Montesilvano. «Mi fido di te: dal contatto alla relazione», è il suggestivo titolo del progetto di pet therapy, autorizzato dalla giunta comunale riunitasi sotto la presidenza del sindaco Francesco Maragno.

«L’iniziativa proposta al Comune da Kessy Orifiamma, e attuata in collaborazione con l’associazione di protezione animali Dog village, sarà articolata in sei incontri a cadenza quindicinale», spiega l’assessore al Benessere animale, Deborah Comardi, «I destinatari saranno gli alunni della scuola primaria e i minori con disagi socio-emotivi o diversamente abili, ovviamente d’accordo con gli insegnanti e i genitori. Il servizio sarà gratuito per i cittadini. Ilenia Trombetta, specialista qualificata, ha ideato alcuni percorsi da far realizzare ai piccoli insieme ai cani del Dog village. Mi pare un’ottima opportunità per far conoscere agli scolari le caratteristiche degli animali domestici e insegnare loro un approccio corretto nel rapporto con i cani, in questo caso. Credo sia un progetto molto valido, che dà spazio ai più piccoli e li vede come i diretti interessati e che permette agli ospiti del Dog village di mettersi a disposizione della cittadinanza. Speriamo in un’ottima riuscita in modo da poter successivamente allargare l’idea anche ad altre fasce della popolazione».

Gli obiettivi didattici sono:

· Stimolazione delle capacità di osservazione e tattili;

· Incremento dell’autocontrollo, dell’ascolto e della gestione delle emozioni;

· Incremento della capacità attentiva, osservativa, capacità di categorizzare, cogliere differenze, similitudini e stimolando le capacità mnemoniche;

· Rispetto dell’altro-diversità, incremento delle abilità pro sociali ed empatiche;

· Incremento delle capacità di relazione;

· Incremento dell’autostima;

· Stimolazione delle capacità creative.

Montesilvano. Musica e solidarietà. Saranno questi i grandi ingredienti di “Un Natale rock per Irene”, il concerto che vedrà sul palco del Pala Dean Martin, i Vendrame - Malcomplesso e gli UMMO che rivisiteranno alcune canzoni classiche natalizie cantandole insieme a quaranta bambini per Irene, una bimba di nove anni affetta dalla Sindrome di Rett, una malattia genetica.

Lo spettacolo, che si terrà martedì 18 dicembre dalle 18, è organizzato dall’associazione musicale #nonsiamosoli, convinta che la musica possa unire persone oltre confini, limiti e diversità.

La sindrome di Rett colpisce quasi esclusivamente le bambine e si conta che nel mondo ne siano affette più di 350.000. Si tratta di una malattia congenita che si manifesta nel secondo anno di vita e porta a un arresto dello sviluppo e in seguito ad una regressione delle capacità acquisite. La bambine, come successo a Irene, perdono la capacità di parlare, usare le mani, camminare, compaiono problemi respiratori, crisi epilettiche, rigidità muscolare, scoliosi.

Ad oggi non esiste una cura per la Sindrome di Rett, ma nel 2007 il ricercatore Adrian Bird ha scoperto che ripristinando i livelli di proteina, nel modello murino, la malattia è reversibile anche in fase avanzata, in quanto non è neurodegenerativa.

«La musica è unirsi per migliorarci e aiutare chi ne ha davvero bisogno – afferma Cristiano Romanelli, frontman degli Ummo -. Una nuova cura sperimentale è alle porte per guarire dalla sindrome di Rett, e noi artisti dobbiamo sentirci felicemente obbligati a dare il nostro seppur piccolo contributo. Invito tutti gli associati e non a partecipare... i microfoni saranno a disposizione per chiunque volesse "cantare insieme ai bambini"».

«Inserire questo spettacolo all’interno del cartellone natalizio - sottolinea l’assessore agli eventi De Martinis - è il modo per l’amministrazione per dimostrare la massima vicinanza alla piccola Irene e alla sua famiglia che quotidianamente combattono la loro lotta con questa malattia e sensibilizzare al massimo la cittadinanza su questa malattia e sull’importanza della ricerca».

Montesilvano. «A partire dal 1 gennaio 2019, secondo quanto disposto dal decreto fiscale collegato alla Legge di bilancio, entrerà in vigore l’obbligo di emissione e presentazione della fattura elettronica per i rapporti tra imprese e fra imprese e privati. Alla luce di queste novità abbiamo voluto organizzare un seminario sulle novità e sui nuovi adempimenti che imprese e professionisti devono affrontare in considerazione dei recenti aggiornamenti normativi ed operativi». Ad annunciare il convegno dal titolo “Focus sulla fatturazione elettronica 2019” è il vicesindaco Ottavio De Martinis. Il seminario si terrà mercoledì 19 dicembre a partire dalle 16:30, nella sala polifunzionale di Palazzo Baldoni. L’incontro si aprirà con i saluti introduttivi del sindaco Francesco Maragno, per poi proseguire con gli interventi di Pietro Ventrella, dirigente del settore finanziario del Comune, inerente “la fatturazione elettronica nella Pubblica Amministrazione”; il commercialista Daniele Planamente parlerà dell’impatto sulla fatturazione differita ed immediata e il docente Fabrizio Lupone ingegnere esperto di conformità dei processi digitali, membro del Forum Italiano fatturazione elettronica coordinato da AdE e MEF, analizzerà lo scenario normativo e procedurale.

Il decreto stabilisce l’obbligo per tutti i soggetti che hanno partita Iva. Esonerati i regimi minimi o residuali, gli operatori che sono tenuti alla comunicazione al sistema della tessera sanitaria e le associazioni sportive dilettantistiche che hanno esercitato l’opzione per il regime forfettario e che non hanno conseguito proventi superiori a 65.000 euro nel periodo precedente. «Con questo incontro - sottolinea il vicesindaco - vogliamo offrire un’occasione a tutti coloro che dall’anno prossimo dovranno assolvere a tali adempimenti per fare chiarezza e sgomberare il campo da ogni dubbio».

Il seminario è aperto alla cittadinanza.

Montesilvano. Il consiglio comunale di questa mattina ha portato alla discussione dell’assise civica la Variazione generale al bilancio di previsione 2018/2020, in particolare il piano triennale delle opere pubbliche (inserimento di interventi di adeguamento delle strutture del centro sportivo Trisi, lavori anti allagamento per via Cairoli e via D’Agnese, lavori di riqualificazione per l’area esterna dell’ex Fea, realizzazione di nuovi loculi cimiteriali) e l’avvio di una procedura di evidenza pubblica per l’aggiudicazione del servizio di tesoreria per i prossimi cinque anni. Inoltre, è stata approvata la delibera relativa alle opere di miglioramento per la sicurezza antincendio dell’intero fabbricato che ospita la scuola generale Dezio, in via Adda.

In particolare per quanto riguarda via Cairoli e via D’Agnese, nei pressi della zona dove verrà aperto il nuovo Distretto sanitario di base, sono previsti interventi sull’impianto di sollevamento per le acque piovane.

«Ringrazio il consiglio comunale che ha compreso il lavoro che gli uffici hanno svolto in questi mesi», ha detto l’assessore ai Lavori pubblici, Valter Cozzi, «finalmente con questa approvazione mettiamo a disposizione della città somme importanti, più di 2 milioni di euro, che porteranno giovamenti fondamentali perché queste opere interesseranno zone importanti di Montesilvano che saranno presentate, nel dettaglio, nei prossimi giorni».

Montesilvano. Mattinata di sopralluoghi a Montesilvano, ieri, per il nuovo presidente della Provincia, Antonio Zaffiri, e per il sindaco Francesco Maragno, prima nella sede del liceo scientifico D’Ascanio e poi sul cantiere del terzo ponte sul Saline, in prossimità del centro di intrattenimento Porto Allegro.

L’incontro nella scuola superiore diretta da Natalina Ciacio ha avuto come scopo la risoluzione di alcune esigenze organizzative relative, per esempio, all’apertura di un altro ingresso su via Chiarini in modo da accogliere il traffico veicolare anche da questa arteria e alleggerire, così, la quantità di auto su via Vestina, in particolar modo in coincidenza dell’arrivo e dell’uscita degli studenti. Al presidente Zaffiri, poi, è stata sollecitata anche la costruzione della palestra.

«E’ un istituto che conosco bene», ha detto il presidente Zaffiri alla dirigente del D’Ascanio e al primo cittadino, «e sicuramente ci adopereremo al più presto per risolvere tutte le pur piccole difficoltà che ci sono. Per quanto riguarda l’ingresso da via Chiarini, visti anche i passi compiuti dal Comune, non ci saranno ostacoli. Per quanto riguarda, invece, il completamento del terzo piano dobbiamo verificare la disponibilità di fondi. Questa settimana ho un incontro al ministero dell’Istruzione, università e ricerca, e porrò subito il quesito al Miur».

«Per la scuola, come Comune, abbiamo fatto tutti gli atti di nostra competenza», ha specificato il sindaco Maragno, «a cominciare dall’acquisto di alcuni terreni confinanti con la sede del D’Ascanio, ma la gestione dell’istituto è, come si sa, di diretta pertinenza della Provincia. Sono molto soddisfatto dell’incontro con Zaffiri e con la dirigente scolastica perché il presidente è un amministratore esperto e capace di rapide risoluzioni a favore del liceo, che dal punto di vista didattico è un’eccellenza della nostra città in grado di competere con i migliori istituti della provincia e della regione e non solo».

In seguito Zaffiri e Maragno, accompagnati dall’assessore ai Lavori pubblici, Valter Cozzi, hanno visitato il cantiere della ditta Di Prospero che sta costruendo il terzo ponte sul fiume Saline, commissionato dalla Provincia e finanziato con fondi europei. I lavori sono momentaneamente fermi in attesa dell’arrivo di una gru da 500 tonnellate da Pesaro che dovrebbe essere in città a giorni.

«Il terzo ponte è un ulteriore collegamento con l’altra sponda del Saline», conclude il primo cittadino, «in grado sia di decongestionare gli altri due che, soprattutto, di ospitare la pista ciclabile in modo da portare a completamento il progetto della Bike to coast. Siamo andati sul posto per verificare lo svolgimento dei lavori che potranno riprendere a breve, quando verranno innalzati i piloni di sostegno con l’intervento della gru in arrivo. E’ un’opera attesa dalla città e dagli operatori turistici in particolare che consentirà di migliorare l’accessibilità e la fruibilità di tutta la zona costiera».

Montesilvano. “Giovane fotografo di Montesilvano che ha dimostrato di saper leggere la realtà con inusuale sensibilità convincendo, con la sintassi delle sue immagini, esperti internazionali che gli hanno riconosciuto le qualità per proseguire sulla via del successo”. Con questa motivazione il sindaco Francesco Maragno ha premiato ieri mattina Francesco Cilli, fotografo montesilvanese. Classe 1993, Cilli ha recentemente vinto il Contest Emerging Photographer 2018 del LuganoPhotoDays, con un progetto fotografico sulla bulimia, esposto proprio a Lugano e ha ottenuto una menzione d’onore all’International Photography Awards.

Dopo la formazione come perito elettronico, nel 2011 ha iniziato a collaborare come assistente presso uno studio fotografico. Nel 2015, ha ricevuto un account portfolio dal LensCulture per il concorso “Emerging Talent 2015” per il suo lavoro “Una Notte Senza Luna”. Nel 2016 parte alla volta del Bangladesh con la onlus "Operare Per" e pubblica suo primo libro “The Heroes” edito da Silvana Editoriale, un racconto fotografico dell’attività svolta da una equipe di chirurghi pediatrici dell’ospedale di Parma, che dal 1991 si reca in Bangladesh per occuparsi di malformazioni congenite infantili. Le sue immagini documentano la condizione di emergenza in cui operano, presso il Santa Maria Sick Assistance Center di Khulna, medici e personale, veri eroi moderni.

«Già in passato - ricorda il sindaco – abbiamo avuto modo di apprezzare il lavoro e l’acume di Francesco Cilli con il suo progetto sul Bangladesh. Proprio durante le festività natalizie di due anni fa, infatti, abbiamo voluto inserire nel cartellone eventi una mostra fotografica di Cilli, sul suo libro “The Heroes”. Il riconoscimento che ha ottenuto a Lugano prima e ora anche la menzione d’onore, sono l’ulteriore dimostrazione della bravura e della sensibilità di Cilli che si traducono in immagini potenti e impattanti. Sono certo che questi sono solo i primi traguardi di una grandissima e brillante carriera».

Montesilvano. Un murales dedicato al mare, con tanti pesci colorati, arricchisce da oggi una grande parete esterna della scuola dell’infanzia e primaria, Maurizio Berardinucci, di via Campo Imperatore.

Questa mattina l’autore, Antonio Pancione, ha incontrato i bambini alla presenza dell’assessore al Verde e alla Manutenzione, Ernesto De Vincentiis, del dirigente scolastico, Roberto Chiavaroli e delle insegnanti.

Pancione ha spiegato agli scolari, che poi lo hanno bersagliato di domande, tutte le fasi della realizzazione del suo lavoro, dal bozzetto iniziale, all’uso dei colori e dei modelli per riportare sul muro i singoli soggetti, dal cavalluccio marino ai delfini.

Il murales rientra nel percorso di street art di Montesilvano, primo Comune abruzzese ad approvare, nel 2016, un apposito regolamento sul tema, che ha portato alla realizzazione, in città, di diversi soggetti. Il regolamento è composto da diversi punti che disciplinano la richiesta da parte dei singoli artisti ma anche la possibilità di richiedere un murales da parte dei cittadini (per esempio in memoria di persone scomparse, come è accaduto per ricordare Alessandro Panaccio, con il murales di viale Abruzzo), o da parte di associazioni (come l’Avis che ha curato la realizzazione del muralese nella scuola Fanny Di Blasio di Montesilvano, lungo via San Pietro).

«Pancione è un grande appassionato di pittura, un pensionato che ha l’amore per i colori da sempre», ha detto Ernesto De Vincentiis, «non è certo un artista internazionale come Pixel Pancho la cui opera spicca in via Rimini o Peeta il cui lavoro orna il sottopasso di via Aldo Moro. Questo non vuol dire che la sua realizzazione sia da sottovalutare, anzi. Pancione si è prodigato per lasciare agli scolari un messaggio di attenzione alla natura e, in particolare, al nostro mare che dista solo qualche decina di metri dall’edificio della scuola».

«Il murales l’ho fatto tutto con il pennello, non con le bombolette», ha detto Pancione rispondendo alle tante domande dei bambini, «ma con colori speciali che non si deteriorano sotto l’azione degli eventi esterni come il sole o la pioggia. Ho pensato di illustrare un soggetto divertente per i bambini e per richiamarli costantemente all’importanza della natura che ci circonda».

Montesilvano. Lunedì prossimo, 17 dicembre è l’ultimo giorno per pagare l’Imu, l’Imposta municipale unica che viene versata per gli immobili ad eccezione della prima casa. La scadenza, in realtà è fissata al 16 dicembre ma, essendo domenica, quindi un giorno festivo, la scadenza è automaticamente protratta al giorno successivo. Le aliquote non sono variate, sono le stesse dello scorso anno.

L’imposta è dovuta da circa 17 mila contribuenti, a Montesilvano, e il gettito atteso per il Comune è intorno ai 6 milioni di euro (per un introito annuo complessivo di poco superiore a 12 milioni di euro).

«Occorre prestare attenzione ai codici da inserire nei moduli di pagamento», ricorda l’assessore a Bilancio, Finanze e Tributi, Deborah Comardi, «i tecnici mi segnalano, infatti, che troppe volte si sono registrati errori, con conseguenti eventuali problemi per i contribuenti in fase di accertamento. Il codice del nostro Comune è F646, mentre il codice tributo per chi è proprietario di aree fabbricabili è 3916 e per tutti gli altri 3918. E’ un adempimento che riguarda tutti i proprietari di abitazioni diverse dalla prima casa, ma che sono tantissimi in città».

Per qualsiasi informazione i cittadini possono chiamare i numeri telefonici dell’ufficio Tributi: 085 44.81.303 / 085 44.81.312 / 085 44.81.298 oppure inviare una mail agli indirizzi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Lo Sportello telematico è stato recentemente implementato e il contribuente può verificare il valore delle aree ai fini del calcolo Imu (sul sito Internet del Comune, sulla destra nella home page si trova il tasto IMU TASI). Chiaramente si tratta di valori non vincolanti, che rappresentano un supporto al contribuente, poiché il calcolo effettivo viene eseguito dagli uffici preposti.

 

Montesilvano. Riunione operativa questa mattina nella sala consiliare del Comune di Montesilvano tra il sindaco Francesco Maragno, l’assessore alle manutenzioni Paolo Cilli, il dirigente alla protezione civile Gianfranco Niccolò, le ditte incaricate della gestione degli interventi di pulizia delle strade in caso di emergenza neve, la Protezione Civile, la Croce Rossa e l’associazione nazionale dei Carabinieri.

«Come di consueto nelle scorse settimane - ricorda l’assessore Paolo Cilli - abbiamo approvato il piano neve, ossia il documento che contiene tutte le procedure da porre in essere in caso di emergenza. Abbiamo suddiviso il territorio in 8 zone raggruppate in 5 macroaree, ciascuna di queste ultime verrà gestita da altrettante ditte incaricate. Obiettivo di questa riunione preventiva è stato quello di individuare e accordarci con le ditte sulle corrette e soprattutto tempestive modalità di intervento in caso di emergenza. Le imprese dovranno assicurare piena reperibilità in tutto il periodo invernale, e seguire le procedure fissate nel piano neve che va a integrare il piano di emergenza comunale. E’ evidente che oltre alla tempestività dell’intervento garantita dalla macchina comunale, in piena sinergia con gli enti di soccorso, per superare al meglio un’emergenza ghiaccio o neve è necessaria anche la massima collaborazione da parte dei cittadini stessi, che dovranno assumere, per cominciare, comportamenti prudenti e di buon senso e che dovranno rispettare ordinanze e disposizioni che verranno comunque comunicati dall’Amministrazione attraverso i canali ufficiali».

Il piano prevede innanzitutto l'attivazione del COC, il centro operativo comunale, che coordina gli interventi delle squadre operative comunali e dei volontari e predispone le azioni da attivare in caso di due diversi scenari, quello relativo al ghiaccio e quello alla neve. Il territorio viene suddiviso in otto zone, a loro volta raggruppate in 5 macroaree che verranno assegnate a ditte specializzate che effettueranno gli interventi di sgombero e rimozione della neve e che corrispondono con: il quadrante confine Pescara, Lungomare, corso Umberto, via Marinelli; il quadrante confine fiume Saline, lungomare, via Marinelli (esclusa), corso Umberto; il quadrante corso Umberto (esclusa), confine Pescara, via Saragat, via Verrotti, via Sospiri, via Di Vittorio, via Piceni, fiume Saline; il quadrante via Vestina, confine Cappelle, Fiume Slaline, via Piceni, via Cavallotti (escluse); il quadrante S.P. Togliatti, via Vestina e via Sospiri (escluse), via delle Querce, via Chiappiniello, S.C. Case d'Agnese, S.C. Pianacci, via Vittorio Emanuele; il quadrante via Saragat (esclusa), confine Pescara, S.C. per Cappelle, S.C. per Spoltore, rotatoria Montesilvano Colle, via Vittorio Emanuele (escluse); il quadrante confine Cappelle, confine Spoltore, S.c. Spoltore e S.C. Pescara (escluse).

Montesilvano. «Prosegue la costante crescita delle percentuali della raccolta differenziata sul territorio di Montesilvano, e con essa il senso civico dei nostri concittadini». A dirlo è l’assessore all’Igiene Urbana Paolo Cilli che traccia un bilancio in materia di raccolta dei rifiuti relativo al mese di novembre.

«Le percentuali di raccolta differenziata – sottolinea l’assessore - confermano il trend positivo sia nella zona dei colli, sia nella zona costiera, che si attestano rispettivamente al 72,93% e al 74,22%. Ottimo il dato su tutto il territorio comunale che arriva a toccare il 33,51%. Si tratta di dati significativi che evidenziano l’assoluta efficienza di tutte le progettualità che abbiamo messo in campo in questi anni. Il primo centro di raccolta comunale, inaugurato lo scorso luglio, ad esempio ha rappresentato una delle svolte più decisive nell’aumento di tali percentuali, con 1149 utenti che hanno portato i loro rifiuti nella struttura di via Inn. Nel mese di novembre sono stati 223 gli utenti, confermando i numeri dei mesi precedenti, che hanno conferito i propri rifiuti differenziabili per un totale kg 18.280, tra frigoriferi, rifiuti misti da demolizione, batterie, apparecchiature elettroniche. Dal 2019, i montesilvanesi potranno sfruttare anche un secondo centro di raccolta che realizzeremo a Montesilvano colle e del primo centro del riuso posizionato in via Nilo».

Positivi anche i risultati di “Segnala l’incivile”, il servizio voluto dal sindaco Francesco Maragno e curato dalla ditta Formula Ambiente e Sapi, che consente ai cittadini di inviare attraverso whatsapp, al numero 345 5938295, foto di rifiuti abbandonati. «Diversi cittadini hanno inviato le loro segnalazioni attraverso questo strumento - dice ancora Cilli - a dimostrazione di un comportamento responsabile e rispettoso dell’ambiente in cui viviamo. A queste persone virtuose, tuttavia, si contrastano gli irriducibili incivili che invece continuano, purtroppo, imperterriti ad abbandonare i loro rifiuti in alcune zone della città, nonostante vi siano tutti gli strumenti a loro disposizione per conferire correttamente i rifiuti».

Al centro di raccolta, in via Inn, i residenti a Montesilvano possono conferire i propri rifiuti lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9.30 alle 12.30; martedì e giovedì dalle 15 alle 18. Resta possibile il servizio gratuito di ritiro degli ingombranti a domicilio. Per usufruirne, è necessario prendere un appuntamento telefonico contattando il numero verde 800195315, 085 8620460 per i cellulari.

 

Pagina 1 di 110

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione