Articoli filtrati per data: Novembre 2017
Venerdì, 24 Novembre 2017 00:00

Verso Spezia - Pescara, parla Zeman

Pescara. Alla vigilia della trasferta di La Spezia, il tecnico del Pescara, Zdenek Zeman, ha presentato l'incontro.
"Lo Spezia da tanti anni cerca di lottare per la serie A - ha esordito il boemo - cerca di arrivarci, hanno cambiato ogni anno perchè non ci sono mai riusciti, ma è una squadra sempre con un'ambizione per quello che si è visto fino a questo momento. Non sta come prima, è una squadra aggressiva che cera di attaccare la palla e se funzionano avanti possono togliersi delle soddisfazioni. Per quanto riguarda la mia squadra a me interessano le prestazioni e, a parte Brescia, a me non sono sembrate brutte, sono valutazioni individuali, ci può stare l'errore del singolo, ma per me le prestazioni sono state buone. Poi la stampa locale dovrebbe aiutare la squadra, cosa che non ho visto, poi il compito di far bene è nostro e a quel punto la gente allo stadio viene. Io ho una mia formazione tipo a livello mentale dall'inizio del campionato, ma non riesco a metterla".

Pubblicato in Sport

Ortona. L’associazione di promozione sociale Donn.è ha tracciato il punto sui quattro anni di attività dello sportello antiviolenza Donn.è, attivo dal 2013 nel contrasto alla violenza sulle donne presso l’Ospedale “Gaetano Bernabeo” di Ortona, e lo ha fatto in concomitanza con la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
“Presentiamo i dati del lavoro di cinque anni che abbiamo svolto sul territorio – ha sottolineato la presidente del centro, Francesca Di Muzio – attraverso la sede del centro antiviolenza Donn.è e la sede dello sportello che è all’interno del presidio Bernabeo. È emerso un dato significativo: la violenza che le donne subiscono è una violenza nelle relazioni di intimità perpetrata dal marito, dal compagno o dal convivente. Abbiamo ricevuto nel corso di questi cinque anni 200 contatti, abbiamo gestito più di cento prese in carico che significa che la donna è stata accolta ed ha seguito un percorso di uscita dalla violenza all’interno del nostro centro. Il dato significativo è l’accesso delle donne al centro antiviolenza, soprattutto attraverso anche il lavoro dello sportello che è al Bernabeo, del lavoro sinergico con il Pronto Soccorso del presidio con il quale abbiamo realizzato un percorso virtuoso, un protocollo di accoglienza per le donne che in questi giorni a livello ministeriale è stato indicato per le azidende ospedaliere. In questi giorni sono state presentate le linee guida dal Ministero per l’azienda ospedaliera nei casi di violenza contro le donne, Ortona ha già queste buone prassi, quindi si pone come progetto pilota che può essere una best practice da riportare anche negli altri territori attraverso la formazione e la sensibilizzazione che in questi anni abbiamo fatto con i vari reparti che sono presenti all’interno dell’Ospedale. Un dato significativo che abbiamo potuto rilevare è che la violenza sulle donne tocca tutte le fasce di età, tutte le donne dal punto di vista culturale senza distinzioni, quindi la violenza continua ad essere un fenomeno trasversale, è un fenomeno che investe la nostra realtà della città di Ortona in maniera importante. Proprio per questo formalizzeremo nelle prossime settimane il protocollo di rete, la rete è fondamentale per la presa incarico delle donne per gestire le situazioni di violenza, infatti la nostra campagna di prevenzione e sensibilizzazione quest’anno si intitola ‘Libere tutte’ perché vogliamo dare un segnale positivo alle donne in rete contro la violenza. Lo vogliamo fare come città che si prende la responsabilità di contrastare questo fenomeno. Un fenomeno che è antico nel tempo perché ci riporta alle questioni delle radici della violenza che è una questione culturale, questa differenza di potere che c’è tra l’uomo e la donna e che ovviamente tiene la donna in una situazione di sudditanza rispetto all’uomo. Non è un fenomeno emergenziale certamente, è un fenomeno di cui se ne parla maggiormente, quindi emerge con più facilità, le donne sono portate a denunciare maggiormente la violenza che subiscono perché anche attravrso l’attività dei centri antiviolenza sul territorio le donne riconoscono di essere vittime di violenza, riconoscono che la violenza non è normalità di una relazione e iniziano un percorso per uscire dal circuito violento”.
Nell’anno di apertura dello sportello 34 i casi presi in carico di cui 18 sono le donne uscite dalla violenza, questo e altri i dati sono stati analizzati con i punti di forza e criticità del lavoro finora svolto, necessari al fine di proseguire e migliorare l’azione d’intervento e supporto alle donne vittime di violenza di genere secondo un’ottica di rete.
Sono previste delle iniziative nel weekend: domani, sabato 25 novembre, alle ore 10, nella Sala Consiliare del Comune di Ortona, l’incontro “Verso il protocollo di rete per la nostra città”; ale ore 18 nella sede di Donn.è, in corso Vittorio Emanuele n° 3 a Ortona, “Parliamone… aperitivand!”; domenica 26 novembre all’Enomuseo di Tollo, presentazione dello sportello antiviolenza Donn.è di Tollo.
“Sono state introdotte delle indennità sanitarie per le unità ospedaliere in tema di soccorso a donne vittime di violenze – ha ricordato la coordinatrice del centro, Michela Leone – noi abbiamo cominciato come sportello all’interno dell’ospedale ed è stato un progetto pilota che ha operato in rete in simergia con il Pronto Soccorso grazie all’impegn del dottor Iacovella è stato possibile dar vita ad una convenzione per definire una modalità delle buone prassi del Pronto Soccorso per attuare un intervento di emergenza con cui la donna arriva per poi procedere con le realtà territoriali tra cui il Centro Antiviolenza, l’Arma dei Carabinieri e così via. Ad Ortona a livello pratico in cui la donna può essere separata dal resto come il Pronto Soccorso è importante avere una formazione specifica con gli operatori e le operatrici, questi sono elementi pilota che noi siamo più che contente di aver avviato e che speriamo con la formalizzazione possano andare avanti. Il lavoro di rete per la violenza sulle donne è uno degli aspetti fondamentali, da sole si può fare anche tanto ma non è sufficiente, bisogna che ci sia un coinvolgimento, una collaborazione da parte di tutte le realtà territoriali. Spero che questo lavoro possa proseguire anche migliorandolo sempre di più perché si può sempre fare di meglio”.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Torna domani l'appuntamento con "Di palo in frasca", programma condotto da Francesco Rapino e dagli amici Giuseppe Mrozek (che si manifesterà telefonicamente e Fabrizio Manili, per l'occasione con la partecipazione straordinaria di Massimo Giuliano (anche per lui manifestazione tramite telefonia).
Tra gli argomenti del giorno il Teate Winter Festival con le interviste all'assessore alle Manifestazioni del Comune di Chieti, Antonio Viola, e al direttore artistico della manifestazione, Fabio D'Orazio; poi parleremo delle stagioni del Teatro Marrucino con l'intervista al presidente del Cda della deputazione teatrale, Cristiano Sicari, ed infine parleremo della Bohème che andrà in scena nello stesso Teatro con le interviste al direttore artistico del Teatro, Ettore Pellegrino, e al regista Leo Muscato.
Ovviamente non mancheranno musica e divertimento con le consuete "grasse" risate.

Pubblicato in Rubrica

Pescara. Differentemente da quanto precedentemente stabilito, si comunica che la distribuzione dei tagliandi per assistere a Barcelona - Pescara, gara decisiva del Girone A di Elite Round in programma sabato alle ore 20:30 (il match sarà trasmesso in tv sul canale 205 di Sky, ovvero Fox Sports Plus), inizierà venerdì dalle ore 9:30 presso il PalaRigopiano.

I tagliandi di ingresso al Pala Giovanni Paolo II, sede degli incontri, saranno anche in questa circostanza distribuiti a titolo gratuito; la distribuzione avverrà sino ad esaurimento capienza dell’impianto.

INGRESSO GRATUITO
senza limiti di biglietti concessi per ogni persona!!

Questi gli orari:
*Domani dalle 9:30 alle 13:00
Dalle 14:30 alle 19:30
*PALARIGOPIANO*

*Sabato
Dalle 9:30 alle 12:30
*PALARIGOPIANO*
Dalle 14:30
*PALAGIOVANNI PAOLO II

Pubblicato in Sport

Francavilla al Mare. Dopo il sopralluogo di ieri, questa mattina il sindado ci Francavilla, Antonio Luciani, è tornato in visita alla Scuola Elementare San Franco.

Così il primo cittadino sul proprio profilo Facebook, rispondendo anche alle polemiche sollevate da Articolo 1 - Mdp:"Ció al fine di constatare di persona che tutto sia in regola. Il topolino avvistato è stato catturato ed eliminato. Abbiamo pulito la zona adiacente l'ingresso della mensa e le scalinate di emergenza dei locali mensa; chiuso idoneamente alcune fessurazioni riscontrate in prossimità del passaggio di alcune tubazioni e delle porte di alcune classi; verificato e pulito la rete fognaria; effettuato la pulizia straordinaria e la bonifica di tutti i bagni, dei corridoi e delle aule oggetto di avvistamento bonificato gli armadietti interessati; installato piccole reti metalliche in corrispondena delle griglie presenti nei bagni. Domani controllerò di persona se c’è altro da fare".

Pubblicato in Politica

L'Aquila. "Nella primavera scorsa la Regione Abruzzo ha presentato un bando per l’acquisto di alloggi da destinare agli sfollati del terremoto del 2016/2017. Questa iniziativa è consentita dalla legge n. 45 del 7 aprile 2017, con la quale si è stabilito che le Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria possono acquisire (a titolo oneroso) al patrimonio dell'edilizia residenziale pubblica, prioritariamente nei Comuni del cratere sismico e limitrofi, unità immobiliari a uso abitativo agibili o rese agibili dal proprietario. All’esito della gara sono risultati conformi alle richieste 427 appartamenti dislocati in 17 Comuni, per una spesa che sfiora i 68 milioni di euro, la cui copertura è assicurata dalla Protezione civile nazionale".

Così in una nota Enzo Del Vecchio, segretario particolare del presidente della Giunta regionale, e Antonio Iovino, dirigente coordinatore del Centro operativo regionale di Protezione civile, che aggiungono: "Le offerte degli alloggi si riferivano ad un prezzo onnicomprensivo, ovvero prevedevano anche gli oneri accessori (spese notarili, bolli, etc) poiché non si può chiedere agli sfollati di pagare per le sistemazioni. Il bando richiedeva alloggi sismicamente adeguati, mai abitati, di classe energetica almeno B e con un prezzo fissato secondo i criteri dell’edilizia residenziale pubblica, attraverso la delibera di Giunta regionale n. 615/2010, ovvero 1.820,13 euro al metro quadro.

La congruità del prezzo è stata calcolata tenuto conto della DGR 615/2010 e del costo al metro quadro delle strutture abitative di emergenza (SAE) che ammonta a 1.600,00 €/mq al netto degli oneri di smantellamento, trattandosi di strutture temporanee. Dalla graduatoria può evincersi che la Regione Abruzzo acquisterà alloggi nuovi anche ad un prezzo di gran lunga inferiore.

Per quanto riguarda il prezzo stimato dall’Agenzia delle Entrate - OMI, citato dal M5S, esso non tiene conto delle caratteristiche riportate dal bando (appartamenti nuovi, antisismici e con classificazione minima di B energetica) essendo basato sul mercato immobiliare esistente con l’incertezza delle caratteristiche minime richieste dal bando.

Un ultima annotazione afferisce al costo massimo previsto, ai fini della congruità, di € 1820,13 in quanto la DGR 615/2010 considera l’importo al netto delle spese accessorie mentre il bando regionale ha incluso tali spese nello stesso.

Da ultimo va sottolineato che questa iniziativa ci consente di cogliere più obiettivi con una sola azione: dare un tetto alle famiglie sfollate; evitare ulteriore consumo di suolo; acquisire un patrimonio abitativo da devolvere poi alle Ater; sostenere le imprese edili abruzzesi che stanno uscendo dalla crisi".

Pubblicato in Politica

Roma. “Siamo alquanto preoccupati per le notizie divulgate dalla trasmissione televisiva ‘Le Iene’ in merito ad un esperimento nucleare, il SOX, che dovrebbe svolgersi nei laboratori nazionali del Gran Sasso."Lo ha dichiarato l'On. Fabrizio Di Stefano a seguito del question time che ha tenuto questa mattina alla Camera dei deputati in merito all'esperimento SOX. "L’impegno per tutelare i cittadini deve essere massimo"ha continuato l'On. Di Stefano "e per questo abbiamo fatto un Question Time in Commissione Ambiente alla Camera per chiedere al Ministro Galletti se sia a conoscenza della vicenda e soprattutto quali  urgenti iniziative intenda assumere per intervenire a garantire la salute e la sicurezza degli abruzzesi. Ma la risposta che abbiamo ricevuto oltre a non essere esaustiva, getta ancora più incertezza e confusione sulla vicenda. In sostanza il governo sostiene che il nulla osta per procedere alla realizzazione del progetto SOX sia stato “rilasciato sulla base del parere favorevole, con prescrizioni, espresso dall’ISPRA e dalle amministrazioni coinvolte, inclusa la Regione Abruzzo”. Ma la regione invece fa sapere per bocca del Vicepresidente Giovanni Lolli che nel caso dell’esperimento Sox “non c’era pervenuta alcuna comunicazione, nonostante l’esperimento fosse stato autorizzato dallo Stato”.  Due sono le cose o la mano destra non sa cosa fa la sinistra, oppure uno dei due mente. Il dato che però rimane ineludibile è che ancora una volta a pagare le conseguenze, in termini di salute e di salvaguardia ambientale, del lassismo e della faciloneria della sinistra saranno i cittadini abruzzesi" ha concluso l'On. Di Stefano.

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Interviene così il Sottosegretario d'Abruzzo Mario Mazzocca sui reali effetti del provvedimento licenziato ieri dal Governo, che aggiunge come "nelle prossime ore diffonderemo un dettagliato prospetto evidenziante la competente e diligente attività freneticamente condotta da Regione Abruzzo sul tema specifico".

"È stato da noi agevolmente dimostrato, contrariamente a quanto si dice, di voler perseguire sul piano della riduzione dei tempi, mentre la procedura di commissariamento ha fatto accumulare ulteriori ritardi. Da qui il parere negativo formulato dalla Regione Abruzzo fin dal 31 agosto scorso e da me reiterato ieri in sede di Consiglio dei Ministri".

"Va subito ribadito come su n.25 discariche abusive iniziali da bonificare, n.12 siano state già escluse dalla procedura d'infrazione Ue. Nonostante ciò, è stato previsto il Commissariamento da parte del Ministero (verso cui la Regione ha espresso parere negativo), un provvedimento con carattere “tecnico” esclusivamente perché, essendo stato superato il cronoprogramma degli interventi da parte dei Comuni, in pratica lo stesso sarà funzionale, come previsto dal Decreto, per il solo pagamento dei lavori effettuati da parte del Commissario Vadalà, al quale è stata affidata sin dal 2016 la contabilità speciale".

"Nello specifico - continua Mazzocca - in aggiunta alle n.12 già escluse, in n.7 discariche i lavori sono conclusi e si attende il contraddittorio dell’Arta ai fini dell’esclusione. In tutte le restanti (n.6) discariche i lavori, attualmente in corso, sono in fase conclusiva".

"Nel corso dell’incontro tenutosi a Pescara nel mese di agosto 2017 con il Commissario Vadalà - conclude il Sottosegretario - lo stesso ha avuto parole di apprezzamento per l'azione svolta dalla Regione Abruzzo, definendo al contempo la nostra situazione procedurale e sostanziale di gran lunga la più avanzata rispetto a quella delle altre regioni interessate dalla Procedura di Infrazione Ue. Per assurdo, il commissariamento ora sta determinando non solo ulteriori ritardi per le procedure burocratiche da attivare e definire da parte della struttura commissariale, ma anche l'insorgenza di contenziosi legali nei confronti dei Comuni da parte delle imprese esecutrici che attendono, ormai da alcuni mesi, di essere liquidate. L’assurdità di una situazione in cui i burocrati del Mattm non hanno dato alcun supporto, lasciando la Regione da sola".

Pubblicato in Politica

L'Aquila. Analisi sull’attuale situazione politica e delle prospettive, la costruzione di un progetto per costruire una casa comune dove stringere alleanze e condividere attese e speranze degli abruzzesi in vista delle elezioni regionali del 2019 e politiche del prossimo anno. Saranno questi i punti più importanti in discussione nella riunione del Comitato Regionale dell'UDC, aperto agli amministratori locali, al quale prenderà parte il Senatore Antonio De Poli, Presidente del Consiglio Nazionale. La riunione, fissata dal Segretario regionale dell’UDC, Enrico Di Giuseppantonio, per mercoledì prossimo, 29 novembre inizierà alle ore 18 e si terrà presso l'hotel Adriatico in via Carlo Maresca,10 (zona grandi alberghi) a Montesilvano.

Pubblicato in Politica

Roseto degli Abruzzi. Il consiglio comunale di ieri si è aperto con la discussione del punto relativo alla vicenda Rolli/Salpa, alla presenza di una delegazione di lavoratori. L’assemblea ha ratificato la decisione di un consiglio straordinario che si terrà entro la prima decade di dicembre, alla presenza del vice presidente della giunta regionale, Giovanni Lolli, assessore alle Attività produttive. La discussione è stata franca e concreta, senza contrapposizione tra maggioranza e opposizione, segno evidente che tutto il consiglio è compatto nel volere una risposta dall’azienda che occupa centinaia di persone. I lavoratori rosetani, tramite i propri rappresentanti sindacali, hanno più volte chiesto delucidazioni sul futuro dell’azienda e soprattutto rassicurazioni sul futuro. Non ottenendo udienza dai vertici aziendali hanno chiesto la L’assemblea straordinaria non è stata fissata in quanto legata alla presenza del vicepresidente Lolli (che farà conoscere al più presto la prima data utile).

Tra i principali punti all’ordine del giorno, inoltre, è stata decisa l’aggiunta di nuove particelle catastali nel lotto di terreno da vendere nel lungomare della zona sud, la cui parte edificabile passa da una superficie di 3.730 metri quadrati a 4.230 per un importo, a base d’asta che diventa di 2.190.000 euro. La nuova asta, se i tempi tecnici lo consentiranno, è prevista prima delle prossime festività natalizie o, al massimo, nei primi giorni del nuovo anno.

Inoltre è stata approvato lo schema di convenzione con l’Unione dei Comuni per quanto riguarda i servizi sociali. Il Comune di Roseto, pur non entrando nell’Unione, ne riconosce il ruolo di capofila. In questo modo si garantisce una gestione unitaria dei servizi sociali nel nuovo ambito territoriale, garantendo, così, all’ente un risparmio nella gestione.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 77

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione