Articoli filtrati per data: Sabato, 08 Aprile 2017

Chieti. Tre giornate da qui alla fine della regular season, tre partite tutte fondamentali, tre partite ad altissimo coricante di difficoltà. Di sicuro, però, la gara che appare al momento più complicata tra tutte è proprio quella di domenica, quando le Furie andranno a far visita alla capolista Virtus Segafredo Bologna. “Dopo la sconfitta patita contro Verona - dichiara a tale proposito Bartocci -dove abbiamo giocato due buoni primi quarti, buttando via l'incontro nel momento clou, domenica affronteremo una partita difficilissima contro la Virtus Bologna, prima in classifica. Siamo tutti molto delusi ma abbiamo il dovere di reagire, la forza e il valore dei nostri avversari non deve deprimerci ma al contrario esaltarci. In settimana abbiamo lavorato sodo per aumentare la nostra intensità difensiva e migliorare la gestione dei momenti cruciali della gara. Abbiamo ancora margine per sperare in una salvezza diretta e non lasceremo nulla d’intentato”.
Partita con i favori del pronostico, la squadra felsinea, nonostante una serie importante e prolungata d’infortuni nel corso della stagione, ha tenuto testa a tutte le avversità e ha saputo issarsi in testa alla classifica con il piglio tipico delle squadre di rango e di alto lignaggio. Queste le cifre: 81,9 punti ad incontro, tirando con il 52% da 2, il 36% da 3, il 73% a cronometro fermo, e raccogliendo 35,8 (di cui 11,1 offensivi) rimbalzi a gara, per un totale di 91,9 di valutazione. Il team di coach Ramagli è composto da una scoppiettante e riccamiscela di talentuosi prodotti del proprio settore giovanile, di giocatori esperti, che in passato hanno vestito canotte di team della massima serie e di una copia di stranieri di alto lignaggio. E’ proprio uno dei due stranieri, Kenny Lawson, il top scorer degli emiliani. Il forte centro ex Recanati infatti, abile sia sotto le plance che letale nell’uso del pick’n pop, sigla 19,4 punti ad incontro, realizzando con il 62% da 2, il 46% da 3 e il 74% a cronometro fermo. Lo starting five bolognese è composto dalle sapienti mani del giovane Marco Spissu in cabina di regia (11,8 ppg), dalla guardia nigeriana, vista in estate ai giochi olimpici di Rio con la casacca della propria nazionale Micheal Umeh, dall’ala piccola, ex Torino, Guido Rosselli, mattatore nel supplementare del match di andata contro i teatini (11,4 ppg), dall’ala grande Klaudio Ndoja, ex Verona e Mantova rientrante dopo una lunga degenza e dal superlativo centro Kenny Lawson. In panchina, la Virtus può vantare giovani promesse del calibro di Alessandro Pajola, Lorenzo Penna (play) e Tommaso Oxilia (guardia/ala) che, insieme ai veterani Gabriele Spizzichini (play guardia ex Scafati), Andrea Michelori, ala/centro che sicuramente non necessita di presentazioni e Davide Bruttini, centro che ha conquistato dueconsecutive promozioni in A1, rispettivamente con Torino e Brescia. Punti di forza dei bolognesi, quindi, l’esperienza e la solidità sotto le plance, l’inventiva dei giovani in cabina di regia, un centro tuttofare quale Lawson e la classe di Umeh, giocatore abituato a calcare palcoscenici di alto livello.
Sembrerebbe, pertanto, non esserci scampo per Furie e potrebbe non bastare anche una prova ai limiti della perfezione. La classifica attuale, però, non ammette rese incondizionate ancor prima di giocare, l’impresa è delle più ardue ma i teatini vogliono e devono dimostrare alle concorrenti per la salvezza e a se stessi di essere ancora vivi e di credere fortemente nelle proprie capacità. “Ovviamente affrontare la capolista in trasferta non sarà semplice - afferma Cade Davis a riguardo - soprattutto perché veniamo da una striscia di sconfitte consecutive ma vogliamo fare di tutto per invertire questo trend negativo. Nelle ultime prestazioni abbiamo espresso un buon basket, lottando contro ogni avversario fino al quarantesimo. Dobbiamo scendere sul parquet con il massimo della concentrazione, provando a giocare in maniera intelligente e aggressiva, magari cambiando strategie a partita in corso per coglierli alla sprovvista. Dobbiamo continuare a pensare in maniera positiva, provando a gestire al meglio queste ultime giornate, cercando di rimanere concentrati sull’incontro per tutti e quaranta i minuti”.

Intanto la Pallacanestro Chieti, nel prendere atto della decisione del professor Falasca di interrompere il rapporto di collaborazione per motivi esclusivamente personali che non gli consentono di concludere la corrente stagione sportiva, gli augura le migliori fortune per il prosieguo della sua carriera e lo ringrazia per la preziosa collaborazione prestata in questi dieci anni ricchi di tante soddisfazioni.

Pubblicato in Sport

Chieti. "Leggendo per intero il verbale della riunione del 13 marzo scorso avente per oggetto il Project financing emerge un atteggiamento arrogante, sconclusionato e prevaricatore assunto dalla Regione Abruzzo circa la procedura relativa alla nuova costruzione, demolizione, ristrutturazione definitiva ed esternalizzazione dei servizi, dell'Ospedale clinicizzato Santissima Annunziata di Chieti, nonostante nei precedenti tavoli di lavoro fossero emerse numerose criticità e defezioni importanti". Questo il primo commento del Presidente della Commissione Vigilanza e Consigliere regionale Mauro Febbo, del consigliere provinciale emiliano Vitale e il consigliere comunale Micomonaco Maura durante una conferenza stampa tenutosi questa mattina a Chieti Scalo dove sottolineano come “intorno a questa vicenda ci sono ancora molte ombre e procedimenti poco chiari che Regione e Asl devono spiegare”.
“Dopo aver inviato delle puntali richieste scritte – illustra Febbo – a oggi, infatti, non ci sono ancora risposte ufficiali su questioni fondamentali come: 1) l’esito dell’eventuale interlocuzione tra il Presidente D’Alfonso e il Presidente Variati circa il problema con la Provincia di Vicenza in merito al rispetto delle norme di collocazione al lavoro dei disabili da parte della ICM SpA, ragione per cui il RUP della Asl non potrebbe attestare la compiutezza documentale, (il nostro Presidente ancora comprende che queste "interlocuzioni" sono considerate TRAFFICO DI INFLUENZE ILLECITE !!!); 2) conoscere, se composto e insediato, l’atto istitutivo di un apposito organo collegiale tecnico vista la volontà della Regione di avocare a sé la competenza della procedura di ‘pubblico interesse’; 3) sapere da parte del Direttore Generale della Asl se è stata costituita, e da chi è composta, la Commissione per valutare nel merito la proposta del Project financing sul piano tecnico ed economico-finanziario; 4) Come mai non è stato più costituito il pool di tre esperti in materia giudico/amministrativa previsto nell’incontro del 29 dicembre 2016. Si trattano tutti di quesiti emersi dopo aver letto il verbale dell’ultima riunione del 13 marzo scorso lasciandomi sconcertato su molti passaggi. Un incontro – continua Febbo – nel corso del quale emerge in tutta evidenza la stortura amministrativa che ruota intorno al procedimento messo in piedi da questo esecutivo regionale al fine di realizzare a tutti i costi il nuovo ospedale con il progetto di finanza. Innanzitutto, D’Alfonso dovrebbe spiegarci come mai nell’ultima riunione si sono registrate le assenze pesanti dell'avvocato Mastrangelo e dell'ingegner Manci, visto che erano i professionisti che avevano sollevato dubbi amministrativi e procedurale sul progetto.
Infatti, è sorto un nuovo problema (cfr. pag. 2 verbale del 13.03.2017 -dichiarazioni FLACCO) che riguarda espressamente la valutazione sul piano tecnico ed economico finanziario della proposta della ICM e la sua rispondenza al pubblico interesse. Questione che non è nuova, infatti già nel passato sia il RUP che l’ufficio legale della ASL hanno segnalato tale problematica, lo stesso Assessore Paolucci ha manifestato nella scorso verbale del 29.12.2016 la mancanza o comunque la mancata valutazione del rischio di impresa (cfr. verbale del 29.12.2016 pag. 4), fatta proprio anche dal Direttore Amministrativo ASL dott.a S. Di Pietro, anch'essa non partecipante alla riunione del 13 marzo ( cfr. verbale del 29.12.2016 pag. 5) così come i funzionari della ASL hanno evidenziato la mancanza di qualsiasi programmazione sanitaria regionale in tal senso; la predetta criticità viene presa in considerazione anche dall’Avv. Valeri (cfr. verbale del 13.03.2017 pag. 3) che invita la ASL a valutare tali aspetti e problematicità segnalate anche dal RUP. Pertanto se
oggi bisogna valutare tali problemi è evidente che il termine e le condizioni per approvare e dichiarare la pubblica utilità del progetto, che allo stato risulta irricevibile, sono ormai scaduti e rendono inadeguata qualsiasi ulteriore valutazione da parte degli organi che il presidente D’Alfonso chiama in causa.
"Ora, addirittura, - rimarca Febbo - si invoca una nuova Commissione che deve valutare sul piano tecnico ed economico finanziario un progetto già presentato da tempo ( forse doveva essere fatto prima ???) e ciò conferma che il progetto è irricevibile e irrealizzabile; inoltre sorge il dubbio che forse tale commissione ha il solo fine di avallare un progetto assolutamente sbagliato nelle premesse e nelle finalità e pertanto non presenta nessun requisito tecnico, giuridico, economico e sanitario per la sua realizzazione. Attualmente la proposta è irricevibile perché formalmente carente e comunque qualsiasi valutazione andava fatta preventivamente e non ora ingenerando una condizione di vantaggio per il proponente che nel frattempo si adegua alle richieste della Regione con un evidente contrasto con l’evidenza pubblica e in conflitto con qualsiasi principio di buon andamento e trasparenza della pubblica amministrazione, ingenerando inoltre aspettative che potrebbero avere riflessi risarcitori dovuti ad una ingiustificata pressione del presidente D’Alfonso che vuole far avanzare per forza un progetto che presenta numerose ed evidenti criticità. Oggi assistiamo a un vera e propria ‘pressione’ nei confronti del RUP di cui il Presidente chiede arriva addirittura a chiedere " la sostituzione” per un “evidente mancanza di collaborazione” invita, quindi, il soggetto proponente a contro dedurre la nota del RUP e “a demolirla”, ma stiamo scherzando ?!?!? Siamo arrivati addirittura alle "epurazioni". Prendiamo atto che, per la prima volta nella storia della nostra Regione, un Presidente invita un soggetto esterno privato a contestare documenti e certificazione di un funzionario pubblico investito di un ruolo di Rup. Questo mi lascia sconcertato e senza parole poiché D’Alfonso contesta l’inadempienza di un RUP che sta facendo esattamente il suo dovere acquisendo e verificando tutta la documentazione necessaria affinché la proposta dell’impresa proponente sia legittima anche secondo il nuovo Codice degli appalti”.
Crediamo che dietro tutto questo farraginoso progetto di Project financing – concludono il consigliere regionale Febbo, il consigliere provinciale Vitale e il consigliere comunale Micomonaco Maura – ci sia un disegno più ampio e preciso. Ossia declassare la sanità teatina a Dea di primo livello, con la conseguente perdita dei reparti Clinicizzati come ha ampiamente illustrato e denunciato il Prof. Mastropasqua e i trecento sottoscrittori del documento, e realizzare il Dea di secondo livello di Pescara con il trasferimento dei reparti Universitari. Un disegno che denunciamo ormai da mesi e mesi, che sembrava una nostra "trovata" politica elettorale ma che con il passare del tempo diventa sempre più concreta e che finalmente anche altri a partire dall'Università comincia a capirne la pericolosità. Da parte nostra la più totale contrarietà che porteremo alle estreme conseguenze”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Si è concluso il terzo incontro del comitato Saline-Marina-PP1 con l'amministrazione comunale di Montesilvano (incontri del 14-02-2017, 03-03-17, 07-04-17). Erano presenti il delegato del sindaco Antonio Farchione, l'assessore al LLPP Valter Cozzi, ll consigliere comunale Gabriele Di Stefano. L'incontro fa seguito a riunioni con altre associazioni della zona a mare (comitato Il Gabbiano, periodico Il Sorpasso, altre associazioni locali, albergatori, commercianti e operatori economici dell'area), al continuo dialogo e confronto sui social media WhatsApp (338-5343-969) e Facebook (www.facebook.com/saline.marina.pp1), durante i quali il comitato SMPP1 ha raccolto un dossier di segnalazioni, idee e proposte per la riqualificazione della zona a mare della città, che è stato articolato in un documento, già presentato al Comune, su cui si concorderanno nei prossimi incontri impegni e scadenza.

Il documento è organizzato in 6 capitoli, corrispondenti a diversi livelli di intervento, dalle emergenze al piano e idee per la città nuova. Si inizia con la questione della legalità, della sicurezza e delle comunità straniere presenti in città, con proposte per il controllo, integrazione e valorizzazione degli extracomunitari, non solo la comunità africana, ma anche gli investitori stranieri potenziali, gli italo-americani e emigranti di ritorno. Si individuano poi i problemi di manutenzione, decoro urbano e pulizia della spiaggia e lungomare, per ragionare sul ruolo del verde, la qualità e accessibilità dei percorsi pedonali e ciclabili, la qualità e il completamento degli spazi pubblici, la piazza, la chiesa, il collegamento dei parchi, la sicurezza e accessibilità dei servizi e attrezzature.
La parte più impegnativa, ma anche quella più strategica per il rilancio di una zona, che può essere la punta di diamante dell'economia e della qualità urbana del Nord pescarese, è quella che tratta dei grandi temi degli investimenti, del completamento delle opere, della promozione dell'industria turistica e immobiliare, con le grandi potenzialità della zona, dotata di oltre 4 mila posti letto alberghieri, palacongressi, multisala, centro commerciale e un quartiere in costruzione da 6-7 mila nuove stanze, corrispondenti a turisti che, col tempo, diventano nuovi abitanti.

Le scelte strategiche, ed i necessari investimenti dovuti al rango della città, ormai la terza città d'Abruzzo e parte della Grande Città pescarese, riguardano il sistema della mobilità ed il completamente delle infrastrutture turistiche. Scelte nodali e irrinunciabili sono quelle di una Strada Parco per i trasporto pubblico in sede propria, che permetta di pedonalizzare il lungomare e ridurre il carico di traffico nell'abitato, il nuovo ponte alla foce del Saline che deve essere solo per trasporto pubblico, pedoni e ciclisti, e deve proseguire fino a Silvi, associato sia ai parcheggi di interscambio (multipiano quello della zona alberghi palacongressi, con altri a Città Sant'Angelo e Silvi stadio) sia ai percorsi ciclopedonali di adduzione collina-mare (ex cavatoni e itinerari a mare alberati). L'opera, oltre alla valenza per la mobilità sostenibile, ha il ruolo di volano per processi di riqualificazione dell'edilizia e dei tessuti sul nuovo boulevard urbano, lungo la linea del trasporto pubblico, (ad alta frequenza subito, ad alta capacità man mano che si sposta la domanda).
Altre opere strategiche, su cui investire risorse strutturali, sono la qualificazione come Paseo e piazza centrale del mercato del viale A. D'Andrea, il completamente del corso Strasburgo tra centro e mare, alberato, porticato e servito dal mezzo pubblico, gli hub di interscambio modale stazione-FS e alberghi-palacongressi. Ma un prerequisito, non ulteriormente rinviabile, è dotare la città di un PUT, piano urbano del traffico, che dia coscienza e dimensione ai problemi e un PUMS, piano della mobilità sostenibile, intercomunale che renda concordi con quelle di Pescara Spoltore ed i comuni contermini le scelte territoriali ed infrastrutturali della Grande Città pescarese.

Pubblicato in Politica

Pescara. Stamane presso il parco Calipari, il vicesindaco Antonio Blasioli, assessore al Verde Pubblico, l'assessore regionale Marinella Sclocco, la madre della ragazza, Fabiola Bacci e i promotori dell'iniziativa hanno scoperto una panchina rossa dedicata alla 26enne uccisa dal fidanzato lo scorso dicembre.

“La panchina rossa posta al parco Nicola Calipari da oggi non vuole ricordare la morte di Jennifer Sterlecchini avvenuta tragicamente per mano della persona che amava, ma la sua vita, che è stata bella e piena di amore e affetti e così aveva il diritto di continuare -così il vice sindaco Antonio Blasioli - La panchina non vuole essere solo un ricordo per tutti coloro che sedendovi scopriranno la sua particolarità, ma un monito evidente contro la violenza, particolarmente quella di genere, in un parco intitolato ad un'altra persona scomparsa prematuramente qual ìè stata Nicola Calipari, sicuramente un uomo dal grande valore che l'Italia ha perduto troppo presto mentre liberava degli ostaggi dalle mani dei terroristi.
È nostro dovere non dimenticare mai come è dovere di tutti noi parlare alle nuove generazioni e far capire loro che quello che è successo a Jennifer non deve succedere più a nessuno. Lo scopo quindi della panchina e della targa è propri questo. I bambini che si siederanno sulla panchina rossa quando vedranno il nome di Jennifer chiederanno chi fosse ai genitori e a loro verrà raccontata questa storia che avrà una funzione di memoria ma anche di crescita per le nuove generazioni nel concetto che qualsiasi violenza è ingiusta e che la violenza non ha giustificazioni. Questo significa questa panchina rossa.
L'Amministrazione è vicina alla famiglia e continuerà ad esserlo, con loro condividiamo il testimone della lotta alla violenza di genere, ai femminicidi, il ripudio di delitti che, cancellando l'esistenza di donne, madri, fidanzate, compagne, segnano terribilmente anche quella delle famiglie sia delle vittime che di chi si macchia di tali delitti. Nel nome di Jennifer daremo altri spazi alla memoria e a questa irrinunciabile battaglia”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Inizieranno lunedi lavori di manutenzione molto attesi in via Colle Innamorati. In più punti è previsto il rifacimento dell'asfalto ammalorato a causa del maltempo dell'inverno e avremmo potuto procedere velocemente se durante i sopralluoghi non avessimo riscontrato almeno 5 perdite di acqua che abbiamo fatto verificare dall'Aca che interverrà per ripararle, contestualmente agli interventi che saranno dunque coordinati.
L'ACA lavorerà sulle cinque perdite con quattro ditte contemporaneamente, in modo da velocizzare al massimo i lavori e subito dopo il Comune procederà al rifacimento del manto stradale dove più serve.
Per fare questo i nostri uffici tecnici hanno predisposto l'ordinanza allegata e il presidio del cantiere con la Polizia Municipale, dunque via Colle Innamorati nel tratto compreso dall'incrocio con via Conte Genuino fino all'intersezione con via Valle Fuzzina non sarà transitabile dalle ore 9.00 di lunedì fino alle 13,30. Abbiamo disposto la chiusura alle 9 in modo da consentire al traffico scolastico e di quanti si recano al lavoro di potersi muovere liberamente e, così com'è accaduto nel caso di via del Circuito, ho fiducia che i lavori anche qui potranno terminare prima e la via riaprire al traffico in tempo per il ritorno.
Sarà consentito il transito ai residenti sulla strada, con velocità naturalmente ridotte e con l'assistenza della nostra Polizia Municipale coordinata dal maggiore Paolo Costantini, al fine di limitare disagi e consigliare percorsi alternativi”.

Pubblicato in Cronaca

Montesilvano. «Lo stanziamento di 1 milione di euro da parte della Regione in favore del nostro territorio è nero su bianco». E’ quanto annuncia l’assessore ai Lavori Pubblici Valter Cozzi che prosegue: «Il Dipartimento Opere Pubbliche, Governo del Territorio e Politiche Ambientali, Servizio Difesa del Suolo ci ha inviato una comunicazione formale in merito all’assegnazione di una somma, che ammonta a 1 milione di euro, per la realizzazione di opere strutturali di mitigazione del rischio idrogeologico. Nello specifico il contributo riguarderà Montesilvano Colle, in particolare il versante sottostante la chiesa di San Michele Arcangelo. Si tratta di un’ottima notizia che ci permetterà di intervenire su uno dei tanti fragili punti del nostro territorio, martoriato da diversi movimenti franosi. Solo con l’ultima ondata di maltempo infatti - ricorda Cozzi - si sono aperti alcuni smottamenti sui quali siamo intervenuti con lavori di somma urgenza. Sto pensando a Colle Portone, dove proprio poche settimane fa abbiamo avviato degli interventi che riguardano la realizzazione di gabbionate di contenimento del versante franoso».

Completati invece i lavori su un altro punto delicato del versante collinare di Montesilvano. Si tratta di via Aspromonte dove le intense precipitazioni dello scorso gennaio hanno accentuato la frana presente. «Via Aspromonte era già stata al centro di un progetto di contenimento della frana che è stato riformulato alla luce degli ulteriori danni dovuti alle precipitazioni dei mesi scorsi – aggiunge l’assessore -. La ditta Di Francesco Maurizio Perforazioni ha collocato dei pali di fondazione per contenere lo smottamento. E’ stata inoltre ampliata la carreggiata ed è stato realizzato un cordolo di congiunzione. Il lavoro necessita a questo punto solo del rifacimento del manto stradale. Con il completamento di tali interventi abbiamo risolto un altro dei punti critici sul versante frane del nostro territorio, rimettendo in sicurezza le abitazioni e la viabilità di questa strada».

Pubblicato in Cronaca

Lanciano. Tua SPA annuncia il potenziamento dei servizi di trasporto pubblico locale tra i comuni di L’Aquila e di Amatrice.

L’incremento dei servizi tra il capoluogo abruzzese ed il comune laziale è il frutto di un protocollo d’intesa, sottoscritto tra Regione Abruzzo e Regione Lazio, concernente “agevolazioni per la mobilità pubblica a seguito del sisma del 24 agosto 2016”.

L’obiettivo principale del rafforzamento dei servizi di TPL tra L’Aquila ed Amatrice è quello di offrire uno strumento di mobilità aggiuntivo ai residenti dei comuni colpiti dal sisma che si sono recentemente e momentaneamente trasferiti nel comune de L’Aquila.

Tua Spa, dunque, da lunedì 10 aprile 2017, triplica i collegamenti tra il comune aquilano e quello di Amatrice con la previsione di tre coppie di corse nei giorni feriali.

Il servizio è stato studiato per offrire un cadenzamento orario di trasporti che copra l’intero arco della giornata ed agevoli, quindi, le diverse esigenze di spostamento dei residenti tra L’Aquila ed Amatrice.

Da Amatrice si potrà partire per il capoluogo abruzzese alle ore 6:10, alle 8:30 e alle 17:45. Il servizio toccherà anche altre zone quali Piè di Colle, Montereale, Morana, San Giovanni di Cagnano, Pizzoli, L’Aquila-Cermone e L’Aquila-Collemaggio.

Viceversa, da L’Aquila per Amatrice, gli orari di partenza saranno i seguenti: alle ore 6:00, alle 14:15 e alle 16:00 e, anche in questo caso, il percorso interesserà le zone di Pizzoli, San Giovanni di Cagnano, Morana e Montereale.

Oltre al potenziamento della mobilità, TUA Spa offre un altro servizio. I residenti nei comuni della Regione Lazio colpiti dal sisma hanno la possibilità di richiedere un voucher (www.regione.lazio.it/agevolazionitariffarietpl) e, con tale documento, potranno recarsi presso l’agenzia TUA/Sistema del terminal Collemaggio per il rilascio di abbonamenti mensili gratuiti, validi lungo la linea L’Aquila-Amatrice e anche sulla rete dei servizi urbani aquilani.

A parlare dell’iniziativa del potenziamento dei servizi di TPL è stato il consigliere regionale delegato ai Trasporti, Camillo D’Alessandro: “Siamo molto soddisfatti del lavoro di Tua – ha detto – che ha garantito, e continua a garantire, il servizio di mobilità alle persone colpite dal sisma. Sin dal primo momento dell’emergenza – ha proseguito D’Alessandro – abbiamo dato la nostra disponibilità e stiamo facendo un buon lavoro”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Si è svolta a Pescara la prima assemblea provinciale di Articolo 1 – MDP. Hanno partecipato un centinaio di promotori dei comitati della provincia.
L'assemblea è stata introdotta da Francesco D'Agresta (già segreteria regionale SI) e sono intervenuti nel dibattito: Franco Leone (già segretario CGIL Abruzzo), Davide Morante (Consigliere comunale di Salle), Rocco Tortora, Roberto Di Lodovico (già segretario provinciale SEL Pescara), Antonino Orlando, Alex Di Costanzo (studente Istituto alberghiero), Carlo Gaspari (Consigliere comunale di Pescara), Pina Fasciani (già Deputata), Elio Odoardi, Luca Rossi (già segreteria provinciale SEL Pescara), Federico Acconciamessa (studente universitario), Gianni Melilla (Deputato), Mario Mazzocca (Sottosegretario alla Giunta regionale d'Abruzzo), Marinella Sclocco (Assessore Regionale Abruzzo), Gianfranco Pinti (ex Sindaco di Tocco da Casauria).

Tra le prime adesioni, oltre ai nomi già elencati, segnaliamo:

Stefano Casciano (Consigliere comunale di Pescara), Rita Silvaggi (Assessore a Caramanico Terme), Sablone Moreno (Consigliere comunale di Loreto Aprutino), Emilio Marzetti (già tesoriere regionale PD), Sonia Di Naccio (Confesercenti), Franca Canale (CGIL PE), Rocco Tortora (già segretario sezione DS Montesilvano), Fiorangelo Cutilli (già coordinatore circolo SEL Montesilvano).

Si è costituito un coordinamento operativo provvisorio, composto da:

Francesco D'Agresta, Marinella Sclocco, Davide Morante, Luca Rossi, Carlo Gaspari, Pina Fasciani, Mario Mazzocca, Gianni Melilla, Stefano Casciano.

Nelle prossime settimane si terrà un'assemblea provinciale con Pierluigi Bersani e un convegno sui temi del lavoro e della sicurezza sociale con Guglielmo Epifani (Presidente commissione parlamentare Attività produttive) e Gianni Melilla (capogruppo MDP nella Commissione Bilancio alla Camera dei Deputati).
In tutti i comuni della provincia si terranno assemblee costituenti di Articolo 1 – MDP..
A fine maggio si terrà l'assemblea provinciale per l'elezione di un coordinamento provinciale.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Requisiti più morbidi e nuovi termini di scadenza. Sono queste le novità del bando emanato dal Comune di Montesilvano per accedere al Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli.

Dopo che la Regione Abruzzo, che ha stanziato alcune somme in favore dei Comuni per supportare i cittadini in difficoltà con il pagamento dell’affitto, ha ampliato i requisiti di accesso, il Comune di Montesilvano ha emanato un nuovo avviso pubblico aperto sino al 21 aprile. Ammonta a 116.400 euro l’entità del contributo che l’ente montesilvanese mette a disposizione dei suoi residenti.

Possono accedere coloro che non sono riusciti a provvedere al pagamento dell’affitto per una consistente riduzione della capacità reddituale dovuta alla perdita di lavoro per licenziamento, ai quali è stato ridotto l’orario di lavoro; per cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti la capacità reddituale; per mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici; per cessazione di attività libero – professionali o di imprese registrate derivanti da cause di forza maggiore; per malattia grave o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato una consistente riduzione del reddito complessivo. A ciò si aggiungono altri eventi giustificati che abbiano notevolmente limitato la capacità reddituale.

«L’aggiunta di tale requisito - dichiara De Martinis - amplierà sicuramente le possibilità di cogliere questa ottima opportunità. Infatti in questi giorni sono già moltissimi i cittadini che si sono rivolti allo sportello dell’Azienda Sociale per valutare la propria situazione».

Per l’ammissione ai benefici, bisogna essere, oltre che residenti nel Comune di Montesilvano, titolari di un contratto di locazione ad uso abitativo, destinatari di un atto di sfratto per morosità, e con reddito ISEE non superiore a 35.000 euro, o derivante da regolare attività lavorativa con un valore ISEE non superiore a 26.000 euro.

I contributi sono destinati fino ad un massimo di 8.000 euro per sanare la morosità incolpevole accertata dall’Ente, qualora il periodo residuo del contratto in essere non sia inferiore a due; un massimo di 6000 euro per ristorare la proprietà dei canoni corrispondenti alle mensilità di differimento; fino ad un massimo di 4500 euro per assicurare un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione; assicurare il versamento di un numero di mensilità relative a un nuovo contratto da sottoscrivere a canone concordato fino ad un massimo concedibile, complessivamente di 12.000 euro.

I documenti sono scaricabili dal sito istituzionale comunale o dell’Azienda speciale e disponibili presso gli uffici dell’Azienda Sociale il lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12:30 e il venerdì dalle 15:30 alle 17:30.

Pubblicato in Politica

Giulianova. Domenica 9 aprile alle ore 10 a Giulianova all’hotel Cristallo ci sarà una iniziativa politica di Art. 1 Movimento Democratico e Progressista con l’on. Arturo Scotto e Francesco Mastromauro, primo Sindaco in Italia ad aderire a Art. 1 MPD. L’incontro sarà introdotto da Tommaso Di Febo e vedrà la partecipazione dei consiglieri comunali Valerio Rosci - Capogruppo Consiliare, Danilo D’Emilio, Valentina Di Giulio, Lorenzo Di Teodoro e del componente cda dell’ente porto Gian Luigi Core.

Gli incontri territoriali che Articolo 1- MDP sta organizzando nascono nell’ottica di raccogliere la volontà di aprire una fase politica nuova, da vivere con passione per essere protagonisti nella ricostruzione di un partito di sinistra popolare, con una cultura di governo, fondato sui valori storici della democrazia e del lavoro. L’Italia ha bisogno di voltare pagina, partendo in primis dal lavoro con una nuova politica industriale ed il rilancio del welfare, affrontando con strumenti certi la lotta alla povertà. Articolo 1 - MDP lavorerà ogni giorno nelle istituzioni e sul territorio, per far tornare ad essere le istituzioni quei luoghi di rappresentanza reale delle ferite che la lunga crisi infligge alla vita delle persone, per dare alle realtà territoriali voce e sbocco a queste problematiche. Questa è per noi la funzione essenziale della sinistra, per la trasformazione dell'Italia.

All’iniziativa hanno già annunciato la partecipazione: on. Gianni Melilla, Rosaria Ciancaione, Mauro Vanni, Gianmarco Piovan, Stefano Alessiani, Sabatino Prosperi, Francesco Virgilii - Presidente Nazionale Ancodas e Luciano Crescentini.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 2

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione