Pescara. Saranno pubblicati domani in Gazzetta ufficiale i bandi per l’assunzione di personale al Comune di Pescara e all’inizio della prossima settimana saranno consultabili anche sul sito internet del Comune. Oggi la presentazione in conferenza con la fotografia dello stato attuale del personale dell’Ente, in presenza del vicesindaco e assessore al Personale Antonio Blasioli, del dirigente e dei responsabili dei servizi di competenza Fabio Zuccarini, Roberta Ricci e Simona Belfiglio, l’avvocato Luca Tamassia, consulente dell’Ente per le procedure della contrattazione.

“Questi 19 posti sono una notizia attesa da tante persone, capace di dare speranze a chi cerca un lavoro e nuovo respiro all’Ente che in questi anni ha perso centinaia di unità - così il vicesindaco e assessore al Personale Antonio Blasioli – Il personale dell’Ente non ha un quadro florido per una serie di fattori che riguardano tutte le pubbliche amministrazioni, che scontano il naturale invecchiamento dell’organico e in questi anni si sono ritrovate con risicatissime possibilità economiche di azione. Il nostro Comune è stato ammesso inoltre al Piano di riequilibrio economico finanziario che sta andando avanti per restituire alla città possibilità di programmare, ma che ci lega ad azioni condivise con il Ministero. Attualmente il Comune dispone di 64 persone di categoria A; 158 di B1; 10 B3; 396 unità di C; 125 D1 e 11 D3: quindi abbiamo un personale che con i pensionamenti del 2018 conterà al 31 dicembre 717 unità. Sono previsti ulteriori 22 pensionamenti per il 2019 e, in itinere, le unità in uscita potrebbero essere anche di altre 101 unità nel 2019 se passa la cosiddetta “quota cento”, qualora detto personale scegliesse di andare via. Si tratta di un quadro importante che riduce sempre di più l’organico, pur dovendo assicurare la qualità dei servizi forniti dall’Ente. Nel 2008 superavamo i 1.200 assunti, nel 2011 scesero a 870, fino ad arrivare ai 717 di oggi, un personale che, a parte qualche pecora nera presente in tutte le amministrazioni, ogni giorno fa un grande lavoro, considerata la mole di lavoro da portare avanti e lo fa con grande qualità. Dunque i 19 posti a concorso ci permettono di potenziare il piano assunzionale degli anni precedenti (nel 2015 abbiamo assunto 4 unità di C; nel 2016 3; nel 2017 8 lavoratori, fra i D e i dirigenti) e di guardare al futuro.

C’è poi il non trascurabile risvolto sociale e professionale, perché i concorsi sono una speranza per giovani, laureati o diplomati, ma anche per chi lavora dentro l’Ente, che con le procedure concorsuali potrà progredire verticalmente secondo i percorsi riservati ex art. 22 D.Lgs. 75/17 previsti dalla riforma Madia e che potrebbe premiare i dipendenti che sono entrati con profili più bassi della laurea che già possedevano o che si sono continuati a formare nel corso della loro vita lavorativa e di fatto già svolgono un lavoro più qualificante. Le graduatorie saranno valide per i prossimi tre anni e dunque vi attingeremo se ci saranno ulteriori pensionamenti, ma sarà un’occasione ulteriore per i partecipanti se anche altri Enti si convenzioneranno con noi, com’è accaduto già per la Polizia Municipale con le selezioni degli stagionali da cui hanno attinto anche i Comuni vicini. In questo senso va considerato che le posizioni utili saranno ben più delle 19 a concorso nei prossimi tre anni. A tale proposito abbiamo fatto proprio per questo in modo che alla prova scritta possa essere ammesso un numero maggiore di persone, arriveremo a circa 50 persone per ogni profilo, perché vogliamo che ci siano graduatorie capienti sia per il Comune di Pescara che per gli altri enti che si convenzioneranno e potranno attingere.

Le domande saranno esclusivamente on line ed è ipotizzabile la preselezione che aiuterà a scremare i migliori da ammettere agli scritti già dopo l’Epifania. I bandi usciranno a giorni, poi ci saranno 30 giorni per presentare la domanda (che sarà possibile fino al 17 dicembre), la preselezione sarà affidata a una ditta esterna che stiamo selezionando che condurrà alle prove per la primavera prossima. Ho voluto oggi anticipare con una conferenza stampa questi concorsi per essere il più trasparente possibile e per chiedere pubblicamente al servizio personale di fare anche di più in termini di collaborazione e ausilio per quanti faranno richiesta per conoscere le modalità della procedura di selezione. I giovani e gli interni che aspirano ad una progressione nutrono delle speranze ed è giusto che incontrino uffici trasparenti e il più possibile in grado di premiare il merito, per gli aspiranti ma anche per l’ente che è giusto che punti sui migliori”.

“I pensionamenti, la quota cento e i nostri fabbisogni rendono pregnante tale procedura concorsuale – così il dirigente Fabio Zuccarini - Come detto i posti sono 19. Le posizioni sono: 4 da istruttore direttivo amministrativo D; 3 da istruttore direttivo contabile D; 1 da istruttore direttivo socio-culturale D; 2 da istruttore direttivo tecnico D; 1 da istruttore direttivo geologo D; 2 da istruttore tecnico perito C; 1 da istruttore amministrativo C; 2 da istruttore informatico C; 1 istruttore di vigilanza C; 2 autisti B. Abbiamo cercato di innovare la procedura di ricezione delle domande, tutto si farà online e sarà possibile inserirle direttamente dal sito internet. Questa formula innovativa scatterà da lunedì con la piattaforma da cui sarà più facile gestire le domande sia per chi le riceve che per chi le compila e all’atto della preselezione del concorso formalizzeremo la domanda con la sottoscrizione. Con noi oggi c’è la presenza dell’avvocato Luca Tamassia che abbiamo selezionato quale supporto strategico per la fase di rinnovo della contrattazione decentrata da applicare al nuovo contratto. Alla chiusura del bando acquisiremo le domande e poi le daremo ad una società che stiamo rilevando. Entro l’anno chiuderemo questa fase e a febbraio, secondo i tempi scanditi dalle normative vigenti, si aprirà la fase degli scritti, gli orali si svolgeranno per marzo, per chiudere con le graduatorie e, auspichiamo a fine marzo avremo i vincitori, che saranno assunti quando l’Ente avrà il placet della Commissione di Stabilità Finanziaria degli enti locali”.

“Stiamo vivendo un momento di grande cambiamento che ha bisogno dell’affermazione anche di nuove culture e con una selezione che sia più in linea coi tempi – così l’avvocato Luca Tamassia – Una procedura che consideri anche le attitudini oltre alle mere conoscenze, per queste ragioni il sistema di contrattazione abbisogna di supporti specialistici per arrivare all’obiettivo. L’autonomia ha fatto sì che le amministrazioni possano fare conto solo sulle proprie forze, ma la congiuntura vuole che ci sia una maggiore ottimizzazione delle risorse interne e anche una razionalizzazione economica che accompagni il sistema del trattamento accessorio rivolto al personale dipendente. E’ un percorso che ormai tutte le amministrazioni stanno strutturando ed è significativo, perché così avranno un migliore rapporto con il personale. Si tratta di una sensibilità politica, non tecnica, che dimostra anche come l’Amministrazione sia sensibile a dotarsi di tali strumenti che, non trascurabile, rendono ancora più trasparenti, pubbliche e diffuse queste procedure”.

Lanciano. “Snobbate dall'amministrazione comunale le nostre proposte per la città”. E' quanto fa presente l'associazione Ascom Abruzzo in una lettera inviata dal suo presidente, Angelo Allegrino, al sindaco di Lanciano, Mario Pupillo; ad assessori e consiglieri comunali. Allegrino, nel momento in cui il Comune ha emesso nuovi bandi in cerca di idee, collaborazioni e fondi per le prossime festività di Natale, nel proporre un Villaggio di Babbo Natale a propria cura, ricorda come lo scorso anno Ascom abbia presentato un progetto di tutto rispetto al Comune per le feste di Natale, progetto che non ha avuto alcun riscontro. Anche in altre occasioni, viene sottolineato, l'amministrazione Pupillo ha dimostrato “incapacità di collaborazione”, mentre la città – si legge nella lettera - “diventa sempre più brutta, povera e poco ospitale, grazie anche alle migliaia di multe e al sempre maggiore degrado”. Ascom Abruzzo lancia frecciate anche all'opposizione consiliare, blanda e inconsistente, stigmatizzando il suo “assordante silenzio”.

Vasto. La scorsa mattina è stata firmata la convenzione tra il Comune di Vasto e il Tribunale, per consentire lo svolgimento di lavori di pubblica utilità presso il Palazzo di Giustizia.
La segretaria comunaleAngela Erspamer ha firmato la convenzione, presso l’edificio di Via Bachelet, in rappresentanza del Comune mentreil Presidente Bruno Giangiacomoin rappresentanza del Tribunale.
La convenzione stipulata prevede il coinvolgimento di 10 persone. Su richiesta dell’imputato il Giudice può applicare la pena del lavoro di pubblica utilità, consistente nella prestazione di attività non retribuita. Un servizio che consente di realizzare la finalità rieducativa e di reinserimento sociale, fornendo nel contempo benefici a tutta la collettività.

 

Treglio. Il Comune di Treglio ha attivato la carta d'indentità elettronica. Ed il primo a farne richiesta e ad ottenerla è stato il sindaco Massimiliano Berghella. “Ringrazio gli uffici municipali per il lavoro svolto – dice Berghella - . Stiamo lavorando sempre di più per digitalizzare i documenti ed adeguarci alle normative nazionali, ma anche per agevolare i cittadini. La carta di identità elettronica – aggiunge - può essere richiesta presso il Comune in qualsiasi momento e la sua durata varia secondo le fasce d’età di appartenenza e cioè 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni; 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni; 10 anni per i maggiorenni. Il cittadino – spiega ancora - deve recarsi in Comune munito di fototessera, in formato cartaceo o elettronico, su un supporto usb. La fototessera dovrà essere dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto. E' consigliabile, all’atto della richiesta, munirsi di codice fiscale o tessera sanitaria al fine di velocizzare le attività di registrazione”. Prima di avviare la pratica di rilascio della carta di identità elettronica bisogna versare, presso le casse del Comune, come stabilito dal ministero dell'Economia e delle Finanze di concerto con quelli dell'Interno e per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, la somma di € 16,79 oltre ai diritti fissi e di segreteria pari a € 5,42, pr un totale di € 22,21. Bisognerà inoltre conservare il numero della ricevuta di pagamento.

Silvi. L’Amministrazione Comunale di Silvi (TE) nella persona del Sindaco Andrea Scordella e dell’assessore al Turismo Avvocato Di Giovanni Giuseppina sono lieti di presentarVi il calendario delle manifestazioni estive 2018.
L’assessore al Turismo evidenzia: "Grazie al lavoro di squadra della nostra amministrazione Comunale e nonostante l’insediamento tardivo avvenuto a luglio inoltrato,quest’anno siamo riusciti a completare egregiamente il calendario estivo per Agosto e Settembre 2018,con varie manifestazioni che si svolgeranno in tutto il territorio comunale : eventi di tutti i generi …dalla musica all’arte,dalla comicità all’artigiano ed allo sport,passando per il sociale ,la cultura e l’ambiente …… . Vi aspettiamo numerosi in tutte le serate!!!

 

Vasto. Vasto sarà capofila del progetto “Città etica” che permetterà di promuovere il Comune e le sue attività-iniziative eticamente fondate, partendo dalla progettazione di una carta etica diffusa con il coinvolgimento attivo dei principali attori istituzionali e sociali: enti locali, sanità, scuole, associazioni e mondo del lavoro per definire un modello di sviluppo replicabile fondato sulla condivisione di valori comuni . Protagonisti saranno anche tutti gli attori economici e sociali uniti da un comune modo di fare e di essere. Questo è il principale obiettivo di Vasto Città Etica.

“Il progetto della Città Etica è un tema molto importante - ha spiegato il sindaco di Vasto, Francesco Menna - ed è stato sposato dalla Regione Abruzzo e dal consigliere regionale Mario Olivieri. Un progetto importante per lo sviluppo di Vasto, per creare sinergie tra realtà produttive e aumentarne la competitività, favorire nuova imprenditorialità, generare opportunità occupazionali”.

Sono previste occasione di confronto e approfondimento in cui saranno coinvolte scuole, associazioni, mondo del lavoro e cittadini per gettare le basi per ridisegnare la città rendendola capace di soddisfare le esigenze di tutti, partendo dal presupposto che una città più accogliente e fruibile è un servizio prima di tutto per i propri abitanti e per i turisti.

“Il sindaco - ha aggiunto il consigliere regionale Mario Olivieri - ha apprezzato questo piano in cui Vasto sarà capofila. Un’iniziativa ambiziosa in cui le regole devono essere ristabilite, solo così possiamo avere una società più soddisfatta, più contenta”.

Il progetto sarà articolato nei seguenti step operativi: costruzione del progetto, mappatura del territorio della città di Vasto, attività counseling etico, formazione di seminatori etici, progettazione e coordinamento di iniziative di guerrilla etica sul territorio ed infine stesura del Patto etico città di Vasto.

“La risposta nel mondo della scuola alla presentazione di questa iniziativa - ha aggiunto l’assessore alle Politiche scolastiche, Anna Bosco - è stata molto positiva. Per questo abbiamo scelto di impegnarci ad offrire supporto per concretizzare il progetto. Siamo convinti che proprio la scuola riveste in questo ambito un ruolo fondamentale”.

“Un progetto ambizioso - ha concluso Antonio Barsanofio Ariano Posizione Organizzativa Servizi Sociali del Comune di Vasto - che risulta utilissimo e che mira a favorire un benessere qualitativo dei cittadini. Hanno manifestato la volontà di partecipare molti volontari del settore sociale ed in particolare gli operatori all’interno del carcere di Vasto”.

Fossacesia. Il Comune di Fossacesia ha aderito all’iniziativa di raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare, attiva dal 20 luglio e sostenuta dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani, per introdurre l'ora di educazione alla cittadinanza, come materia curricolare, nelle scuole di ogni ordine e grado. «La proposta di legge sull'educazione alla cittadinanza risulta pregnante, specialmente oggi, per formare le nuove generazioni alla consapevolezza di atteggiamenti etici e responsabili, al rispetto dei valori costituzionali per una migliore convivenza civile– spiega il Sindaco di Fossacesia e consigliere nazionale Anci, Enrico Di Giuseppantonio -. Punta a far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità, che è la base del vivere civile e solidale. Troppe volte vediamo chi viola le regole, danneggia i beni comuni o manca di rispetto agli altri. Accanto alla repressione dei comportamenti scorretti, dobbiamo lavorare per promuovere la cultura della cittadinanza. Dobbiamo partire dai più piccoli, ed è per questo che il Comune di Fossacesia ha deciso di aderire con convinzione a questa iniziativa”. Tutti i documenti per la raccolta firme sono scaricabili dal sito www.anci.it 

Atessa. Torna “Atessa in Jazz”, appuntamento dell’estate di Atessa (Ch) che quest’anno, in due serate, il 28 e 29 luglio, ospita alcuni tra gli artisti più apprezzati della scena jazzistica nazionale ed internazionale. La rassegna è organizzata dal Comune e diretta da Lorenzo Tucci. “Il jazz – dice Vincenzo Menna, assessore comunale ai Grandi eventi – fa parte della tradizione della città. Negli ultimi anni questa iniziativa era stata abbandonata: abbiamo voluto riprenderla e rilanciarla e la porteremo avanti”. I concerti si terranno in piazza Pietro Benedetti, alle 21.30, con ingresso gratuito.

Ad esibirsi sabato 28 luglio sarà Lorenzo Tucci, atessano doc, e romano d’adozione, con il suo trio “Sparkle.
Lorenzo Tucci, uno dei batteristi più apprezzati nella scena jazzistica italiana ed internazionale, in questo progetto in trio, di cui è leader, decide di eseguire tutti “originals” di sua composizione più due omaggi a due compositori eleganti e sensibili, Pino Daniele e Sting.
I brani spaziano da atmosfere intimistiche e riflessive a ritmiche più complesse e articolate, senza perdere di vista l’importanza della melodia, che Tucci in questo progetto vuole esaltare.
Il trio, composto oltre che da Tucci, da Luca Mannutza al piano e Luca Fattorini al contrabbasso è molto attento a tutto quello che accade nel panorama musicale Internazionale, lasciandosi influenzare da tutte le varie forme e sonorità.
Tutto si fonde in uno stile di jazz moderno/contemporaneo, nel quale sia il pianista Luca Mannutza, partner stimatissimo da Tucci, sia il più giovane Luca Fattorini, nuovo talento del contrabbasso Italiano, sono a proprio agio, tessendo insieme al leader trame dal sapore nuovo, vivace, moderno, dando vita ad uno stile di jazz che ha ancora molto da dire.
Tucci è fra i batteristi italiani più richiesti. La sua ecletticità e l’enorme talento gli hanno permesso di diventare il partner immancabile di numerose star del Jazz e del Pop più raffinato.
Numerosi i suoi dischi di successo: Tranety, Touch, Drumonk, Lunar, Drumpet (solo per citarne alcuni) progetti in cui dimostra la capacità di esprimersi in formazioni molto diverse fra loro.
Tucci insieme a Fabrizio Bosso e Daniele Scannapieco è stato il fondatore degli High Five quintet considerata per anni la migliore formazione jazz italiana, al loro attivo sei CD tra cui un live registrato al Blue Note di Tokyo, uno dei templi del jazz mondiale.
Proprio con gli High Five quintet nel 2006 incidono “Handful of soul” con il crooner Mario Biondi, oltre 500,000 copie vendute in tutto il mondo.
Nonostante le prestigiose collaborazioni queste non hanno mai limitato Tucci dal ruolo di band leader realizzando progetti poliedrici, in cui l’artista esprime le sue capacità di compositore, arrangiatore e profondo conoscitore dell’universo jazz.
Negli anni ha collaborato con numerosi artisti del calibro di Phil Woods, Tony Scott, Ronnie Cuber, George Garzone, Mark Turner, Tim Warfield, Emmanuel Bex, Kirk Lightsey, George Cables, Joanne Brakeen, Fabrizio Bosso, Massimo Urbani, Danilo Rea, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Flavio Boltro, Giovanni Tommaso, Mario Biondi, Max Ionata, Maurizio Giammarco, Karima, Stefano Di Battista, Dado Moroni, Rosario Giuliani, Daniele Scannapieco e molti altri.

Il 29 luglio sul palco Javier Girotto (sax) e Natalio Mangalavite (piano), musicisti dalla pluridecennale attività concertistica e didattica a livello internazionale. Ultimamente, dopo aver lavorato in trio con Peppe Servillo, si sono trovati di nuovo insieme per realizzare e produrre un disco in duo: Estándars (2017). La parola ‘estándar’ è l’equivalente spagnolo del termine ‘standard’, utilizzato in contesto anglofono per indicare composizioni jazz di grande successo che, interpretate ed incise innumerevoli volte, sono divenute brani di repertorio, riconosciuti come patrimonio musicale comune. In Argentina e in America Latina, parallelamente, con ‘estándar’ ci si riferisce ad un insieme di canzoni e temi tradizionali del folklore autoctono, dai generi più disparati: zamba (una danza in tre tempi, ma assai diversa dalla samba brasiliana), chacarera (un’altra danza argentina di coppia che si balla in gruppo), chamamé (un genere proprio dell’Argentina settentrionale, di lontana origine europea), milonga (tipica della regione del Rio de la Plata), tango e candombe (dalle radici africane). “Siamo entrambi argentini e proveniamo dalla stessa città: Cordoba- speigani i due musicisti -. Riproporre dunque in chiave jazzistica i ‘nostri’ standard ha significato per noi ripercorrere insieme alcune tappe fondamentali della nostra formazione e della nostra evoluzione artistica, partendo proprio dalle comuni origini ed esperienze. Con sole due eccezioni in realtà: il brano San Pedro en El Espinal, che è un tema classico colombiano, dedicato al nostro amico Alvaro Aterhotua e la celebre canzone di Armando Trovajoli Roma nun fa’ la stupida stasera, che rappresenta un omaggio alla nostra città di adozione, reinterpretato alla nostra maniera. La seduta di registrazione del disco è stata effettuata in studio con del pubblico presente nella stessa stanza di ripresa. Una sorta di live in studio, in stile ‘buona la prima’, per mantenere il carattere spontaneo e qualche ‘perfetta’ imprecisione”.

Chieti. “A seguito di un’accurata verifica contabile effettuata dagli Uffici, abbiamo provveduto a liquidare agli Istituti Riuniti San Giovanni Battista la somma di 85.148,61 euro per le prestazioni sociali erogate nel 2017. Ad oggi, il Comune di Chieti, a fronte di un pregresso di 843.580 euro, ha già saldato fatture per un importo di 813.000 euro. Come Amministrazione Comunale, stiamo, pertanto, facendo la nostra parte. Rimarcherei, piuttosto, che gli Istituti Riuniti sono debitori, nei confronti del Comune, per un importo di 251.000 euro dovuti al mancato pagamento di: Tari, Ici, Imu e canoni idrici”.
E’ quanto ha evidenziato il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, insieme all’Assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo, nell’incontro avuto questa mattina, presso il suo ufficio, con le organizzazioni sindacali e la Rsu degli Istituti Riuniti “S. Giovanni Battista”.

Nel corso della riunione, dopo aver chiarito la situazione riguardante i rapporti economici tra l’Amministrazione comunale e l’ente di assistenza alla persona, il Sindaco Di Primio ha ribadito la posizione del Comune di Chieti circa la nomina del nuovo CdA della ASP 1.

«L’Ufficio Legale del Comune – ha aggiunto il Sindaco – ha avuto mandato di impugnare la delibera regionale del 26 marzo 2018, non ancora notificata al Comune di Chieti ma pubblicata sul BURA, sulla nomina del Commissario straordinario regionale della ASP 1 della provincia di Chieti. Chiediamo l’annullamento, previa sospensiva, della delibera con la quale la Regione dispone di nominare Sandra De Thomasis commissario e non procede alla nomina di Concezio Tilli, indicato dal Comune di Chieti in seno all’Assemblea dei portatori di interesse. Riteniamo che tale nomina sia assolutamente legittima e che la vicenda non debba assumere connotazioni politiche. Per questo auspichiamo che la Regione retroceda da tale incomprensibile posizione e nomini subito Tilli dando così all’Asp la possibilità di poter contare sul proprio organo di governo.

La questione reale da porre sul tavolo della discussione – ha concluso il Sindaco – è l’indirizzo che la Regione intende dare alle ASP e su come gestirle. Chi governerà questa Regione dovrà assumersi l’onere di un piano strategico sull’assistenza alla persona.
Quanto alla norma sulla compartecipazione alle rette di degenza degli ospiti inabili, che chiama in causa i Comuni, oggi tutti alle prese con difficoltà di cassa ed organizzative, ritengo che il sistema dovrà necessariamente essere rivisto e snellito per evitare inutili passaggi burocratici che si traducono in inaccettabili lungaggini».

Pescara. Nella mattinata odierna l'assessore alla Tutela del Mondo Animale Gianni Teodoro ha incontrato i referenti delle colonie feline presenti in città. Presenti all'incontro anche il maggiore Donatella Di Persio della Polizia Municipale e i due funzionari dell’Ufficio Tutel del Mondo animale Chiara Palanca e Paolo Di Berardino.

“L'incontro è servito a istituzionalizzare ruolo e presenza di questi preziosi volontari che lavoreranno in sinergia con il Comune sul fronte della tutela e della gestione delle colonie di gatti – così l’assessore alla Tutela del Mondo Animale Gianni Teodoro- L'Amministrazione ha provveduto a individuare e censire e le colonie autorizzate dal 10 maggio al 14 giugno e dopo il censimento risultano essere 102 in totale: molte indicate non esistevano più, alcune per la morte del referente, altre perché i gatti si sono “estinti” naturalmente, essendo trascorsi molti anni dal loro riconoscimento. Abbiamo fatto un grande lavoro e stamane siamo passati alla fase due, ho voluto incontrare tutti i rappresentanti delle colonie esistenti, consegnando loro il tesserino identificativo del ruolo e della colonia, così come verranno apposte delle targhe sui luoghi dove esse sono stanziate.

L’Ufficio Tutela Mondo Animale ha effettuato dal 10/05/2018 al 14/06/2018 il censimento puntale delle colonie feline autorizzate dal Comune. Le colonie autorizzate dopo il censimento risultano essere n. 102 totali. Durante i vari sopralluoghi si è potuto riscontrare che molte colonie indicate non esistevano più, alcune per la morte del referente, altre perché i gatti si sono “estinti” naturalmente, essendo trascorsi molti anni dal loro riconoscimento. In due singoli casi si è riscontrato addirittura l’aumento notevole del numero dei gatti: ciò denota la mancata sterilizzazione dei gatti da parte dei referenti, che risulta essere uno dei loro compiti.

Le criticità rilevate durante i sopralluoghi che vanno dalla logistica all’assistenza sanitaria, vengono, ad oggi, “sopperite” da volontari delle Associazioni e/o cittadini volenterosi. Per questa ragione abbiamo voluto creare un contatto e poi un ponte per agire insieme a quanti si prendono carico volontariamente di questi animali, controllandone sia la numerosità, sia la salute. Uno dei maggiori problemi è la sovralimentazione, cosa che genera anche risvolti igienico sanitari importanti sulle strade, i gatti vengono alimentati in maniera eccessiva e continua, a nostro avviso, per cui la crescita rimane esponenziale. Alcune problematiche evidenziate derivano anche da mancanza di informazione da parte dei referenti di colonia, che spesso “ignorano” le norme facenti capo l’argomento e i compiti a loro spettanti.

Per queste ragioni abbiamo voluto riconoscere un ruolo e condividere un percorso di collaborazione e di confronto istituzionale, al fine di creare un equilibrio tra gli amanti degli animali e chi ne tollera meno la loro presenza, per raggiungere l’obiettivo di tutti: una pacifica convivenza uomo-animale.

Il nostro impegno non si limita all’affissione delle targhe e alla consegna dei tesserini: è importante realizzare, anche assieme ad altre istituzioni preposte (ASL in “primis”), campagne informative mirate per la Città di Pescara, ad esempio per la sterilizzazione felina, per l’iscrizione all’anagrafe canina e felina), che comprendano anche argomenti non necessariamente legati solo ai felini”.

Pagina 1 di 18

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione