Articoli filtrati per data: Martedì, 14 Novembre 2017

Pescara. “Giovedì 16 novembre, meteo permettendo, cominceranno i lavori di riqualificazione di via Nazario Sauro. Sulla strada verranno realizzati la linea di raccolta delle acque piovane e il collegamento alla linea esistente, nonché il sottofondo della base stradale e il manto di asfalto".
Così in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Blasioli, che aggiunge: "Voglio ricordare che via Nazario Sauro è una strada dove si sono registrati vari allagamenti in passato, a danno di esercizi commerciali e abitazioni. Riteniamo che questo intervento possa essere risolutivo per la sicurezza dei residenti.
Una volta effettuati questi lavori verrà ripristinato il manto stradale di via Caboto laddove è più rovinato. Continua così la nostra azione perché il problema degli allagamenti venga risolto su tutto il territorio cittadino, a partire dalle vie dove è maggiormente presente, com’è accaduto fino ad oggi.
Ci auguriamo che le condizioni meteo siano favorevoli e che sia possibile effettuare i lavori nel tempo necessario che è pari a una settimana di lavori”.

Pubblicato in Cronaca
Martedì, 14 Novembre 2017 00:00

Vasto, lavori alla mensa della scuola Spataro

Vasto. Ieri sono iniziati i lavori di ampliamento e manutenzione straordinaria della cucina della Mensa presso La Scuola Spataro di Vasto, come previsto nel capitolato d’appalto del servizio di ristorazione scolastica.
“La Scuola Spataro attendeva questo intervento da anni, e finalmente siamo riusciti a concretizzarlo.Per questo ringrazio anche la Commissione Mensa per il lavoro portato avanti in questi mesi accanto all’Amministrazione Comunale” ha dichiarato il Primo Cittadino Francesco Menna.
Si rassicurano le famiglie che il servizio di mensa proseguirà senza interruzioni, né variazioni di nessun tipo.I pasti Continueranno ad essere cotti e serviti in sede.
“Nessuna interruzione interesserà il servizio gestito da AllFoods ”- ha infatti commentato l’Assessore alle politiche per la Scuola Anna Bosco, “perché si lavorerà inizialmente all’esterno della struttura e si approfitterà della chiusura della Scuola in coincidenza delle festività natalizie per ultimare l’opera. L’Unica variazione riguarderà il punto di ingresso e di uscita per genitori accompagnatori e bambini frequentanti l’infanzia, i quali da lunedì dovranno accedere dall’entrata principale e non più da quella secondaria.L’ultimo sopralluogo si è svolto alla presenza dei tecnici, della Dirigente Scolastica Sandra di Gregorio e del Dirigente Comunale Vincenzo Marcello.”

Pubblicato in Cronaca

Pescara. “Ai numeri negativi dell’ultimo rapporto Svimez dove vede l'Abruzzo come unica Regione del Mezzogiorno ad avere un dato di crescita del Pil con il meno davanti si aggiungono gli ultimi dati diffusi dall'economista  prof. Ronci riferiti all’influenza del terremoto sulla nostra economia che confermano ancora di più quanto denunciato, ossia la nostra Regione non cresce anzi arretra, purtroppo". Questa la denuncia sollevata dal consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo che spiega quanto segue: “Il quadro desolante oggi ci viene rappresentato dal confronto con la vicina Regione Marche. Nello specifico – precisa Febbo – la popolazione abruzzese interessata dal sisma è stata di 103.362 abitanti pari all’8% del totale (1.322.247) distribuita su 23 comuni mentre la popolazione marchigiana colpita dagli eventi sismici è stata di 347.774 abitanti pari al 23% del totale (1.538.055) e distribuita su 87 comuni. Nel 2016 il PIL abruzzese e quello marchigiano hanno subito entrambi la stessa flessione, meno 0.2% ma con una differenza rilevante. Infatti mentre il PIL abruzzese è il terzo peggior risultato a livello nazionale e il peggior risultato tra le regioni del mezzogiorno a causa degli eventi sismici la Regione Marche ha ottenuto lo stesso risultato dell’Abruzzo nonostante abbiano avuto rispetto a quest’ultimo il triplo della popolazione interessata dagli eventi sismici (8% contro il 23%) e il quintuplo dei comuni devastati dal terremoto (8% contro il 38%).   Quindi è del tutto evidente come le differenze sono proprio nelle azioni messe in campo per rispondere agli eventi straordinari che hanno colpito le due Regioni. Non passa giorno – continua Febbo – che non ascolti uno spot in radio o in televisione dove vengono comunicati i fondi europei (Fers e Fears)  messi in campo per il mondo turistico, agricolo e culturale da parte della Regione Marche per aiutare e sostenere le imprese a ripartire dopo il sisma. Mentre nella Regione Abruzzo assistiamo inesorabilmente ai soliti annunci di questo Governo Regionale e i numeri sono la prova provata di come l’economia abruzzese in questi ultimi anni ha fatto passi indietro rispetto alle altre Regioni italiane. La popolazione ha subito una flessione di 11.692 abitanti e tale flessione è stata dello 0,88% pari a quasi il triplo della decrescita italiana dello 0,32%, le imprese diminuiscono di 2.425 unità registrando una decrescita dell’1,87% corrispondente a due volte e mezzo quella media nazionale dello 0,77%, gli occupati (-15.000) e i disoccupati (+10.000) realizzano variazioni percentuali peggiori e in controtendenza rispetto ai valori italiani, il tasso di occupazione e quello di disoccupazione sono entrambi peggiori di quelli nazionali, il PIL Abruzzese ha registrato un incremento di appena  lo 0,5% pari ad un quarto di quello italiano (+1,8%) e cresce meno anche del mezzogiorno (+0,8%), nel solo 2016, ha subito una flessione dello 0,2% a fronte di una crescita media nazionale dello 0,9%, annotando il terzo peggior risultato tra le regioni italiane e il peggior risultato tra le regioni del Mezzogiorno. Un quadro desolante – conclude Febbo - che sintetizza il fallimento dell’amministrazione regionale guidata dal presidente D’Alfonso che aveva promesso in campagna elettorale una rivoluzione ma lascerà un Abruzzo più fragile più povero e più improduttivo e con il rischio di rimandare indietro le risorse europee”.

Pubblicato in Politica

Montesilvano. «Abbiamo disposto la sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani, mercoledì 15 novembre. Abbiamo ordinato la chiusura al pubblico dei parchi e dei giardini pubblici, del cimitero comunale e il divieto di accesso in giardini e parchi non recintati, il divieto di accesso nella riserva naturale Santa Filomena nonché il divieto di sosta sulla viabilità perimetrale della riserva stessa da oggi fino a giovedì 16 novembre».
A dirlo è il sindaco di Montesilvano Francesco Maragno in merito all’emergenza maltempo che sta colpendo tutto il bacino del Pescara. Il Centro Funzionale d’Abruzzo ha diramato un avviso di criticità, con codice rosso, criticità elevata per rischio idraulico diffuso, fino a giovedì 16 novembre. «Abbiamo attivato il Coc, il Centro Operativo Comunale al fine di programmare tutti gli interventi necessari alla gestione dell’emergenza - dice ancora il sindaco che ha riunito, insieme agli assessori, a Palazzo di Città, tecnici comunali, Polizia Locale e Protezione Civile -. E’ molto importante che i cittadini mantengano la massima prudenza. Invito tutti a rispettare le segnaletiche apposte dagli operatori. E’ in atto un costante monitoraggio della situazione».
Per eventuali comunicazioni o segnalazioni: 0854481216 o 0854481326.

Pubblicato in Cronaca

Pescara. Il Movimento 5 Stelle chiede di ritirare al più presto la delibera portata in Consiglio dalla Giunta Alessandrini per la realizzazione del mercatino etnico nel sottopasso della stazione centrale, che costerà 250.000 euro di soldi pubblici dei pescaresi.

«Da giorni siamo in aula per chiedere al Partito Democratico di ritirare questa delibera» commenta la capogruppo M5s Enrica Sabatini. «I 250 mila euro stanziati per il mercatino nel sottopasso della stazione vengano utilizzati per tutto il commercio cittadino e non per la realizzazione di questa che ci sembra una follia amministrativa».

Il Movimento 5 Stelle, da più di due anni propone come alternativa di integrare tutti gli operatori, nei mercati esistenti o in mercati rionali sperimentali, coloro che già vi lavorano e coloro che dovrebbero essere collocati nel sottopasso, con posizioni amministrative in regola e con tutti i titoli abilitativi necessari per l’esercizio dell’attività commerciale, per garantire a tutti di esercitare l’attività nel pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie, dei requisiti di sicurezza ed adempiendo, inoltre, agli oneri imposti dai regolamenti comunali sul commercio.

«La nostra proposta fu accolta due anni fa dal Partito Democratico con l'approvazione di un nostro ordine del giorno» commenta la consigliera M5S Erika Alessandrini «ma l'indirizzo politico dato dal Consiglio Comunale, non è stato portato avanti dalla Giunta, anzi del tutto sconfessato».

La volontà dal centrosinistra di istituire il mercatino nel sottopasso della stazione è già stata ripetutamente contestata dalla maggioranza dei cittadini pescaresi e da molte realtà presenti sul territorio, sia per il grande esborso di soldi pubblici, sia per l'inadeguatezza strutturale del sito in cui far lavorare i commercianti che, invece, hanno bisogno di luoghi di lavoro più dignitosi e più adeguati alle attività di vendita.

«La collocazione in un’area lontana dal passeggio» prosegue Erika Alessandrini «e priva di ogni caratteristica che invogli i passanti all’acquisto, con la volontà di relegare lontano dagli occhi i commercianti in questione, ci vede turbati per il trattamento che la sinistra vuole riservare a questi cittadini, che per noi sono esattamente come gli altri e non diversi».

«Chiediamo all'Amministrazione di fare velocemente marcia indietro ritirando la delibera» concludono le consigliere M5S di Pescara. «Gli amministratori pubblici hanno il dovere di utilizzare le poche risorse a disposizione, per tutto il commercio cittadino e non per assecondare le richieste di una sparuta parte della maggioranza, capitanata dai consiglieri di Sinistra Italiana, che pretende che vengano ascoltate le richieste di pochi a scapito dell'interesse di molti.»

Pubblicato in Politica

Pescara. “E’ stato presentato oggi il progetto di completamento degli alloggi dei Carabinieri in via Rigopiano. Oggi l’architetto Raffaele Basso del Provveditorato delle Opere Pubbliche ha presentato un progetto di 1.600.000 euro redatto dall’architetto Nicola Genovese, che il 28 novembre verrà esaminato dal Comitato Tecnico Amministrativo del Provveditorato delle Opere Pubbliche e ci auguriamo che possa essere approvato, perché entro l’anno le somme stanziate dal Ministero devono essere assolutamente impegnate".

Così in una nota il vicesindaco di Pescara e assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Blasioli, che aggiunge: "Parliamo di una cifra, 1.600.000 euro, appunto, che non è “scomparsa” come vaneggia il consigliere comunale Massimiliano Di Pillo in una nota dedicata all’ennesimo inesistente mistero di cui seguirebbe presunte tracce, ma che addirittura determinerà la fine dei lavori dello stabile di via Rigopiano, che si è appuntato oggi alle attenzioni del consigliere pentastellato.
Ci auguriamo che Di Pillo possa allargare un po’ i suoi orizzonti, impigliati su mercatino etnico e via Rigopiano e magari siamo cattivi a pensare che tale interesse più che dall’urgenza di salvare l’umanità da chissà quali reconditi complotti, derivi piuttosto dalla sua residenza anagrafica, che ci risulta sia posta proprio a confine con gli alloggi in costruzione. Noi, dicevo, ci auguriamo che possa allargare i suoi orizzonti per diventare un amministratore comunale che prima che al giardino di casa riesca a guardare all’interesse della città, come non è successo oggi, giorno in cui lui manda alla stampa una nota allarmistica sul destino della caserma e lo fa proprio nel giorno in cui se ne scrivono sorti completamente diverse. L’annuncio della presentazione del progetto di completamento avremmo voluto darlo fra qualche giorno, per illustrarne tutti gli effetti: il primo ora è immediato, cioè quello di dare la migliore risposta a chi pontifica a vuoto e ci definisce “beceri”, diffondendo notizie false sulla perdita dei finanziamenti e sullo stato del progetto e, purtroppo per lui, ignorando il lavoro necessario a costruire e superare ostacoli che potevano sembrare insormontabili affinché il progetto potesse oggi essere presentato.
L’altro effetto è quello di rovinare una sorpresa che avremmo voluto comunicare alla città insieme a un altro grande risultato: lo stanziamento di ulteriori 500.000 euro per la redazione del progetto del nuovo comando provinciale dei Carabinieri. Un progetto che va a sostituire il precedente dell’importo complessivo di 12 milioni di euro e che presuppone un’opera il cui quadro economico completo si aggira oggi sui 5.800.000 euro, ma soprattutto testimonia la volontà del Ministero di finanziare la realizzazione del nuovo comando dei Carabinieri, a cui noi, forse Di Pillo non ci crederà, ma abbiamo lavorato alacremente insieme al Demanio e al Provveditorato in questi mesi.
Completamento degli alloggi, bando entro l’anno e nuovo comando provinciale dei Carabinieri serviranno a dare sicurezza ai residenti, lui compreso, visto che abita lì e che ringraziamo per aver sopportato l’intrusione da parte di qualche senzatetto dentro lo stabile che verrà ultimato e avrà nuova vita.
In ultimo, chiedere a mezzo stampa la realizzazione della via di collegamento fra via Arapietra e via Rigopiano, facendo passare per “un’importante strada di collegamento” quella che non è che una piccola strada, senza porsi il problema che la mobilità andrà ripensata con le esigenze dei Carabinieri, ci sembra una cosa davvero fuori luogo, o, meglio, magari troppo concentrata su un interesse che pubblico non è”.

Pubblicato in Politica

San Giovanni Teatino. Sono quattro le attività economiche e produttive di San Giovanni Teatino che potranno ottenere contributi per i danni subiti dagli eventi calamitosi verificatisi nel territorio della Regione Abruzzo ed in particolare dall’11 al 13 novembre ed il 1° e 2 dicembre 2013 e del febbraio – marzo 2015. L'elenco riepilogativo è stato approvato dalla Giunta comunale con delibera n. 246 dello scorso venerdì 10 novembre 2017 e pubblicato sull'Albo Pretorio informatico. In questi giorni si sta organizzando l'attività di controllo a campione sulla veridicità delle dichiarazioni rese dai richiedenti. L'attività si concluderà entro il 30 dicembre 2017. L'elenco riepilogativo e l'esito dei controlli a campione effettuati saranno poi trasmessi alla Regione.
Nelle scorse settimane l'amministrazione ha proceduto a richiedere a tutte le ditte integrazioni e chiarimenti.
"Sei sono state le domande di contributo pervenute all'Amministrazione, ma solo quattro hanno fornito le integrazioni ed i chiarimenti richiesti dal Comune. Un numero non elevato - dichiara il Vicesindaco Giorgio Di Clemente - ma la complessità delle domande non ha consentito ai nostri uffici di effettuare prima i controlli a campione, tant'è che il Responsabile del III settore, Architetto Assunta Di Tullio, così come previsto dalle procedure stabilite con Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile, con determina ha stabilito di rinviare i controlli entro i 90 giorni dalla scadenza della presentazione della domanda, ovvero entro il prossimo 30 dicembre. Siamo inoltre in attesa di una risposta, dalla Protezione Civile, circa l'ammissibilità del contributo per una ditta che è stata messa in liquidazione".

Pubblicato in Cronaca

Ortona. “La già caotica telenovela dragaggio si arricchisce di un ulteriore e triste capitolo: il Consiglio di Stato, con l’ordinanza n. 05064/2017 REG.PROV.COLL., rimanda al 12 aprile 2018 la discussione sul ricorso presentato dalla prima ditta in graduatoria per l’affidamento dei lavori contro la seconda alla quale il Comune, stazione appaltante, dovrebbe affidare i lavori”. Questo l’annuncio degli esponenti di Forza Italia ovvero il deputato Fabrizio Di Stefano, il consigliere regionale Mauro Febbo, il consigliere comunale Peppino Polidori, l’ex consigliere comunale Tommaso Cieri ed il coordinatore locale Simone Ciccotelli.

“Prima che fosse pubblicato il bando per l’affidamento dei lavori, nella conferenza di servizi alla quale partecipò anche l’allora sottosegretario della giunta regionale, Camillo D’Alessandro, chiedemmo di modificarlo perché avrebbe aperto a possibili ricorsi che avrebbero messo a rischio i fondi per il dragaggio. I nostri consigli non furono accolti, fummo definiti come allarmisti e nemici di Ortona, ma purtroppo i ricorsi sono arrivati e a distanza di oltre 2 anni i lavori non sono stati realizzati con i fondi seriamente a rischio disimpegno. Si sta consumando una tragedia – proseguono gli esponenti di Forza Italia - a causa dell’ inadeguatezza di una classe dirigente e politica che non vuole ascoltare le giuste e valide tesi provenienti da chi siede ai banchi dell’opposizione. Con la certezza che il dragaggio fosse e sia una necessità per lo sviluppo di Ortona, del comprensorio e dell’intero Abruzzo, con vivo senso di responsabilità vogliamo fare chiarezza su questa delicata vicenda cercando di favorire un giusto e trasparente iter. Già sono stati commessi numerosi errori che hanno prolungato i tempi, ampliati inevitabilmente anche dalla giustizia. Sperando che non sia troppo tardi cerchiamo di evitarne di ulteriori”.

“Ritengo – afferma l' On. Fabrizio Di Stefano - che dovessero essere fatti dei dovuti passaggi a livello ministeriale, purtroppo mai avviati. Pertanto, al fine di evitare che possano derivarne ulteriori elementi ostativi, ho presentato una interrogazione parlamentare in merito. Di certo questi nuovi elementi intervenuti l’andranno ad arricchire”.

“Oltre al rinvio da parte del Consiglio di Stato – dichiara Mauro Febbo - è arrivato anche il giudizio n. 2832 del 5 ottobre u.s. da parte del Comitato VIA regionale. Per approfondire il problema e far luce sui possibili scenari, ho convocato in Commissione Vigilanza i dirigenti del Comitato VIA regionale per il 22 novembre p.v. Ho assicurato lo stanziamento di questi fondi e l’attenzione affinchè vengano utilizzati nel giusto modo è una mia prerogativa”.

“Non capiamo i toni entusiasti utilizzati dal sindaco Castiglione per annunciare l’esito della Commissione Via regionale. Per lui si avvicinano i lavori, ma non è affatto così, anzi… In quella sede – affermano Polidori, Cieri e Ciccotelli - è stato valutato il destino dei fanghi, ma qui è a rischio l’esecuzione dei lavori. Il problema è a monte: se non si dovesse dragare, quei fanghi non verrebbero prodotti. Di certo questa decisione del Consiglio di Stato non fa altro che allontanarli”.

“Di certo – concludono gli esponenti di Forza Italia – la situazione si aggrava. Avevamo indicato la via per evitare la situazione attuale, ma ormai ci hanno condotti in un vicolo cieco. Con un contenzioso pendente, così gravante, qualsiasi cosa farà il Comune, stazione appaltante, avrà delle ripercussioni. Potrebbe procedere all’affidamento alla seconda in graduatoria, ma qualora il Consiglio di Stato affidasse i lavori alla prima??? Ricordiamo che la seconda ditta in graduatoria accumulerebbe i fanghi sul molo per poi portarli in discarica per lo smaltimento con i costi a carico del Comune. La prima, invece, li metterebbe in una vasca di colmata, da realizzarsi, per la quale D’Alfonso dichiarò l'intervento di interesse pubblico tramite la delibera di giunta regionale n. 161 del 14 marzo 2016 alla quale rispose solo la Walter Tosto SPA (problema legato anche alla realizzazione del deposito gpl non ancora scongiurato). Peccato, però, che qualora si dovesse procedere alla realizzazione di una vasca di colmata, come affermato anche dal sottosegretario regionale con delega all’ambiente Mazzocca, sbugiardando il compagno di maggioranza Camillo D’Alessandro, sarebbe necessario il parere della Commissione Via nazionale: ciò comporterebbe un ulteriore aggravio di tempi. I lavori dovrebbero essere realizzati e rendicontati entro il 31 dicembre 2018 e tutto questo non fa altro che metterli sempre più a rischio. Oltre al danno la beffa: chi ha creato questi problemi resta al suo posto, Castiglione esulta sul nulla, Ortona e l’ Abruzzo potrebbero perdere un’ irripetibile opportunità”.

Pubblicato in Politica

Chieti. JUNIORESèlite. Nove punti in tre gare. I neroverdi stravincono per ben 7 a 1 contro la Fater Angelini Abruzzo al “Marcantonio” di Cepagatti.
Partita senza storia, che ha visto la squadra allenata da Paolucci, dominare dall’inizio alla fine la compagine pescarese, letteralmente annullata dalla cinquina di Cellucci e dai gol di Di Renzo e Perinelli.
I Teatini crescono di partita in partita e sorride anche la classifica. Infatti, dopo questo successo, il Chieti arriva a quota 13 punti e si piazza al sesto posto in compagnia del Miglianico, a sole tre lunghezze dalla terza piazza occupata dal Cupello.
Vittoria che aumenta la fiducia nei propri mezzi e conferma il buon lavoro dell’intero staff tecnico, che al primo anno di lavoro, può guardare al prosieguo della stagione con rinnovato ottimismo.
Prossimo turno, lunedì 20 Novembre, sul campo della Virtus Vasto.
CHIETI F.C. – FATER ANGELINI ABRUZZO 7 – 1
Reti: Cellucci 5, Di Renzo, Perinelli (Chieti F.C.)
Tabellino:
CHIETI F.C.: Carità, Di Renzo, Di Crescenzo, Di Meo, Cirotti, Perinelli, Leva, Di Nisio, Cellucci, Di Battista, Sciannamea
A disp: Sciorilli, Trovarello, Settimio, La Torre, La Rovere, Passaro, Di Gregorio
Allenatore: Paolucci
FATER ANGELINI ABRUZZO: Giansante, Quaglione, Federici, Di Girolamo, Tinari, Micozzi, Billè, Piersanti, Cipollone, De Simone, Imbastaro
A disp: Fontana, Taraborrelli, Costantini, Ricci, Maione
Allenatore: Macerata
Risultati 8°Giornata
Acqua&Sapone Montesilvano – Miglianico 2 – 3
Chieti F.C. – Fater Angelini Abruzzo 7 – 1
Cupello – Vasto Marina 3 – 1
River Chieti – R.C. Angolana 1 – 3
Il Delfino Flacco Porto – Val Di Sangro 2 – 1
Penne – San Salvo 3 – 2
Sambuceto Calcio – Casalbordino 1 – 0
Classifica: R.C. Angolana 20, Il Delfino Flacco Porto 17, Cupello 16, Acqua&Sapone Montesilvano e River Chieti 15, Chieti F.C. e Miglianico 13, Penne 12, Vasto Marina 10, Sambuceto Calcio 9, San Salvo 7, Fater Angelini Abruzzo 6, Casalbordino 3, Val Di Sangro 2.

ALLIEVI REGIONALI
Pronto riscatto dei neroverdi, dopo aver perso immeritatamente sette giorni fa, in casa, con la D’Annunzio Marina; violano il difficile campo del ”Donati” di Pescara per 0 – 2 ai danni del Gladius.
Partita combattutissima per i ragazzi allenati da mister Sciannamea, che hanno dimostrato tanta personalità nell’affrontare la formazione pescarese. Oltre al bel gioco espresso, anche il risultato sorride al Chieti, andando a segno con Cavallo e Sciarra.
In classifica si toccano quota 18 punti, ad una sola lunghezza dal piazzamento che consente l’accesso alla seconda fase del torneo.
Nel prossimo turno, scontro diretto con il Fossacesia al “Marcantonio”, che precede il Chieti a 19 punti.
Sarà importante fare bottino pieno per compiere un bel balzoavanti in classifica.
Risultati 10°Giornata
Gladius – Chieti F.C. 0 – 2
River Chieti – Caldora Pescara 3 – 0
Bacigalupo – Virtus Ortona 5 – 3
Fossacesia – Curi Pescara 2 – 2
D’Annunzio Marina – Acqua&Sapone Montesilvano 1 – 0
Manoppello Arabona – Cupello 3 – 0
Ripa 2007 – Virtus Vasto 1 – 3
Virtus Lanciano – Francavilla 1 – 3
Classifica: Curi Pescara e Virtus Vasto 25, River Chieti e D’Annunzio Marina 21, Fossacesia 19, Chieti F.C. 18, Caldora Pescara 16, Bacigalupo 13, Cupello 12, Gladius Pescara 11, Ripa 2007 e Virtus Lanciano 10, Francavilla 8, Manoppello Arabona 8, Virtus Ortona 7, Acqua&Sapone Montesilvano 4.

GIOVANISSIMI PROVINCIALI
Seconda vittoria consecutiva per i baby neroverdi allenati da Mister Ricciuti, che battono con un secco 3 a 0 il Ripa 2007.
Tante le note positive confermate anche in quest’occasione dopo il largo successo con il River 65 per 7 a 1. Organico che gioca un bel calcio, mister Ricciuti può essere soddisfatto di come i ragazzi si esprimono in campo, frutto del lavoro svolto durante la settimana. La doppietta di Iannotti e il gol di Castellucci fanno volare i Teatini al secondo posto a sette punti, alle spalle della capolista Virtus Ortona che guida a punteggio pieno la classifica con nove.
Prossimo incontro, lunedì 20 Novembre, in trasferta, con l’Ortona.
Tabellino:
CHIETI F.C. – RIPA 2007 3 – 0
Reti: Iannotti 2, Castellucci
CHIETI F.C.: Piscopio, Cempi, Bressi, Lisio, Di Pietrantonio, Patrizio, Desiderio L., Di Gioia, Iannotti, Di Bernardo, Castellucci
A disp: Desiderio S., Potente, Campobassi, Mennilli, Ammirati, Di Toro Mammarella, Panara
Allenatore: Ricciuti
RIPA 2007: D’Angelo, Torrieri, Ferko, Metushi, Shyti, Ficca, Capuzzi, Barbacane, Abbonizio, Tronca, Evangelista
A disp: Palombo, La Monaca, Bicetti, Agostinelli, Maccarone, Di Fabrizio, Sablone
Allenatore: Ferrara
Risultati 4°Giornata
Giovanile Chieti – River Chieti 5 – 2
Chieti F.C. – Ripa 2007 3 – 0
Val Di Sangro B – Virtus Castel Frentano 4 – 1
Rapino – Sant’Anna 0 – 1
Virtus Ortona – Casalingamba 4 – 0
Miglianico – Ortona 12 – 1
Riposa: Sambuceto
Classifica: Virtus Ortona 9, Chieti F.C. 7, Sambuceto e Ripa 2007 6, Giovanile Chieti 4, Miglianico, Casalingamba, Virtus Castel Frentano, Sant’Anna, Ortona 3, Rapino 0.
Squadre fuori classifica: River Chieti e Val Di Sangro
ESORDIENTI 9c9
Anche gli “Esordienti” fanno bottino pieno vincendo la prima partita di campionato 4 a 3 con il Francavilla. I piccoli atleti teatini allenati da mister Di Matteo sono protagonisti di un match molto combattuto risolto a proprio favore con grinta e tanta voglia di vincere. Il risultato finale premia i baby neroverdi che possono così festeggiare al meglio i primi tre punti di questa nuova stagione. Prossimo turno, il 26 Novembre, con l’Alcyone.
Tabellino:
CHIETI F.C. – FRANCAVILLA 4 – 3
CHIETI F.C.: De Ninis, Patricelli, Mammarella L., Di Giandomenico, Iezzi, Leone, Santarelli, De Sanctis, Orsini
A disp: Lalli, Minichilli, Nervegna, Mammarella P.
Allenatore: Di Matteo
FRANCAVILLA: Barbone, Moroni, Marruccino, Marchesani, Pasqualone, De Cecco, Piscicelli, Di Cintio, Maio
A disp: Garuja, Talanca, D’Amico, Di Crescenzo, Maiani, Agrippa, Romanelli, Todisco, Gelsumini
Allenatore: Frati

Pubblicato in Sport

Ortona. Ancora più su, a Ortona, l’asticella dell’assistenza alle donne affette da tumore al seno. Parte da domani l’ambulatorio di Medicina integrata che affianca alle cure convenzionali, quali chemioterapia, chirurgia e radioterapia, terapie “complementari” che durante i trattamenti favoriscono il recupero della paziente migliorando la performance fisica e la capacità di guarigione.
L’iniziativa, voluta da Ettore Cianchetti, direttore del Centro specialistico senologico, si colloca nel solco dell’esperienza sviluppata a Pitigliano, nella Asl di Grosseto, dove nel 2011 è sorto il primo ospedale di Medicina integrata, e dove viene sperimentata con successo un’alleanza terapeutica tra discipline differenti che ha prodotto un’offerta di salute straordinaria e soluzioni efficaci a varie patologie.
«L’idea è dare più assistenza attraverso attività specialistiche, complementari e innovative - sottolinea Cianchetti - sempre di comprovata evidenza, che includono anche interventi educativi per la promozione di corretti stili di vita per prevenire ripresa di malattia e l’insorgenza di patologie croniche come osteoporosi e sindrome metabolica quale effetto collaterale del trattamento convenzionale. Nel cancro alla mammella, infatti, ciascuna terapia utilizzata presenta effetti collaterali, immediati o tardivi, transitori o permanenti, la cui entità è correlata al tipo di trattamento, ma anche a condizioni e risposta individuali. Ecco, allora, che i trattamenti complementari possono agire mitigando il dolore e i comuni effetti collaterali delle cure oncologiche convenzionali, quali disturbi gastrointestinali, affaticamento, depressione, radiodermite, vampate di calore, ipertensione».
L’ambulatorio è stato presentato oggi pomeriggio ai medici e al personale delle diverse unità operative della Asl Lanciano Vasto Chieti, alla presenza dell’assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci. «La Senologia di Ortona è hub regionale - dice Paolucci - e la scelta di dotarla di un ambulatorio di Medicina integrata conferma l’investimento che la Regione Abruzzo sta portando su questo presidio, nel segno della qualità e dell’innovazione».
Integrare, dunque, è la nuova parola d’ordine che mira a costruire un intervento adeguato ed efficace ai fini di una migliore di vita delle donne con tumore al seno.
L’ambulatorio, ubicato al secondo piano, fornirà già da domani un servizio di agopuntura, con Massimo Rinaldi, medico specialista presso l’ospedale di Pitigliano, e a seguire counseling alimentare, specifico per la patologia oncologica della mammella, counseling sulla composizione corporea, sullo stile di vita motorio, oltre ad attività basate sul rinforzo delle catene miofasciali e di tipo aerobico per quante abbiano superato la fase della fisioterapia post intervento.
«Abbiamo investito su questo nuovo servizio poiché si tratta di attività validate scientificamente - ha chiarito il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco - che possono apportare sensibili benefici alle donne, migliorandone la quotidianità, un aspetto per nulla secondario della patologia. A tale proposito è stata stipulata una convenzione con il Dipartimento di Medicina e scienze dell’invecchiamento dell’Università d’Annunzio di Chieti-Pescara per avviare un rapporto di collaborazione, sia ai fini di studio e ricerca sia di svolgimento delle attività attraverso figure professionali specializzate nelle diverse discipline».

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 5

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione