Articoli filtrati per data: Luglio 2017

Pescara. Dopo il successo dei primi appuntamenti della rassegna dedicata ai più piccoli dal Florian Metateatro con “Raperonzolo” del Teatro del Buratto di Milano, e con “Il Gatto con gli stivali” del Teatro Verde di Roma e con “I Racconti Di Fernando-Incubi, lazzi e sogni di Pulcinella” del Teatro Bertold Brecht di Formia – Latina

Il programma continua con

martedì 1 agosto
I Guardiani dell'Oca (Guardiagrele - CH)
ROBIN HOOD
nel castello di Nottingham
con Tiziano Feola e Zenone Benedetto
testo e regia Zenone Benedetto
pupazzi Ada Mirabassi

Nell'affascinante mondo dell'Inghilterra medioevale, Robin Hood e la sua allegra compagnia, immersi nel verde fantastico e magico della Foresta di Sherwood, tentano di opporsi eroicamente alle cattiverie del perfido Principe Giovanni, detto il senza terra", e del suo fedelissimo e cattivissimo Sceriffo di Nottingham. In un crescendo di emozioni i ragazzi potranno rivivere un'affascinante storia dal sapore antico, ricca di sorprese e colpi di scena. Little John, Frate Tuck, Lady Marianne, lo Sceriffo di Nottingham e il piccolo soldato Artur, faranno a gara per impedire o agevolare le imprese eroiche di Robin Hood. Tra fantasmini, castelli e antiche leggende, per circa un'ora, tutti potranno partecipare attivamente all'avventura fantastica di Robin.
Spettacolo con attori, pupazzi e sagome, dai 3 anni

lunedì 7 agosto
Florian Metateatro (Pescara)
LA CENERENTOLA
di e con Flavia Valoppi e Germana Rossi
canzoni e musiche dal vivo Germana Rossi
consulenza e regia Mario Fracassi

Cenerentola, dopo la scomparsa della madre, vive nel proprio castello ridotta a fare da serva alla matrigna e alle due brutte e cattive sorellastre. Un bel giorno arriva il dispaccio reale per cui tutte le ragazze da marito sono invitate alla festa in onore del matrimonio del principe... "La Cenerentola" è la storia di tutti i bambini costretti a crescere indesiderati in situazioni apparentemente ordinate: di come essi possano conservare malgrado tutto il loro desiderio d'amore o la loro speranza nella felicità. E’ uno spettacolo dove le due interpreti danno voce, attraverso il gioco del suono del violino, della fisarmonica, del canto e della narrazione, al fuoco che scoppietta, alla spazzola che pulisce il pavimento ai piedi delle sorellastre - costretti a strizzarsi dentro una scarpa troppo piccola - e a tutti gli altri personaggi della fiaba più conosciuta al mondo.
Ci incanta la gestualità dello spettacolo consumato in una assoluta vicinanza con il pubblico, il racconto si fa tutt'uno col corpo dell'attrice che rappresenta attraverso forme visibili l'azione immaginaria. Ma lo spettacolo è anche un ritorno all'origine della Fiaba domestica per Bambini dei Grimm, alla sua integrità e interezza, al recupero sonoro della lingua originale e alla sua radicalità espressiva.
Teatro d'attore, dai 5 anni

INGRESSO € 5 In caso di maltempo gli spettacoli si svolgeranno al coperto.
Vendita biglietti AL BOTTEGHINO a partire da un'ora prima dell'orario di inizio dello spettacolo.

Pubblicato in Cultura e eventi
Lunedì, 31 Luglio 2017 00:00

Pescara, progetto Ninive a Fontanelle

Pescara. Continua il percorso del Camper Caritas e allarga il confine di lavoro “Ninive”, progetto di socializzazione e riqualificazione delle periferie iniziato dall’arcidiocesi di Pescara-Penne con i finanziamenti dell’8x1000 nel 2016.
Sarà il quartiere pescarese di Fontanelle ad accogliere la festosa carovana che attraverso giochi, laboratori e attività di gruppo «si mette in ascolto della gente – specifica don Marco Pagniello, direttore della Caritas diocesana – ne scopre i bisogni e le necessità e cerca di farsi portavoce dei cittadini attivando reti di lavoro con istituzioni e associazioni presenti nel quartiere e favorendo la rinascita di aree degradate, spesso abbandonate, della periferia di Pescara».
È da più di un anno che il Camper Caritas percorre le strade di Pescara e diverse sono state le attività ricreative organizzate insieme alla riapertura di centri pubblici di incontro soprattutto nel quartiere di Rancitelli. Domani, Ninive, sarà in via dei Caduti per Servizio, nel parco della serenità con “Fontanelle in festa” a partire dalle 18.30.
Spettacoli di magia, zucchero filato, buffet, musica e balli per una serata che vuole solo inaugurare «una presenza viva – conclude don Marco – coinvolgente, che sappia intercettare bisogni e risorse coinvolgendo singoli cittadini, parrocchie, enti e associazioni».

Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 31 Luglio 2017 00:00

A Castelbasso incontri di letteratura

Castelbasso. Castelbasso 2017 torna fino al 3 settembre nell’antico borgo teramano. Il fulcro della manifestazione, allestita dalla Fondazione Malvina Menegaz, è, come sempre, l’arte, con mostre di livello internazionale.

Arricchiscono la proposta estiva gli incontri con la letteratura, curati da Renato Minore.
Sarà possibile avvicinare la scrittura di Franco Arminio (premio Viareggio 2017), di Teresa Ciabatti, e di Vito Teti.

Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito e si tengono, con inizio alle 21,30 in piazza Arlini.

Scrittore, poeta e “paesologo”, Franco Arminio parlerà domani, martedì 1 agosto, di “Cedi la strada agli alberi” (Chiarelettere, Premio Viareggio), un’opera raffinata e popolare, intreccio di passioni intime e passioni civili, che raccoglie parte della sua sterminata produzione in versi

Teresa Ciabatti presenta, venerdì 4 agosto, il suo ultimo romanzo, “La più amata” (secondo classificato al premio Strega 2017). Lo rapiscono sotto gli occhi della moglie e dei figli. Lui è un professore, primario chirurgo, massone, carrierista, forse golpista, prepotente e dissipatore. La figlia prediletta, Teresa Ciabatti, racconta una famiglia e un’infanzia non proprio felice da principessina di un “inesistente principato della Maremma”.

Dal Piemonte alla Sicilia i paesi si svuotano. L’antropologo Vito Teti di questi luoghi è un narratore appassionato. E come spiegherà domenica 6 agosto a Castelbasso parlando del suo libro “Quel che resta” (Donzelli), “che non ci sia nessuno ad abitarli, o quasi nessuno, non significa che non vi accada niente. O che ci sia poco da raccontare”.

A Castelbasso si realizza la sintesi di una visione e di un’idea di territorio, un format affermato teso al dialogo tra differenti ambiti culturali che coinvolge protagonisti dell’arte contemporanea nazionale e internazionale, e che sono il fulcro di un programma di appuntamenti che comprende letteratura, musica, incontri e laboratori didattici.
Mario Sironi e le arti povere – Assenso e dissenso (a cura di Andrea Bruciati) è il titolo dell’esposizione che sarà aperta dal 23 luglio al 3 settembre a palazzo De Sanctis. L’esposizione vuole raccontare una continuità dialettica fra i due periodi storici diversi, secondo una prospettiva concettuale eterodossa che fa propria anche la similarità di alcuni mezzi espressivi (disegni, collage, fotografie per una riduzione minima del linguaggio). Artisti selezionati: Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, Pier Paolo Calzolari, Mario Ceroli, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Paolo Icaro, Fabio Mauri, Mario Merz, Marisa Merz, Giulio Paolini, Pino Pascali, Gianni Piacentino, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini, Gian Emilio Sansonetti, Gilberto Zorio.
A palazzo Clemente, invece, nello stesso periodo si potranno ammirare spazi dedicati ad artisti come Carla Accardi, Franco Angeli, Manfredi Beninati, Bizhan Bassiri, Luigi Boille, Thomas Braida, Mario Ceroli, Claudio Cintoli, Antonio Corpora, Patrizio Di Massimo, Tano Festa, Luca Francesconi, Giulio Frigo, Marco Gastini, Sophie Ko, Renato Mambor, Gian Marco Montesano, Marco Neri, Nunzio, Mimmo Paladino, Paolo Pretolani, Vettor Pisani, Oscar Contreras Rojas, Mimmo Rotella, Arcangelo Sassolino, Ettore Spalletti, Giuseppe Stampone, Giulio Turcato e Vedovamazzei.
Inoltre, per la sezione Performance, a cura di Pietro Gaglianò, Marco Raparelli e Giuseppe Stampone proporranno Running the fields make some noise, una mostra evento della durata di una serata (il 12 agosto).
Per la musica Simona Molinari sarà protagonista del suo omaggio alla Fitzgerald con Loving Ella (l’11 agosto sempre in piazza Arlini).
Nel programma trovano spazio anche la musica classica (a cura di Roberto Marini) con l’Hermione ensemble, che si esibirà il 5 agosto e l’enogastronomia con una serata dedicata alla Panarda, l’antica tradizione abruzzese del pasto luculliano con decine di portate (10 agosto).
Con il patrocinio e il contributo di Mibact (Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo), Regione Abruzzo, Provincia di Teramo, Comune di Castellalto, Consorzio dei Comuni B.i.m., Camera di commercio di Teramo, Fondazione Tercas, Gruppo Falone, Lea & Flò.
Di seguito le specifiche di ogni appuntamento.
Tutte le serate si svolgono in piazza Arlini.

ARTE

MARIO SIRONI E LE ARTI POVERE: ASSENSO E DISSENSO
a cura di Andrea Bruciati
Palazzo De Sanctis, orari: martedì - domenica, 19-24 (aperto lunedì 14 agosto)
Catalogo Silvana editoriale

FONDAZIONE MALVINA MENEGAZ PER LE ARTI E LE CULTURE
STORIE E OPERE
Palazzo Clemente, orari: martedì - domenica, 19-24 (aperto lunedì 14 agosto)

STACCA, STRAPPA, ATTACCA!
Laboratorio didattico per bambini da 5 a 11 anni
Tutti i martedì dal 25 luglio al 29 agosto alle 18 a Palazzo Clemente
INTERFERENZE LUMINOSE
Laboratorio didattico per bambini da 5 a 11 anni
Tutti i mercoledì dal 26 luglio al 30 agosto alle 18 a Palazzo De Sanctis

PERFORMANCE

MARCO RAPARELLI E GIUSEPPE STAMPONE
Running the fields make some noise
12 agosto, ore 21.30

MUSICA

SIMONA MOLINARI - Loving Ella
11 agosto, ore 21.30

MUSICA CLASSICA

HERMIONE ENSEMBLE - L’Europa musicale tra rinascimento e barocco
5 agosto, ore 21.30

LETTERATURA

FRANCO ARMINIO - Cedi la strada agli alberi
01 agosto, ore 21.30
TERESA CIABATTI - La più amata
04 agosto, ore 21.30
VITO TETI - Quel che resta
06 agosto, ore 21.30

ENOGASTRONOMIA

LA PANARDA
10 agosto, ore 21

INFO
Palazzo Clemente e Palazzo De Sanctis, Borgo Medievale di Castelbasso
Orari: martedì - domenica, 19-24 (aperto lunedì 14 agosto)
Ingresso (valido per entrambe le mostre): 8€, ridotto 6€, gratuito per i bambini fino a 6 anni
tel. 0861.508000 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.fondazionemenegaz.it

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. Da tempo mi sto occupando sia personalmente che nella mia qualità di coordinatore del “Comitato Pescaratutela/selfie” e di “direttore artistico del Comune di Caramanico per gli eventi dedicati a D’Antino”, del recupero e della valorizzazione del Patrimonio artistico dello scultore di Caramanico, Nicola D’Antino, molto operativo durante il fascismo.
E’ stato, tra l’altro, l’autore delle famose quattro Statue in bronzo che adornavano il Ponte Littorio di Pescara, inaugurato nel 1933, Statue allegoriche che rappresentavano le quattro attività economiche della nostra Provincia di quel tempo.
Queste opere furono trafugate durante la seconda guerra mondiale dai tedeschi in ritirata, prima di far saltare il ponte. Questa sottrazione ha destato la nostra curiosità tanto che qualche mese fa, unitamente a componenti del Comitato Pescaratutela/selfie, abbiamo inoltrato una denuncia internazione per una possibile ricerca. Ora, cosa produrrà la denuncia non lo sappiamo, però sono accadute tante significative questioni che ci permettono anche di sperare in un rinvenimento di qualche Statua. Intanto, un collezionista ci ha offerto la possibilità di esporre per una serata il modello d’autore in bronzo (un metro per ottanta centimetri) di una delle Statue, ovvero il lavoro preparatorio per la realizzazione della Statua della Pastorizia. L’evento si terrà il 1° agosto presso il Piazzale Michelucci dell’Aurum e tende ad una reale attenzione al recupero e alla valorizzazione del nostro Patrimonio Storico-Culturale. Intanto, va detto che con Vittorio Sgarbi (curatore) stiamo lavorando ad una mostra antologica dello scultore per il 2018.
Nicola D’Antino nasce a Caramanico (Pescara) il 31 ottobre 1880 e muore il 3 novembre 1966. Artista importante nel panorama culturale italiano della prima metà del novecento. Autore delle fontane “Luminosa” e “Gemella” de L’Aquila, di due delle statue che adornano il Foro Italico a Roma e di tante altre sculture. Dopo l’inaugurazione del Ponte Littorio avvenuto il 14 agosto 1933 e progettato dal noto architetto Cesare Bazzani, che progettò anche il Palazzo delle Poste e la Chiesa di S. Cetteo, si decise di decorare il Ponte stesso. Si pensò, inizialmente, solo a 4 Aquile, che vennero collocate su alti piloni, ma successivamente si diede incarico a Nicola D’Antino per una cifra di 130.000 lire di realizzare 4 sculture in bronzo, da consegnare entro il 14 agosto 1935. I tempi furono rispettati e nel mese di Agosto vennero consegnate “le quattro statue in bronzo a decorazione del Ponte Littorio”, di natura allegorica. “Sono nudi femminili”, come scrive Gabriella Albertini, autrice di un’importante ricerca sull’artista “adagiati su basamenti lungo il parapetto del ponte (due per parte). Le figure rappresentano: la pastorizia, la pesca, l’agricoltura e l’industria. Quattro elementi che caratterizzano alcuni aspetti della regione Abruzzo”.Le sculture scomparvero, durante la seconda guerra mondiale, poco prima che i tedeschi in ritirata facessero saltare il ponte littorio. Infatti, nel volume di Bertillo e Pittarello “Il martirio di una città – Pescara e la guerra 1941/44”, si legge: “La 7^ Brigata Indiana di fanteria ebbe l’ordine di procedere verso Pescara alle ore 11.30 del 10 giugno. Con una jeep le avanguardie trovarono una circonvallazione lungo la linea ferroviaria e dieci ponti distrutti. Alle ore 13.00 il 7° squadrone da ricognizione entrò a Pescara con un carro armato Honey e un distaccamento di granatieri. Questo squadrone trovò i ponti sul Pescara completamente distrutti, ma entrò ugualmente nella città, da ovest, alle ore 15.30”. Per anni si è sostenuta la tesi che le statue fossero state fuse per riutilizzare il bronzo. Ora noi, con la denuncia e con le iniziative, vogliamo tenere alta l’attenzione per un loro eventuale rinvenimento.

Pubblicato in Cultura e eventi

Casalincontrada. La cerimonia di premiazione della 2a edizione del Concorso Nazionale diPoesia, organizzato dal “Centro Studi Delollisiani” in ricordo della figura edell’opera dell’insigne letterato abruzzese, si svolgerà sabato 5 agosto 2017in piazza Alceste de Lollis, a partire dalle ore 20:30. La giuria, formata dalla prof.ssaElsa Flacco(presidente) e dai poetiMario D’Arcangeloe Fausto De Sanctis, ha assegnato - per la categoria A - premi agli alunniSara DelGrosso e Jacopo Bonelli e alla classe terza media,delle scuole del 1° ciclo di Casalincontrada. Per la categoria B, il primo premio andrà aCarmelo ConsolidiFirenze con la poesia “Pantelleria”,il secondo a Tiziana Gabrielli di Roma con “La sera è un’eresia di luce” e il terzo a Lelia Ranallettadi Chieti con “Rinascita”.Sei sono i testi poetici segnalati ex aequo. Alla manifestazione interverranno Vincenzo Mammarella, sindaco del comune di Casalincontradache ha patrocinato e sostenuto l’evento, il parroco don Enrico D’Antonio, personaggi del mondo della cultura e una rappresentanza della famiglia De Lollis, provenienteda Roma.

Pubblicato in Cultura e eventi

Casalincontrada. Dopo aver organizzato l’incontro primaverile della Deputazione Abruzzese di Storia Patria, il “Centro Studi Delollisiani” proseguenelle attività programmate allestendo, perl’Estate casalese, un’interessante mostra, la quale resterà aperta (dal 26 luglio al 6 agosto 2017, durante le ore serali) presso la sala consiliare del Comune di Casalincontrada, che ha concesso per l’occasione il suo patrocinio. Organizza ed espone il noto artista casalese Giuseppe Del Grosso, il quale propone una parte della più ampia collezione Jesus of Nazareth, che ripercorre cronologicamente i momenti salienti della vita di Cristo, dall’Annunciazione alla Deposizione nel Santo Sepolcro. La mostra sarà inaugurata ufficialmente, la sera del 26 luglio, dal sindaco Vincenzo Mammarellae dal parroco don Enrico D’Antonio. Una proposta culturale di grande spessore, da non perdere.

Pubblicato in Cultura e eventi

Pescara. “Sono quasi terminati i lavori sugli incroci pericolosi di Vestea-via e via Tirino-via Musone, da oggi sono cominciati invece quelli su via dei Marsi-via Socrate, ultimo del lotto degli interventi per mettere in cìsicurezza incroci critici che abbiamo avviato a fine giugno".
Così in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore Antonio Blasioli, che aggiunge: "Si tratta di un crocevia particolarmente problematico, dove si registrano molti incidenti, attraverso i lavori verrà allargato e quindi la strada sarà più ampia e visibile e, di conseguenza più sicura.
I tempi saranno serratissimi, i lavori cominciano infatti in anticipo rispetto alla tabella sdi marcia e recepiscono sia le segnalazioni dei cittadini che quelle della Commissione Lavori Pubblici che aveva ospitato in aprile in una delle sue sedute l’architetto Giancarlo Laorenza, progettista degli interventi con il Centro di Monitoraggio sulla Sicurezza Stradale.
I lavori, aggiudicati alla ditta Costruzioni Santangelo di Mignano Monte Lungo, sono complessivamente pari a 150.000 euro e renderanno più fruibili incroci che aspettavano da tempo una messa in sicurezza”.

Pubblicato in Cronaca

Mesagne. Affascinato dalla lettura dei romanzi di Joseph Conrad, Mino Milani - giornalista,storico efumettista-ha iniziato a scrivere libri, senza mai fermarsi. E’ il creatore del cowboyTommy River, pubblicato a puntate sul “Corriere dei Piccoli” sul quale sono stati pubblicati i suoi primi racconti. Ha collaborato con alcuni dei più importanti disegnatori italiani tra cui Hugo Pratt, Milo Manara, Dino Battaglia, Sergio Toppi. Divenne famosa anchela sua rubrica “La realtà romanzesca”su La Domenica del Corriere. Scrittore prolifico, ha al suo attivo decine di romanzi oltre che una lunga serie di premi prestigiosi.Fantasma d’amoreè uno dei suoi più letti. È il romanzo da cui nel1981 nacquel’omonimo film diretto da Dino Risi ed interpretato da Romy Schneider e Marcello Mastroianni. Il romanzo è ambientato a Pavia,città dagli scorci misteriosi e dailabirinti di stradine che,avvolti dalla nebbia,sembrano set naturali per puntare la macchina da presa. Appassionato di storia, Milani ha scritto una biografia critica su Giuseppe Garibaldi, con prefazione di Giovanni Spadolini.“Casa Milani”  - così appare su una targa –  è il palazzo di inizio Novecento di fronte alla chiesa di San Pietro in Ciel d’Oro, a Pavia, dove è nato,vive e lavora. Infatti, Milani ha ottantanove anni e continua a lavorare. E’ prossima l’uscita di un romanzo d’avventura sulla prima nave italiana che fece il giro del mondo tra il 1866 e il 1868. Il mestiere dello scrittore per Milani è soprattutto metodo e disciplina, così come il giornalismo; è stato direttore del quotidiano “La Provincia Pavese”. Sveglia alle 6 per la colazione, e dalle 8,30 Milani scrive, fino ad un quarto d’ora prima di mezzogiorno; quindi pausa per un Martini dry che, a differenza di James Bond, beve liscio, senza ghiaccio, prima di pranzare in modo frugale, preferibilmente con un risotto. Altri segreti della vita di Mino Milani si conosceranno direttamente da lui, perché giovedì 3 agosto 2017 sarà l’Ospite d’Onore di una serata dedicata al tema dell’amore, declinato in vari modi che spazianodallafilosofiaallaletteratura, dalla religione alla scienza, dal giornalismo fino al teatro. La bella sede del “Monastero del 3° Millennio” vi aspetta dalle ore 20 di giovedì, in via Reali di Bulgaria, a Mesagne.

Pubblicato in Cultura e eventi

Macerata. Due serate all’insegna della solidarietà (11 e 14 agosto) per le popolazioni del maceratese colpite dal sisma: il Comune e la Provincia, in collaborazione con l’Associazione Arena Sferisterio e il sostegno dell’azienda Vemac, hanno deciso di accogliere in occasione dell’Aida al Macerata Opera Festival una rappresentanza di tutta la popolazione che lo scorso anno ha vissuto il dramma del terremoto, forti della convinzione che la musica e la cultura in genere sono alla base delle azioni per la ripresa delle attività quotidiane e per la ricostruzione.

Il Sindaco di Macerata, Romano Carancini, e il Presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, attraverso i sindaci dei comuni del cratere, accoglieranno simbolicamente il territorio colpito dal terremoto allo Sferisterio per condividere la soddisfazione e l’orgoglio per i risultati dell’attuale stagione del Macerata Opera Festival, una manifestazione che pone le Marche al centro dell’interesse turistico e culturale internazionale sia durante le serate di spettacolo nel singolare e affascinante spazio dello Sferisterio, sia nelle numerose attività collaterali del Festival OFF.

“Saranno bellissimi momenti di condivisione fra le istituzioni, ma prima di tutto fra le persone – sottolinea il sindaco di Macerata Romano Carancini –. Vogliamo vivere insieme al territorio l’ultima notte del Macerata Opera Festival 2017, confidando che la paura dei mesi scorsi resti fuori dagli archi dello Sferisterio, per testimoniare quanto siamo uniti”.
“Con gli appuntamenti dell’11 e 14 agosto – dichiara il presidente della provincia Antonio Pettinari – vogliamo rafforzare il coinvolgimento di tutto il territorio in quella che è la manifestazione estiva per eccellenza del capoluogo, attraverso la quale lanciare un messaggio di speranza, che si unisce alla nostra volontà di ripartire. Le parole d’ordine sono: solidarietà, coesione e vicinanza”.

Saranno quindi due i momenti principali, concentrati significativamente alla fine del festival per un abbraccio conclusivo che possa segnare l’edizione 2017 del Festival.
La prima data è quella dell’11 agosto, per l’ormai consueta serata dei Sindaci del maceratese, che assume anor più un significato di coesione per il territorio dopo il terremoto dello scorso anno. A sostenere l’iniziativa è la società Atlantico, operante nel settore dell’energia rinnovabile e del risparmio energetico che, oltre a curare il progetto di riqualificazione dell’illuminazione pubblica di Macerata, ha deciso di partecipare alla 53° stagione operistica maceratese attraverso Art Bonus, dimostrando la sua vicinanze alle Marche.

La seconda è invece rivolta alle comunità residenti nella zona rossa della regione. La volontà del Comune e della Provincia, come anche del Festival, è quella di dedicare l’ultima serata di questa edizione 2017 ai cittadini terremotati come gesto di affetto e solidarietà. Saranno messi a disposizione circa 500 biglietti per lo spettacolo di Aida del 14 agosto in una quantità definita secondo la popolazione del comune (10 biglietti fino a 5.000 abitanti, 16 biglietti fino a 10.000 abitanti, 24 biglietti oltre i 10.000 abitanti).
Grazie al sostegno dell’azienda Vemac, i biglietti per questa causa sono totalmente gratuiti e sarà inoltre organizzato un servizio di navette ad hoc per coloro che prenderanno parte all’evento. Nata a Pescara nel 1976, Vemac è oggi leader in Abruzzo e Marche nella vendita di materiali per l’edilizia, con 10 magazzini e 4 showroom dedicati alle finiture, in particolare piastrelle, arredo bagno e infissi. Nel maggio 2017, Vemac è entrata a far parte del gruppo Eternedile, nato nel 1949, che è diventato in questo modo uno dei più importanti in Italia, grazie alla capillare distribuzione con 37 magazzini per l’edilizia e 11 showroom.

“La scelta di organizzare queste iniziative per il territorio nelle serate conclusive del Festival – precisa il sovrintendente Luciano Messi – rinnova il ruolo di catalizzatore dello Sferisterio, attorno al quale in questo caso si aggregano Atlantico e Vemac. È grazie all’impegno di questo partner che possiamo offrire questo contingente di biglietti omaggio alla popolazione del cratere. Siamo particolarmente soddisfatti che al segnale forte che lanciato dallo Sferisterio, fa sempre eco una risposta altrettanto forte di aziende e privati”.

“Quando il terremoto ha colpito questa terra – ricorda il direttore artistico Francesco Micheli – subito abbiamo cercato di capire cosa avremmo potuto fare. Oggi è bello constatare che in un anno cosi difficile il Macerata Opera Festival dimostra di godere di ottima salute e di essere il maggior momento di rinascita. Sono particolarmente felice che quel sto abbraccio collettivo coinciderà con Aida della quel curo la regia. Nella vicenda verdiana di questa ragazza etiope inconsapevolmente c’è il racconto di tanti uomini e donne, tante persone che nei mesi scorsi hanno dovuto lasciare forzatamente la propria terra, i propri borghi incantevoli per andare verso il mare, come Aida aveva lasciato la sua terra rigogliosa verso la sabbia del deserto egiziano. Nell’aria “O cieli azzurri” sembra che riecheggino i versi leopardiani e il paesaggio dei Sibillini. Richiamare i sindaci e i cittadini di questi paesi ci sembra una sorta di rito di riconciliazione tra noi e il territorio. Questo è il secolo che ci ha insegnato che non di soli beni materiali vive l’uomo e lo Sferisterio ci sembra un ottimo luogo dove poter trarre nutrimento per la nostra anima, così come dichiaravamo all’inizio di questo triennio operistico”.

Pubblicato in Cultura e eventi

Chieti. Il lungo fine settimana del “Theate Magic Summer 2017” sta per cominciare, novità e sorprese saranno all’ordine del giorno, magia e illusione vi stupiranno, i migliori artisti del panorama internazionale saranno tra di voi, per offrirvi uno show sorprendente ed itinerante. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Chieti, organizzata da “La Forza Dei Diritti”, associazione culturale, del presidente Remo Stampone, in sinergia con l’associazione “Scopri Teate” della Dott.ssa Concetta De Santis. La direzione artistica dell’evento è affidata all’illusionista teatino Ottavio Belli, autore di un programma d’eccezione.
Tra uno spettacolo e l’altro si potrà gustare dell’ottimo cibo tradizionale con lo “Street Food Time” e passeggiare per scoprire la Chieti antica e misteriosa, con visite gratuite a cura dell’associazione “Scopri Teate”. All’evento è collegata, “La Lotteria 2017”, con premi rilevanti, come una Crociera nel Mediterraneo e un soggiorno a Disneyland Paris, è possibile acquistare il biglietto, nei punti vendita autorizzati, al costo di soli 2.50 euro. Il festival si svolgerà per le vie del centro storico di Chieti, dal 4 al 6 agosto, il centro storico, sarà animato da “Street Magic”, con maghi, ipnotisti, Illusionisti, escapologi e artisti dell'evasione. Tra le novità la “Wunderkammer”, stanze delle meraviglie e curiosità, sita in piazza G.B Vico.
A disposizione del pubblico, una brochure, con mappa ed info da ritirare, presso gli esercizi commerciali che aderiscono all’iniziativa. La manifestazione prenderà il via da piazza G.B. Vico, a partire dalle ore 17.00, con lo spettacolo del mago Jabba e la sua carrozza dei fenomeni. Le strade interessate dallo Street Magic saranno: Corso Marrucino, Piazza San Giustino, piazza G.B. Vico (ex pescheria). Per facilitare l’accesso al festival si potrà parcheggiare, presso il Palatricalle, in via dei Peligni, che sarà collegato al centro storico di Chieti, con navette-bus, gratuite, orari dalle 16.00 alle ore 1.00, da venerdì a domenica. Inoltre in alternativa si potrà usufruire del parcheggio comunale, sito in piazza Garibaldi, per poi raggiungere il centro in 4 minuti.

“Il Gran Galà dell’Illusione”, si svolgerà sabato 5 agosto, in piazza San Giustino a partire dalle ore 21.15, a condurre l’evento, sotto la direzione artistica di Ottavio Belli, il celebre mago-comico Raul Cremona. Sul palco si alterneranno artisti di fama internazionale: Raul Cremona, presentatore; Gaia Elisa Rossi, illusionista e Luca Terranova, in arte “Novas”, specialità manipolazione; Andrea Prince, Laserman; Borsalino, hypnotic cabaret; Ottavio Belli, “The illusionist”, con il suo team e le sue partners Emy Bellucci ed Angelica Arba; Ospite d’Onore Alberto Giorgi e Laura, illusionisti. Gli eventi e gli spettacoli che si terranno durante i giorni del festival sono a titolo gratuito, ad eccezione del “Gran Galà dell’Illusionismo”, per il quale è necessario l’acquisto del biglietto, in prevendita negli esercizi commerciali del luogo, abilitati o sul sito www.ciaotickets.com;
per ulteriori informazioni si può consultare il sito www.theatemagicsummer.it;
la pagina facebook Theate Magic Summer;
Link video:
https://www.facebook.com/theatemagicsummer/videos/1424249070999413/

Pubblicato in Cultura e eventi
Pagina 1 di 76

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione