Camillo D'Alessandro su riunione Tua e replica a Febbo

L'Aquila. "Intanto ringrazio Mauro Febbo per la sua previsione e per la sua certezza che tra qualche mese sarò eletto ad altro incarico, probabilmente lo dice perché ascoltando i cittadini si accorge che attorno al lavoro da me portato avanti c’è grande consenso, io intanto faccio gli scongiuri e continuo ad attivarmi su ogni tema".
Così in una nota Camillo D’Alessandro, consigliere regionale delegato ai Trasporti, che aggiunge: "Durante il processo di fusione Febbo aveva annunciato il rischio licenziamenti nella nascente TUA e io scommisi pubblicamente che se avessimo fatto un solo licenziamento mi sarei dimesso, invitando lui a fare lo stesso se avesse avuto torto. Chiaramente Febbo rifuggì da quella sfida. Risultato: nessun licenziamento e assunzione di 153 autisti.
Così come ho avuto ragione sul dragaggio del porto di Ortona, in quanto la stazione appaltante è riuscita a garantire la gara senza perdere un centesimo, e sulle Autorità portuali che lui cita abbiamo incassato una norma che consente in una fase successiva l’eventuale passaggio ad altra Autorità, fermo restando che quella di Ancona sta lavorando benissimo ma allo stesso tempo sarà misurata sulle ambizioni della Regione Abruzzo.
La cosa fantastica di Febbo è che non si ricorda neanche quello che fatto lui con la sua maggioranza quando ha governato: Sangritana è stata costituita proprio nel periodo del centrodestra, forse mentre lui dormiva, e proprio per fare la separazione societaria tra trasporto pubblico locale e attività commerciali. Ciò fu necessario anche a seguito delle sanzioni dell’Autorità della concorrenza ad Arpa e Sangritana per non aver fatto la separazione societaria, così come avevano deliberato di fare la società unica che non fu mai realizzata. Febbo passerà alla storia come componente del “governo del rinviificio”, ora trasformatosi in comunicatificio: è capace di sfornare una bufala al giorno.
Oggi l’assemblea dei soci di TUA ha varato la separazione societaria attraverso l’affitto del ramo di azienda a Sangritana spa dei servizi commerciali su gomma e su ferro, come avevo annunciato quasi tre anni fa in occasione di un consiglio comunale a Lanciano cui parteciparono anche Febbo e alcuni sindacalisti che oggi fanno finta di dimenticare che la decisione era già contenuta nel Piano industriale: non si finanziano con i soldi del trasporto pubblico locale le perdite delle commerciali ma se si vuole stare sul mercato si devono abbassare i costi, ciò che faremo con Sangritana spa".

Valuta questo articolo
(0 voti)

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione