Articoli filtrati per data: Gennaio 2017

Chieti. Al quarto tentativo, dopo tre rinvii causa neve, si è finalmente giocata la gara contro Cisterna, e per la CO.GE.D. è arrivata una vittoria importantissima per il prosieguo del campionato. Contro il fanalino di coda della classifica, le biancorosse hanno vinto d’autorità e con facilità il primo set, chiuso sul 25-9. Qualche patema in più all’inizio del secondo set, quando le ospiti si sono anche trovate avanti, sul 9-8, salvo poi subire la reazione della CO.GE.D. fino al 25-17. Nel terzo set il tecnico Esposito ha dato spazio ad alcune giocatrici partite dalla panchina, ma il copione della partita non è cambiato. Top scorer dell’incontro Federica Matrullo con 15 punti, seguita dai 9 di Furlanetto e gli 8 di Rossi. Dall’altro lato, bella prestazione per Mariani, autrice di 11 punti. Con questa vittoria, la squadra teatina sale a quota 12 punti in classifica, scavalcando Minturno e ponendosi a +4 sulla zona retrocessione.
“Oggi contava vincere e ci siamo riusciti con relativa facilità – ha commentato a fine partita Alceo Esposito –. Sono partite delicate in cui, più che all’aspetto tecnico o tattico, devi badare soprattutto alla tenuta psicologica della squadra. Dovevamo rimanere concentrati e presenti sul campo dall’inizio alla fine, senza dare nulla per scontato e senza mai rilassarci. Direi che ci siamo riusciti bene, e abbiamo anche giocato una buona pallavolo. Chiudiamo il girone d’andata a 12 punti: tra alti e bassi, considerando anche le varie difficoltà che abbiamo avuto, siamo sicuramente cresciuti nel corso delle partite, peccato per quei 3 punti che, a mio avviso, ci mancano e abbiamo un po’ perso per strada. Speriamo di rifarci quanto prima nel girone di ritorno”.

Tabellini
CO.GE.D Pallavolo Teatina – Pol. Cisterna 88 3-0 (25-9, 25-17, 25-15)

CO.GE.D Pallavolo Teatina: Bozzetto (L), Sambenedetto (K) n.e., Furlanetto 9, Negroni 4, Di Bacco 6, Matrullo 15, Cocco n.e., Rossi 8, Ragone 5, Romano 6, Perna 4, Michetti (L)

Pol. Cisterna 88: Nardone 4, Fusari 3, Mariani 11, Stevanella 1, Negri (K) 5, Cerasti 3, Di Cocco (L)

Pubblico: circa 100

Pubblicato in Sport

Chieti. “Nessuna esclusione di Chieti dagli stanziamenti per il dissesto idrogeologico. Visti gli articoli di stampa, ho immediatamente chiamato la Regione per avere conto delle notizie apparse ed ho avuto conferma, così come era a nostra conoscenza, che l’elenco pubblicato è relativo a fondi diversi da quelli già assegnati alla nostra città alla fine del 2016. Dunque il 1.180.000 euro destinato a Chieti con fondi del Ministero dell’Ambiente continaua ad essere a nostra disposizione. Gli interventi sul dissesto idrogeologico di Santa Maria Calvona e piazza Mons. Venturi, nonché su via Modesto della Porta, sono infatti inseriti in un elenco precedente e differente da quello reso noto ieri dal Presidente della Regione”. Lo comunica l’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, a proposito dei finanziamenti sul dissesto idrogeologico della regione Abruzzo.

«Quello che dobbiamo continuare a fare, soprattutto dopo l’aggravarsi della situazione in conseguenza degli eventi atmosferici di inizio anno – prosegue l’Assessore - è sollecitare Regione e Ministero ad erogare immediatamente i soldi in favore del Comune. Bene ha fatto, dunque, il Sindaco ad inviare al Presidente della Regione, lo scorso 26 gennaio, la nota prot. n. 4261, sollecitando non solo l’erogazione del 1.180.000 euro di provenienza ministeriale, ma, visti i danni in essere, a chiedere che le economie nascenti dall’appalto restino a disposizione del Comune per completare le opere».

Pubblicato in Politica

L'Aquila. "Ci siamo trovati ad affrontare un’emergenza senza precedenti. Parafrasando l’allarme lanciato ieri dal nostro Presidente circa il prossimo scioglimento di «20 milioni di tonnellate di neve», l’incidenza del descritto carico nevoso sul suolo e sulla capacità idraulica dei nostri fiumi riteniamo evidenzi la misura della portata del fenomeno che ha interessato l’Abruzzo".

Così in una nota il Sottosegretario alla Presidenza della Regione Abruzzo, Mario Mazzocca, che aggiunge: "Sento, dunque, il dovere di ringraziare l’intera filiera della Protezione Civile regionale, dalla figura primaria del Presidente D’Alfonso, ai funzionari ed agli operatori direttamente e indirettamente impegnati nelle innumerevoli attività di Protezione Civile, alle migliaia di volontari della PC regionale per qualità e quantità di impegno profuso nel fronteggiamento dell’emergenza in corso estremamente acuita dal contemporaneo susseguirsi di scosse telluriche. Nella giornata di sabato, trascorsa interamente in Alto Aterno e accompagnato dal Presidente di ANA Abruzzi Giovanni Natale, ho potuto toccare con mano gli effetti del terribile connubio neve-sisma che in quella realtà ha avuto momenti di estrema criticità. Dapprima al centro di Accoglienza di Montereale, poi presso il centro di Capitignano, quindi alla riunione del Coc nel modulo provvisorio allestito dal Comune di Campotosto. A mero titolo esemplificativo, anche per evidenziare natura e consistenza del lavoro svolto, vorrei riportare di seguito il succo del tempestivo intervento effettuato nel Comune di Montereale. Fin dalla giornata del 18 gennaio scorso, la Protezione Civile regionale si è prontamente attivata nella consegna dei materiali richiesti dal Comune di Montereale (112 brandine, 12 coperte, 50 cuscini, 50 federe, 100 lenzuola, 1 riscaldatore, 8 bagno chimici) nelle 6/8 ore successive e dei bagni chimici entro le successive 24 ore (minimo tempo tecnico), oltre che nell’assicurare la presenza di n. 44 propri volontari dislocati sul territorio comunale. La fornitura di una tensostruttura ha avuto, invece, un percorso un pò più problematico. Infatti, a seguito delle istanze del Comune di Montereale del 20 e 21 gennaio, la Protezione Civile regionale chiedeva al Dipartimento nazionale il parere circa l’allestimento di una tensostruttura da parte di un’organizzazione di volontariato nazionale (Cavalieri di Malta) non gestita dalla Regione Abruzzo, suggerendo contestualmente al Sindaco di valutare la possibilità di alloggiare i cittadini richiedenti in alberghi o nei Progetti CASE dell’Aquila, alla stregua dei residenti di Capitignano e Campotosto ed a garanzia di una migliore assistenza. Il 22 gennaio, la Protezione Civile regionale, nonostante le perplessità del Dipartimento Nazionale circa l’opportunità di allestire un manufatto non adeguato a prestare assistenza agli sfollati nel periodo invernale - considerate le rigide temperature e soprattutto in presenza di neve che aveva già determinato il crollo di una tensostruttura -, alla luce della reiterazione della richiesta del Comune, in data 22 gennaio comunicava al Sindaco la disponibilità a riconoscere le spese di allestimento della tensostruttura, riconoscendo in capo alla sua figura di autorità locale di PC la piena potestà di azione. Il 23 gennaio, tuttavia, l’Organizzazione APAM, indicata dal Comune come fornitrice della tensostruttura, comunicava l’indisponibilità del manufatto. Con pieno spirito collaborativo e nel rispetto del principio di sussidiarietà che contraddistingue le componenti del sistema di Protezione Civile, la Regione Abruzzo, in collaborazione con il Dipartimento Nazionale PC, nella stessa giornata del 23 gennaio richiedeva all’Organizzazione ANPAS della Regione Toscana la consegna di una tensostruttura, divenuta operativa il 24 gennaio. Inoltre, hanno costantemente assicurato la loro presenza nel Comune di Montereale n.10 volontari dell'A.N.A. Abruzzi, i volontari dell'Associazione di volontariato CISOM e (da domenica 29) due ulteriori squadre dell'ANA sezione Abruzzi; mentre a Cesaproba, popolosa frazione di Montereale, sono stati costantemente impegnati n. 8 volontari (5 del Gruppo comunale di Carsoli e 3 dell’Associazione AVAM di Montereale). Un impegno, quello dei volontari della protezione civile regionale, come sempre caratterizzante per qualità e quantità e che rappresenta un elemento distintivo e fondante dell’intero sistema di protezione civile regionale".

Pubblicato in Politica

Pescara. Il movimento 5 stelle chiede a gran forza che venga rimodulato il Masterplan e che le somme disponibili, compresi i 12 milioni di euro finalizzati oggi alla riqualificazione della cosiddetta area di risulta di Pescara, vengano investite nella sicurezza, nella manutenzione e nell'adeguamento sismico degli edifici scolastici della città di Pescara.

< La vulnerabilità sismica delle scuole pescaresi richiede l'urgente e non discutibile necessità di investire elevati fondi economici > afferma la consigliera M5S Erika Alessandrini < ed il centrosinistra ha il dovere di garantire la sicurezza dei nostri ragazzi nelle scuole, oltre che il regolare svolgimento delle attività didattiche, che sono state invece interrotte continuamente, negli ultimi mesi, dalle necessarie verifiche sulla resistenza strutturale delle scuole>.

Le schede tecnico/economiche predisposte dal Settore Patrimonio del Comune di Pescara denunciano, infatti, la necessità di investire svariati milioni di euro per realizzare verifiche di vulnerabilità e per il miglioramento sismico di tutti gli edifici pubblici compresi alloggi ERP, impianti sportivi, edilizia pubblica ed in particolare scolastica.

< I dati emersi dalle valutazioni dell'idoneità strutturale forniti dagli uffici rilevano un quadro critico> dichiara la consigliera M5S Enrica Sabatini <con la necessità di investire 1,5 milioni di euro per le sole verifiche di vulnerabilità sismiche e di oltre 76 milioni di euro stimati per il miglioramento dei soli edifici scolastici. L'amministrazione di centrosinistra deve mantenere gli impegni per il quale é stato votato.>

Il riferimento é all'analisi delle attività manutentive e migliorative redatto dalla Giunta Alessandrini in cui si legge "la sicurezza delle scuole rappresenta una delle priorità strategiche dell'azione di governo nazionale e non meno di quello locale" tale per cui risulta necessario procedere al "miglioramento degli standard di sicurezza delle strutture comunali".

<La riqualificazione di un'area, per quanto importante, non può essere una priorità rispetto all'incolumità di studenti e cittadini> concludono le consigliere del M5s <e la "furia della natura" alla quale il Sindaco dá la colpa per gli eventi drammatici verificatisi sul nostro territorio, trova spazio, troppo spesso, nella mancanza di responsabilità di classi politiche che, per perseguire la visibilità elettorale, dimenticano le reali priorità dei cittadini e sulle quali, invece, il movimento 5 stelle pretende attenzione ed azioni concrete>.

Pubblicato in Politica
Martedì, 31 Gennaio 2017 00:00

Pescara, Diodati su tariffe Tari

Pescara. “La nostra Amministrazione sin dal suo insediamento ha avuto ben chiaro un obiettivo, quello di risanare i conti della città, perché la comunità non fosse esposta al default a cui la città andava incontro e perché potesse tornare a respirare e a dare respiro al comparto economico e alle famiglie".
Così in una nota l'assessore alle Finanze del Comune di Pescara, Giuliano Diodati, che aggiunge: "Con il piano di riequilibrio finanziario abbiamo rimesso in carreggiata l’amministrazione cittadina, pagando gli imponenti debiti accumulati, recuperando una gestione virtuosa e soprattutto razionale basata sulle reali possibilità dell'Ente, puntando in modo determinante su risorse in arrivo da fonti europee, statali e regionali, al fine di utilizzare le proprie per i settori più in emergenza, fra cui la manutenzione e il sociale. Questa gestione ci ha consentito di razionalizzare risorse e rendere più leggera la Tari nel 2016 sia per le famiglie che per le imprese, con dei decrementi percentuali anche piuttosto sensibili rispetto al passato e nonostante la condizione di predissesto. La difesa del suolo cittadino e la crescente attenzione alla manutenzione della città, sono priorità su cui dobbiamo ora concentrare la nostra azione e che ci hanno costretto a rimodulare le tariffe: c'è bisogno di investire sulla prevenzione del rischio idrogeologico e degli allagamenti con una più intensa attività manutentiva su tombini e caditoie; è indispensabile poi potenziare la raccolta differenziata per portare Pescara più vicina a quanto richiedono le normative e consentire risparmi futuri alle famiglie prodotti dal nuovo modello, bene, queste attività richiedono risorse ed equilibri che dobbiamo trovare perché la città ne ha bisogno. Per farlo, la base da cui siamo partiti non è quella degli anni scorsi, ma è una tariffazione più leggera, quella del 2016, che ci ha consentito comunque di limitare e calmierare gli aumenti delle nuove tariffe: Nello specifico delle utenze non domestiche a cui si riferisce la Confcommercio, infatti, gli aumenti si assestano in media fra l’1,50 e il 3 per cento scorrendo le varie categorie, commerciali e di altro segno ricomprese fra queste. In pratica, grazie alle diminuzioni dello scorso anno il peso su questa classe di contribuenti è stato più che contenuto. Non siamo chiusi alla ricerca di agevolazioni, specie quelle che tengano conto della situazione difficile che le imprese stanno vivendo. Una di queste misure è già efficace con lo slittamento al 28 febbraio della prima rata della Cosap varata proprio ieri e in tal senso non chiudiamo la porta ad altre possibilità se i numeri ce lo consentiranno, esattamente com'è accaduto lo scorso anno. Benvenute, dunque sinergie e idee come chiede la Confcommercio, perché l'Amministrazione possa dare servizi e risposte di qualità alla comunità dei contribuenti verso cui indirizziamo le nostre comuni azioni”.

Pubblicato in Politica

Lanciano. Alla fine una soluzione, seppure faticosa e ancora parziale, è stata trovata e almeno si parte. Da domani le nuove postazioni del 118 attivate sul territorio della provincia di Chieti avranno il medico a bordo, grazie a soluzioni organizzative che la Direzione della Asl ha individuato per garantire il servizio nonostante i numeri esigui di personale a disposizione.
Come si ricorderà, infatti, l’Azienda si è trovata nella condizione di dover fare fronte a una serie di rinunce opposte dai medici convocati per l’assunzione a seguito di un bando emanato per la copertura delle nuove sedi, che richiede in tutto 25 unità.
Alla prima convocazione, che non aveva prodotto risultati apprezzabili, ne è poi seguita una successiva che ha permesso di compiere qualche passo avanti e approdare alla soluzione grazie alla quale i primi medici potranno salire a bordo delle ambulanze. Così da domani le postazioni di Lama dei Peligni, Torricella Peligna, Villa Santa Maria e Castiglione Messer Marino saranno medicalizzate per 12 ore, mentre quella di San Salvo avrà copertura di 24 ore.
«Siamo riusciti ad assumere otto unità - puntualizza il Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco - e a garantire almeno l’avvio del servizio per una prima fase, a cui seguirà la successiva a marzo, quando contiamo di acquisire altre cinque unità grazie alla mobilità intra ed extra regionale. Pertanto, con il personale di cui disponiamo al momento e il lavoro in straordinario di altri medici del 118 strutturati, siamo riusciti a mettere in campo questa soluzione che non ci soddisfa pienamente, ma è comunque un primo risultato importante, se si pensa che ai primi di gennaio abbiamo seriamente temuto di non riuscire a fare partire il servizio. Ovviamente è solo un primo passo, perché a marzo saremo in condizione di poter estendere la copertura con i professionisti da acquisire con la procedura di mobilità, che non può essere esperita prima di quella data perché legata alla pubblicazione delle cosiddette carenze, fissata a marzo e settembre. Da parte nostra abbiamo messo in campo tutto l’impegno possibile, sia nel reperire un numero di medici utile allo scopo sia liberando risorse economiche aggiuntive per coprire i turni con lo straordinario, vista l’insufficienza del personale che abbiamo reclutato. Un passo avanti, dunque, verso il potenziamento dei servizi territoriali, sui quali la nostra Azienda continua a investire».

Pubblicato in Cronaca

Pescara. “Adeguamento sismico della nostre scuole, interventi per mitigare il dissesto idrogeologico, accresciuto dall’eccezionale maltempo delle ultime settimane, e sostegno alle attività economico-imprenditoriali, alle prese con gravi danni e perdite a causa dei mancati incassi”. Su tali criticità, conseguenti all’eccezionale ondata di maltempo e alle ultime scosse sismiche verificatesi lo scorso 18 gennaio, ha posto l’accento l’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, intervenuto questa mattina in rappresentanza del Comune di Chieti, alla conferenza stampa convocata da ANCI Abruzzo svoltasi presso la sede della Regione a Pescara per illustrare le proposte e le iniziative che, nella giornata di domani, i sindaci abruzzesi sottoporranno al Governo nazionale per il tramite del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Maria Elena Boschi.

«Chiediamo che le risorse destinate all’emergenza – ha aggiunto l’Assessore Di Felice - possano essere immediatamente messe a disposizione dei Comuni colpiti per effettuare lavori urgenti di messa in sicurezza dei territori. E’, infatti, indispensabile celerità e certezza per poter intervenire su scuole, strade gravemente danneggiate dagli eventi meteorologici, infrastrutture, dissesto idrogeologico che a Chieti desta particolare apprensione con le frane di Santa Maria Calvona e di via Modesto della Porta, emergenze, queste ultime, che hanno bisogno di celeri stanziamenti economici più volte sollecitati alla Regione dal Sindaco Di Primio. Riteniamo – conclude l’Assessore – che vadano immediatamente previsti fondi straordinari per far fronte a questa emergenza.»

I Sindaci abruzzesi chiedono, inoltre, al Governo lo snellimento delle procedure relative alla progettazione e realizzazione di edifici pubblici, in primis quelli scolastici, e l’istituzione di fondi per effettuare le verifiche di vulnerabilità.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. Disco verde, da parte del Consiglio Comunale al piano triennale 2017/2019 per la prevenzione della corruzione e della trasparenza. L’assise ha licenziato l’atto all’unanimità dei presenti.
Gli obiettivi primari del piano consistono nella lotta alla cattiva amministrazione, ossia l’attività che non rispetta i parametri del “buon andamento” e “dell’imparzialità” dell’azione amministrativa e nella verifica della legittimità degli atti, in modo da contrastarne l’illegalità. Il piano stabilisce che per prevenire il fenomeno della Corruzione, è necessario evidenziare e analizzare le attività e i processi dell’Ente maggiormente esposti al rischio; la natura e i livelli dei rischi, in relazione alla probabilità e all’impatto degli eventi dannosi; indicare gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio; attivare le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti chiamati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione.
Al fine di mantenere alto il livello di trasparenza amministrativa e di permettere ai portatori di interessi esterni ed alla cittadinanza di beneficiarne, il Comune di Montesilvano ha individuato una serie di passaggi operativi, a cominciare dall’aggiornamento della sezione "Amministrazione Trasparente", dal monitoraggio della sezione amministrazione trasparente così da mantenere il punteggio di massimo sulla Bussola della Trasparenza; passando per l’organizzazione di corsi di aggiornamento del personale dipendente del Comune di Montesilvano sulle tematiche; per la formazione e l’aggiornamento professionale per i membri del “gruppo trasparenza”; e infine con l’organizzazione di una giornata della Trasparenza Amministrativa, con cadenza annuale, con la quale verranno illustrati gli obiettivi raggiunti nel corso dell’anno.
«Garantire un alto livello di trasparenza è un atto di rispetto nei confronti dei nostri cittadini - dichiara il vicesindaco Ottavio De Martinis - . Per questo motivo abbiamo intrapreso un percorso che nei mesi scorsi ci ha impegnati per rendere gli atti perfettamente consultabili. Non a caso il nostro sito istituzionale soddisfa tutti gli indicatori della Bussola della Trasparenza dei siti web. L’accesso civico ai cittadini, inoltre, viene garantito dallo Sportello del Cittadino che abbiamo completamente rinnovato, così da mettere a disposizione dei montesilvanesi servizi efficaci, efficienti e risposte più immediate».
Il Consiglio ha dato il via libera, sempre all’unanimità dei presenti, anche all’alienazione di una piccola porzione dell’ex strada comunale Montesilvano - Spoltore in favore di una ditta privata, per una superficie di circa 50 mq, per un importo presunto, che verrà definito in sede di stipula dell’atto.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. «Un’opportunità per i cittadini di Montesilvano di mettere in regola le proprie posizioni tributarie dilazionando i pagamenti. In questo momento di crisi economica è il modo migliore per andare incontro alle esigenze di chi, per difficoltà economiche importanti, non è riuscito ad assolvere ai pagamenti dovuti, dando una risposta alle loro istanze». Così l’assessore al Bilancio Deborah Comardi annuncia l’approvazione in Consiglio Comunale, con i voti favorevoli di tutti i consiglieri presenti, del regolamento relativo alla definizione agevolata delle entrate comunali, anche tributarie, a seguito di provvedimenti di ingiunzioni di pagamento, ossia una vera e propria rottamazione delle cartelle dei tributi locali.
«La nostra Amministrazione ha scelto di cogliere questa opportunità fornita dal legislatore nel 2016 per mettere tutti i cittadini di Montesilvano in condizione di regolarizzare i pagamenti, senza peraltro dover versare gli importi dovuti alle sanzioni. Abbiamo introdotto 8 rate per dilazionare il debito e che quindi agevolano i contribuenti nei pagamenti del debito».
In sostanza i cittadini di Montesilvano che hanno ricevuto ingiunzioni di pagamento dal 2000 al 2016, potranno presentare apposita istanza entro il 2 maggio 2017. La richiesta deve contenere la volontà di aderire alla definizione agevolata, scegliendo il numero di rate, entro un massimo di 8, nel quale intende effettuare il pagamento. I debitori, quindi, estingueranno il loro debito senza incorrere in sanzioni. Il pagamento potrà avvenire in un unico versamento, entro il mese di luglio 2017; in 2 rate entro luglio e novembre 2017; in 3 rate entro luglio, ottobre 2017 e gennaio 2018; le 4 rate sono fissate entro luglio e ottobre 2017 e gennaio e aprile 2018; le 5 rate sono invece previste entro luglio, ottobre e dicembre 2017 ed entro i mesi di marzo e maggio 2018; luglio, settembre e novembre 2017 e gennaio, marzo e maggio 2018 sono le 6 rate; le 7 rate sono fissate a luglio, ottobre, dicembre 2017 e febbraio, aprile, giugno e agosto 2018; infine le 8 rate sono previste a luglio, settembre e novembre 2017 e gennaio, marzo, maggio, luglio e settembre 2018.
In caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata o di una di esse, decade la definizione delle agevolazioni con i suoi effetti.
Il regolamento approvato stamani in Consiglio sarà disponibile, con apposita modulistica, anche sul sito istituzionale, per coloro che vorranno aderire al sistema di agevolazione introdotto.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. E’ Montesilvano la prima città in Abruzzo che ha introdotto la figura del Garante per l’infanzia e l’adolescenza. Il Consiglio Comunale ha approvato questa mattina, all’unanimità dei presenti, l’istituzione della figura, disciplinata con una legge del 2011, con riferimento alla Convenzione sui diritti del Fanciullo di New York. Via libera anche al relativo regolamento.
Il Garante è un’Autorità indipendente che svolge la sua attività in libertà e indipendenza da qualsiasi Istituzione Pubblica o privata. «Con questa figura - spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Rosaria Parlione - che ci rende Comune virtuoso a livello regionale, essendo i primi ad istituirla, intendiamo tutelare le fasce dei minori che in taluni contesti divengono deboli perché non hanno voce. Il Garante, infatti, promuoverà la cultura e la conoscenza dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, anche con iniziative di sensibilizzazione. Il garante inoltre favorirà la partecipazione e l’ascolto di bambini e adolescenti a livello individuale e collettivo, segnalando, anche alle Autorità competenti discriminazioni o situazioni di presunta violazione dei loro diritti».
«Abbiamo predisposto un regolamento ben preciso - spiega il presidente della Commissione Cultura Alessandro Pompei - stabilendo requisiti specifici per individuare, mediante apposito avviso pubblico, la figura più idonea a ricoprire tale incarico nel modo migliore possibile. Il Garante, che resterà in carica, gratuitamente, per 3 anni, infatti dovrà avere maturato esperienza nel campo delle scienze giuridiche, psicologiche, sociali o pedagogiche, o in attività sociali ed educative, tutelando, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e con le altre istituzioni, i diritti dei bambini e dei ragazzi».
L’Ufficio del Garante si propone come luogo neutro di ascolto dei soggetti pubblici e privati, Enti e singoli con l’obiettivo di facilitare i rapporti tra i soggetti che a qualsiasi titolo si occupano di tematiche inerenti all’infanzia e adolescenza. Convoca almeno due volte l’anno un incontro con i rappresentanti delle principali istituzioni cittadine corresponsabili della cultura e della tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 56

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione