Articoli filtrati per data: Martedì, 07 Novembre 2017

Pescara. Ed è già vigilia. Dopo l’acuto di Pesaro, che ha archiviato un trittico di gare con soli due punti conquistati, il Pescara di mister Fulvio Colini torna in campo domani sera al PalaRigopiano con il chiaro intento di portare a casa una vittoria importante. Dare continuità di prestazione e rendimento è infatti l’obiettivo della truppa biancazzurra nella partita contro Milano, originariamente prevista in data 25 novembre e poi anticipata a domani causa partecipazione del club biancazzurro al Girone “Elite Round” di Futsal Cup che si svolgerà proprio a Pescara nel periodo 21/26 novembre. Dopo una lunga assenza, tornerà a disposizione Ricardo Caputo che dovrà mettere minuti importanti nelle gambe in vista dell’impegno continentale di fine mese; con Borruto ancora ai box (ma è ormai imminente il suo rientro, previsto per sabato), sarà assente anche Saad, squalificato dal giudice sportivo dopo il rosso rimediato a Pesaro venerdì scorso (sono in diffida, invece, Salas e Cuzzolino). Arbitreranno la sfida i signori Luigi Alessi di Taurianova ed Andrea Campi di Ciampino (crono: Cra Abruzzo). Il calcio di inizio è fissato alle ore 20.30, sarà possibile seguire il match, come di consueto, in diretta streaming sul canale ufficiale YouTube del club.

Pubblicato in Sport

Pescara. Sì della Giunta all’assunzione entro l’anno corrente di nuove unità di personale con varie competenze.

“Ad oggi delle assunzioni programmate nella delibera di Giunta n. 13 del 12 gennaio 2017 - Così il Vice Sindaco Antonio Blasioli - sono state già eseguite quelle relative a:
n. 2 Dirigenti amministrativi a tempo indeterminato e pieno;
n. 1 Dirigente tecnico a tempo indeterminato e pieno;
n. 1 Assistente Sociale a tempo indeterminato e pieno;
n. 1 Autista a tempo indeterminato e pieno.
Di prossima esecuzione l’assunzione di un istruttore direttivo informatico a tempo indeterminato e pieno e l’avviso per il reclutamento di un dirigente amministrativo a tempo determinato per il Settore Gabinetto del Sindaco.
Entro la fine del 2017 c’è la possibilità di realizzare un piano di reclutamento integrativo rispondente alle esigenze organizzative e funzionali dell’Ente.
La Giunta ha, infatti, pianificato le seguenti assunzioni da eseguire entro il corrente anno:
n. 2 Dirigenti Tecnici a tempo indeterminato e pieno, a completamento della dotazione organica dirigenziale, presidio fondamentale di responsabilità e di efficienza dell’azione amministrativa, copriamo così tutti i settori senza più ruoli ad interim;
n. 9 dipendenti, cat. B1 a tempo indeterminato e pieno; si tratta di figure importanti per la manutenzione della Città: giardiniere, asfaltista, muratore, riparatore segnaletica stradale, idraulico/fontaniere e fabbro, che andranno presi con mobilità da altri enti;
n. 3 dipendenti, cat. C1, a tempo determinato e in part time all’ 83,33% (30 ore) per n. 18 mesi per le esigenze connesse alla lotta all’evasione, per cui l’Ente nella recente riorganizzazione macro strutturale ha istituto uno specifico servizio in capo al Settore Tributi;
n. 2 dipendenti con profilo di “Funzionario di Vigilanza”, cat. Giuridica D3 da impiegare in posizione di comando sino alla scadenza del mandato del Sindaco, per il potenziamento delle attività di vigilanza;
n. 20 LSU tra “Impiegati” e “Operai” da destinare a progetti di pubblica utilità.
Stiamo entrando in un momento di particolare attività per il Comune di Pescara, in cui è necessario assicurare servizi e risposte alla Comunità. L’Ente in questi anni ha visto assottigliarsi il suo patrimonio di risorse umane attraverso il pensionamento di decine di dipendenti e noi oggi, pur essendo un’Amministrazione in procedura di riequilibrio finanziario, abbiamo il dovere di sfruttare ogni opportunità per procedere alle possibili sostituzioni. Si tratta di un passo fondamentale, in linea anche con quanto dispone la delibera di Giunta n. 677 del 19/10/2017 con cui viene effettuata la riorganizzazione della macrostruttura, con cui l’Ente ha adottato un modello organizzativo più operativo per affrontare le mutate esigenze gestionali, ponendosi la finalità di garantire efficienza, efficacia ed economicità dell’attività amministrativa”.

Pubblicato in Politica

Pescara. Ieri, lunedì 6 novembre al Mediamuseum, si è tenuta la Prima lezione del Corso di Formazione Politica "Laboratorio di Pubblica Amministrazione". Sono 38 gli iscritti che partecipano a questo corso e 6 coloro che seguiranno tramite canale yuotube. Un successo incredibile. Lunedì prossimo inizierà il Corso "Conoscere la Politica" con 30 iscritti più due che seguiranno sul portale. Il grande successo è rappresentato dalla giovane età della stragrande maggioranza degli iscritti. Giovani ventenni e trentenni, alcuni già impegnati nelle istituzioni, ma tutti con il desiderio di conoscere, approfondire, capire i temi e gli aspetti più interessanti della Politica. Un successo per il Coordinamento Democratici Cristiani per l'Abruzzo e per l'Istituto di Cultura Politica "Giuseppe Spataro" di cui, in questi giorni, è stato nominato Presidente l'On. Giuseppe Quieti. Direttore è stato confermato Licio Di Biase.
L’Istituto di Cultura “Giuseppe Spataro”, nato oltre dieci anni fa, dopo una fase di silenzio, intende riprendere le proprie attività, soprattutto quelle tese alla conoscenza della politica. Nel passato l’Istituto, che ha fatto sempre riferimento all’esperienza della Dc e che ha avuto quale Presidente Ugo Crescenzi, ha organizzato Corsi di Formazione Politica e ora, di fronte all’incertezza del messaggio politico, intende ripartire con iniziative formative. Ovviamente la precedente esperienza costituirà la base per perfezionare l’offerta. L’Istituto “Spataro”, unitamente al Coordinamento “Democratici Cristiani per l’Abruzzo” e con il sostegno logistico-organizzativo del Mediamuseum e dell’editore Scep organizzano Corsi di Formazione con l’obiettivo di avviare un percorso per articolare una classe politica locale, giovanile e non, in grado di garantire l’ottimale Governo dei Municipi, facendo riferimento alla tradizione politica della Democrazia Cristiana.
I Corsi si articoleranno in tre sessioni:
1) “Conoscere la Politica”: incontri sui personaggi e sui contenuti della Democrazia Cristiana, per acquisire una perfetta e seria conoscenza sulla politica del passato del nostro Paese, attraverso la riflessione su Biografie dei personaggi presi in considerazione
2) “Laboratorio di Pubblica Amministrazione”: incontri con approfondimenti per fornire i giusti strumenti a coloro che amministrano o che vorranno amministrare i Municipi; questo corso diventerà una struttura permanente al servizio degli amministratori per fornire suggerimenti e organizzare incontri di aggiornamento.
3) “Il Nuovo che avanza”: incontri sui temi della contemporaneità per affrontare i tanti argomenti che stanno lacerando e profondamente cambiando il nostro mondo globalizzato. Questo Corso verrà organizzato in seguito.
Gli incontri si terranno presso il Mediamuseum (Piazza Alessandrini a Pescara) e saranno articolati secondo i calendari allegati. Per iscriversi è sufficiente inviare l’allegata scheda di adesione, dopo aver preso visione del programma completo e definitivo pubblicato anche sul portale www.terzomillennio.eu.
I Corsi di Formazione potranno essere seguiti anche su Youtube.

Pubblicato in Politica

Lanciano. Il Blocco Studentesco riattiva il doposcuola gratuito per il quarto anno consecutivo, servizio in cui gli studenti frequentanti le scuole medie, superiori e le università possono usufruire della struttura del Blocco Studentesco, dotata anche di connessione Internet, per studiare nelle ore pomeridiane. Il tutto gratuitamente.
“Abbiamo scelto di attivare ancora una volta questo servizio per andare incontro alle esigenze dei tanti studenti delle scuole medie, superiori e degli iscritti all'università che in passato hanno usufruito di questo servizio, - in una nota Domenico De Lucia, responsabile cittadino del Blocco Studentesco - ma anche per la mancanza di "spazi" in città per coloro che vogliono studiare in tranquillità e gratuitamente. Inoltre, con le settimane corte, gli studenti, che nei diversi rientri pomeridiani dei vari istituti devono attendere gli orari dei mezzi di trasporto per tornare a casa, possono impiegare proficuamente il tempo che avrebbero perso.
Sarà possibile recarsi presso "Lo Scrigno" già da Mercoledì 8 Novembre, dalle 16:30 alle 19:00"
“Il doposcuola – conclude – è solo una delle tante iniziative sociali a sostegno degli studenti che va ad affiancare il nostro ultimo servizio, il mercatino del libro usato senza scopo di lucro, che da tre anni a questa parte ha visto interessati migliaia di nuclei familiari provenienti da tutto il territorio frentano".

Pubblicato in Politica

Chieti. Sono ventidue i delegati eletti nell’Assemblea Provinciale tenutasi a Chieti lo scorso 4 novembre. Insieme ai sei partecipanti di diritto, costituiranno la pattuglia dei 28 GRANDI ELETTORI chietini presenti al Congresso Nazionale del 2 e 3 dicembre, che il partito di Giorgia Meloni terrà a Trieste.

L’appuntamento chietino di sabato scorso - presieduto dal dirigente napoletano MARTA SCHIFONE e dal Coordinatore Regionale ETEL SIGISMONDI – ha rappresentato un momento di discussione importante all’interno di Fratelli d’Italia, che si è chiuso dopo tre ore abbondanti di discussione – alla quale hanno preso parte oltre sessanta iscritti, autori di interventi politici e testimonianze amministrative - con la votazione dei Delegati, avvenuta nel tardo pomeriggio. Un tappa di confronto aperto e schietto, partecipata da un’ottima e qualificata rappresentanza dei 250 tesserati della Provincia, segno di una adesione sempre più importante nella Provincia, con un trend di crescita significativo sullo scorso anno (+23%).

Afferma il portavoce provinciale Antonio Tavani: “Questi congressi provinciali, che Chieti ha inaugurato in Abruzzo, rappresentano una tappa importante dove i protagonisti sono gli iscritti e i simpatizzanti, chiamati non solo ad eleggere i delegati al Congresso Nazionale, ma a confrontarsi con i temi attuali e il futuro delle possibili alleanze del nostro partito, anche nel nostro territorio. A Chieti sabato scorso ho apprezzato la passione visionaria dei giovani appartenenti al movimento di Gioventù Nazionale e le testimonianze di donne e uomini che questa Comunità politica fanno crescere ogni giorno”.

Sabato 18 novembre a L’Aquila si svolgerà anche l’Assemblea Nazionale degli Amministratori Locali di Fratelli d’Italia, con la partecipazione di Giorgia Meloni, da sempre vicina alla nostra Regione e che ancora una volta vuole dimostrare come l’Abruzzo rappresenti un laboratorio politico a livello nazionale per il nostro partito.

Il coordinatore Regionale EtelSigismondi ha ricordato nel suo intervento “di essere come soddisfatto della crescita registrata in questi ultimi mesi da Fratelli d’Italia-An su tutto il territorio regionale, che oggi può contare su centinaia e centinaia di iscritti e numerosissimi amministratori frutto del un grande lavoro svolto dalla tutta la classe dirigente e che ha portato il partito di Giorgia Meloni ad essere in Abruzzo una forza politicamente e numericamente determinante per la vittoria del centrodestra, UN VERO E GRANDE PARTITO organizzato”.


Accompagneranno i sei delegati di diritto (EtelSigismondi, Antonio Tavani, Franco Vanni, Marco Di Paolo, Marco Di Michele Marisi e Nicola D’Ambrosio) gli eletti: GianlucaBallerini, Mattia Di Giovanni, AntonioCagnola, Franco Cespa, Luigi Comini, LedaD'Alessio, StefanoDe Medio, GiuseppeDella Penna, CarmineDi Giovanni, PaoloDi Guglielmo, AngeloDi Nardo, Giuseppe Di Nardo, AngeloDi Pasquale, FrancescoGiordano, ArturoMacchiaroli, NicolaMascolo, Roberto Miscia, GabrieleNardone, FrancescoPrimavera, Guido Santulli, Vincenzo Suriani, Carla Zinni.

Pubblicato in Politica

Pescara. Il Gruppo consiliare Pescara in Testa ritiene inaccettabile che molte vie della nostra Città siano completamente senza luce da svariati giorni causando problemi sia in termini di sicurezza sia in termini di vivibilità.
Così si legge in una nota del gruppo: "Via Manzoni, via N. Fabrizi, via Teramo, via De Amicis, zona Pineta, zona Colli, zona Tiburtina sono alcune delle aree interessate da una mancanza di illuminazione inaccettabile, con l’aggravante dell’ora legale, per una Città che sta pensando alle luminarie di Natale invece di assicurare la pubblica illuminazione in tutta la Città.
Probabilmente l’Amministrazione comunale dimentica che garantire la pubblica illuminazione sulle strade cittadine è un obbligo di legge e non una scelta facoltativa, senza dimenticare che i pescaresi pagano per quel servizio, grazie ad una Giunta che ha dichiarato il predissesto, un aumento al massimo delle imposte comunali.
Non vorremmo dover assistere alle solite lacrime di coccodrillo semmai, in una di quelle strade incriminate, dovesse verificarsi un incidente favorito proprio dalla scarsa visibilità.
Il capogruppo Testa conclude come questo sia solo uno dei problemi causati da un’Amministrazione scadente che non solo non risolve i problemi ma anzi li aggrava ed è sempre l’Amministrazione che tutti ricordiamo che il Natale scorso ha tenuto accese le luminarie fino a metà febbraio".

Pubblicato in Politica

Roseto degli Abruzzi. Il sindaco di Roseto, Sabatino Di Girolamo, ha indirizzato una lettera formale al presidente della Provincia, Renzo Di Sabatino, in cui ha sottolineato lo stato di abbandono e di degrado in cui da troppo tempo si trova la Sp 19 che collega l’abitato di Roseto capoluogo con le importanti frazioni di Montepagano e di Cologna paese.

“La strada provinciale 19”, ha scritto il sindaco nella lettera, “è una importante arteria di collegamento del centro con tutto il suo agro, in particolare con il centro storico pregevole di Montepagano e con Cologna paese, cuore della Riserva del Borsacchio”.

La Sp 19, da molti anni, non ha ricevuto significativi interventi di manutenzione.

“Ho sensibilizzato su questo tema”, riprende il primo cittadino, “anche il consigliere provinciale Mario Nugnes, che siede nell’assemblea civica della città. Dopo gli interventi concordati per la provinciale 22, attesi anche perché pure questa via di comunicazione penetra nel cuore della Riserva del Borsacchio, abbiamo la necessità di stabilire tempi e modi dei lavori per migliorare la situazione del collegamento Roseto-Montepagano-Cologna. Ho sottolineato, nella lettera al presidente Di Sabatino, che la Sp19 è priva da mesi di decespugliamento, e la carreggiata è invasa da canne e da vegetazione di ogni tipo; mancano i guard rail che sono tutti divelti; manca la segnaletica verticale e orizzontale; manca la manutenzione del manto stradale. La situazione è aggravata dal fatto che l’arteria presenta diverse curve a gomito, dove a ogni pioggia, si ripetono incidenti stradali di assoluta gravità”.

Il sindaco ha appreso dal consigliere Nugnes che la Provincia ha già previsto piccoli interventi nella parte terminale, dal bivio di Voltarrosto all’abitato di Roseto, ma, pur ringraziando la Provincia per tale intervento, Di Girolamo ha sottolineato l’assoluta necessità di intervenire su tutta l’estensione dell’arteria in modo significativo, per evitare una situazione di grave pericolo. Nell’imminenza, comunque, ha chiesto un decespugliamento urgente perché la visibilità è preclusa, anche in corrispondenza delle curve.

Pubblicato in Politica

Treglio. Abruzzo al rilascio dell'Autorizzazione unica ambientale (Aua) richiesta dai Sansifici per proseguire l'attività per altri 15 anni. La Regione, per legge, è l'autorità competente al rilascio dell'Aua. No per ragioni igienico-sanitarie e urbanistiche. La Conferenza dei servizi per discutere della questione si è svolta a Pescara lo scorso 30 gennaio. Al tavolo presenti i Comuni di Treglio, territorio dove il sansificio è ubicato, e di Rocca San Giovanni; Sasi Spa per gli scarichi; l'Arta Abruzzo, l'Asl Lanciano Vasto Chieti; il Servizio di Gestione e qualità delle acque della Regione e il movimento Nuovo Senso civico, quale portatore d'interesse. Il Comune di Treglio aveva dato parere negativo per il problema delle emissioni in aria, per questioni igienico –sanitarie e di rispetto ambientale, per tutelare la salute pubblica dato che nella zona vivono decine di migliaia di cittadini. Anche dalla Asl era giunto il parere “non favorevole, considerato che non si conosce la qualità dell'aria della zona e che il sansificio può arrecare pericolo alla salute pubblica, dato che è classificata come industria insalubre di primo grado”. “Ci siamo presentati all'incontro – ricorda il sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella – ribadendo il nostro no all'autorizzazione, tra le altre cose perché la società ha presentato un piano industriale identico a quello del 2011, quando scattò l'inchiesta della Procura di Lanciano con il sequestro dell'impianto produttivo e furono rilevate irregolarità e incongruenze nella struttura, che, così com'è adesso, è limitata e non è capace, a livello di emissioni, di rispettare i limiti imposti dalla legge, ad esempio per quanto concerne il monossido di carbonio ed altre sostanze inquinanti volatili”. Sulla questione nel luglio 2017 c'è stata una sentenza di condanna per l'amministratore unico della società Sansifici Srl a 6 mesi di arresto, convertiti il 40 mila euro di pena pecuniaria.
Il Comune di Treglio, nella Conferenza dei servizi, aveva anche chiesto che il procedimento autorizzativo venisse assoggettato a Vinca (Valutazione di incidenza ambientale) dato che il sansificio Vecere si trova a ridosso di un Sito di interesse comunitario (Sic), il “Fosso delle farfalle”, e che quindi nella programmazione territoriale si deve tenere conto della valenza naturalistico-ambientale dei luoghi e che lo studio di impatto ambientale dovrà contenere anche gli elementi sulla compatibilità fra progetto e finalità conservative del sito.
L'autorizzazione di Vecere era scaduta il 21 dicembre 2016 e aveva ottnuto una proroga di 90 giorni all'esercizio, terminato a fine marzo 2017. “La società – evidenzia Berghella –avrebbe dovuto presentare un progetto in cui venissero individuate e adottate le migliori tecnologie disponibili o Best available techniques (Bat), ovvero le tecniche impiantistiche, di controllo e di gestione che - tra quelle tecnicamente realizzabili ed economicamente sostenibili - garantissero bassi livelli di emissione di inquinanti, l'ottimizzazione dei consumi di materie prime, prodotti, acqua ed energia e un’adeguata prevenzione degli incidenti”. Invece il progetto presentato non ha soddisfatto i criteri richiesti e di qui la bocciatura. “Quest'anno – sottolinea ancora Berghella – l'azienda non avrebbe dovuto riaprire i cancelli, essendo senza autorizzazione”. Invece l'ha fatto. “E la ricomparsa del fumo dal camino non ha soltanto buttato nello sconcerto la cittadinanza ma rischia di minare il rapporto di fiducia che la stessa dovrebbe avere con le istituzioni. I cittadini sono tornati a lamentarsi, in questa circostanza, per l'odore acre ed il fumo. Inoltre l'azienda ha creato confusione e false aspettative negli imprenditori agricoli, dato che adesso, dopo il provvedimento regionale, ha dovuto spegnere il camino e smettere di ricevere sansa da destinare alla lavorazione. “La mia preoccupazione – fa presente ancora il sindaco – è di trovare ora una soluzione affinché non vengano penalizzati gli imprenditori agricoli e i frantoiani. Per questo motivo sono in contatto con l'assessore alle Politiche agricole, Dino Pepe, e il vice presidente della Regione, Giovanni Lolli, con delega alle Attività produttive. L'irresponsabilità dell'azienda, infatti, generato il caos. L'impianto di cui parliamo è classificato come insalubre di prima classe e secondo l'autorizzazione del 2011 si sarebbe dovuta delocalizzare, in accordo con l'azienda, che però non ha mai voluto sentire ragioni”.
“Si tratta – conclude Berghella – di una vicenda che interessa tutto il territorio e non solo il Comune di Treglio e per questo sabato scorso c'è stata una riunione con i sindaci dei centri limitrofi, che condividono appieno la linea dell'amministrazione comunale di Treglio, sia nella necessità di trovare una immediata soluzione al problema che si è creato per i frantoiani, sia nell'avviare un inderogabile progetto di delocalizzazione. I sindaci inoltre chiedono un impegno immediato e un incontro in Regione per una soluzione condivisa ed efficace”.

Pubblicato in Politica

Roma. “Il Rapporto Svimez 2017, presentato oggi alla Camera Dei Deputati, è una bocciatura severa e senza sconti del Governo D’Alfonso” lo ha dichiarato in una nota l’On. Fabrizio Di Stefano a seguito della presentazione del Rapporto Svimez 2017 alla Camera Dei Deputati.
“L’Abruzzo è l’unica Regione del Mezzogiorno ad avere un dato di crescita del PIL con il meno davanti” ha continuato l’On. Di Stefano, “Non solo quindi perdiamo punti importanti rispetto allo scorso anno, ma addirittura arriviamo ad essere in decremento, a dispetto dei parametri di tutte le altre Regioni del Sud che invece sono in crescita.
Possiamo interpretare tutti gli altri numeri come vogliamo ma una cosa è certa: a fronte di una promessa sbandierata agli abruzzesi quattro anni fa in campagna elettorale, quella per cui i parametri dell’Abruzzo avrebbero agganciato quelli delle virtuose Regioni del Nord Italia, stiamo invece retrocedendo verso i parametri del Centro Sud e questo, assolutamente, non depone bene per la nostra economia.
D’altronde non potrebbe essere altrimenti; basti pensare, ad esempio, ad uno dei settori più importanti del nostro tessuto economico, l’agricoltura, che vede un ritardo allucinante sull’emanazione dei bandi per l’erogazione dei fondi Europei o a un altro settore fondamentale come la sanità che, purtroppo, vede il debito che sta riprendendo ad aumentare, come non era mai stato nel precedente quinquennio a guida centrodestra.
In conclusione, il rapporto Svimez, senza mezzi termini, boccia le politiche di sviluppo di questo Governo Regionale.” ha concluso l’On. Fabrizio Di Stefano.

Pubblicato in Politica

Chieti. “La Regione intervenga tempestivamente per riaprire e riattivare il sansificio ‘Vecere’ prima che venga danneggiata in maniera irreparabile la stagione 2017 della raccolta delle olive. Questo esecutivo regionale si assumerà la responsabilità di aver distrutto il nostro olio extra vergine d’oliva per incapacità di trovare una soluzione al problema inerente lo stabilimento sito in Treglio”. Questa la richiesta e la denuncia avanzata dal Consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo che afferma quanto segue: “Siamo in piena campagna olearia ed è inconcepibile come l’unico sansificio regionale venga improvvisamente chiuso  mettendo in ginocchio e in difficoltà sia i frantoi sia le aziende agricole che proprio in queste settimane sono in piena attività con la raccolta delle olive. Sono più di 400 frantoi per conto della 60.000 aziende agricole  che conferiscono sanse allo stabilimento di Treglio per un quantitativo di sansa pari a 40 mila tonnellate che generano un fatturato di oltre 10 milioni di euro. Dietro i 400 frantoi ci sono le 60.000 piccole, medie e grandi aziende agricole, che da oggi si trovano in seria difficoltà nel momento in cui gli stessi frantoi saranno costretti a chiudere i cancelli perché impossibilitati a smaltire il loro sottoprodotto. Una pasticcio enorme causato dall’inefficienza e dalla leggerezza di assumere decisioni concrete e risolutive da parte della Regione Abruzzo. L’attività del sansificio – spiega Febbo - rappresenta nella filiera olivicola una fase fondamentale senza la quale sarebbe impossibile la produzione dell’olio extra vergine di oliva. Da cinquant’anni  lo stabilimento Vecere è un punto di riferimento dei frantoi sia della regione  Abruzzo e sia delle vicine regioni Marche e Molise. Oltre al danno arriva anche la beffa. Tutto questo avvantaggiarà i nostri competitor stranieri  che riescono a trarre profitto sull’intera filiera dell’olio e uscire con il prodotto finito a prezzi molto più bassi. Infatti la chiusura del sansificio causerà la perdita di competitività al settore olivicolo abruzzese aggravando i nostri produttori di olio di ulteriori costi di trasformazione visto che fino a ieri ricavano utile dalla vendita della sansa , ma da domani saranno costretti a smaltire, non si sa in quale maniera , questo ‘rifiuto’ con un aggravio di costi. Basti vedere come esempio il recente ritrovamento di scarti buttati nella riserva di punta penna a Vasto. Pertanto – conclude Febbo – auspico che la Regione Abruzzo intervenga immediatamente al fine di trovare una soluzione risolutiva e immediata, visto che il mondo agricolo e gli agricoltori proprio in questi giorni sono impegnati nella raccolte delle olive per la stagione 2017, prima che venga compromessa in maniera irreparabile un settore importante e prezioso come la filiera olivicola”.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 5

Sponsor

Metropolitan Web

Metropolitan è un giornale online abruzzese.

Notizie Recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione