, messa a disposizione dall’Assessorato alla Cultura di Caserta. La presentazione dell’Esposizione(resterà aperta fino al 3 maggio, con i seguenti orari d’apertura: da lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18, sabato dalle 10 alle 12:30)vedrà gli interventi del prof. ing. Carlo Roberto Sciascia, Presidente della Pro Loco di Caserta e Critico d’arte, del gallerista dr. Giovanni Vinciguerra e del conduttore televisivo avv. Lello Murtas. L’allestimento e l’organizzazione sono curati da Ottavia Patrizia Santo e Guido Vaglio.

Alle manifestazioni del Premio “Caserta 2017-La Catena della Pace” interverranno: avv. Carlo Marino, Sindaco di Caserta,mons. Giovanni D’Alise, Vescovo di Caserta,prof. Daniela Borrelli, Assessore alla Cultura, prof. Gian Maria Piccinelli, Direttore del Dipartimento Scienze Politiche “Jean Monnet” Università della Campania,dr. Regina Resta, Presidente di VerbumlandiArte poetessa, ing. Carlo Roberto Sciascia, Presidente della Pro Loco di Caserta e Critico d'Arte, Comm. prof.Rosa Nicoletta Tomasone, vice Presidente della Rete di Cooperazione Culturale Europea “Le vie di Carlo V” e Presidente del Centro Culturale Internazionale “L. Einaudi” di San Severo, dr. Margherita Dini Ciacci, Presidente regionale Unicef Italia, Cav. Paolo Nicola Corallini Garampi, Gran Priore dell’Ordine dei Cavalieri templari di Gerusalemme d’Italia, avv. Vittorio Giorgi, Console onorario dell'Uzbekistan, prof. Rosalia Pannitti, Presidente dell’Associazione Genitori d’Italia sez. Caserta, avv. Giovanna Barca, Presidente donne Giuriste d’Italia sez. Caserta, prof.Valentina Bellini Scala, Presidente della Fidapa "Calazia" di Maddaloni, dr. MarialidiaRaffone, Responsabile della Biblioteca “E.Ruggiero”, prof. Lucia de Cristofaro, Direttore Albatros Edizioni, infine il giornalista e scrittore Goffredo Palmerini, Ambasciatore dell’Abruzzo nel mondo.

Questo il nutrito programma della giornata di Venerdì 21 aprile. Dalleore 10:30, presso la Sala Convegni del Dipartimento Scienze Politiche “Jean Monnet” dell’Università della Campania (Viale Ellittico n.31, Caserta), le manifestazioni si aprono con la Conferenza del prof. HafezHaidar, docente di Letteratura araba all’Università di Pavia e Candidato al Premio Nobel per la Pace 2017, un autentico testimone del nostro tempo sui temi della Pace e del dialogo tra le religioni. Segue la consegna di riconoscimentiagli Ospiti d’Onore:Premio alla Carrieraalla dr.Maria Cristina Poma, al magistrato prof. Amedeo Postiglione e all’avv. Comm. Antonio Cuomo; al dr. prof. Gian Maria Piccinelli e alla dr.Paola GaliotoGrisanti ilPremio alla Cultura. Un intermezzo musicale allieterà la mattinata, con arie napoletane cantate dalla soprano Cristina Patturelli, accompagnata alla chitarra da Franco Manuele.

Nel pomeriggio, alle ore 17, con intermezzi musicali del fisarmonicista Pasquale De Marco, inizierà la cerimonia di consegna del Premio internazionale “Caserta 2017”ai Vincitori delle sezioni Arte, Poesia e Prosa, secondo le deliberazioni delle due GIURIE, così costituite:per l’Arte ing. Carlo Roberto Sciascia, critico d’Arte e presidente della Pro Loco di Caserta, dr. Giovanni Vinciguerra, gallerista, avv. Raffaele Murtas, artista consulente autore e conduttore di programmi Tv; per la Letteratura prof. cav. HafezHaidar, candidato al Premio Nobel per la Pace, prof. Carlo Alberto Augieri, docente dell’Università del Salento, avv. Angelo Sagnelli, direttore artistico Spoleto ArtFestival Letteratura, dr. Annella Prisco, presidente Centro Studi Michele Prisco-Napoli, prof. Sergio Camellini, psicologo clinico e poeta.

Questi, secondo le decisioni della Giuria per la Letteratura, i Vincitoriprimi classificati. In lingua italiana: ex aequoEnzo Baccae Dorotea Matrangaper la Poesiae Giuseppe Milella per la Silloge;Paolo Miggiano per la Prosa. In lingua straniera,vincitori assoluti i poeti serbi Mika VlacovicVladisavljevic e BorisavBlagojevic.Qui di seguito la classifica completa dei Vincitori del Premio, dei Premi speciali, delle Menzioni e dei Premi della Critica assegnati dalla Giuria.

***

CLASSIFICA DEL PREMIO LETTERARIO

PODIO
1)ENZO BACCA “IL POZZO DI JAMAL”
1)MATRANGA DOROTEA “SE UN FIORE NASCE”
2)CLAUDIA PICCINNO “DAVIDE E’ IL TUO NOME”
2)ANNA CAPPELLA “RUGIADA AL SORGERE DELL’AURORA”
3)MARCO VAIRA “LETTERA AD UN BAMBINO”

PREMIO DELLA CRITICA
ANNAMARIA COLOMBA “QUANTI CALVARI”
ELVIO ANGELETTI “ERANO FIORI”

PREMIO DELLA GIURIA
CIRO IANNONE “VIVO SCAMPIA”

PREMIO VERBUMLANDIART
ENZO CASAVOLA “HO RUBATO”
MICHELE MELILLO “LA RIVA DEL MIO MARE”

PREMIO DEL PRESIDENTE
BARBARA CAPORICCI “FUOCO NEMICO”
FRANCESCO STAGLIANO’ “L’ALTALENA DI VETRO”

PREMIO DELLA CRITICA
ANNAMARIA COLOMBA “QUANTI CALVARI”
ELVIO ANGELETTI “ERANO FIORI”

PREMIO DELLA GIURIA
CIRO IANNONE “VIVO SCAMPIA”

PREMIO VERBUMLANDIART
ENZO CASAVOLA “HO RUBATO”
MICHELE MELILLO “LA RIVA DEL MIO MARE”

PREMIO DEL PRESIDENTE
BARBARA CAPORICCI “FUOCO NEMICO”
FRANCESCO STAGLIANO’ “L’ALTALENA DI VETRO”

MENZIONI D’ONORE
1. AGOSTINO SECONDINO “MEMORIE”
2. ALESSANDRA FERRARA “LE COSE CHE AVEVO”
3. ANNA PARILLO “SOGNO D’ESTATE”
4. ANNALENA CIMINO “LA VETTA DELLA VITA”
5. ANNAMARIA LOMBARDI “METAMORFOSI”
6. ANTONELLA LA FRAZIA “L’ASSENZA”
7. PASQUINA FILOMENA “STESSO RESPIRO DEI SOGNI”
8. GIOVANNA AZZARONE “MENTRE TI STO ASPETTANDO”
9. GIOVANNI MONOPOLI “L’ULTIMA CANZONE”
10. GIUSEPPE BURO “SONETTO ALLA LUNA”
11. GRAZIELLA BENATTI “CLOCHARD ANIME SILENTI”
12. LAURA PAVIA “E’ SILENZIO IL RUMORE DELLA NOTTE”
13. VINCENZO MONFREGOLA “RESISTERE”
14. MICHELE LA MONTAGNA “IO SONO LA POESIA”
15.IGNAZIO DE MICHELE “FERMATEVI!”

MENZIONI DI MERITO
1. LORENZO PICCIRILLO
2. NELIDA UKMAR
3. ROSALBA DI GIACOMO,
4. SARA RODOLAO,
5. TERESA LANNA
6. TIBERIO FERRERI

SEZIONE GIOVANI POESIA
GIANRENZO ORBAZZANO “AL SICURO”

SILLOGE ADULTI PODIO
1) GIUSEPPE MILELLA “FOGLIE D’AUTUNNO”
2) ANTONELLO VANNI “40 PASSI DI LIBERTÀ”
2) GINO IORIO “CASERTA”
3) MICHELE NAPPA “VOCI DEL CUORE E DELLE COSE”
3)ROBERTO ROSSI “ALLUNGO LA MANO”

PREMIO DELLA CRITICA
RAYMOND SIMONE FERRIER: “CONSAPEVOLEZZE D’AUTUNNO”

PREMIO DELLA GIURIA
DOMENICO RUGGIERO “FIORE DELL’IMMENSO”

PREMIO VERBUMLANDIART
LORENZO PICCIRILLO “L’ERPICE E LA ZOLLA”

MENZIONE D’ONORE
VITO SORRENTI “IL MIO CANTO”
NUNZIO BUONO “VOLI A MATITA”
LAURA MARGHERITA VOLANTE “TUONA AMORE”

PROSA ITALIANI PODIO
1)MIGGIANO PAOLO “L’INVISIBILE”
2)MAGGIO ROSSELLA “IL FIUME INNAMORATO”
3)ALESSIO CHIRIVI’ “DIECI”
3)SCARDAGLIA MARIA “LA STESSA ARIA CHE RESPIRI TU”

SEZIONE STRANIERI
CUBA POESIA
YULEISY CRUZ LEZCANO – ATOMI INVISIBILI

BOSNIA POESIA
EMIR SOKOLOVIĆ – VALZER DEL MEFISTO

TUNISIA POESIA
SONIA MADOURI – LA PIANTA DI SALVIA

SVIZZERA POESIE
ESTELA SOAMI – E NOI
MIRANDA PATELLI – SILENTE E’ LA NOTTE

FRANCIA POESIE
FLORA CASTALDI

SERBIA POESIE PODIO
1. MIKA VLACOVIĆ VLADISAVLJEVIĆ -KADA BI LJUDI ZNALI
1. BORISAV BLAGOJEVOĆ – ELEGIJA
2. MARKO STANOJEVIĆ – RAZGOVOR
3. VESNA VUČETIĆ – POSLEDNJA ŽELJA

PREMIO DELLA GIURIA
SANJA RADULOVIĆ – DAR
ŽAKLINA MANČIĆ – RANO PROLEĆE

PREMIO DELLA CRITICA
BUDIMIR STEFANOVIĆ – SVEDOČANSTVO

PROSA SERBIA
DIANA TOSIĆ – ZAVET – RUDNIK

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Cominciano mercoledì 19 aprile gli incontri di approfondimento del Comitato cittadino per “Uno sguardo al passato per costruire il futuro”.

Su iniziativa del Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti, mercoledì 19 aprile prossimo, alle ore 17,30, presso l’Aula Magna dell’Istituto “De Sterlich” (g.c.), in via Colonnetta 99, a Chieti Scalo, avrà luogo il primo appuntamento di approfondimento, con l’incontro-dibattito sul tema “Chieti dal sogno ottocentesco alla città moderna”.
Relatore sarà il prof. Paolo Rapposelli, cultore di storia locale e docente di Scuola Superiore che illustrerà il proprio intervento con una serie di immagini di eccezionale interesse; immagini che documentano quello che è stato uno dei più importanti interventi di modifica urbanistica tra quanti hanno interessato la nostra città dalle sue origini ad oggi.
La conferenza del 19 aprile è la prima di una serie di incontri tematici che avranno per titolo unificante “Quale Chieti? La città tra passato e futuro”, tema anche del convegno con il quale il Comitato il 19 marzo scorso ha ricordato il suo terzo anno di attività.
Con questo e con altri, successivi momenti di analisi in programma, si vuole avviare un processo di riflessione sul futuro della nostra città della quale saranno esaminate le potenzialità e le criticità.
Gli incontri si svolgeranno nel corso di quest’anno e l’inizio del prossimo nei vari quartieri cittadini (un modo anche per ricordare che Chieti, pur se pluricentrica, è una e una sola) per poi operare una sintesi da proporre alla valutazione della collettività locale e fornire un contributo per una auspicabile progettualità di lungo respiro.
Si è scelto di partire con l’intervento del prof. Rapposelli dedicato al passato recente di Chieti perché solo prendendo consapevolezza di quello che è accaduto possiamo ragionevolmente costruire un percorso vincente per gli anni futuri.
L’incontro del 19 aprile, dopo i saluti di Giampiero Perrotti, Coordinatore del Comitato cittadino, sarà condotto da Luciano Di Tizio, giornalista e componente del Comitato cittadino stesso. La cittadinanza è invitata a partecipare. Ingresso libero.

Pubblicato in Cultura e eventi

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione